Taranto: È bastata meno di una settimana per tradire le aspettative poste nel progetto di riqualificazione dell’area dei Baraccamenti Cattolica

È bastata meno di una settimana per tradire le aspettative poste nel progetto di riqualificazione dell’area dei Baraccamenti Cattolica.

Con una “rasoiata”, infatti, il Governo sta cancellando i fondi destinati al Piano Periferie, che grazie all’attivazione del partenariato pubblico/privato avrebbe attivato a Taranto un intervento da ben 10 milioni di euro, nella migliore delle ipotesi ora congelato.

«La beffa di questa decisione - ha spiegato il sindaco Rinaldo Melucci - non è nemmeno necessario evidenziarla. Siamo vittime di una schizofrenia politica: le forze di governo, a Taranto, rivendicano chiassosamente la necessità di uno sviluppo alternativo, salvo tacere a Roma quando i fondi necessari a quell’obiettivo vengono cancellati».

La progettazione dell’intervento di recupero dei Baraccamenti Cattolica ha visto convergere idee e volontà pubbliche e private, un iter non esente da fatica che potrebbe terminare con un nulla di fatto. «Meno di una settimana fa abbiamo presentato il progetto definitivo - le parole dell’assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Motolese -, annunciando addirittura l’avvio dei lavori in autunno. Ora questa doccia gelata, un emendamento del Governo che potrebbe basarsi su un presupposto errato, se è vero che la sentenza di Cassazione cui sarebbe ispirato non ha legami con il Piano Periferie. È un’occasione tradita, che potrebbe anche trasformarsi in un danno enorme perché saremo costretti a sostenere comunque le spese progettuali».

Le speranze, ora, sono poste nei prossimi passaggi parlamentari dell’emendamento e nel fronte che la comunità degli enti locali saprà opporre. «Siamo disponibili a qualsiasi iniziativa dell’Anci - ha concluso Melucci - perché il problema è di dimensioni enormi. Dobbiamo fronteggiare la scarsità di trasferimenti dello Stato aderendo a queste misure, e lo stesso Stato le blocca: i cittadini meritano maggiore chiarezza».

Rate this item
(0 votes)
Redazione

La Redazione di www.oraquadra.com

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk