Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Martedì, 07 Agosto 2018

“Occorre assolutamente chiarire la situazione dei conti di Aeroporti di Puglia, che è una grande società partecipata della Regione la cui attività è cresciuta molto negli ultimi anni.

Ma non sono cresciuti, di pari passo, la solidità finanziaria e i risultati economici del bilancio, che ci hanno costretto a dover intervenire in maniera straordinaria per ripianare un debito fuori bilancio di oltre 10 milioni di euro relativo all’Iva arbitrariamente, così sembrerebbe dalla lettura degli atti, non versata negli anni scorsi. Per questo ho chiesto ai presidenti delle commissioni Bilancio e Attività produttive di fissare in seduta congiunta, alla ripresa delle attività del Consiglio regionale, l’audizione degli organi di controllo regionali preposti e competenti nonché di quelli amministrativi e di controllo della società”. Lo dichiara Ruggiero Mennea, componente della IV commissione Attività produttive del Consiglio regionale, che è intervenuto già in Consiglio regionale sulla questione dei conti di Adp, preannunciando la necessità di chiarire la situazione finanziaria della società.

“Giova ricordare – prosegue l’esponente del Pd in Consiglio regionale – che se non ci fosse stato il nostro intervento in Consiglio regionale, Adp non avrebbe avuto alcun utile nel bilancio 2017 e sarebbe stato dimezzato il capitale sociale con tutte le conseguenze annesse e connesse. Ritengo, per questo, opportuno discutere di questa situazione – spiega - audendo, innanzitutto, gli assessori al Turismo, ai Trasporti e al Bilancio, Capone, Giannini e Piemontese, e poi i dirigenti dei settori regionali competenti, ma anche il presidente del cda di Aeroporti, il presidente collegio sindacale e quello dell’organismo di vigilanza. Senza Adp, sicuramente, il turismo in Puglia non avrebbe potuto conoscere lo sviluppo che ha registrato nell’ultimo decennio, ma questo non vuol dire poter ignorare la situazione finanziaria dell’ente. Vanno, altresì, chiarite le eventuali responsabilità degli organi amministrativi e di controllo che hanno permesso di escludere il pagamento dell’Iva per 10 milioni di euro. Questo – conclude - per onor di trasparenza e per rispetto nei confronti dei contribuenti pugliesi”.

Published in Politica

Torna a Pulsano “Segreti Sapori e Solidarietà”, la manifestazione della locale Pro Loco che, organizzata in collaborazione con il Centro Servizi Volontariato, si terrà per due giorni, mercoledì 8 e giovedì 9 agosto, nel Convento di Santa Maria dei Martiri.

Le strade del centro storico si animeranno di suoni, colori, profumi … e, come nelle ultime edizioni della manifestazione, ci sarà un importante spazio dedicato al sociale.

A dar corpo alla terza “S”, quella della “Solidarietà”, infatti, ci saranno tante associazioni di volontariato e altri enti del terzo settore che si incontreranno e si racconteranno alla comunità, che in questo particolare periodo dell’anno a Pulsano si arricchisce anche di tanti turisti.

Lo spazio vedrà anche la presenza del Centro Servizi Volontariato della provincia di Taranto che continua così a investire in questa porzione del territorio provinciale per la promozione del volontariato. Il CSV Taranto, inoltre, coordinerà la presenza e le proposte delle numerose realtà presenti.

L’ABFO – Associazione Benefica “Fulvio Occhinegro” sarà presente nella sola serata di mercoledì 8 agosto, con Volontarte, un laboratorio rivolto ai giovani visitatori della manifestazione

Federconsumatori svolgerà attività informativa, anche attraverso la distribuzione di opuscoli, relativamente alla buona alimentazione e al consumo consapevole

Rock Metal Events realizzerà “Solidarietà, Musica e Volontariato”, un momento di incontro e confronto sul ruolo della musica nella vita di ognuno, sul suo essere modo per canalizzare energie positive e negative, per riscattarsi da una condizione di sofferenza e uno strumento di prevenzione del disagio giovanile

“Agevolando” realizzerà un’attività informativa sulla azione di supporto e tutela dei neo maggiorenni in uscita da realtà d’accoglienza, nonché attiverà una raccolta fondi attraverso la distribuzione ai donatori di un cactus, simbolo proprio dei care leavers.

“LaboEcò Green Independence” consentirà, con “Riscopriamo le antiche arti”, l’incontro con alcuni maestri artigiani che realizzeranno pregiati elaborati: ricamo antico e sfilatura (Maria Doria), cesteria e intreccio artistico (Michele Erario) e filo a tombolo e filet a modano (Nella Mero).

Alle ore 20.45 di mercoledì 8 agosto Guitar Artium proporrà nel Castello de Falconibus “Non solo classica”, un’esibizione musicale dell’Orchestra di Chitarre “Andrés Segovia”, composta da giovani musicisti e diretta dalla M° Maria Ivana Oliva. Nella stessa serata “Il luogo dei possibili” curerà nel chiostro del convento di Santa Maria dei Martiri un reading teatrale dal titolo “SIAMO TUTTI STRANIeri”.

“Hermes Academy” curerà il Workshop “Il corpo è parola”, mentre “Arcigay Strambopoli” proporrà una sensibilizzazione alle finalità associative attraverso la “Human library” e denuncerà l’ineguaglianza sociale attraverso il Workshop “Sotto lo stesso sole”.

Partecipano all’edizione 2018 di “Segreti Sapori e Solidarietà” anche le associazioni “Pulsano d’A…mare”, “WWF Taranto”, “La ‘Ngegna” di Pulsano, la Croce Verde Faggiano “Nunzio Ciaccia” e l’Associazione Nazionale Carabinieri – ANC Sezione di Pulsano.

Tra le attività che saranno promosse a “Segreti Sapori e Solidarietà” si segnala anche la «Rete per il turismo sostenibile jonico», lo strumento di promozione in costruzione all’interno del progetto «Taras» che punta alla valorizzazione in chiave turistica del territorio.

Sono oltre 50 le realtà locali, anche associative, impegnate in ambito culturale e nella valorizzazione del patrimonio storico-artistico e naturalistico ionico, che hanno già aderito al progetto che, com’è noto, è sostenuto da «Fondazione con il sud» e promosso da Programma Sviluppo in rete con il Comune di Taranto, l'Università degli Studi di Bari tramite il Dipartimento Jonico, Confcommercio Taranto, Centro Servizi Volontariato Taranto, Istituto professionale «Cabrini» e Universus Csei.

La costruzione della «Rete per il turismo sostenibile jonico» è propedeutica alla redazione della «Carta per il turismo sostenibile jonico» che intende mettere a sistema i risultati dei primi due anni dal progetto.

Rispettando i bisogni dell’ambiente, dei residenti, delle imprese locali e dei visitatori, la Carta mira a individuare strategie e pratiche condivise e utili a favorire la frequentazione e la permanenza di un maggior numero di visitatori, attraverso un miglioramento dell’offerta turistica, a migliorare la conoscenza e quindi la fruibilità del territorio attraverso un sistema di informazione, comunicazione e concertazione dell’offerta turistica, culturale, eno-gastronomica e di produzione tipica locale e infine a incrementare con iniziative promozionali e di valorizzazione, la conoscenza e il consumo dei prodotti locali di qualità da parte della popolazione del territorio e dei turisti, sostenendo circuiti brevi di commercializzazione.

Nella Rete per il turismo sostenibile ionico sono confluite le realtà censite nella prima fase di attuazione e le oltre 10 start-up nate negli spazi di incubazione del progetto.

Addetto stampa CSV Taranto - Marco Amatimaggio

Published in Sociale&Associazioni

Lome Super Fruit è il fornitore ufficiale di Bacche di Goji di “Casa Atletica Italiana”, la casa della Fidal (Federazione Italiana di Atletica Leggera) ai campionati Europei di Atletica leggera di Berlino.

La Bacche di Goji fresche prodotte da Masseria Fruttirossi a Castellaneta Marina, nella Puglia baciata dal sole, potranno così essere comprese nell’alimentazione degli atleti italiani che gareggiano a Berlino nei campionati Europei di Atletica leggera.

Conosciute da millenni in Cina come “il frutto della Longevità”, le Bacche di Goji, oltre ad avere un sapore gradevole, contengono tutti i principali macro e micro nutrienti, tanto da avere uno straordinario effetto tonico ed energizzante. Soprattutto le Bacche di Goji rinforzano le difese immunitarie contribuendo così a mantenere l’organismo in buono stato di salute e a prevenire molte malattie.

L’importante collaborazione tra Masseria Fruttirossi e la Fidal è stata protagonista del workshop “Sport&Food – Cibo, salute e longevità della Dieta Mediterranea. I nuovi traguardi degli chef” che si è tenuto ieri (lunedì 6 agosto) presso il Golden Tulip Berlin.

È stata una manifestazione all’insegna della Puglia grazie all’intervento dello scrittore tarantino Lorenzo Laporta che ha relazionato su “Lo Sport olimpico e l’Alimentazione (mediterranea)”, un intervento incentrato sulla figura di Ikkos: medico, allenatore e atleta della Taranto Magno Greca, per primo nella storia ha intuito l’importanza della corretta alimentazione nella pratica sportiva.

È una figura indissolubilmente legata alla città di Taranto e alle sue origini.

Nel suo intervento Lorenzo Laporta ha realizzato un suggestivo confronto tra l’alimentazione degli atleti nel mondo antico e quella dei giorni nostri, enfatizzando il ruolo nella dieta mediterranea di quelli che oggi, proprio per loro straordinario apporto nutritivo, vengono chiamati “superfrutti”.

Tra questi la melagrana, già apprezzata nell’antichità, e le Bacche di Goji che, pur importate recentemente dalla Cina, sono ormai diffuse nel Mediterraneo, due “superfrutti” coltivati da Masseria Fruttirossi e commercializzati con il brand “Lome Super Fruit”.

A margine del workshop Dario De Lisi, direttore commerciale di Masseria Fruttirossi, ha spiegato che «abbiamo voluto abbinare il brand “Lome Super Fruit”, con il quale commercializziamo in tutto il mondo i nostri superfrutti, a quello della Fidal in occasione dei campionati europei di atletica, proprio perché le nostre Bacche di Goji, ma anche le melagrane e le Bacche di Aronia, possono contribuire a una sana alimentazione degli atleti italiani, come a quella di tutti gli sportivi».

Il workshop di ieri è solo il primo di numerose manifestazioni che, in concomitanza con il torneo, saranno ospitati da “Casa Atletica Italiana!”, eventi prestigiosi dedicati agli azzurri della Nazionale, alle aziende partner, agli esperti del settore food e alle iniziative di comunicazione della Federazione del presidente Alfio Giomi.

Un evento utile a dare visibilità internazionale anche alle realtà del settore economico-produttivo locale che, come Masseria Fruttirossi / Lome Super Fruit, stanno sostenendo il progetto Ikkos.

Il progetto Ikkos, incentrato su questa figura di atleta magno greco, è propedeutico alla candidatura di Taranto a sede dei Giochi del Mediterraneo 2025, un traguardo ambizioso che è stato confermato recentemente anche dal sindaco del capoluogo jonico Rinaldo Melucci.

Masseria Fruttirossi è l’azienda che, con oltre 300 ettari coltivati a melograno, si avvia a diventare il maggiore produttore italiano di melagrana, frutto che ha eccezionali proprietà salutari per l’organismo umano.

Oltre alla coltivazione del melograno, l’azienda agricola ha anche coltivazioni di Goji e di aronia, due arbusti le cui bacche hanno anch’esse straordinarie proprietà benefiche e salutistiche.

È un progetto imprenditoriale fortemente innovativo caratterizzato proprio dalla produzione di frutti che sono un autentico concentrato di salute e bellezza, in linea con la richiesta di un mercato di consumatori sempre più attenti al proprio benessere.

Il progetto Masseria Fruttirossi vede impegnati insieme la famiglia De Lisi, l’ingegnere Michele con i figli Dario e Davide, con il genovese Bruno Bolfo, socio dell'azienda.

Oltre le coltivazioni, circa 350 ettari a Castellaneta Marina, il progetto comprende anche un modernissimo stabilimento ubicato direttamente nelle piantagioni, con il quale è stata realizzata una innovativa “filiera cortissima” in cui il frutto viene lavorato a poche ore dal raccolto, mantenendo così tutte le straordinarie caratteristiche salutari e nutrizionali.

Lo stabilimento è dotato di modernissimi macchinari per l’essiccazione, la trasformazione e il confezionamento dei super frutti, con i quali vengono realizzati i prodotti da avviare ai mercati nazionale ed estero con il brando “Lome Super Fruit”: frutto fresco selezionato, succhi, spremute, confezioni di arilli e di bacche.

Le bacche di Goji

Il Goji, dal nome latino Lycium Barbarum, è un arbusto originario della Mongolia, da dove si è poi diffuso in Tibet e in Cina.

Ormai da più di duemila anni, nel paese della Grande Muraglia le Bacche di Goji sono considerate come il “frutto della longevità”, in quanto sono un alimento che, oltre ad avere un sapore gradevole, rinforza le difese immunitarie contribuendo così a mantenere l’organismo in buono stato di salute e a prevenire molte malattie

Le Bacche di Goji, infatti, contengono tutti i principali macro e micro nutrienti: carboidrati, proteine, lipidi, come l’Omega 3 e l’Omega 6, nonché il Germanio, un potente antiossidante che, oltre a contrastare l’invecchiamento delle cellule, protegge l’organismo dalle radiazioni e combatte l’artrite reumatoide, l’ipertensione e le allergie.

Le Bacche di Goji contengono anche vitamine del gruppo C e del gruppo E, rame, ferro, fosforo e manganese, nonché una elevata concentrazione di potassio e magnesio.

La Bacca di Goji, oltre ad avere un effetto tonico ed energizzante, è anche un potente “cosmetico naturale”, in particolare grazie all’elevato contenuto di carotenoidi e di vitamina A che contribuiscono alla bellezza di pelle, unghie e capelli.

 

Addetto stampa - Marco Amatimaggio

Published in Cronaca
Martedì, 07 Agosto 2018 20:48

Rainbow Volley Crispiano in serie D

Esordio assoluto per la compagine crispianese di pallavolo femminile in questo campionato. Società già al lavoro per comporre la rosa, l'allenatore sarà Enzo Contento. L'obiettivo stagionale sono i play-off

Ora è ufficiale: la Rainbow Volley Crispiano parteciperà al prossimo campionato di serie D di pallavolo femminile. La certezza è arrivata dalla Fipav nei giorni scorsi e la società è già in moto per costruire la squadra che, per la prima volta nella storia della cittadina ionica, disputerà un campionato regionale di serie D di volley.

C'è tanto entusiasmo tra i dirigenti che nelle ultime settimane avevano lavorato per acquisire il titolo sportivo dell'Amatori Volley Pulsano. Fino a due anni fa la compagine crispianese militava in Prima Divisione, invece nella scorsa stagione a mettersi in mostra sono state le ragazze dell'Under 18, arrivate ai quarti di finale della fase regionale, dopo aver brillantemente superato il girone provinciale. E saranno proprio loro a comporre l'ossatura della rosa di quest'anno, alle quali si aggiungeranno quattro – cinque innesti di categoria, con ogni probabilità provenienti da Martina Franca, Ostuni, Cisternino e Massafra. I nomi dei nuovi acquisti saranno ufficializzati a breve, mentre il 27 agosto comincerà la preparazione precampionato.
Intanto è ufficiale la conferma dell'allenatore Enzo Contento che ricoprirà anche l'incarico di direttore tecnico della Rainbow Volley. Contento in passato ha allenato in serie B2 a Mesagne, in C a Castellaneta e in D a Taranto, ma è stata l'esaltante esperienza dello scorso anno sulla panchina dell'Under 18 crispianese a spingerlo a rimanere nel paese delle Cento Masserie. Il suo vice sarà Pasquale Scarafile, mentre i dirigenti della squadra saranno Gianluca Silvestri e Lorenzo Montemurro. Il veterano Antonio Silvestri sarà il team manager. Antonio Liuzzi sarà il dirigente del settore giovanile, insieme a Tiziana Silvestri che è anche istruttice di minivolley.
“Acquisire un titolo sportivo non è facile. – spiega Gianluca Silvestri – La concorrenza è tanta e il sacrificio economico notevole. Se ci siamo riusciti dobbiamo ringraziare il presidente Aurelia Aquaro e i main sponsor Cover Tech di Renato Perrini e Studio Private Banker di Giancarlo Argese”.
Pur essendo una debuttante, la Rainbow Volley Crispiano sembra avere le idee chiare: “L'obiettivo stagionale sono i play-off - afferma Silvestri - Puntiamo fortemente alla crescita del nostro settore giovanile e speriamo che la serie D sia un'attrattiva forte per far avvicinare nuove ragazze al nostro sport. Oltre alla prima squadra, iscriveremo le nostre formazioni ai campionati Under 12, Under 13, Under 14, Under 16 e Under 18, in sinergia con le società amiche di Massafra, Statte e Cisternino. Per quanto riguarda queste categorie, dobbiamo ringraziare lo sponsor Studio Delta di Francesco Lombardi che da anni ci supporta”. Un'altra importante collaborazione, soprattutto per la valenza sociale, è quella con la locale Fratres che anche per questa stagione sosterrà la Rainbow.
Le crispianesi disputeranno le gare interne il sabato, alle ore 19, nella palestra dell'istituto scolastico “Giovanni XXIII”. Quella della struttura è una nota dolente da anni e la dirigenza, ancora una volta, chiede una mano agli enti per superare le difficoltà strutturali che penalizzano l'attività sportiva: “Speriamo si possano risolvere a breve, altrimenti saremo costretti a emigrare nei paesi limitrofi, dove ci accoglierebbero a braccia aparte”.
A lungo termine, ma neppure tanto, l'obiettivo è ambizioso: “Nel giro di due anni vorremmo incrementare il settore giovanile e tentare la promozione in serie C. Ma per portare in alto il nome del paese serve l'aiuto di tutti, in primis dell'imprenditoria locale e delle istituzioni. Ai cittadini, invece, chiediamo di seguirci e di portare i bambini in palestra a tifare per le biancazzurre”.

Vincenzo Parabita
Ufficio stampa Rainbow Volley Crispiano

Published in Sport

Davide Roselli non è più il Direttore Artistico e Regista della Compagnia Teatrale del Belvedere. L’attore, direttore artistico e regista carosinese, ha chiuso con le dimissioni da tutti gli incarichi, il rapporto che lo ha legato per cinque anni con la Compagnia Teatrale del Belvedere. Dalle prime parole ricevute dallo stesso, apprendiamo che le strade tra le parti si separano perché in fase di nuova programmazione artistica e teatrale non si percorrevano più gli stessi fini ed obiettivi. “Sono stati cinque anni proficui personalmente e teatralmente, che mi hanno dato tanto e mi hanno fatto dare tanto ai colleghi che mi hanno seguito e al teatro del territorio – continua Roselli – oggi si interrompe un rapporto per scopi, obiettivi e vedute diverse del mondo del teatro, purtroppo quando in gruppo subentrano invidie, gelosie e sotterfugi per accaparrarsi posti o immagine, il lavoro che si fa diventa vano. Con Davide Roselli escono dal gruppo anche altri componenti.

Dalle ultime indiscrezioni, c’è già al lavoro una macchina organizzativa per la quinta edizione del Teatro Festival, che con tutta probabilità avrà luogo nella prossima primavera; Teatro Festival, oggi diventato un vero e proprio marchio teatrale del territorio, che lo stesso Roselli metterà a disposizione di enti,istituzioni,associazioni o chiunque voglia continuare a promuovere il progetto teatrale iniziato cinque anni fa. Auguro agli amici della Compagnia del Belvedere di proseguire l’avventura teatrale nel migliore dei modi con l’auspicio di tanti successi e soddisfazioni.”

Alla domanda cosa farai adesso? – Ci risponde con un piccolo sorriso, precisando che ora staccherà un po' la spina con il teatro, dedicandosi alla sua vita privata, aspettando nuove opportunità che il teatro potrà dare e perché no, dedicandosi in questo periodo al teatro per ragazzi che tante soddisfazioni riesce a dare.

Published in Spettacolo

Ieri il primo via libera del Senato al decreto Milleproroghe “estivo”. Un decreto che affronta anche il tema dei vaccini; punto che ha animato il dibattito in aula fra maggioranza e opposizione.

Il decreto, infatti, prevede che per il prossimo anno scolastico tutti i bambini, compresi quelli sprovvisti di documentazione sulla loro vaccinazione, potranno accedere alle scuole per l’infanzia. Le sanzioni per chi viola l’obbligo slittano al 2019/2020. In attesa che il decreto venga convertito definitivamente le famiglie a inizio anno scolastico, ai primi di settembre, dovranno ancora presentare l’autocertificazione.

In questo modo sono a rischio di esclusione scolastica i bambini immunodepressi, cioè quei bambini che a causa di patologia non possono vaccinarsi, ma che sono i più esposti al contagio.

Non a caso la federazione degli ordini dei medici ha lanciato un appello per cambiare la legge, al contempo le Regioni minacciano il ricorso alla Consulta.

È bene ricordare che, grazie al decreto Lorenzin sull’obbligo della vaccinazione per l’accesso a scuola, trasformato in legge nel 2017, la copertura vaccinale in Italia aveva raggiunto quasi la soglia del 95% raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Soglia che garantisce il raggiungimento di quelle che viene definito “effetto gregge”, ovvero quel meccanismo per cui, se una quota sufficiente di persone è vaccinata, viene protetto anche chi non lo è o meglio, non può esserlo. Un’asticella fissata, come detto al 95%, che l’Italia si apprestava a raggiungere con i provvedimenti dello scorso Governo, grazie ai quali la copertura media nazionale per l’esavalente aveva raggiunto al 31 dicembre 2017, il 94,95% e quella contro il morbillo il 91,68% (crescendo del 4,42% rispetto al 2016, anno in cui c‘era stato un aumento del 230% dei casi di morbillo in Italia in relazione al 2015).

Una politica “no vax” non solo pone nel lungo periodo l’Italia a rischio di nuove epidemie, ma come già detto, nel breve periodo mette a rischio la salute dei bambini (e non solo) immunodepressi, che per evitare un eventuale contagio, dovranno scegliere di non frequentare le aule scolastiche.

Ultima in ordine di tempo la proposta del Ministro alla Salute, Giulia Grillo, che vorrebbe creare delle classi dove inserire i bambini immunodepressi con bambini sicuramente vaccinati. Premesso che, all’interno di una stessa classe non potranno convivere due bambini immunodepressi proprio perché non vaccinati e che senza obbligo di vaccinazione i bambini immunodepressi non potranno frequentare la aree comuni (bagni, mensa, giardini, atrii, palestre, ecc), la questione si sposta dal punto di vista clinico a quello pedagogico. Tale proposta, infatti, non tiene conto del diritto alla continuità educativa dei bambini, del concetto di inclusione e condivisione che la scuola dovrebbe offrire. Per non parlare dell’impossibilità organizzativa che i dirigenti scolastici e gli insegnanti dovrebbero affrontare nel gestire una situazione in cui tutti hanno il diritto di andare a scuola, ma i diritti degli uni entrerebbero in contrasto con quelli degli altri.

Una proposta che commenta da sola come questo Governo brancoli nel buio più totale!

Significativo ciò che ha dichiarato l’agenzia della salute inglese, lo scorso luglio, quando ha reso noto che i casi di morbillo nazionali sono raddoppiati a causa “dell’importazione” da parte dei visitatori britannici rientrati dall’Italia.

“E’ scoraggiante – ha dichiarato il Collegio Reale dei medici britannici – se consideriamo quanto eravamo vicini a sradicare completamente la malattia”.

Il Times, puntando il dito contro Lega e 5stelle, scrive agli inizi di luglio: “Il rifiuto dell’opinione medica generale è parte del quadro mentale dei populisti”. E aggiunge: “C’è una spaventosa ironia in un politico come Matteo Salvini, che parla del rischio-malattie dagli immigrati africani e poi fa campagna per una politica cha ammazza i bambini italiani”.

Ludovico Vico

Published in Politica

Un incontro proficuo, di enorme interesse tecnico, opportuno, foriero di nuovi appuntamenti tra ingegneri chiamati a riflettere assieme su produzione, lavoro, salute, ambiente e territorio.

Lo scorso 3 agosto, come avevamo annunciato, una delegazione dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Taranto, composta dal Consiglio e da una rappresentanza della commissione Ambiente e Territorio - delegazione guidata dal presidente Giovanni Patronelli - si è recata nello stabilimento Eni di Taranto.
Accolti con la consueta cordialità dall’ing. Michele Viglianisi, direttore dello stabilimento ionico, abbiamo avuto il piacere di interloquire su temi di grande rilevanza e attualità, legati alla lavorazione del greggio, alle pratiche di prevenzione incendi, ai controlli sulle emissioni, al monitoraggio continuo della linea di carico del greggio, raffinazione e scarico del prodotto da destinare al mercato.. e abbiamo svolto un breve focus sul progetto Tempa Rossa.
Si è soprattutto parlato del recente e allarmante episodio di emissione che ha suscitato clamore e preoccupazione nella cittadinanza tarantina, fatto rilevante che ha indotto il nostro Ordine a chiedere questo incontro alla dirigenza di Eni Taranto. Richiesta accolta prontamente.
Ringraziamo il direttore Viglianisi, dunque, per la puntualità e la chiarezza usate durante la lunga riunione di venerdì scorso, apprezzando altresì l’onestà intellettuale, in realtà già manifestata nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale, con la quale per suo tramite Eni si è assunta la piena responsabilità di quell’episodio.
Il direttore dell’Eni ha illustrato punto per punto tutte le attività di controllo e di ripristino messe in atto a tutela della sicurezza dei lavoratori e del territorio circostante che si aggiungono, ci ha riferito il direttore, ad una serie di attività gestionali e progettuali senza limite di spesa.
Un’esposizione tecnica minuziosa che ha generato le nostre domande specifiche e puntuali, così come schiette e scientificamente supportate sono state le risposte fornite grazie anche all’ausilio dei giovani colleghi presenti all’incontro: tutti con ruoli apicali nello stabilimento ionico.
Insomma, come ingegneri di Taranto abbiamo vissuto un momento di alto spessore professionale, siamo entrati nel cuore di una delle attività industriali principali della nostra provincia, abbiamo avviato un rapporto di continuo scambio di informazioni tecniche e collaborazioni che, a nostro modo di vedere, non potranno che accrescere competenza e consapevolezza reciproche.
In tal senso muove la proposta avanzata dal presidente dell’Ordine, Patronelli, di sottoscrivere con Eni un’intesa che punti alla maturazione delle connessioni già accennate e alla divulgazione dei temi tecnici centrali, soprattutto a favore della generazione di ingegneri che si sta affacciando sul mercato del lavoro in questo tempo nuovo e controverso del mondo delle professioni.
Non a caso, lo scorso maggio, il nostro Ordine aveva già deliberato sull’opportunità di potenziare la conoscenza su alcuni dei passaggi nodali della raffinazione (e non solo) e degli effetti collaterali.
Si terrà infatti nelle prossime settimane un seminario sulle emissioni odorigene.. perché noi ingegneri abbiamo il dovere professionale, e il diritto di cittadini, di approfondire, capire, mettere a frutto la nostra conoscenza e depositarne il senso compiuto sul tavolo del dialogo costante con le realtà produttive ioniche.
Noi la professione la viviamo così. Pronti ad ascoltare, pronti a dire la nostra.

Published in Cronaca
Martedì, 07 Agosto 2018 15:45

I Contrabbandisti sbarcano a Crispiano

Serata a tutto swing al Symposium Cafè con la travolgente band che propone un repertorio anni '30 e '50. Appuntamento a giovedì 9 agosto in piazza San Francesco

Alla rassegna musicale Scariche Sonore è la volta dello swing. Giovedì 9 agosto suoneranno a Crispiano I Contrabbandisti, una swing band divertente e travolgente che propone un repertorio degli anni '30 e '50 che diverte sia i ragazzi che i nostalgici.

L'appuntamento, come sempre, è a Crispiano, in piazza San Francesco. Il live è gratuito e avrà inizio alle 22. Per info e prenotazioni tavoli: 099.4005927. Oltre ai panini, ai piatti unici, alla stuzzicheria, alle birre, ai gelati e a tanto altro che il Symposium Cafè propone, ci sarà la possibilità di degustare le specialità gastronomiche di carne alla brace della macelleria da Orazio.

I CONTRABBANDISTI
Da un incontro nato per gioco è nata la swing band che sta facendo parlare tutta la Puglia: I Contrabbandisti. Una formazione composta da sei protagonisti, più o meno famosi, del mondo della musica. Al timone Giupy Semeraro: eclettico artista, noto in vari e diversi contesti artistici, è il crooner della band. Giampiero Leo balza dalla cattedra scolastica al pianoforte, col quale vola tra le note dei Contrabbandisti. Quello di Mimmo Tursi al clarinetto è un grande ritorno sulla scena musicale per un talento che ha molto da raccontare. Uno swing senza una tromba d’eccellenza non è un vero swing: ed ecco Francesco Crescenzio a dar fiato alle trombe. Dalle orchestre più importanti di Puglia, Angelo Cito, col suo contrabbasso, scalda i motori della gang dello swing. Maestro di arti marziali e percussioni, Alessio Santoro, alla batteria, è parte fondamentale de I Contrabbandisti.
I Contrabbandisti rivoluzionano il panorama delle band itineranti, proponendo una scaletta e un costume che riporta all’epoca del proibizionismo, ai bar fumosi e dalle atmosfere dark, alle danze provocanti del Lindy Hop. La gang dello swing è sempre pronta a far divertire, proponendo grandi classici dello swing, da Fred Buscaglione a Renzo Arbore e tanto altro ancora.

Vincenzo Parabita
Addetto stampa Scariche Sonore
per associazione Symposium Arte

Published in Spettacolo

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk