Queste, scrivono i consiglieri comunali Onofrio Di Cillo,  Rita Greco,  La Neve Vito,  Roberta Vizzarro e  Roberta Frascella (segretaria di Fratelli d’Italia),  sono le tappe di una vicenda politicamente assurda: 
⇨ 5 LUGLIO 2017: il PD, in una lettera firmata dal direttivo del partito e dai consiglieri DE SANTIS, MARINELLI, FIORINO, definisce il Piano Commerciale presentato dalla maggioranza, e quindi anche da loro, come “irricevibile” aggiungendo che “non si sa bene gli interessi di chi tuteli”;
⇨ 12 OTTOBRE 2017: la minoranza, compatta, chiede chiarimenti sulla questione, pur essendo pronta ad affrontare l’argomento, ma il delegato alle Attività Produttive, ossia Marinelli, chiede il ritiro del punto all’ordine del giorno affinché si possa preventivamente discuterne con la minoranza, con gli operatori del settore e con i cittadini;
⇨ 30 NOVEMBRE 2017: nel Consiglio comunale viene nuovamente presentato il Piano Commerciale, senza che lo stesso sia stato discusso in commissione e presentato ai cittadini. La minoranza, unanime, chiede chiarimenti sulle questioni poste dagli stessi esponenti della maggioranza appartenenti al PD, tra cui il capogruppo del PD (Fiorino) e il delegato al ramo, ossia Marinelli, che esprimono forti dubbi sul Piano. Ignorando tutte le richieste, i dubbi e le legittime perplessità della minoranza, si passa ai voti:
FAVOREVOLI: Sapio (Sindaco PD), Di Napoli (PD), De Santis (PD);
Longo (SEL), Leone (SEL), Campo (SEL);
Calò (R. Comunista).
CONTRARI: Marinelli (PD); Fiorino (PD).

 

LA MINORANZA PER PROTESTA NON PARTECIPA AL VOTO.

ALLORA CI CHIEDIAMO:
− Esiste ancora una maggioranza compatta?
− Cosa si nasconde dietro i dubbi espressi dal PD?
− Perché il delegato alle Attività Produttive ha votato contro un provvedimento che è di sua stretta pertinenza e competenza?
− È legittimo approvare un Piano Commerciale che, a detta degli stessi esponenti della maggioranza, risulta poco trasparente?
− Non sarebbe opportuno che il PD facesse chiarezza e prendesse provvedimenti concreti nei confronti del sindaco e dei propri consiglieri?

I CITTADINI HANNO IL DIRITTO DI SAPERE, DI CAPIRE, DI RICEVERE RISPOSTE CHIARE E CONVINCENTI.

LA SERIETA’ E LA CREDIBILITA’, IN POLITICA, NON POSSONO ESSERE UN OPTIONAL!

Nella seduta del Consiglio Comunale del 30 novembre la maggioranza, con i soli voti contrari dei consiglieri del PD Cosimo Fiorino e Aldo Marinelli, ha approvato il nuovo Piano Commerciale comunale (Documento
Strategico del Commercio).

Il PD, nei mesi scorsi, ha sollevato dubbi sulla legittimità del Piano, secondo noi palesemente in contrasto con numerose leggi statali e comunitarie e che espone l’Ente, e quindi i cittadini, a possibili ricorsi amministrativi.
Per questo motivo il PD aveva chiesto ai propri consiglieri di non votare il Piano, coerentemente con un documento sottoscritto anche dalla consigliera De Santis (oggi assessore) in cui lo si dichiarava “irricevibile”.
Ci siamo scontrati con l’arroganza e l’autoreferenzialità di un sindaco che, sin dall’inizio del suo mandato, si è dimostrato insofferente a qualsiasi confronto con il Partito che lo ha eletto e di cui si dichiara iscritto.
Troppe volte abbiamo fatto buon viso a cattivo gioco, coprendo per senso di responsabilità la latitanza del sindaco rispetto ai problemi quotidiani del paese; ingoiando scelte sulle quali ci è stato impedito persino di discutere; sorvolando sulla disapplicazione di parte del programma elettorale e sul progressivo appiattirsi del sindaco/padrone su posizioni ben lontane da quelle del PD e sempre più vicine a quelle di una parte elettoralmente molto minoritaria della coalizione che continua a lucrare, forte della sua utilità marginale.
Lo abbiamo fatto, ripetiamo, per senso di responsabilità, per evitare tensioni che mai nulla di buono hanno portato nella vita pubblica: abbiamo sbagliato e ne paghiamo il pegno, con parte del gruppo consigliare che oramai non risponde più agli organi di Partito e con l’indice di gradimento dell’Amministrazione ridotto ormai a prefissi telefonici.
Arrivati a questo punto però non intendiamo perseverare; soprattutto non saremo in silenzio rispetto all’approvazione di atti che non sono stati discussi con le parti sociali interessate (commercianti; associazioni di categoria) e che non si sa ancora bene a chi giovino.
Per questo nelle settimane a venire intraprenderemo iniziative pubbliche per spiegare alla cittadinanza, in dettaglio, i motivi di questa nostra presa di posizione.
Nei prossimi giorni formalizzeremo al sindaco le decisioni consequenziali e chiederemo ai consiglieri eletti nel PD di condividere questa scelta. Per noi si apre una fase nuova, che sarà di ascolto e di confronto con le tante energie positive che la società civile e la comunità politica carosinese sono ancora in grado di esprimere.
A tutti chiediamo di partecipare affinchè la prossima stagione non sia, ancora una volta, appesantita dal retaggio di vecchie logiche e valutazioni di convenienza che, inevitabilmente, vedrebbero prevalere i personalismi ed i soliti calcoli fatti a tavolino.
Per quanto riguarda il PD di Carosino è arrivato il momento di chiudere un capitolo e di aprire una nuova stagione politica che consenta a gente fresca, nuova, portatrice di idee di affacciarsi alla politica e di sentirsipartecipe di un reale cambiamento del paese.

 

Sabato 16 Dicembre seconda serata per il Teatro Festival – 4° Premio Nazionale di Teatro “Rosanna Murgolo” organizzato dalla Compagnia del Belvedere con la Direzione Artistica di Davide Roselli.

La location che ospiterà l’evento sarà il Teatro Comunale di Carosino. In scena nella seconda serata: la Compagnia Anna De Bartolomeo di Taranto con lo spettacolo UNA VOLTA NELLA VITA di Gianni Clementi per la Regia di Anna De Bartolomeo. “Cosa hanno in comune un piccolo fallito rapinatore romano, un bancario logorroico falso Marxista, un mago siciliano da quattro soldi e una bella ragazza dal viso angelico? Assolutamente nulla se non una piccolissima cosa: sono tutti morti! Tutti si svegliano e tutti vogliono scappare convinti di non essere quello che sono. I morti litigano, fanno pace, provano una seduta spiritica, tentano di rubare una macchina, tentano di capire come sono finiti in quel posto ma soprattutto fanno ridere. Si ride della morte, si ride della vita che fu e si trova anche il tempo di commuoversi. Ritmi serrati, battute dirompenti, momenti di vera poesia per una delle commedie più originali, dove il pubblico s’innamorerà di questi poveri “disgraziati” .
Non perdete l'appuntamento quindi Sabato 16 Dicembre, ore 20.45, biglietto € 5,00. X info e prenotazioni: 3459552861.

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: dr. Ciro Urselli

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra politica sulla privacy.

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk