Oraquadra quotidiano,notizie,news Grottaglie,Taranto - Items filtered by date: Mercoledì, 07 Febbraio 2018

L'appuntamento della settimana nella libreria Mondadori di Taranto (Via de Cesare, 35), giovedì 8 Febbraio ore 19

AUTORE: Giovanni Macrì
TITOLO:   Il sigillo di Galilei
MODERA: Leo Spalluto, giornalista

Il libro...
Tutto ciò che conosciamo è in procinto di finire e gli uomini, troppo impegnati a combattersi fra di loro, non si accorgono che stanno sempre più avvelenando e distruggendo il pianeta terra. L'estinzione di massa è vicina. L'unico a rendersi conto di ciò che sta accadendo è il giovane "archeologo e investigatore del pensiero" Lorenzo Svevia, il quale, collaborando con l'insegnante di matematica Paola Volterra, viaggerà nel passato con la speranza che uomini del calibro di Galileo Galilei possano aiutarlo a dare vita alla filomatica, una materia da Lorenzo concepita e che potrebbe rivelarsi l'unica possibilità di salvezza per gli uomini e per tutti gli altri esseri viventi.

Published in Cultura

Il Carnevale tra maschera e sfilate, per terra e per mare, al borgo e nei vicoli. Domenica 11 febbraio, l’ultima di Carnevale, l’associazione il Palio ha organizzato, il “Carnevale..in barca” il corteo acqueo mascherato.

Punto di incontro è il circolo nautico del Palio di Taranto, nella rada di Mar Grande alle ore 10. La partecipazione e’ gratuita e gradita in maschera di qualsiasi tipo e costume. E’ consentito l’addobbo dell’’imbarcazione e sarà premiato l’equipaggio più originale e la marineria con il numero più folto di partecipanti. E’ richiesto l’accreditamento alla segreteria del Palio di Taranto e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. La proposta dell’evento è stata apprezzata dall’Amministrazione comunale che ha deciso di sostenerla e patrocinarla. “E’ un’idea molto originale ed unica- spiega l’assessore allo Sviluppo Economico, Valentina Tilgher- di vivere il Carnevale a bordo di una imbarcazione. La barca a remi non è solo un distintivo o uno sport ma è lo strumento per riallacciare il nostro antico legame con il mare anche nei momenti di goliardia”.
Come si festeggiavano il Carnevale nella Città Vecchia circa due secoli fa? Ce lo dice l’associazione Tarantidion che ha organizzato per martedì 13 febbraio la quarta edizione de “U #carnevaledenavote” L’appuntamento è alle ore 17.30 in Piazza Duomo Città Vecchia, con ‘a muerte ‘u Tate”, la sfilata in maschera del martedì grasso con il processo e l’antico ed allegorico funerale del carnevale. Il corteo sfilerà accompagnati dalla musica popolare per via Duomo, vico Innocentini, via Pentite , via Cava, via De Tullio, la Marina, Via di Mezzo, pendio La Riccia e via Duomo, rivivendo l’allegoria con le maschere tipiche tarantine per ritornare in piazza Monteoliveto dove si brucerà ‘u Tate, il fantoccio tradizionale del carnevale tarantino che veniva realizzato con gli stracci ed esposto al balcone. L’evento è organizzato dall’Associazione Tarantinìdion con la collaborazione di: Istituto Superiore di Studi Musicali "G. Paisiello”; l'Associazione Maria d'Enghien, Sant’Andrea degli Armeni Domus Armenorum, Tarantovecchia.org., Assemblea Aperta "Città Vecchia per l'Ambiente", Pro Loco Taranto, Associazione Vito Forleo, Associazione Varca d’Ore. “Abbiamo aderito a questa iniziativa- spiega Tilgher- perché ne abbiamo condiviso l’anima e la motivazione. Il Carnevale, dunque, diventa anche l’occasione e lo strumento per recuperare le usanze e le tradizioni che ruotano intorno al periodo più giocoso e festoso dell’anno e ritrovare anche qui le nostre radici identitarie.”

Published in Spettacolo

Ideato dal Consorzio di Tutela e ammesso per il finanziamento OCM Vino ‘Promozione sui mercati dei Paesi Terzi’ è stato presentato oggi mercoledì 7 febbraio in conferenza stampa

Attività di incoming sul territorio e la partecipazione ad eventi fieristici esteri. Il Consorzio riceve anche l’Erga Omnes per Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg

Le etichette di Primitivo di Manduria per far innamorare i palati cinesi e americani. Questa è la sfida del progetto Primitivo Taste Experience - Il Primitivo di Manduria nei calici cinesi e americani ideato dal Consorzio di Tutela e ammesso per il finanziamento OCM Vino ‘Promozione sui mercati dei Paesi Terzi’.
Il programma è stato presentato oggi mercoledì 7 febbraio presso la Camera di Commercio di Taranto da Roberto Erario e Adriano Pasculli de Angelis, presidente e direttore del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria, Luigi Sportelli, presidente Camera di Commercio di Taranto e da Michelangelo De Palma, amministratore unico Agriplan Srl, la società che ha curato l’aspetto tecnico del progetto.
Obiettivo del Consorzio è quello di promuovere il Primitivo di Manduria al di fuori dell’Europa attraverso due tipi di azioni: attività di incoming sul territorio con buyer stranieri e la partecipazione ad eventi fieristici esteri. Due le nazioni prescelte: Cina e Stati Uniti, un giusto equilibrio tra Paesi maturi e Paesi emergenti.
Il progetto si articola in due fasi principali. La prima prevede l’ospitalità durante la vendemmia (settembre 2018) di 15 buyer cinesi e 15 buyer americani nel territorio di Manduria. Gli ospiti saranno impegnati in incontri con le aziende, seminari e masterclass. L’incoming permetterà quindi ai buyer di conoscere la meravigliosa produzione enologica della Doc che negli ultimi anni ha puntato sempre di più su qualità, innovazione e tradizione.

La seconda azione prevede la partecipazione ad eventi fieristici quali Hong Kong International Wine & Spirits Fair (dal 9 all’11 novembre 2018, Cina) e Denver International Wine Festival (dal 31 ottobre al 2 novembre 2018 America).
L’incontro diretto con gli importatori stranieri rappresenta quindi un’occasione unica per le aziende, per chi vuole affacciarsi sul mercato internazionale o rafforzare la propria presenza.
“Prenda sempre più forma il nostro lavoro finalizzato ad offrire ai produttori una proposta promozionale di maggiore efficacia. – dichiara Adriano Pasculli de Angelis, direttore del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria - Sarà un progetto comunque aperto e modificabile in base alle richieste di tutte le cantine. Come Consorzio di Tutela abbiamo il dovere di aiutare soprattutto le piccole e medie imprese che difficilmente da sole non riuscirebbero a penetrare in mercati così importanti. La nostra denominazione è già un marchio e le varie attività previste nel progetto sono particolarmente significative per accrescere il valore del Primitivo di Manduria e la conoscenza del nostro territorio”.
“Abbiamo ottenuto da poco dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali anche l’Erga Omnes per il nostro Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg. – afferma Roberto Erario, presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria - Prosegue quindi il ruolo di tutela vigilanza su tutta la nostra filiera. Un passo in avanti importante fatto dal nostro Consorzio di Tutela che porterà la nostra Docg insieme alla nostra Doc a qualificarsi sempre più come l’eccellenza enologica pugliese”.

Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria

Il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria è nato nel 1998 con una partenza di dieci aziende tra cooperative e private e ha ottenuto il riconoscimento legislativo nel 2002. L’aerale riguarda 18 comuni tra Taranto e Brindisi e la sua produzione è suddivisa in Primitivo di Manduria Dop, Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg e Primitivo di Manduria Dop Riserva.
Negli anni, i produttori del Consorzio hanno fatto conoscere questo pregiato nettare in tutto il mondo, vinificando con l’uso delle più avanzate tecnologie e permettendo agli amanti dei grandi vini di apprezzare la nobiltà di questo grande “Rosso Mediterraneo”.
L’export rappresenta il 60-70% della produzione vendibile. Il volume d’affari si aggira intorno agli 80milioni di euro, con un consumo interno di circa 30milioni euro ed estero di circa 50milioni euro.
Il Consorzio ha ottenuto dal Ministro delle Politiche Agricole e Forestali l’attribuzione in via esclusiva dell’incarico di coordinare le funzioni di tutela, promozione, valorizzazione, vigilanza, informazione del consumatore e cura generale degli interessi: ecco il riconoscimento “Erga Omnes” per il Primitivo di Manduria Doc e per il Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg. Attraverso questo strumento, tre agenti vigilatori, in qualità di pubblici ufficiali e in collaborazione con l’Istituto Centrale Qualità Repressione e Frodi, potranno effettuare controlli anche sui vini già posti a scaffale, per tutelare il consumatore e i produttori da irregolarità o anomalie relative al prodotto che non rispetta i dettami del Disciplinare di produzione.
Il Consorzio di Tutela, oltre al ruolo di supportare le aziende per penetrare nei mercati esteri, partecipa ai grandi eventi. Obiettivo fondamentale è la partecipazione a fiere internazionali per rafforzare la sua presenza all’estero. Altra attività è l’assistenza ai soci sulle normative che regolano la produzione del vino e mira, agli obiettivi di valorizzazione dell’immagine dell’ente sia sul territorio sia a livello internazionale, potenzia i valori fatti di dinamismo e attività in continua evoluzione diventando punto di riferimento per i produttori e per le Istituzioni.
Oggi il Consorzio di Tutela è composto da 39 aziende che vinificano ed imbottigliano e da oltre 900 soci viticoltori. Sono circa 3.140 ettari i vigneti che costituiscono la denominazione del Primitivo di Manduria e 18 i comuni tra Taranto e Brindisi che producono Primitivo di Manduria.

www.consorziotutelaprimitivo.com

 

Published in Cultura

Nell’ambito del programma delle iniziative culturali del 2018 l’associazione FORUM ha voluto affrontare la tematica del rilancio industriale di Taranto e della sua provincia che avrà luogo nell'Auditorium Liceo Scientifico De Ruggieri di Massafra il 9 febbraio ore 17:00

Capitale industriale dagli anni ‘60 con lo stabilimento siderurgico più grande d’Europa e una rete di piccole imprese direttamente o indirettamente collegate all’indotto dell’acciaio, oggi Taranto si trova ad un bivio: farsi annoverare nella schiera dei fallimenti della politica economica-industriale del dopoguerra italiano, vittima illustre dalla crisi economica mondiale e delle sue contraddizioni ambientali, oppure candidarsi a diventare l’architrave del rilancio industriale del nostro Paese.

Questo interrogativo è al centro dell’agenda politica di ministri, governatori regionali, rappresentanti istituzionali locali, sindacati e associazioni di cittadini, in una discussione che appare assumere toni sempre più drammatici.
Pur tuttavia, appare chiaro a tutti che il rilancio dell’industria tarantina rappresenti l’unica via percorribile per il salvataggio dell’economia jonica; si segnala, inoltre, che la riconversione produttiva attraverso il porto commerciale e il turismo sono fallite o che, comunque, hanno mostrato la loro marginalità e incapacità di sopperire alla ricollocazione occupazionale di migliaia di lavoratori.
Vi è da aggiungere che in questi anni diversi nuovi e intraprendenti imprenditori hanno realizzato progetti aziendali indipendenti rispetto al polo siderurgico che racchiudono in se il germe sano della futura diversificazione industriale.
Auspichiamo, pertanto, un sereno confronto sul progetto della Taranto industriale del terzo millennio, strategicamente collocata nel centro del Mediterraneo, aperta alle opportunità del nuovo mercato africano ed al tempo stesso inserita a pieno titolo nel quadro dei poli industriali Europei.
Per parlare di questo argomento abbiamo voluto coinvolgere i massimi rappresentanti del sindacato nazionale e i rappresentanti delle istituzionali locali ai quali trasmettiamo la nostra preoccupazione per la tensione che sta accompagnando la nuova vertenza Taranto e chiediamo uno sforzo verso un alto compromesso capace di contemperare la qualità della vita dei cittadini e dei lavoratori ed rilancio strategico della nostra provincia.
Nel rinnovare l’invito agli organi di informazione di partecipazione all’evento auspichiamo che i corrispondenti possano giungere con mezz’ora di anticipo rispetto all’ora di inizio per le eventuali interviste ai relatori.

Published in Sociale&Associazioni

Edilizia scolastica, 1,058 mld per antisismica. Oltre 3 milioni di euro per Grottaglie: il comune più finanziato della Regione Puglia. Pubblicato l’elenco dei comuni beneficiari, possibili in tutta Italia oltre 1.700 interventi

È stato pubblicato sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca l’elenco dei Comuni beneficiari delle risorse destinate prevalentemente all’adeguamento alla normativa antisismica delle scuole, stanziate dalla Legge di bilancio per il 2017 (numero 232 del 2016). Si tratta di 1,058 miliardi di euro che consentono di partire da subito con 1.739 interventi. L’accordo sui Comuni beneficiari è stato raggiunto lo scorso 22 novembre, in Conferenza Unificata, sulla base delle programmazioni regionali. A dicembre la Ministra Fedeli ha firmato il relativo decreto che, ora, completato l’iter, è disponibile sul sito del Ministero insieme all’elenco dei Comuni beneficiari.

Le risorse assegnate serviranno prioritariamente per interventi di adeguamento sismico, o di nuova costruzione per sostituzione degli edifici esistenti (nel caso in cui l’adeguamento sismico non sia conveniente); interventi finalizzati all’ottenimento del certificato di agibilità delle strutture; interventi di messa in sicurezza resisi necessari a seguito delle indagini diagnostiche sui solai e sui controsoffitti; interventi per l’adeguamento dell’edificio scolastico alla normativa antincendio previa verifica statica e dinamica dell’edificio.

In Puglia sono 102 i comuni finanziati e Grottaglie risulta essere destinatario della maggiori risorse con un finanziamento di € 3.227.000,00 riservato alla scuola elementare “Don Bosco” per interventi strutturali e di adeguamento dell’edificio.

L’amministrazione D’Alò raggiunge il suo primo e grande risultato sulla programmazione degli interventi riguardanti l’edilizia scolastica. Un percorso che non si ferma a questo finanziamento poiché abbiamo già deliberato il progetto esecutivo della scuola elementare “Sant’Elia” da candidare al Bando PON “Per la scuola” 2014-2020. Inoltre, a marzo la Regione dovrebbe pubblicare gli avvisi afferenti al nuovo Piano Regionale Triennale di Edilizia Scolastica 2018 – 2020. A tal proposito giovedì 1 febbraio abbiamo partecipato all’incontro tenutosi a Lecce organizzato dall’assessorato regionale e la Task Force Edilizia Scolastica. Un primo incontro informativo nell’ottica di una costruzione partecipata e condivisa del nuovo Piano Triennale ma anche un primo confronto su quelli che saranno i principali criteri per la definizione del fabbisogno triennale per l’edilizia.

 

Published in Politica

A seguito dell’adeguamento delle tariffe relative al servizio di refezione scolastica è stato organizzato, dall’Amministrazione comunale, un incontro con i genitori affinché fossero meglio chiarite le motivazioni di tale scelta.

Nell’incontro svoltosi ieri, all’interno dell’aula consiliare, si è parlato non solo dell’adeguamento della rata ma anche della qualità del servizio.

La retta mensile, va ricordato, per una parte è coperta finanziariamente dalle casse comunali mentre la restante parte è a carico, secondo il principio della progressività in cui tutti sono tenuti a concorrere in ragione della propria capacità contributiva, delle famiglie che usufruiscono del servizio.

Le motivazioni dell’aumento del 10% a carico dei genitori, come già riportato nella delibera n° 30 del 23 gennaio 2018, riguardano principalmente il rincaro, dal 2013, dei prezzi dei beni al consumo e delle spese per il personale che, in generale, hanno prodotto inevitabilmente ad una maggiorazione del costo del servizio.

Inoltre, è ormai noto, che la società gestrice della discarica sita in località “La Torre Caprarica”, avendo ricevuto da questa amministrazione parere negativo a qualsiasi tipo di ampliamento richiesto, da due anni si rifiuta di pagare al Comune le royalties dovute. Ciò ha determinato una drastica riduzione di una delle maggiori entrate del bilancio comunale andando così a incidere su tutti i servizi a favore dei cittadini.

Determinate scelte, in modo particolare quelle che si ripercuotono sulle tasche dei contribuenti, non vengono mai prese a cuor leggero però è noto a tutti come questa amministrazione ha deciso, fin dal suo primo giorno di insediamento, di svincolare il bilancio comunale dalle royalties in funzione di una battaglia contro una discarica che da tempo insiste sul territorio e che con il “ricatto” economico ha tenuto sotto scacco per oltre un decennio, una comunità intera. È chiaro che l’amministrazione, avendo già intrapreso tutte le azioni legali per il recupero delle somme dovute alla città sarà ben disponibile, qualora fossero recuperate, a rimodulare le tariffe.

Durante l’incontro, inoltre, è emersa la necessità di intensificare i controlli rispetto alla qualità del servizio che è già di suo scrupolosamente e giornalmente controllata dal personale comunale addetto alla vigilanza della mensa oltre a essere sottoposta a controlli da parte del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’ASL. Raccogliendo la disponibilità di alcuni genitori ho preso l’impegno di regolamentare l’istituzione della commissione mensa dei genitori affinché possano avere la possibilità, anche loro, di verificare l’organizzazione e la qualità del servizio.

Ciro D’Alò – Sindaco Città di Grottaglie

Published in Cronaca

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: dr. Ciro Urselli

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra politica sulla privacy.

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk