Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Venerdì, 20 Aprile 2018
Venerdì, 20 Aprile 2018 21:04

Rappresentanza sindaci Asl

È tornata a riunirsi quest'oggi presso Palazzo di Città, dopo un periodo di inattività e riforma, la Rappresentanza dei sindaci ionici in seno ad Asl. Ne fanno parte attualmente il sindaco Melucci per il comune capoluogo, che presiede la Conferenza prevista dalla norma regionale, nonché i sindaci Ancona (Martina Franca), Quarto (Massafra), D'Alo' (Grottaglie) e Gugliotti (Castellaneta).

Alla luce delle preoccupazioni espresse di recente dal territorio ionico, in vista di un riordino dei punti di primo soccorso, la Rappresentanza ha rinnovato l'invito ad una audizione della componente tecnica di Asl e della struttura regionale incaricata, auspicando che, come per altro disposto dalla legge, alcun provvedimento venga assunto dalla Regione Puglia senza previo coinvolgimento della predetta Conferenza dei sindaci della Provincia di Taranto.

Tra le questioni all'ordine del giorno, anche la sollecitazione che i sindaci ionici intendono rimettere al Governatore Emiliano circa l'urgenza di una presenza politica più stabile e dedicata presso l'assessorato regionale alla sanità, in grado di provvedere in tempi ristretti allo sblocco delle nuove assunzioni previste dal piano regionale, argomento non più differibile per i presidi sanitari ionici e l'intera comunità.

Published in Cronaca

Questa mattina l’assemblea dei sindaci, convocata dal sindaco Melucci, si è riunita a Palazzo di Città. Ha risposto anche il Sindaco di Martina Franca che ha dichiarato di voler far parte di questa nuova costituzione di Area Vasta.

Gli amministratori intervenuti hanno comunicato l’adesione dei propri Comuni a questa nuova costituzione. Alcuni di essi, la maggior parte, hanno già approvato l’atto di convenzione in seno ai propri Consigli comunali. Tra questi anche Taranto, proprio nell’ultimo consiglio comunale del 19 aprile. I rimanenti sindaci si sono impegnati, invece, a portate l’atto nel prossimo Consiglio comunale utile.

Intanto, si raccolgono le firme per la sottoscrizione della convenzione da parte dei Sindaci dei Comuni che hanno già deliberato e gli atti di notifiche delle approvazioni delle delibere.

“Gli amministratori- commenta Melucci- hanno aderito nella piena convinzione di poter elaborare e lavorare insieme su un concreto piano strategico per il triennio 2018-20 che riguarda il territorio di tutti i comuni della provincia. Oggi rispetto alla precedente costituzione di Area Vasta andata ormai in soffitta, accogliamo con apprezzamento la new entry anche del Comune di Martina che amplia e completa la geografia di Area Vasta.”

Si parte con la composizione delle commissioni consultive: ne faranno parte il rappresentante del Comune capofila, della Provincia di Taranto e un delegato per ogni versante dell’Area Vasta, rispettivamente per il versante occidentale, orientale e centrale.

Definite anche le aree tematiche delle commissioni che si occuperanno di crescita economia e occupazionale, ricerca e sviluppo , problematiche ambientali ed energetiche, cultura e territorio pianificazione infrastrutturale, viabilità, trasporti e logistica, agricoltura e valorizzazione dei prodotti tipici locali.

Nel corso dell'incontro è stato discusso il regolamento di queste importanti articolazioni di Area Vasta.

"Area Vasta- conclude il Sindaco Melucci- è un importante contenitore istituzionale nel quale elaborare una visione strategica complessiva del nostro territorio e pianificare congiuntamente il futuro”.

Published in Cronaca

AttivaLizzano, con le associazioni aderenti e le Amministrazioni Comunali, in calce, invita tutti i cittadini alla manifestazione “Per la nostra Terra” che si terrà domenica 22 aprile 2018 a Lizzano in concomitanza della Giornata Mondiale della Terra, in quanto ci sentiamo solidali con quegli uomini e quelle donne che in tanti punti del pianeta lottano per difendere la loro terra, con quanti se la vedono sottrarre, depauperare, inquinare, distruggere per gli interessi economici e i giochi meschini di potere di pochi.

L’aria, la terra e l’acqua sono beni essenziali per la Vita, non possono e non devono essere utilizzate come strumenti per il becero profitto ai danni di esseri umani, animali e vegetali.

Il corteo, che si muoverà alle ore 17,30 da Piazza 4 Novembre e si concluderà in Piazzale Convento, ribadirà la necessità dell’impegno da parte di tutti, cittadini, amministrazioni ed istituzioni, nei confronti della salvaguardia dell’ambiente e della salute affinché non si ripetano più gli errori e gli orrori come quelli che hanno oppresso ed opprimono Lizzano, così come Taranto e gli altri comuni della provincia.

L’immediata chiusura definitiva della Discarica Vergine, la messa in sicurezza e la bonifica non sono richieste, ma sono le pretese da parte di una popolazione che non vuole più subire le scelte e le conseguenze di queste scelte, di privati senza scrupoli e di politici incapaci. Ecco perche'intendiamo ribadire che "spostare" le discariche, o ancora peggio, crearne delle nuove, NON E' la soluzione. La logica del "NOT IN MY BACKYARD"(non nel mio cortile), non ci appartiene. I rifiuti ed il pericolo proveniente dalla loro selvaggia gestione sono un reale problema mondiale.

Come più volte denunciato dai cittadini e da Attivalizzano, a distanza di quattro anni dal sequestro della discarica, l’impianto risulta essere in completo stato di abbandono e i sopralluoghi effettuati dall’ARPA Puglia in questi anni confermano il totale degrado in cui versa il sito.

Nei giorni scorsi, in seguito agli esposti di AttivaLizzano, la Procura di Taranto ha formulato a carico dei responsabili della discarica Vergine l’accusa di “disastro ambientale”.

 

Dal provvedimento della Procura si evince una “imprudenza e imperizia nella gestione del percolato e nell’impermeabilizzazione del bacino di discarica, trascurando l’intercettazione delle acque meteoriche” che hanno portato alla “contaminazione delle acque sotterranee” in cui sono state riscontrate diossine, nitrati, PCB e boro configurando una situazione che, secondo lo stesso Pubblico Ministero, necessita “provvedimenti eccezionali”.

 

A tutto ciò si aggiunge la grande preoccupazione per la mancata chiarezza, da parte della Regione Puglia, sull’ iter che questa intende adottare per la messa in sicurezza della discarica.

 

Dalle notizie giunte recentemente abbiamo appreso che la Regione Puglia vorrebbe acquistare la discarica non escludendo l’ipotesi di una eventuale riapertura, che per tutti noi cittadini sarebbe una vera catastrofe.

 

Che il Meridione sia diventata la pattumiera d’Italia, non è uno slogan ma la tragica realtà;

in particolare per la provincia di Taranto sembra ci sia un particolare accanimento, vessata da ogni tipo di inquinamento da discariche che per decenni hanno accolto ed accolgono rifiuti industriali provenienti da ogni parte d’Italia, da incerenitori, impianti siderurgici, raffineria, cementificio, ecc.

Tutto concentrato in poche decine di Km.

 

Sentiamo il dovere di lottare ogni giorno per difendere il diritto ad una vita dignitosa, perché ci sentiamo incompresi e schiacciati da scelte politiche che negli anni hanno favorito la logica delle discariche evitando di optare per una politica lungimirante che possa mettere in atto nuovi e virtuosi processi di gestione dei rifiuti.

 

Per ribadire, per lottare ed ottenere tutto questo, l’associazione AttivaLizzano invita tutti i cittadini, i comitati, le associazioni, a partecipare alla manifestazione “Per la nostra terra”: uniche possibilità sono le BONIFICHE e la CHIUSURA DEFINITIVA delle DISCARICHE.

 

Associazione di volontariato AttivaLizzano

CarosiNOdiscariche CAROSINO

Comitato Vigiliamo per la Discarica GROTTAGLIE

Comitato Taranto L.I.D.E.R. TARANTO

Comitato “ No Raddoppio Inceneritori MASSAFRA

Legambiente TARANTO

Laboratorio “ R-esistere “ FRAGAGNANO

Comitato Babele TARANTO

“ Attivisti Manduria 2.0 “ MANDURIA

 

Territorio Bene Comune SAN MARZANO di SAN GIUSEPPE

Sud in Movimento GROTTAGLIE

M.A.J. GROTTAGLIE

Associazione “ Prospettive di Sviluppo “ LIZZANO

Legambiente FRAGAGNANO

Comitato Cittadino Antinucleare MARUGGIO

Amministrazione Comunale di GROTTAGLIE

Amministrazione Comunale di FRAGAGNANO

Amministrazione Comunale di LIZZANO

Amministrazione Comunale di FAGGIANO

Published in Ambiente

Sarà inaugurato sabato 21 aprile, alle ore 18, nella villa Peripato di Taranto, "Gnam! Festival Europeo del Cibo di Strada".

La manifestazione si terrà per la prima volta nel capoluogo ionico. La rassegna comprende il meglio del panorama nazionale e internazionale, con cibo e preparazioni di qualità elevata ed espositori pluripremiati. L'eccellenza dello street food, con un'accurata selezione di tutti gli espositori, troverà spazio nelle giornate dal 21 al 25 aprile, nella villa Peripato. In cinque giorni, i visitatori potranno seguire i percorsi del gusto e assaporare nuove scoperte tra gli stand, ricchi di tipicità culinarie. L'iniziativa gode del patrocinio del Comune di Taranto. Madrina dell'evento sarà Mariangela Gigante, avvocatessa della provincia ionica con la passione per i fornelli, concorrente della sesta edizione della trasmissione tv Masterchef. Si avvia, inoltre, una collaborazione con l'associazione B&B Terre di Sparta, che offrirà agli ospiti, visitatori ed operatori, presenti nella città per il festival, tariffe agevolate e altri servizi nei bed and breakfast aderenti al circuito.

Nella conferenza stampa di presentazione, nella Sala degli Specchi di Palazzo di Città, a Taranto, sono intervenuti Francesco Mastrovito, per l'organizzazione e l'assessore comunale Valentina Tilgher.

"Abbiamo deciso di iniziare il nostro tour 2018, che ci porterà in tutta Italia, proprio da Taranto - ha dichiarato Francesco Mastrovito -; lo abbiamo fatto perché crediamo nella città di Taranto, nel suo enorme valore. Abbiamo voluto scommettere e, al tempo stesso, dare un segnale agli scettici. Siamo convinti che Taranto è grande, ha una grande storia alle spalle e una grande storia da scrivere nel futuro. La nostra particolarità - ha  spiegato l'organizzatore - sta nel valore degli espositori. Sono accuratamente selezionati, nel meglio del cibo di strada italiano e internazionale. Speriamo che ci sia un ritorno positivo per tutti, in termini di valorizzazione del territorio, delle tipicità enogastronomiche e del turismo; qui verranno più di cento persone, che dormiranno e soggiorneranno a Taranto, oltre che gli stessi visitatori: alcuni di questi ci seguono nelle varie manifestazioni in tutta Italia".

Ha dichiarato l'assessore comunale Valentina Tilgher: "Ho visto questo festival da utente, in altre località; ho sempre pensato che crei un ottimo movimento, una buona risonanza. E' un ottimo attrattore per la città di Taranto. La scelta di vivacizzare la città rientra nel piano più generale di rivitalizzazione e promozione del territorio tarantino. Creare delle occasioni per giungere a Taranto e conoscerla, significa promuovere il territorio e dare una nuova vita alla città anche in chiave di prospettiva futura".

Gnam! Festival Europeo del Cibo di Strada

La manifestazione, che ha iniziato nel 2014 il suo tour di sapori in giro per l’Italia e conquistato anche il patrocinio di Expo, dopo città come Roma e Milano ha scelto Taranto per continuare a proporre il meglio dello street food italiano ed internazionale ed inaugurare il suo tour 2018. L’evento, nel cuore del Borgo tarantino, si propone di valorizzare la conoscenza delle tradizioni alimentari come elementi culturali ed etnici, puntando sulla biodiversità e sulla genuinità dei prodotti agro-alimentari tipici regionali. Agli ospiti, sarà offerta la possibilità di degustare e scoprire prodotti tipici regionali introvabili e i piatti internazionali più famosi, in vere e proprie isole gastronomiche, nelle quali osservare dal vivo la preparazione delle ricette più golose e ascoltare il racconto dei produttori.

 

L’area Italia

Eccellenza pugliese sono le bombette della Valle d’Itria. Tra Alberobello e Martina Franca, gli antichi fornelli dei macellai, a tarda sera, si trasformavano in osterie, dove nella brace profumata di legno d’ulivo si cuoceva questo involtino di carne, con all’interno un formaggio canestrato tipico di quest’area. Un mastro fochista dell’associazione “Quelli della Bombetta” segue, dal principio, il tour attirando, nel tempo, l’attenzione dei media di tutto il mondo. Sempre dalla Puglia, ci saranno i cuoppi di fritti di mare, dal pescato dell’Adriatico, panzerotti e pasticciotti.

Dalla Sicilia arrivano i famosi pane e panelle, pane ca’ meusa, cannoli, preparati con la ricotta fresca, arancini di vario tipo dell’Antica Focacceria San Francesco: un nome noto in tutto il mondo, una vera e propria icona del gusto, ai cui tavoli sedevano costantemente gli scrittori Leonardo Sciascia e Luigi Pirandello. In tempi recenti è stata frequentata anche dai giudici Falcone e Borsellino, diventando, per questo, un simbolo della lotta alla mafia.

Il peperoncino è il protagonista assoluto dello stand della Calabria, dove la ‘nduja arricchisce diversi panini, assieme al tartufo della Sila e alla crema di cipolle di Tropea. Dalla Campania giungono la gustosa e ricca mozzarella di bufala, ma anche i dolci tipici della pasticceria napoletana, dal babà in varie declinazioni alla pastiera, alla sfogliatella e aragostina croccanti. Dal Centro Italia, arrosticini abruzzesi preparati direttamente dall’allevatore ovino, che cura tutta la lavorazione della carne. Non mancheranno le olive ascolane; il Molise presenterà, invece, il caciocavallo impiccato, pronto a sciogliersi sul pane dop. La carne di chianina è protagonista con gli hamburger anche per piccoli (il cittino è memorabile), ma dalla Toscana sarà possibile assaggiare anche il famoso lampredotto fatto a dovere (bollito in loco). Lo gnocco fritto con gli affettati emiliani dop è da assaggiare, condito dalla simpatia dello chef, che lo prepara e non vuole condividere con nessuno la ricetta segreta della nonna.

 

L'area internazionale

Visitare Gnam! Festival Internazionale del Cibo di Strada significa anche fare un suggestivo viaggio nelle altre culture gastronomiche. Nell’isola internazionale, infatti, saranno presenti specialità messicane come tacos e burritos; dalla Spagna arriveranno invece paella e tapas, cotte in due gigantesche padelle e innaffiate di sangria o tinto de verano. Si continua tra le spade infilzate di carni per l’asado argentino; dal Venezuela si potranno assaggiare i churros e le arepas. Nello stand Ungheria si potranno, invece, gustare i famosi dolci kurtoskalacs. Infine, le specialità greche, con le ricette originali di moussaka, gyros pita, souvlaki. Gnam! ha un livello della selezione molto elevato sul prodotto tipico, perché alla base c’è una scelta altrettanto severa per la partecipazione. Ogni espositore si avvale di prodotti a chilometro zero del proprio territorio. La manifestazione propone una scelta molto vasta di cibo di strada (tanti sono i piatti anche per vegani e vegetariani), adatta a tutti i gusti e tutte le tasche. Ogni ricetta risponde a rigorose regole di lavorazione, igiene e freschezza. 

Gnam! Festival Europeo del Cibo di Strada, Taranto, villa Peripato, 21-25 aprile

orari:  21 aprile, dalle ore 18 alle ore 24

           22 aprile, dalle ore 11 alle ore 24

           23 e 24 aprile, dalle ore 18 alle ore 24

           25 aprile, dalle ore 11 alle ore 24

Published in Cronaca

Dopo una delicata operazione condotta dal 16 al 19 aprile 2018 a pochi metri dalle case del lungomare Regina Margherita di Brindisi, i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei del Comando Subacquei ed Incursori della Marina Militare, distaccati presso il Nucleo S.D.A.I. di Taranto (Sminamento Difesa Antimezzi Insidiosi), hanno rinvenuto e distrutto 213 pericolosi ordigni esplosivi della seconda guerra mondiale.

Durante le operazioni subacquee di ricerca di residuati bellici condotte da una ditta specializzata in tale settore, propedeutiche alle future attività di consolidamento della banchina Centrale del porto, sono stati segnalati 80 manufatti esplosivi per i quali ne è stata comunicata la posizione alla locale Capitaneria di Porto che, dopo avere interdetto al transito la zona, ha informato del pericolo la Prefettura di Brindisi che ha disposto e coordinato l’intervento di bonifica d’urgenza del Gruppo Operativo Subacquei (GOS) della Marina Militare.
Al termine dell’operazione, il comandante del Nucleo S.D.A.I. di Taranto, Tenente di Vascello TV Mirko Leonzio, ha dichiarato: “Siamo tornati a Brindisi dopo 3 mesi dal nostro ultimo intervento, per identificare gli 80 oggetti segnalati dalla ditta che ha l’incarico di ricercare eventuali ordigni esplosivi nella zona della banchina Centrale del lungomare Regina Margherita. Attuando le nostre procedure di ricerca abbiamo rinvenuto 27 granate di medio e grosso calibro, 181 colpi di medio calibro e 5 bombe da mortaio, per un totale di 213 ordigni esplosivi che giacevano, da 70 anni, a pochi metri di distanza dal lungomare Regina Margherita, uno dei luoghi più belli della città. Rimossi gli ordigni li abbiamo rimorchiati a distanza fino a raggiungere una zona in alto mare individuata dall’Autorità Marittima dove, attraverso tre brillamenti distinti per ridurre al massimo l’impatto ambientale, li abbiamo distrutti secondo le consolidate tecniche tese a preservare l’ecosistema marino”.
Questo intervento rappresenta una delle tante attività che i Reparti Subacquei della Marina conducono a salvaguardia della pubblica incolumità anche nelle acque interne, come ribadito dal Decreto del Ministero della Difesa del 28 febbraio 2017, svolgendo operazioni subacquee ad alto rischio volte a ripristinare le condizioni di sicurezza della balneabilità e della navigazione.
Lo scorso anno i Palombari della Marina Militare hanno recuperato e bonificato un totale di 22.000 ordigni esplosivi di origine bellica, mentre dal 1 gennaio 2018 sono già 3.245 i manufatti esplosivi rinvenuti e neutralizzati nei mari, fiumi e laghi italiani, senza contare i 10.068 proiettili di calibro inferiore ai 12,7 mm.
Con una storia di 169 anni alle spalle, i Palombari rappresentano l’eccellenza nazionale nell’ambito delle attività subacquee essendo in grado di condurre immersioni lavorative fino a 1.500 metri di profondità ed in qualsiasi scenario operativo, nell’ambito dei propri compiti d’istituto (soccorso agli equipaggi dei sommergibili in difficoltà e la neutralizzazione degli ordigni esplosivi rinvenuti in contesti marittimi) ed a favore della collettività.
Per queste peculiarità gli operatori subacquei delle altre Forze Armate e Corpi Armati dello Stato possono essere formarti esclusivamente dal Gruppo Scuole di Comsubin che, attraverso dedicati percorsi formativi, li abilita a condurre immersioni in basso fondale secondo le rispettive competenze.

Published in Cronaca
Venerdì, 20 Aprile 2018 14:18

Torna il Premio A.GE. Taranto

Si terrà alle ore 18.00 di DOMANI, sabato 21 aprile, presso la libreria UBIK, in via Federico Di Palma n.69 a Taranto, la premiazione della edizione 2018 del Premio A.GE. Taranto, manifestazione che si avvale del patrocinio morale del Centro Servizi Volontariato di Taranto.

La serata sarà aperta dagli interventi di Antonio Smiraglia e di Michela Murciano, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’A.GE. Taranto, che illustreranno le finalità e gli scopi dell’iniziativa.

Interverranno poi Don Ciro Alabrese, direttore dell’Ufficio “Educazione, Scuola, IRC e Università” della Diocesi di Taranto, in rappresentanza di S.E. Monsignor Filippo Santoro, Arcivescovo Metropolita di Taranto, Gianni Liviano, consigliere Regione Puglia, Carmen Galluzzo Motolese, consigliere del Comune di Taranto e vicepresidente vicaria del Centro Servizi Volontariato di Taranto, e Lucia Parente, consigliera del Centro Servizi Volontariato di Taranto.

La cerimonia di premiazione del Premio A.G.E. Taranto si tiene nella Sala eventi della Libreria UBIK grazie alla disponibilità della direzione e alla collaborazione del personale. Hanno contribuito alla realizzazione della manifestazione, inoltre, i membri del direttivo dell’A.GE. Taranto: Annamaria Bianchi, Franco Cinquegrana, Saverio Capriulo, Anna Grasso Duma, Nicola Duma, Wanda Castellano, Angela Amatulli e Giuseppe Camera.

Anche l’edizione 2018 del Premio A.GE. Taranto premierà i talenti non solo dei giovani, ma anche quelli dei loro genitori e parenti: per tutti il requisito è aver realizzato opere artistiche o letterarie, o aver acquisito titoli di un certo rilievo negli ambiti culturale, sociale, scientifico e ambientale.

Sono quattro le categorie previste in questa edizione del Premio A.G.E. Taranto: “Cultura”, “Salute e Ambiente”, “Tutela del Mare” e “Il Valore della Vita”.

Questa è la innovativa “filosofia” oggi alla base del “Premio A.G.E. Taranto” che l’Associazione Italiana Genitori A.G.E. Taranto Onlus ha istituto per premiare e valorizzare i talenti del territorio di Taranto e provincia.

Published in Sociale&Associazioni

II Movimento Ambientale Jonico è la risposta dei cittadini all’ennesimo scellerato attacco ambientale perpetrato ai danni del territorio jonico.

Ancora una volta le lobbies e gli interessi economici prevalgono sulla volontà popolare di un territorio evidentemente stanco di essere considerato la pattumiera d’Italia.

Le forti mobilitazioni di questi ultimi anni contro i diversi ampliamenti della discarica di Grottaglie ex Ecolevante, hanno influenzato in modo determinante le attuali politiche amministrative comunali; tanto è vero che 11 comuni della provincia hanno esplicitamente assunto una posizione politica chiaramente contraria a qualsiasi forma di ampliamento, oltre ad aver sottoscritto un diniego tecnico all’ultima richiesta di sopralzo della società di gestione. Una volontà totalmente ignorata dalla provincia.

L’ottimizzazione del profilo orografico per il deflusso delle acque meteoriche, non è altro che un sopralzo equivalente all’altezza di una palazzina di 5 piani.
Con gravi conseguenze sotto l’aspetto paesaggistico, urbanistico, e sanitario di una zona di rilevanza archeologica attraversata dall’antica via Appia.
Un altro milione e mezzo di metri cubi di rifiuti speciali che si aggiunge ad altri 4 milioni già smaltiti.
Altri 16 anni di attività, come se 20 non bastassero per compromettere irrimediabilmente l’ambiente e la salute dei cittadini.

A fronte di una continua disinformazione dilagante invitiamo, quindi, cittadini, associazioni, coordinamenti, forze politiche e sindaci del territorio a partecipare all’assemblea pubblica che si terrà sabato 21/04/2018 alle ore 18:30 presso la sala convegni del castello Episcopio di Grottaglie (TA).

Certi che l’apprezzabile presa di coscienza da parte di alcuni politici locali non sia sufficiente, riteniamo necessaria una consistente mobilitazione popolare. Per tanto, invitiamo tutti a partecipare alle varie iniziative di lotta che il coordinamento è intenzionato a portare avanti

Published in Ambiente

 

Domenica 22 aprile ore 19.30 presso l'Antico Convento dei Cappuccini – Via XXV Luglio, 124 - Grottaglie (Ta), la Rassegna “Musica ad Arte2018 – ArmoniE di Primavera V Edizione”, realizzata da Associazione ArmoniE, con la direzione artistica di Palma di Gaetano e promossa dall'Assessorato alla Cultura Città di Grottaglie nella persona dell'Assessore prof.ssa Elisabetta Dubla, avrà come protagonista un Trio Siciliano che preannuncia, già dal nome, uno spettacolo molto particolare!
Il Trio OI DIPNOI, composto da Valerio Cairone (organetto, zampogna e voce), Marco Carnemolla (basso fretless e voce), Mario Gulisano (tamburello, marranzano, cajon, dumbek e voce), presenterà il suo nuovo lavoro discografico “PONTOS” nell'ambito di “Progetti Discografici in Esibizioni da Vivo Anno 2017” Sessione Invernale, promosso da NUOVOIMAIE. I brani del Cd, composti e arrangiti dagli stessi interpreti, conservano, ancora una volta, le caratteristiche culturali e tradizionali del gruppo volto, dal 2013, a diffondere una poetica musicale che è incontro fra tradizione e innovazione: l’una si arricchisce dell’altra in un costante dialogo nel quale è maturato nel tempo il patrimonio della cultura musicale dell’Isola. Una memoria ereditata dal polistrumentista Valerio Cairone, che ha raccolto le melodie della provincia minore, di cui furono protagonisti pastori, contadini, carrettieri, ossia quell’universo già ben esplorato dai letterati siciliani fino all’inizio del ‘900, creando un repertorio originale in cui i temi vengono sviluppati dall’organetto e sorretti da una solida sezione ritmica formata dalle percuslsioni di Mario Gulisano e il basso di Marco Carnemolla. Il risultato è un suono nuovo ma al contempo ricco di personalità, grazie a un’affascinante e leggera commistione con elementi di jazz, progressive e folk arcaico.
I “dipnoi” sono dei fossili viventi, un ordine di pesci preistorici che hanno mantenuto dei polmoni rudimentali: durante i periodi di siccità, adattandosi all’ambiente, si rifugiano in piccole tane umide e riescono a respirare l'ossigeno atmosferico. Questa è un po’ la metafora che descrive l’attuale scena musicale in Sicilia, all’insegna della sopravvivenza.
Il trio si è costituito nel 2013 e si è esibito in tutti i continenti in un continuo viaggio interculturale che ha portato ad arricchire le esperienze personali e artistiche dei componenti.
Si è esibito più volte con successo in numerosi festival nazionali ed internazionali, come Adriatico Mediterraneo di Ancona, Zampognarea e Musicamilo in Sicilia nel 2013, Nádasdy Folk festival a Sarvar e Babel Sound a Balatonlelle in Ungheria, Estate Catanese e Alkantara fest in Sicilia nel 2014. Nel mese di novembre 2014 registrano in Ungheria il loro primo lavoro in studio dal titolo “Bastrika”, che viene pubblicato nell’aprile 2015 in Ungheria per l’etichetta NarRator Records. Al lavoro partecipano anche due prestigiosi ospiti, i fratelli Daniel e Vilmos Gryllus dei Kaláka, il gruppo folk più importante e longevo d’Ungheria. Successivamente prendono parte alla produzione “Etnafjord”, insieme al quartetto vocale femminile svedese Kraja. Ne segue una tournée che li vedrà protagonisti in tutta la Sicilia nell’ambito della rete del Festival I-ART, e a seguire si esibiscono al Kaláka Folk festival a Eger in Ungheria, al Frazzanò Folk festival in Sicilia, Paesaggi Acustici a Corropoli (TE) e all’Epidaurus Festival a Cavtat in Croazia.
Nel novembre del 2016 gli Oi Dipnoi effettuano il loro primo tour in India, e a seguire nell’aprile 2017 in Australia, dove si esibiscono fra gli altri al National Folk Festival di Canberra e al Fairbridge Folk Festival di Perth, e poi nuovamente in Ungheria e Francia. L’uscita del secondo CD “Pontos”, sempre su etichetta NarRator, è prevista per gennaio 2018, a cui seguirà una nuova tournée in Australia con i concerti al Woodford Folk Festival di Brisbane, Illawarra Folk Festival di Wollongong e Cygnet Folk Festival di Hobart in Tasmania, tra i più prestigiosi eventi musicali del Paese.
L'evento è patrocinato dall'Assessore all'Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia - Disposizione n. SP6 - 34/2018, da Puglia Events e Puglia Promozione, dalla Provincia di Taranto, e dalla preziosa collaborazione di realtà commerciali e industrali del territorio.
Media Partner: Ora Quadra, giornale online di Lilli D'Amicis.
INGRESSO LIBERO – info 328.8365625 – www.associazionearmonie.org

Published in Spettacolo

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk