Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Sabato, 03 Novembre 2018

Gli abbracci ho sempre pensato fossero una cosa meravigliosa, ma in politica gli abbracci o peggio ancora i finti abbracci possono incidere e condizionare una intera vicenda, umana e non solo politica. È successo a me circa un anno e mezzo fa quando subivo l’abbraccio nefasto di certi mesterianti della politica distanti di qualsiasi ideale, di centro destra o centro sinistra, politici che ora pagano anche quel “tradimento”. Accade probabilmente ogni giorno nelle stanze dei partiti che non sono avvezza a frequentare, ma non è accaduto lo scorso 31 ottobre, quando in Provincia abbiamo eletto uno di noi, una persona perbene, e uno che dell’idea dei caminetti di partito non sa che farsene.
Ha vinto la politica alta. Quella degli interessi delle comunità, quella dell’etimologia del termine che ci ricorda che la politica è l’arte dell’amministrare per venire incontro a quei bisogni, e non alle nomine di parenti o amiche d’infanzia.
Vado incontro serenamente alla possibilità di scioglimento anticipato del Consiglio comunale di Taranto perché nella notte del 31 ho festeggiato come se avessi vinto io, e con me la città, la provincia che immaginavamo già con il progetto “Insieme per Taranto” capace di emanciparsi dai diktait dall’alto per autogovernarsi ed essere ciò che deciderà di essere. Pratica indigesta per chi ad esempio continuava a fare alleanze nella speranza di lasciarci sudditi per sempre, senza spendere una parola sulle politiche ambientali, sul ciclo dei rifiuti, sui trasporti extra-urbani, o sulle aree di sviluppo industriale.
Non siamo più sudditi ed è stato questo ad unirci, e se questa idea oggi vince con Gugliotti presidente, forse saremo in grado anche di andare incontro ad una nuova campagna elettorale per le amministrative del capoluogo, con la libertà di pensiero che non siamo stati in grado di avere nelle elezioni della primavera 2017.
Da donna delle istituzioni continuerò ad essere da questa parte, consapevole anche del potere taumaturgico del tempo che impartisce lezioni ma alla fine svela anche le verità più inconfessabili. Ero dell’idea che non potessero essere semplicemente i partiti a salvarci, ma che avremmo dovuto deporre noi la prima pietra del nostro riscatto. Giovanni Gugliotti è pietra di quell’architrave e sono convinta saprà tenersi lontano dagli abbracci finti che spesso ammaliano ma fanno male!

Published in Politica

Con l’evento conclusivo “VOLONTARIATO IN FESTA” – suoni, sapori e…. RelAzioni di comunità! si è conclusa sabato sera, nella sede universitaria in via Duomo, la XIV Rassegna provinciale del Volontariato e della Solidarietà.

È la più importante iniziativa organizzata annualmente dal Centro Servizi Volontariato (CSV) della provincia di Taranto per promuovere il volontariato; la manifestazione si è tenuta nel Centro Storico per due giornate, venerdì 26 e sabato 27 ottobre.

Francesco Riondino, presidente CSV Taranto, ha spiegato che «con questa festa finale della Rassegna, aperta a tutti, semplice ma gioiosa, abbiamo voluto segnare simbolicamente il momento di passaggio che il mondo del terzo settore nel suo complesso e il sistema nazionale dei Centri Servizi al Volontariato, tra cui quello di Taranto, si apprestano a vivere per effetto della Riforma del Terzo settore».
Ci sono stati i suoni festosi della “Takabum Street Band” e i sapori proposti da Associazione Masserie Didattiche Grande Salento, Associazione produttori di capocollo di Martina Franca, Cooperativa Clemj Puglia di Palagiano, Produttori Vini Manduria e di Cantine Lizzano.
È stato un momento, per il CSV Taranto e tutti i volontari delle associazioni coinvolte, per guardare alla strada percorsa sino ad oggi e per progettare insieme il domani!

Un “domani” che, per il volontariato e il terzo settore locale, propone da subito una importantissima novità: l’anno prossimo si terrà a Taranto, dal 16 al 19 maggio, la Biennale della Prossimità, un grande evento nazionale che, giunto alla terza edizione, dopo Genova e Bologna sarà per la prima volta nel Meridione.
In questi quattro giorni da tutta Italia arriveranno a Taranto operatori, amministratori locali, volontari e cittadini, tutti insieme per conoscere, formarsi, confrontare modelli e interventi, tessere reti e relazioni.
Il CSV Taranto ha subito “sposato” la Biennale della Prossimità diventando, insieme al Comune di Taranto, una delle “colonne” del Comitato Locale che, mediante un percorso condiviso avviato da aprile, ha il compito di organizzare materialmente la Biennale della Prossimità.

Nell’occasione Francesco Riondino ha tracciato un primo bilancio di questa quattordicesima Rassegna che ha interessato, per il sesto anno consecutivo, numerose location nel Centro storico, con una importante “new entry”: il Castello Aragonese, per gentile concessione della Marina Militare, che, oltre l’inaugurazione, ha ospitato diverse iniziative con la Piazza Municipio e la Sede dell’Università degli Studi “A. Moro” in Via Duomo, nonché altri punti attivi nella Città Vecchia.
«Sono soddisfatto di questa Rassegna – ha detto Francesco Riondino – perché anche quest’anno hanno partecipato tantissime associazioni di volontariato e altri enti del terzo settore (APS, cooperative sociali, ecc…), oltre cinquanta in totale, che hanno curato numerosi e variegati laboratori e altre attività».
Il Presidente del CSV Taranto ha poi sottolineato come «queste iniziative hanno permesso a tutti non solo di conoscere il volontariato, quanto piuttosto di vivere un’esperienza e creare relazioni; accogliendo l’invito del CSV Taranto, infatti, le organizzazioni di volontariato hanno inteso sviluppare un rapporto attivo e interattivo con quanti hanno preso parte alla Rassegna, in particolare con i tantissimi studenti che rappresentano la comunità di domani».
Anche in questa occasione il volontariato e il terzo settore locale hanno mostrato la loro straordinaria “ricchezza”: le attività e i laboratori, infatti, hanno spaziato dall’alimentazione alla musica, dall’arte marinaresca alla sartoria sociale, dalla prevenzione alla tutela dei diritti di tutti, dalla lotta allo spreco alimentare a quella ai maltrattamenti su uomini e donne, e tanto altro ancora.

Tra i momenti più significati della Rassegna c’è sicuramente la visita di dell’Arcivescovo Metropolita di Taranto, S.E. Monsignor Filippo Santoro; accompagnato da Francesco Riondino, Monsignor Filippo Santoro si è soffermato con tutti i rappresentati delle organizzazioni di volontariato e del terzo settore presenti, ascoltando attentamente ogni volontario e donandogli una parola di conforto e, soprattutto, di stimolo a praticare con maggiore energia la gratuità della sua azione a favore di chi vive un disagio.
Dopo aver impartito la benedizione, Monsignor Filippo Santoro ha avuto parole di elogio per questa quattordicesima Rassegna del CSV Taranto: «il volontariato è una forza per la nostra città, per la nostra provincia, per il nostro territorio. Perché il volontariato rappresenta uno stile di vita: innanzitutto è il venire incontro ai bisogni emergenti della nostra società. E poi è anche una maniera di pensare la nostra vita: noi ci realizziamo quando ci doniamo, quando ci spalanchiamo agli altri, quando prendiamo a cuore la condizione in cui le persone vivono. Perciò abbiamo dato il patrocinio, come Arcidiocesi di Taranto, a questa grande iniziativa che rappresenta senza dubbio una delle cose più belle e significative che si realizzano sul nostro territorio. È una realtà che deve essere sviluppata, sostenuta, e portata avanti. In questa manifestazione, infatti, ci sono tante cose bellissime e, inoltre, rappresenta uno spettro dei settori in cui il volontariato agisce. Quello che conta soprattutto è il segnale che lancia alla comunità: nel dono uno si realizza!».
Francesco Riondino, presidente del CSV Taranto, ha così commentato: «tra i momenti più emozionanti ed intensi di tutta la nostra Rassegna del Volontariato, c’è sempre quello della visita di S.E. Filippo Santoro, Arcivescovo Metropolita di Taranto, perché tutti, al di là del proprio credo religioso, percepiamo l’autenticità dell’interesse con cui l’Arcivescovo viene tra noi e l’attenzione con cui ci ascolta».

Il CSV Taranto ringrazia per la collaborazione ricevuta la Protezione Civile SER Provinciale e l’Istituto Alberghiero “Mediterraneo”, che hanno realizzato il servizio di accompagnamento delle scolaresche, la Croce Rossa Italiana Taranto e la UTEP Università Territoriale per l'Educazione Permanente.
Questa quattordicesima edizione della Rassegna ha avuto il patrocinio di Arcidiocesi di Taranto, Comando Marittimo SUD della Marina Militare, Presidenza della Giunta di Regione Puglia, Provincia e Comune di Taranto, come pure dell’ASL e del Dipartimento Jonico in Sistemi Giuridici ed Economici dell’Università “Aldo Moro”.

 

Organizzazioni di Volontariato e del Terzo settore che hanno aderito alla XIV Rassegna provinciale del Volontariato e della Solidarietà

Anteas, Federconsumatori, Tgenus, ERA Magna Grecia, OIPA, Amici del Soccorso Sandro Biagiotti, A.V.O., AVIS Provinciale Taranto, Intercultura, Armonie, A.Ge. Taranto, Salam, Amici di Manaus, U.N.I.Vo.C. ETS-ODV, U.I.C.I. ETS-APS, Centro Socio-Sanitario “Nuove Frontiere”, Gruppi di Volontariato Vincenziano AIC Italia sezione Puglia, Auser Tamburi, ETS -APS-Centroascolto Uomini Maltrattanti e Maltrattati – C.U.M.M., ISAAC-PRO, E.R.A. onlus Monteparano, A.GE. Taranto, Mister Sorriso, Hermes Academy Onlus, Arcigay Strambopoli – QueerTown Taranto, Università Popolare Zeus, Agevolando, Heart’s Music, Fattoria Amici Dante Torraco, Comunità Emmanuel, Associazione di volontariato culturale “Ritmo, Color y Sabor”, Moto Club San Martino, “Gruppo locale di Taranto per Actionaid lnternational Italia ONLUS”, Cooperativa Sociale Pam Service, Auser Filo D’argento, S.I.M.BA. Onlus, S.M.A.R.T., Salpiamo, Movimento Shalom Onlus Sez.ne Puglia, Ragazzi in Gamba Taranto, Fratres provinciale Taranto, Solirunners, CAV Coordinamento Associazioni di Volontariato di Martina Franca, La casa di Sophie, AIDO, ADVI “B. Lodeserto”, P.A. AR 27 SERMARTINA, Croce Rossa Italiana – Comitato di Taranto, Struttura provinciale Taranto del SER, Cuori Solidali, Caritas Diocesana, Club per l’Unesco di Taranto, Associazione “Marco Motolese”, Movimento Cristiano Lavoratori, APMAR – Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e rare, G.S. Delfino Asd Taranto Onlus, Stella Maris, Associazione di Volontariato Penitenziario Noi & Voi.

 

Istituti Scolastici che hanno aderito alla XIV Rassegna provinciale del Volontariato e della Solidarietà

23° Circolo Didattico “Raffaele Carrieri” – Taranto
Scuola Secondaria di I grado “C. Colombo” – Taranto
Istituto Comprensivo “F.G. Pignatelli” – Grottaglie
Don Milani Pertini di Grottaglie
IIS “Liside” – Taranto
Liceo Scientifico di Stato “G. Battaglini” – Taranto
IISS “L. Da Vinci” – Martina Franca
IISS “A. Pacinotti” – Taranto
IIS Liceo Artistico “V. Calò” – sedi di Grottaglie, Taranto, Martina Franca e Manduria
IISS “Del Prete – Falcone” – Sava
ISISS “M. Lentini – A. Einstein” – Mottola
ITES Polo Commerciale “Pitagora” – Taranto
Liceo delle Scienze “Vittorino da Feltre” – Taranto
Liceo “De Sanctis – Galilei” – Manduria
Liceo Archita – Taranto
I.I.S.S. “Mediterraneo”

 

Published in Sociale&Associazioni

Pubblicato l'avviso per l'allestimento, in regime di sponsorizzazione dell'Exsecutive Longe  dell'Aeroporto di Bari

Bari – Aeroporti di Puglia S.p.A. comunica che  è stato pubblicato un avviso pubblico finalizzato all’acquisizione di manifestazione d’interesse per la realizzazione, in regime di sponsorizzazione, dell’allestimento di una executive lounge presso l’Aeroporto Internazionale “Karol Wojtyla” di Bari.

L’avviso pubblico è rivolto a aziende con qualificata esperienza nel settore della produzione e commercio di arredi fissi e di imbottiti e nel settore della progettazione e realizzazione di allestimenti. L’area destinata a executive lounge, di circa 200 mq, si trova nell’area imbarchi dell’aeroporto di Bari.

 Il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti ha auspicato che le imprese, soprattutto quelle del territorio, vogliano cogliere le evidenti opportunità offerte da questa iniziativa di marketing culturale e business. “Mettiamo a disposizione una formidabile vetrina internazionale – ha dichiarato il Presidente Tiziano Onesti – che consentirà alle aziende di promuovere i livelli di eccellenza raggiunti nel settore della progettazione e della loro produzione. Anche attraverso iniziative di questo genere, Aeroporti di Puglia intende essere al fianco del mondo delle imprese e di quanti concorrono, ciascuno nel proprio ambito, alla crescita dell’economia regionale”.

 

Published in Cronaca

Lunedì 5 novembre, alla presenza del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, all’Ospedale Moscati di Taranto sarà inaugurato il Reparto di Pneumologia. I posti letto previsti sono inizialmente 10, estendibili a 20 in un prossimo futuro, come previsto dal piano di riordino ospedaliero per le Pneumologie. Il nuovo Reparto, che sarà diretto dal Dott. Giancarlo D’Alagni, costituirà un modello innovativo di integrazione tra ospedale e territorio. Presso il Reparto, infatti, saranno attivi medici ospedalieri e medici territoriali, che lavoreranno fianco a fianco in funzione di una più efficace presa in carico del paziente e di una più coerente e soddisfacente continuità assistenziale. In altri termini, il progetto prevede la presa in carico del paziente nel suo percorso di cure dall’ospedale fino al domicilio, e ha l’obiettivo di garantire una precoce deospedalizzazione per il malato, con la possibilità di ottimizzare l’utilizzo dei posti letto.
L’attivazione dell’Unità Operativa Complessa di Pneumologia, con degenza ospedaliera nel pubblico, rappresenta per la provincia di Taranto un evento epocale, perché finalmente si è fatta giustizia di un diritto negato alla città ed alla provincia, afflitta da un inquinamento ambientale che ha causato un’elevata incidenza delle patologie polmonari croniche infiammatorie, soprattutto oncologiche. Lo sforzo prodotto dalla Regione e dalla Direzione dell’ASL Taranto consentirà il realizzarsi di questa Struttura, che per la Sanità pubblica nello scenario pugliese rappresentava un gap che adesso viene finalmente colmato.
L’evento sarà anche l’occasione per la presentazione di 20 nuovi dipendenti della partecipata in house dell’ASL Taranto “Sanitaservice Asl Ta”, che hanno avviato il percorso di stabilizzazione. Già nel 2017 si era proceduto al passaggio da part time a full time di 143 lavoratori, assegnati allo svolgimento del crescente fabbisogno di ausiliariato a supporto di Asl Taranto, nonché alla copertura e sostituzione dei lavoratori cessati. Con Deliberazione n. 273/2018, poi, l’Asl di Taranto ha internalizzato il servizio di pulizia presso le sedi dei Distretti Socio Sanitari n. 2 (Massafra) e n. 5 (Martina Franca) e il Presidio Ospedaliero di Martina Franca. Per tale ragione, la data di avvio del 01 agosto 2018 ha visto l’assunzione di 20 dipendenti con profili orari diversi provenienti da esperienze di lavoro, quali soggetti svantaggiati, svolte nelle cooperative sociali “Eureka” e “Girasole”. Per questi dipendenti il programma di internalizzazione prevede un rapporto di partenariato tra il Dipartimento di Salute Mentale della stessa Asl di Taranto e Sanitaservice Asl Ta, definito attraverso un protocollo di intervento che coinvolge operatori delle due strutture, al fine di monitorare ed accompagnare continuamente il lavoro dei 20 ausiliari.
Infine, nella stessa giornata sarà ridefinita la struttura di Oncologia. Infatti, l’Ospedale Moscati risulta essere hub del Dipartimento Oncologico Jonico Adriatico. Presso la struttura sono operativi i Gruppi di Patologia Multidisciplinare, che risultano uno strumento operativo della stessa rete oncologica e che consentono al paziente di avere in un'unica seduta la valutazione polispecialistica con la presa in carico diagnostica - terapeutica. È in fase di organizzazione l'altro strumento operativo della stessa rete (il CORO) al quale il paziente potrà rivolgersi direttamente per ogni sospetto o problema oncologico.

Published in Sanità

Il trauma rappresenta in Italia la prima causa di morte nella popolazione al di sotto dei 45 anni, determinando inoltre un gran numero di esiti invalidanti con costi sociali altissimi.

La patologia traumatica possiede caratteristiche peculiari che ne rendono particolarmente impegnativa la gestione fin dalle primissime fasi del trattamento, con un interessamento multisistemico di organi ed apparati da affrontare con approccio plurispecialistico.
Al personale che assiste un politrauma, medici, infermieri, tecnici, e tutti quelli che intervengono, anche nei primi anelli della catena del soccorso sul territorio, si richiede una preparazione attenta, coordinata e condivisa oltre che una "passione" a vincere le sfide che il trauma grave ci pone.
In questo senso si è ritenuto di organizzare una due giorni di approfondimento, studio e confronto sulla gestione multiprofessionale e multidisciplinare del trauma grave a livello preospedaliero, intraospedaliero e interospedaliero.
Il titolo del progetto, organizzato dal Gruppo Multidisciplinare Intraospedaliero Trauma dell’Asl di Taranto, è “Gestione avanzata del trauma grave – Corso Gru.M.I.T.”.
Le giornate formative avranno luogo giovedì 8 e venerdì 9 novembre 2018, dalle ore 08.30 alle ore 13.30 per il corso base e dalle 14.30 alle 18.30 per quello advanced, e si svolgeranno nell’Auditorium del Padiglione Vinci, in via Bruno a Taranto.
Gli appuntamenti sono rispettivamente distinti in un corso base rivolto a 20 medici delle discipline GRUMIT indicati dalle Strutture Complesse del Presidio Ospedaliero Centrale e del 118, 25 medici, 25 infermieri, 10 tecnici sanitari di radiologia medica, tecnici di laboratorio, fisioterapisti, per un massimo di 80 partecipanti.
Il corso Advanced è aperto esclusivamente a 20 medici individuati tra i partecipanti al primo modulo. La frequenza al corso base consente l’acquisizione di 13 crediti Ecm, mentre la frequenza al corso advanced permette di ricevere 10.3 crediti.
Il progetto, ideato e fortemente voluto dal dr. Giovanni Bellanova, Dirigente Medico della Struttura di Chirurgia Generale del SS Annunziata di Taranto, e dal dr. Teodorico Iarussi, Direttore della Struttura di Chirurgia Generale dello stesso nosocomio, nasce dalla volontà di creare un unico percorso clinico - gestionale del paziente politraumatizzato grave chirurgico dopo l’attivazione del percorso diagnostico terapeutico assistenziale del politraumatizzato.
In quest’ottica gli specialisti, a cui è diretto questo progetto, affronteranno un percorso in cui avranno la possibilità di confrontarsi tra loro e con docenti esperti provenienti da strutture di importanza nazionale con un grosso volume di dati nella gestione multidisciplinare condivisa del paziente politraumatizzato grave.
Agli incontri sono previsti gli interventi del: dr. Gregorio Tugnoli, Responsabile Uosd Chirurgia del Trauma Ospedale Maggiore di Bologna e Direttore della Scuola Nazionale Acoi di Chirurgia del Politrauma; prof. Alessandro Massè, Direttore della Struttura Complessa di Ortopedia e Traumatologia Universitaria I presso l’Azienda Città della Salute e della Scienza di Torino; dr. Sergio Ribaldi Responsabile dell’Uos Sindrome Compartimentale Addominale della Chirurgia d’Urgenza del Policlinico Umberto I di Roma e docente della Scuola Acoi di Chirurgia del Trauma; dr. Stefano Calderale già Direttore Uod Pronto Soccorso Trauma – Dipartimento di Emergenza dell’Azienda Policlinico Umberto I di Roma e Direttore della Scuola Acoi di Chirurgia del Trauma e il dr. Damiano Papadia, Dirigente medico dell’Ospedale S. Chiara di Trento.
Gli incontri prevedono lavori di gruppo e confronti con l’esperto. I gruppi multidisciplinari, composti da chirurgo, ortopedico, radiologo, medico d’urgenza e anestesista/rianimatore e specialista, dovranno discutere della gestione un caso clinico reale da un punto di vista clinico ed organizzativo. Tale discussione verrà confrontata con ciò che è successo nella realtà ed il parere dell’esperto. Il lavoro sarà supportato anche da lezioni frontali e dalla proiezione di diapositive e/o video illustranti le varie procedure chirurgiche.

Published in Sanità

Tappa del “Pansini Project” a Grottaglie, domenica 4 novembre 2018 ore 20.30

Nell’ambito della X edizione di “Anima Mea 2018”, Orfeo di Puglia, Festival diretto da Gioacchino de Padova, fa tappa a Grottaglie domenica 4 novembre il “Pansini Project. Inediti della Cattedrale di Molfetta” . 

“Quest’anno - così viene spiegata l’iniziativa nell’articolato programma - abbiamo costruito “Anima Mea” seguendo ancora le direttrici predilette, quella dei repertori dal Rinascimento al Barocco, eseguiti con strumenti storici, e quella della musica nuova in vario modo ispirata all’antico: solisti d’eccezione ed ensemble leader nel panorama europeo, grande repertorio e partiture appena ripescate dall’oblio del tempo.”
Il progetto è finalizzato alla riscoperta e valorizzazione delle musiche inedite del compositore e sacerdote molfettese Antonio Pansini (1703-1791), esponente della celebre Scuola Napoletana, attraverso un tour di quattro concerti della Cappella Musicale Corradiana (a Ruvo di Puglia, a Grottaglie appunto, a Molfetta e a Palo del Colle).
Attraverso il paziente lavoro di ricerca operato da Gaetano Magarelli, organista e musicologo, emerge La figura di questo autore pugliese che viene così proposta dall’Ensemble Cappella Musicale Corradiana anche oltre i confini nazionali con la pubblicazione di un CD per Digressione Music e con un tour di concerti all’estero in collaborazione con l’Istituto Italiano di Cultura di Budapest, il Circolo Monti di Debrecen, la Papageno Consulting e con il sostegno di Puglia Sounds. L’esecuzione del programma a Grottaglie e a Molfetta viene realizzata “utilizzando due organi storici di straordinario valore, tra i più belli di Puglia, opera di un anonimo del secolo XVI (Grottaglie) e di Giuseppe Rubi¬no (1767, Molfetta).
“Allievo di Francesco Durante e Leonardo Leo a Napoli ed ordinato sacerdote a Caserta nel 1726, Pansini divenne organista e maestro di Cappella della Cattedrale di Molfetta, incarico che mantenne sino alla morte. Della sua produzione sopravvivono soltanto opere sacre vocali che coprono tutto il periodo liturgico della Quaresima, e della Settimana Santa in modo particolare, con l’Ufficiatura pressoché completa del triduo pasquale. Le fonti a disposizione sono numerose e reperibili presso gli archivi diocesani regionali e presso alcuni archivi statali sul territorio nazionale. E molti dei frontespizi delle copie manoscritte dicono quanto le opere di Pansini fossero richieste nelle diocesi della provincia. La riscoperta della sua produzione rappresenta, pertanto, un altro passo nella ricostruzione dello sterminato puzzle della Scuola Musicale Napoletana”.
Ecco il programma del concerto:
Messa ed Uffizio del Giovedi Santo a 3 voci col basso continuo: Introito - Kyrie - Gloria - Graduale - Credo - Offertorio - Sanctus - Benedictus - Agnus Dei - Communio - Sepulto Domino
Due versetti per la Lavanda dei Piedi a 3 voci col basso continuo: Benedicta sit Sancta Trinitas - Ubi Charitas
Prima Lamentazione a voce sola col basso continuo: Heth. De Lamentatione Jeremiae Prophetae
Primo Responsorio a 3 voci col basso continuo: Omnes amici mei
Seconda Lamentazione a voce sola col basso continuo: Lamed. Matribus suis dixerunt
Secondo Responsorio a 3 voci col basso continuo: Velum templi
Terza Lamentazione a voce sola col basso continuo: Aleph. Ego vir videns
Terzo Responsorio a 3 voci col basso continuo: Vinea mea electa
Ensemble della Cappella Corradiana: Annamaria Bellocchio soprano - Ester Facchini soprano - Michele Dispoto baritono - Gioacchino De Padova viola da gamba - Gaetano Magarelli organo - Antonio Magarelli clavicembalo e direzione
“Un concerto – dice con pizzico di orgoglio il Parroco D. Eligio Grimaldi - da non perdere sia per la bellezza della musica del Pansini, sia per il valore degli interpreti e sia per la suggestiva voce del nostro organo rinascimentale”.
L’appuntamento, perciò, è per domenica 4 novembre 2018 alle ore 20.30 nella Chiesa Madre Collegiata Maria SS.ma Annunziata di Grottaglie, sita nella storica Piazza Regina Margherita.
Un’ora prima dell’inizio del Concerto sarà possibile partecipare alla visita guidata alla Mostra d’arte ceramica TERRA Identità Luogo Materia allestita, sempre a Grottaglie, nell’ex Convento dei Cappuccini.

 

Published in Cultura

Non tocca a noi svolgere un’analisi politica su quello che è accaduto lo scorso 31 ottobre, ma tocca a noi certamente lanciare un grido di allarme rispetto alle questioni che riguardano l’eventuale vacatio politica al Comune di Taranto.

Così il presidente dell’ANCE di Taranto, Paolo Campagna, rispetto alle dimissioni presentate lo scorso 1° novembre dal primo cittadino Rinaldo Melucci.

Il commissariamento rischia di essere un ulteriore intoppo rispetto alle questioni in piedi – dice Campagna – pensiamo in particolar modo alle attività che come ANCE stavamo svolgendo di concerto con l’Assessorato all’Urbanistica e a quello ai Lavori Pubblici , riguardo le questioni attinenti il recupero e la riqualificazione della città vecchia, del borgo e di alcuni quartieri periferici.

Avevamo posto in essere con l’Assessore Motolese uno studio sul patrimonio immobiliare esistente, e anche un taglio sicuramente più affine alle esigenze delle imprese locali rispetto alle gare d’appalto – dice ancora il presidente di ANCE – ma allo stallo che potrebbe verificarsi anche rispetto alle procedure per l’area ZES, o i tanto attesi PUMS e PUG, pensiamo si possa uscire con una nuova visione collegiale del bene per la città.

Rispettiamo l’autonomia del sindaco che nei prossimi giorni valuterà l’eventuale conferma o meno delle sue dimissioni , ma crediamo altresì che il futuro della città si possa incentrare solo su una nuova fase politica e programmatica dell’ente – afferma Campagna – che richiami tutti, maggioranza e opposizione, alle proprie responsabilità. Auspichiamo, pertanto, un accordo di alto profilo che non coinvolga solo l’attuale maggioranza di Governo, ma vari una nuova stagione di corresponsabilità e collegialità di tutti i componenti il consiglio comunale.

Published in Politica

La Segreteria Cittadina e Provinciale del Partito Democratico insieme al Gruppo consiliare del PD, raccolta la legittima apprensione degli iscritti e della società civile rispetto alle non auspicabili dimissioni del Sindaco Melucci, si sono riunite per esprimere tutto il proprio sostegno ed appoggio politico ed umano al primo cittadino.

Il Sindaco, con il suo gesto, ha dimostrato grande senso di responsabilità all'indomani del tradimento consumatosi nell'urna delle elezioni provinciali.

Grave, gravissimo tradimento quello consumato da una parte minima dei consiglieri di maggioranza, rei di aver ceduto alle sirene del centrodestra, travestito da civismo. Il dato peggiore che emerge dalle elezione provinciali è che parte del centrosinistra, con l'avallo del Governatore di Puglia, ha tradito i propri principi cedendo alle lusinghe del centrodestra, nonostante il Sindaco di Taranto fosse espressione del tavolo del centrosinistra, dal quale è emerso a gran voce il suo nome quale sintesi perfetta del progetto di rinascita del territorio jonico di cui incarna i principi fondanti. La città di Taranto, nella fase fondamentale di ricostruzione in cui si trova, non può non avere una guida salda, ed una visione lungimirante del proprio futuro.

Ci sono questioni troppo importanti che, se non gestite o gestite male avrebbero ripercussioni drammatiche per le future generazioni. Nessun commissario può sostituire il ruolo democratico rappresentato da un Sindaco eletto legittimamente dai cittadini, che chiedono alla politica di farsi carico dei bisogni quotidiani di ciascuno.

Per queste ragioni, Sindaco, ti rinnoviamo il nostro appoggio umano e politico e la nostra fiducia ed apprezziamo il messaggio responsabile lanciato dai gruppi consiliari, nel rispetto del mandato elettorale ricevuto dai cittadini. 

Published in Politica

Il neo Presidente della Provincia di Taranto, dopo i primi adempimenti di rito, ha proceduto alla nomina del VicePresidente confermando fiducia al consigliere provinciale massafrese Raffaele Gentile.
“Ritengo di dover premiare il forte impegno profuso da Gentile negli ultimi 18 mesi in particolar modo per l’edilizia scolastica. Ha dato vita ad attività importanti tese all’intercettazione di numerosi finanziamenti che hanno rimesso in cammino speranze importanti per la comunità di Terra Jonica, dando vita ad un’interessante stagione progettuale. È stato in prima linea garantendo adeguata rappresentanza su molti temi”, così ha commentato il Presidente Giovanni Gugliotti. Il numero due di Via Anfiteatro, Raffaele Gentile, raggiunto dalla notizia della riconferma ha indirizzato sentimenti di ringraziamento al neo - Presidente : “ Ringrazio per la fiducia accordata e per l’apprezzamento al lavoro svolto mostrato dal neo Presidente. Abbiamo un rapporto solido e leale da un ventennio, abbiamo iniziato insieme la nostra vita politica. Sono convinto che lavoreremo bene, con l’umiltà di sempre al servizio di Terra Jonica”.

Published in Politica
Sabato, 03 Novembre 2018 13:03

Al via il Premio “Rosanna Murgolo”

Si parte questa sera con  il Premio “Rosanna Murgolo” Rassegna Teatrale Nazionale Città di Carosino edizione 2018-2019, organizzata dalla Compagnia del Belvedere di San Giorgio Jonico, presieduta da Enzo Marasco ed allestita presso il Teatro Comunale della Città del Vino in via Vittorio Veneto con un ampio parcheggio a disposizione. La rassegna si avvale del patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Taranto, del Comune di Carosino e della FITA (Federazione Italiana Teatro Amatoriale). Un ricco cartellone che, in base alle scelte effettuate dal Direttore Artistico, Gabriella Casabona, andrà a soddisfare un po’ tutti gusti. Il cartellone prevede dieci appuntamenti, otto in concorso, uno fuori concorso e la serata finale di premiazione.

Si inizia appunto questa sera  con “3 sull’altalena” di Luigi Lunari portata in scena dall’associazione Gruppo Teatrale “Amici Nostri” di Castellana Grotte (Ba), regia di Adriana Coletta. Il 17 novembre sarà la volta della compagnia teatrale “La luna nova” di Latina con “Berretto a sonagli” di Luigi Pirandello, regia di Roberto Becchimanzi. L’1 dicembre la Compagnia “La Rotaia” di Taranto con “Una pazza gita a Napoli” di Gianfranco Carriglio che ne cura anche la regia. Il 15 dicembre “Non tutti i ladri vengono per nuocere” di Dario Fo proposta dall’associazione “Giù la maschera” di Bari, regia di Rossella Triggiani e Floriana Fiorella. Il nuovo anno si apre 12 gennaio con la compagnia “Teatro per noi” di Napoli con “Boing boing l’amore vola” di Marc Camoletti, regia di Marisa Mignano. Si prosegue il 26 gennaio con “Una giornata particolare” di Ettore Scola portata in scena dall’associazione artistico culturale “Garbo Teatrale”, regia di Francesco Mitolo. Il 9 febbraio la compagnia teatrale “I Commdianti” di Taranto con “U Riale” da Regalo di nozze di Valerio Di Piramo, regia di Mina Isernia. Il 23 febbraio l’associazione teatrale “Calandra” propone “4 di cuori + 1” di Giuseppe Miggiano che veste anche i panni di regista. Il 9 marzo un lavoro teatrale fuori concorso portato in scena , in prima assoluta, dalla compagnia del Belvedere con “Aggiungi un posto al diavolo” di Francesco Piccinni che ne cura anche la regia. Infine la serata conclusiva fissata per il 23 marzo che prevede nella prima parte la cerimonia di premiazione e subito dopo “Violin Show” l’ensamble composta da Francesco Greco - violino, Antonio Cascarano – basso, Fabio Petruzzi – chitarra, Pierluigi Orsini – tastiere e Mino Inglese – batteria. Le compagnie partecipanti, selezionate da una apposita commissione presieduta dal Direttore Artistico, si contendono i premi per: miglior spettacolo, miglior regia, miglior attore protagonista, miglior attrice protagonista, miglior attore non protagonista, miglior attrice non protagonista. I giudizi saranno espressi da una apposita giuria chiamata a visionare ogni singolo lavoro, al termine della messa in scena delle otto compagnie in concorso i giurati si riuniranno per decidere a chi assegnare i premi che saranno consegnati nell’ambito della cerimonia che si svolgerà nella serata finale.

Il Direttore Artistico e la Compagnia del Belvedere ringrazia quanti hanno partecipato alle selezioni previste da un apposito bando e da cui è scaturita la rosa di lavori ammessi a concorso, tutti meritevoli di attenzione, tutti con un messaggio, talune volte, anche forti e di stretta attualità su cui riflettere. Tra le tante richieste di ammissione a concorso, con non poca difficoltà, ne sono state individuate soltanto otto che sono giunte dunque alla programmazione finale in quanto, appunto soltanto otto erano le serate previste. Compagnie ed associazioni teatrale da ogni parte d’Italia hanno partecipato al bando, motivo, questo, di grande soddisfazione per gli organizzatori che si scusano per non aver potuto inserirne un numero maggiore. Adesso spetta al pubblico segnare l’indice di gradimento con la sua presenza in teatro. Inizio spettacoli ore 21,00. Apertura botteghino ore 19,30. Costo del biglietto € 5,00. Info e prenotazioni al 351.9157550. Su il sipario!

Published in Spettacolo
Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk