×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 929
Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Venerdì, 18 Maggio 2018

E' partito il conto alla rovescia per il tradizionale appuntamento con "Viva Cimino", manifestazione organizzata da Roberto De Lorenzo in collaborazione con il Gruppo Sportivo Polizia Locale e il portale d'informazione sportiva TuttoSportTaranto.com, giunta alla quarta edizione.

L'obiettivo è sempre trasformare un parco che ha ancora bisogno di "attenzioni" come Cimino in una struttura multidisciplinare dove non è importante vincere, ma rispettare l’unica regola fondamentale, divertirsi.

Anche quest'anno quella che da tanti è stata ribattezzata la "mini olimpiade di primavera tarantina" ospiterà numerose società sportive locali, che sono state ufficializzate nella mattinata di giovedì durante una conferenza stampa: Mediterraneo Village, Palio di Taranto, Polisportiva Città2Mari, Feder Club Taranto, Team Mele Leonardo, Boxe Team Morrone, Club Scherma Taranto, Taranto Subbuteo, Taranto Scacchi, Akitao, Taekwondo Taranto Team L'Erario, Asd Frascolla, Hand Bike, Inglorious Basterd Softair, Corim Città di Taranto, Asd Nuova Taras e Asd Giovani Cryos. A queste si aggiungeranno le numerose attività interne del Gruppo Sportivo Polizia Locale che operano all'interno del Parco Cimino come lo spinning di Antonio Marchitelli, lo zumba fitness di Angela Vitti, i balli latino-americani di Yoanet Sanchez, il tiro con l'arco di Mario Lauria, il tiro con armi ad aria compressa di Antonio Torro e il functional training di Mimmo Lanza.

Durante Viva Cimino 2018, anche un importante torneo interregionale di calcio da tavolo promosso dalla Subbuteo Taras.

Ospiti della kermesse anche l'Associazione Giovani Farmacisti, che misurerà gratuitamente i livelli del sangue, il pittore Giuseppe Doria con i suoi quadri rappresentanti soggetti sportivi e l'archeologo Francesco Cellamare, che riproduce fedelmente le armi e gli scudi adoperati nell'antica Grecia.

"Le richieste di adesione all'evento aumentano di anno in anno - commenta il vicepresidente del Gruppo Sportivo Polizia Locale Tenente Antonio De Cicco - e siamo felici di poter abbracciare in un'unica mattinata così tante realtà sportive del territorio".

"Viva Cimino è un'occasione imperdibile per vivere a 360 gradi lo sport tarantino - gli fa eco Matteo Schinaia, direttore di TuttoSportTaranto.com - e contestualmente sensibilizzare l'opinione pubblica sui problemi di questo parco, che è l'unico vero polmone verde della nostra città".

Media partner Canale 85 - Antenna Sud.

COMUNICATO STAMPA

Published in Sport
Venerdì, 18 Maggio 2018 20:44

Grandi nomi al Premio Apulia Voice 2018

Suonerà ancora a Crispiano il Premio Apulia Voice, il concorso canoro nazionale organizzato da Apulia Musica ed Eventi giunto alla seconda edizione. Dopo lo straordinario successo dello scorso anno, quando parteciparono all’evento centinaia di spettatori, confermata la location di Piazza Madonna della Neve, pronta ad ospitare cantanti e gruppi emergenti da tutta Italia il 28 e 29 luglio per la semifinale e la finalissima.

Come per la passata edizione, quattro sono le categorie in gara: baby, junior, senior e inediti che avranno la possibilità di vincere la produzione di un singolo, con pubblicazione e distribuzione e una borsa di studio all’interno del progetto “Song lab Italy” con l’etichetta discografica MMLINE Production Records.

A giudicare i concorrenti una commissione di esperti selezionati nel panorama musicale nazionale: Maria Totaro, general manager e produttrice discografica della MM LINE Production Records, Gianni Testa, cantante, vocal coach e produttore, tra i protagonisti di Area Sanremo, e il confermato Fabio Barnaba, compositore, arrangiatore e pianista tarantino che vanta collaborazioni con i più importanti artisti italiani come Andrea Bocelli, gli Stadio e Franco Califano, solo per citarne alcuni. Ufficializzata inoltre la presenza dell’attrice e cantante salentina Selenia Stoppa, reduce dal grandissimo successo ottenuto nell’ultima edizione di The Voice.

Boom di iscrizioni per le auditions, che si terranno a Napoli il 20 maggio, a Cosenza il 27 maggio e a Taranto il 2 e 3 giugno: sito premioapuliavoice.it in tilt per alcuni giorni per l’ingente numero di richieste di partecipazione.

“La seconda edizione del Premio Apulia Voice comincia sotto i migliori auspici – commenta il patron Cosimo Taurino – e siamo felici dell’ottimo riscontro avuto nella fase preliminare. Siamo a lavoro da mesi per realizzare una manifestazione che possa superare il successo dello scorso anno: ci saranno importanti sorprese per le due serate conclusive”.

Confermata la media partnership con MusicAlive, nota agenzia di stampa milanese, new entries Radio Manbassa, tra le emittenti radiofoniche più ascoltate del sud Italia e l’etichetta discografica Riserva Sonora, che daranno massimo supporto all’evento.

COMUNICATO STAMPA

Published in Spettacolo

I bambini, davvero tanti, i disabili, i migranti e tanti cittadini introducono i bigliettini con i loro pensieri nella pancia di “Marco Cavallo” che li porterà tra la gente!

Ci sono scritti i loro pensieri sul rispetto della dignità della Persona, sempre e comunque, sulla libertà dalla costrizione di ogni tipo, sull’abolizione della reclusione nei manicomi, sulla tolleranza verso il nostro prossimo e sul superamento della “paura del diverso”…

È stato il momento più emozionante di “Cavalcando il Possibile”, la manifestazione che la Rete delle strutture della Fondazione Epasss di Grottaglie ha organizzato in occasione del quarantennale della entrata in vigore della “Legge Basaglia”.
È la norma, eponima del promotore, lo psichiatra Franco Basaglia, che nel 1978 riformò l'organizzazione dell'assistenza psichiatrica ospedaliera e territoriale del nostro Paese, superando la logica basata sulla segregazione nei manicomi.

“Cavalcando il Possibile” si è tenuta nello Jazzu, uno spazio verde nell’abitato di Grottaglie che, abbandonato per lustri, è stato recuperato e restituito alla comunità dai diversamente abili ospiti del Centro diurno Epasss: oggi è la Social Agorà di tutta la comunità!.
Per una intera mattinata (mercoledì 17 maggio) si sono riuniti, in un clima di gioiosa partecipazione e condivisione, tantissimi alunni delle scuole primarie e secondarie, migranti e cittadini, nonché gli ospiti delle numerose Strutture riabilitative del Dipartimento di Salute Mentale della Asl Taranto, ma anche quelli di altre Asl pugliesi. Tutti insieme.
Questa grande Festa, animata dai giochi di strada e dalle performance curati dagli Artisti del Circo Laboratorio Nomade e dal Comitato UISP Taranto, è stata realizzata in collaborazione con l’Istituto Comprensivo “G. Pignatelli”, il Liceo Artistico “V. Calò”, Asset APS, Sinapsi Film, Babele APS e La Primula piante e fiori.

Ma l’ospite d’onore è stato “Marco Cavallo”, tutto dipinto di celeste, il colore del cielo limpido e della gioia di vivere. Si tratta di una grande macchina teatrale di legno e cartapesta costruita per l’occasione nel laboratorio creativo del Centro diurno Epasss.
Il primo “Marco Cavallo” in cartapesta fu realizzato nel 1973 nel manicomio di Trieste, di cui era direttore Franco Basaglia, ispirandosi a un vero cavallo che trasportava la biancheria e i rifiuti dell’ospedale psichiatrico, equino salvato dal macello dagli ospiti del manicomio che lo adottarono.
Qui fu costruito il primo “Marco Cavallo” nella cui pancia gli ospiti del manicomio introdussero biglietti con i loro pensieri che esprimevano la voglia di libertà e il desiderio di essere riconosciuti cittadini con i loro diritti. Ma il simulacro, alto quattro metri, non passava attraverso il portone del manicomio per portarlo all’esterno, e allora Franco Basaglia fece abbattere un muro: da allora “Marco Cavallo” è diventato un simbolo ilare e picaresco della lotta per liberare i malati di mente dalla reclusione e ridare loro dignità.

Anche nella Social Agorà di Grottaglie ognuno ha potuto esprimere liberamente, con poesie, riflessioni, dipinti e altro ancora, i suo pensiero sull’unicità della persona, ma anche sul superamento dello stereotipo di un etichetta e sulla lotta ad ogni discriminazione.
Anche a Grottaglie, come quarant’anni fa a Trieste, i bigliettini con questi pensieri sono stati inseriti nella pancia di “Marco Cavallo” che si è impegnato a portarli tra la gente per farli conoscere!

Nel suo intervento la coordinatrice del Centro diurno Epasss, Elisabetta Attolino, ha citato un’intervista sulla Legge 180/1978 rilasciata dallo psichiatra Franco Basaglia: “non è importante tanto il fatto che in futuro ci siano o meno manicomi e cliniche chiuse, è importante che noi adesso abbiamo provato che si può fare diversamente, ora sappiamo che c'è un altro modo di affrontare la questione; anche senza la costrizione!”.

«Nei giorni precedenti l’evento – ha poi detto Elisabetta Attolino – siamo stati nelle suole e abbiamo potuto discutere con gli alunni dell'istituto Pignatelli e gli studenti del Liceo artistico Calò, nonché con i loro illuminati insegnanti, su cosa sia oggi la normalità e qual è, sempre che ci sia, il confine netto tra ciò che è normale e quello che non lo è. Su ciò che è “il diverso”, inteso come colui che “devia” dalla norma, cioè dalla maggioranza. Abbiamo anche ricordato che ciò che oggi può rientrare nelle caratteristica individuale della persona nella sua peculiarità, in passato era invece considerato diverso e malsano: un problema da allontanare!»

 

Il Centro Diurno Epasss di Grottaglie è una struttura con funzioni terapeutico e socio-riabilitative che migliora la qualità della vita delle persone con sofferenza mentale ed in condizioni di marginalità.
Negli ultimi anni, i diversamente abili del Centro Epasss sono stati protagonisti di diverse iniziative che li hanno visti perfettamente integrati nella comunità di Grottaglie, in particolare nell’ambito del progetto Social Agorà che ha riqualificato e valorizzato lo “Jazzu”, un’area abbandonata da tempo nell’abitato di Grottaglie.
Anche grazie all’intervento dei diversamente abili del Centro Epasss, lo Jazzu è stato trasformato in un luogo di incontro, di interazione ed aggregazione sociale dove bambini, disabili, anziani, le rispettive famiglie e l’intera comunità possono incontrarsi.

 

Published in Sociale&Associazioni

Ancora una volta l’Amministrazione D’Alo’ e la sua maggioranza consiliare si dimostrano sordi alle esigenze e alle istanze dei cittadini, mortificando le proposte che provengono dalla minoranza in Consiglio comunale, anche quando gli esponenti della stessa mostrano volontà collaborativa e costruttiva.
Il Partito Democratico di Grottaglie ritorna, ancora una volta, sulla questione del mercato ortofrutticolo del giovedì, stigmatizzando il comportamento dell’Amministrazione e delle forze che la sostengono, durante il Consiglio comunale del 14 maggio scorso, dove si è discussa una mozione riguardante la proposta di insediamento del mercato settimanale, presso la zona 167 bis.
Riteniamo che, come abbiamo più volte ribadito, sia un grave errore quello di non dotare la città di un mercato ortofrutticolo settimanale. È per questa ragione che primi fra tutte le forze politiche abbiamo sollevato questa questione, che coinvolge tanti commercianti e cittadini.
Cittadini che, raccogliendo 2.500 firme, hanno espresso la volontà di avere un mercato settimanale, che da un lato eviterebbe l’ambulantato selvaggio e maggiori introiti alle casse comunali per i posteggi e, dall’altro, calmiererebbe i prezzi, permettendo un notevole risparmio sull’acquisto di frutta e verdura.
Chi governa la città si è dimostrato ancora una volta insensibile a tali esigenze ed istanze, non prevedendo nel nuovo “Regolamento sul commercio” tale mercato settimanale, presente nella stragrande maggioranza delle nostre città.
Inoltre, voler spostare i commercianti del giovedì nella Piazza di via delle Torri si è dimostrato essere un flop come in tanti avevamo pronosticato. Una operazione creata in laboratorio, che sicuramente non ha avuto gli effetti sperati.
Non riusciamo a comprendere, francamente, il motivo di un tale ostinato atteggiamento di chiusura nei confronti dei commercianti, dei cittadini e della minoranza in Consiglio comunale.
A tutto ciò si aggiunge la grande scorrettezza commessa nel Consiglio Comunale del 14 maggio. Infatti durante tale Consiglio è stata rigettata la proposta di rinviare, al fine di approfondire la discussione nella Commissione competente, la mozione che aveva come oggetto la proposta di insediamento del mercato ortofrutticolo nella zona 167 bis, sulla quale si era detta d’accordo anche parte della maggioranza, compreso il Presidente della II Commissione, Franco Galiandro.
Questo atteggiamento grave e irrispettoso per l’intera città è il motivo per cui tutta la minoranza, compresa la Consigliera del Partito Democratico Gabriella Miglietta, che sottoscrive il presente documento, è stata costretta ad uscire fuori dall’aula e a rifiutarsi addirittura di discutere un atto così importante come è quello del Rendiconto di Gestione.
Mortificare il confronto democratico nella massima assise comunale ritardando la chiusura delle votazioni o modificando il voto espresso in corso di votazione significa utilizzare mezzucci che la nostra città non merita e che non fanno parte della cultura politica grottagliese.

Published in Politica

I diritti negati, discriminazioni: è tempo di cambiare

Per la giornata mondiale contro l’omobitransfobia il 20 maggio saremo, in piazza Principe di Piemonte a Grottaglie, dalle ore 10 con i colori dell’arcobaleno.
Il nostro obiettivo è quello di creare un momento di approfondimento, di riflessione, di condivisione di istanze che coinvolgono tutta la società civile di fare un unico fronte per sconfiggere una cultura omotransfobica ed escludente e non solo
In Italia ci troviamo davanti a "una situazione con molte ombre, tra cui spiccano la discriminazione nell'accesso a una serie di diritti fondamentali di molti italiani e stranieri, i lavoratori spesso sfruttati dai loro datori di lavoro, l'allarmante livello raggiunto dalla violenza omicida contro le donne, i pregiudizi le violenze sugli omosessuali, gli ostacoli che incontra chi chiede verità e giustizia per coloro che sono morti sul lavoro o per coloro che sono stati torturati o maltrattati mentre si trovavano nelle mani di agenti dello Stato,
E' necessario assicurare che ogni discriminazione basata sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere sull’origine etnica sia proibita.
E’ necessario fermare il femminicidio e la violenza contro le donne, proteggere i rifugiati, fermare lo sfruttamento sul lavoro, la criminalizzazione dei migranti; assicurare condizioni dignitose e rispettose dei diritti umani nelle carceri; combattere l'omofobia e la transfobia e garantire tutti i diritti umani a lesbiche, gay, bisessauli e transgender.
Noi siamo contro ogni forma di discriminazione, non possiamo consentire che un pezzo di popolazione sia sottoposta a forme di discriminazione.
I diritti devono essere uguali per tutti non esistono diritti più o meno importanti, questi devono essere garantiti a tutti e tutti in egual misura.
Per questo motivo aderiamo alla giornata internazionale contro l’omofobia, lesbofobia, bfobia transfobia nell’intento di sensibilizzare la popolazione per combattere ogni forma di violenza e discriminazione nei confronti di persone gay, lesbiche, bisessuali, transessuali, trangender e intersessuali, e al riconoscimento dei diritti delle persone lgbti, chiediamo a gran voce una legge nazionale e regionale contro l’omobidtransfobia.
Siete tutti invitati in piazza perche’ questa voce si possa sentire ancora più forte.
Arcigay, Arci, Sinistra italiana, Articolo 1 MDP, Partito Democratico, Potere al Popolo, Utopia, Babele.

 

Published in Cronaca

D’Amato (Pulsano Bene Comune): “Intervenire subito sui conti del Comune. Le parole d’ordine: trasparenza e discontinuità col passato”

Entra nel vivo la campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale di Pulsano, dopo il brusco contraccolpo e le divisioni all’interno dell’ex giunta uscente. A farsi avanti con forza è la lista Pulsano Bene Comune, guidata dal candidato sindaco Emiliano D’Amato.

D’Amato, consigliere comunale uscente proveniente dai banchi dell’opposizione, domani 17 maggio alle 19.00 in Piazza Castello a Pulsano presenterà la sua squadra.
Si tratta di persone che hanno scelto la politica come forma di speranza, impegno e resistenza – spiega il candidato sindaco di Pulsano Bene Comune – con una età media di 36 anni e in molti casi con competenze specifiche maturate in anni di professione e studio lontano dalla loro terra. A loro ho chiesto di tornare o rimanere perché quella speranza di cambiamento possa attecchire anche qui. Un atto d’amore che spero la mia comunità riuscirà a riconoscere.
Ad uno ad uno i 16 candidati consiglieri della lista si presenteranno ufficialmente alla comunità e esporranno le linee programmatiche dell’impegno che Pulsano Bene Comune si assume nei confronti del territorio.
Il Bene Comune è l’interesse collettivo che regna al di sopra di quello individuale, del privilegio, del favoritismo – dice ancora D’Amato – ma è anche l’unica vera possibilità concreta di arrivare al bene individuale attraverso il rispetto di regole di convivenza civica e di buona amministrazione.
Nel corso della serata di presentazione D’Amato proporrà anche gli impegni da assumere nei primi 100 giorni di amministrazione.
Il commissariamento del Comune ci dice che la prima urgenza è quella derivante gli atti amministrativi – conferma il candidato Sindaco – occorrerà evitare subito, se le norme ce lo consentiranno, il default dell’ente per evitare che i guasti prodotti in dieci anni di amministrazione del centro-destra si trasformino in un aumento delle tasse per tutta la comunità. Sarà indispensabile mettere mani alle carte e spalancare le porte di quel castello (sede del Comune – ndr) per troppo tempo rimaste chiuse nell’arroccamento di una corte di politici.
Voglio tornare alla comunità in senso ampio – conclude D’Amato – consentire ai cittadini di partecipare attivamente alla vita dell’ente, condizionandone anche le scelte che per questa ragione non saranno calate dall’alto. E’ il tempo di tornare ad essere comunità aperta e solidale e la squadra che presenterò domani è garanzia di pulizia, competenza e soprattutto discontinuità con il passato, per tutti.

Published in Politica

Da oggi  a lunedì 21 maggio torna a Bari Gnam! Festival europeo del cibo di strada. La rassegna è in programma in viale Einaudi - ingresso Parco Due Giugno. Alla sua seconda edizione nel capoluogo pugliese, gode del patrocinio del Comune di Bari e del Municipio 2. E' stata presentata nella stanza del sindaco di Palazzo di Città, a Bari, nel corso di una conferenza, nella quale sono intervenuti l'assessore comunale Carla Palone, il presidente del Municipio 2 Andrea Dammacco e, per l'organizzazione di Gnam!, Francesco Mastrovito.

La rassegna comprende il meglio del panorama nazionale e internazionale, con cibo e preparazioni di qualità elevata ed espositori pluripremiati. L'eccellenza dello street food, con un'accurata selezione di tutti gli espositori, troverà spazio nelle giornate dal 18 al 21 maggio, in viale Einaudi, ingresso Parco Due Giugno, a Bari. In quattro giorni, i visitatori potranno seguire i percorsi del gusto e assaporare nuove scoperte tra gli stand, ricchi di tipicità culinarie. La manifestazione, che ha iniziato nel 2014 il suo tour di sapori in giro per l’Italia e conquistato anche il patrocinio di Expo, dopo città come Roma e Milano ha scelto Bari per continuare a proporre il meglio dello street food italiano ed internazionale. L'iniziativa gode del patrocinio del Comune di Bari e del Municipio 2. L’evento si propone di valorizzare la conoscenza delle tradizioni alimentari come elementi culturali ed etnici, puntando sulla biodiversità e sulla genuinità dei prodotti agro-alimentari tipici regionali. Agli ospiti, sarà offerta la possibilità di degustare e scoprire prodotti tipici regionali introvabili e i piatti internazionali più famosi, in vere e proprie isole gastronomiche, nelle quali osservare dal vivo la preparazione delle ricette più golose e ascoltare il racconto dei produttori.

L’area Italia

Eccellenza pugliese sono le bombette della Valle d’Itria. Tra Alberobello e Martina Franca, gli antichi fornelli dei macellai, a tarda sera, si trasformavano in osterie, dove nella brace profumata di legno d’ulivo si cuoceva questo involtino di carne, con all’interno un formaggio canestrato tipico di quest’area. Un mastro fochista dell’associazione “Quelli della Bombetta” segue, dal principio, il tour attirando, nel tempo, l’attenzione dei media di tutto il mondo. Sempre dalla Puglia, ci saranno i cuoppi di fritti di mare, dal pescato dell’Adriatico, i panzerotti e i pasticciotti.

Dalla Sicilia arrivano i famosi pane e panelle, pane ca’ meusa, cannoli, preparati con la ricotta fresca, le arancine di vario tipo dell’Antica Focacceria San Francesco: un nome noto in tutto il mondo, una vera e propria icona del gusto, ai cui tavoli sedevano costantemente gli scrittori Leonardo Sciascia e Luigi Pirandello. In tempi recenti è stata frequentata anche dai giudici Falcone e Borsellino, diventando, per questo, un simbolo della lotta alla mafia. Dalla Campania giungono la gustosa e ricca mozzarella di bufala, ma anche i dolci tipici della pasticceria napoletana, dal babà in varie declinazioni alla pastiera, alla sfogliatella e aragostina croccanti. Dal Centro Italia, arrosticini abruzzesi preparati direttamente dall’allevatore ovino, che cura tutta la lavorazione della carne. Non mancheranno le olive ascolane; il Molise presenterà, invece, il caciocavallo impiccato, pronto a sciogliersi sul pane dop. La carne di chianina è protagonista con gli hamburger anche per piccoli (il cittino è memorabile), ma dalla Toscana sarà possibile assaggiare anche il famoso lampredotto (bollito in loco). Lo gnocco fritto con gli affettati emiliani dop è da assaggiare, condito dalla simpatia dello chef, che lo prepara e non vuole condividere con nessuno la ricetta segreta della nonna.

L'area internazionale

Visitare Gnam! Festival Internazionale del Cibo di Strada significa anche fare un suggestivo viaggio nelle altre culture gastronomiche. Nell’isola internazionale, infatti, saranno presenti specialità messicane come tacos e burritos; dalla Spagna arriveranno invece paella e tapas, cotte in due gigantesche padelle e innaffiate di sangria o tinto de verano. Si continua tra le spade infilzate di carni per l’asado argentino; dal Venezuela si potranno assaggiare i churros e le arepas. Nello stand Ungheria si potranno, invece, gustare i famosi dolci kurtoskalacs. Infine, le specialità giapponesi, con le ricette originali dei buns di stracotto di maiale, buns di gamberi, gamberoni in tempura, polpettine di polpo fritte, pollo fritto karaage e i dorayaki, i dolcetti di Doraemon.

Gnam! ha un livello della selezione molto elevato sul prodotto tipico, perché alla base c’è una scelta altrettanto severa per la partecipazione. Ogni espositore si avvale di prodotti a chilometro zero del proprio territorio. La manifestazione propone una scelta molto vasta di cibo di strada (tanti sono i piatti anche per vegani e vegetariani), adatta a tutti i gusti e tutte le tasche. Ogni ricetta risponde a rigorose regole di lavorazione, igiene e freschezza.

Gnam! Festival Europeo del Cibo di Strada, Bari, 18-21 maggio

orari: 18 maggio, dalle ore 18 alle ore 24

19 e 20 maggio, dalle ore 12 alle ore 24

21 maggio, dalle ore 18 alle ore 24

Published in Cronaca

Sabato 19 maggio – ore 20.00 Castello Episcopio – Grottaglie (Ta)

Dopo il successo dei precedenti concerti, ultimo appuntamento della rassegna Musica ad Arte 2018 – ArmoniE di Primavera V Edizione nella Città delle Ceramiche con un quartetto d'archi d'eccezione: il Quartetto Maffei, composto da Marco Fasoli, violino - Filippo Neri, violino - Giancarlo Bussola, viola - Paola Gentilin, violoncello.
"I quattro archi hanno vissuto con profonda partecipazione ogni piccola sfumatura, trovando un equilibrio e una continuità espressiva davvero ammirevole, nonché una tavolozza di rara qualità timbrica, a dimostrazione che quando si suona in quattro si diventa come uno strumento solo". Questa recensione di Gianni Villani coglie in pieno le peculiarità del QUARTETTO MAFFEI, nato nel 2000 – nell'attuale formazione dal 2010 – dalla volontà di tre amici veronesi dopo un trascorso di cinque anni insieme con il Quartetto Veretti (formazione con pianoforte). La collaborazione con artisti importanti come Bruno Canino, il Quartetto di Venezia, Alberto Nosè, Igor Roma, Olaf J. Laneri, Edoardo Strabbioli, Gian Antonio Viero ha portato il Quartetto Maffei ad un maturità espressiva e ad una sensibilità interpretativa di altissimo livello e lo pone tra le formazioni cameristiche più interessanti di questi ultimi anni. Il suo repertorio è molto vasto e spazia dal quartetto all'ottetto, prediligendo i classici e i romantici pur avendo avuto l'onore oltre che il piacere di eseguire lavori dedicati ad esso da G. Taglietti, A. Di Pofi, V. Donella, C. Galante.
I suoi componenti, perfezionatisi con C. Schiller, B. Giuranna, P. Vernikov, M. Flaksman, hanno al loro attivo una intensa attività cameristica. In programma musiche di Mozart, Wolf e Brahms.
L'evento musicale, con la direzione artistica della Prof.ssa Palma di Gaetano e realizzato in collaborazione con l'Amministrazione di Grottaglie – Assessorato alla Cultura nella persona della Prof.ssa Elisabetta Dubla, è patrocinato dall'Assessore all'Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia - Disposizione n. SP6 - 34/2018, da Puglia Events e Puglia Promozione, dalla Provincia di Taranto, Media Partner Ora Quadra, giornale online di Lilli D'Amicis, e si attua anche grazie alla preziosa collaborazione di realtà commerciali e industriali del territorio.
L'evento, parte integrante del progetto “Musica ad Arte”, si inserisce in un weekend particolarmente interessante a livello nazionale: “Buongiorno Ceramica”, una grande festa della ceramica italiana, nata nel 2015, che si svolge contemporaneamente nelle città italiane della ceramica con oltre 300 eventi in tutto il paese, promossa da AiCC – Associazione Italiana Città della Ceramica, un’associazione senza fini di lucro, nata nel 1999, alla quale aderiscono 35 comuni “di antica tradizione ceramica” (su un totale di 40 riconosciuti in Italia), previsti dalla Legge 188 del 1990 che tutela e promuove la ceramica artigianale ed artistica nazionale.
I comuni aderenti ad AiCC, compreso quello di Grottaglie, si trovano in 15 su 21 regioni italiane, distribuiti da nord a sud e nelle isole, a dimostrazione di come la ceramica sia un concreto, storico e fondamentale patrimonio dell’arte e della cultura italiana. Il 19 e 20 maggio il quartiere grottagliese sarà un susseguirsi di visite guidate, laboratori affiancati da momenti di grande musica come quello del Quartetto Maffei!
Ingresso libero.

Published in Spettacolo

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk