Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giovedì, 22 Marzo 2018

Ma siamo sicuri che i nostri amministratori vogliono chiudere veramente la discarica?

La domanda mi diventa più forte assistendo alle ultime manfrine. Durante la campagna elettorale cortei e proclami e interviste e impegni e affermazioni perentorie di figuri e figurine e bla, bla, bla per carpire il voto. Passate le elezioni, spariscono tutti e ritornano le manfrine, le “piccinnate” di chi, evidentemente, non vuole intervenire decisamente una volta per tutte e risolvere il problema.
È chiaro che il gioco, dopo tanti anni, e con altri giocatori, ha stufato e non regge più. Ma una cosa è evidente: è stato sempre dannoso per noi grottagliesi. La prendiamo sempre in quel posto NOI. Ospedale docet. Sembriamo dar ragione al detto: quando ti mettono qualcosa nel didietro, non muoverti, non agitarti, faresti il gioco dell’avversario. Così è. I politicanti fanno manfrina tra loro: è colpa vostra, no la colpa è vostra; noi c’eravamo, voi no; etc. etc. e nei momenti topici, al grido: no discarica, tutti in piazza, tutti in corteo e giù la partecipazione di cittadini e studenti e di decine d’ignote sigle, di illustri e illustrini e perfino il contorno di zombi colpevoli dello scempio o soci. In contemporanea il misfatto va a compimento.
Il canovaccio è sempre questo. I pupari muovono i pupi e mentre la democrazia si sfoga, dietro le quinte fanno gli affari loro: i milioni sono milioni. Anche ora la commedia è in atto ed alle battute finali. Faccio gli scongiuri che non vada a finire come andrà a finire.
Detto questo, fissiamo dei punti fermi prima di arrivare al nocciolo di questo mio dire.
Primo. La discarica è nata, è stata ampliata e continua ad espandersi essendoci sindaci e amministratori tutti rigorosamente di Sinistra al Comune, alla Provincia e alla Regione. L’attuale maggioranza di elettricisti di On si colloca dalla stessa parte.
Secondo. Fin dall’inizio la popolazione, mai consultata, è stata contraria ed ha attuato occupazioni, proteste, cortei, manifestazioni, inutilmente. Gli illustri e meno illustri pupari “piglianxxlo”, tramite gli utili idioti, hanno sempre fatto i loro comodi, tanto da portarci ad essere il nostro territorio la pattumiera d’Italia.
Vi rendete conto? Ci hanno fatto diventare la pattumiera d’Italia. Cosa da rabbrividire. E ancora giocano: discarica sì, discarica no.
Veniamo agli ultimi accadimenti.
- Contro ogni aspettativa, il CTP dà parere favorevole all’ampliamento.
I nostri amministratori gridano al tradimento, ma non oppongono per iscritto nessuna deduzione contro.
Per fortuna il parere del CTP non è vincolante.
- I Presidente della Provincia – sì quella abolita dal chiacchierone - organizza una conferenza stampa e, che io sappia, né il primo cittadino né il consigliere provinciale vi partecipano in quanto offesi dal mancato invito a parteciparvi. Vi potevano partecipare di diritto e dovevano andarci col coltello in bocca, invece…
Ma meno male che nemmeno il Presidente della Provincia ha poteri decisionali in materia. Quindi, in un caso e nell’altro, masturbazioni mentali.
E si attende. Che cosa? Boh! Che ce la mettano definitivamente in quel posto, alias che qualche funzionario decida come i pupari, che sanno ben oleare, vogliono.
E allora, signor sindaco, cosa aspetta a prendere l’iniziativa, a comandare veramente e a decidere i destini del territorio che lei ha chiesto di amministrare, sa bene cosa vogliono i suoi cittadini. Passi alla storia locale, dimostri di avere gli attributi. Lei sa come fare, è un avvocato. E se ha qualche dubbio, contatti qualche luminare del settore, ad esempio il prof. Cosimo Damiano Sticchi.
E allora non perda tempo, preceda tutti, prenda esempio da Emiliano che ha bloccato l’Ilva, ed emetta un’ordinanza sindacale con la quale ordina la chiusura immediata della discarica per motivi di igiene e salute pubblica. I tumori e le leucemie non aspettano le manfrine e i giochi nascosti dei potenti e dei politici.
Secondo.
Da quello che sappiamo, la società che gestisce la discarica non paga, si dice da 2 anni, le royalties dovute, tanto è vero che il bilancio di previsione 2018 non riporta i 2 milioni e mezzo che sarebbero dovuti entrare,
Ebbè, costoro ci avvelenano, non pagano, si fregano i soldi di chi conferisce, e voi state zitti e non fate niente?
Non sono un avvocato, ma so bene che quando qualcuno non paga, lo si butta fuori. Che aspettate a fare gli atti e cacciarli, come è normale che sia ed a bloccare ogni accesso alla discarica? Sono passati due anni e ve ne state con le mani in mano?
Cogli la palla al balzo, signor sindaco, e muoviti. Prendi la situazione in mano e procedi. Hai gli strumenti, le capacità, le motivazioni, sei il sindaco. Detta la linea e compi la volontà dei cittadini. Gli altri si accoderanno.

Published in Apertamente

In riferimento a quanto pubblicato su alcune testate circa la sospensione di alcuni servizi presso l’Ospedale San Marco di Grottaglie, occorre precisare e ristabilire la verità oggettiva.

L’ASL Taranto ha inaugurato in data 28 ottobre 2017, presso lo stabilimento ospedaliero San Marco di Grottaglie, l’Ambulatorio di “Medicina delle cronicità”, affidato al dr. S. Lenti proveniente in comando dall’Ospedale di Arezzo.
L’ambulatorio è finalizzato alla presa in carico dei pazienti cronici affetti da polipatologie, con l’obiettivo di prevenire le riacutizzazioni, migliorare lo stato di salute e ridurre le ospedalizzazioni ripetute. L’ambulatorio ha progressivamente ridotto il numero degli interventi ambulatoriali anche con il contributo di altri specialisti, secondo quanto dichiarato dal dr. Fernando Sogari, direttore del Dipartimento Area Medica.
Il dr. Lenti, in data 1° marzo 2018, ha effettuato tutti gli esami in arretrato del day service entro il 23 marzo del 2018 al fine di non arrecare disservizi.
L’incarico al dr. Lenti in scadenza a febbraio 2018 è stato prorogato sino ad aprile 2018.
Il dr. Lenti dal 23 marzo è in ferie per utilizzare i giorni maturati durante il periodo di comando presso la nostra ASL.
Le agende di prenotazione sono state momentaneamente chiuse al fine di rimpiazzare il dr Lenti che, a quanto noto e solo verbalmente, dovrebbe rientrare presso l’ASL Toscana di appartenenza.
Non è intenzione della ASL sospendere le attività rivolte alla terapia e prevenzione della cronicità, ribadisce il dott. Sogari, presso l’ospedale di Grottaglie, previste dal Piano di Riordino Ospedaliero della Regione Puglia ed in linea con il Piano Nazionale della Cronicità.

Published in Sanità

Una mattinata intera dedicata al Mediterraneo, puntando i riflettori su questo luogo simbolo della migrazione che vede migliaia e migliaia di essere umani attraversare questo braccio di mare, spesso trovandovi la morte, nella speranza di una vita migliore.

Alle ore 9.30 di DOMANI, venerdì 23 marzo, nel Teatro del Liceo ”De Sanctis-Galilei” di Manduria, si terrà il convegno “Il Mediterraneo che accoglie. Il valore dell’immigrazione oltre i luoghi comuni”, una manifestazione organizzata dal Centro Servizi Volontariato di Taranto.

Il convegno rientra in una serie di iniziative che, con lo slogan “Accendi la mente Spegni i pregiudizi”, è stata organizzata a Manduria da un ampio partenariato, dal 19 a al 25 marzo, nell’ambito della XIV “Settimana di azione contro il razzismo” che la Presidenza del Consiglio ha promosso in occasione della Giornata Mondiale contro il razzismo che si celebra il 21 marzo di ogni anno.

A Manduria, in particolare, le iniziative sono state dedicate alla memoria di Alessandro Leogrande, giovane giornalista e scrittore tarantino prematuramente scomparso, che ha dedicato gran parte della sua attività al racconto dell’immigrazione.

Il lavori del convegno, introdotti e moderati da Raffaele Salamino, responsabile Ufficio di Piano Comune di Manduria, saranno aperti dai saluti di Francesca Adelaide Garufi, commissario prefettizio del Comune di Manduria, e di Marilena Dimaglie, dirigente scolastico Liceo ”De Sanctis-Galilei” Manduria.

In seguito relazionerà Alfonso Zizza, professore Sociologia UNIBA e Sociologia delle Migrazioni LUMSA, e poi ci saranno le testimonianze dell’Associazione “Noi e Voi” su “Ristorante art. 21 il gusto dell’integrazione” e dell’Associazione Salam su “La maison de la mode: tessere relazioni attraverso la moda”.

Le conclusioni del convegno saranno affidate a Maria Antonietta Brigida, vicepresidente Centro Servizi Volontariato.

Nella mattinata è previsto anche un racconto video-fotografico curato dagli studenti del Liceo ”De Sanctis-Galilei” di Manduria e degli ospiti dello SPRAR di Manduria; la manifestazione si concluderà con la piantumazione simbolica di un albero nell’area verde dell’istituto scolastico che ospita l’iniziativa.

Published in Cronaca

Come noto la c.d. Legge Madia ha come ratio il consentire alla Pubblica Amministrazione di superare il precariato che nel corso del tempo si sia venuto a creare al proprio interno valorizzando le diverse professionalità acquisite dal personale stesso.

Al fine di favorire il processo in parola sono intervenute alcune riunioni tra il Dipartimento promozione della Salute e le Segreterie Regionali delle OO.SS. firmatarie del CCNL della Sanità.
Dagli incontri in parola, sono scaturite delle direttive regionali integrative in adeguamento alle previsioni di cui alle circolari del Ministero per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione n.3/2017 e n. 1/2018 e del Documento sull’applicazione dell’art.20 del D.lgs n.75/2017 approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella riunione del 15/02/2018.
Tra i vari importanti passaggi che a solo scopo esemplificativo si riportano, ricordiamo che può accedere alle procedure di stabilizzazione il personale di Comparto di tutti i ruoli oltre al personale del profilo dirigenziale che sia stato assunto a tempo determinato attingendo da una graduatoria, a tempo determinato o indeterminato riferita a una procedura concorsuale per esami e/o titoli, ovvero anche prevista in una normativa di legge in relazione alle medesime attività svolte ed intese come mansioni dell’area professionale di appartenenza, riconducendo la locuzione “procedure concorsuali” anche gli avvisi pubblici diretti all’assunzione di personale a tempo determinato così come confortato dalla Conferenza delle Regioni nel Documento sull’applicazione dell’art.20 del D.lgs 75/2017 del 25/2/2018.
Con nota del 19 marzo 2018 prot.Aoo.005_000183 il Dipartimento promozione della Salute, quindi, sollecita i Direttori Generali delle ASL di Puglia ad adottare “un atto interno, nel rispetto delle forme di partecipazione sindacale, in cui diano evidenza del personale in possesso dei requisiti previsti dall’art.20, distinguendo i destinatari del comma 1 da quelli del comma 2”, dando evidenza dei criteri adottati, come previsto al paragrafo 3.2.2. della circolare ministeriale n.3/2017.
Richiamando l’attenzione sull’urgenza e l’utilità sociale della questione in parola, sia per quanto riguarda le connotazioni contrattuali che, soprattutto, per quanto attiene la custodia della dignità dei singoli lavoratori, si invita la SV a provvedere con urgenza ad ottemperare alle disposizioni pervenute dal richiamato Dipartimento promozione della Salute e convocare le OO.SS. e la RSU per gli adempimenti del caso.

Published in Cronaca

Nella serata di giovedì 15 si è riunito il Coordinamento cittadino di FI Taranto alla presenza del coordinatore provinciale Michele Di Fonzo e del capogruppo al Comune Giampaolo Vietri per fare l’esame delle vicende anomale che stanno avvenendo al Comune di Taranto.
L’anomalia consiste nella irrituale e antipolitica azione intrapresa dal sindaco pd Rinaldo Melucci il quale, alla ricerca spasmodica di una qualsiasi soluzione alla crisi della sua maggioranza, ha aperto consultazioni non con le forze politiche ma con i singoli consiglieri coinvolgendo persone che, in origine, hanno fatto parte dello schieramento avverso. Persone che, a quanto è dato di sapere, non hanno disdegnato di farsi coinvolgere.
Su questo punto, il Coordinamento cittadino di FI intende rendere chiara la propria posizione in ordine a tre soggetti di questa vicenda.
Il sindaco Melucci appare, sin dall’inizio del suo mandato, inadatto a dare alla città l’auspicata svolta promessa in campagna elettorale per voltare pagina dopo l’esperienza fallimentare di dieci anni di amministrazione di sinistra col sindaco Stefàno. Prima c’è stata la stagione della sudditanza verso il governatore regionale Emiliano giunta sino alla vergognosa assunzione di assessori provenienti dal capoluogo regionale e non solo. Ora assistiamo a un valzer di poltrone con assessori licenziati e deleghe liberate da usare come esca per “pescare” nuovi pezzi di maggioranza. Un’azione politicamente volgare in quanto rivolta alle singole persone evitando di tentare di coinvolgere i partiti e i gruppi.
In questa “pesca miracolosa” vediamo coinvolti – a titolo personale - due consiglieri eletti con i voti dello schieramento opposto a quello di Melucci: l’ex candidata sindaco dello schieramento di centrodestra, Stefania Baldassari, e il consigliere Mimmo Ciraci del gruppo di Forza Italia.
Alla prima abbiamo da dire solo un paio di cose: che i 27mila voti ricevuti nove mesi fa non sono un patrimonio personale ma di tutti i partiti e le liste di centrodestra uniti in un progetto e in un programma comune alternativo a quello del centrosinistra di Melucci; e che il da lei ventilato “laboratorio politico” e un’antica espressione della peggiore Prima Repubblica coniata sin dagli anni Settanta per giustificare “mostri politici”.
Al nostro consigliere Ciraci, che va a consultarsi col sindaco senza avvertire né il suo capogruppo, né il coordinatore cittadino, né quello provinciale, diciamo che speriamo di non dovergli augurare buona fortuna visto che ha ormai deteriorato i rapporti di rispetto e di fiducia alla base di ogni rapporto umano prima che politico.

Published in Politica

"Dillo con un verso”. È questo il tema dell’incontro organizzato dal capo dipartimento di lettere del Liceo Moscati di Grottaglie, prof.ssa Marilena Cavallo, in collaborazione con il Mibact Sabap-le È Teatrando, e tenutosi il 21 marzo nell’aula magna “Monteleone” del plesso di via S.Elia. 

Una mattinata culturale per festeggiare la GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA e celebrare D’ANNUNZIO a ottant’anni dalla sua scomparsa.

Ospite dell’importante evento lo scrittore, saggista, poeta e direttore archeologo del Mibact, prof. Pierfranco Bruni, che ha relazionato insieme alla prof.ssa Marilena Cavallo.
Complice la bella luce del primo giorno di primavera, ragazzi e docenti del Liceo Moscati hanno goduto di un ricco momento di condivisa e partecipata cultura.

La magia della poesia nel saluto della preside Anna Sturino, nei versi alcionici declamati dai ragazzi seduti in platea, nelle dolci note musicali suonate al pianoforte dalla prof. Anna Lucia Campa, nelle letture dell’attrice Raffaella Caso, nel commentario sulla “favola bella” della prof. Marilena Cavallo e nella metafora dannunziana della pioggia, del fuoco e della cenere di Pierfanco Bruni.

Tutti uniti per ritrovarsi nei versi del vate, nella bellezza dell’esteta. Il volo che solo la poesia può osare. Il volo timido di quei versi che rimangono silenti dentro ognuno di noi, ma che non aspettano altro che spiccare per inebriarci di vita e magia.

“La pioggia nel pineto” recitata ad arte da uno studente, la danza delicata e dolce delle studentesse, in un percorso che conduce dalla poesia alla visione del “notturno”, dalla “poesia del panismo alla religiosità dell’assenza” sino al commentario della morte.

Pierfranco Bruni riesce ad accostare D’Annunzio a Pirandello, l’adriatico al mediterraneo, due mari, due mondi, due personaggi, nati o divenuti tali.
E così Marilena Cavallo introduce D’Annunzio con Pavese in una lettura dei sottili rapporti intertestuali fra la lirica dell'ultimo Pavese e la poesia dannunziana. Il fuoco della passione tra Gabriele ed Eleonora, la pioggia leggera che come un sussulto ridesta i cuori, poi il silenzio, la fine, la cenere, per rinascere e riemergere di bellezza eterea, perché bella ed eterna è la poetica dannunziana.

La letteratura va riletta e riconsiderata, questo l’invito che Bruni, nella “giornata mondiale della poesia”, ha voluto rivolgere agli studenti del Liceo Moscati, affinché possano appropriarsi dei versi dei vati, per fare proprie le metafore dei grandi poeti ed assaporare sino a viverlo quel magico e meraviglioso tremolio delle “farfalle d’oro come le tue mani”. Perché la poesia è la più vitale forma di malinconia, di vita, di allegria.

Nel corso della mattinata letture di testi e proiezione di un Video realizzato da Stefania Romito dedicato a Gabriele D'Annunzio e ad Eleonora Duse ed è stata presentata un Cartella Studio su D'amnunzio a 80 anni dalla morte.

 

Published in Scuola&Istruzione

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk