Ormai non c'è giorno in cui la cronaca non si occupi di parcheggiatori abusivi che su tutto il territorio nazionale impervesano e prolificano come formiche, causa la disoccupazione e se vogliamo la ormai sempre più distratta presenza delle forze dell'ordine a cui va aggiunto i luogo comune che se non li lasciamo fare finiscono per delinquere. Già a delinquere e stare in un parcheggio spesso già a tariffa di sosta comunale, a chiedere il supplemento alla sosta agli automobilisti qualcuno me lo dire se è delinquere o qualcos'altro?

Com'è noto a Grottaglie la presenza dei parcheggiatori abusivi li troviamo imperterriti  nel parcheggio tra il Palazzo di Città  e le Poste, in quello in prossimità del Parco della Civiltà, ovvero sotto Il Comune e infine lungo il viale dell'Ospedale. Difficile sfuggire al loro assedio. Nei primi due parcheggi, nelle serate della movida, generata sia dal Parco della Civiltà che dai locali della piazza Regina Margherita, i parcheggiatori sono li a chiedere con molta "incisività" la quota abusiva di parcheggio e non è raro che ci sia gente che non vorrebbe pagare questo tributo abusivo.

Bene, anzi male ieri sera si è ripetuto l'ennesimo atto di forza da parte di questi parcheggiatori, a segnalarlo una nostra lettrice che ci scrive così in privato:

"Io e i miei due figli questa sera siamo andati al Parco della Civiltà e quindi abbiamo parcheggiato la macchina giù al Comune quando siamo ritornati alla macchina abbiamo trovato un parcheggiatore abusivo che ci ha bloccato la nostra auto per non farci uscire e ci ha minacciati perché secondo lui avevamo parcheggiato male, sottraendo suolo pubblico al suo ""commercio personale", quindi io mi chiedo se sia giusto tutto questo? Essere bloccati e minacciati da un abusivo che fa i cavoli suoi con il suolo pubblico? Potresti cara Lilli tu che sei sempre pronta a difendere la nostra cittadina mettere in evidenza questo problema magari arriva alle orecchie di chi se ne dovrebbe occupare.

Ecco fatto, mi auguro che occhi leggano e si attivino, io il mio dovere di cronista l'ho fatto!

Torna a Grottaglie, mercoledì 1 agosto 2018, la Festa dell'Uva organizzata dell'assessorato alle Politiche Agricole del Comune di Grottaglie, in collaborazione con il Gal Magna Grecia, il Parco della Civiltà e grazie anche al sostegno di alcune aziende farmagricole del territorio.

Una manifestazione che affonda le sue radici nella tradizione popolare e che offrirà l'opportunità di conoscere le particolarità di un prodotto che, da secoli, caratterizza la nostra comunità e che volge lo sguardo al futuro con grande passione, competenza e amore per la propria terra.

Grottaglie è ai primi posti per la produzione di Uva da tavola con circa 2000 ettari coltivati, 500mila quintali di produzione e quasi 38 milioni di euro di fatturato.

Numeri importanti utili anche ai tanti giovani locali che, sempre più numerosi, hanno deciso di affacciarsi al mondo agricolo e in particolare alla produzione dell'uva, che in base alle sue diverse tipologie di qualità e grazie alle moderne tecniche di produzione è leader sui mercati globali.

Oltre al Sindaco Ciro D'Alò che alle ore 19:00 aprirà il dibattito interverranno: Luca Lazzaro, Presidente del Gal Magna Grecia; Walter Ingrosso, Presidente della Cooperativa agricola San Rocco di Leverano, specializzata nella produzione di frutta e ortaggi in regime di Agricoltura Integrata in ambiente protetto e ad oggi conta circa 230 soci e 300 ettari di colture protette; insieme al Presidente della Cooperativa interverrà anche Luigi Zecca, direttore commerciale della stessa.

Il nostro obiettivo è quello di contribuire a stimolare, almeno nell'ambito del nostro territorio, gli aspetti legati alla commercializzazione e alla qualità del prodotto; in modo tale da poter aiutare gli agricoltori ad affrontare le sfide che i mercati offrono.

La manifestazione vuole essere da impulso anche per i più giovani che con coraggio e passione decidono di investire in quello che è un prodotto di qualità e che da decenni ci contraddistingue.

Ad accompagnare la serata, nell'area concerti del nuovo Parco della Civiltà, ci saranno i Crickets; band salentina, nata da diverse esperienze musicali, ma con l'unico intento di ricreare le atmosfere spensierate e divertenti degli anni 50/60 fino a quelle dei giubbotti in pelle e stivali a punta degli anni 70/80

Mario Bonfrate – Assessore alle politiche agricole

Una grande festa dedicata alle famiglie in cui i genitori potranno trascorrere con i loro bambini una serata all’insegna della spensieratezza, con tanti giochi e intrattenimento, magari portando anche i nonni che avranno una sorpresa...

L’Associazione “Mamma secondo Natura” organizza, in collaborazione con l’A.S.D. “Atletica Grottaglie” e l’Associazione “Candy Joy-Art”, “La Festa della Famiglia”: la manifestazione, con ingresso libero e gratuito, si terrà al Parco della Civiltà, in via Martiri di Ungheria a Grottaglie, dalle ore 18.30 alle ore 21.30 di domani, venerdì 27 luglio.

Saranno allestite postazioni creative per tutti i bambini, dai due anni in su, con il disegno condiviso e tante altre attività manuali.
Oltre a poter utilizzare l’area giochi del Parco della Civiltà, in uno spazio gli operatori insegneranno aio bambini i “giochi di una volta”, come le biglie, le “cinque pietre”, la campana, l’elastico e tanti altri, un momento in cui i nonni potranno “rivivere”, attraverso i loro nipotini, le emozioni della loro infanzia.
L’A.S.D. “Atletica Grottaglie” organizzerà un percorso atletico studiato per permettere la partecipazione anche ai più piccoli, mentre l’Associazione “Candy Joy-Art” curerà il “face-painting” colorando le faccine dei bambini e terrà una performance con bolle di sapone di dimensioni gigantesche!
Alle ore 21.00 inizierà la baby dance che concluderà “La Festa della Famiglia” organizzata da “Mamma secondo Natura” (info 392.4898584), una associazione creata da un gruppo di mamme che desiderano accompagnare le famiglie nel meraviglioso mondo della genitorialità.

Associazione “Mamma secondo Natura”

“Mamma secondo natura” ha come fondamento la fiducia nei rapporti umani ed il valore che assume nell’ambito familiare, ponendosi l’obiettivo di favorire quei canali che privilegiano il “maternage” ad alto contatto e la disciplina dolce.
I corsi sono tenuti da professionisti che condividono lo stesso pensiero, ossia favorire il contatto, la conoscenza reciproca e il rispetto dell’individuo per vivere la genitorialità in un modo nuovo: risvegliare vecchi istinti, seguendo strade naturali e più in linea con le esigenze e i bisogni dei bambini, che contrastano con i ritmi dettati della società moderna, frenetici e senza tregua.
I laboratori previsti hanno l’intento di stimolare la manualità e la creatività, privilegiando materiali naturali. Vengono strutturati per rispettare le tappe evolutive di ogni bambino.
L’associazione, inoltre, rivolge particolare attenzione alle famiglie con bimbi speciali, attraverso la creazione di gruppi di auto mutuo aiuto, che le sostengono nella gestione dei problemi quotidiani. Il principio ispiratore è che l’esperienza comune e la condivisione delle difficoltà possa trasformare il disagio in risorsa.

Continuiamo il "Mercoledì musicale" del Parco della Civiltà il 18 luglio verrà dato  spazio ai The Wonders, tribute band dei Betleas. 

The Wonders sono una delle più giovani ed acclamate tribute band dei Beatles. Provenienti da Bari, i 4 baronetti pugliesi ripropongono interamente dal vivo ed in tonalità originale, il sound e lo stile del quartetto di Liverpool, con costumi di scena e strumentazione uguale a quella usata dai Fab Four. Dopo oltre 7 anni di attività, la band vanta centinaia di show in tutto il mondo. Uno dei loro traguardi più importanti è stata l’esibizione in diretta, in prima serata su Rai3, durante il programma “Vedi chi erano i Beatles”, condotto da Fabrizio Frizzi, il 25 giugno 2015, dove vincono il “faBfour contest”, superando nella competizione oltre 30 band provenienti da tutta Italia. Nel 2017 sono selezionati per esibirsi presso il leggendario Cavern Club di Liverpool, in occasione dell' International Beatleweek 2017, dal 23 al 29 agosto, per celebrare il 60° anniversario dello storico locale in cui i Beatles si esibirono ben 292 volte nei primi anni '60 e sul cui palco hanno suonato band e artisti del calibro di Rolling Stones, Yardbirds, Who, Kinks, Chuck Berry, Elton John e tanti altri... Nel dicembre dello stesso anno partecipano alla BH Beatle Week a Belo Horizonte, in Brasile, il più importante festival sudamericano dedicato ai Beatles.

Ieri sera (giovedì 21 giugno) c’era tutta Grottaglie, nonché tanta gente venuta da altri comuni, all’inaugurazione del “Parco della Civiltà” di Grottaglie, la nuova struttura che si sviluppa su un’area di oltre 8.700 metri quadrati proprio alle spalle del Municipio.

Per tutta la serata oltre 1.500 persone hanno invaso gioiosamente il Parco della Civiltà partecipando alle attività organizzate per questa inaugurazione, soprattutto tantissime famiglie con i loro bambini.

Questa è la cifra di una serata destinata ad entrare nella storia di Grottaglie. E non è retorica, se si pensa che, dopo anni e anni di abbandono e degrado, ben pochi sono in grado di ricordare quando si poteva ancora frequentare questa zona di verde della città, ubicata proprio sotto le finestre del Municipio.

«Appena insediatasi questa amministrazione comunale – ha detto infatti il Sindaco di Grottaglie, Ciro D’Alò – ha subito inteso affrontare concretamente questo problema, in particolare con una gara per affidare la gestione dell’area a una azienda privata».

«Ringrazio Fabiola La Grotta – ha detto il Sindaco Ciro D’Alò – per aver investito riuscendo a trasformare uno spazio abbandonato da tempo immemore in questa meraviglia: il Parco della Civiltà è una struttura di cui si possono vantare ben poche città in Italia e in Europa. Io stesso, prima di andare in Municipio, quasi ogni giorno venivo qui per verificare a che punto stessero i lavori e fare il punto con Fabiola La Grotta».

Il Sindaco di Grottaglie ha poi concluso con un appello ai grottagliesi: «ora tutti dobbiamo vivere il Parco della Civiltà, farlo diventare una cosa nostra, la comunità deve riappropriarsene, ma soprattutto deve rispettarlo, dobbiamo mantenerlo nelle splendide condizioni in cui lo vediamo oggi, e se possibile sarà anche migliorato grazie ai suggerimenti che vorrete farci pervenire. Rispettiamo e viviamo il Parco della Civiltà, è il nostro Parco!».

Affianco al primo cittadino una emozionatissima Fabiola La Grotta, direttore e gestore del Parco, nonché patron Caffè FADI, che ha «ringraziato l’Amministrazione comunale per avermi sostenuto in questo anno, aiutandomi a risolvere i tanti problemi che inevitabilmente si sono presentati. Proprio in quei frangenti ho capito che avevamo un obiettivo comune: ridonare alla comunità questo spazio verde, dando alle famiglie un posto in cui poter portare i bambini a giocare in tranquillità comprando loro un gelato, a tutti i grottagliesi, soprattutto agli anziani, una zona in cui fare fitness o anche solo a leggere un giornale sorseggiando un buon caffè, ai turisti un’oasi in cui rinfrancarsi prima di visitare Grottaglie e, in ultimo, uno spazio protetto in cui i padroni dei cani potranno giocare senza problemi con i loro amici a quattro zampe».

«Oggi con i miei occhi vedo realizzarsi un sogno accarezzato per oltre un anno – ha poi detto Fabiola La Grotta trattenendo a stento l’emozione – con tanta gente contenta che vive il Parco della Civiltà, tanti bambini che giocano felici nell’area giochi. In questo momento voglio ringraziare mio marito (l’imprenditore Mino Distante – N.d.R.), che oggi è qui al mio fianco con le nostre due bambine, per avermi incoraggiato e sostenuto in questo anno di duro lavoro».

Dopo la benedizione del Parco della Civiltà impartita da Don Eligio Grimaldi, parroco della Chiesa Madre di Grottaglie, Fabiola La Grotta ha poi tagliato il tradizionale nastro, con Ciro D’Alò e Mino Distante, simbolicamente tenuto dalle due figlie dei coniugi.

Mentre migliaia di cittadini affollavano ogni spazio del parco, la serata è poi proseguita con una serie brevi interventi sul tema “Il Parco della Civiltà: strategie ed obiettivi di crescita comune, spazi e luoghi di cittadinanza”; sapientemente moderati dalla giornalista Valentina Fanigliulo, vicedirettore di Canale 85, gli ospiti hanno illustrato i progetti e le attività che, largamente partecipati e condivisi, saranno realizzati nella nuova struttura.

Sono così intervenuti Francesco Riondino, presidente Centro Servizi Volontariato Taranto, Ciro Maranò, direttore Gal Magna Grecia, Franco Peluso, fiduciario Slow Food Vigne e Ceramiche, Marco D’Errico del WWF Taranto, Emilia Blasi di “ABC Natura”, la psicologa Amelia Trani e Francesco Spagnolo, presidente della ASD ANTA Cinotecnica.

Da oggi la comunità potrà frequentare liberamente questo grande spazio verde attrezzato che dispone, tra l’altro, di parco giochi, area ristoro, percorso vita e benessere, spazio yoga e fitness, dog’s city park, orto botanico e anfiteatro.

A disposizione anche un punto ristoro con caffetteria, pasticceria, gelateria artigianale, “rusticheria” e un corner dedicato ai cocktail e alla “champagnerie”.

Nel corso della serata ci sono state numerose attività, tutte con partecipazione libera e gratuita, organizzate nelle diverse aree del Parco della Civiltà, con le informazioni e l’accoglienza garantite ai cittadini dalla Pro Loco Grottaglie e dall’Associazione Grott'Art.

Nell’area ristoro “Ceramiche Antonio La Grotta” ha curato un’attività sensoriale al tornio ceramico, mentre si è parlato di tutela del territorio con l’Associazione Gruppo Grotte Grottaglie. Nel parco giochi l’associazione LabLib ha realizzato "BiblioValigia", un biblioteca mobile con la lettura ad alta voce di albi illustrati e laboratori artistici per i bambini.

Nell’area “dog’s city park” ci sono state attività assistite dall’animale modulate per i bambini a cura dell’ANTA Onlus Sava, mentre nell’area yoga l’associazione Albero del Pepe ha illustrato i benefici dello yoga.

Nell’area party ci sono state lezioni di danza curate dalla scuola Khoreia e dalla Polisportiva San Francesco De Geronimo, mentre nell’orto botanico l’associazione Beni Comuni ha presentato il “Ciclo della Natura” e l’associazione Canarudie ha illustrato la trasformazione della canapa.

Nell’area vita e benessere ci sono state tre attività: l’associazione Prati Fioriti ha curato un percorso sensoriale per Bambini, l’associazione Sherwood ha tenuto lezioni di tiro con l’arco e l’ASD Città di Grottaglie ha curato attività di ginnastica dolce.

Svelato il programma della serata inaugurale con tante attività e due concerti a favore della comunità

È arrivato il gran giorno: alle ore 19.30 di giovedì 21 giugno sarà inaugurato il “Parco della Civiltà” di Grottaglie, la nuova struttura che si sviluppa su un’area di oltre 8.700 metri quadrati proprio alle spalle del Municipio, a due passi dal centro storico e dal Quartiere delle Ceramiche.

In questa serata la comunità si approprierà finalmente di questo grande spazio verde attrezzato che dispone, tra l’altro, di parco giochi, area ristoro, percorso vita e benessere, spazio yoga e fitness, dog’s city park, orto botanico e anfiteatro.

Oltre a una degustazione enogastronomica preparata per tutti i partecipanti a questa serata, ci sarà una gustosa novità sarà “dedicata” ai più piccini: i bambini, infatti, riceveranno gratuitamente i gelati artigianali prodotti dalla FADI.

I gelati saranno distribuiti presso la moderna struttura di ristorazione, a disposizione di cittadini e turisti, con caffetteria, pasticceria, gelateria artigianale, “rusticheria” e un corner dedicato ai cocktail e alla “champagnerie”.

La serata prevede, oltre a momenti di libera degustazione enogastronomica, una articolata serie di attività di animazione e di intrattenimento organizzate negli spazi del Parco della Civiltà.

Una in particolare inizierà già alle ore 18.00 presso l’area party: il saggio di danza di fine Anno della Scuola dell’infanzia “Giocolandia”.

Tutte le altre invece inizieranno dopo il tradizionale taglio del nastro inaugurale (ore 19.30) e la benedizione del Parco della Civiltà impartita da Don Eligio Grimaldi, parroco della Chiesa Madre di Grottaglie.

A seguire (ore 20.00) ci sarà una serie di brevi interventi sul tema “Il Parco della Civiltà: strategie ed obiettivi di crescita comune, spazi e luoghi di cittadinanza” in cui, moderati dalla giornalista Valentina Fanigliulo, vicedirettore di Canale 85, saranno illustrati i progetti e le attività che saranno realizzati nella nuova struttura.

Si inizierà con il messaggio di benvenuto di Fabiola La Grotta, direttore e gestore del Parco, nonché patron Caffè FADI, che illustrerà l’organizzazione della struttura, per poi passare ai saluti istituzionali del Sindaco di Grottaglie Ciro d’Alò, dell’onorevole Gianpaolo Cassese, dell’assessore regionale all’Industria turistica e culturale Loredana Capone e dell’assessore comunale al Turismo e marketing territoriale Mario Bonfrate.

Interverranno poi Francesco Riondino, presidente CSV Taranto, Ciro Maranò, direttore Gal Magna Grecia, Franco Peluso, fiduciario Slow Food Vigne e Ceramiche, Marco D’Errico del WWF Taranto, Emilia Blasi di “ABC Natura”, la psicologa Amelia Trani e Francesco Spagnolo, presidente della ASD ANTA Cinotecnica.

A seguire inizieranno le attività, tutte con partecipazione libera e gratuita, organizzate nelle diverse aree del Parco della Civiltà, con le informazioni e l’accoglienza garantite ai cittadini dalla Pro Loco Grottaglie e dall’Associazione Grott'Art.

Nell’area ristoro “Ceramiche Antonio La Grotta” curerà un’attività sensoriale al tornio ceramico, mentre si parlerà di tutela del territorio con l’Associazione Gruppo Grotte Grottaglie. Nel parco giochi l’associazione LabLib realizzerà "BiblioValigia", un biblioteca mobile con la lettura ad alta voce di albi illustrati e laboratori artistici per i bambini dai 3 anni in su.

Nell’area “dog’s city park” ci saranno attività assistite dall’animale modulate per i bambini a cura dell’ANTA Onlus Sava, mentre nell’area yoga l’associazione Albero del Pepe illustrerà i benefici dello yoga.

Nell’area party ci saranno lezioni di danza curate dalla scuola Khoreia e dalla Polisportiva San Francesco De Geronimo, mentre nell’orto botanico l’associazione Beni Comuni presenterà il “Ciclo della Natura” e l’associazione Canarudie illustrerà la trasformazione della canapa.

Nell’area vita e benessere sono previste tre attività: l’associazione Prati Fioriti curerà un percorso sensoriale per Bambini, l’associazione Sherwood terrà lezioni di tiro con l’arco e l’ASD Città di Grottaglie curerà attività di ginnastica dolce.

La serata inaugurale del Parco della Civiltà prevede anche due concerti con ingresso libero e gratuito.

Alle ore 20.30 ci sarà l’esibizione del “By soul acoustic duo” con la voce di Vittoria De Santis e Liborio Scavone alla chitarra e loop station; questo duo propone un repertorio che comprende le principali hit italiane ed internazionali. Durante la loro performance, infatti, è possibile ascoltare una miscellanea di generi musicali che spazia dal soul al rock, dal funk al pop, dal blues al jazz...

Alle ore 22.30 si esibirà un Ensemble di musica popolare con Tommaso Massarelli accompagnato da Simone Carrino alle percussioni e da Remigio Furlanut alla chitarra e al charango. Questo ensemble proporrà canti e musiche della tradizione pugliese e del Meridione italiano, ma “contaminati” da musicalità provenienti da tutto il mondo.

Tommaso Massarelli suona l'organetto e canta da circa tre lustri, perfezionando la tecnica organettistica attraverso la frequentazioni delle feste tradizionali delle valli piemontesi e del Settentrione. Nel 2013 ha pubblicato con Carlo Massarelli il disco “Musique en vogue”, riuscendo nell'impresa di far ballare le courente o gli Scottish senza perdere lo stile tipico della tradizione salentina. Attualmente collabora stabilmente con Tarantella sin Fronteras e Tempus Mutatur, a San Cristóbal de las Casas in Chiapas.

Il giorno più lungo dell’anno a Grottaglie, quest’anno, sarà ricordato da tutti i cittadini come una data molto importante. Il 21 giugno viene, infatti, restituito alla città un luogo d’immenso valore paesaggistico e naturalistico: il Parco della Civiltà.

Recuperare un'opera pubblica lasciata al degrado per troppi anni e farla tornare un luogo di aggregazione sociale per giovani, bambini e famiglie. Con questi obiettivi l’amministrazione comunale nell’aprile 2017 pubblicò il bando per l’affidamento della gestione del chiosco bar e l’annessa area a verde.

Il vincitore del bando, l’azienda FADI di Fabiola La Grotta, ha ultimato in questi giorni il restyling del parco: nuovo chiosco bar, nuove giostre per i bimbi, area fitness e uno spazio dedicato ai nostri amici a quattro zampe. Una nuova vita per il parco, a ridosso del palazzo di città, all’interno del quale sono stati predisposti numerosi interventi che hanno rinnovato in toto l’area verde.

Dopo un’intensa attività lavorativa portata avanti dall’azienda FADI e nonostante alcuni giorni di pioggia che hanno bloccato i lavori, con caparbietà abbiamo trasformato, in poco più di un anno, quella che era fino a poco tempo fa una discarica a cielo aperto.

Quello di oggi è il raggiungimento di un altro obiettivo del nostro programma elettorale. Stiamo continuando a lavorare per restituire ai grottagliesi i tanti luoghi lasciati nell’abbandono più assoluto e, alcuni dei quali, dimenticati dagli stessi cittadini perché ormai trascurati da troppo tempo. Una prospettiva questa che mette in pratica la rigenerazione urbana, attuando una pianificazione del territorio contenendo il consumo del suolo e promuovendo forme di recupero del patrimonio edilizio pubblico esistente.

Ciro D’Alò – Sindaco Città di Grottaglie

 

La prossima settimana l’inaugurazione nel cuore di Grottaglie

Continuano ad essere svelati dettagli sul “Parco della Civiltà” di Grottaglie, la nuova struttura che sarà inaugurata alle ore 19.30 di giovedì prossimo, 21 giugno, in via Martiri d’Ungheria, proprio alle spalle del Municipio.

 

Sarà una straordinaria serata con tanto intrattenimento, per grandi e piccini, ed importanti ospiti, il programma dettagliato della inaugurazione sarà reso noto nei prossimi giorni.

Il “Parco della Civiltà” è un grande spazio verde attrezzato che, su un’area di oltre 8.700 metri quadrati, mette a disposizione della comunità parco giochi, percorso vita e benessere, spazio yoga e fitness, dog’s city park, orto botanico e anfiteatro.

Una delle peculiarità del progetto del “Parco della Civiltà” è l’accessibilità a favore tutti i soggetti fragili per favorire la loro inclusione sociale: anziani, disabili motori e bambini, tutti possono spostarsi negli spazi usufruendo delle attrezzature e dei servizi offerti alla comunità.

L’avvocato Fabiola La Grotta, direttore e gestore del Parco della Civiltà, nonché patron della Fadi Caffè, ha infatti spiegato che «abbiamo voluto creare una autentica “oasi della fragilità” in cui tutti, ma proprio tutti, potranno muoversi liberamente senza sentirsi penalizzati o discriminati nei loro spostamenti e nelle loro attività».

«Nel nostro parco giochi – ha poi detto Fabiola La Grotta – i bambini con disabilità potranno accedere agli spazi di gioco assieme agli altri coetanei, anche utilizzando particolari altalene, in modo da aiutare loro e le famiglie a costruire relazioni e promuovere l'inclusione sociale».

Nell’area giochi del Parco della Civiltà, infatti, sono state installate attrezzature ludiche che, realizzate con materiale ecosostenibile, mirano a stimolare in tutti i bambini l’inclusività e lo sviluppo delle competenze motorie.

Tutti i disabili motori potranno muoversi liberamente nel Parco della Civiltà con aree destinate a loro favore, come nell’anfiteatro o nella moderna struttura di ristorazione, a disposizione di cittadini e turisti, con caffetteria, pasticceria, gelateria artigianale, “rusticheria” e un corner dedicato ai cocktail e alla “champagnerie”.

Il percorso vita e benessere è stato studiato per essere utilizzato da tutti, dai 3 ai 99 anni, anche dagli anziani che qui potranno, in un’area protetta a poche decine di metri dal centro storico di Grottaglie, fare fitness in tutta sicurezza.

Fabiola La Grotta ha spiegato che «oggi c’è una riscoperta dell’allenamento a corpo libero, un’attività in fortissima espansione soprattutto se praticato all’aria aperta nel verde; le attrezzature che abbiamo installato nel percorso vita e benessere del Parco della Civiltà permettono di sviluppare qualsiasi qualità muscolare: forza, velocità, resistenza, ipertrofia muscolare, esplosività, mobilità e flessibilità. In pratica sarà come fare un allenamento in palestra, ma nel Parco della Civiltà sarà possibile farlo gratis e in una zona green, mantenendo così il fisico allenato, anche in forma aggregata in più persone».

 La prossima settimana l’inaugurazione nel cuore di Grottaglie

 Continuano ad essere svelati dettagli sul “Parco della Civiltà” di Grottaglie, la nuova struttura che sarà inaugurata alle ore 19.30 di giovedì prossimo, 21 giugno, in via Martiri d’Ungheria, proprio alle spalle del Municipio.

Sarà una straordinaria serata con tanto intrattenimento, per grandi e piccini, ed importanti ospiti, il programma dettagliato della inaugurazione sarà reso noto nei prossimi giorni.
Il “Parco della Civiltà” è un grande spazio verde attrezzato che, su un’area di oltre 8.700 metri quadrati, mette a disposizione della comunità parco giochi, percorso vita e benessere, spazio yoga e fitness, dog’s city park, orto botanico e anfiteatro.

Una delle peculiarità del progetto del “Parco della Civiltà” è l’accessibilità a favore tutti i soggetti fragili per favorire la loro inclusione sociale: anziani, disabili motori e bambini, tutti possono spostarsi negli spazi usufruendo delle attrezzature e dei servizi offerti alla comunità.
L’avvocato Fabiola La Grotta, direttore e gestore del Parco della Civiltà, nonché patron della Fadi Caffè, ha infatti spiegato che «abbiamo voluto creare una autentica “oasi della fragilità” in cui tutti, ma proprio tutti, potranno muoversi liberamente senza sentirsi penalizzati o discriminati nei loro spostamenti e nelle loro attività».
«Nel nostro parco giochi – ha poi detto Fabiola La Grotta – i bambini con disabilità potranno accedere agli spazi di gioco assieme agli altri coetanei, anche utilizzando particolari altalene, in modo da aiutare loro e le famiglie a costruire relazioni e promuovere l'inclusione sociale».
Nell’area giochi del Parco della Civiltà, infatti, sono state installate attrezzature ludiche che, realizzate con materiale ecosostenibile, mirano a stimolare in tutti i bambini l’inclusività e lo sviluppo delle competenze motorie.

Tutti i disabili motori potranno muoversi liberamente nel Parco della Civiltà con aree destinate a loro favore, come nell’anfiteatro o nella moderna struttura di ristorazione, a disposizione di cittadini e turisti, con caffetteria, pasticceria, gelateria artigianale, “rusticheria” e un corner dedicato ai cocktail e alla “champagnerie”.
Il percorso vita e benessere è stato studiato per essere utilizzato da tutti, dai 3 ai 99 anni, anche dagli anziani che qui potranno, in un’area protetta a poche decine di metri dal centro storico di Grottaglie, fare fitness in tutta sicurezza.
Fabiola La Grotta ha spiegato che «oggi c’è una riscoperta dell’allenamento a corpo libero, un’attività in fortissima espansione soprattutto se praticato all’aria aperta nel verde; le attrezzature che abbiamo installato nel percorso vita e benessere del Parco della Civiltà permettono di sviluppare qualsiasi qualità muscolare: forza, velocità, resistenza, ipertrofia muscolare, esplosività, mobilità e flessibilità. In pratica sarà come fare un allenamento in palestra, ma nel Parco della Civiltà sarà possibile farlo gratis e in una zona green, mantenendo così il fisico allenato, anche in forma aggregata in più persone».

 

Giovedì 21 giugno si inaugura la struttura nel cuore di Grottaglie

Filtrano le indiscrezioni sul “Parco della Civiltà”, la nuova struttura che sta sorgendo a Grottaglie, su un’area di oltre 8.700 metri quadrati proprio alle spalle del Municipio, a due passi dal centro storico e dal Quartiere delle Ceramiche.

La prima è la data dell’inaugurazione che avverrà giovedì 21 giugno: tutta la cittadinanza potrà così appropriarsi di questo grande spazio verde attrezzato; qui la comunità, infatti, potrà usufruire, tra l’altro, di parco giochi, percorso vita e benessere, con attività “dedicate” alla terza età, spazio yoga e fitness, dog’s city park, orto botanico e anfiteatro.

Inoltre, grazie al contributo di conoscitori della storia e delle tradizioni locali, tra cui la guida ambientale escursionistica Gian Claudio Sannicola, si è riusciti a ricostruire la storia di questa area che, ubicata a poche centinaia di metri dalla Chiesa Madre di Grottaglie, un tempo era vicina alle tre porte di accesso alla città.
Il Parco della Civiltà di Grottaglie è ubicato nella zona più bassa della città, area che un tempo era adibita alla coltivazione di ortaggi e di alberi da frutto; questo sito, infatti, era chiamato “bbasciu li sciardenere”, letteralmente “giù ai giardini”, ovvero un terreno a terrazzamento in cui operavano i “giardinieri”, cioè i coltivatori della terra.
Oltre agli ortaggi, di certo si coltivano melograno, mela cotogna, corbezzolo, mirto, pero, timo e diversi agrumi, nonché vi venivano raccolte le essenze dalle quali nei laboratori un tempo si estraevano i colori naturali.
Al riguardo l’avvocato Fabiola La Grotta, direttore e gestore del Parco della Civiltà e Patron Caffè Fadi, ha annunciato che «è nostra intenzione rinverdire questa tradizione locale adibendo un’area ad orto botanico in cui, anche a scopo didattico per le scolaresche, saranno coltivate cultivar locali».

Ancora più suggestivo è stato il ritrovamento di un piccolo ambiente ipogeo che Caffè FADI, l’azienda che gestisce il Parco della Civiltà, ha deciso di mantenere nel suo stato originario.
L’ipogeo sarà inglobato nella moderna struttura di ristorazione, a disposizione di cittadini e turisti, con caffetteria, pasticceria, gelateria artigianale, “rusticheria” e un corner dedicato ai cocktail e alla “champagnerie”.
Così in una parete della struttura, i cui interni si caratterizzano per un design moderno con elementi “green” e coloratissime immagini di fiori e di frutti, si apre l’originario accesso in tufo dell’ipogeo, un ambiente il cui pavimento è costituito da antichissime “chianche”.
Si tratta di un angusto ipogeo artificiale scavato nel tufo dalle sapienti mani dei “zuccaturi” locali, uno spazio che presumibilmente, come si desume dalla presenza di mangiatoie interamente ricavate all'interno della roccia tufacea, era utilizzato come stalla e capanno degli attrezzi agricoli.
Una destinazione d’uso confermata anche dalla presenza di uno sfiatatoio di un focolare o di una cucina, tipico delle antiche stalle, la cui parete tufacea è ancora oggi più scura avendo assorbito per secoli i fumi del fuoco.
Fabiola La Grotta ha spiegato che «abbiamo voluto preservare nello stato originario questo ambiente ipogeo, uno spazio che intendiamo utilizzare come area espositiva sia per l’artigianato ceramico grottagliese, sia per le eccellenze dell'enogastronomia locale, prodotti che uniscono i sapori della antica tradizione della civiltà contadina alle moderne tecnologie alimentari in grado di garantire al consumatore la salubrità degli alimenti mantenendone le proprietà organolettiche».

 

Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk