Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Mercoledì, 04 Aprile 2018

Circa un paio di anni fa nella nostra Città d'Arte e di grande cultura ceramica, ci fu la questione del Crocifisso dell'aula consiliare di Palazzo di Città di Grottaglie, un'opera d'arte ceramica da sempre collocata (60 anni circa), al centro della parete in cui sono collocati gli scranni della Presidenza del Consiglio comunale e dell'Esecutivo, dopo lavori di ripulitura dell'intera aula lo stesso Crocifisso in ceramica fu ricollocato a latere della suddetta aula per volere dei giovani amministratori neo eletti. Furono sollevate questioni sui pro e i contro su questa nuova collocazione e nonostante il dibattito sollevato non ci fu verso, il povero Cristo rimase collocato a latere e li lo si trova ancora.

Più o meno in contemporanea accadde che l'altorilievo in ceramica dell'arco della Croce (centro storico), raffigurante la riproduzione del dipinto la Crocifissione del  Masaccio, realizzato negli anni 1958- 1959 da alcuni docenti ( Orazio, Peluso, Todisco e Ursoleo con la supervisione del prof De Filippis) e studenti del glorioso Istituto d'arte, si scollasse la gamba destra del Cristo in croce, inoltre già da anni l'opera ceramica già cominciava ad avere seri problemi di usura, lo sfondo in tessere blu, sempre in ceramica, cominciava a perdere pezzi, ciò dovuto all'esposizioni alle varie intemperie, del manufatto ceramico, realizzato in vari pezzi sempre in ceramica che riproducevano l'antica scena del noto dipinto del Masaccio. L'intera opera che era fatta da tanti pezzi in fine ceramica, rivenienti da calchi, pezzi poi assemblati attraverso incollaggio, dove gli stessi calchi utilizzati, furono distrutti in quanto l'opera ceramica non doveva essere più riprodotta. Alla luce di quanto è accaduto, ovvero lo scollamento di alcuni pezzi dell'opera, se quegli stampi buttati via  fossero stati custoditi, oggi sarebbero tornati utili al ripristino dell'altorilievo che circa un anno fa è stato smontato pezzo pezzo per essere restaurato, come si legge nella delibera di Giunta (n.346/2016) e custodito nell'ex Istituto d'Arte, oggi Liceo artistico e secondo alcuni addetti ai lavori vi rimarrà per molto tempo ancora in quanto il suo restauro e ripristino di parti scollate sarebbe molto complicato e chi è stato chiamato al capezzale dell'opera pare stia avendo serie difficoltà di ordine tecnico.
La gamba caduta del Cristo dovrebbe essere ricostruita, ma mancando il calco l'operazione si presenterebbe alquanto complicata, in quanto la lavorazione dell'argilla che  dopo opportuna cottura diventa ceramica, riserva molte sorprese durante la stessa lavorazione e cottura, quindi cresce l'impazienza in chi vorrebbe rivedere quel bellissimo bassorilievo raffigurante il Calvario a fronte di chi è stato chiamato al capezzale e stia riflettendo non poco sul da farsi. 
(Nel composit di copertina, c’è la prima foto in cui si vede l’arco della Croce, dove era collocata la croce del Calvario dove alla fine degli anni 50, al suo posto verrà collocata l’opera d’arte in ceramica, al centro la foto dei primi segni del degrado e nell’ultima la foto in cui è immortalata la caduta della gamba.)

Published in Apertamente

Nei giorni scorsi si è tenuta, presso la Sala Monfredi della Camera di Commercio di Taranto, l’assemblea ordinaria degli iscritti all’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Taranto.

L’assemblea è stata aperta dalla relazione del presidente, Gianluca Buemi, che fatto il punto sulla situazione dell’Ordine e ha annunciato nuove iniziative per promuovere, presso le Istituzioni e l’opinione pubblica, la figura del dottore agronomo e forestale e la sua professionalità che può trovare utile applicazione non solo nel settore agricolo propriamente detto, ma anche in moltissime altre situazioni, come la cura e la manutenzione del verde pubblico urbano.
In seguito il tesoriere Gianmichele Divella ha presentato il Bilancio consuntivo 2017 che, dopo la relazione del revisore dei conti, il commercialista Alfredo Cerabino, è stato approvato dall’assemblea.
Al termine dell’Assemblea si è tenuto un corso di aggiornamento sul tema “Verifica e regolarità formativa: adempimenti per gli iscritti”, sul quale ha relazionato la responsabile della formazione dell’Ordine, Marcella Candelli.
Nel corso dell’Assemblea si è sviluppato anche un partecipato dibattito sulla situazione del PSR (Programma Sviluppo Rurale) 2014-2020 della Regione Puglia e sulla possibilità di proseguire l’azione di confronto con le istituzioni per una sempre migliore gestione del programma stesso.

 

Published in Cronaca

Continua la rassegna concertistica “30 anni di Musica I.C. Pignatelli” di Grottaglie: il prossimo appuntamento è venerdì 6 aprile, ore 20.00, presso il Teatro Monticello con “Note per Crescere 2018”, ormai alla sua III edizione.

L’evento rappresenta, ancora una volta, la sinergia fra le Associazioni Soroptimist Club International Grottaglie e ArmoniE, il Comune di Grottaglie (TA), l’Assessorato alla Cultura e Pubblica Istruzione, nella persona della prof.ssa Elisabetta Dubla, e l'Istituto Comprensivo “F. G. Pignatelli”, al fine di promuovere la formazione dei giovani del nostro territorio attraverso la musica come mediatore di emozioni e strumento di crescita individuale e sociale.
È doveroso presentare brevemente i sostenitori dell’iniziativa: il Soroptimist International, Club di Grottaglie, fondato nel 1995, presieduto dalla prof. Anna Maria Lenti, è un’organizzazione internazionale di donne impegnate in diverse professioni, una voce universale per le donne che si esprime attraverso la presa di coscienza, il sostegno e l’azione; l' Associazione ArmoniE, nata nel 2009 a Francavilla Fontana, presieduta dalla Prof.ssa Palma di Gaetano, è ormai da anni attiva nel territorio grottagliese grazie alle molteplici iniziative musicali e culturali e l’Istituto Comprensivo “F. G. Pignatelli”, diretto della Prof.ssa Marisa Basile, protagonista indiscusso delle attività didattiche musicali sul territorio da 30 anni.
Protagonista della serata sarà sempre lei, la MUSICA, anche questa volta con ospiti di fama europea e mondiale: la soprano lirico, Paola Sanguinetti, che, dopo aver effettuato gli studi musicali presso il Conservatorio "Arrigo Boito” di Parma, aver frequentato corsi di perfezionamento presso l'Accademia Lirica Internazionale di Katia Ricciarelli e vinto, nel 1994, il 15° Concorso Nazionale “Mattia Battistini” di Rieti, ha iniziato una brillante carriera che l'ha vista applaudita protagonista nei maggiori teatri e sale concerto italiani ed esteri. Collabora, dal 1997, con Andrea Bocelli, si esibisce in duo con l'arpista Davide Burania, con l'attrice Paola Gassman e ha preso parte al tour dell'Orchestra di Venezia in Giappone.
La sua splendida voce sarà accompagnata dal Duo Concerto, formato da Stefano Maffizzoni – flauto, che, diplomatosi con il massimo dei voti a soli 16 anni e perfezionatosi con eccellenti maestri in prestigiose Accademie, è considerato uno dei migliori talenti nel panorama internazionale e in veste di solista ha suonato con numerose orchestre (la State of México Symphony Orchestra, Albuquerque Symphony Orchestra, Hong Kong Sinfonietta, I Solisti Veneti, Symphony Orchestra of Bulgaria National Radio, Orchestra Ferruccio Busoni, Accademia i Filarmonici, Sofia Chamber Orchestra, Vivaldi Concert, Macedonian Symphony Orchestra, Vidim Symphony Orchestra, Washington State Symphony Orchestra) ed ha tenuto concerti in tutta Europa, Svizzera, Inghilterra, Turchia, Messico, Russia, Cina, Canada, Stati Uniti, registrando per prestigiose radio come la CBC British Columbia, Bayerische Rundfunk, BBC di Londra, Radio France, Radio Vaticano e RAI Radiotelevisione Italiana, e da Andrea Candeli – chitarra, considerato dalla critica un chitarrista di grande ecletticità, versatile nella tecnica e nel repertorio, è stato premiato come solista in numerosi concorsi Nazionali ed Internazionali, classificandosi primo assoluto.
La sua attività lo vede presente in tutti i festival più importanti e nelle rassegne concertistiche più prestigiose. Nel 1995 gli è stato assegnato dai Rotary Clubs il prestigioso “Premio Ghirlandina” città di Modena per meriti artistici e musicali. Nel 2002 ha tenuto un concerto a Città del Vaticano in diretta Rai International presso l’Aula Paolo VI (Sala Nervi) in presenza di Sua Santità Giovanni Paolo II. Nel 2003 ottiene il diploma di qualifica superiore (livello Europeo 4) come Agente di Sviluppo Culturale. E’ ideatore e promotore di numerosi progetti legati al suo territorio, volti a promuovere la musica fra i giovani, convinto che la cultura sia fonte di ricchezza interiore e possa arricchire la formazione personale. Vanta importanti collaborazioni e recentemente ha avuto l’onore di aprire un’importante concerto di Andrea Bocelli. E’ docente di chitarra presso diversi Istituti prestigiosi e svolge un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero, come solista e in diverse formazioni cameristiche.
Organizzatori e ospiti hanno, dunque, molti punti in comune: l’amore per la musica che aiuta a “crescere” e arricchisce chi la “fa” e chi la ascolta, suscitando in tutti, musicisti e pubblico insieme, emozioni, sensibilità, amore per tutto ciò che ogni nota o melodia possono evocare.
Si rinnova, pertanto, la raccolta fondi da destinare all’acquisto di strumenti musicali per gli alunni della Scuola Secondaria “F. G. Pignatelli” al fine di divulgare sul territorio l’esperienza didattico-artistica e promuovere, nelle nuove generazioni, lo sviluppo della “musicalità”, dimensione “espressivo-comunicativa” e sinonimo di crescita artistico-culturale.

 

 

Published in Scuola&Istruzione

La Puglia, le sue storie, le sue tradizioni, i suoi problemi e la sua gente sono gli argomenti narrati in questa raccolta, frutto di un concorso letterario che ha voluto mettere in evidenza le preziose testimonianze del «come siamo».

Sullo sfondo di incantevoli paesaggi che vanno dal mare del Salento a quello delle Isole Tremiti, dal centro storico di Taranto a quello di Lecce, toccando ogni punto caratteristico della Puglia, si incontrano personaggi come Rashid, immigrato che trova accoglienza nella comunità manduriana, Laura, coinvolta in un mistero che parte dal museo di Taranto, Genzella e Caterina, protagoniste di un’amicizia unica, l’anziana Cristina che ricorda il suo passato guardando il mare del Salento, e Caterina Del Pozzo e Giovanni Guidotti, legati da una vicenda amorosa realmente accaduta in territorio barese.
Questi e altri racconti hanno guidato gli alunni alla scoperta delle meraviglie di una delle regioni italiane più belle, la nostra Puglia.
Sono dieci piacevoli racconti che confermano «che scrivere, narrare, raccontarsi è ancora un positivo impegno di tanti uomini e donne che hanno voglia di cimentarsi in una tenzone letteraria che schiude l’ingresso al difficile mondo dell’editoria».
“Puglia Quante Storie” è un progetto lungimirante sostenuto dall’Assessorato all’Industria Turistica e Culturale, Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali della Regione Puglia che l’ha riconosciuta come una delle iniziative più rilevanti tra quelle organizzate sul territorio e che è arrivata alla seconda edizione dell’omonimo concorso letterario.
Gli alunni delle classi seconde e terze della scuola secondaria di I grado “don Luigi Sturzo” di Grottaglie, dopo aver letto in classe i dieci racconti finalisti del I concorso letterario “Puglia…quante storie”, guidati dai docenti di Lettere, Arte e Musica, hanno rielaborato le storie, realizzando video, quadri, canti e balli che mostrano tutta la ricchezza e la bellezza della nostra regione e che allieteranno l’incontro che si terrà il 5 Aprile alle ore 17,30 presso il salone del plesso “don Luigi Sturzo”. 

Published in Scuola&Istruzione

Non è ben chiara la linea tecnica lanciata dal presidente Michele Emiliano nel momento in cui dichiara di “voler utilizzare i guadagni degli aeroporti di Bari e di Brindisi per Foggia e Taranto” a seguito del riconoscimento, con decreto interministeriale, dell'esistenza di una rete aeroportuale pugliese prima in Italia.

Ancor meno chiaro è il motivo per cui su cinque aeroporti pugliesi se ne salvino quattro, escludendo quello di Galatina. E' sicuramente motivo di orgoglio ricevere un riconoscimento di questo calibro, ancor più perché si parla di infrastrutture ben gestite e ben funzionanti, ma le dichiarazioni del governatore della Regione Puglia rischiano di scatenare una guerra di campanile. E'impensabile dover affrontare con tanta faciloneria un argomento così determinante per l'economia regionale e territoriale. Chiedo dunque ad Emiliano di chiarire in Consiglio regionale quale sia la reale posizione e quale l'idea della Regione sul tema e in che modo egli intende distribuire (magari illustrando al Consiglio un piano di gestione) gli utili degli aeroporti di Bari e Brindisi, peraltro questi già colpiti dallo spostamento del centro Enav dalla Puglia a Roma Ciampino.

Erio Congedo, consigliere regionale Fratelli d'Italia Puglia.

Published in Cronaca

Anche a Taranto i cittadini potranno chiedere la Carta di identità elettronica al Comune di residenza o di dimora nei casi di primo rilascio, deterioramento, smarrimento o furto del documento di identificazione.

Il processo di emissione della CIE è gestito direttamente dal Ministero dell'Interno; la consegna avviene entro sei giorni lavorativi dalla data della richiesta allo sportello anagrafe del Comune. A tal proposito, l'Amministrazione Comunale comunica che la Carta di identità elettronica può essere richiesta presso il proprio Comune di residenza o presso il Comune di dimora, utilizzando il sistema “Agenda CIE” al quale è possibile accedere mediante il tasto “Prenotati” del portale del Ministero degli Interni (http://www.cartaidentita.interno.gov.it/prenotazione-della-richiesta/).
La documentazione da presentare è la seguente: documento di identità in corso di validità, una foto tessera a colori su sfondo bianco, recente e con il capo scoperto, la tessera Sanitaria (Carta Nazionale dei Servizi) o codice fiscale, € 22,21 attraverso (pagobancomat, versamento sul c. c. postale n. 001033326750) che dovranno essere corrisposte allo sportello comunale, prima di avviare la pratica di rilascio.
La carta di identità scaduta o in scadenza deve essere obbligatoriamente consegnata allo sportello. In caso di furto o smarrimento o deterioramento (tale da non permettere il riconoscimento del numero della carta) del vecchio documento occorre presentarsi allo sportello con la denuncia resa presso le competenti Autorità italiane (Commissariato di Polizia o Stazione dei Carabinieri). Nel caso non si abbia alcun documento identificativo occorre presentarsi allo sportello con due testimoni con documenti validi.
Le sedi operative per l’emissione della carta d’identità elettronica, previa prenotazione, sono la Circoscrizione Talsano in C.so Vittorio Emanuele n.73, la Circoscrizione Tre Carrare Solito in Via Fiume 620, la Circoscrizione Montegranaro Salinella in Via Romagna 40/48 e la Circoscrizione Tamburi in Piazza Tebano Liborio s. n., che resteranno aperte dal lunedì al venerdì, dalle ore 08.30 alle ore 12.00, il martedì e giovedì dalle ore 15.00 alle ore 16.30.

Published in Cronaca

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk