APERTAMENTE. Festa del 2 giugno. La Repubblica è un modello valoriale per gli Stati d'Europa.

Francesco Annicchiarico - Partito Repubblicano Italiano 03 Giu 2019
48 times

"Una nazione che si è sempre governata in forma repubblicana si sosterrà soltanto con le virtù, poiché, per giungere al più, bisogna sempre iniziare dal meno" (De Sade)

Un progresso sociale e culturale è quindi favorito da questa forma dello Stato, perchè il popolo dimostra la capacità di amministrarsi senza un vertice prestabilito.
Però un avvertimento, forse ancora valido, viene da De Sade: "La fierezza del repubblicano richiede una certa ferocia; se si rammollisce, se perde la propria energia, egli sarà subito soggiogato."
Forse, per questo motivo, i cittadini celebrano la simbologia e i costumi della Repubblica: per esaltare la gioia ad appartenere a questa forma di Governo; insomma per non 'rammollirsi'.
Dovremmo però riconoscere che l'Italia è uno Stato membro della Unione Europea, e quindi ha una sovranità, limitata dalle Istituzioni europee, come tutti gli altri Stati membri.
L'Europa non ha ancora una Costituzione pienamente condivisa o un Parlamento federale o confederato, democraticamente eletto, che possa arrogare a sè la funzione legislativa. Difatti il potere legislativo è svolto dalla Commissione europea (che emette le direttive che hanno forza di legge), espressione dei Governi nazionali e pertanto in contravvenzione con la divisione dei poteri dello Stato tra legislativo esecutivo e giudiziario.
È pertanto compito dei repubblicani riuscire ad armonizzare il processo di integrazione europea e ristabilire la piena democrazia con una Costituzione degna di tale nome e con degli Organi costituzionali che rispettino tutti i principi illuministi, anche la divisione dei poteri.
Questo sarebbe il migliore antidoto al fenomeno dell'euroscetticismo con la speranza di generare una nuova cultura che attribuisca all'Europa una spiritualità paragonabile a quella che percepiscono i cittadini americani.
Alcune citazioni potrebbero esserci d'aiuto: "Ciò che aveva l'aspetto della politica e si immaginava essere politica, si smaschererà un giorno come movimento religioso" (Søren Kierkegaard ).
Insomma un processo europeo, in cui gli Stati esprimono la loro volontà di stare insieme per non commettere gli errori del passato e sperando che non se ne commettano di nuovi.
Un'ultima citazione che spero possa incidere nell'immaginario, in questo processo:
"Solitari di oggi, voi che vivete separati, voi sarete un giorno un popolo. Quelli che si sono designati, essi stessi formeranno un giorno un popolo che nascerà l'esistenza che supera l'uomo" (Friedrich Nietzsche);
con la speranza che l'Europa generi un soggetto che dia pace e progresso stabile al proprio interno e al mondo.
L'assetto attuale è di parziale integrazione con alcuni processi in corso da anni, di discutibile base democratica, ma ricordando Paolo: "Quando verrà il compimento ciò che è imperfetto scomparirà" (1Corinzi 13,10)

Rate this item
(0 votes)

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk