*APERTAMENTE. Grottaglie e il mercato del giovedì, commercianti in maniera errante

Orazio ANTONAZZO Fratelli d’ITALA Grottaglie Circolo Beppe ALFANO 22 Feb 2019
256 times

* Gli APERTAMENTE di  questo giornale, regolarmente iscritto presso il Tribunale di Taranto, sono uno spazio di libera espressione e che nulla hanno a che vedere con la linea editoriale dello stesso giornale che opera in regime di pluralità e libero pensiero, senza alcuna coloritura partitica. Quindi chiunque sia in grado di scrivere cose sensate e di interesse pubblico può usufruire di questo spazio inviando una mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure a oraquadraQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ieri Giovedì 21 Feb. 2019 per la primissima volta il mercato ambulante settimanale si è presentato, all'utenza ed al QUARTIERE ospitante, in maniera differente, si può senza beneficio di inventario dire, in una maniera seria, SICURA, ordinata, fruibile e sistemata.


Modello indiscutibile, ed anzi encomiabile, onore al merito a chi ha voluto dare un taglio di civiltà e di ordine al nostro rione, che fino all'altro Giovedì dava l'impressione di essere un vero e proprio suk di infima categoria, la Città era diventata una vera e propria gasba.
Bene Sindaco, molto bene complimenti e avanti così.
Sindaco mi rivolgo a lei in quanto tale, in merito al mercato settimanale ho alcune domande da farle.

Signor Sindaco, potrebbe spiegare quali mezzi intende usare per contrastare gli eventuali abusi portati alle regole, all'ordine e alla sicurezza sviluppati nel rimodulare il mercato?

Una volta posti in essere gli eventuali metodi repressivi, quali azioni si porteranno nella obbligatorietà coercitiva del pagare le sanzioni elevate?

A suo parere signor sindaco una volta metabolizzata, da parte degli ambulanti, la reale volontà da parte delle istituzioni di eliminare il malvezzo dell'abusivismo, chi effettivamente si adeguerà a tale giustissima decisione?

Signor sindaco non crede che chi non ha nulla da perdere continuerà a far riempire modulistica cartacea di contravvenzione, agli agenti preposti alla sorveglianza delle regole sul territorio?

Sindaco, non crede che si continuerà ad usare inutilmente risorse burocratiche da parte degli impiegati nel settore delle riscossioni quando il sanzionato è persona senza fissa dimora, senza domicilio e inattaccabile sotto l'aspetto patrimoniale?

E secondo Lei signor Sindaco chi se ne infischierà altamente dei verbali di contestazione di abuso in flagranza?

In pratica signor Sindaco io credo che chi veramente paga sulla propria pelle, l'aver ordinato il mercato settimanale sono solo quegli ambulanti che hanno tra le proprie corde il rispetto delle regole imposte solo perché hanno da perdere, deve convenire signor sindaco che in Italia da perdere hanno solo gli italiani, visto che hanno documenti in regola per essere tali, e sono sempre rintracciabili avendo dimora, cittadinanza, residenza e domicilio sia civile che fiscale, quindi individuabili da eventuali organi preposti alla riscossione ed al recupero crediti.
Signor Sindaco, già da ieri, durante la naturale e comprensibile assenza delle forze di polizia, una miriade di furbi senza nulla da perdere e senza nessuna rintracciabilità aggredibile a norma di legge, hanno occupato con bancarelle di fortuna, gli spazi preposti alle vie di fuga e di fruizione del mercato, cosa ormai non strana ma consueta.
Signor Sindaco se prima di mettere in pratica la bellissima idea di regolare e dare sicurezza al mercato non si studiano azioni concrete ed efficaci di disciplina, si rischia di creare le opportunità ed i presupposti a mancare e a contravvenire le regole ad alcuni e a penalizzare altri, invece di ordinare ci rendiamo quasi associati e istigatori all'indisciplina, in questo caso specifico occupando illegalmente spazio creato come sacche di territorio destinato allo scorrimento del pubblico ed alla sicurezza di transito di mezzi di soccorso e fuga da eventuali calamita o incidenti.  

 

Rate this item
(0 votes)

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk