Apertamente. Così svendettero l'Italia! di Ettore Mirelli

Ettore Mirelli 16 Mar 2019
189 times

Qualche mese fa ad un convegno in cui era ospite il filosofo Diego Fusaro, una signora del pubblico gli chiese quale fosse il ruolo dell'intellettuale nella società moderna, e Fusaro, non senza un certo imbarazzo, confessò che nel migliore dei casi, ossia in presenza di una certa dose di onestà, l'intellettuale moderno altro non può fare se non certificare la situazione attuale.

Ed allora, condividendo il desolante punto di vista di Fusaro cerchiamo di certificare il presente alla luce delle sue premesse rinvenibili nella storia recente del nostro Paese. A mio avviso l'inizio della fine è rintracciabile nell'anno 1981, quando senza nessun motivo economicamente spiegabile, l'allora Ministro del Tesoro Beniamino Andreatta portò a compimento una riforma scellerata di concerto con l'allora Governatore della Banca di Italia Carlo Azeglio Ciampi, in virtù della quale, la Banca di Italia fu svincolata dal Ministero del Tesoro. Fino a quel momento quando lo Stato aveva bisogno di liquidità emetteva per il tramite del Ministero del Tesoro titoli di stato in quantità necessaria per coprire il bisogno di valuta e questi titoli venivano acquistati dalla Banca di Italia a tassi di interesse irrisori, proprio perchè sarebbe stato impensabile e illogico che questa speculasse sul bilancio dello Stato aumentandone il debito pubblico che tassi di interesse elevati avrebbero comportato e tutto andava a gonfie vele.

Dopo la riforma di cui sopra, i titoli di stato emessi dal Ministero del Tesoro furono invece collocati sul mercato privato, con la conseguenza che per renderli appetibili agli investitori privati furono concessi tassi di interesse molto elevati e molto onerosi per lo Stato. Questa genialata comportò la ulteriore e gravissima conseguenza che tutti i grandi gruppi industriali del nostro paese ritennero dall'oggi al domani molto più conveniente investire in titoli di stato piuttosto che nella produzione industriale e quindi si determinò l'effetto che per la prima volta nella storia della nostra economia, la maggior parte delle risorse economiche private furono sottratte alla economia reale per essere dirottate sulla economia finanziaria in funzione speculativa.

Tra i grandi gruppi industriali responsabili di questa nuova politica di investimento ricordiamo tra gli altri il gruppo FIAT, che di certo non si è mai fatto problemi a nazionalizzare le perdite, speculandoci doppiamente sulle spalle dei contribuenti mediante questo nuovo ciclo economico. Alcuni economisti hanno ricostruito queste vicende affermando che i nostri politici avevano ceduto a pressioni internazionali di fonte tedesca finalizzate ad indebolire l'Italia che in ambito economico internazionale era un pericolossisimo competitor della Germania, ma siccome noi siamo persone in buona fede non crediamo a queste ricostruzioni, perchè se dovessimo farlo saremmo costretti a dover parlare di alto tradimento delle massime cariche dello Stato e non ne abbiamo voglia. Già gli omicidi eclatanti di Enrico Mattei e di Aldo Moro andavano nella direzione di un indebolimento della nostra nazione in ambito internazionale, in quel caso sembra che ci siano state pressioni inglesi volte a colpire i rapporti commerciali privilegiati che l'Italia aveva con la Libia e i paesi del medio oriente, ma siccome noi siamo sempre persone in buona fede non ci vogliamo credere a queste ricostruzioni. Poi nel 2001 arrivò l'euro che fu imposto senza nessun controllo sui tassi di cambio rispetto alle precedenti valute e fu applicato senza nessuno studio serio in merito alle conseguenze inflattive che avrebbe determinato sulla economia, e come sappiamo dall'oggi al domani il potere di acquisto degli italiani si dimezzò.

A rendere abbastanza ambigua la vicenda vi è da ricordare che fu creato un mercato unico europeo, con una moneta unica, ma non furono creati titoli di investimento comunitari, si parlava di eurobond che però nella pratica rimasero lettera morta con la conseguenza che la moneta è unica, ma ogni singolo Stato è esposto separatamente alla speculazione dei privati. Viene da chiedersi allora come si indirizzi la speculazione privata e allora ci si renderà conto che i grandi gruppi di investimento seguono due riferimenti principali: 1) i risultati delle agenzie di rating che spesso si sono rivelate, diciamo poco affidabili e poco imparziali; 2) la differenza del tasso di rendimento tra i titoli di stato tedeschi e i titoli di stato degli altri Paesi. La conseguenza è che una analisi poco accorta da parte di una agenzia di rating, nonché una politica economica tedesca volta ad abbassare, anche artificiosamente, i rendimenti dei propri titoli di Stato, crea una azione congiunta che potremmo definire un fuoco incrociato nei confronti dei Paesi ad economia più debole che la Germania decida di prendere di mira di volta in volta. É giusto il caso di ricordare il colpo di stato economico che il nostro Paese subì durante la presidenza Berlusconi, uomo politico questo che mi è tutt'altro che simpatico ma a cui devo dare atto di essere stato costretto alle dimissioni da dinamiche economiche internazionali che nulla avevano a che fare con la nostra sovranità nazionale e il nostro sacrosanto diritto di scegliere liberamente il nostro governo nazionale.

La situazione nel 2011 si fece molto critica per l'economia del nostro Paese e per trovare una soluzione a questa difficile vicenda, ci fu mandato un deus ex machina nella persona del geniale Mario Monti, economista di fama internazionale, membro permanente del comitato organizzativo del Club Bilderberg, che dall'alto della sua scienza, invece di pompare liquidità nella economia reale, applicò una politica di severa austerity che diede il colpo finale alla nostra economia, il colpo dal quale non ci siamo più ripresi e dal quale non potremo mai più riprenderci se non cambiamo radicalmente le regole di funzionamento del sistema economico imposte dal diritto comunitario. Ecco pronti i requisiti per poter realizzare definitivamente le riforme del mercato del lavoro finalizzate al totale annientamento dei diritti del lavoratore e alla realizzazione della totale precarizzazione della vita sociale e individuale del Paese.

Tralascio di citare la regola di bilancio imposta dal diritto comunitario che prende il nome di Fiscal Compact che di fatto impedisce agli Stati di investire a sostegno della propria economia nazionale. Tralascio di citare la pratica del quantitative easing applicata dalla BCE e volta a concedere liquidità non agli Stati, non alla economia reale ma solo e soltanto alle banche senza nessun vincolo di utilizzo di questi fondi ottenuti a tassi di interesse praticamente nulli che le banche utilizzano per acquistare titoli di Stato a tassi di interesse stratosferici, aumentando il debito pubblico dei paesi a economia debole come l'Italia, oppure avventurandosi in speculazioni finanziarie i cui esiti negativi nel peggiore dei casi ricadranno sulle spalle dei contribuenti attraverso le manovre di salvataggio operate dagli Stati per il tramite di politici compiacenti giustificati dalla esigenza di intervenire a tutela della economia. Ma la speculazione non finisce qui perchè quando uno Stato entra in default si spalancano le porte alla speculazione privata anche sulla economia reale oltre che su quella finanziaria e sui titoli di stato, come tristemente dimostra il caso della Grecia, in cui le multinazionali tedesche hanno letteralmente fatto incetta di beni e servizi rilevando a prezzi ridicoli importanti settori economici come quello delle telecomunicazioni e dei trasporti.

Oggi quasi tutti gli aeroporti greci sono in mano tedesca e solo grazie alla indignazione popolare si è evitata la svendita di intere parti del territorio nazionale greco. Si ricorda sul punto la proposta oscena di un europarlamentare tedesco che aveva suggerito al governo greco di vendere a privati molte delle isole minori ricadenti nel proprio territorio. Credo che sia superfluo fare considerazioni finali. Chi scrive è stanco di usare termini come dittatura, truffa, prevaricazione, così come si è stancato di chiudere i propri scritti con la speranza di una rinascita del senso civico del popolo e del ritorno al principio di autodeterminazione, anzi ad essere sinceri, più analizzo la situazione, più mi rendo conto che i nuovi monarchi, i neoaristocratici oligarchi che attualmente dominano incontrastati nel mondo, sotto sotto hanno fatto bene a fare quello che hanno fatto, perchè storicamente il popolo non è mai stato in grado di governarsi da solo, costituendo anzi quella che gli induisti definiscono come “tamas” materia inerte di natura biologica e spirituale, e quindi non ci rimane da fare altro che tornare ad operare nel regno dello spirito e nelle dinamiche di una libertà interiore ancora possibile, dato che per via della età e della schiacciante inferiorità numerica, credo che anche la via della lotta armata sia ormai non perseguibile. Buona democrazia a tutti.

Rate this item
(0 votes)

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk