Sen. Mario Turco su Università e ricerca a Taranto: Mi sarebbe piaciuto confrontarmi e dialogare

Mi sarebbe piaciuto confrontarmi e dialogare con i rappresentanti delle istituzioni locali sul futuro dell’università e della ricerca a Taranto. Ritenevo che, nonostante l'assenza del sindaco di Taranto, la tavola rotonda cui, sia il sottoscritto sia i presidenti di Regione Puglia e Provincia di Taranto, sono stati invitati a partecipare in occasione della “Notte europea della ricerca”, fosse il luogo ideale nel quale avviare tale dibattito. 

Invece rilevo con rammarico che il governatore Michele Emiliano e il presidente della Provincia, Martino Tamburrano, a causa di impegni concomitanti, hanno preferito lasciare il tavolo del confronto dopo aver pronunciato i rispettivi discorsi.
Il primo ha però stroncato con nettezza l’idea che Taranto possa avere un’università autonoma. “Non parlatemi di un’altra università" – ha affermato il governatore della Puglia. Il secondo, invece, ha ricordato l’impegno economico profuso dalla Provincia per garantire la sola sopravvivenza della didattica dei corsi distaccati dall'Universita' di Bari, senza però mirare ad un polo universitario autonomo degli studi di Taranto, capace non solo di garantire la didattica ma anche la ricerca e il sostegno allo sviluppo del territorio.
Taranto non può più prescindere da questo se vuole ricostruire la propria identità economica, culturale e sociale, smarrita da oltre un decennio, e cambiare il framework del suo modello di sviluppo. Non è un caso che dei 12 distretti tecnologici siti in Puglia nessuno sia ubicato a Taranto. La città non può più fare a meno di un distretto tecnologico all’avanguardia che valorizzi le potenzialità del territorio e che sia il fulcro dello sviluppo produttivo in un’ottica di riconversione economica dell’intera provincia. Solo così Taranto può arrestare l’emorragia di cervelli cui ormai da anni assistiamo inermi. Solo così potremo trattenere ed attrarre i giovani in età post-scolare (18-25 anni) che costituiscono la ricchezza vera su cui costruire il futuro.

 




Rate this item
(0 votes)
Redazione

La Redazione di www.oraquadra.com

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk