Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Ostuni - Items filtered by date: Luglio 2018

L’evento rientra nella programmazione del Carsica Festival  "Terra delle Gravine"

Arriva la voce di Diodato a Grottaglie (TA). Dopo l’ultimo successo al Festival di Sanremo con il brano “Adesso”, l’artista tarantino è in giro per l’Italia con il suo tour e approderà nella città delle ceramiche venerdì 3 agosto con un grande concerto gratuito (ore 21.30) in Piazza Principe di Piemonte.

Diodato sarà accompagnato dalla sua band e proporrà al pubblico i brani del suo ultimo album “Cosa siamo diventati”, oltre che i suoi più grandi successi.

“Siamo lieti di accogliere un grande artista tarantino quale Diodato – afferma Ciro D’Alò, sindaco di Grottaglie e presidente del Distretto Urbano del Commercio - Un evento che aggiunge qualità al cartellone estivo che sta animando strade e piazze della nostra città, puntando a coinvolgere la comunità di residenti e di turisti”.

Diodato è appena rientrato da una serie di concerti europei che hanno toccato Francia, Belgio, Olanda e Germania. Il tour è stato il premio conferito al cantante come vincitore della Summer Live Parade, nella categoria Best Performer Live votata dai direttori artistici dei festival della KeepOn Festival Experience.

Diversi sono gli sponsor che hanno deciso di investire per il grande appuntamento musicale grottagliese: IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A., Euronet Srl, Ferrarese Costruzioni Srl, I.M.E.C. di Battafarano Vincenzo e Baux Srl.

Il concerto di Diodato rientra nella programmazione del Carsica Festival "Terra delle Gravine" finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’Avviso pubblico per presentare iniziative progettuali per lo Spettacolo dal vivo - FSC 2014-2020 – Patto per la Puglia. Il festival è realizzato in collaborazione con i comuni di Laterza, Grottaglie, Castellaneta, Mottola e Ginosa.

 

Diodato è uno dei più interessanti artisti della nuova scena cantautorale italiana, apprezzato dalla critica per la qualità dei suoi testi e dal pubblico per la profondità delle sue interpretazioni. Esordisce nel 2010 con il singolo Ancora un brivido. Daniele Tortora produrrà il suo primo disco E forse sono pazzo nell’aprile 2013. Il video di Ubriaco, il primo del disco, viene selezionato da MTV New Generation.
La rivisitazione di Amore che vieni, amore che vai di Fabrizio De Andrè viene scelta da Daniele Luchetti per la colonna sonora del suo nuovo film Anni felici.
Nel 2014 Diodato arriva al Festival di Sanremo con il brano Babilonia nella categoria “Nuove proposte”. Si classifica secondo e vince il premio della critica
Mina ha elogiato la sua Babilonia su VanityFair del 19 Marzo.
A marzo Fabio Fazio propone all’artista di reinterpretare alcuni capolavori della musica italiana nel suo programma Che tempo che fa. Ad ottobre pubblica A Ritrovar Bellezza, disco tributo ai grandi autori e compositori della musica italiana. Daniele Silvestri ha scelto Diodato per il featuring del brano estivo Pochi Giorni; è stato inoltre ospite speciale dell’Acrobati Summer Tour 2016.
Nel marzo 2016 firma con Carosello Records; la sua prossima uscita discografica è prevista per il 27 gennaio 2017 con il nuovo album Cosa Siamo Diventati, che sarà preceduto dal singolo Mi Si Scioglie La Bocca.
A novembre esce il nuovo singolo, “Cretino che sei”, brano che segna una svolta stilistica dell’artista. Il brano è stato presentato in anteprima alla Milano Music Week.
Nel 2018, con il brano “Adesso”, scritto da lui, è tra i 20 big in gara al Festival di Sanremo.
"Essere semplice", nuovo singolo di Diodato, esce sulla scia del successo di “Adesso”, brano scritto da Diodato con il quale ha partecipato all'ultima edizione del Festival di Sanremo insieme a Roy Paci e che è stato per settimane nella top 30 dei brani più trasmessi in radio.

Published in Spettacolo

Domani sera, primo giorno di agosto, nella Masseria Carnevale che si trova a quattro chilometri e mezzo, a sud di Villa Castelli, in prossimità della Via Appia (S.S. n. 7), sul tratto Francavilla-Grottaglie; vi si accede dalla strada vicinale Cicoria, alle ore 20:30 avrà luogo la presentazione del libro di Donatella Melle "Tutta la vita in un battito", Apollo edizioni, oltre alla presenza dell'autrice, ci saranno gli interventi di Marilena Cavallo, docente del Liceo Moscati di Grottaglie e di Francesca Vinci, psicologa, psicoterapeuta relazionale e familiare. Il ricavato della vendita di questo romanzo autobiografico verrà utilizzato per la ricerca contro le neoplasie cerebrali e midollari del bambino.

Nell'opera autobiografica si racconta la storia di una giovane donna che si trova ad affrontare la malattia del figlio, è un racconto  di percorsi interiori di una madre, le lacrime di dolore, la rabbia, la fragilità e ancora  la speranza, che si instaura grazie alla consapevolezza del dolore, quel dolore primitivo che di fronte alla sofferenza diventa uno stato di resilienza e una capacità di resistere agli urti della vita.

Published in Cultura

Sabato 4 agosto presso la storica “Masseria del Duca” di proprietà dei fratelli Angelo, Aldo e Anna Cassese, nel cuore del territorio delle “Cento Masserie” di Crispiano si svolgerà la Prima edizione di “Aria di Masseria…profumi di Puglia”, un evento promosso dalla Regione Puglia, Assessorato all’Agricoltura. 

Un’intera giornata durante la quale la “Masseria didattica” si vestirà a festa ed offrirà ai propri ospiti un programma ricco e variegato di laboratori didattici, musica, danza ed intrattenimento per bambini, il tutto accompagnato dagli ottimi prodotti 100% ecosostenibili che la masseria ogni giorno realizza e distribuisce sul mercato con il brand “InMasseria”.
Un’opportunità importante che consentirà a tutti di vivere a pieno e da protagonista le attività tipiche che si svolgono all’interno di una masseria, oggi più che mai baluardo di autenticità e tradizioni.
Dalle ore 10 del mattino (ingresso a pagamento) le operatrici didattiche (Tiziana e Giusi Cassese) accompagneranno i partecipanti nella visita della parte storica della masseria, appartenuta ai duchi De Sangro di Martina Franca, e nella moderna azienda agricola con le sue diverse filiere di produzione, dall’allevamento avicolo a quello zootecnico, dal frantoio oleario all’innovativo impianto di biogas, fiore all’occhiello della masseria e primo impianto realizzato in Puglia.
Dalle ore 19 (intera serata con ingresso gratuito), all’interno della suggestiva corte della masseria, ci sarà la possibilità di ammirare l’arte casearia dei maestri casari e di degustare il famoso “Don Carlo”, formaggio di latte vaccino con caglio di capretto prodotto nella iazzo della masseria fin dal 1600, oggi vincitore dell’Italian Cheese Awards nel 2015 e nel 2017.
I bambini potranno riscoprire i giochi di un tempo grazie all’animazione de “Il Paese dei balocchi”.
La serata proseguirà con l’“Omaggio ai cantautori”, spettacolo musicale a cura del maestro Carmine Fanigliulo, con Massimo Santoro alla chitarra ed Antonio Orlando alle percussioni: saranno eseguite le canzoni dei più grandi autori della musica italiana.
Dalla musica all’arte della danza sportiva con le coreografie dei maestri di ballo Alessandro di Ponzio e Floriana Memmola.
Gli atleti della scuola Alex Dance si esibiranno in show di danze latino americane, show latin e danze standard.

Published in Spettacolo

Lunedì 6 e martedì 7 agosto a Grottaglie (TA) la settima edizione di Orecchiette nelle ‘nchiosce e  nel quartiere delle Ceramiche

Otto chef made in Grottaglie per 10 ricette in tutti le salse. Novità l’arrivo del Carillon vivente. Percorsi enologici, laboratori e tanta musica

Orecchiette per tutti i gusti e in tutte le salse: quelle con mandorle e fichi neri, gluten free, con la percoca, al ragù di cinghiale bianco, con le cozze tarantine fino a quelle tradizionali con le rape e cacioricotta.
Inoltre, per dare un ulteriore tocco di originalità, ci saranno anche quelle al vincotto, con bacche di ginepro e con polvere di tarallo.

Queste alcune prelibate ricette che proporranno gli 8 chef protagonisti della settima edizione di Orecchiette nelle ‘nchiosce. Quest’anno il grande evento enogastronomico di Grottaglie (TA), in programma lunedì 6 e martedì 7 agosto, si trasferisce nel famoso quartiere delle Ceramiche con percorsi gastronomici.

E gli intrepreti dei piatti saranno tutti made in Grottaglie, con alcuni di loro che, lavorando in giro per l’Italia, in questa occasione unica si uniranno per portare la loro esperienza interpretando la regina delle tavole pugliesi, l’orecchietta. 

In due giorni sarà possibile degustarla in svariate ricette, in un percorso di gusto che partendo dalla tradizione approderà alle più recenti rivisitazioni.
Saranno poi le cantine grottagliesi e un birrificio artigianale ad esaltare la maestria degli chef e, quindi, con mappa in una mano e calice nell’altra, si andrà alla scoperta dei vari stand.

Per chi non si accontenta solo di mangiare, bere e ascoltare musica ma vuole mettere le mani in pasta troverà il laboratorio per imparare a preparare manualmente le orecchiette a cura dell’Associazione Utopia di Grottaglie.

Non solo enogastronomia ma anche tanto spettacolo e folclore quello che ha in serbo Orecchiette nelle ‘nchiosce 2018. Novità il Carillon vivente creato dall’attore Mauro Grassi che ha già sbancato su Facebook con 32 milioni di like e continua a ricevere richieste da tutto il mondo. Una ballerina insieme al suo pianista si esibirà lungo via Crispi, la strada storica del quartiere delle Ceramiche, per incantare cittadini e turisti.
Immancabili saranno inoltre i bandisti made in Grottaglie che intratterranno il grande pubblico con diversi generi musicali. Come anche l’aperitivo e dj set sulla terrazza della storica bottega di Domenico Caretta Maioliche (via Caravaggio, 2). Lunedì si esibirà Guido Balzanelli e Francesco Cofano mentre martedì ci sarà la selezione musicale di Antonio Piergianni, il tutto circondato da bollicine e prodotti tipici.

Insomma, due serate all’insegna del gusto e del divertimento in uno dei centri storici più belli del tarantino a due passi dal mare.
Orecchiette nelle ‘nchiosce è organizzato dalla società K202/M.A.O con il patrocinio di Slow Food Grottaglie Vigne e Ceramiche e la collaborazione del pastificio Bontà srl di Grottaglie.

Per informazioni: www.orecchiettenellenchiosce.com; 3498789817
Facebook: www.facebook.com/orecchiettenellenchiosce/

CHEF E RICETTE

Loredana Ballo  -  Orecchiette al dolce fico e datterino, con croccante mandorla pugliese e gocce di formaggio Don Carlo
Maria Carmela D'Acunto  - Orecchiette al pesto di capperi e olive con pomodoro giallo e polvere di tarallo
Angelo Capriglia - Orecchiette al profumo di limone con cozze e fiori di zucca, con una spruzzata di pane verde, olio all’aglio e pomodoro secco
Emanuele Lenti  - Orecchiette con cime di rape e acciughe
Adriano Schiena  - Orecchiette con ricotta aromatizzata, percoca caramellata, crumble di arachidi  e vincotto.
Rosario Chiloiro - Orecchiette al ragù di cinghiale in bianco alle bacche di ginepro con briciole di pane tostato in un filo non avaro l'olio extravergine d'oliva aglio e peperoncino rinfrescato da una pioggia di prezzemolo
Anna Donatelli  - Orecchiette con pomodoro fresco, cipolla rossa di Tropea e basilico (gluten free)
Salvatore Carlucci  - Ricordi di “un’acquasale” Orecchiette mantecate con salsa di pomodoro fermentato, cumarazzo (carosello salentino) marinato all’olio essenziale di origano, agrodolce di cipolla e croccante di frisella.

LE CANTINE VITIVINICOLE

Percorso
Cosimo Vestita
Masseria Levrano D’Aquino
Pruvas
Schiena
Tenute Motolose
Choose
Terrazza
Vetrere

LA BIRRA ARTIGIANALE

Piccolo Birrificio Indipendente Decimoprimo

 

SPETTACOLI MUSICALI 6 AGOSTO

Rione Mediterraneo
Eupremio Ligorio
Canzoniere Popolare
Suonosolo
Tarantula Ensemble

SPETTACOLI MUSICALI 7 AGOSTO

Trio Swing
Trio Bio Booom Percussion
Maggiore Trio
Michele Santoro Laura Donatone Duo
Tarantula Ensemble

www.orecchiettenellenchiosce.com

 

Published in Spettacolo

UN AMBIZIOSO PROGETTO VIAGGIA SU “SENTIERI DIVINI”

Il motto di Gianfranco Sasso è “unire”, pilastro che sostiene l’organizzazione di un disegno che egli stesso definisce “un cantiere sempre aperto”. Questo giovane imprenditore di Pulsano, trapiantato a Milano, intende diffondere in Italia e all’estero i sapori inimitabili e le eccellenze pugliesi, partendo proprio dalla sua terra natia.

“Sentieri DiVini - Alla ricerca del gusto”, è un progetto nasce da un'idea dell’associazione Janoct, una produzione tecnico artistica firmata Gianfranco Sasso, in collaborazione con il Comune di Pulsano, nella persona del Sindaco Ing. Francesco Lupoli, con l’Assessorato al Marketing e Promozione Territoriale, nella persona di Francesco Marra e con l'Assessorato allo Spettacolo, Sviluppo e Promozione Turistica, nella persona di Antonio Basta.

Il progetto si propone di diffondere ed esaltare la cultura enogastronomica locale e le eccellenze pugliesi in Italia e nel mondo, coinvolgendo le strutture ricettive del territorio e attraverso eventi che offrano la possibilità ai turisti che soggiornano nella nostra provincia di godere delle nostre bellezze, senza necessariamente spostarsi altrove. Il disegno coinvolge diverse aziende in un'attività di marketing territoriale, in grado di dare nuovo impulso all'economica locale sviluppando una rete di collaborazioni che puntino a risollevare Pulsano, sia a livello di identità e immagine che dal punto di vista economico.

Il progetto, quindi, avrà il suo esordio con la prima edizione nelle serate del 3 e 4 agosto, precedute da differenti attività culturali collaterali, tra le quali visite guidate alla scoperta dei luoghi storici di Pulsano.

Il bellissimo Chiostro del Convento dei Padri Riformati di Pulsano sarà, insieme al suo spazio esterno, lo scenario principale di un vero e proprio viaggio sensoriale attraverso la degustazione di una selezione di vini delle cantine del nostro territorio e la proposta culinaria di alcune delle eccellenze gastronomiche locali, il tutto accompagnato da eventi musicali che intratterranno il pubblico partecipante.

La prima serata sarà impreziosita da un tavolo tecnico con esperti del settore vitivinicolo e dall’assegnazione del Premio "Terre di Puglia”, recensito dalla scrittrice e poetessa di Pulsano Rina Bello. Un momento dedicato al riconoscimento delle personalità di prestigio locali che più si sono contraddistinte a livello nazionale e internazionale nei campi del Sociale, Sport, Moda, Cultura, Arte, Musica, Imprenditoria e Tecnologia che hanno dato lustro e valore al territorio pugliese. Infine vi sarà l’esibizione musicale del "Carlo Atti Jazz Quartet" in Tour Internazionale.

La seconda serata sarà, invece, caratterizzata da esibizioni musicali a carattere popolare con i "Compagni di Meronda", e lo "Janda Ensamble Popolare", con canti, ballate, pizziche e tarantate.

Lo scorso sabato 28 luglio alle 18,30, presso il Gabbiano Hotel di Marina di Pulsano, si è svolta la Conferenza Stampa alla quale hanno partecipato il Sindaco, l’Ing. Francesco Lupoli, l’Assessore al Marketing e Promozione Territoriale Francesco Marra, l'Assessore allo Spettacolo, Sviluppo e Promozione Turistica, Antonio Basta, assieme a diversi esponenti della giunta comunale, e la poetessa e scrittrice Rina Bello, in particolare, i partner ed i media-partner e molti altri incuriositi da questo ambizioso progetto.

«Nonostante le difficoltà con cui siamo costretti ad operare, non smettiamo di concentrarci sulle potenzialità del territorio. Con questo evento abbiamo voluto mettere a sistema diversi ambiti: quello religioso, naturalistico e commerciale, con la qualità dei prodotti locali. Ringrazio gli operatori locali e le aziende partner, perché hanno colto lo spirito di un’iniziativa che speriamo possa durare nel tempo. Ci siamo mossi in una logica di marketing territoriale, dando anche una impostazione istituzionale al progetto. Da questo punto di vista lancio un appello agli operatori della zona: facciamo squadra, cerchiamo di collaborare diamo continuità a queste manifestazioni di grandissimo livello. Lanciamo Pulsano tra le più ambite mete turistiche d’Europa!»

Questo è ciò che ha affermato l’Assessore Antonio Basta, che ha sposato con enorme entusiasmo il progetto di Gianfranco Sasso, definendo quest’ultimo un instancabile Direttore Artistico.

Strategica, infatti, la scelta di organizzare l’evento agli inizi di agosto, per permettere ai numerosi turisti che soggiornano nelle strutture ricettive del nostro paese e delle zone limitrofe, di essere i protagonisti della promozione e dello sviluppo delle attività presenti sul nostro territorio e far scoprire un luogo, il Convento dei Frati Riformati, dal grande valore storico e culturale.

«Il nostro obiettivo come amministrazione a medio-lungo termine è quello di “esportare” il marchio Pulsano in tutto il resto d’Italia e magari anche in qualche Paese Europeo, per arrivare finalmente a quello sviluppo turistico che auspichiamo e del quale tanto si parla. Sicuramente Sentieri DiVini potrà essere un ottimo veicolo per cercare di raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati. »

L’Assessore Francesco Marra auspica, dunque, che questo progetto si trasformi in un brand a diffusione nazionale e non solo.

I partner di “Sentieri DiVini” sono: DUE MARI WINEFEST, ARCHEOCLUBITALIA, ROTARY CLUB INTERNATIONAL sezione di Manduria e SGA MUSIC; i Media Partner: Studio 100 TV, ExtraMagazine e Radio LatteMiele.

Condurrà entrambe le serate Rosa Colucci, direttore di ExtraMagazine, che ha collaborato alla realizzazione delle due serate dando quel tocco di femminile eleganza, che completa l’organizzazione. Gianfranco è un artista che mentalmente punta in alto e ha ben chiari quali obiettivi voglia perseguire. Molto affiatato lo staff di “Sentieri DiVini” che si muove all’unisono verso la realizzazione e il completamento di questo ambizioso progetto.

Published in Cultura

MITTAL ILLUSTRA IL SUO PIANO A ROMA, MA LA COMPETENZA NON VA LASCIATA A CASA: IL MINISTRO HA PERSO UNA BUONA OCCASIONE

Oggi a Roma, nella sede del Mise, Arcelor Mittal illustrerà le correzioni apportate al Piano Ambientale in virtù delle sollecitazioni ricevute in tal senso dal Governo.

Il ministro Di Maio ha convocato rappresentanze istituzionali, parti sociali e associazioni ambientaliste.
In totale saranno 62i soggetti chiamati ad ascoltare, tra poco, la relazione del gruppo franco-indiano.

Non entriamo nella disputa politica che si va alimentando giorno per giorno come un incendio perpetuo che rischia di bruciare soprattutto le aspettative della comunità, del mondo del lavoro, della produzione e delle professioni.

Ci limitiamo ad osservare che una così importante occasione di dialogo e confronto avrebbe meritato una gestione politico- istituzionale più attenta e calibrata.

Secondo questo Ordine, la Città di Taranto ha il diritto di conoscere apertamente, e direttamente, le proposte di chi si appresta a gestire un’industria come l’Ilva.
Ed è superfluo spiegarne il perché!

Dunque condividiamo l’idea di coinvolgere il mondo delle associazioni, quindi un incontro organizzato a Taranto avrebbe certamente assecondato compiutamente questa innegabile e sacrosanta esigenza civica.

Altra cosa, a nostro modo di vedere, è un tavolo ministeriale intorno al quale devono prendere posto le rappresentanze politiche elette, ovvero legittimate democraticamente a rappresentare tutte le sfumature di una intera comunità, quindi il mondo del Lavoro, della Salute, dell’Ambiente e della Produzione.

Quanto alle Professioni, duole rilevare come il ministro abbia perso una valida occasione per ascoltarci.

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Taranto l’anno scorso ha presentato dettagliate e compiute osservazioni in sede di rilascio dell’Aia a Mittal (settembre 2017), un lavoro che il Comune di Taranto avrebbe poi recepito in toto inserendolo nel fascicolo tecnico poi consegnato al Mise nei tempi stabiliti dalla legge per le prescrizioni.

Abbiamo inoltre espresso un parere oggettivo sulla costruzione (oggi in corso...) della copertura parchi minerali e siamo convinti che la nostra comunità abbia il diritto di respirare aria salubre e di lavorare al sicuro.

Oggi a Roma avremmo ascoltato volentieri cosa Mittal intenderà fare per raggiungere questi obiettivi.

La competenza non va lasciata a casa. Il ministro ha perso una buona occasione.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI TARANTO

 

Published in Cronaca

Il presidente Busico: «Primo storico risultato. Continuiamo a sviluppare la rete d’imprese».
Il primo biennio dell’ITS Logistica Puglia si chiude con un dato storico: quasi il 70% dei corsisti ha trovato lavoro in aziende del settore.
L’incontro con la stampa è stato aperto dal saluto di Angela Maria Santarcangelo, dirigente scolastica dell’istituto «Cabrini», istituto di riferimento del progetto ITS Logistica Puglia che raccoglie enti pubblici e privati: «Oggi – ha spiegato Santarcangelo – raccogliamo i risultati di questi primi anni di lavoro per l’Istituto Tecnico Superiore della Logistica Puglia. Risultati raccontati attraverso i numeri che dimostrano come questa sia una scommessa vincente. È vincente per i ragazzi che scelgono di specializzarsi nei nostri percorsi formativi: in modo completamente gratuito hanno vissuto formazione in aula e stage, esperienze all’estero. I nostri ragazzi hanno avuto come docenti quegli stessi manager che quotidianamente vivono le problematiche del lavoro nelle loro aziende offrendo ai nostri partecipanti la possibilità di vivere le imprese anche all’interno delle aule. Ma questa è allo stesso tempo una scommessa vincente per le imprese che partecipano in modo efficace alla crescita di questi ragazzi. Una scommessa vincente per l’intero territorio, pugliese e tarantino in particolare – ha aggiunto la dirigente scolastica - una scommessa che solo facendo rete si può vincere e la fondazione Ge.In.Logistic che riunisce enti pubblici, privati e imprese ne è la dimostrazione».
Silvio Busico, presidente della fondazione Ge.In.Logistic ITS Logistica Puglia ha ricordato che «nell’autunno 2016 sono partiti a Taranto i primi due corsi dell’ITS Logistica Puglia per “Logistics Analyst” e “Tecnico Superiore del Trasporto Multimodale”: 38 corsisti hanno completato il biennio e ben 26 di loro hanno già trovato lavoro o sono pronti a firmare il contratto con le aziende che li hanno ospitati durante le ore stage. È una percentuale che sfiora il 70% ed è un risultato che premia gli sforzi dei ragazzi, ma è anche un primo traguardo dello staff che lavora incessantemente per creare le condizioni utili affinché i corsisti conseguano una preparazione altamente specializzata e che allo stesso tempo si adopera per sviluppare il network aziendale dell’ITS. Ampliare la rete di imprese – ha aggiunto Busico – è fondamentale perché permette ai corsisti di vivere concretamente, attraverso stage e laboratori d’impresa, l’applicazione reale di quanto appreso in aula e poter avere reali opportunità di inserimento lavorativo». Su questo punto, Busico ha annunciato un secondo risultato straordinario: l’ingresso come socio della Fondazione Ge.In.Logistic di «ALIS», l’Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile. Un vero e proprio colosso del settore che raggruppa 1300 aziende di settore, oltre 140.500 unità di forza lavoro, unparco veicolare di oltre 103.000 mezzi, più di 2.700 collegamenti marittimi settimanali solo per le isole e più di 100 linee di Autostrade del Mare. Alla conferenza stampa ha preso parte Nicolò Berghinz: il Development Area di ALIS ha spiegato che la scelta, fortemente voluto dal presidente Guido Grimaldi, è stata determinata dai risultati già conseguiti in altri percorsi svolti con l’istituto pugliese: «Alcuni dei macro obiettivi di Alis – ha spiegato Berghinz – coincidono con le strade percorse da ITS: mi riferisco all'internazionalizzazione che aiuta le imprese a crescere, sbarcando all'estero e ampliando il network. E poi innovazione e riscatto del Mezzogiorno: vogliamo farlo davvero con atti concreti insieme alle nostre aziende. Anche per questo abbiamo deciso di diventare soci dell'ITS Logistica Puglia».
Insieme ad Alis, l’ITS ha appena accolto con entusiasmo anche gli ingressi in fondazione di «Gi Group», prima multinazionale italiana del lavoro, nonché una delle principali realtà, a livello mondiale, nei servizi dedicati allo sviluppo del mercato del lavoro, e la tarantina «Robotronix» guidata da Fabio D’Aniello.
Efisio Marras, project manager di ITS Logistica Puglia, ha invece illustrato i dati raggiunti nel network aziendale: «sono complessivamente 118 le aziende con le quali siamo entrati in contatto – ha dettagliato Marras – e di queste 67 sono imprese di Logistica Integrata e 41 di Trasporto intermodale. Con 60 abbiamo già ufficializzato la collaborazione: sono infatti 17 i protocolli d’intesa firmati per la realizzazione di attività di progettazione, pubblicizzazione o docenza e con 43 imprese avviando convenzioni per l’accoglienza dei corsisti durante gli stage o per laboratorio d’impresa ».
A Rosmunda Gentili, direttore dell’ITS Logistica, è spettato il compito di raccontare il «segreto del successo» dell’ITS Logistica Puglia: «Un successo – ha evidenziato Gentili – che è da ricercare principalmente nella metodologia “action learning” la strategia di apprendimento basata sull’esperienza, con la quale i corsisti sono chiamati a lavorare su progetti concreti, in un ambiente di apprendimento non solo codificato e strutturato , ma soprattutto in contesti reali o di simulazione. I partecipanti sono stati chiamati a lavorare su progetti definiti e concreti, sempre seguiti da un corpo docente che li ha accompagnati al raggiungimento di competenze immediatamente spendibili nel mondo lavorativo. Ogni attività – ha proseguito il direttore dell’ITS Logistica Puglia – è stata svolta dietro la tutorship di docenti appartenenti al mondo della scuola o dell’università, in stretta collaborazione e stretto contatto con i referenti e manager delle aziende che hanno ospitato i nostri corsisti nelle ore di stage e tirocinio. Questo il valore aggiunto che è stato riconosciuto dagli stessi corsisti dell’ITS Logistica Puglia. Abbiamo quindi cercato – ha concluso Gentili – di dare risposte concrete ai bisogni occupazionali dei nostri giovani e contestualmente alle richieste delle aziende sempre più alla ricerca di tecnici specializzati».

Published in Scuola&Istruzione

“Emarginano Taranto emarginando me. La dichiarazione dei capigruppo di estromissione mia e di Borraccino oltre ad essere un errore politico ed un'offesa per la democrazia è anche un ulteriore schiaffo in faccia per i tarantini. Il presidente Emiliano ci ha abituato a farsi percepire politicamente come chi, da un lato pretende dalla sua maggioranza una fiducia ad occhi chiusi (pena l'estromissione), dall'altro dice tutto e il contrario di tutto (vedi Ilva, xylella, tap e vaccini tanto per citare solo alcuni temi). Se appartenere alla maggioranza significa appartenere ad un esercito dove un padrone stabilisce le scelte e i consiglieri di maggioranza sono chiamati ad essere meri omologatori senza nessun momento di preventiva condivisione, io non sono disponibile. Io sono un uomo di centrosinistra per cultura storia e tradizione e anche per questo intendo la politica come campo aperto di inclusione, confronto e condivisione e non certo come esercito”.
Rabbia e determinazione, Gianni Liviano le sfoggia in conferenza stampa. Quanto accaduto mercoledì scorso, quando dopo la bocciatura in I commissione consiliare dell’assestamento di bilancio i capigruppo di maggioranza hanno diramato una nota con la quale ritenevano il consigliere del Gruppo Misto (insieme al collega Borraccino) fuori dalla compagine che amministra la Regione Puglia, brucia ancora.
“Considero l'assestamento di bilancio un'occasione per ripensare mete e rotte”, ha spiegato Liviano. “Per questo - ha subito aggiunto - mi aspettavo sul documento di bilancio una condivisione (che non appartiene per niente al pensiero del presidente Emiliano) dal momento che, con l’assestamento, si vanno a rivedere situazioni che, col bilancio di previsione, non hanno reso rispetto a quanto preventivato. Tutto ciò non è avvenuto. Pur nel rispetto del ruolo della Giunta, io non credo che ai consiglieri possa essere chiesto di essere permanentemente meri omologatori di scelte altrui, in funzione del vincolo di appartenenza alla maggioranza. Se per i capigruppo questo va bene, per me: no”.
L’obiettivo per Liviano resta, sempre e comunque, lo sviluppo e il rilancio della città di Taranto e della sua provincia. "Non è la prima volta che io sono estromesso, è già successo in maniera strumentale e imbarazzante per la vicenda dell'assessorato qualche anno fa e ora sono addirittura estromesso dalla maggioranza: le persone libere non sono apprezzate ma io alla mia libertà non rinuncio e non sono disponibile a mandare il cervello all'ammasso. Per questo nessuno mi potrà mai buttare fuori. Se ciò avverrà e perché l’avrò deciso io e nessun altro per me".
Poiché nell’assestamento di bilancio non c’è traccia di Taranto, Liviano ha annunciato di aver presentato cinque emendamenti che riguardano la dotazione finanziaria per mettere la legge regionale speciale per Taranto in grado di diventare operativa, al di là del piano strategico “Taranto futuro prossimo" in fase di realizzazione, l’aeroporto di Grottaglie, il Mar Piccolo.
“Con gli emendamenti - ha spiegato Liviano - chiedo l’assegnazione di una dotazione finanziaria di 1 milione di euro, che va ad aggiungersi a quelli già stanziati, per sostenere e accelerare il processo di costituzione del Polo formativo di eccellenza per la Blue economy, la nautica e la marineria a Taranto; 5 milioni di euro, da reperire da fondi comunitari e così come previsto dall’articolo 2 della legge per Taranto, allo scopo di garantire ai lavoratori in uscita dall'Ilva e dall'indotto, possibili soluzioni di autoimprenditorialità in maniera non individuale, impegnando
le strutture amministrative e le agenzie della Regione a seguire gratuitamente erogando servizi di accompagnamento fiscale, giuridico e di consulenza, le fasi di start up per i primi tre anni di vita societaria; sempre a quanto previsto dalla legge regionale Taranto, l'art. 30 della l.r. 23/06/2008 n. 16 comma g viene così emendato: l'aeroporto di Grottaglie è immediatamente fruibile ai fini dei voli civili. Per questo obiettivo è assegnata una dotazione finanziaria, in termini di competenza e cassa, di 5 milioni di euro. Duecentomila euro è la richiesta dell’emendamento
per la realizzazione di un action plan, e dei relativi studi di fattibilità, al fine di garantire il più rapido sviluppo e la più efficace definizione di un piano di azioni atte a garantire la restituzione del valore potenziale delle risorse del Mar Piccolo di Taranto; centomila euro per l’action plan e i relativi studi di di fattibilità al fine di fornire risposte coerenti con le aspettative utili al mondo giovanile pugliese, e di realizzare una fase di studio e di analisi dei sogni e dei bisogni del mondo giovanile pugliese”.
Insomma, la stella polare per Liviano “sono gli interessi dei tarantini e non quelli dei partiti. Non a caso, durante il mio breve periodo in assessorato all’Industria turistica e culturale, con il mio lavoro ho salvato i finanziamenti europei, che altrimenti sarebbero andati persi, grazie ai quali oggi Taranto può contare di nuovo sulla fruibilità del teatro Fusco e del liceo musicale Paisiello per il quale ho scongiurato quello che sembrava, allora, una sicura chiusura. O, ancora, il progetto, che ora si sta compiendo, proposto al commissario straordinario delle bonifiche, Vera Corbelli, di impiegare in lavoratori ex IsolaVerde nelle bonifiche, le assunzioni di personale per Arpa Taranto, le opere fognarie mancanti in alcune zone dei quartieri di Lama e San Vito. Ora, ancora di più di quanto fatto fino a oggi, sarò vigile alla tutela della legalità in Regione e a tutelare, anche attraverso il controllo di appalti e di assegnazione di incarichi, consulenze e quant'altro, i diritti dei cittadini. Per questo, per esempio, - ha poi concluso Liviano - ho aperto da ieri l'email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. affinché ciascuno possa segnalarmi eventuali irregolarità compiute dagli enti pubblici ai danni dei cittadini”.

Published in Politica
Domenica, 29 Luglio 2018 11:08

A Grottaglie ritorna la Festa dell’uva

Torna a Grottaglie, mercoledì 1 agosto 2018, la Festa dell'Uva organizzata dell'assessorato alle Politiche Agricole del Comune di Grottaglie, in collaborazione con il Gal Magna Grecia, il Parco della Civiltà e grazie anche al sostegno di alcune aziende farmagricole del territorio.

Una manifestazione che affonda le sue radici nella tradizione popolare e che offrirà l'opportunità di conoscere le particolarità di un prodotto che, da secoli, caratterizza la nostra comunità e che volge lo sguardo al futuro con grande passione, competenza e amore per la propria terra.

Grottaglie è ai primi posti per la produzione di Uva da tavola con circa 2000 ettari coltivati, 500mila quintali di produzione e quasi 38 milioni di euro di fatturato.

Numeri importanti utili anche ai tanti giovani locali che, sempre più numerosi, hanno deciso di affacciarsi al mondo agricolo e in particolare alla produzione dell'uva, che in base alle sue diverse tipologie di qualità e grazie alle moderne tecniche di produzione è leader sui mercati globali.

Oltre al Sindaco Ciro D'Alò che alle ore 19:00 aprirà il dibattito interverranno: Luca Lazzaro, Presidente del Gal Magna Grecia; Walter Ingrosso, Presidente della Cooperativa agricola San Rocco di Leverano, specializzata nella produzione di frutta e ortaggi in regime di Agricoltura Integrata in ambiente protetto e ad oggi conta circa 230 soci e 300 ettari di colture protette; insieme al Presidente della Cooperativa interverrà anche Luigi Zecca, direttore commerciale della stessa.

Il nostro obiettivo è quello di contribuire a stimolare, almeno nell'ambito del nostro territorio, gli aspetti legati alla commercializzazione e alla qualità del prodotto; in modo tale da poter aiutare gli agricoltori ad affrontare le sfide che i mercati offrono.

La manifestazione vuole essere da impulso anche per i più giovani che con coraggio e passione decidono di investire in quello che è un prodotto di qualità e che da decenni ci contraddistingue.

Ad accompagnare la serata, nell'area concerti del nuovo Parco della Civiltà, ci saranno i Crickets; band salentina, nata da diverse esperienze musicali, ma con l'unico intento di ricreare le atmosfere spensierate e divertenti degli anni 50/60 fino a quelle dei giubbotti in pelle e stivali a punta degli anni 70/80

Mario Bonfrate – Assessore alle politiche agricole

Published in Cronaca

Presentata in conferenza stampa nel Salone degli Specchi di Palazzo di Città la manifestazione Isola Festival, l'appuntamento estivo promosso dall' Associazione Terra, al via il 1° agosto e in programma in città vecchia tutti i mercoledì del mese ad eccezione del giorno 15. Un evento fortemente voluto dall’amministrazione comunale e sponsorizzato dal DUC –Distretto Urbano del Commercio- per tornare ad accendere i riflettori sul centro storico e sulle sue bellezze con una serie di iniziative sulle quali si è soffermato Antonio Santacroce, presidente dell’Associazione Terra organizzatrice della kermesse. <Finalmente si ritorna a grande richiesta dopo due anni di stop -ha esordito-. Senza il sostegno dell’amministrazione e del DUC non sarebbe stato facile, ma devo ringraziare anche gli altri partner tra cui Regione Puglia, Marina Militare e Arcidiocesi di Taranto e i numerosi sponsor.

Puntiamo a regalare emozioni, questo l’obiettivo della manifestazione che vuole generare economia turistica e sociale diventando il festival del territorio. Offriremo un calendario di iniziative variegato tra musica, spettacoli, teatro, mostre, visite guidate e spazi dedicati alla cultura per popolare fino a tarda notte i vicoli, le piazze e ogni angolo della città vecchia: la novità di quest’anno è rappresentata dall’apertura di numerose residenze private per dimostrare che vivere nel centro storico di Taranto ha il suo fascino. Confidiamo nella solita partecipazione massiccia di pubblico>. Il Comune di Taranto ha sposato con favore il progetto dell’Associazione Terra così come sottolineato dal vice sindaco, Valentina Tilgher. <L’idea ci è piaciuta sin dal primo momento e quindi abbiamo garantito il supporto dell’amministrazione -ha dichiarato-.

L’ Associazione Terra e i numerosi partner hanno centuplicato l’investimento in termini di offerta dimostrando la capacità concreta di fare qualcosa di significativo per il territorio, così come certificato anche dalle diverse edizioni de “L’Isola che Vogliamo”, manifestazione coraggiosa che riuscì ad abbattere le barriere del pregiudizio nei confronti della città vecchia. Le forze sane a Taranto ci sono e vanno sostenute, indipendentemente dalle idee politiche. Bisogna lavorare per il bene di questa città. Come amministrazione abbiamo deciso di intraprendere un percorso selettivo per riproporre eventi certi e ripetibili, anche per tener fede a quel discorso di distretto del commercio che intendiamo portare avanti. Chiediamo una mano alla stampa affinché dia il giusto risalto alla manifestazione>. Soddisfazione anche nelle parole dell’assessore comunale alla cultura Fabiano Marti. <Isola Festival è una grande occasione per riavvicinare la gente alla città vecchia -ha ammesso in conferenza stampa-.

Come amministrazione stiamo facendo il possibile per dare forza a quei progetti che possano diventare dei punti fermi e vorremmo che Isola Festival diventasse un fiore all’occhiello anche per dare spazio ad artisti locali. Rivalutare il centro storico è una cosa che ci interessa tanto>.

Published in Cronaca
Pagina 1 di 19

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk