La bambina per il grave trauma da precipitazione è affetta da un gravissimo trauma cranico con emorragia subaracnoidea diffusa, trauma massiccio facciale e trauma toraco-addominale maggiore per cui nella giornata di ieri è stata sottoposta ad intervento chirurgico urgente di splenectomia, sutura gastrica per lesioni da scoppio, controllo di emorragia epatica e posizionamento di drenaggio pleurico.
Attualmente, nonostante le cure del caso, la situazione clinica è estremamente critica e la piccola paziente versa in condizioni di coma profondo con gravissima instabilità emodinamica.
Il Direttore Generale, avv. Stefano Rossi, e l’intera Direzione Medica dell’Asl seguono costantemente l’evolversi della situazione clinica della piccola paziente.

 

Nella notte tra il 5 e il 6 marzo, presso il Reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale SS.Annunziata di Taranto diretto dal Dott. Michele Cacciapaglia, a seguito del decesso per emorragia cerebrale di L.S., un uomo di 59 anni di Taranto, si è proceduto ad un intervento di prelievo di organi, grazie alla generosità della moglie e della famiglia tutta, che hanno fornito il consenso.
Con il coordinamento del Dr. Pasquale Massimilla, le équipe chirurgiche hanno quindi prelevato il fegato, che è stato inviato a Napoli, e i reni, inviati a Bari.
Nonostante il momento di estrema difficoltà dovuto alla carenza di donazioni in Puglia, la regione in cui nel 2017 si è registrato il più alto tasso di opposizione ai prelievi di organi, a Taranto si continuano ad effettuare interventi di questo tipo: nel corso dell’anno 2018 fino ad ora in tutta la regione si sono realizzati quattro interventi di prelievo di organi, tre dei quali a Taranto.
Il Direttore Generale dell’Asl Taranto, Avv. Stefano Rossi, ha ringraziato la famiglia che ha fornito il consenso ed elogiato l’équipe che ha coordinato il prelievo: “Sottolineiamo la generosità, di cui c’è oggi tanto bisogno, che ha caratterizzato il gesto dei famigliari che, pur in un momento drammatico, hanno fornito il consenso al prelievo. Al contempo, va messa in evidenza la grande professionalità del personale medico del Reparto di Anestesia e Rianimazione del SS.Annunziata, che rende possibile questo genere di operazioni”.

Nella notte tra il 27 e il 28 febbraio, presso il Reparto di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale SS.Annunziata di Taranto diretto dal dott. Michele Cacciapaglia, si è svolto un intervento di prelievo di organi che ha interessato Rossella Bonfrate, una dottoressa di Grottaglie di 46 anni, deceduta per problemi cerebrali. Nonostante Rossella fosse da molti anni a conoscenza della sua condizione patologica – è stata sottoposta al primo di numerosi interventi intracranici già all'età di tredici anni – ha realizzato il desiderio di laurearsi in Medicina e Chirurgia per fornire un valido aiuto a persone che, al suo pari, si trovavano nella situazione di dover affrontare problematiche relative alla salute, un desiderio che Rossella ha perseguito con costanza.
I familiari, con un atto di generosità encomiabile, seguendo le volontà e in linea con la vocazione di Rossella ad aiutare fattivamente gli ammalati, hanno acconsentito al prelievo degli organi. Le équipe chirurgiche, con il coordinamento del dr. Pasquale Massimilla, hanno quindi prelevato il fegato, che è stato inviato a Bari, i reni, uno dei quali inviato a Bari e l'altro a Napoli, e i polmoni, inviati in Sicilia.
Numerosi sono stati gli interventi di questo tipo svoltisi nel 2017 presso il Reparto di Anestesia e Rianimazione del SS.Annunziata, e nel 2018 siamo già al secondo prelievo, rendendo il nosocomio tarantino uno dei primi ospedali in Puglia in cui si svolgono prelievi di organi, nonostante le difficoltà che, frequentemente, si registrano nell'ottenere il consenso al prelievo da parte dei familiari delle persone idonee. Il Centro Nazionale Trapianti (CNT), afferente al Ministero della Sanità, infatti, ha rilevato che nel 2017 in Puglia le opposizioni al prelievo hanno superato il 43%, un dato in crescita rispetto all'anno precedente (38%), in controtendenza rispetto a quanto accade a livello nazionale. Con circa 15 punti percentuali in più rispetto alla media nazionale, in Puglia il tasso di opposizione appare più elevato rispetto a quello di qualsiasi altra regione italiana. Ciò appare ancora più drammatico se si considera che, alla data del 27 febbraio 2018, secondo dati del Sistema Informativo Trapianti del CNT, in Italia risultano esserci oltre 9 mila pazienti iscritti nelle liste di attesa: un numero consistente, seppure in calo rispetto al passato. Sarebbe necessario, pertanto, da un lato, che un numero sempre maggiore di cittadini segua l'esempio dei parenti di Rossella e, dall'altro, incentivare l'attenzione, anche da parte degli attori dei processi decisionali, nei confronti delle procedure relative alla donazione di organi. Tali complesse procedure, infatti, dovrebbero ricevere maggiori investimenti, anche in ragione del fatto che i prelievi di organi e tessuti richiedono un'organizzazione trasversale molto complessa, di cui beneficia tutto l'ospedale. In altri termini, possiamo dire che dei prelievi di organi e tessuti risentono positivamente tutti i reparti del presidio in cui hanno luogo le procedure.
Proprio per definire misure più adeguate ad incentivare le donazioni, il prossimo 6 marzo si riuniranno a Bari gli stati generali della trapiantologia pugliese.
Commentando il dato poco lusinghiero della nostra regione, il Direttore Generale dell’Asl Taranto, avv. Stefano Rossi, ha sottolineato l'importanza di fornire il consenso per il prelievo di organi in una sua dichiarazione in cui, tra l'altro, ha espresso le condoglianze ai familiari della dottoressa e si è complimentato con l’équipe che ha coordinato il prelievo: “Ancora una volta dobbiamo elogiare la grande professionalità dell’équipe coordinata dal dott. Massimilla che, nonostante le difficoltà, svolge un'attività di assoluto rilevo etico. Voglio sottolineare il lodevole gesto di generosità dei famigliari di Rossella che, pur in un momento drammatico, fornendo il consenso al prelievo, stanno consentendo ad altre persone di continuare a vivere. Colgo l'occasione per esprimere il desiderio che siano sempre di più persone sensibili a questa tematica, che sappiano compiere questo straordinario gesto d'amore”.

Si registra nell’ultima settimana un oggettivo iperafflusso in particolare presso il Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero “SS. Annunziata” in quanto centro hub con una media di 200 accessi al dì con incremento del 15% rispetto alla media abituale e un aumento percentuale dei codici di media alta complessità (codici gialli e codici rossi).
In riferimento alle momentanee criticità registrate presso il Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero “SS. Annunziata” la tabella allegata fotografa la situazione.
Tale iperafflusso ha una fisiologica e naturale ricaduta, con conseguente sovraffollamento in alcuni reparti, e rispecchia la situazione regionale e nazionale in relazione al picco influenzale.
Come da protocollo, si è riunita la unità di crisi che ha visto coinvolti i direttore medici del Presidio Ospedaliero Centrale, del dipartimento Medicina di Accettazione ed Urgenza, della Struttura Complessa Medicina di Accettazione ed Urgenza e della Struttura Complessa di Medicina con coinvolgimento anche del 118, in modo da fronteggiare realisticamente la situazione e garantire la migliore offerta ai cittadini.

Dopo aver analizzato e valutato le situazioni in maniera obiettiva sono state avviate le conseguenti azioni per la soluzione.

Per i pazienti con patologie a bassa complessità, o che presentino patologie monospecialisitiche per le specialità presenti nei presidi sede di Punti di Primo Intervento Territoriale è previsto il ricovero, accompagnati da ambulanza del 118, presso gli stessi Punti di Primo Intervento Territoriale, dove potranno avere assistenza in tempi brevi e adeguata alla loro situazione clinica.

Altresì, l’integrazione dei letti di degenza presso la Geriatria/Pneumologia del Moscati (8 letti) e la possibilità di utilizzare posti letto dei reparti chirurgici, al fine di delocalizzare pazienti ricoverati in sovrannumero in Medicina.

È stata avviata tempestivamente un’azione di sensibilizzate alle strutture private accreditate affinché diano la disponibilità ad accettare ricoveri in urgenza.

Pur nella attuale difficolta si sta lavorando per migliorare i percorsi assistenziali affrontando le criticità grazie allo sforzo di tutti gli operatori.

Il 18 dicembre, alle ore 10.00, presso il Reparto di Pediatria dell’Ospedale SS.Annunziata di Taranto (sesto piano), saranno inaugurati i nuovi spazi dell’Oncoematologia Pediatrica,

alla presenza dell’Arcivescovo di Taranto, Mons. Filippo Santoro, del Presidente della Regione Puglia, Dott. Michele Emiliano, del Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e del Direttore Generale ASL Taranto, Avv. Stefano Rossi. I nuovi spazi sono stati realizzati grazie a numerose associazioni del territorio jonico, e in particolare all’Associazione “Arcobaleno nel Cuore” e all’Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici (UILM) di Taranto, che hanno offerto il contributo più consistente. Il progetto è stato reso possibile anche grazie all’impegno della “iena” Nadia Toffa, che ha fatto propria la campagna di vendita solidale delle magliette nere con la scritta fucsia «je jesche pacce pe te!!», iniziativa proposta e promossa dall’Associazione “Tutti gli amici del Mini Bar”.
I nuovi spazi comprendono tre stanze per la degenza, con un totale di cinque posti letto, ognuna dotata di strumentazione altamente tecnologica, televisione, frigorifero e bagno privato, e l’infermeria. Inoltre, è presente la stanza medici, un ambulatorio e una ludoteca con all’interno un angolo cottura completo di cucina con due fuochi a induzione e relativi pensili. I punti di forza dei nuovi ambienti sono, da un lato, la strumentazione tecnica di avanguardia, che permetterà ai piccoli pazienti di ricevere un’assistenza sanitaria degna dei migliori centri specialistici, e, dall’altro, l’allestimento degli ambienti “a misura di bambino”. Gli ambienti dedicati, infatti, sono di particolare bellezza e adeguati ad accogliere al meglio i pazienti, e a strappar loro un sorriso: due artisti, infatti, grazie al contributo dell’Associazione SIMBA, hanno dipinto le pareti delle stanze con soggetti marini, dando l’idea ai degenti di trovarsi in un sottomarino. L’opera si intitola “Ogni luogo racconta”, ed è stata realizzata da Pigment Workroom e Fractal Decor – Color Design.
Sicuramente una struttura di avanguardia anche dal punto di vista dell’umanizzazione delle strutture ospedaliere, una tematica sempre più avvertita come importante soprattutto in relazione a pazienti in età pediatrica.
L’inaugurazione sarà seguita dall’evento “ONcology Taranto Puglia. Rete Oncologica Pugliese, Registri Tumori e risultati di salute di Terra dei Fuochi”, che si terrà presso l’Auditorium “Tarentum” (Via Regina Elena 122, Taranto).
Il Direttore Generale ASL Taranto, Avv. Stefano Rossi, esprime soddisfazione per l’allestimento dei nuovi ambienti: “È da elogiare il lavoro svolto presso il Reparto di Pediatria del SS.Annunziata, che consentirà a ciascuno dei giovanissimi pazienti di ricevere assistenza specialistica in un ambiente accogliente, curato nei dettagli, che consenta di vivere l’esperienza dell’ospedalizzazione non come un trauma, ma come un momento da trascorrere serenamente e se possibile anche gioiosamente, nella piena fiducia nel personale che si occupa di lui con professionalità ed empatia”.

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk