Il pugno di ferro di Giorgia Meloni

Associazione Marco Pannella 03 Mag 2019
221 times

Dopo Salvini e il procuratore capo di Taranto che parlano di “pene esemplari”, è il momento di Giorgia Meloni che invoca il pugno di ferro. La tragedia di Manduria sta diventando uno scenario per La campagna elettorale, non curanti che si specula su un morto e su un forte disagio sociale. Il guaio però è che si trasformi tutto questo in un sentimento di vendetta o di giustizia sommaria o ancor peggio privata istigata per giunta da figure istituzionali che invece ben dovrebbero tenere presente e difendere le garanzie e la civiltà dello stato di diritto. Le pene previste dalla legge sono rieducative per costituzione, non c’è quindi bisogno di invocare trattamenti punitivi speciali o esemplari. Anche perché dopo il pugno di ferro cosa viene, la ghigliottina d’acciaio?

Rate this item
(0 votes)

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk