Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Mercoledì, 23 Maggio 2018

La storia del nostro territorio in un periodo particolarmente difficile, quello dell’immediato secondo dopoguerra, raccontata attraverso le vicende di una famiglia popolana di Statte, allora frazione di Taranto, con circostanze e vicissitudini personali che si intrecciano con gli avvenimenti che in quegli anni hanno segnato la storia della comunità.

È il film “Acquasèle”, scritto e diretto da Adeo Ostillio, una produzione autofinanziata della GAO Film, un autentico colossal le cui preparazione e riprese sono durate oltre tre anni.

Il film “Acquasèle” sarà proiettato, con ingresso libero e gratuito, alle ore 18.30 di venerdì 25 maggio 2018 nel salone della Biblioteca “Marco Motolese, in via Lisippo al Quartiere Tamburi.

La serata è organizzata dall’Associazione di volontariato Auser Tamburi, Associazione Culturale “Marco Motolese”, Club per l’Unesco di Taranto con il patrocinio del Centro Servizi Volontariato di Taranto e del Comune di Taranto.

La manifestazione si aprirà con i saluti del Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, della presidente di Auser Tamburi Mimma Peluso e della presidente del Club per l’UNESCO di Taranto Carmen Galluzzo Motolese.

Dopo la proiezione del film il giornalista Silvano Trevisani modererà un dibattito al quale parteciperanno anche il regista-autore Adeo Ostillio e gli attori-cittadini del film.

Nella produzione di “Acquasèle” sono state coinvolte, a vario titolo, circa 180 persone tra attori protagonisti, caratteristi, comparse, nonché tecnici e macchinisti.

Nel film hanno recitato attori non professionisti, cittadini alla loro prima esperienza cinematografica, tra l’altro gran parte dei dialoghi sono rigorosamente in vernacolo “stattarule”. Gli attori, inoltre, hanno indossato in gran parte autentici vestiti dell’epoca.

“Acquasèle” è il pane bagnato con pomodoro e sale, l’alimento povero che, in quel periodo di grande fame, spesso rappresentava la principale forma di sostentamento per molte famiglie del popolo.

Lo scopo ultimo di “Acquasèle” è quello di lasciare alle generazioni future una testimonianza sulle tradizioni e sulla storia del territorio, che altrimenti sarebbero andate perse, sviluppando quel senso di appartenenza che rappresenta il vero collante di una comunità.

Il film “Acquasèle” rappresenta un grande atto di amore verso la storia del territorio di Adeo Ostillio, un medico che in passato si è dedicato con successo alla politica, è stato anche consigliere provinciale, ma che da diversi anni coltiva la passione della cinematografia.

Dopo alcune esperienze, soprattutto con docufilm sulla storia locale, con la sua GAO Film Adeo Ostillio si è cimentato nella realizzazione di questa pellicola, della durata di 91 minuti, di cui ha curato con competenza e professionalità tutti gli aspetti della produzione: dalla ricerca storica e documentale alla sceneggiatura, dall’allestimento scenico al casting, dalla regia al montaggio finale.

Il film “Acquasèle” rappresenta un grande affresco della vita di Statte tra il 1945 e il 1947, con alcuni flash-back in periodi precedenti; il tutto visto attraverso la vita quotidiana di una classica famiglia popolana dell’epoca, vicende che si intrecciano con quelle di altre famiglie e di personaggi famosi dell’epoca, nonché con importanti avvenimenti storici.

Il film si basa principalmente sulla rigorosa ricostruzione di tradizioni e fatti realmente accaduti, “documentati” da Adeo Ostillio mediante interviste agli anziani del paese, alcuni “lucidamente ultranovantenni”, nonché attraverso un meticoloso lavoro di ricerca in biblioteche, archivi ed emeroteche.

Grande attenzione è stata riposta nella fedele ricostruzione storica sia delle scene di vita comune, con usanze e oggetti oggi dimenticati, come il macinino o le lampade a petrolio, sia negli esterni “girati” a Statte, tra l’altro sono stati rappresentati avvenimenti storici, come la cerimonia di accensione del primo lampione della pubblica illuminazione nel 1931 o il bombardamento del 1940.

Parimenti sono stati oggetto di uno studio approfondito i costumi d’epoca indossati dagli attori, come la fedele ricostruzione di usanze e tradizioni andate perdute,

Impreziosisce il film una colonna sonora originale composta a più mani da Francesco Arces, Luigi Petraroli ed Emanuele De Vittorio; la registrazione delle musiche, effettuata presso il “Criptaliae Recording Studio” di Grottaglie, ha visto impegnati Mimmo Fornaro, Bruno Galeone, Carmine Fanigliulo, Emanuele De Vittorio, Tonino Palmisano, Francesco Arces e Ignazio Caleandro.

Published in Spettacolo

#coltiviamoidee e #costruiamoilfuturo: questi sono i due hashtag della serie di incontri pubblici organizzata dal GAL Magna Grecia per presentare, in ognuno dei dodici comuni jonici del suo territorio, anche nei più piccoli, le opportunità di finanziamento previste dal nuovo PAL (Piano Di Azione Locale), progetto finanziato dalla Regione Puglia nell’ambito della Misura 19 del PSR Puglia 2014-2020.

Il prossimo incontro pubblico “Il Piano Di Azione Locale del GAL Magna Grecia: strumento di sviluppo economico” si terrà, alle ore 18.30 di venerdì 25 maggio, presso la Sala convegni del Centro Socio-Culturale, in via Roma n.64 a Monteparano.

Dopo il saluto di Giuseppe Grassi, Sindaco di Monteparano, sarà Angelo Renna, consigliere comunale delegato alle Attività Produttive, a introdurre il tema del convegno in cui saranno presentate le concrete opportunità di finanziamento a favore di istituzioni, aziende e associazioni del territorio.

La relazione sarà poi tenuta da Ciro Maranò, Direttore del GAL Magna Grecia, mentre le conclusioni saranno affidate a Luca Lazzàro, Presidente GAL Magna Grecia.

Presentando l’iniziativa il Presidente Luca Lazzàro ha spiegato che «siamo a Monteparano, un importante centro agricolo del nostro territorio, basti pensare che è compreso nell’areale per la produzione del Primitivo di Manduria DOC, per presentare le opportunità offerte dal nostro Piano di Azione Locale».

«Si tratta di finanziamenti – ha poi detto Luca Lazzàro – tesi principalmente a innovare il tessuto produttivo di un vasto territorio, che si estende dalla Murgia di Crispiano fino al mare cristallino di Pulsano, in particolare “ammagliando” in un network virtuoso le aziende, le associazioni e le istituzioni».

Il Presidente Luca Lazzàro ha concluso sottolineando che «è giunto il momento che le forze sane di questo territorio si mettano insieme per realizzare un nuovo modello di sviluppo economico “green” che, valorizzando le risorse e le vocazioni naturali, riesca ad imprimere finalmente una svolta: il GAL Magna Grecia, agenzia di sviluppo regionale, vuole svolgere questo ruolo di aggregatore territoriale».

Published in Sociale&Associazioni
Mercoledì, 23 Maggio 2018 20:35

“FORZA NADIA” al PREVENTOUR 2018

La popolarissima Nadia Toffa, giornalista e conduttrice de “Le Iene”, sta combattendo la sua battaglia contro un tumore, cosa che le sta impendendo di continuare il suo lavoro in televisione.

Nadia Toffa l’anno scorso ha legato il suo nome all’iniziativa del MiniBar di Ignazio D’Andria, l’esercizio commerciale in piazza Gesù Divin Lavoratore al Quartiere Tamburi che, con le sue magliette “Ie jesche pacce pe’ te!”, è riuscito a raccogliere importanti fondi per il Reparto di Pediatria dell’Ospedale “SS Annunziata” di Taranto.

Proprio l’intervento di Nadia Toffa ha portato alla ribalta nazionale questa iniziativa benefica di fundraising e, conseguentemente, il dramma che vivono i residenti nel Quartiere Tamburi, in particolare i bambini ai quali è persino negata la possibilità di giocare nei giardinetti pubblici e di andare a scuola nei cosiddetti “wind days”.

Ora gli amici del MiniBar di Ignazio D’Andria hanno deciso di far arrivare a Nadia Toffa la voce dei bambini di Taranto, sicuri che riusciranno farla sorridere e le infonderanno forza in questo momento difficile.

L’occasione sarà la tappa tarantina del PrevenTour 2018, l’iniziativa dell’Associazione “Europa Solidale” Onlus che porta la prevenzione sanitaria dai cittadini nelle piazze; domenica prossima (27 maggio) il PrevenTour si terrà proprio in piazza Gesù Divin Lavoratore.

Per tutta la giornata presso il MiniBar di Ignazio D’Andria sarà allestito un box in cui i bambini potranno registrare un breve videomessaggio di incoraggiamento per Nadia Toffa, che le sarà poi fatto pervenire dall’organizzazione.

Unica condizione è che i bambini indossino la mitica maglietta “Ie jesche pacce pe’ te!”, chi ne fosse sprovvisto potrà acquistarla al MiniBar contribuendo alla raccolta fondi benefica.

L’iniziativa sarà annunciata a Palazzo degli Specchi del Municipio, nel corso della conferenza stampa di presentazione della tappa tarantina del PrevenTour 2018.

Pierfilippo Marcoleoni, vicepresidente di “Europa Solidale” Onlus, ha spiegato che «con Ignazio D’Andria del MiniBar avevamo già deciso di “dedicare” la tappa tarantina del Preventour a Nadia Toffa; la notizia che anche questa settimana non è potuta tornare al lavoro in televisione, ci ha fatto decidere di far arrivare a Nadia l’affetto dei bambini tarantini che lei ha così generosamente sostenuto. È un messaggio di amore che la aiuterà a superare questo momento».

INVITO CONFERENZA STAMPA

L’Associazione Europa Solidale Onlus invita alla conferenza stampa che si terrà alle ore 10.00 di DOMANI, giovedì 24 maggio, presso il Salone degli Specchi di Municipio a Taranto; nell’occasione sarà presentato il programma della tappa di Taranto del PrevenTour 2018.

Alla conferenza stampa interverranno:

- Simona Scarpati, assessore Comune di Taranto al Welfare, Politiche giovanili e dell'Integrazione;

- Francesca Viggiano Assessore al Patrimonio del Comune di Taranto;

- Michele Conversano, responsabile Dipartimento Prevenzione ASL Taranto;

- Anna Fiore, presidente Croce Rossa Italiana Taranto;

- Pino Russo, presidente Associazione Europa Solidale Onlus;

- Pierfilippo Marcoleoni, vicepresidente Associazione Europa Solidale Onlus;

- Alvaro Grilli, responsabile Maico Taranto.

Dopo Lecce, Cosenza e Bari arriva a Taranto il PreventTour 2018, organizzato dall’Associazione Europa Solidale Onlus, iniziativa giunta alla seconda edizione. Confermata la formula di successo che, con lo slogan “La Sanità arriva in città”, vede portare la prevenzione sanitaria direttamente dai cittadini nelle piazze.

Anche a Taranto sarà così allestito un villaggio della prevenzione presso cui i cittadini potranno sottoporsi gratuitamente ad esami e screening e ricevere consulenza sanitarie.

Sarà particolarmente ricca e variegata l’offerta della tappa tarantina: esami audiometrici per la prevenzione dei disturbi al sistema uditivo, visite oculistiche per il controllo dell’apparato visivo, esami, controlli e screening odontoiatrici, posturali, glicemici e della pressione arteriosa, nonché consulenze nutrizionali e di oncoematologia pediatrica.

Published in Sociale&Associazioni

La mancanza di programmazione dell’amministrazione comunale miete una nuova vittima, dopo i SAD completamente cancellati, ora tocca all’asilo nido di via della Costituzione.
L’importante servizio, soprattutto utile alle famiglie dei tanti braccianti agricoli, ma non solo, che si recano al lavoro alle prime ore del mattino a giugno prossimo chiude.
Domani pomeriggio in una riunione convocata presso l’aula consigliare, sarà comunicato ufficialmente alle famiglie che ne beneficiano.
La motivazione, non ci sono più fondi per poter tenere aperta la struttura, tra le ipotesi la possibilità di far gestire la struttura utilizzando solo i contributi regionali, attraverso l’attivazione dei buoni servizio, procedura complessa e lunga che sicuramente renderà impossibile continuare a tenere aperto l’asilo nel breve periodo.
La colpa della struttura d’Ambito di cui Grottaglie fa parte. Non ha contemplato le somme per l’asilo nel proprio bilancio, ma guarda caso il comune capofila dell’Ambito è Grottaglie.
La politica dello scaricabarile è ormai giunta alla fine, prima ogni disservizio era colpa di chi aveva amministrato negli anni precedenti, ora della burocrazia, dimenticando che il capo della burocrazia locale è il Sindaco.
Così non avendo coscienza della spesa dell’Ente, si rende impossibile ai tanti lavoratori di avere certezza e sicurezza nell’affidare i propri piccoli. Colpendo inoltre proprio le famiglie meno fortunate, così come quando la scorsa estate si scoprì di non poter più fornire ausilio, attraverso i SAD, alle famiglie con famigliari disabili, chiedendo il supporto alla Regione per integrare le somme che erano finite in anticipo. Somme integrate per poter riavviare il servizio per un breve periodo e poi sospeso del tutto.
La politica dei proclami continua a contraddistinguere l’amministrazione grottagliese, che però non riesce a dare risposte concrete alle prioritarie esigenze della nostra collettività, limitandosi ad imporre vincoli sull’iscrizione degli agli istituti medi, non riuscendo ad offrire un servizio di Nido, venendo di fatto meno al ruolo primario di supporto sociale della collettività.

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk