Le OO.SS. a seguito  di una nota dell'Ecologica Spa,  pervenuta il 9 gennaio u.s., invitano la stessa a fornire una data certa di accredito delle retribuzioni del mese di dicembre.

Sempre le  scriventi OO.SS. ritengono inaccettabile tale comportamento poiché il pagamento delle retribuzioni non può essere rimesso alla mera discrezionalità datoriale ma costituisce un preciso obbligo contrattuale che, oltretutto, non può essere imputabile a eventi esterni, non riconducibili alla sfera del rapporto di lavoro.
Nel contempo, comunicano che, in assenza di pagamento, procederanno all’apertura dello stato di agitazione dal giorno 16 gennaio 2018 procedendo a porre in essere tutte le forme possibili di protesta non escludendo, qualora persistano le condizioni di incertezza, uno sciopero per il 20 gennaio p.v..
Per le ragioni sopra esposte, per suddette problematiche che non hanno trovato un’adeguata risposta aziendale, le scriventi OO.SS. di Filcams CGIL – Uiltrasporti UIL Taranto, diffidano formalmente codesta società al pagamento IMMEDIATO della retribuzione relativa al mese di dicembre 2017 e, contestualmente, visto il combinato disposto dell’art. 1676 c.c. e dell’art. 29 del D.lgs n.276/03,cosi’ come modificato dal DL 25/2017 richiamano la responsabilità solidale della stazione appaltante.

Mauro Palmatè                         Luigi Spinzi                               Carmelo Sasso
(Seg. Prov.le Filcams Cgil)       (Seg. Terr.le Fisascat Cisl)       (Seg. Gen. Uiltrasporti Uil)

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) per i dipendenti da imprese della
Distribuzione Cooperativa sottoscritto nel lontano 2011 è scaduto dal 31 dicembre 2013, dunque
sono ben quattro gli anni trascorsi senza che i trattamenti retributivi delle lavoratrici e dei lavoratori
del settore abbiano ottenuto incrementi.


Gli stessi dipendenti, nel medesimo periodo, pur contribuendo all’affermazione ed ai successi
commerciali delle proprie imprese, non hanno potuto contare sui legittimi e sacrosanti aumenti
salariali che, viceversa, i loro colleghi dipendenti da imprese aderenti a Confcommercio ed a
Confesercenti hanno ricevuto.
Inoltre, sono ormai quattro anni che le lavoratrici ed i lavoratori della Grande Distribuzione
aderente a Federdistribuzione non si vedono applicare un CCNL e non hanno aumenti contrattuali
in busta paga, come invece sta accadendo ai loro colleghi dipendenti dalle imprese del commercio
della distribuzione e del terziario aderenti ad altre associazioni del settore.
Alle lavoratrici ed ai lavoratori della distribuzione moderna organizzata viene applicato un
Contratto Nazionale ormai scaduto ed a nulla, purtroppo, sono valsi i tentativi verso la suddetta
Associazione nazionale, perché sia sanata la situazione e sia dato finalmente un contratto di
riferimento alla categoria.
Premesso che la distribuzione moderna organizzata è un settore importante e nevralgico per la
crescita economica dell’intero Paese, a giudizio della Fisascat Cisl nazionale tale comparto va
consolidato e valorizzato, non relegato ad un ruolo marginale ed anacronistico con relazioni
sindacali inesistenti e con la sistematica negazione dei basilari diritti ad avere un compenso
dignitoso ed a contare su un clima partecipativo e di corresponsabilità nelle scelte che solo il CCNL
può garantire ai dipendenti.
“In Puglia sono oltre diecimila i lavoratori senza contratto, peraltro costretti a lavorare
anche la domenica e le festività – dichiara Antonio Arcadio , segretario generale Fisascat Cisl
Puglia – e mai come in questo caso assumono valore di richiamo magisteriale le parole di Papa
Francesco, ovvero che il riposo domenicale fa vivere da figli e non da schiavi.”
Fisascat Cisl - Filcams Cgil - Uiltucs Uil invitano, pertanto, le lavoratrici ed i lavoratori
delle Aziende commerciali aderenti alla Distribuzione Cooperativa ed alla Federdistribuzione ad
aderire allo sciopero nazionale proclamato per l’intero turno di lavoro del prossimo venerdì 22
dicembre 2017 per riconquistare l’applicazione di un CCNL che ridia loro dignità.
Fisascat Cisl - Filcams Cgil - Uiltucs Uil , per la stessa mattinata di venerdì 22 hanno
programmato dalle ore 9.00 alle ore 13.00 circa due distinti sit in a Bari presso Iper Ikea e
Coop, contestualmente a Taranto, Brindisi, Lecce, Foggia, presso le rispettive Prefetture.


Comunicato stampa

“L’impegno dell’amministrazione comunale è teso alla salvaguardia dei lavoratori nonché ad assicurare all’intera collettività servizi di prima qualità”.

Con queste parole l’assessore al Patrimonio, Francesca Viggiano, vuole rassicurare tutto il personale impegnato negli appalti comunali e gli stessi sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Uiltrasporti Uil che hanno chiesto al sindaco Rinaldo Melucci l’apertura di un tavolo di confronto. L’assessore, inoltre, comunica che “con deliberazione di giunta numero 246, su proposta del settore Patrimonio, sono state delineate le linee guida e gli indirizzi operativi connessi all’affidamento dei servizi generali per la fruibilità delle strutture comunali con salvaguardia dei livelli occupazionali ed elevazione degli standard qualitativi”. Intanto dall’assessorato al Patrimonio arriva la conferma che la riunione con i sindacati, dopo due rinvii dovuti all’assenza di una delle sigle convocate, è in programma giovedì 21 dicembre. Intanto, per aver chiara la situazione al centro del confronto, è opportuno definire lo stato dei vari appalti alla luce dell’ultima ricognizione effettuata dagli uffici comunali. Le scadenze più ravvicinate (31 dicembre 2017) riguardano: il servizio triennale di pulizia degli uffici comunali (53 persone) per il quale sono arrivate 25 offerte la cui documentazione è all’esame; il servizio triennale di pulizia delle aree esterne delle scuole dei Tamburi (15 lavoratori) , 5 offerte sotto esame; per la custodia triennale e pulizia del parco Cimino (8 operatori) c’è l’approvazione degli atti di gara; è in fase di aggiudicazione il servizio di piccola manutenzione ordinaria degli edifici comunali (35 persone) per il quale è pervenuta una sola offerta.
Per quanto riguarda le partecipate, uno dei settori posto all’attenzione da parte delle organizzazioni sindacali, l’assessore Massimiliano Motolese sottolinea che “l’amministrazione, insieme con il management dell’Amat, è impegnata al raggiungimento di due obiettivi: conferire piena dignità alle condizioni lavorative del personale addetto alla guardiania dei parcheggi Icco e Baraccamenti Cattolica e dei lavoratori applicati alla sosta tariffata”. Per quanto riguarda la sosta tariffata, da ieri, lunedì 18 dicembre, è scattato il regime di “full time” (39 ore) per tutti i lavoratori del settore ad eccezione di coloro i quali non hanno espressamente manifestato il consenso alla trasformazione del contratto di lavoro. Si tratta di 72 unità complessive per le quali il tempo pieno rappresenta il completamento di una progressione di carriera, con relativo adeguamento del salario, avviata alcuni anni fa e che ora vede la stragrande maggioranza degli addetti impiegata, su base volontaria, nel “full time”. Buone notizie anche per le 14 unità (dipendenti ex Dussmann) impiegate nella guardiania 24 ore su 24 nei parcheggi a pagamento “Icco” e “Baraccamenti Cattolica”, il cui contratto scade il 31 dicembre 2017. Non corrono alcun rischio di rimanere senza occupazione dal momento che è già predisposto il nuovo bando di gara che rinnoverà il servizio per un anno prorogabile di altri dodici mesi. Il bando prevede anche la possibilità di una riqualificazione professionale sulla base della volontarietà e dei requisiti individuali. I 14 lavoratori potranno essere impiegati non solo nella guardiania” ma anche come ausiliari della sosta, con gli oneri di eventuali acquisizioni di nuove qualifiche a carico dell’Amat.

Comunicato stampa - Comune di Taranto

- Oraquadra giornale online -

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: dr. Ciro Urselli

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per ulteriori informazioni sui cookie che utilizziamo e su come eliminarli, consulta la nostra politica sulla privacy.

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk