Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Sabato, 21 Aprile 2018

“In attesa degli ultimi verbali di elezione delle Rsu del Pubblico Impiego, che renderanno definitivo il risultato elettorale, ancora una volta la Cisl Fp si conferma prima organizzazione sindacale nel comparto pubblico a Taranto e a Brindisi! Un grazie di cuore a tutti coloro i quali hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato positivo: i candidati Cisl Fp, tutti gli elettori e le elettrici che hanno scelto la nostra organizzazione, i componenti dei seggi e le Commissioni elettorali; grazie a loro ancora una volta abbiamo la forza per affermare in questo comparto  i nostri principi di solidarietà ed autonomia nel campo sindacale.”

Con queste parole Aldo Gemma, Segretario Generale Cisl Fp Taranto Brindisi, ha salutato l’ennesimo trionfo delle Liste e dei candidati Rsu della Cisl a Brindisi e a Taranto.

In ogni Ente, Amministrazione, Ufficio e Stabilimento, la Cisl Fp ha dimostrato di raccogliere consensi ed apprezzamenti per le donne e gli uomini candidati che hanno saputo interpretare le scelte politiche e valoriali della Cisl.

Di particolare rilievo il successo ottenuto nel comparto delle Autonomie Locali, nelle Amministrazioni Comunali, dai Comuni capoluogo alle Amministrazioni Provinciali, alle Camere di Commercio con una media percentuale del 30% e con punte fino al 55% nel Comune di Carovigno.

Altrettanto positivo è il risultato nel comparto Sanità, nonostante le gravi difficoltà interne ed esterne che la Cisl Fp ha dovuto affrontare, ottenendo la ragguardevole cifra di 1.400 voti, pur trovando sulla propria strada numerosi ostacoli, a dir poco impropri con evidenti ingerenze politiche, delle vere e proprie entrate a gamba tesa che tuttavia non hanno fatto presa tra le lavoratrici ed i lavoratori.

I Ministeri hanno evidenziato il forte radicamento della Cisl Fp tra gli operatori statali; in questo comparto abbiamo ottenuto una percentuale del 35% con punta d’eccellenza rappresentata dall’Aci di Taranto del 100% delle preferenze.

Brillante anche il risultato ottenuto nel Comparto delle Agenzie delle Entrate, del Territorio e delle Dogane con percentuali superiori al 30%.

Infine, assume grande rilevanza, in questa fase particolare della vita del Paese, il dato elettorale in favore della Cisl Fp, con una percentuale di circa il 33%.

Commentando tali risultati, Antonio Castellucci Segretario Generale Cisl Taranto Brindisi ha espresso “un ringraziamento particolare alle elettrici e agli elettori, per avere scelto e votato, riponendo fiducia nella Cisl” assicurando al contempo “il sempre maggiore impegno di tutta l’organizzazione a difesa del comparto pubblico. Le difficoltà del momento socio-economico ci impongono lo stesso senso di responsabilità e misura che alla Cisl non sono mai mancati.  La Cisl continuerà con rinnovato entusiasmo, nell’azione di rappresentanza e di proposta misurandosi quotidianamente con le nuove sfide che avanzeranno.”

Published in Cronaca

Ad una città che sta lottando per riscattarsi da un passato ingombrante, che sta riscoprendo ogni giorno le sue radici per innamorarsi di nuovo della sua storia, che si impegna per tracciare una nuova parabola del suo percorso, farebbero bene dei segnali di segno positivo, iniezioni costanti di fiducia da instillare nel tempo. Basterebbe forse la constatazione di un rinnovato entusiasmo culturale, di un nuovo fermento creativo fra le giovani generazioni, di una corrente di aria nuova che spira trasversalmente fra le varie anime territorio: politica, economica, sociale.

Tutto questo, sia pure in pillole, c’è ed è disseminato nelle tante iniziative culturali che costellano il tessuto del territorio, e che costituiscono il volto di una città che crede nel suo futuro. Ci sono le idee, i protagonisti, non mancano i progetti.
L’altra faccia, purtroppo, è il degrado. Quello del saccheggio di una libreria– la Mandese– che viene privata solo dei libri di un autore buono da rivendere sui mercati paralleli e illegali. Non solo libreria, ma storica piccola casa editrice che si ritrova depauperata di parte della sua ricchezza, già non facile da costruire nell’era della lettura mordi e fuggi, per gran parte digitale, spesso frettolosa e superficiale.
La solidarietà è la prassi, l’indignazione è dovere sociale. Chi danneggia una delle icone della cultura -prima ancora che esercizio commerciale - nuoce all’imprenditore ma tocca anche la coscienza culturale di tutta una città. La radice di libro, “liber”, la stessa di libertas, ci riporta al concetto di libertà. Libertà di cambiare, di migliorare la qualità del contesto in cui viviamo, creare sviluppo ecosostenibile, investire nella cultura come contrasto all’illegalità, attrarre le giovani generazioni alla fruizione di una forma di conoscenza, la scrittura, che vorremmo non morisse mai, perché è quella che nei secoli ci ha consentito di avere contezza della nostra storia.
Mentre riflettiamo su questo, cercando di capire i perché di una dicotomia evidente – le due facce di una stessa realtà- accogliamo con favore anche le buone notizie si oggi: la Puglia investirà 120 milioni di euro – fondi Ue FESR , bando “Community Library”– nella ristrutturazione di spazi per la creazione di “biblioteche di comunità”, ovvero luoghi dove non c’è solo la fruizione dei libri ma anche di attività ludiche, formazione, teatro, integrazione per gli stranieri. Taranto è la terzultima in Puglia per il numero di progetti finanziati, (13), seguita da Brindisi e Bat (Barletta Andria e Trani), ma è un seme importante che potrebbe diffondersi e attecchire favorevolmente, facendo, come auspichiamo, da forza motrice per nuovi, e rigeneranti, modelli di futuro.


Published in Apertamente

Può il sindaco di una importante città riporre male la propria fiducia? A quanto pare, Melucci può fare anche questo.
Nei giorni scorsi, infatti, sono circolate notizie riguardanti l’inquadramento lavorativo di una staffista assunta per tre anni dal Comune proprio su indicazione fiduciaria del sindaco.
Notizie che ipotizzavano il mancato possesso del titolo di laurea da parte della stessa, in dissonanza con quanto dichiarato nel curriculum fornito all’Ente.
In base a quel curriculum – che ora pare messo in dubbio – è stata formalizzata l’assunzione con l’attribuzione della categoria D1 e la corresponsione del trattamento economico sempre rapportato al titolo di studio dichiarato: laurea. Ovviamente, se le notizie circolate non fossero vere sarebbero altamente lesive della dignità dell’interessata. Per questo tutti attendevano una smentita a riguardo da parte di Palazzo di città ed invece, attraverso la stampa, è giunta la notizia delle dimissioni della staffista in discussione. Dimissioni invece di una smentita.
Appare opportuno, a questo punto, e visto il rilievo pubblico che la questione ha assunto, che la cittadinanza riceva delle spiegazioni da chi, oltre ad aver eventualmente tradito la fiducia del primo cittadino, avrebbe prodotto una dichiarazione mendace e – di conseguenza – avrebbe incassato illecitamente dei compensi. Chi paga?
Ma spiegazioni dovrebbe fornirle, alla città, anche il primo cittadino, forse poco accorto nel distribuire incarichi e nel concedere “fiducia”. Lussi che un amministratore pubblico non può permettersi specie se a pagare sono i soliti poveri cittadini tartassati.
Il discorso è al momento ipotetico, ma vista l’evidenza pubblica dei personaggi e della vicenda, quest’ultima non può essere sottaciuta.
In un modo o nell’altro, e con l’auspicio che si tratti solo di un grande equivoco, il sindaco ogni tanto deve fare davvero il sindaco: cioè dare risposte.

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk