Agroalimentare, Cassese/Gallinella: il decreto che risolverà il problema della mancata tracciabilità delle uova

Comunicato Stampa 16 Ott 2019
93 times

Roma, 16 ott. “Il sequestro di oltre 26mila uova per mancanza di tranciabilità avvenuto da parte dei Carabinieri per la Tutela Agroalimentare, a poche settimane di distanza da quello avvenuto in provincia di Bari, mette in luce quanto la circolazione di uova di cui non si conosce la reale provenienza è purtroppo un fenomeno diffuso e tutt'altro che occasionale che minaccia la sicurezza dei consumatori e dei produttori. Ma non possiamo delegare la soluzione di questo grave problema solo al prezioso lavoro ispettivo di monitoraggio e controllo delle forze dell’ordine. E’ necessario intervenire a livello normativo dando immediata attuazione alla risoluzione approvata all'unanimità in Commissione Agricoltura della Camera all'inizio dell’anno”. E’ quanto affermano in una nota congiunta i deputati del M5S Filippo Gallinella, Presidente della Commissione Agricoltura, e Gianpaolo Cassese, primo firmatario della risoluzione, appresa la notizia sull'esito dell’operazione “Tuorlo” eseguita su 45 aziende dai Reparti (RAC) di Torino, Parma, Roma, Salerno e Messina.

“Il provvedimento che abbiamo approvato introdurrà l’obbligo di timbratura delle uova nel luogo di produzione, migliorando il sistema della tranciabilità di questo importante prodotto in tutti i passaggi della filiera. Inoltre non sarà più possibile l’ingresso di uova dall'estero prive di timbratura” spiegano i deputati.

“I consumatori avranno la certezza sulla provenienza delle uova che acquistano e sulla tipologia di allevamento. A trarre vantaggio da questo provvedimento – proseguono i parlamentari - saranno anche le imprese del settore, impegnate per garantire la massima qualità delle materie prime ma spesso minacciate dalla concorrenza sleale di chi approfitta di una falla del sistema per immettere sul mercato uova di provenienza dubbia”.

“Con l’emanazione del decreto, prossimo alla sua stesura finale, porremo finalmente un freno a un problema che ha afflitto per anni il comparto rendendo insicuri i consumatori” concludono Cassese e Gallinella.

Rate this item
(0 votes)

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk