Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Mercoledì, 18 Aprile 2018

Aperta ufficialmente all'istituto Severi l'importante esposizione voluta da Sismalab. Sarà visitabile dal 19 aprile al 20 maggio. Domani al via anche i lavoratori della Settimana della scienza

È stata inaugurata questo pomeriggio a Crispiano la mostra “Terremoti d'Italia”. promossa dal Dipartimento della Protezione Civile e organizzata da Sismalab all'interno del cartellone di iniziative TerreinMoto. Era presente il capo del Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli. Sono intervenuti anche il Prefetto di Taranto Donato Cafagna, l'ingegnere Claudio Moroni del Dipartimento di Protezione Civile, il commissario straordinario del Comune di Crispiano Mario Volpe e l'amministratrice di Sismalab Martina Caramia. La mostra è stata allestita nel piazzale dell'istituto comprensivo “F. Severi” e sarà aperta gratuitamente al pubblico dal 19 aprile al 20 maggio, dalle 16 alle 19. In mattinata, invece, per tutto il mese saranno le scolaresche dell'intera provincia a visitare l'esposizione.

Nel corso dell'inaugurazione si è parlato di prevenzione di rischio sismico, che costituisce la mission dell'azienda crispianese, eccellenza mondiale nel campo della prevenzione sismica. Ma anche di solidarietà e volontariato nelle situazioni di emergenza quale può essere un sisma. Diversi i quesiti posti al capo dipartimento Borrelli dagli studenti della scuola secondaria di primo grado crispianese.
“Il terremoto non deve far paura – ha spiegato Borrelli – È importante però conoscere bene il proprio territorio, le caratteristiche dell'edificio in cui si vive e le norme di autoprotezione. Questa mostra serve, appunto, per diffondere cultura di protezione civile e per questo sono particolarmente felice che sia nuovamente in giro per il nostro Paese”.

“Terremoti d’Italia” invita a conoscere da vicino uno dei rischi naturali che più interessa il nostro Paese in termini di diffusione, quello sismico. Nata nel 2007, prima di approdare in provincia di Taranto, in questi anni ha girato in lungo e in largo per tutta la Penisola, concedendosi anche due tappe all'estero (Bruxelles e Mosca). La mostra punta a stimolare i cittadini, in particolare i più giovani, a un ruolo attivo nel campo della prevenzione. Attraverso la memoria degli eventi sismici del passato e la conoscenza del fenomeno fisico, degli strumenti utilizzati per misurarne la forza, dei comportamenti da adottare in situazioni di rischio, delle soluzioni tecnologiche grazie alle quali è possibile ridurre la vulnerabilità delle costruzioni. Ma anche attraverso l’esperienza diretta. Due spettacolari tavole vibranti, appositamente progettate per simulare il movimento sismico, permettono ai visitatori di vivere in sicurezza l’esperienza del terremoto e di osservarne da vicino gli effetti. La mostra affronta i vari temi con un linguaggio semplice e una vasta tipologia di contenuti: documenti, fotografie, video, strumenti di misura di epoche diverse, dispositivi antisismici realizzati sulla base delle più recenti tecnologie. All'interno dei circa 300 metri quadrati di area espositiva i visitatori troveranno anche degli interessanti lavori sul tema realizzati dagli alunni della scuola media “F. Severi”.

L'inaugurazione ha anche aperto la Settimana della Scienza, sette giorni di laboratori didattico-scientifici resi possibili grazie alla collaborazione con le scuole e alcune associazioni locali. I laboratori, che si rivolgono ai più piccoli, si terranno dal 20 al 27 aprile al circolo didattico “P. Mancini” e alla biblioteca comunale “C. Natale”. Sia per prendere parte ai laboratori sia per i gruppi superiori alle 30 persone che intendono visitare la mostra è necessario prenotare al numero 329.1589904.

“Abbiamo messo insieme varie realtà del territorio. – afferma Martina Caramia – Gli intenti erano ambiziosi e ci siamo riusciti soltanto grazie all'aiuto di tante persone. Il terremoto visto da un punto di vista geologico è semplicemente un momento in cui la terra sprigiona energia. Noi vogliamo prendere questa energia e trasformarla positivamente, in energia che fa muovere le persone e le idee. Ecco come nasce l'idea di mettere in piedi un progetto come TerreinMoto”.

La manifestazione vedrà un altro momento importante il prossimo 4 maggio, quando a Taranto (Facolta di Ingegneria, quartiere Paolo VI) avrà luogo il convegno per addetti ai lavori sulla sicurezza sismica. TerreinMoto ha il patrocinio del Comune di Crispiano ed è stato realizzato in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile e la Protezione Civile regionale. Hanno contribuito all'iniziativa l'istituto comprensivo “F. Severi”, il circolo didattico “P. Mancini”, l'istituto statale di istruzione secondaria “Elsa Morante”, la Lares, il coordinamento provinciale di Taranto di Protezione Civile, l'Ordine degli Ingegneri di Taranto, il circolo Arci-Uisp “Mariella Leo”, l'accademia musicale “Giacomo Puccini”, la libreria AmicoLibro, l'associazione Arcobaleno Statte, la cooperativa Korat, l'associazione musicale “Matteo Mastromarino” e la MSO – Make Sustainable Organization.

Published in Cronaca

Il Gruppo Indipendente per Taranto ha preso atto, con grande preoccupazione dei rilievi, osservazioni e suggerimenti che hanno portato i revisori dei conti del Comune di Taranto ad esprimere un parere sfavorevole sulla proposta di Bilancio di previsione 2018-2020.

Il Gruppo Indipendente per Taranto avrebbe voluto dare un suo contributo alla riflessione sull’importante questione in occasione della riunione dei capigruppo di maggioranza tenutasi lo scorso martedì 17 aprile, in coincidenza con il ricevimento del parere dei revisori; ma questo incontro si è tenuto in assenza del suo capogruppo che non è stato convocato, al momento si ignorano le motivazioni di questa inadempienza, impedendogli così di poter partecipare alla discussione.

Per questo motivo il Gruppo Indipendente per Taranto si è visto costretto a comunicare la sua posizione agli altri Consiglieri comunali inviando loro una lettera, informandoli che il non ritiene di esprimere il proprio voto favorevole in Consiglio comunale in ordine ad un bilancio soggetto ad osservazioni non certo edificanti.

Il Gruppo Indipendente per Taranto è consapevole dell’importanza che assume il documento contabile oggetto di approvazione e della responsabilità che incombe su tutti consiglieri comunali nel dover esattamente e puntualmente contribuire a disegnare il futuro sviluppo della Città.

Il Gruppo Indipendente per Taranto intende fare ciò non a tutti i costi, ma nella responsabile consapevolezza, anche nei riguardi delle famiglie di appartenenza, dell’importanza del ruolo che ognuno dei suoi cinque consiglieri comunali è stato chiamato a svolgere.

La posizione del Gruppo Indipendente per Taranto non è certo di chiusura ma di massima apertura, in quanto non si tratta di costruire muri ma di superare ostacoli, perché il buon senso di un qualsiasi cittadino non suggerirebbe certo di prestare il proprio assenso ad un documento economico programmatico che non consente di proiettare la comunità, secondo il parere dei revisori, nemmeno di qui alla prossima settimana.

Non si tratta di mancanza di coraggio, ma di senso di responsabilità, non solo nei riguardi delle famiglie per le nefaste ricadute che ne deriverebbero qualora approvassimo un bilancio programmatico senza l’adeguato parere favorevole dei revisori, ma, in principal modo, nei riguardi dei Tarantini che dal loro Consiglio comunale si aspettano tutt’altro.

Il Gruppo Indipendente per Taranto è disponibile, come tra l’altro ha sino ad oggi dimostrato, a rimboccarsi le maniche ed a lavorare sodo per poter demolire e ricostruire un documento di programmazione in modo da superare le criticità riscontrate.

Intende fare ciò, come già detto, per senso di responsabilità, a prescindere dalle condotte divisive che hanno visto il Gruppo Indipendente per Taranto escluso da un confronto comune e democratico con la stessa maggioranza di cui fa parte.

Questo potrà avvenire semplicemente rinviando la seduta del Consiglio Comunale indetta per domani, 19 aprile p.v., appellandosi al senso di responsabilità al fine di riformulare una proposta di bilancio che trovi parere favorevole dei Revisori.

Published in Politica

San Marco di Grottaglie: ora basta!

Dopo aver chiuso il Pronto Soccorso la Regione vuole declassare anche il Posto di Primo Intervento

Il Partito Democratico di Grottaglie scende in piazza

Domenica 22 aprile – ore 10:00 – piazza Principe di Piemonte

Nel mese di luglio del 2016 il Direttore Generale dell’Asl di Taranto, dr. Stefano Rossi, stabilì la chiusura del Pronto Soccorso dell’ospedale San Marco di Grottaglie, con la promessa di riaprirlo alla fine di settembre dello stesso anno. Una subdola promessa mai mantenuta, perché di fatto stava anticipando il Piano di riordino ospedaliero regionale, per il “San Marco” di Grottaglie e per il “Moscati” di Statte (Paolo VI). Il PS di Grottaglie, fu infatti trasformato in Posto di Primo Intervento e ad oggi resta tale, all’interno di un ospedale che viene sempre più privato di una sua identità. La scorsa settimana, con delibera di giunta, la Regione Puglia ha deciso il ridimensionamento dei Posti di Primo interveto, stabilendo che i PPI con accessi annuali superiori ai 6000, diventeranno postazioni medicalizzate fisse del 118, mentre quelli con accessi inferiori ai 6000, postazioni medicalizzate mobili. Il PPI di Grottaglie – che nel 2017 ha contato 13mila accessi -, quindi, come quello del “Moscati” – che ne ha ricevuti 21mila -, stando alla decisione degli amministratori regionali, verranno ulteriormente declassati e depotenziati, senza tenere conto che, stando ai numeri, il territorio ionico avrebbe invece bisogno di un rafforzamento dei servizi sanitari, soprattutto di pronto soccorso.

“Questa decisione, che rientra nel Piano di riordino ospedaliero varato dalla Regione Puglia – dice il segretario cittadino del Pd, Francesco Montedoro -, giunge come un’ennesima mannaia sulle sorti del “San Marco”. Nonostante l’ospedale di Grottaglie, nell’ambito del Presidio Ospedaliero Centrale (POC), sia in regime di deroga in attesa della nascita del San Cataldo, viene sempre più degradato fino al punto che, da una parte l’Asl di Taranto non ottempera neanche alle misure dello stesso Piano di Riordino, dall’altra il primo cittadino di Grottaglie, che ricordiamo rappresentare la massima autorità in materia di igiene e salute pubblica, rimane totalmente estraneo ed inerte, nonostante dalle associazioni e dalle forze politiche gli siano pervenute richieste di intervento per fermare la cancellazione in corso che si sta attuando sul San Marco”.

Per difendere l’ospedale di Grottaglie, dire no a questo ennesimo impoverimento della sanità pubblica della provincia di Taranto e per chiedere pubblicamente al sindaco di Grottaglie di esprimere una volta per tutte la sua posizione rispetto al “San Marco”, il Partito Democratico di Grottaglie sarà in piazza Principe di Piemonte la prossima domenica 22 aprile, a partire dalle ore 10:00.

Tutta la cittadinanza e le associazioni sono invitate a partecipare per discutere il futuro della sanità locale.

Partito Democratico Grottaglie

Published in Politica

Dalla provincia di Taranto alla LIUC – Università Cattaneo di Castellanza (VA) per studiare Economia e in particolare il management dello sport: è stato assegnato a Vittorio Orlando, studente originario di Grottaglie, il premio di merito messo a disposizione per la LIUC dal Panathlon Club La Malpensa in collaborazione con il Comune di Castellanza.

Questo premio al merito rappresenta efficacemente lo spirito del mondo Panathlon: si tratta di un movimento internazionale per la promozione e la diffusione della cultura e dell'etica sportiva, secondo il riconoscimento ufficiale del CIO, che si propone di approfondire, divulgare e difendere i valori dello sport inteso come strumento di formazione e di valorizzazione della persona e come veicolo di solidarietà tra gli uomini ed i popoli. Vittorio Orlando è stato scelto tra gli studenti del percorso in Management dello sport e degli eventi sportivi della laurea triennale in Economia della LIUC sulla base di una graduatoria stilata secondo criteri legati alla regolarità degli studi e alla votazione media.

“Quando mi sono trovato di fronte alla scelta dell’Università – ha detto Vittorio Orlando commentando il premio ricevuto – sono stato subito incuriosito dalla LIUC per la presenza di un percorso dedicato al management dello sport inserito già nella laurea triennale, un’opportunità unica a livello nazionale”.

Una scelta che affonda le radici nella sua passione sportiva e nell’esperienza svolta all’interno della società calcistica Ars et labor Grottaglie: una realtà conosciuta prima da appassionato e poi collaborando sia a livello gestionale che nella comunicazione della società. “Ora il sogno da coronare è quello di una carriera a livello manageriale in una società sportiva. Intanto, questo premio è un grande motivo di orgoglio sia per me che per la mia famiglia, ancora di più per il fatto che arriva da una realtà come quella del Panathlon, impegnata nella promozione dell’etica e dei valori sportivi”

Il premio è stato consegnato nel corso di una cerimonia alla presenza delle istituzioni locali, del prof. Enrico Prandi (docente di Marketing e Tecniche della comunicazione nell'industria e delle società sportive alla LIUC nonché ex Presidente del Panathlon International, ex Vice Presidente della Federazione Italiana Pallacanestro ed ex Presidente della Lega Basket Serie

A), e del coach Marco Crespi (attuale tecnico della Nazionale Femminile di Basket e commentatore televisivo per Sky Sport).

Il percorso in Management dello sport e degli eventi sportivi della LIUC si pone l’obiettivo di preparare professionisti capaci di coordinare e gestire le diverse fasi gestionali delle imprese sportive. Gli studenti acquisiscono strumenti di marketing, produzione, finanza, strategia, fondamentali per la valorizzazione del brand, per la gestione delle risorse umane e degli atleti, per perseguire e mantenere l’equilibrio economico - finanziario nell’ambito della cornice regolamentare che disciplina l’attività sportiva e i relativi rapporti contrattuali. (Per info: www.liuc.it)

Published in Sport
Mercoledì, 18 Aprile 2018 14:20

Taranto: Mobilità sociale con Mobility Life

E’ attivo presso la Direzione Servizi Sociali il servizio di mobilità sociale della ditta “Mobility Life”.

L’assessore al welfare, Simona Scarpati, lo spiega più dettagliatamente. "Un automezzo attrezzato, destinato ad un uso solidale è affidato alla Direzione Servizi Sociali che può concedere l’utilizzo anche ad un’associazione del terzo settore. Il servizio, ormai collaudato, intercetta un’ampia richiesta delle associazioni del terzo settore perché agevola la mobilità a chi ha difficoltà motorie ed agli anziani, restituendo loro la libertà del movimento e la scelta degli spostamenti.”

A beneficiarne, pertanto, sono prevalentemente le persone con problemi di deambulazione anche della fascia anziana della popolazione.

“A questi cittadini- conclude l’esponente della giunta Melucci- con ridotta autonomia motoria, avvalendosi del servizio Mobility Life, riusciamo ad assicurare una qualità della vita migliore, offendono loro la possibilità di raggiungere con mezzi adeguati luoghi di socialità e di cura superando così ogni limite. Stadi, cinema, teatri, musei ma anche sedi di associazioni oppure aeroporti, stazioni ferroviarie per finalità sanitarie possono essere raggiunte e frequentati secondo piacimento o necessità eliminando in tal modo le barriere della mobilità”.

Oltre all’amministrazione, il servizio può essere richiesto dalle associazioni riconosciute aventi sede nel territorio del Comune di Taranto con finalità statutarie riferite all’ambito della disabilità e dell’area anziani.

Le richieste di utilizzo del mezzo di trasporto,devono essere presentate con anticipo di almeno 7 giorni esclusivamente in forma scritta alla Direzione Servizi Sociali utilizzando l’apposito modello. Ulteriori informazioni possono essere richieste alla direzione servizi sociali, area disabilità, Via Veneto 83.

Published in Cronaca

Pensioni da fame, liste d’attesa infinite, pochi servizi e strutture per la salute sul territorio

 GINOSA (TA) – “In attesa che si formi un nuovo governo capace di riformare il sistema del welfare, tantissimi anziani sono costretti a rinunciare a curarsi perché hanno pensioni da fame”. Una denuncia forte, inequivocabile, quella fatta da Michele D’Ambrosio, presidente provinciale ANP Taranto, durante l’assemblea elettiva provinciale dell’Associazione Nazionale Pensionati della Cia svoltasi ieri, lunedì 16 aprile, a Ginosa. Una situazione, quella denunciata da D’Ambrosio, che è comune a tutte le province pugliesi. Pensioni dignitose, un sistema sanitario efficiente, politiche per l’invecchiamento attivo e l’esercizio fisico, più forza per contrastare le truffe agli anziani: sono questi alcuni dei temi affrontati nell’incontro di Ginosa dal presidente regionale di ANP CIA Puglia, Franco Tinelli; dal presidente nazionale del patronato INAC, Antonio Barile e dal presidente provinciale ANP Taranto Michele D’Ambrosio. “Con la prossima assemblea regionale, anche l’Associazione Nazionale Pensionati porterà a compimento il percorso di autoriforma che prevede una migliore integrazione tra territori”, ha aggiunto D’Ambrosio. Anche ANP, dunque, sarà organizzata attraverso l’integrazione dell’Area Due Mari che mette insieme Taranto e Brindisi.

UN ESERCITO DI 30MILA PERSONE. In Puglia, l’ANP rappresenta circa 30mila persone. Si tratta di donne e uomini che hanno lavorato per una vita in campagna, contribuendo a fare dell’agricoltura pugliese uno dei settori trainanti del made in Italy. Sono over 60enni e ultra-sessantacinquenni custodi di una cultura del lavoro basata sul sacrificio, l’abnegazione, l’orgoglio e la cura per la propria terra. La maggior parte di quelle persone ha una pensione al di sotto dei 510 euro. “Le pensioni minime vanno innalzate”, ha dichiarato Franco Tinelli. “È una battaglia che stiamo conducendo senza se e senza ma”, ha aggiunto Antonio Barile. L’ANP CIA si sta battendo a tutti i livelli per l’abbattimento delle liste d’attesa, una migliore dislocazione della sanità territoriale, una maggiore fruibilità dei servizi per la prevenzione e la salute. “Servono risposte vere, però, non solo annunci da parte delle istituzioni”, ha spiegato D’Ambrosio. “L’attività di un’associazione come quella dei Pensionati della CIA è benemerita”, ha dichiarato Nicola Carenza, presidente provinciale AVIS Taranto. “Il tema della dislocazione sul territorio dei servizi per la prevenzione e la salute è centrale, così come la questione dell’innalzamento delle pensioni minime”.

TRUFFE, 1 MILIONE A RISCHIO IN PUGLIA. In Puglia, secondo i dati demografici disponibili, gli ultra sessantacinquenni rappresentano il 20,9% della popolazione totale: circa 900mila persone su oltre 4 milioni di abitanti. Sono proprio loro, gli anziani, i bersagli preferiti da truffatori e criminali. Recentemente, durante la terza campagna contro i raggiri ai danni degli anziani, il Ministero dell’Interno ha presentato gli ultimi dati sul fenomeno: nel 2016, sono stati oltre 340mila gli ultra-sessantacinquenni vittime di reato. Nel primo trimestre del 2017, 71.139 anziani sono stati bersaglio di criminali. I numeri, tuttavia, avrebbero una consistenza ancora più rilevante qualora tutte le truffe fossero denunciate, ma in moltissimi casi questo non avviene per paura, vergogna o sfiducia. Le assemblee ANP-CIA, si stanno confermando come uno straordinario momento di aggregazione, discussione e proposta. L’Associazione Nazionale dei Pensionati CIA, in Puglia e in tutta Italia, è una delle realtà più attive nelle lotte in favore dell’invecchiamento attivo della popolazione. “La nostra è una battaglia per i nostri figli, per i nostri nipoti, per le giovani generazioni”, ha concluso D’Ambrosio.

Published in Cronaca

Apprendiamo con piacere che la mozione contro l'ottimizzazione orografica della discarica Ex Ecolevante, di cui si è fatto portavoce il consigliere Regionale Mino Borraccino e sottoscritta da tutti e nove i consiglieri Jonici, è stata approvata all'unanimità durante il consiglio regionale.

Tutto il consiglio regionale esprime dissenso contro l'ampliamento della discarica di Grottaglie e contro il metodo grottesco che ha caratterizzato l'iter autorizzativo.

Un' atto di indirizzo politico chiaro, netto e che pretende un segnale di discontinuità contro la politica degli ampliamenti messa in campo da Tamburrano, tutto a danno di un territorio che soffoca tra i rifiuti e che si ribella insieme alle sue amministrazioni.

Il Presidente Emiliano deve farsi carico di questa volontà, espressa sia dai membri della sua maggioranza che dall'opposizione, e impugnare l'atto autorizzativo che anche all'opinione pubblica è sembrato alquanto disconnesso con la realtà.

La determina N°45 del 5 Aprile 2018 va bloccata soprattutto in virtù del contrasto che si viene a creare con le linee guida della Regione in ambito di gestione dei rifiuti speciali, le quali non prevedono più autorizzazioni per la Provincia di Taranto.

Riteniamo opportuno, anche, che oltre a impugnare l'atto, il Presidente debba avocare a se la delega affidata alla provincia in materia ambientale, poiché non è possibile continuare a non tener conto della situazione che stiamo vivendo dal punto di vista ambientale e della salute, soprattutto quando ci si trova davanti a un Presidente della Provincia che non ascolta il territorio, anzi autorizza con mano leggera tutti i raddoppi degli impianti impattanti che insistono su di esso.

Published in Politica

A piccoli passi verso la Regione Puglia

“Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’umanità”: sembra calzare perfettamente questa frase storica di Neil Armstrong pronunciata mentre posava il piede sul suolo lunare nel lontano 1969

- Borraccino Cosimo gruppo di appartenenza:Liberi e Uguali
- Pentassuglia Donato gruppo di appartenenza:Partito Democratico
- Mazzarano Michele gruppo di appartenenza: Partito Democratico
- Liviano Gianni gruppo di appartenenza: Misto
- Turco Giuseppe gruppo di appartenenza: La Puglia con Emiliano
- Morgante Luigi gruppo di appartenenza: Movimento Schittulli Area Popolare
- Perrini Renato gruppo di appartenenza: Direzione Italia
- Franzoso Francesca: gruppo di appartenenza: Forza Italia
- Galante Marco gruppo di appartenenza: Movimento 5stelle
Questi i nomi dei Consiglieri Regionali che il 17 aprile 2018 hanno fatto alzare una leggera brezza di aria fresca sulla politica stantia che ci governa, a loro va il merito per il successo di un piccolo passo verso la vera Democrazia quella noi auspicata, ragionata in nome del bene comune al di là del colore di appartenenza. La mozione da loro presentata contro l’ottimizzazione orografica della discarica ex Ecolevante è stata approvata all’unanimità durante il consiglio regionale. Ora ci chiediamo: quanto il Presidente Michele Emiliano sarà disposto a difendere e risolvere questo nodo che vede l’intero popolo Jonico spalleggiare, a giusta ragione l’iniziativa presa dai consiglieri Tarantini? Questa, forse, una buona opportunità per Emiliano per riaccreditarsi nei confronti di questa Terra Jonica per la quale sinora ha mostrato poco interesse anzi diremo, da tempo ormai considerata alla stregua di una serie “B”. Avremo quindi modo di vedere se la determina n°45 del 5 aprile 2018 sarà bloccata e se la Regione avrà la capacità di istituire realmente delle nuove linee guida per una sana gestione dei rifiuti. Chiediamo quindi al Presidente della Regione di farsi carico della delega affidata alla Provincia in materia di ambiente e tornare a infondere fiducia nei cittadini della Provincia Jonica che quotidianamente percepiscono uno stato di abbandono e isolamento dalle Istituzioni che li governano. La Puglia è una regione dalle innumerevoli risorse e bellezze non si può considerala a scomparti, si merita quindi un valore aggiunto generato dall’unità e dalla sinergia tra tutte le sue Province solo così potrà assicurarsi una crescita sociale ed economica nella sua interezza.

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk