Nell'ambito della campagna elettorale per le elezioni europee la sen. Roberta Pinotti, già Ministro della Difesa, sarà a Taranto oggi giovedì 23 maggio alle ore 17.30 presso il "Nautilus" in viale Virgilio, 2 dove interverrà ad un incontro sul tema: "Per lo sviluppo di Taranto, città europea: pieno utilizzo delle risorse stanziate e nuove opportunità di diversificazione", al quale parteciperanno, tra gli altri, il Segretario provinciale del PD, Giampiero Mancarelli e i rappresentanti di CGIL, CISL e UIL e di Confindustria e Confcommercio.
Inoltre, alle 19,30 la sen. Pinotti parteciperà ad un comizio della lista "Il Centro Sinistra" di Carosino con candidata Sindaco Lucia Di Napoli e, successivamente, incontrerà gli elettori di Roccaforzata a sostegno della lista "Roccaforzata Libera e di tutti" con candidato Sindaco Roberto Iacca.

Carosino - Domenica 28 Aprile presso i Saloni del Castello d'ayala valva di Carosino si è svolta la Presentazione ufficiale della Lista civica "Insieme per Carosino" con candidato Sindaco Paco Vinci.

La serata presentata da Nicla Pastore, ha consentito alla Lista capeggiata da Vinci di farsi conoscere con idee e programmi dai loro concittadini presenti numerosi nell'atrio del Castello.
Insieme per Carosino annovera nelle sue fila neofiti della politica locale e qualche volto noto delle passate legislature.
La Lista è formata da Donne, Giovani e Professionisti, i candidati alla carica di consigliere per le elezioni del prossimo 26 maggio sono: Pamela Archivio, Mario Pupino, Francesco Illume, Desiree Marinelli, Miriana Spaltro, Francesco Cannarile, Vincenzo Fanelli, Vito Laneve, Andrea Giannattasio, Cosimo Rodia, Carla Orlando e Sandro Leo.
Una Squadra che ha reali obiettivi di cambiamento e di rinnovamento per rendere Carosino più vivibile ed al passo con le nuove tecnologie sfruttando le intelligenze e le peculiarità del territorio.
Paco Vinci, 45 anni, candidato Sindaco di "Insieme per Carosino", è Ufficiale dell'Esercito Italiano e ha avuto precedenti esperienze amministrative come Assessore alla Cultura e allo Spettacolo, volto giovane ma esperto della macchina amministrativa, ha inteso candidarsi alla carica di Primo Cittadino per un senso di responsabilità e per riportare Carosino ai fasti di una volta con caparbietà, progettualitá ed innovazione.
Nelle prossime settimane sarà illustrato interamente il programma amministrativo ed elettorale con appositi incontri tematici e comizi.

Sabato 27 aprile si conclude a Carosino il Festival della Primavera, manifestazione organizzata dall’Associazione “Fucarazza”; si tratta dell’evento che, in programma il 13 aprile scorso, fu poi rinviato per le avverse condizioni meteorologiche.

Si inizia alle ore 9.00 nell’antica Masseria Misicuro, a soli tre chilometri dal paese sulla strada per Francavilla Fontana, con "I sapori della tradizione. Mani in pasta", un corso di panificazione a cura del Mulino Nero di Crispiano (info 389.6269939).

Le altre attività avranno come epicentro la “zona festa” in via Giorgio La Pira, appena fuori l’abitato di Carosino, un’area sterrata all’aperto dove si esibiranno band emergenti e saranno allestiti anche stand enogastronomici; in questa area l’acqua, bene primario della comunità, sarà comunque a disposizione di tutti gratuitamente.

Qui alle ore 15.00 ci sarà il ritrovo per “Calma di Fuoco: dal calore della terra al colore delle piante", una passeggiata erboristica e laboratorio di serigrafia con pigmenti naturali a cura di Gianni Musillo e Ammostro (info 340.5094671).

Nella stessa area alle ore 16.00 ci sarà "giochiAMOlaPRIMAVERA", una serie di attività per i più piccoli a cura de “La Matassa” di Carosino e, alle ore 19.00, uno spettacolo di burattini a cura di Alice Pietroforte de “Il piccolo teatro di pane”.

Il momento clou sarà la grande festa finale con il rogo propiziatorio della Fucarazza, allestita solo ed esclusivamente con residui di potatura di vigna e ulivo (sarmenti e stroma), raccolti in fascine nei mesi precedenti dagli organizzatori, evitando così l’impiego di legni trattati.

La festa inizierà alle ore 20.00 con il "Corteo Inaugurale" che, con partenza in via Giorgio La Pira, vedrà la partecipazione del Carnevale di Satriano e dei Timpanisti Fajanensis; dopo un’ora circa ci sarà l’Accensione del Fuoco della Fucarazza cui seguirà, alle ore 21.00 circa, l’esibizione del gruppo musicale “Storytellers, mentre alle ore 23.00 inizierà il Djset del DJ PEG; alle ore 1.30, infine, si terrà il concerto di “WIAR - Acoustic duo”.

Sarà una lunga notte: alle ore 4.00 infatti, con rendez-vous davanti al fuoco, inizierà la "Passeggiata notturna" verso la Masseria Misicuro dove, dopo un’ora circa, inizierà il "Concerto all'alba" a sorpresa!

Il “Festival di Primavera”, che si avvale del patrocinio del Comune di Carosino, è organizzato dall’Associazione Fucarazza in collaborazione con il Centro Servizi Volontariato di Taranto che così intende essere sempre più presente nei territori collaborando con le associazioni che da anni vi operano e con le istituzioni.

La manifestazione diventa così, in occasione del suo decennale, un Momento partecipativo che ha visto l’Associazione “Fucarazza” affiancata nell’organizzazione dalle associazioni “Babele”, “La Matassa” e “Lablib”.

Gli organizzatori comunicano che i visitatori, muniti di sacco a pelo, potranno pernottare gratuitamente presso gli spogliatoi dello Stadio comunale dove saranno disponibili bagni e docce (info 328.6316844).

A Carosino da dieci anni dall’Associazione “Fucarazza” organizza, in un weekend del periodo dell’equinozio di primavera, una festa per tutta la comunità che tradizionalmente termina nella “zona festa” in via Giorgio La Pira, uno spiazzo appena fuori l’abitato, con il rogo propiziatorio della “Fucarazza” su cui viene issato un pupazzo che rappresenta le negatività dell’inverno, e non solo…

Da sempre la Fucarazza di Carosino viene allestita solo ed esclusivamente con residui di potatura di vigna e ulivo (sarmenti e stroma), raccolti in fascine nei mesi precedenti dagli organizzatori, evitando così l’impiego di legni trattati.

Quest’anno, in occasione del decennale della manifestazione, la festa durerà invece una intera settimana diventando così, per la prima volta, il “Festival di Primavera”; ogni giorno, da lunedì 8 aprile a sabato 13, ci saranno tante manifestazioni per grandi e piccini (programma su www.csvtaranto.it e Facebook “Associazione Fucarazza”).
Il “Festival di Primavera”, che si avvale del patrocinio del Comune di Carosino, è organizzato dall’Associazione Fucarazza in collaborazione con il Centro Servizi Volontariato di Taranto che così intende essere sempre più presente nei territori collaborando con le associazioni che da anni vi operano e con le istituzioni; In questo decennale la manifestazione diventa così un Momento partecipativo che vede l’Associazione “Fucarazza” affiancata nell’organizzazione dalle associazioni “Babele”, “La Matassa” e “Lablib”.

Le iniziative si terranno tutte nell’abitato di Carosino, attraversandolo così in lungo e in largo, tranne alcune che si terranno nell’antica Masseria Misicuro, a soli tre chilometri dal paese sulla strada per Francavilla Fontana.
Quest’anno l’Associazione “Fucarazza” riporta al centro del programma la comunità di Carosino, per la quale e nella quale opera da lustri organizzando iniziative per il recupero e la valorizzazione delle sue antichissime tradizioni.
Sono davvero tantissime le iniziative in programma in questo Festival della Primavera, come i corsi di panificazione tradizionale e di panzerotti e focacce, il teatro dei burattini, la proiezione di cortometraggi, la passeggiata erboristica e il laboratorio di serigrafia con pigmenti naturali, il convegno e il corso sull’agricoltura organica rigenerativa, una rassegna e un reading di poesia, la "Cerimonia del caffè eritreo", tanti concerti e performance musicali, nonché numerosi laboratori didattici e artistici e momenti ludici per i più piccoli.
Il momento clou sarà la grande festa finale che si terrà, sabato 13 aprile, nella “zona festa” in via Giorgio La Pira, dove si esibiranno band emergenti e saranno allestiti anche stand enogastronomici; in questa area l’acqua sarà comunque a disposizione del pubblico gratuitamente.
In tale occasione, anche grazie al CSV Taranto, si darà spazio all’incontro e confronto tra realtà del terzo settore del territorio comunale di Carosino e di altri comuni del nostro territorio provinciale, a testimoniare l’impegno che il volontariato ogni giorno mette in campo per il recupero delle tradizioni e, più in generale, per il benessere delle nostre comunità.

La morte di “Massimo Spreco”

Nel programma del Festival della Primavera è prevista, dalle ore 20.30 di giovedì 11 aprile, presso la sede della Fucarazza in Corso Umberto n.77, la veglia funebre del defunto “Massimo Spreco”, il nome assegnato quest’anno al fantoccio che sarà bruciato sulla Fucarazza.
Con “Massimo Spreco” si intende sensibilizzare la comunità sulla necessità di ridurre al minimo il materiale “usa e getta” di plastica che inquina l’ambiente, per questo nel Festival di Primavera le bevande saranno somministrate in bicchieri riutilizzabili in ceramica o in plastica rigida.
Ma “spreco” è anche la parola dialettale che a Carosino indica il “prega morto” nella veglia funebre, occasione in cui parenti e amici portavano a casa del defunto il “cunsulo”, ovvero cibarie, come un brodino, per i suoi parenti.
Per rinverdire questa tradizione, fuori alle case degli organizzatori del Festival della Primavera saranno affissi manifesti mortuari con cui si pregherà di passare dalla sede a dare le condoglianze per la morte di “Massimo Spreco” portando il “cunsulo”, in attesa che il giorno dopo si tengano i suoi funerali per le vie del paese il cui corteo funebre terminerà alla Fucarazza.

 

Programma “Festival di Primavera” Fucarazza

8 APRILE
- ore 19.00 proiezione del cortometraggio "Fuoco. Tradizione, cultura e rito.", regia di Cosimo Pastore Videomaker, presso il Palazzo Ducale D'Ayala Valva.
- ore 20.30 "Storielle paesane" di Vitale Boccadamo - poeta salentino ft. P40, presso la nostra sede in Corso Umberto 77.

9 APRILE
- ore 15.00, presso la Masseria Misicuro, "I sapori della tradizione. Mani in pasta", corso di panificazione a cura del Mulino Nero di Crispiano (per info e prenotazioni contattare +39 389 626 9939).
- ore 17.00 "Selvaggia: laboratorio didattico-artistico" dedicato ai più piccoli, presso LARO, libreria per bambini a cura dell'Associazione Lab Lib e di LARO, libreria per bambini.
- ore 20.00, presso la nostra sede in Corso Umberto 77, "Fioriture spontanee", comunicazione finale del laboratorio teatrale a cura di Delia De Marco.

10 APRILE
- ore 15.00, presso la Masseria Misicuro, "I sapori della tradizione. Mani in pasta", corso di focaccia e pizza in pala a cura di Walter Caniglia (per info e prenotazioni contattare +39 389 626 9939).
- ore 20.00, presso Piazza Don Bosco, "Finestre", la rassegna di poesia organizzata dall' Associazione Fucarazza in collaborazione con Gaia Favaro, Pina Angiulli e Angelo Pacifico.

11 APRILE
- ore 15.00, presso la Masseria Misicuro, "I sapori della tradizione. Mani in pasta", corso di panzerotti pugliesi a cura di Walter Caniglia (per info e prenotazioni contattare +39 389 626 9939).
- ore 19.00, presso il Palazzo Ducale D'Ayala Valva, presentazione della graphic novel "Tutta la notte del mondo" di Coma Empirico.
- dalle 20.30, presso la nostra sede in Corso Umberto 77, veglia funebre accompagnata da doveroso cunsulo. A seguire "DJ set col morto" a cura di ORb dj set (Giuseppe Gioia).

12 APRILE
- ore 17.00, presso la nostra sede in Corso Umberto 77, "Cerimonia del caffè eritreo" di Hadgu Tsegey e Majeda Newara. Contemporaneamente ci sarà "Quotidiane epifanie", reading poetico di Maira Marzioni con Emmanuel Ferrari. Il tutto è curato dallo SPRAR Carosino Babele aps.
- ore 20.30, zona festa, in via Giorgio La Pira, "Mitomorfosi: letture - musica - pittura", a cura del Collettivo Rizoma. A seguire concerto di Oh Petroleum.

13 APRILE
- ore 9.00, in via Togliatti 4, "Discussione ed esempi pratici di agricoltura organica rigenerativa", corso a cura di Vito Rocco Torraco.
- ore 15.00, "Calma di Fuoco: dal calore della terra al colore delle piante", passeggiata erboristica e laboratorio di serigrafia con pigmenti naturali a cura di Gianni Musillo e Ammostro (per info e prenotazioni +39 340 509 4671). Ritrovo in via Giorgio La Pira.
- ore 16.00, in via Giorgio La Pira, "giochiAMOlaPRIMAVERA" una serie di attività per i più piccoli a cura de La Matassa - Carosino.
- ore 19.00 spettacolo di burattini a cura di Alice Pietroforte de Il piccolo teatro di pane, in via Giorgio La Pira.
ore 20.00, "Corteo Inaugurale" con la partecipazione del Carnevale di Satriano e dei Timpanisti Fajanensis. Partenza da via Giorgio La Pira.
- ore 21.00 Accensione del Fuoco, nella zona festa.
- dalle ore 21.30 tre gruppi si susseguiranno per farci divertire: Storytellers, Atollo13 e WIAR - Acoustic duo.
- ore 4.00 incontro davanti al fuoco per la "Passeggiata notturna" verso la Masseria Misicuro.
- ore 5.00 "Concerto all'alba" a sorpresa, presso la Masseria Misicuro.

Durante il festival sarà possibile visitare, presso il Palazzo Ducale D'Ayala Valva, la mostra "Ilvarum Yaga".

 

Un appuntamento da non perdere quello di sabato 17 novembre inserito nel cartellone del Premio "Rosanna Murgolo",Rassegna Teatrale Nazionale, organizzato dalla Compagnia del Belvedere, che propone "Berretto a sonagli" di Luigi Pirandello portato in scena dalla compagnia “Luna Nova” di Latina, in napoletano nella versione di Eduardo De Filippo. Regia di Roberto Becchimanzi. Inizio spettacolo ore 21,00. Le porte del Teatro Comunale di Carosino si apriranno al pubblico alle ore 19,30. Costo del biglietto posto numerato euro 5,00. Info e prenotazioni al 351.9157550. 

La trama è nota. La commedia ruota attorno al tema dell’ipocrisia. La società costringe gli individui ad apparire rispettabili, obbedendo a precisi codici di comportamento. In realtà tutto è permesso, purché si salvino le apparenze.
La signora Beatrice sospetta che suo marito, il cavalier Fiorica, la tradisca con la giovane consorte del suo scrivano Ciampa. Logorata dalla gelosia, ordisce una trappola per sorprendere i due in flagranza, in modo da dare una lezione al marito e ricondurlo a sé, sottomesso e pentito. La reazione di Ciampa è furiosa, non tanto per il presunto tradimento di cui era a conoscenza e che aveva voluto ignorare per una complicate e sordide ragioni di convenienza, ma per essere stato coinvolto dalla signora Beatrice nell’evento che avrebbe minato la sua rispettabilità.
Anche se dopo la denuncia e l’irruzione in casa del delegato Spanò non emergono elementi compromettenti (o il delegato non vuole che appaiano tali, in Pirandello il confine è sempre molto sfumato) Ciampa non si placa, poiché anche un verbale negativo non cancella sospetti e chiacchiere della gente: l’unica soluzione è ammazzare moglie e amante!
Tutti in casa cercano di minimizzare il comportamento di Beatrice come un gesto di pazzia e a Ciampa viene un’idea: la signora Beatrice deve farsi passare veramente per pazza e cerca quindi di convincerla a farsi tre mesi di villeggiatura in una casa di salute.
Stimolata dalla paradossale provocazione Beatrice dà in escandescenze e grida in faccia all’uomo la verità della sua condizione di "becco", una verità non credibile, consentita solo ai pazzi.
La scena finale vede la madre, il fratello e il delegato che cercano di portar via Beatrice, che continua a gridare come se fosse impazzita davvero, mentre Ciampa «si butta a sedere su una seggiola in mezzo alla scena, scoppiando in un'orribile risata, di rabbia, di selvaggio piacere e di disperazione a un tempo».

Cultura ed integrazione: torna in Puglia l’evento più atteso dell’anno

Miss Progress International-Donne per il Progresso è giunto alla sua sesta edizione: è un format originale, in cui la bellezza ricopre un ruolo marginale.

TARANTO – Torna in Puglia, per la sesta edizione, Miss Progress International-Donne per il Progresso, l’evento che mira a far risaltare la qualità dell’impegno delle partecipanti per la salute, l’ambiente, i diritti umani e l’integrazione culturale, che valorizzano la figura della donna nell’ambito sociale e le offrono un ruolo del tutto nuovo nell’ambito dello spettacolo.
Le Ambasciatrici del Progresso, che provengono da ogni angolo del mondo, hanno il compito di sviluppare un progetto sociale: il più interessante e realizzabile sarà premiato da una giuria qualificata che il 24 settembre ascolterà una ad una le proposte elaborate.

Il format, nel corso degli anni, ha ottenuto riconoscimento delle più importanti istituzioni nazionali (tra esse, il Presidente della Repubblica, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministro del Turismo) che ne hanno sottolineato la grande valenza sociale e le importanti finalità umanitarie.
Anche quest’anno la Regione Puglia ha concesso, per mano del Presidente della Giunta, Michele Emiliano, il patrocinio morale.

Miss Progress International è un evento internazionale organizzato dall’associazione culturale In Progress di Carosino ed inizierà venerdì 21 Settembre, quando le concorrenti e i loro accompagnatori saranno accolti all’aeroporto di Brindisi per poi essere accompagnati nel lussuoso Messapia Hotel & Resort di Santa Maria di Leuca.
Di particolare rilievo, quest’anno, sarà il seminario sulla prevenzione dei tumori della donna, che sarà tenuto dal prof. Mattia Intra dello IEO (Istituto Europeo di Oncologia) di Milano.
Durante la cena in beneficenza di sabato 22 al Messapia Hotel e con la marcia in programma a Fragagnano sabato 29, si raccoglieranno dei fondi che saranno destinati al progetto Women’s Cancer Centre, della Fondazione IEO-CCM di Milano.

Dal Capo di Leuca alle Grotte di Castellana, passando per il quartiere delle ceramiche a Grottaglie e attraverso l’oasi del WWF a Torre Colimena, per dieci giorni il gruppo multietnico scoprirà le bellezze della Puglia attraverso un vero e proprio percorso multisensoriale tra le province di Lecce, Taranto e Bari.
Dal Castello Muscettola di Leporano (TA) (foto), venerdì 28, in diretta mondiale streaming, tutto il mondo conoscerà il nome di chi succederà alla vincitrice dello scorso anno, la filippina Jedaver Pancho Opingo, ospite d’onore, che documenterà l’avvenuta realizzazione del suo progetto.

Ad Avetrana, sabato 29 settembre, in un pomeriggio “anni ‘50” dedicato all’olio extra-vergine d’oliva, l’ultimo appuntamento in programma, organizzato dalla Pro-Loco cittadina.
Saranno dieci giorni all’insegna della cultura, dell’integrazione sociale e del progresso, con l’intento di contribuire a rendere il mondo un posto migliore.

 

Con una “tre giorni” a Monteiasi dedicata al teatro si concludono le attività del primo anno di Radices, un progetto realizzato dall'ATS dei Comuni di Carosino, Maruggio, Fragagnano e Monteiasi, con il contributo della Regione Puglia Avviso sullo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche (art. 45 del D.M. 1 luglio 2014) - ambito teatro.

Nelle serate di venerdì 7, sabato 8 e domenica 9 settembre, alle ore 20.00 in piazza Immacolata a Monteiasi, si terrà la manifestazione “#PassioneTeatro” con la direzione artistica dell’APS Aretè; la partecipazione a tutte le iniziative in cartellone è libera e gratuita.
Hanno contribuito all’organizzazione dell’evento la Parrocchia “San Giovanni Battista” di Monteiasi, il Gruppo Anonimo 74, l’Associazione Mille Mani, l’Agenzia Il Cerchio, l’Associazione All’Opera, l’Associazione Opus in Musica, l’Associazione Terra Nostra e l’Organizzazione di Volontariato “Autismiamo”.
L’evento è realizzato con il contributo di Nipa SRL, Nuova Edilizia Gigante e Clider SRL.
Nelle tre giornate di “#PassioneTeatro” l’APS Aretè terrà, alle ore 18.00, uno stage teatrale gratuito, a carattere ludico e ricreativo, a favore di bambini over 6 anni e famiglie; nell’ultima serata (9 settembre) tutti i partecipanti andranno in scena nella pièce “La congiura dei cappuccetti”.

Ricco il programma della prima serata, dalle ore 20.00 di venerdì 7 settembre, che si aprirà con i giochi tradizionali a cura dell’Associazione Mille Mani; poi l’Agenzia “Il Cerchio” realizzerà lo spettacolo di burattini “Paglio e la scatola del Mago Blu”, l’APS Aretè porterà in scena “L’intrepido Soldatino di Stagno” in cui burattini e attori in carne ossa interagiscono per parlare ai bambini di bullismo, amore e integrazione; l’Associazione “All’Opera”, infine, proporrà lo spettacolo “All’opera dove c’è condivisione c’è amore”.
La seconda serata, dalle ore 20.00 di sabato 8 settembre, si aprirà con la performance “La Giara” a cura del Gruppo Anonimo 74, mentre in seguito la compagnia teatrale degli “Aretè” porterà in scena “Peregrinus”, una pièce teatrale che affronta da più prospettive il tema dell’immigrazione. Gran finale con lo spettacolo di mentalismo di Alex Borsci, il più giovane illusionista psicologico in attività in Italia, che proverà a catturare la mente del pubblico!
La serata finale, dalle ore 20.00 di domenica 9 settembre, si aprirà con la sfilata di abiti medievali, a cura dell’Associazione Terra Nostra, con l’accompagnamento musicale degli “Opus in Musica”, per poi proseguire con la performance “Brancaccio” a cura del Gruppo Anonimo 74 e lo spettacolo “Dal giullare al clown – Mago Puff e la sua Puffetta” curato dall’Agenzia Il Cerchio. Concluderà la manifestazione “La congiura dei cappuccetti” con protagonisti i partecipanti allo stage di Areté.

Solo pochi giorni fa abbiamo pubblicato un manifesto dal quale si evinceva che ormai i Carosinesi, per alcuni servizi essenziali, devono recarsi a San Giorgio, e che alcune professionalità comunali le abbiamo ormai in “società” con il comune di San Giorgio.

Pensavamo anche, in verità, di aver raggiunto l’apice di questa pseudo - unione durante la 52^ Sagra del vino, una delle poche manifestazioni che i carosinesi, e non solo, aspettano durante l’estate perché è uno degli eventi che è profondamente radicato nelle NOSTRE tradizioni. Ma anche la sagra, quest’anno, l’abbiamo fatta in società con il comune di San Giorgio e abbiamo visto sfilare sul palco associazioni ed amministratori di quel comune.
Ma il bello doveva ancora venire…
Nei giorni scorsi abbiamo visto pubblicizzare, a 360 gradi, una manifestazione denominata “Evento a KM 0”, che avrebbe visto la partecipazione del comune di San Giorgio e di Carosino con le rispettive Pro loco.
L’obiettivo dichiarato è quello di intercettare e incrementare l’attrattiva dei luoghi di elevato interesse attraverso la valorizzazione dei percorsi e/o itinerari turistico culturali con particolare attenzione a quelli enogastronomici, agrituristici e ambientali del nostro territorio (Carosino, San Giorgio ed i comuni che aderiscono a Montedoro).
Ci aspettavamo, quindi, un coinvolgimento di tutti gli enti del terzo settore e delle attività commerciali presenti a Carosino, avendo la possibilità di creare, finalmente, questa “benedetta rete” tanto auspicata. Invece no. Non è stato così, perché, prendendo visione del programma dell’evento, salta subito all’occhio che a Carosino sono toccate le “parole”, con soltanto un convegno (pubblicizzato solo il giorno prima, e al quale ovviamente hanno partecipato solo gli addetti ai lavori) presso il nostro Castello. A San Giorgio, invece, in via Salvo D’Acquisto (a due passi dalla sede del municipio di San Giorgio), è spettata l’intera manifestazione canora ed enogastronomica ma non con artisti e prodotti “CAROSANGIORGESI”.
Chiariamo subito: noi non abbiamo nulla contro gli amministratori di San Giorgio e contro le associazioni di quel comune. Anzi, abbiamo sostenuto, e sempre sosterremo e promuoveremo, ogni iniziativa orientata alla collaborazione INTELLIGENTE ed EQUILIBRATA tra comuni appartenenti alla stessa area.
Il punto è proprio questo: collaborare, unirsi in rete significa mettere in comune idee, risorse, persone per ottenere risultati comuni, che vadano a vantaggio di tutti i soggetti coinvolti, in modo equo, con ruoli paritari. In questo caso, invece, non è stato assolutamente così: San Giorgio ha avuto la parte migliore dell’evento, che si è svolto nel territorio sangiorgese e che ha avvantaggiato esclusivamente i commercianti sangiorgesi. Sarebbe bastato (con gli stessi soldi) organizzare due serate, una a Carosino ed una a San Giorgio, per rendere visibile e fruttuosa questa collaborazione PARITARIA tra i due comuni.
Per concludere, ancora una volta questa amministrazione è stata capace di “umiliare” i nostri cittadini, tutto il nostro terzo settore e tutte quelle attività commerciali che da questo evento avrebbero potuto trarre dei benefici. Come se non fossero già bastate alcune scelte quantomeno discutibili che sono state messe in campo e altre…che sicuramente ci saranno riservate, in un prossimo futuro, che rischiano di mettere in ginocchio un intero settore. Per fortuna mancano pochi mesi alla fine del mandato amministrativo, altrimenti rischieremmo di essere venduti, anzi, SVENDUTI…
Quindi…evento a km zero sì…ma solo per Carosino!!!

 

Continua a Maruggio la rassegna teatrale "Teatro Mare" che, giunta alla XIX edizione, è organizzata dal Comune di Maruggio in collaborazione con il Gruppo Teatrale "La Filodrammatica Maruggese". Media partner Maruggio e Dintorni Story - Associazione di Promozione Culturale e Sociale.

Quest’anno la rassegna teatrale è inserita nel progetto Radices realizzato dall'ATS del Comune di Maruggio, Carosino, Fragagnano e Monteiasi, con il contributo dell'Avviso sullo spettacolo dal vivo e le residenze artistiche (art. 45 del D.M. 1 luglio 2014) - ambito teatro.

Alle ore 21.00 di venerdì 17 agosto, presso il Giardino della Biblioteca Comunale, in Piazza San Giovanni a Maruggio, il Gruppo Teatrale “La Filodrammatica Maruggese” presenta “Le sorprese del divorzio”, una commedia brillante in due atti di Bisson e Mars, liberamente adattata da Nicola Pastorelli.
Ticket € 4 con info e prenotazioni c/o il negozio di materiale elettrico di Gaetano Lombardi, sito a Maruggio, alla via Vittorio Emanuele n° 64; tel 099/676546 - 380/4381842.

La commedia “Le sorprese del divorzio” porta in scena equivoci e situazioni paradossali, propri dell'eterno scontro tra genero e suocera.
Enrico ha sposato Diana, una fanciulla che, in dote, ha portato pure una madre insopportabile e invadente. Esasperato dalle due donne, Enrico divorzia e si risposa con Gabriella.
Un brutto giorno scopre che il padre di Gabriella, tra tutte le donne del mondo, durante un viaggio, ha appena portato all'altare proprio Diana, con immancabile madre al seguito più agguerrita che mai. Insomma, Enrico scopre che la sua ex moglie adesso è diventata sua suocera e cerca di correre ai ripari.

 

Il GAL Magna Grecia torna a Carosino, uno dei dodici comuni compresi nel suo territorio, per presentare le importanti opportunità offerte dal nuovo PAL (Piano di Azione Locale), progetto finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito della Misura 19 del PSR Puglia 2014-2020.

La presentazione si terrà alle ore 17.30 di giovedì 26 aprile, presso Palazzo Ducale D’Ayala Valva a Carosino, lo splendido edificio quattrocentesco nei cui locali pedanei il GAL Magna Grecia ha finanziato e realizzato, nella precedente programmazione PSR, la “Casa del Gusto”, una struttura attrezzata in cui è possibile realizzare eventi enogastronomici con cooking show.

Annunciando l’iniziativa Luca Lazzàro, Presidente del GAL Magna Grecia, ha spiegato che «tornare qui a Carosino ha un valore altamente simbolico, in quanto in questa comunità abbiamo realizzato la Casa del Gusto, una struttura della quale non sono state ancora sfruttate le enormi potenzialità a sostegno del turismo enogastronomico, peraltro lo stesso che, a mio parere, accade con la “Sagra del Vino” che ha straordinarie potenzialità come attrattore turistico, una delle pochissime, se non l’unica, manifestazione il cui il vino zampilla per giorni e giorni da una fontana!»

«Con il nostro PAL – ha poi detto Luca Lazzàro – intendiamo mettere in rete tutti gli operatori, Istituzioni e stakeholder che possono dare un contributo al rilancio del territorio, in particolare mediante un nuovo modello di sviluppo, “green” e sostenibile, che vede nel turismo rurale ed enogastronomico uno dei suoi principali assett».

«Vogliamo fornire loro – ha concluso Luca Lazzàro – gli strumenti per poter sfruttare appieno tutte queste potenzialità finora inespresse, in particolare utilizzando i servizi innovativi che saranno realizzati da nuove imprese di cui, nell’ambito del nostro PAL, cureremo le start up e di quelle esistenti che andremo a innovare, un nuovo modo di sostenere il mondo rurale, perché noi del GAL Magna Grecia #coltiviamoidee #realizziamoilfuturo!».

Questi, infatti, sono i due hashtag emblematici scelti per gli incontri dal titolo “Il Piano di Azione Locale del GAL Magna Grecia: strumento di sviluppo economico” che vedranno presentare “le opportunità di finanziamento a favore di istituzioni, aziende e associazioni del territorio”.

A Carosino, come detto, l’incontro si terrà alle ore 17.30 di giovedì 26 aprile, presso Palazzo Ducale D’Ayala Valva a Carosino.

I lavori saranno aperti dal saluto di Arcangelo Sapio, Sindaco di Carosino, e poi proseguiranno con l’introduzione di Aldo Marinelli, consigliere delegato Attività produttive del Comune di Carosino. In seguito ci sarà la relazione tenuta da Ciro Maranò, Direttore del GAL Magna Grecia, che presenterà il nuovo Piano di Azione Locale, cui seguirà l’intervento di Giovanni Friuli, presidente della Pro Loco di Carosino.

Le conclusioni saranno affidate a Luca Lazzàro, Presidente GAL Magna Grecia.

Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk