Un appuntamento da non perdere quello di sabato 17 novembre inserito nel cartellone del Premio "Rosanna Murgolo",Rassegna Teatrale Nazionale, organizzato dalla Compagnia del Belvedere, che propone "Berretto a sonagli" di Luigi Pirandello portato in scena dalla compagnia “Luna Nova” di Latina, in napoletano nella versione di Eduardo De Filippo. Regia di Roberto Becchimanzi. Inizio spettacolo ore 21,00. Le porte del Teatro Comunale di Carosino si apriranno al pubblico alle ore 19,30. Costo del biglietto posto numerato euro 5,00. Info e prenotazioni al 351.9157550. 

La trama è nota. La commedia ruota attorno al tema dell’ipocrisia. La società costringe gli individui ad apparire rispettabili, obbedendo a precisi codici di comportamento. In realtà tutto è permesso, purché si salvino le apparenze.
La signora Beatrice sospetta che suo marito, il cavalier Fiorica, la tradisca con la giovane consorte del suo scrivano Ciampa. Logorata dalla gelosia, ordisce una trappola per sorprendere i due in flagranza, in modo da dare una lezione al marito e ricondurlo a sé, sottomesso e pentito. La reazione di Ciampa è furiosa, non tanto per il presunto tradimento di cui era a conoscenza e che aveva voluto ignorare per una complicate e sordide ragioni di convenienza, ma per essere stato coinvolto dalla signora Beatrice nell’evento che avrebbe minato la sua rispettabilità.
Anche se dopo la denuncia e l’irruzione in casa del delegato Spanò non emergono elementi compromettenti (o il delegato non vuole che appaiano tali, in Pirandello il confine è sempre molto sfumato) Ciampa non si placa, poiché anche un verbale negativo non cancella sospetti e chiacchiere della gente: l’unica soluzione è ammazzare moglie e amante!
Tutti in casa cercano di minimizzare il comportamento di Beatrice come un gesto di pazzia e a Ciampa viene un’idea: la signora Beatrice deve farsi passare veramente per pazza e cerca quindi di convincerla a farsi tre mesi di villeggiatura in una casa di salute.
Stimolata dalla paradossale provocazione Beatrice dà in escandescenze e grida in faccia all’uomo la verità della sua condizione di "becco", una verità non credibile, consentita solo ai pazzi.
La scena finale vede la madre, il fratello e il delegato che cercano di portar via Beatrice, che continua a gridare come se fosse impazzita davvero, mentre Ciampa «si butta a sedere su una seggiola in mezzo alla scena, scoppiando in un'orribile risata, di rabbia, di selvaggio piacere e di disperazione a un tempo».

Cultura ed integrazione: torna in Puglia l’evento più atteso dell’anno

Miss Progress International-Donne per il Progresso è giunto alla sua sesta edizione: è un format originale, in cui la bellezza ricopre un ruolo marginale.

TARANTO – Torna in Puglia, per la sesta edizione, Miss Progress International-Donne per il Progresso, l’evento che mira a far risaltare la qualità dell’impegno delle partecipanti per la salute, l’ambiente, i diritti umani e l’integrazione culturale, che valorizzano la figura della donna nell’ambito sociale e le offrono un ruolo del tutto nuovo nell’ambito dello spettacolo.
Le Ambasciatrici del Progresso, che provengono da ogni angolo del mondo, hanno il compito di sviluppare un progetto sociale: il più interessante e realizzabile sarà premiato da una giuria qualificata che il 24 settembre ascolterà una ad una le proposte elaborate.

Il format, nel corso degli anni, ha ottenuto riconoscimento delle più importanti istituzioni nazionali (tra esse, il Presidente della Repubblica, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministro del Turismo) che ne hanno sottolineato la grande valenza sociale e le importanti finalità umanitarie.
Anche quest’anno la Regione Puglia ha concesso, per mano del Presidente della Giunta, Michele Emiliano, il patrocinio morale.

Miss Progress International è un evento internazionale organizzato dall’associazione culturale In Progress di Carosino ed inizierà venerdì 21 Settembre, quando le concorrenti e i loro accompagnatori saranno accolti all’aeroporto di Brindisi per poi essere accompagnati nel lussuoso Messapia Hotel & Resort di Santa Maria di Leuca.
Di particolare rilievo, quest’anno, sarà il seminario sulla prevenzione dei tumori della donna, che sarà tenuto dal prof. Mattia Intra dello IEO (Istituto Europeo di Oncologia) di Milano.
Durante la cena in beneficenza di sabato 22 al Messapia Hotel e con la marcia in programma a Fragagnano sabato 29, si raccoglieranno dei fondi che saranno destinati al progetto Women’s Cancer Centre, della Fondazione IEO-CCM di Milano.

Dal Capo di Leuca alle Grotte di Castellana, passando per il quartiere delle ceramiche a Grottaglie e attraverso l’oasi del WWF a Torre Colimena, per dieci giorni il gruppo multietnico scoprirà le bellezze della Puglia attraverso un vero e proprio percorso multisensoriale tra le province di Lecce, Taranto e Bari.
Dal Castello Muscettola di Leporano (TA) (foto), venerdì 28, in diretta mondiale streaming, tutto il mondo conoscerà il nome di chi succederà alla vincitrice dello scorso anno, la filippina Jedaver Pancho Opingo, ospite d’onore, che documenterà l’avvenuta realizzazione del suo progetto.

Ad Avetrana, sabato 29 settembre, in un pomeriggio “anni ‘50” dedicato all’olio extra-vergine d’oliva, l’ultimo appuntamento in programma, organizzato dalla Pro-Loco cittadina.
Saranno dieci giorni all’insegna della cultura, dell’integrazione sociale e del progresso, con l’intento di contribuire a rendere il mondo un posto migliore.

 

Con una “tre giorni” a Monteiasi dedicata al teatro si concludono le attività del primo anno di Radices, un progetto realizzato dall'ATS dei Comuni di Carosino, Maruggio, Fragagnano e Monteiasi, con il contributo della Regione Puglia Avviso sullo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche (art. 45 del D.M. 1 luglio 2014) - ambito teatro.

Nelle serate di venerdì 7, sabato 8 e domenica 9 settembre, alle ore 20.00 in piazza Immacolata a Monteiasi, si terrà la manifestazione “#PassioneTeatro” con la direzione artistica dell’APS Aretè; la partecipazione a tutte le iniziative in cartellone è libera e gratuita.
Hanno contribuito all’organizzazione dell’evento la Parrocchia “San Giovanni Battista” di Monteiasi, il Gruppo Anonimo 74, l’Associazione Mille Mani, l’Agenzia Il Cerchio, l’Associazione All’Opera, l’Associazione Opus in Musica, l’Associazione Terra Nostra e l’Organizzazione di Volontariato “Autismiamo”.
L’evento è realizzato con il contributo di Nipa SRL, Nuova Edilizia Gigante e Clider SRL.
Nelle tre giornate di “#PassioneTeatro” l’APS Aretè terrà, alle ore 18.00, uno stage teatrale gratuito, a carattere ludico e ricreativo, a favore di bambini over 6 anni e famiglie; nell’ultima serata (9 settembre) tutti i partecipanti andranno in scena nella pièce “La congiura dei cappuccetti”.

Ricco il programma della prima serata, dalle ore 20.00 di venerdì 7 settembre, che si aprirà con i giochi tradizionali a cura dell’Associazione Mille Mani; poi l’Agenzia “Il Cerchio” realizzerà lo spettacolo di burattini “Paglio e la scatola del Mago Blu”, l’APS Aretè porterà in scena “L’intrepido Soldatino di Stagno” in cui burattini e attori in carne ossa interagiscono per parlare ai bambini di bullismo, amore e integrazione; l’Associazione “All’Opera”, infine, proporrà lo spettacolo “All’opera dove c’è condivisione c’è amore”.
La seconda serata, dalle ore 20.00 di sabato 8 settembre, si aprirà con la performance “La Giara” a cura del Gruppo Anonimo 74, mentre in seguito la compagnia teatrale degli “Aretè” porterà in scena “Peregrinus”, una pièce teatrale che affronta da più prospettive il tema dell’immigrazione. Gran finale con lo spettacolo di mentalismo di Alex Borsci, il più giovane illusionista psicologico in attività in Italia, che proverà a catturare la mente del pubblico!
La serata finale, dalle ore 20.00 di domenica 9 settembre, si aprirà con la sfilata di abiti medievali, a cura dell’Associazione Terra Nostra, con l’accompagnamento musicale degli “Opus in Musica”, per poi proseguire con la performance “Brancaccio” a cura del Gruppo Anonimo 74 e lo spettacolo “Dal giullare al clown – Mago Puff e la sua Puffetta” curato dall’Agenzia Il Cerchio. Concluderà la manifestazione “La congiura dei cappuccetti” con protagonisti i partecipanti allo stage di Areté.

Solo pochi giorni fa abbiamo pubblicato un manifesto dal quale si evinceva che ormai i Carosinesi, per alcuni servizi essenziali, devono recarsi a San Giorgio, e che alcune professionalità comunali le abbiamo ormai in “società” con il comune di San Giorgio.

Pensavamo anche, in verità, di aver raggiunto l’apice di questa pseudo - unione durante la 52^ Sagra del vino, una delle poche manifestazioni che i carosinesi, e non solo, aspettano durante l’estate perché è uno degli eventi che è profondamente radicato nelle NOSTRE tradizioni. Ma anche la sagra, quest’anno, l’abbiamo fatta in società con il comune di San Giorgio e abbiamo visto sfilare sul palco associazioni ed amministratori di quel comune.
Ma il bello doveva ancora venire…
Nei giorni scorsi abbiamo visto pubblicizzare, a 360 gradi, una manifestazione denominata “Evento a KM 0”, che avrebbe visto la partecipazione del comune di San Giorgio e di Carosino con le rispettive Pro loco.
L’obiettivo dichiarato è quello di intercettare e incrementare l’attrattiva dei luoghi di elevato interesse attraverso la valorizzazione dei percorsi e/o itinerari turistico culturali con particolare attenzione a quelli enogastronomici, agrituristici e ambientali del nostro territorio (Carosino, San Giorgio ed i comuni che aderiscono a Montedoro).
Ci aspettavamo, quindi, un coinvolgimento di tutti gli enti del terzo settore e delle attività commerciali presenti a Carosino, avendo la possibilità di creare, finalmente, questa “benedetta rete” tanto auspicata. Invece no. Non è stato così, perché, prendendo visione del programma dell’evento, salta subito all’occhio che a Carosino sono toccate le “parole”, con soltanto un convegno (pubblicizzato solo il giorno prima, e al quale ovviamente hanno partecipato solo gli addetti ai lavori) presso il nostro Castello. A San Giorgio, invece, in via Salvo D’Acquisto (a due passi dalla sede del municipio di San Giorgio), è spettata l’intera manifestazione canora ed enogastronomica ma non con artisti e prodotti “CAROSANGIORGESI”.
Chiariamo subito: noi non abbiamo nulla contro gli amministratori di San Giorgio e contro le associazioni di quel comune. Anzi, abbiamo sostenuto, e sempre sosterremo e promuoveremo, ogni iniziativa orientata alla collaborazione INTELLIGENTE ed EQUILIBRATA tra comuni appartenenti alla stessa area.
Il punto è proprio questo: collaborare, unirsi in rete significa mettere in comune idee, risorse, persone per ottenere risultati comuni, che vadano a vantaggio di tutti i soggetti coinvolti, in modo equo, con ruoli paritari. In questo caso, invece, non è stato assolutamente così: San Giorgio ha avuto la parte migliore dell’evento, che si è svolto nel territorio sangiorgese e che ha avvantaggiato esclusivamente i commercianti sangiorgesi. Sarebbe bastato (con gli stessi soldi) organizzare due serate, una a Carosino ed una a San Giorgio, per rendere visibile e fruttuosa questa collaborazione PARITARIA tra i due comuni.
Per concludere, ancora una volta questa amministrazione è stata capace di “umiliare” i nostri cittadini, tutto il nostro terzo settore e tutte quelle attività commerciali che da questo evento avrebbero potuto trarre dei benefici. Come se non fossero già bastate alcune scelte quantomeno discutibili che sono state messe in campo e altre…che sicuramente ci saranno riservate, in un prossimo futuro, che rischiano di mettere in ginocchio un intero settore. Per fortuna mancano pochi mesi alla fine del mandato amministrativo, altrimenti rischieremmo di essere venduti, anzi, SVENDUTI…
Quindi…evento a km zero sì…ma solo per Carosino!!!

 

Continua a Maruggio la rassegna teatrale "Teatro Mare" che, giunta alla XIX edizione, è organizzata dal Comune di Maruggio in collaborazione con il Gruppo Teatrale "La Filodrammatica Maruggese". Media partner Maruggio e Dintorni Story - Associazione di Promozione Culturale e Sociale.

Quest’anno la rassegna teatrale è inserita nel progetto Radices realizzato dall'ATS del Comune di Maruggio, Carosino, Fragagnano e Monteiasi, con il contributo dell'Avviso sullo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche (art. 45 del D.M. 1 luglio 2014) - ambito teatro.

Alle ore 21.00 di venerdì 17 agosto, presso il Giardino della Biblioteca Comunale, in Piazza San Giovanni a Maruggio, il Gruppo Teatrale “La Filodrammatica Maruggese” presenta “Le sorprese del divorzio”, una commedia brillante in due atti di Bisson e Mars, liberamente adattata da Nicola Pastorelli.
Ticket € 4 con info e prenotazioni c/o il negozio di materiale elettrico di Gaetano Lombardi, sito a Maruggio, alla via Vittorio Emanuele n° 64; tel 099/676546 - 380/4381842.

La commedia “Le sorprese del divorzio” porta in scena equivoci e situazioni paradossali, propri dell'eterno scontro tra genero e suocera.
Enrico ha sposato Diana, una fanciulla che, in dote, ha portato pure una madre insopportabile e invadente. Esasperato dalle due donne, Enrico divorzia e si risposa con Gabriella.
Un brutto giorno scopre che il padre di Gabriella, tra tutte le donne del mondo, durante un viaggio, ha appena portato all'altare proprio Diana, con immancabile madre al seguito più agguerrita che mai. Insomma, Enrico scopre che la sua ex moglie adesso è diventata sua suocera e cerca di correre ai ripari.

 

Il GAL Magna Grecia torna a Carosino, uno dei dodici comuni compresi nel suo territorio, per presentare le importanti opportunità offerte dal nuovo PAL (Piano di Azione Locale), progetto finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito della Misura 19 del PSR Puglia 2014-2020.

La presentazione si terrà alle ore 17.30 di giovedì 26 aprile, presso Palazzo Ducale D’Ayala Valva a Carosino, lo splendido edificio quattrocentesco nei cui locali pedanei il GAL Magna Grecia ha finanziato e realizzato, nella precedente programmazione PSR, la “Casa del Gusto”, una struttura attrezzata in cui è possibile realizzare eventi enogastronomici con cooking show.

Annunciando l’iniziativa Luca Lazzàro, Presidente del GAL Magna Grecia, ha spiegato che «tornare qui a Carosino ha un valore altamente simbolico, in quanto in questa comunità abbiamo realizzato la Casa del Gusto, una struttura della quale non sono state ancora sfruttate le enormi potenzialità a sostegno del turismo enogastronomico, peraltro lo stesso che, a mio parere, accade con la “Sagra del Vino” che ha straordinarie potenzialità come attrattore turistico, una delle pochissime, se non l’unica, manifestazione il cui il vino zampilla per giorni e giorni da una fontana!»

«Con il nostro PAL – ha poi detto Luca Lazzàro – intendiamo mettere in rete tutti gli operatori, Istituzioni e stakeholder che possono dare un contributo al rilancio del territorio, in particolare mediante un nuovo modello di sviluppo, “green” e sostenibile, che vede nel turismo rurale ed enogastronomico uno dei suoi principali assett».

«Vogliamo fornire loro – ha concluso Luca Lazzàro – gli strumenti per poter sfruttare appieno tutte queste potenzialità finora inespresse, in particolare utilizzando i servizi innovativi che saranno realizzati da nuove imprese di cui, nell’ambito del nostro PAL, cureremo le start up e di quelle esistenti che andremo a innovare, un nuovo modo di sostenere il mondo rurale, perché noi del GAL Magna Grecia #coltiviamoidee #realizziamoilfuturo!».

Questi, infatti, sono i due hashtag emblematici scelti per gli incontri dal titolo “Il Piano di Azione Locale del GAL Magna Grecia: strumento di sviluppo economico” che vedranno presentare “le opportunità di finanziamento a favore di istituzioni, aziende e associazioni del territorio”.

A Carosino, come detto, l’incontro si terrà alle ore 17.30 di giovedì 26 aprile, presso Palazzo Ducale D’Ayala Valva a Carosino.

I lavori saranno aperti dal saluto di Arcangelo Sapio, Sindaco di Carosino, e poi proseguiranno con l’introduzione di Aldo Marinelli, consigliere delegato Attività produttive del Comune di Carosino. In seguito ci sarà la relazione tenuta da Ciro Maranò, Direttore del GAL Magna Grecia, che presenterà il nuovo Piano di Azione Locale, cui seguirà l’intervento di Giovanni Friuli, presidente della Pro Loco di Carosino.

Le conclusioni saranno affidate a Luca Lazzàro, Presidente GAL Magna Grecia.

Quando l’ ideologia unita alla mancanza di rispetto e del buonsenso, si fa strada nelle scuole e nella società accadono cose assurde. 

È il caso del Castello D'Ayala Valva di Carosino dove la Madona viene messa in "castigo".
Crediamo nell'importanza di una comunità interculturale, a tutela anche di credenze diverse da parte di studenti o residenti stranieri, ma non a discapito degli emblemi della religione cristiana, atteggiamento che non garantisce il rispetto di alcunché, non garantisce una scuola e una società accogliente.I simboli della nostra Fede e della nostra Tradizione come quello della Madonna, non discriminano nessuno e pertanto nessuno dovrebbe sentirsene offeso.
In questo modo non si ha riguardo del credo religioso della maggioranza delle persone, che hanno il loro riferimento nella fede cristiana.
Proprio in un momento storico così delicato in cui avvertiamo il prevalere di un pensiero distruttivo e nichilista nella nostra società, dobbiamo aggrapparci alle nostre radici e alla nostra storia. Non siamo noi a dover negare il nostro modo di vivere e a sentirci offesi dalla nostra cultura e dalle nostre tradizioni. Ma è chi viene nel nostro Paese che deve accettarle e rispettarle, esattamente nella stessa misura in cui noi lo facciamo quando siamo all'estero.
Il motivo? Probabilmente per venire incontro alla sensibilità delle famiglie non cattoliche visto i temi trattati nelle aule del Castello.
Coltiviamo la speranza che, dopo un’attenta riflessione, il Sindaco Sapio e l'assessore alla cultura e all'istruzione possano tutelare la considerazione e la devozione comune all'immagine sacra, per quanto è di propria competenza.

PSYCHE

Un incredibile viaggio alla scoperta dei segreti della tua mente!

Alex ha passato gli ultimi 10 anni della sua vita a capire come "leggere" la mente del suo pubblico. È il più giovane illusionista psicologico in attività in Italia. Sfruttando a suo vantaggio psicologia, comunicazione, linguaggio del corpo, suggestione e magia è in grado di influenzare le decisioni e predire le azioni di ognuno di noi.

Lasciatevi catturare da uno show mai visto prima, nel quale il pubblico non è chiamato solamente a guardare, ma anche a parteciparvi attivamente. PSYCHE rappresenta l'avanguardia dell'intrattenimento e promette una esperienza epica per il vostro cervello e la vostra percezione.

Alex distrae la vostra attenzione e bisbiglia al vostro subconscio con grande maestria, riuscendo misteriosamente in fenomeni che non esisterebbero nel "mondo reale". Dimenticate le bacchette magiche e il coniglio dal cilindro, l'illusione è più sottile e psicologica e avviene tutta nella vostra mente. ​Non ci sono sbuffi di fumo, nessuna assistente che scompare... è "solo" un ragazzo, su un palco, in giacca e cravatta, che "parla" al pubblico.

È proprio quella speciale connessione con il pubblico che aiuta PSYCHE a fare colpo, a divertire e a stupire.

Regala alla tua mente e a quella dei tuoi amici e familiari una serata incredibile!

Info e biglietti su www.alexborsci.it/psyche

Per una settimana volontari e studenti si esibiscono nel Teatro Comunale di Carosino

DOMANI 14 marzo il primo di due concerti nel Municipio di Taranto

Il toscano Marco Fè non sa cosa sono i Tamburi. Eppure da decenni gira l’Italia per presentare “Ragazzi in Gamba”, la manifestazione che da 56 anni vede esibirsi in tante città le scolaresche in performance creative, teatrali e musicali, con uno spirito particolare: nessuno vince e nessuno perde.

Si partecipa solo per la gioia di condividere questo momento, una libera scelta compiuta, nel segno del dono e della gratuità, esclusivamente per presentare i frutti del proprio impegno nel campo delle attività espressive.

A Taranto, in particolare, grazie all’intervento del Centro Servizi Volontariato di Taranto, da anni vi partecipano anche le associazioni di volontariato che condividono così il palco con le scolaresche.

Ieri (lunedì 12 marzo) è stata la giornata inaugurale di “Ragazzi in Gamba” al Teatro Comunale di Carosino e Marco Fè sale sul palco alla fine dell’esibizione dell’Auser Tamburi, l’associazione di volontariato impegnata nell’invecchiamento attivo della popolazione.

Per l’Auser si sono appena esibite sul palco prima alcune bambine in uno show di danza moderna, tutte con indosso l’ormai famosa maglietta “Ie Jesche Pacce Pe Te”, e poi un gruppo di nonne e di “diversamente giovani” in una suggestiva performance contro la violenza sulle donne.

Sono tutte del Quartiere Tamburi. Le bambine, in particolare, sono le nipotine dei nonni che frequentano l’Auser Tamburi che, dovendo accudirle, le portano con loro impegnandole in attività ludico-ricreative.

Il toscano Marco Fe chiede cosa significhi “Ie Jesche Pacce Pe Te”. Lui non sa cosa sono i Tamburi, o fa finta di non saperlo, e per questo chiama sul palco Mimma Peluso, la presidente dell’Auser Tamburi, e glielo chiede: “Tamburi è una parola forte!” è la risposta.

«Tamburi è una parola che vuol dire morte e inquinamento per tanti – spiega Mimma Peluso – e tanti scappano dal nostro Quartiere per questo. Ma noi no, noi ci siamo nati e vogliamo restarci. Noi vogliamo continuare a viverci e a lottare per avere un Quartiere Tamburi più pulito, meno inquinato: noi non ce ne andiamo!»

È stato il momento più toccante della prima giornata di “Ragazzi in Gamba 2018”, la manifestazione che vedrà, fino a venerdì prossimo 16 marzo, esibirsi al Teatro Comunale di Carosino gli alunni di ventuno istituti scolastici di tutti i livelli, dalle elementari alle superiori, e i volontari di numerose associazioni accanto ai disabili, agli anziani e alle altre persone che ogni giorno vengono da loro accolte con impegno e dedizione.

Ragazzi in Gamba in due pomeriggi si sposterà, alle ore 17.00, presso il Salone degli Specchi di Palazzo di Città di Taranto, ove l’Associazione “Gli Amici del Presepio” allestirà la mostra “La Taranto Paisielliana” e si esibiranno in concerto gli studenti del Liceo Musicale “Archita” di Taranto, DOMANI mercoledì 14, e quelli dell’Istituto Musicale “G. Paisiello”, giovedì 15 marzo.

È la magia che si ripete da ventitré sul nostro territorio, dove Ragazzi in Gamba è realizzata dal C.S.V. Taranto e dall'Associazione Ragazzi in Gamba di Taranto, con il Comune di Carosino e il patrocinio del Comune di Taranto.

La kermesse è stata inaugurata da Marco Fè, responsabile nazionale di Ragazzi in Gamba, Gennaro Esposito, presidente dell’Associazione Ragazzi in Gamba di Taranto, Francesco Riondino, presidente del CSV Taranto, e Arcangelo Sapio, Sindaco di Carosino.

Salutando i partecipanti, Francesco Riondino ha sottolineato che «da anni il Centro Servizi Volontariato di Taranto ha “sposato” la manifestazione “Ragazzi in Gamba” perché vuole contribuire a questa iniziativa che infonde valori positivi nei giovani del territorio, quegli stessi valori, come la gratuità e la solidarietà, che da sempre contraddistinguono l’azione dei volontari».

Arcangelo Sapio ha spiegato che «il Comune di Carosino è felice di poter ospitare da anni nel proprio teatro “Ragazzi in Gamba”, una manifestazione che vede la nostra cittadina “invasa” dalla gioia e dalla voglia di “mettersi in gioco” di centinaia e centinaia di volontari e di studenti con i loro docenti, una meravigliosa carica di energia positiva per l’intera comunità».

Secondo Gennaro Esposito, presidente dell’Associazione Ragazzi in Gamba Taranto, «questa manifestazione tende a promuovere i valori positivi della vita, mettendo in risalto quelle esperienze didattiche di tipo innovativo che si fondano sulla creatività, la fantasia e l’espressività di docenti e alunni e che si concretizzano in esperienze di teatro, musica, recital, folklore, poesia ed arti plastico-figurative. In virtù della partecipazione del volontariato locale, si carica di ulteriore senso e si propone di far crescere negli studenti la consapevolezza che essendo cittadini attivi potranno essere protagonisti del cambiamento»».

I PROTAGONISTI DI RAGAZZI IN GAMBA 2018

Partecipano a Ragazzi in Gamba 2018 i seguenti istituti scolastici di Taranto: l’I.C. “XXV Luglio-Bettolo”, il Liceo Musicale “Archita”, l’I.C “Sciascia”, il 16° Circolo “Europa” plesso “Basile”, l’I.C. “Galilei”, e il Liceo “Vittorino da Feltre”; è da segnalare il “debutto” a Ragazzi in Gamba del C.P.I.A. CTP (Centro Provinciale Istruzione Adulti) di Taranto.

Nutrita anche la partecipazione di istituti scolastici della provincia jonica: il Liceo “Moscati” di Grottaglie, il Liceo “De Ruggieri” di Massafra, l’I.C. “Aldo Moro” di Carosino, l’I.C. “Giovanni XXIII” di Martina Franca, l’I.C. “Bonsegna-Toniolo” di Fragagnano, l’I.C. “Del Bene” di Maruggio, l’I.I.S.S. “Leonardo da Vinci” di Martina Franca, l’I.C. “Manzoni” di Lizzano, l’I.C. “Giovanni XXIII” di Palagiano, l’I.C. “Pignatelli” di Grottaglie, l’I.C. “De Amicis-Manzoni” di Lizzano.

Partecipano, inoltre, due scuole campane, l’I.C. “Trifone” di Montecorvino Rovella e l’I.C. “Ilaria Alpi” di Nocera Inferiore; nonché l’I.C. “Marconi-Oliva” di Locorotondo.

Tante, come detto, anche le organizzazioni di volontariato presenti con performance artistiche o con brevi momenti di sensibilizzazione: Moto Club “San Martino” e Nostra Signora di Lourdes – NSL di Martina Franca, Federconsumatori Taranto, Fattoria Amici “Dante Torraco”, AUSER Tamburi, Mister Sorriso – Volontari della gioia, Amici del presepio e Fidas Dosni Taranto.

Anche quest’anno a garantire la sicurezza dei tanti partecipanti alla manifestazione ci saranno i volontari delle organizzazioni attive nel campo del primo soccorso e della protezione civile: Comitato di Taranto della Croce Rossa Italiana, E.R.A. Manduria, Misericordia Lizzano, Nucleo Guardie Ambientali di Avetrana, S.O.S. Sava e Croce Verde Faggiano “Nunzio Ciaccia”.

Torna “Ragazzi in gamba”: per una settimana un'esplosione di creatività, solidarietà, impegno e allegria grazie all'incontro scuole e volontariato.

Anche quest’anno la rassegna è realizzata dal Centro Servizi Volontariato della provincia di Taranto e dall'Associazione Ragazzi in Gamba Taranto con il Comune di Carosino e con il patrocinio del Comune di Taranto.

Mettere tutti insieme in un teatro volontari​, studenti di tutte le età ​e docenti, creando così un magico “fil rouge” che unisce scuola, famiglie e volontariato locale: accade solo con “Ragazzi in gamba”!

Nella prossima settimana, da lunedì 12 a venerdì 16 marzo, torna la manifestazione Ragazzi in Gamba, anche quest’anno realizzata sul nostro territorio dal C.S.V. Taranto e dall'Associazione Ragazzi in Gamba di Taranto, con il Comune di Carosino e il patrocinio del Comune di Taranto.

È una grande kermesse nella quale ​tutti, volontari, docenti e studenti, si “mettono in gioco” salendo su​l palco ed esibendosi in performance artistiche, non per primeggiare, non per competere e sconfiggere un avversario, ma solo per stare insieme e condividere un’esperienza positiva.

A “Ragazzi in Gamba” si partecipa in forma volontaria, per scelta, e nel segno del dono e della gratuità, esclusivamente per presentare i frutti del proprio impegno nel campo delle attività espressive e della propria scelta a favore di ciò che non è futile ed effimero.

Sono, quindi, del tutto estranei alla Rassegna, anzi sono contrari ai suoi obiettivi, atteggiamenti di tipo competitivo, o, peggio, di antagonismo.

Questo è lo spirito che anima da sempre la manifestazione “Ragazzi in gamba”, giunta a livello nazionale alla cinquantaseiesima edizione e organizzata da ventitré sul nostro territorio, ​da diversi anni ormai anche con il coinvolgimento del volontariato locale attraverso l’intervento del Centro Servizi Volontariato di Taranto.

Ragazzi in Gamba tende, sin dalla sua nascita, a promuovere i valori positivi della vita, valorizzando, contestualmente, quelle esperienze didattiche di tipo innovativo che si fondano sulla creatività, la fantasia e l’espressività di docenti ed alunni e che si concretizzano in esperienze di teatro, musica, recital, folklore, poesia ed arti plastico-figurative.

Frutto della creatività dei giovani è, come ormai da alcuni anni, anche il manifesto di “Ragazzi in Gamba”, la cui grafica è stata realizzata da Chiara Rodio, un’alunna dell’I.I.S.S. “Leonardo Da Vinci” di Martina Franca, che si è cimentata come altri compagni sotto la guida della professoressa Stefania Pellegrini.

Durante la manifestazione si esibiranno, al Teatro Comunale di Carosino, gli alunni di ventuno istituti scolastici di tutti i livelli, dalle elementari alle superiori, e i volontari di numerose associazioni accanto ai disabili, agli anziani e alle altre persone che ogni giorno vengono da loro accolte con impegno e dedizione.

Location principale sarà il Teatro Comunale di Carosino, dove la manifestazione sarà inaugurata alle ore 15.00 di lunedì 12 marzo.

Come già nell’edizione 2017, anche quest’anno Ragazzi in Gamba in due pomeriggi, alle ore 17.00, si sposterà a Taranto, presso il Salone degli Specchi di Palazzo di Città, dove l’Associazione “Gli Amici del Presepio” allestirà la mostra “La Taranto Paisielliana” e dove si esibiranno in concerto gli studenti del Liceo Musicale “Archita” di Taranto, mercoledì 14, e quelli dell’Istituto Musicale “G. Paisiello”, giovedì 15.

Gennaro Esposito, presidente dell’associazione Ragazzi in Gamba di Taranto, ha rimarcato che “sono sempre più numerose le associazioni e le scuole che accolgono l’invito a sottolineare la bellezza dei valori positivi della vita attraverso lavori teatrali, musicali e coreutici, mostre, mentre altre associazioni di volontariato di primo soccorso e di protezione civile partecipano fornendo il loro supporto. È così che questa rassegna diventa espressione della libertà dell’Arte, dell’intelligenza, dell’originalità ed del coraggio dell’innovazione didattica, e allo stesso tempo della generosità delle diverse forme attraverso cui si articola il variegato mondo del Volontariato.”

Il presidente del Centro Servizi Volontariato di Taranto, Francesco Riondino, ha sottolineato che “da sempre il CSV Taranto investe sui giovani del territorio, che rappresentano una speranza per il cambiamento e la crescita non solo del volontariato, ma di tutta la società, e per questo rinnova il suo impegno in Ragazzi in Gamba, rispondendo così in maniera puntuale e concreta anche all’invito del nuovo Codice del Terzo settore a promuovere il volontariato e a farlo in particolare nei confronti delle nuove generazioni e in rete con gli altri attori del territorio”.

Partecipano a Ragazzi in Gamba 2018 i seguenti istituti scolastici di Taranto: l’I.C. “XXV Luglio-Bettolo”, il Liceo Musicale “Archita”, l’I.C “Sciascia”, il 16° Circolo “Europa” plesso “Basile”, l’I.C. “Galilei”, e il Liceo “Vittorino da Feltre”; è da segnalare il “debutto” a Ragazzi in Gamba del C.P.I.A. CTP (Centro Provinciale Istruzione Adulti) di Taranto.

Nutrita anche la partecipazione di istituti scolastici della provincia jonica: il Liceo “Moscati” di Grottaglie, il Liceo “De Ruggieri” di Massafra, l’I.C. “Aldo Moro” di Carosino, l’I.C. “Giovanni XXIII” di Martina Franca, l’I.C. “Bonsegna-Toniolo” di Fragagnano, l’I.C. “Del Bene” di Maruggio, l’I.I.S.S. “Leonardo da Vinci” di Martina Franca, l’I.C. “Manzoni” di Lizzano, l’I.C. “Giovanni XXIII” di Palagiano, l’I.C. “Pignatelli” di Grottaglie, l’I.C. “De Amicis-Manzoni” di Lizzano.

Partecipano, inoltre, due scuole campane, l’I.C. “Trifone” di Montecorvino Rovella e l’I.C. “Ilaria Alpi” di Nocera Inferiore; nonché l’I.C. “Marconi-Oliva” di Locorotondo.

Tante, come detto, anche le organizzazioni di volontariato presenti con performance artistiche o con brevi momenti di sensibilizzazione: Moto Club “San Martino” e Nostra Signora di Lourdes – NSL di Martina Franca, Federconsumatori Taranto, Fattoria Amici “Dante Torraco”, AUSER Tamburi, Mister Sorriso – Volontari della gioia, Amici del presepio e Fidas Dosni Taranto.

Anche quest’anno a garantire la sicurezza dei tanti partecipanti alla manifestazione ci saranno i volontari delle organizzazioni attive nel campo del primo soccorso e della protezione civile: E.R.A. Manduria, Misericordia Lizzano, Nucleo Guardie Ambientali di Avetrana, S.O.S. Sava e Croce Verde Faggiano “Nunzio Ciaccia”.

Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk