APERTAMENTE. È necessario votare grottagliese, di Giuseppe Laino

Giuseppe Laino - già docente 04 Feb 2018
192 times

Per fortuna anche le cose più orride passano. Perché lo spettacolo offerto dalla classe politicante – chi più, chi meno – per la formazione delle liste, è stato squallido, indegno, ed ha dimostrato quale grado di arroganza e sfacciataggine abbiano raggiunto lor signori.

Quanto passato davanti ai nostri occhi, in un Paese serio avrebbe la conseguenza dell’allontanamento, del mandarli al diavolo con gravi conseguenze per la democrazia. Noi invece, così, gli faremmo il più grande dei favori, perché da noi non esiste un quorum di affluenza, al di sotto del quale tutti a casa. E no. Le norme se le sono scritte tutte a loro favore. Da sempre. Per cui, anche se andasse a votare il 10% degli elettori ed un partito prendesse, diciamo, il 25% dei voti, si vanterebbe di aver preso questa percentuale, passandola come se fosse del totale degli aventi diritto, quando invece, realmente, è la miseria del 25% del 10%. E’ già accaduto.
Comunque, lo spettacolo disgustoso visto porta a fare qualche riflessione.
Primo.
Anche a livello nazionale è l’assalto alla diligenza. In grande stile essendo più grosso il bottino. Costoro, è evidente, non se ne fregano niente di quello che sarebbe il loro compito: servizio, portare il popolo al benessere e ragionano in termini di tornaconto personale, di arraffamento di denari, privilegi e vitalizi.
Secondo.
Mentre a tutti noi, ed in modo particolare ai nostri giovani, hanno gridato a non finire che non esiste più il posto sicuro, distruggendo così ogni certezza, lor signori si sono scannati per avere il collegio sicuro e l’elezione certa.
Terzo.
Se fossimo un popolo serio a maggior ragione dovremmo mandare gli sporcaccioni con le gambe per aria.
Quarto.
L’esperienza dell’ospedale e della discarica ci dovrebbe far capire che se non abbiamo un eletto grottagliese che ci protegge, - sì, che ci protegge, - questa è l’amara realtà, saremo ancora carne da macello nelle mani di chi ci toglie i servizi e ci regala le discariche.
E’ questo il momento, ricattando col voto, di prendere per petto Emiliano e Tamburano, ad indicare i loro partiti, e farci restituire quello che ci hanno tolto: ospedale, uffici Enel, Gas, Aqp, per ricordarne alcuni, ed ottenere quello che vogliamo: no discarica.
Amministrazione, Capi partito, battete un colpo!
Quinto.
A tal fine il mio suggerimento: mettiamo giudizio e votiamo grottagliese.

Rate this item
(0 votes)

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: dr. Ciro Urselli

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk