Roma - “L’annuncio ormai ufficiale di Taranto candidata per organizzare i Giochi del Mediterraneo 2025 ci riempie di immensa soddisfazione. Vogliamo ringraziare innanzitutto la Ministra del Sud Barbara Lezzi per l’impegno dimostrato anche in questa occasione verso il nostro territorio per il quale non ha mai smesso di spendere le sue energie, lavorando affinché la proposta di candidatura da parte delle amministrazioni locali avesse una sua traduzione concreta. Un augurio di buon lavoro va a tutti gli attori istituzionali coinvolti in questa sfida.”  Così i deputati del M5S Gianpaolo Cassese, Rosalba De Giorgi, Alessandra Ermellino, Giovanni Vianello e il senatore Mario Turco a commento della notizia lanciata questa mattina in conferenza stampa dalla ministra Lezzi, il sottosegretario Giorgetti, il presidente del Coni Giovanni Malagò e il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci.   
“Auspichiamo adesso che la candidatura vada a buon fine, in quanto questo appuntamento potrà costituire una straordinaria opportunità per rafforzare sinergie territoriali sia in termini di gestione e promozione dell’evento, sia in termini di ammodernamento infrastrutturale, sia in termini di ospitalità diffusa delle gare, di cui beneficerà non solo Taranto, ma un’area ben più vasta: Lecce, Brindisi, Grottaglie, Massafra, Martina Franca, Fasano, San Giorgio Ionico, Francavilla, Monopoli, Valle d’Itria, Laterza, Castellaneta, Ginosa, Manduria, Montemesola” chiariscono i parlamentari ionici.
“Nell’ambito degli interventi per la rigenerazione urbana, come riferimento per tutta la provincia, è prevista a Taranto la realizzazione di cinque impianti, tra cui il nuovo stadio del nuoto e il nuovo centro nautico. Sono inoltre previste consistenti opere di ristrutturazione degli impianti esistenti, dal campo scuola che sorge a Salinella, uno dei poli più importanti per lo sport e l’atletica leggera, al palazzetto dello sport Valentino Mazzola, e dei principali centri sportivi dell’intera provincia” proseguono.     
“Questo evento di rilievo internazionale, che durerà 15 giorni e vedrà la presenza sul territorio di circa 4000 atleti coinvolti, oltre a tecnici, dirigenti, accompagnatori, giornalisti ed operatori dei Media ed a un rilevante numero di spettatori, potrà rappresentare una chiara e concreta rivincita per la nostra terra, che merita di tornare a vivere e di mettere a valore le sue enormi potenzialità. L’esito della candidatura annunciata oggi è la dimostrazione – concludono i parlamentari – che solo se le amministrazioni locali fanno squadra ed entrano in sinergia con il Governo, è possibile realizzare pienamente il progetto di rilancio di Taranto e dell’itero territorio ionico – salentino.”

A nove anni dalla sua scomparsa, venerdì 3 maggio, è stata ricordata la figura del dott. Ciro De Roma, illustre medico grottagliese, nonchè persona dalla grande sensibilità e cultura.
Presso  il Monastero di Santa Chiara di Grottaglie, è stata celebrata una S. Messa in suo ricordo. A seguire ha avuto luogo  un omaggio dal titolo “Ciro De Roma: uomo, cittadino, medico. A 9 anni dalla sua scomparsa”. Dopo l’introduzione curata da Salvatore Savoia, il professor Rosario Quaranta ha tracciato un profilo biografico del dottor Ciro De Roma. L’attore-regista Valerio Manisi ha letto la poesia “La funtanedda mea” scritta dal medico grottagliese. Al termine degli interventi Gianpaolo Cassese ha annunciato alcune iniziative che verranno messe  a punto per il X° anniversario della scomparsa del medico gentiluomo. Di seguito la sintesi dell'intervento di Salvatore Savoia, suo amico che insieme a Gianpaolo Cassese, hanno ideato la serata e in cantiere ci sono altre iniziative dedicate a questo illustre grottagliese. 

Salvatore Savoia scrive:  "La memoria è un dispositivo della comunicazione che opera attraverso la distinzione di due parti: il ricordare e il dimenticare. Quando si attiva la memoria essa è identificata con quella parte della distinzione che è il ricordare.

Grottaglie ha dato i natali ad uomini illustri, che nel loro passaggio terreno hanno lasciato un segno tangibile, concreto. Ma Grottaglie ha una vocazione: quella di dimenticare. A prevalere è l’altra parte della distinzione: quella, appunto, del dimenticare. A dimostrazione di ciò sono la toponomastica grottagliese, avara nel ricordare i suoi uomini illustri, e la pressoché assenza di epigrafi (fatta eccezione per quelle di Giuseppe Battista, San Francesco De Geronimo e Madre Teresa Quaranta).
Il dottor Ciro De Roma è uno di quegli uomini illustri che ha lasciato un segno come uomo, come cittadino, come medico. Ha lasciato un segno nella sua amata moglie, nei suoi figli, nei suoi nipoti e in tutti coloro che lo hanno conosciuto. Ha lasciato un segno come cives, per il suo impegno politico durante gli anni della giovinezza e più tardi per l’attività svolta nei Lions, ma non solo. Ha lasciato un segno come medico: tra i suoi pazienti e tra i suoi colleghi, per la sua umiltà, per la sua capacità di ascoltare l’altro, per il suo fare gentile.
La memoria ha a che fare con il presente e non con il passato. Il futuro, ci ricorda il filosofo tedesco Koselleck, dipende dalle decisioni prese al presente. E il presente ci dice che grottagliesi che hanno lasciato un segno, come il dottor Ciro De Roma, sono dimenticati. Il presente ci dice che per costruire il futuro, che è naturalmente incerto, è necessario avere dei vincoli, cioè dei punti di riferimento. E uno di questi è il dottor De Roma. Da qui l’ambizione coltivata con Gianpaolo Cassese di cristallizzare la memoria del dottor Ciro De Roma ed evitare che i segni lasciati durante il suo cammino terreno possano essere spazzati via dal vento dell’indifferenza.
Intitolargli l’attuale piazza Leopardi e bandire un concorso di poesie con il coinvolgimento degli studenti sono soltanto alcuni momenti di un percorso pensato per ricordare l’uomo, il cittadino, il medico."

Di seguito la video registrazione della serata.

ROMA - "Il Governo ha stanziato 500milioni di euro a favore degli investimenti per le filiere agricole e agroalimentari italiane. Ne conseguiranno grandi opportunità di crescita anche per la Puglia e per tutte le regioni del Sud, che non a caso rappresentano il bacino da cui provengono l’80% dei progetti presentati dalle aziende per il bando dei contratti di filiera e di distretto. La Puglia ha tutte le carte in regola per assumere un ruolo da protagonista nel settore agricolo, considerato finalmente dal Governo come settore strategico su cui investire". Lo afferma il deputato Gianpaolo Cassese, componente della Commissione Agricoltura, il quale aggiunge: “Quella appena varata dal Governo è una misura senza precedenti, come ha giustamente ribadito la nostra ministra del Sud Barbara Lezzi, definita in concomitanza con il decreto Emergenze Agricoltura, che interviene sui danni alle imprese agricole provocati dalla Xylella e dalle gelate in Puglia, oltre che sulla crisi dei settori ovino-caprino e agrumicolo. Interventi di grande importanza – prosegue Cassese - per coniugare rilancio del Made in Italy nel comparto agricolo e agroalimentare e rilancio del Sud".

"Nel complesso mezzo miliardo di euro potrà essere speso per la produzione primaria, la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli, per la promozione e la pubblicità di prodotti di qualità certificata o biologici e perfino a scopi di ricerca e sperimentazione. Nello specifico – spiega il deputato Cassese - il Governo ha recepito le nostre istanze ed è andato oltre ogni previsione, peraltro aumentando di 100 milioni l'importo previsto dal Fondo sviluppo e coesione 2014-2020 a favore dei contratti di filiera gestiti dal Ministero".

"Nel campo dell'agricoltura - conclude Cassese - la nostra maggioranza sta attuando politiche di sostegno mirate a promuovere, incentivare e valorizzare le produzioni italiane, sapendo che ciò equivale anche a garantire posti di lavoro, progresso economico e miglioramento della qualità della vita. Ma se questo indirizzo politico nazionale non trova riscontro nelle politiche di chi amministra i singoli territori, il rischio è che se ne disperda il potenziale. È quanto voglio scongiurare, ma purtroppo temo per la Puglia, a causa di un governo regionale miope e inadeguato che non sono certo saprà accompagnare questi nostri sforzi con azioni di tutela ambientale e delle imprese del settore all’altezza della sfida che abbiamo lanciato” conclude.

 

Con Arcivescovo Santoro l'impegno comune per promuovere il culto di San Francesco de Geronimo

“Abbiamo appreso dalla stampa che i Gesuiti lasceranno Grottaglie. Un annuncio che accolgo, come i miei concittadini, con grande amarezza. Si chiude non solamente un importante pezzo di storia religiosa, ma di cultura e tradizione locali di grande valore.” Questo il commento del deputato Gianpaolo Cassese (M5S) dopo l’annuncio della chiusura della antica comunità di Monticello, che da anni pativa una riduzione numerica divenuta oramai insostenibile.

“Ben sapendo che altre importanti sedi storiche di questo Ordine, anche a livello regionale, purtroppo hanno avuto la stessa sorte, il dispiacere diffuso e condiviso a Grottaglie è tanto e mi ha spinto a chiedere un incontro sabato scorso, presso Casa San Paolo a Martina Franca, all’ Arcivescovo, Sua Eccellenza Mons. Filippo Santoro che, nonostante le sollecitazioni innumerevoli e la sua ferma contrarietà, non è riuscito a modificare tale decisione. Dal colloquio ho avuto conferma di quanto l'Arcivescovo sia deciso a tradurre questo momento di fragilità e rammarico in momento propositivo e di forza. Il Suo impegno sarà infatti quello di trovare la strada affinchè un patrimonio di storia e cultura non vada disperso a partire dalla valorizzazione e la promozione del culto di San Francesco de Geronimo, compito che verrà affidato ad un consesso di sacerdoti grottagliesi quali custodi della memoria e della conoscenza locale.” Prosegue Cassese.

“In qualità di appassionato di storia e devoto di San Francesco, del quale conservo una ricca bibliografia, ho voluto infine donare a Monsignor Santoro “Le Indie di quaggiù”, una pubblicazione che raccoglie gli atti di un convegno nazionale sul Santo che organizzai alcuni anni fa. Un dono che per me vuol rappresentare l’impegno comune affinchè alla figura di San Francesco de Geronimo si dia nuovo vigore e tutta l’attenzione che merita.” Conclude il deputato.

 

"Incisivo ed appropriato l’intervento del Ministro Di Maio questa mattina in Parlamento a proposito della complessa questione che riguarda l’ILVA, dichiarando tutto l’impegno possibile per trovare una soluzione a questa importante vertenza, sia sul piano occupazionale, sia sul piano ambientale e della tutela della salute dei cittadini. E’un grande sollievo poter finalmente contare su una politica che punta non solo a fare chiarezza sulle troppe anomalie della gara per l’ILVA, affinchè i responsabili di eventuali irregolarità compiute paghino, ma anche a fare finalmente luce sulle responsabilità politiche e sui tanti errori commessi in passato che hanno portato uno dei poli strategici per la siderurgia europea allo stato attuale, con conseguenze disastrose per il territorio che sono sotto gli occhi di tutti. Anche sulle responsabilità politiche, lo ribadisco, spero che si riesca a fare chiarezza una volta per tutte”. E’ quanto dichiara il deputato Gianpaolo Cassese (M5S), componente della Commissione Attività Produttive della Camera.

“Percorrere la strada della legalità, come ha sottolineato con forza il nostro Ministro in Aula, è il primo fondamentale segnale di cambiamento di cui soprattutto i cittadini di Taranto, che vivono il dramma dell’ILVA sulla propria pelle, hanno bisogno. Di Maio potrà certamente contare, in tale lavoro di ricerca della verità e di affermazione della legalità, sul mio appoggio e su quello della maggioranza dei cittadini che hanno a cuore il futuro di questa terra.” Conclude Cassese.

Sabato e domenica a Grottaglie, banchetto informativo dedicato al programma di governo. Alle 18.30 di domenica, la prima agorà politica  con la presenza del portavoce alla camera, Gianpaolo Cassese.

Grottaglie - Dopo aver sostenuto insieme la campagna elettorale del Movimento 5 Stelle per le elezioni politiche 2018, che ha visto eleggere tra i Portavoce alla Camera dei Deputati, anche il nostro concittadino Gianpaolo Cassese, i meetup “Amici di Beppe Grillo Grottaglie” e “Futuro a 5 Stelle Grottaglie” comunicano che, in totale spirito di ritrovata unione, hanno deciso di sciogliere i rispettivi gruppi per confluire insieme e proseguire un percorso di cittadinanza attiva nel segno dell’unità nel nuovo meetup chiamato "ATTIVISTI 5 STELLE GROTTAGLIE".

Le problematiche presenti nella nostra città, e più in generale sul nostro territorio, sono state fondamentali e alla base di questa decisione. Problematiche che meritano di essere affrontate con coraggio, competenza e, soprattutto, spirito di coesione. La condivisione dei valori e dei principi fondamentali del M5S, ben rappresentati nella Carta di Firenze, è il collante di tutto il gruppo che, alla luce delle esperienze del passato, ritrova pienezza di rapporti e fiducia reciproca nel lavoro di squadra che ci attende.

E questa domenica 20 maggio alle ore 18.30 in Piazza Principe di Piemonte a Grottaglie, si terrà la prima Agorà politica di presentazione del meetup dedicata al contratto di governo che in queste ore sta prendendo vita tra il Movimento 5 Stelle e la Lega. Interverrà Gianpaolo Cassese, Portavoce alla Camera dei Deputati per il Movimento 5 Stelle eletto lo scorso 4 marzo con un risultato plebiscitario nel collegio 11 compresa la sua città d'origine, Grottaglie. Reddito di cittadinanza, la pensione di cittadinanza, l'abolizione della legge Fornero, l'eliminazione delle pensioni d'oro, lo stop al business dell'immigrazione, una tassazione più bassa per le imprese e, non per ultimo, la chiusura delle fonti inquinanti, tema caro al territorio jonico, tra i vari argomenti che saranno trattati.

Inoltre sia sabato 19 che domenica 20, gli attivisti del Movimento 5 Stelle saranno sempre in Piazza Principe di Piemonte con un banchetto informativo per informare tutti i cittadini sui punti del contratto.

“Le amministrazioni locali farebbero bene a impugnare davanti al Tar la determina della Provincia di Taranto sull’ampliamento del terzo lotto della discarica La Torre Caprarica di Grottaglie”.

Lo dichiarano i parlamentari tarantini del Movimento 5 Stelle, Giovanni Vianello, Alessandra Ermellino, Rosalba De Giorgi, Gianpaolo Cassese e Mario Turco.

“Il provvedimento di ampliamento della discarica, ufficialmente firmato dal dirigente del settore Pianificazione e Ambiente, Lorenzo Natile, ma in via ufficiosa avallato dal presidente della Provincia Tamburrano va ancora una volta contro la volontà dei cittadini. Agire quindi per vie legali è l’unica soluzione” - rimarcano i parlamentari.

“Il Tarantino rischia di subire l’ennesimo progetto dannoso per l’ambiente e la salute per mano di un Ente guidato da una carica non eletta” - continuano, specificando a questo proposito - “Dovrebbe inoltre essere accertata la sussistenza dei presupposti di legittimità, in quanto secondo la riforma Delrio ‘il presidente della Provincia decade dalla carica in caso di cessazione dalla carica di sindaco’. Punto tra l’altro non equivocato dalla sentenza n. 04227/2017 del Consiglio di Stato”.

“In nome del profitto si persegue un falso guadagno, perché non esiste alcuna logica strategica che possa giustificare il raddoppio della discarica, infatti la provincia di Taranto ha già una ben ampia disponibilità di siti di smaltimento rifiuti, tanto che si arriva a superare il fabbisogno provinciale” - sostengono i parlamentari del M5S di Taranto, concludendo: “Per evitare un ulteriore spreco di risorse, tutelando così la salubrità dei luoghi, si deve puntare alla diminuzione a monte della produzione dei rifiuti, al riciclo, al recupero delle materie e solo in forma residuale, allo smaltimento in discarica”.

Gianpaolo Cassese premiato dal CIB - Consorzio Italiano Biogas per la migliore pratica aziendale dell’anno.

“Un riconoscimento che arriva in un momento particolare della mia vita e mi riempie di gioia e soddisfazione”. Così Gianpaolo Cassese, amministratore della “Fratelli Cassese”, commenta a caldo la notizia giunta da Roma di uno dei più importanti premi dedicati alla sostenibilità ambientale, insignito lo scorso lunedì dal CIB - Consorzio Italiano Biogas, proprio negli ultimi giorni della sua campagna elettorale che lo vede candidato con il Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati nel Collegio Uninominale Martina Franca 11.

Il CIB – Consorzio Italiano Biogas è la prima aggregazione volontaria che riunisce aziende agricole produttrici di biogas e biometano da fonti rinnovabili; società industriali fornitrici di impianti, tecnologie e servizi per la produzione di biogas e biometano; enti ed istituzioni che contribuiscono alla promozione della digestione anaerobica per il comparto agricolo. Il CIB è attivo sull’intera area nazionale e rappresenta tutta la filiera della produzione di biogas e biometano in agricoltura, con l’obiettivo di fornire informazioni ai Soci per migliorare la gestione del processo produttivo e orientare l’evoluzione del quadro normativo per favorire la diffusione del modello del Biogasfattobene® e raggiungere gli obiettivi al 2050 sulle energie rinnovabili e la lotta al cambiamento climatico.

La Società Agricola Fratelli Cassese è stata insignita del Premio “Viller Boicelli 2018” - si legge dalla motivazione ufficiale - “Perché grazie al Biogasfattobene® è riuscita a integrare la produzione di energia rinnovabile con occupazione (35 addetti) e produzioni alimentari di altissima qualità: uova, olio extra vergine d’oliva a km 0, formaggi premiati più volte. Inoltre - prosegue il CIB - grandissima attenzione è stata posta al benessere animale. L’impianto biogas è completamente alimentato dai sottoprodotti delle diverse filiere aziendali: liquami, reflui zootecnici, pollina, siero, sansa e acqua di vegetazione. In sintesi - conclude il Consorzio - l’azienda agricola è riuscita a portare un forte valore aggiunto a un territorio che ne ha un forte bisogno".

Scuola e cultura, sanità e sociale.
Ultimi tre incontri tematici con CASSESE domani a Grottaglie.

Domani pomeriggio dalle ore 16,00 - presso il comitato elettorale di Grottaglie (Viale Matteotti, 29) - altri tre appuntamenti tematici per Gianpaolo Cassese Candidato alla Camera per il Movimento5Stelle.

Ultima maratona di appuntamenti tematici previsti per domani mercoledì 28 febbraio con Gianpaolo Cassese, Candidato alla Camera dei Deputati per il Movimento5Stelle. Il luogo di incontro sarà il comitato elettorale di Grottaglie in Viale Matteotti, 29.

Cassese, candidato per il Collegio 11, approfondirà tre argomenti di interesse per i cittadini: istruzione e cultura, sanità e sociale.
Proseguendo così con gli appuntamenti tematici di approfondimento, secondo una tabella di marcia che sta approfondendo diverse tematiche che coinvolgono a tutto tondo le molteplici necessità della comunità
.
Cassese esplicherà la sua proposta politica partendo alle ore 16.00 con un confronto sul tema “Istruzione e cultura”. Proseguirà poi alle 17.30 parlando di “Sanità”, tema di indubbia importanza.
Chiuderà infine alle ore 19.00 con il mondo del “Sociale”, realtà molto sentita nel territorio di Grottaglie.

Tutti gli incontri saranno a ingresso libero.

“Gianpà, perché?” è il titolo dell’incontro culturale e politico di domani sera alle ore 19.00 presso il Teatro Comunale di Crispiano, dove il grande giornalista-meridionalista autore del bestseller “Terroni”, intervisterà l’imprenditore agricolo candidato nel Movimento 5 Stelle per il collegio uninominale in queste elezioni politiche.

Crispiano – Un incontro tra giornalismo e politica. Martedì 27 febbraio alle ore 19.00, il giornalista e scrittore Pino Aprile metterà alla prova Gianpaolo Cassese, il neo candidato del Movimento 5 Stelle per i 18 Comuni del Collegio 11 con un incontro al Teatro comunale di Crispiano. Sul palcoscenico solo due sedute. Due microfoni, per due appassionati interlocutori. Il titolo, scelto da Aprile già da sé la dice lunga: “Gianpà perché?”. Una serie di domande tematiche, in tono confidenziale ma anche provocatorio. Il legame fiduciario tra i due – un combattivo giornalista da un lato e un appassionato imprenditore agricolo dall’altro - entrambi pugliesi doc, permetterà di affondare argomenti in profondità, con un linguaggio alla portata di tutti, senza però mancare di obiettività.

L’incontro sarà una presentazione sotto forma di dibattito. Perché candidarsi? Quale è il legame e la fiducia nei confronti del Movimento? Cosa si propone per le problematiche tarantine e l’acciaio? L’inquinamento, l’agricoltura, le discariche. Come e perché affrontare queste realtà? La valorizzazione della memoria della terra jonica, dei suoi valori locali in termini di civiltà rupestre, gastronomia e delle sue arti storiche tra cui quelle del comparto ceramico. Infine i pro e i contro di una possibile presenza in Parlamento, in quelli che saranno i tempi del dopo-voto.

Giornalista e scrittore, Pino Aprile, pugliese residente ai Castelli Romani, è stato vicedirettore di Oggi e direttore di Gente. Per la Tv ha lavorato con Sergio Zavoli all'inchiesta a puntate "Viaggio nel Sud" e al settimanale del Tg1, Tv7. È autore di saggi accolti con successo e tradotti in diversi paesi. “Terroni", uscito nel 2010 e diventato un vero e proprio caso editoriale, e i successivi "Giù al Sud", "Mai più terroni”," Il Sud puzza" e "Terroni ‘ dernescional" hanno fatto di Aprile il giornalista "meridionalista" più seguito in Italia e gli sono valsi molti premi, tra cui il Premio Carlo Levi nel 2010, il Rhegium Julii nello stesso anno e il Premio Caccuri nel 2012. Il suo ultimo libro è “Carnefici” uscito nel 2017 per “Pickwick”.

L’ingresso è libero.

Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk