Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giovedì, 19 Aprile 2018

Grande affluenza di pubblico all’evento “La Bellezza abita in Biblioteca. Architetture, patrimoni, comunità”, organizzato dalla Biblioteca del Consiglio regionale della Puglia “Teca del Mediterraneo”, con la collaborazione dell’Associazione Italiana Biblioteche – Puglia e il patrocinio dell’Associazione Italiana Editori e dell’Editrice Bibliografica.

Oltre duecento persone, tra sessione mattutina e sessione pomeridiana, hanno partecipato al 19° workshop svoltosi lo scorso 13 aprile a Bari, presso l’Hotel Excelsior, mentre un centinaio sono state quelle che hanno assistito alla proiezione in anteprima del film “Ex Libris: The New York Public Library” di Frederick Wiseman, al Cinema Splendor, sempre nella stessa data.
Durante il workshop, al fine di valorizzare la lettura e al tempo stesso l’identità pugliese, “Teca del Mediterraneo”, ha lanciato un contest che ha come oggetto il libro, al quale è dedicata la poesia “Nu libbre – Un libro” di Mariella Stano, la cui versione originale è nel dialetto di Santeramo in Colle.
Per favorire la riscoperta dei dialetti della nostra regione, che purtroppo con il cambio generazionale si stanno dimenticando, la Biblioteca invita, i cittadini pugliesi interessati a partecipare, a tradurre nonché a recitare il testo della poesia nel proprio dialetto di appartenenza, e ad inviare i file video o audio della registrazione e del testo scritto, all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
I contributi pervenuti, saranno pubblicati su una pagina dedicata del sito di “Teca del Mediterraneo”.
Inoltre, per rimarcare l’importanza e il valore delle biblioteche e dei servizi che esse offrono, “Teca del Mediterraneo” ha prodotto e proiettato, durante il workshop, un video animato disponibile sul canale You Tube della biblioteca al link https://bit.ly/2JRp2xz.

 

Un libro

di Mariella Stano

A te ragazzino di belle speranze,

che stai ore e ore chiuso nella tua stanza,

un consiglio io do: per le feste e a Natale

fatti dar sempre libri come regalo.

Perché un libro - sai – è un vero compagno

e il tempo della lettura è solo guadagno.

Un libro è una madre ed è pure un padre

che non vorrebber mai lasciarti la mano.

Un libro è una sorta di folletto benevolo,

tu non te ne accorgi e lui ti mette le ali.

Tu apri un libro e intraprendi un viaggio,

ti ritrovi d’incanto a Parigi o su una spiaggia.

Un libro ti par che sia roba da niente

ma quando lo chiudi ti senti più ricco.

Ah quante cose un libro t’insegna

e in quante storie tu trovi rifugio!

Sono storie d’amore, di pace e di guerra

e tu allora comprendi che su questa terra

non sei proprio solo come un cane

e parte sei invece di un’umanità intera.

E poi ci sono i libri del tempo passato

in cui parlan le voci di tante persone.

Son le voci di chi per un’idea ha lottato

e sol dalla morte poi è stato fermato.

Sono voci che ancora gridano forte

ma più che parlarti colpiscono al cuore.

Tu ascoltale sempre e non scordare mai

che quella gente ha lottato anche per te!

E così io ti dico in maniera spassionata:

non lasciar che di te si prendano gioco.

E quando ti vorranno muto e servile

tu queste parole tieni bene a mente:

Più libri leggi e più forte diventi

e timore non hai di tempeste o di venti.

Non vi sono catene che possan legarti

perché i libri ti danno la libertà.

 

 

Published in Cultura

Cisl, il tarantino Onofrio Rota è il nuovo Segretario generale della Fai nazionale. Furlan: Grazie a Sbarra per i traguardi raggiunti, Onofrio saprà far crescere ancora di più la Categoria"

Il ‘monteparanese’ Onofrio Rota è il nuovo segretario generale della Fai Cisl nazionale. A eleggerlo all'unanimità, su proposta del segretario generale uscente, il consiglio generale del sindacato agroalimentare-ambientale della Cisl, riunitosi questa mattina a Roma alla presenza della leader Cisl Annamaria Furlan. Il dirigente ha guidato fino ad oggi la Cisl Veneto e prende il posto di Luigi Sbarra, divenuto segretario generale aggiunto del sindacato di via Po. Il parlamentino della Fai, su proposta dello stesso Rota, ha anche confermato la squadra di segreteria nelle persone di Raffaella Buonaguro, Attilio Cornelli, Silvano Giangiacomi e Mohamed Saady. "È in Fai Cisl che sono cresciuto, qui mi sento a casa - ha detto Rota nel suo primo discorso da neoeletto -, ora l'impegno è a continuare nel solco del grande lavoro svolto da Sbarra, dei tanti traguardi tagliati dalla Categoria sul fronte contrattuale, legislativo, organizzativo e della rappresentanza. Portare a compimento questo percorso vuol dire far avanzare le ragioni del lavoro di qualità nei nostri settori e metterle in connessione con una competitività e una innovazione indispensabili nel contesto di Impresa 4.0 e di mercati sempre più interdipendenti e internazionalizzati".
Nel suo intervento di apertura, Sbarra ha evidenziato le conquiste ottenute nel triennio: "Penso alla storica legge 199 sul caporalato - ha evidenziato - ma anche ai progressi su un governo migliore del mercato del lavoro, alla cancellazione dei voucher agricoli, al potenziamento della bilateralità, all'istituzione di strumenti di maggiore flessibilità previdenziale, con l'ingresso delle nostre categorie nell'Ape Sociale. Abbiamo fatto tanto e bene, chiudendo tutti i contratti nazionali di comparto, liberando risorse negoziali per oltre 4 miliardi di euro, rinnovando la nostra dirigenza, rilanciando la nostra rappresentanza e le nostre performance associative". Conquiste legislative, negoziali e organizzative ottenute "grazie al sostegno costante della Cisl e di Annamaria Furlan, che in questi tre anni ha rilanciato il protagonismo sociale nelle dinamiche pubbliche di decisione e di riforma". Nel proporre la candidatura di Rota, Sbarra ha parlato di un "dirigente di grande spessore, un sindacalista di rango. Con la sua serietà, la sua storia, la sua predisposizione all’innovazione, Onofrio ha tutte le carte in regola per consolidare l’unità interna della Federazione, e con essa il futuro e la rappresentanza della Fai".
La Segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, intervenuta a conclusione dei lavori, ha ringraziato Luigi Sbarra per il lavoro fatto in questi anni per "ricostruire l'unità interna alla Fai Cisl, una delle storiche e più antiche categorie della Confederazione, attraverso una linea contrattuale chiara e vincente, rappresentando i bisogni e le aspettative di tanti lavoratori del settore agroalimentare". La leader della Cisl ha aggiunto: "Sono certa che Onofrio Rota, che lascia l'USR Cisl del Veneto, saprà agire con la sua straordinaria umanità, generosità e preparazione sindacale in continuità con i traguardi raggiunti dalla Fai Cisl in questi anni, facendo crescere ancora di più il protagonismo di questa importante categoria".
Cinquantenne, nato a Monteparano, in provincia di Taranto, e vissuto a Treviso dall’età di 15 anni, Onofrio Rota è dottore in Scienze Sociali. Ha iniziato il suo impegno sindacale nel ruolo di delegato aziendale nel 1989, per poi diventare operatore a tempo pieno nel 1995. È stato Segretario generale, a Treviso, prima della federazione dell’industria alimentare e poi, dopo l’unificazione con i lavoratori agricoli, della Fai. Nel 2006 è stato eletto Segretario regionale della Fai e, nel 2015, Segretario generale aggiunto della Cisl Veneto. L’anno successivo ne è diventato Segretario generale.

Published in Cronaca

L’accordo tra i due poli sanitari locali per l’esecuzione di esami strumentali e prestazioni specialistiche a favore della cittadinanza.

Giovedì 19 aprile, presso la Sala Congressi del Centro Ospedaliero Militare di Taranto, la Marina Militare e l’Azienda Sanitaria Locale hanno stipulato un accordo per lo scambio di beni e servizi che si inserisce nel contesto dell’Accordo quadro siglato il 16 aprile 2014 tra il Ministero della Difesa e la Regione Puglia per la cooperazione in tema di Sanità pubblica e che consentirà di ampliare i servizi messi a disposizione dal Centro Ospedaliero Militare di Taranto a disposizione della popolazione civile.
Dal 2014 la Marina Militare mette già a disposizione della collettività la camera iperbarica del Centro Ospedaliero Militare, polo di eccellenza della Forza Armata, per il trattamento di numerose patologie emergenziali attraverso l’esecuzione di sedute di ossigenoterapia.
Con il nuovo accordo, siglato dal capitano di vascello Vincenzo Mascellaro, Direttore del Centro Ospedaliero Militare, e dall’Avv. Stefano Rossi, Commissario Straordinario Direttore Generale dell’A.S.L. di Taranto alla presenza di autorità civili e militari, la collaborazione si amplierà all’esecuzione di Tomografie Assiali Computerizzate (TAC), Ecotomografie e Radiografie, prestazioni Odontoiatriche e prestazioni neurologiche (Elettroencefalogramma e visita neurologica).
“La sigla di questo accordo testimonia la sempre più auspicata apertura del Centro Ospedaliero Militare di Taranto verso la cittadinanza, dando di fatto forma al programma e agli obiettivi prefissati lo scorso settembre”, ha dichiarato per l’occasione il capitano di vascello Vincenzo Mascellaro.
Grazie anche alle cooperazioni stipulate, la Marina Militare, oltre ad adempiere ai principali compiti istituzionali di difesa e sicurezza marittima, rende disponibili le proprie strutture ospedaliere sul territorio pugliese con le competenze medico sanitarie del proprio personale a favore della collettività, perfettamente in linea con il principio di “complementarietà” della Forza Armata.

Published in Cronaca

Lumino: «Nuovo sfregio alla dignità: chiediamo un impegno a Tim, Fastweb e istituzioni».

«Hanno scoperto che non avrebbero ricevuto il compenso pattuito con l’azienda attraverso un sms: siamo
a questi livelli che lasciano davvero senza parole». È l’ultima denuncia di Andrea Lumino, segretario
generale della Slc Cgil Taranto, che interviene sull’ultima beffa subita dai lavoratori del call di Lizzano già
denunciato nei mesi scorsi per aver sfruttato i dipendente senza pagarli. Il nuovo capitolo della vicenda ha
dell’incredibile: «dopo l’intervento del sindacato – ha spiegato Lumino – l’azienda aveva sottoscritto un
accordo con i lavoratori per provare a porre rimedio al danno causato ai lavoratori garantendo il
riconoscimento di quanto spettante. Purtroppo a distanza di qualche mese quei lavoratori hanno dovuto
ricevere un nuovo sfregio alla loro dignità: sul loro telefonino hanno ricevuto un sms che annunciava che
non avrebbero ricevuto le spettanze previste per questo mese a causa di mancanza di liquidità. Davvero
sono queste le aziende a cui colossi come TIM e FASTWEB affidano il proprio nome per il telemarketing?
Com’è possibile che queste aziende possano associarsi a questi luoghi che diventano sempre più emblema
di sfruttamento e inaffidabilità? TIM e FASTWEB – ha proseguito il sindacalista tarantino – non possono
dirsi ancora all’oscuro di tutto. Se avessero tuttavia bisogno di sapere di più siamo pronti a fornire loro
tutte le informazioni necessarie: come già fatto in passato non esiteremo a indicare anche il nome delle
agenzie che hanno affidato l’appalto a queste realtà».
La Slc Cgil di Taranto, inoltre, ha annunciato nuove azioni sul settore call center: «stiamo inviando all'
Ispettorato di Taranto e Brindisi una richiesta per accertare – ha annunciato Lumino – la presenza di altri
call center, su base regionale, riconducibili , direttamente o indirettamente, a questa proprietà che
continuano a sfruttare e ora non mantiene gli accordi che ha preso non pagando quanto stabilito. Per
questa e per tutte le altre battaglie che stiamo portando avanti riteniamo fondamentale coinvolgere da
subito i committenti FASTWEB e TIM, ma anche tutte le istituzioni locali come il Comune di Lizzano:
chiediamo a tutti di incontrarci per poter fare quadrato intorno a questi lavoratori e rilanciare all’azienda
inadempiente la richiesta di mantenere fede agli impegni e non continuare a calpestare la dignità di
queste donne e di questi uomini. Siamo certi – ha concluso il segretario della Slc Cgil Taranto – che TIM,
FASTWEB e le istituzioni locali vorranno accogliere la nostra proposta perché questo territorio chiede
rispetto e chi non è accanto ai lavoratori è complice dello sfruttamento».

Published in Cronaca

Il Gruppo Indipendente per Taranto si congratula per la splendida affermazione degli atleti tarantini alla quinta edizione dei Campionati Europei di ju jitsu, specialità random attacks, tenutasi il 14 e 15 aprile scorsi a Tilburg, in Olanda, manifestazione che ha visto gareggiare sul tatami atleti provenienti da buona parte d'Europa.

Il random attacks è una particolare specialità del ju jitsu: si tratta di tecniche di autodifesa che vengono messe in atto dai concorrenti sul tatami rispondendo ad attacchi casuali, da qui il nome della specialità, scelti dalla giuria tra una lista di 40 attacchi codificati.

Ai Campionati Europei sono stati assegnati otto titoli individuali, 4 maschili e altrettanti femminili, nelle categorie Giovani, Junior, Senior, Master: di questi ben tre titoli europei sono stati conquistati da atleti tarantini, mentre altri tre sono saliti sul podio vincendo medaglie di argento e di bronzo!

Tre le medaglie d’oro conquistate a Tilburg da atleti tarantini: Sara Gentile che ha così conquistato il titolo di “Campionessa Europea Categoria Junior Femminile”, Gabriele Corona “Campione Europeo Categoria Junior Maschile” e Alessandro Blasi “Campione Europeo Categoria Young”.

Medaglia d’argento per Ruben Cassano nella “Categoria Seniores”, mentre hanno conquistato la medaglia di bronzo Alex Pio Longo nella “Categoria Junior” e “Cosimo D'alessandro nella “Categoria Master”.

Oltre ai vincitori di medaglie, ai Campionati europei di Tillburg hanno partecipato, sempre allenati dal coach Massimo Cassano, altri cinque atleti tarantini: Riccardo Catapano, Giuseppe Fiusco, Sabrina Notaristefano, Morena De Mitri e Joshua Cassano.

La consigliera comunale Floriana de Gennaro, capogruppo del Gruppo Indipendente per Taranto, commentando l’affermazione ha dichiarato «salutiamo con grande soddisfazione lo strepitoso successo a livello europeo di questi atleti tarantini, un’affermazione che ci inorgoglisce. È un autentico trionfo che deve essere di esempio a tutti i tarantini: alla lunga l’impegno e il sacrificio, soprattutto se operati sotto la guida di un esperto coach, vengono sempre ripagati!».

Published in Sport

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk