La luce e le tenebre, nasce il centro "AMIDA"

Ci saranno anche il procuratore dei minori Pina Montanaro e l’assessore comunale ai Servizi sociali e all'integrazione, Gabriella Ficocelli, all’inaugurazione del Centro Socio Educativo per minori “AMIDA”, che aprirà per la prima volta le sue porte al numero 63 di via Speziale, il 17 dicembre prossimo alle ore 16:00.
Il nome del centro, gestito dalla cooperativa Lysithea, è già una storia: quella di Amida, il Buddha della luce che possiede infiniti meriti in virtù delle numerose buone azioni compiute durante le sue innumerevoli vite. Insomma la luce che vince sull’oscurità come quella che il centro intende diffondere attraverso una serie di percorsi per minori.
“AMIDA” è infatti un servizio ad alta intensità educativa che vuole proprio riportare alla luce minori tra i 6 e i 18 anni, italiani e stranieri, con difficoltà scolastiche e socioculturali, che siano residenti a Taranto.
Per ciascun minore verranno realizzati interventi specifici a seguito di un Piano Educativo Individualizzato elaborato dalla equipe psicopedagogica: saranno offerti servizi di cura e sostegno psicologico dei minori nonché nel supporto scolastico, nell’accompagnamento e nell’orientamento, nel percorso di crescita affinché sia sereno e armonioso. Un supporto al minore che prenderà vita anche attraverso attività sportive, musicali, ricreative e culturali: musicoterapia e danzaterapia, l’orticultura e l’apprendimento di uno strumento musicale.
La Danzaterapia e la Musicoterapia, in particolare, aiutano il minore ad abbattere qualsiasi barriera, consentendo loro di esprimere facilmente le mozioni: un metodo che aiuta a sviluppare un percorso di ricerca del “sé” corporeo fino a sciogliere sia i nodi del corpo che quelli emotivi.
Affondare le mani nella terra, per un bambino, è un’esperienza particolare attraverso il quale può confrontarsi con le emozioni, la cura e la meraviglia: l’Orticultura affonda le sue radici negli insegnamenti di Maria Montessori, secondo la quale far vivere l’esperienza dell’orto ha la valenza della metafora dello sviluppo e dell’arricchimento.
E ancora attraverso l’apprendimento di uno strumento musicale come la chitarra o le percussioni, attività significativa per un processo formativo completo, il personale del centro accompagnerà il bambino a prendere il controllo di sé e poi ad armonizzarsi con gli altri.
Attività, insomma, che aiutano i bambini e i ragazzi a creare legami sentendosi parte di una comunità, ma in grado anche di consolidare le loro abilità e le loro competenze.
A tutto questo si aggiunge anche un’attività di sostegno per la famiglia, caratterizzato dalla gestione dei rapporti familiari e della rete sociale di supporto: Amida, infatti, offrirà uno sportello di sostegno alla famiglia del minore che consiste in percorsi di “counseling” (relazione di aiuto professionale), individualizzati e di gruppo per restituire al minore uno stato di benessere in favore di tutto il nucleo del minore.

Rate this item
(0 votes)
Redazione

La Redazione di www.oraquadra.com

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk