×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 978

“Apulia Film Commission opera secondo una logica di rete sul territorio regionale. Dopo aver fatto conoscere la Puglia in termini turistici attraverso i film e le fiction, è importante ora proseguire su questa strada pensando, però, anche la costruzione di vere e proprie attività cinematografiche nella nostra regione, formando le professionalità necessarie. In questo senso la scuola e iniziative come Corto2Mari sono un utile e concreto primo punto di approccio alla materia”.

Lo ha detto Luca Bandirali di Apulia Film Commission, intervenendo alla seconda giornata di “Corto2Mari” in rappresentanza dell'assessore regionale al Turismo Loredana Capone. Il Festival dei Cortometraggi dei mari di Taranto, organizzato dalla rete di scopo costituita dalle scuole Aristosseno, Liside e Calò si chiude oggi con la sezione “Fuori corto”.

“Il bilancio di questa prima edizione è positivo – commenta il preside Salvatore Marzo, responsabile del progetto – siamo già proiettati all'edizione 2020 e per questo pensiamo di dare continuità a Corto2Mari attraverso il consolidamento e lo sviluppo della rete scuola-territorio. Crediamo che attraverso l'efficace linguaggio cinematografico sia possibile valorizzare i nostri territori collocandoli in un più ampio scenario di sviluppo culturale, economico e sociale”.

Ieri in gara i cortometraggi delle scuole medie superiori. Non è stato facile per la giuria, presieduta dal regista Ivan Saudelli, selezionare le tre opere che sono salite sul podio. “Gli studenti hanno dimostrato creatività e capacità tecniche – ha detto il presidente della giuria - un applauso ed un bravo a tutti”.

Al primo posto si è classificato il corto “In the box” dell'istituto “E. Vanoni” di Nardò (Lecce); al secondo “Gulten Islamoglu” dell'istituto “Salvemini” di Fasano (Brindisi); al terzo “La voce del mare” del liceo Archita di Taranto. La conduttrice del Festival, la giornalista Maristella Bagiolini, ha invitato le autorità presenti a consegnare i premi: Cosimo Festinante, delegato dal presidente della Provincia di Taranto; Michele De Martino in rappresentanza del Comune di Taranto e Luca Bandirali di Apulia Film Commission. Alla scuola vincitrice è stato consegnato un premio di duemila euro; al secondo e al terzo classificato dei preziosi manufatti artistici in ceramica realizzati dall'istituto Calò di Grottaglie.

Oggi giornata conclusiva del Festival in svolgimento al cinema teatro Orfeo di Taranto. Le sessioni della mattina e del pomeriggio (entrambe ad ingresso gratuito), sono dedicate ai cortometraggi fuori concorso presentati dalle associazioni del territorio, dalle istituzioni, dagli enti di ricerca. In serata gran finale con l'esibizione della Fanfara del Comando Marittimo Sud della Marina Militare.

“Il Governo ha destinato alla Puglia 7,5 milioni di euro per l'adeguamento alla normativa antincendio degli edifici scolastici. Un provvedimento di grande importanza di cui beneficerà anche il Comune di Grottaglie con un contributo di 50mila euro, mentre l’intera Provincia di Taranto usufruirà complessivamente di 591mila euro.
Ecco dunque un altro consistente stanziamento per i nostri territori, dopo i fondi erogati nei giorni scorsi per i comuni pari a 210mila euro a Taranto e 130mila euro ai Comuni di Grottaglie, Martina Franca, Massafra, Manduria e Ginosa. La politica del cambiamento si fa attraverso azioni concrete e a partire dal Sud, di questo sono sempre più convinto.”
Così interviene il deputato grottagliese Gianpaolo Cassese annunciando le misure previste dal Decreto emanato dal Ministero dell’Università e della Ricerca che stanzia 114 milioni di euro per l’antincendio nelle scuole.
“Era un provvedimento fortemente atteso sia dagli operatori scolastici che dalle famiglie preoccupate per la sicurezza dei propri figli. Ho avuto modo in questo anno di lavoro parlamentare di raccogliere personalmente diverse sollecitazioni da parte di insegnanti che lamentano lo stato di fragilità in cui versano gli edifici scolastici e la poca attenzione che in questi anni lo Stato ha mostrato verso il mondo dell’istruzione. Il recente caso della Don Sturzo ne è una dimostrazione.” prosegue il deputato.

Dopo aver affiancato Christopher Lambert e Barbara D’Urso nella produzione Mediaset “La Dottoressa Giò”, ed essere stato diretto dal grande regista greco Stelios Kammitsis nel film “The Man With the Answers”, l’attore pugliese Nicola Losapio torna nuovamente su un prestigioso set cinematografico: quello de “Lo Spietato”.

L’attore biscegliese veste i panni di un integerrimo maresciallo dell’arma dei Carabinieri, affiancando Riccardo Scamarcio, Sara Seraiocco e Marie-Ange Casta.

Diretto dal regista Renato De Maria e prodotto da Rai Cinema, la produzione del film sta attualmente proseguendo nelle città di Bari, Foggia e Margherita di Savoia.

“Lo Spietato” è liberamente ispirato a una storia vera, in una Milano all'apice del boom economico e criminale: Saverio Morabito vive la sua ascesa all'olimpo dell'ndrangheta come braccio armato di una potente famiglia calabrese. In un crescendo di sangue, soldi e potere, Morabito seguirà la strada che lo condurrà, infine, alla rovina e al pentimento, in una fuga continua dal suo passato che non smetterà mai di dargli la caccia.

Nicola Losapio ha dichiarato: «Sono stato onorato di rappresentare l’arma dei Carabinieri e aver preso parte ad una produzione così importante, affiancando professionisti di altissimo livello. E’ l’esperienza l’insegnante più difficile: prima ti fa l’esame e poi ti spiega la lezione. Ho messo davvero il cuore e tutta la mia esperienza, maturata da anni di studio e di lavori cinematografici, teatrali e televisivi. A breve sarò impegnato anche a teatro nel ruolo di un papa sui generis. Andiamo a teatro!».

La stazione di Ostuni è pronta a dire addio alla storica biglietteria.

Giovanni Fedele

Sull'argomento, a dire la sua è Giovanni Fedele, il quale afferma: "La notizia della prossima chiusura della biglietteria della stazione ferroviaria di Ostuni lascia basiti. Non è la prima volta che Trenitalia provoca disservizi ai pendolari, lavoratori, studenti, turisti, nel silenzio totale di Parlamentari, Consiglieri Regionali e dell'Amministrazione Comunale. La nostra città, è sempre più "periferia dell'Impero", vittima dell'indifferenza, del cinismo e della volontà della società pubblica di voler tagliare i costi del personale, causando un grave danno all'utenza ed a chi non sa utilizzare gli strumenti telematici per ovviare a tale disservizio. Speriamo che in futuro, si dia almeno seguito a quanto promesso, per quanto riguarda la pubblica illuminazione ed il rifacimento dei bagni pubblici. Lancio un appello a tutti: Amministrazione Comunale, parti politiche, Forum della Società Civile, si convochi un'Assemblea e si discuta, invitando i Parlamentari del nostro territorio di maggioranza e di opposizione, su come reagire a questo ennesimo grave torto subito dalla nostra città".

E’ stato identificato e denunciato per deturpamento e imbrattamento di cose altrui (articolo 639 del Codice Penale) il ragazzo diciannovenne, V.C., che nella serata del 16 settembre ha disegnato con un pennarello la porta di un condominio in via De Flagilla.

Il ragazzo è stato ripreso da un’amica, di diciotto anni, che ha postato in rete attraverso i social network l’intera sequenza dell’atto vandalico. Anche lei rischia una denuncia penale per favoreggiamento o concorso. Grazie a queste immagini la Polizia Locale è riuscita in poche ore ad identificare il colpevole e a convocarlo presso il Comando dove, accompagnato dalla madre, ha ammesso le sue responsabilità dichiarandosi anche pronto a risarcire il danno commesso. La stessa volontà, subito dopo la convocazione della Polizia Locale in qualità di persona informata sui fatti, l’ha espressa anche all’amministratore di condominio dello stabile danneggiato.

Nella giornata di oggi, 17 settembre, alcuni agenti della Polizia Locale hanno effettuato una serie di controlli in diversi quartieri per verificare il rispetto delle norme da parte di chi possiede animali domestici.

L’attività svolta ha permesso di verificare che i cani sottoposti a controllo erano regolarmente dotati di microchip e portati al guinzaglio come previsto dalla legge. Gli stessi controlli sono stati effettuati a sorpresa anche per verificare il regolare smaltimento delle deiezioni canine da parte dei proprietari. Sono stati trovati quasi tutti in possesso del materiale necessario (paletta, sacchetto e guanti).

Solo in un caso è stato necessario multare uno dei proprietari che aveva abbandonato in strada le deiezioni del proprio cane. E’ stato perciò elevato, come stabilito dall’Ordinanza sindacale 23/2007, un verbale di contestazione di 50 euro.

“I controlli a campione proseguiranno con continuità - ha annunciato il Comandante della Polizia Locale Antonio Orefice - per questo invito i cittadini a rispettare le norme in materia. In particolare saranno effettuati regolarmente controlli per verificare che gli animali domestici siano dotati di microchip e che, come prevede la legge, i cani siano tenuti al guinzaglio e siano rimosse le loro deiezioni”.

Nonostante lo sforzo dell’Amministrazione di dotare le strade di cestini, si registrano ancora casi di mancato rispetto delle regole che d’ora in poi saranno perseguiti.

Le difficoltà di carattere economico e finanziario che in cui versa il Comune di Brindisi hanno formato oggetto di una riunione congiunta della Segreteria Cittadina e del Gruppo consiliare del Partito Repubblicano Italiano.

Dalle notizie apprese dagli Organi di stampa il rischio concreto cui si va contro è che per colmare il deficit di risorse sul bilancio corrente si comprimano i servizi a domanda individuale, specie quelli rivolti alle fasce più deboli della popolazione, e che si continui a fare ricorso ad affidamenti esterni esclusivamente con il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa, a discapito della qualità dei servizi offerti e delle condizioni contrattuali dei lavoratori impegnati nella erogazione dei servizi, come già è avvenuto per i servizi di integrazione scolastica e di somministrazione dei pasti nelle scuole brindisine.

A giudizio dei repubblicani la politica di riequilibrio del bilancio posta in essere dalla gestione commissariale e proseguita dalla attuale amministrazione, tutta incentrata sulla vendita degli immobili non essenziali per le finalità dell’Ente, ha già dimostrato i suoi limiti.

In primo luogo perché sono state inserite nel bilancio corrente entrate derivanti dalla vendita di alcuni beni sicuramente di difficile alienazione. E’ il caso, ad esempio, dell’immobile che un tempo ospitava l’Agenzia delle Entrate. 

In secondo luogo perché dalla vendita degli immobili si realizzano entrate una tantum mentre il deficit di cui pare afflitto il bilancio comunale è di carattere strutturale. Senza considerare che se dalla alienazione dei beni non si ricavassero le entrate ipotizzate si rischierebbe davvero il default. Meglio allora agire su quelle voci di entrata e di spesa che hanno il carattere della continuità.

Sul primo versante andrebbe verificato se tutte le aziende proprietarie di sottoservizi nel territorio del Comune di Brindisi paghino regolarmente la TOSAP, come previsto dall’Articolo 10 del relativo Regolamento.

Da questo punto di vista occorrerebbe che il Comune di Brindisi si dotasse quanto prima di un catastato georeferenziato delle reti e dei servizi.

Sul versante delle uscite è indubbio che una delle voci di spesa più rilevante sia quella relativa allo smaltimento dei rifiuti che, tra l’altro, ha fatto si che i cittadini di Brindisi paghino una delle TARI più alte d’Italia.

Sull’argomento il PRI organizzerà nei prossimi giorni una apposita conferenza stampa per illustrare una ipotesi di ciclo dei trattamento dei rifiuti che, sfruttando e completando gli impianti di trattamento esistenti, tutti di proprietà comunale, a fronte di un investimento irrisorio comporterà da subito un abbattimento consistente della TARI, producendo anche benefici notevoli sul bilancio comunale.

Al PRI sembra questo il modo più corretto per esercitare il proprio ruolo di forza di opposizione senza abbandonarsi a manifestazioni plateali di protesta che nulla portano all’arricchimento di un confronto tra maggioranza e minoranza consiliare che deve essere sempre improntato alla correttezza ed al dialogo.

Cordialità
Vito BIRGITTA
Segretario Cittadino

Gabriele ANTONINO
Capogruppo Consiliare

(Foto d'archivio) E' terminato sull'1-1 il secondo match stagionale per l'ASD Ostuni 1945, disputato contro il Toma Maglie al Tamborino Frisari.

di Alessandro Nardelli - Gli uomini di De Nitto sono riusciti a strappare un punto in una gara che, dopo una prima parte di gara di sostanziale equilibrio, ha visto i salentini passare in vantaggio al 25' con Nero, dopo un errore commesso dalla retroguardia difensiva ostunese. Il pareggio è arrivato nel finale del primo tempo, al 45' grazie ad un autogol avversario di Marcuccio, che sfortunatamente ha trafitto il proprio portiere, riportando sull'1-1 il risultato. Nella seconda frazione di gioco, nonostante l'inserimento di uomini freschi e di tecnica quali Usman Baba e Mattia Miccoli, la situazione non è mutata, con la gara che è rimasta sempre inchiodata sul pari, un risultato che porta l'Ostuni a 1 punto, a pari punti con Salento Football, Lorenzo Mariano e Deghi.

Pagina 1 di 7

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk