Bonelli (Verdi): Il progetto Tempa rossa procede a tappe forzate!

08 Mag 2019
249 times

Anche sul progetto Tempa rossa il governo giallo - nero si muove in perfetta continuità con i tanto odiati governi del Pd!

Il Ministero dell'Ambiente ha infatti autorizzato il prosieguo dei lavori con il parere prot. 2948 della Commissione VIA che considera adempiuta la prescrizione n° 1 del provvedimento di esclusione della VIA per la "Variante piano di gestione terre e rocce di scavo. Monitoraggi novembre 2017 - dicembre 2018".
Il documento fa riferimento ad un periodo lungo, a 13 mesi, duranti i quali sono stati effettuati monitoraggi on-shore e off-shore sulle diverse matrici ambientali ed alla relazione tecnica della ditta stessa prevista dal Piano di Monitoraggio Ambientale, PMA.
Con nostra grande sorpresa, la Commissione VIA pur prendendo atto degli sforamenti in materia di emissioni in atmosfera, della presenza di metalli pesanti nei sedimenti o addirittura di criticità dichiarate dalla stessa ditta proponente, considera ugualmente soddisfatta la prescrizione !
In particolare il monitoraggio dei sedimenti dei fondali evidenzia che "le condizioni ambientali in cui andrà ad operare il cantiere sono particolarmente critiche." e lo si attribuisce in forma ipotetica ai dragaggi effettuati, quindi rimanda il monitoraggio ante operam a quando saranno terminati i dragaggi.  
Per quanto riguarda la campagna sul biomonitoraggio, le analisi sui mitili rilevano "significative differenze" tra il campione "bianco" di confronto e gli altri posti nei siti oggetto di monitoraggio. 
Ci chiediamo se la Asl sia stata informata e in che modo abbia agito nei quasi tre mesi dal rilascio del parere della Commissione VIA. 
Quanto al monitoraggio atmosferico nelle aree di scavo/accumulo di materiale temporaneo, il parere segnala che le campagne di rilevazione sono limitate alle 8 ore lavorative e non alle 24 previste dal dlg 155/2010. Questa scelta tutela alcuni lavoratori ma non probabilmente non chi fa orari diversi e non chi abita in quella zona. 
La stessa ditta dichiara nella relazione su cui è stato emesso il parere alcuni scostamenti sui metalli, specialmente "per il Calcio, il Nichel e il Piombo e in misura minore, per l'Arsenico e il Sodio". Alcuni scostamenti per Ione Ammonio e tracce di IPA. Vi è quindi dispersione nell'ambiente di metalli pesanti, come se fosse irrilevante.
In definitiva pur di portare a termine la costruzione di questa conduttura che collegherà le trivellazioni in Basilicata e il porto di Taranto si bada poco all'impatto sull'ambiente e sulla salute dei lavoratori e degli abitanti di Taranto.
Lo sfruttamento del petrolio prosegue con il governo giallo - nero che continua a ignorare le segnalazioni degli scenziati sul cambiamento climatico e gli impegni presi nelle conferenze internazionali sul clima. 
Angelo Bonelli - coordinatore nazionale della Federazione dei Verdi italiani
Eliana Baldo - capolista nel collegio Meridionale per Europa Verde

Rate this item
(0 votes)
Redazione

La Redazione di www.oraquadra.com

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk