Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giovedì, 10 Ottobre 2019

Bari - “In viaggio con De Nittis” è una esposizione artistica, ma è anche una nuova forma di accoglienza, il nostro modo per dare il benvenuto a chi arriva e di consegnare, a chi va via, il ricordo della bellezza di questa nostra terra e l’arte che ha saputo esprimere. “In viaggio con De Nittis” nasce dalla volontà di Aeroporti di Puglia e del Comune di Barletta, città di origine del maestro, di promuovere le eccellenze culturali pugliesi e, in questo caso, il valore della preziosa collezione De Nittis, per integrare le infrastrutture aeroportuali con il territorio.

La mostra è stata inaugurata questa mattina dal Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, dall’Assessore al Turismo della Regione Puglia, Loredana Capone, dal Sindaco di Barletta, Cosimo Cannito e dal Vice Presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Vasile.DeNittis

Il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano
"Oggi celebriamo la cultura che va nei luoghi dove la comunità si riunisce e si incontra con il mondo - ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano - quindi De Nittis che arriva ad Aeroporti di Puglia e si esibisce con la sua arte straordinaria. Uno dei tre quadri ricorda il paesaggio di Costa Ripagnola, ricorda quindi a noi tutti che la bellezza, che è stata custodita negli anni e che presto diventerà un parco, è una bellezza che non poteva sfuggire e non è sfuggita a un grande artista. Noi ci sentiamo pugliesi anche grazie a chi, molti anni fa, seppe catturare la nostra bellezza trasformandola in una attrazione per tutto il mondo . Ecco perché questo tributo alla città di Barletta e a De Nittis negli Aeroporti di Puglia".

Il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti
“Con nostro grande orgoglio, per il prossimo mese, l’aeroporto di Bari presenta “pezzi” significativi dell’Arte pugliese, raccontata attraverso le opere dell’insigne pittore barlettano Giuseppe De Nittis. Una “inusuale” galleria d’arte che accompagnerà i nostri viaggiatori in una iniziativa di grande valore culturale resa possibile dalla lungimiranza e dalla generosità del Comune di Barletta, del MiBACT e della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Barletta – Andria – Trani e Foggia che hanno autorizzato il prestito delle opere. De Nittis, al quale venne da subito attribuita “piena gloria come per gli eroi e i semidei” (come ebbe a scrivere Alessandro Dumas figlio), partì da Barletta a soli 15 anni per visitare le più grandi città italiane (Napoli, Palermo, Roma, Firenze, Venezia e Torino) ed europee (Parigi e Londra) stabilendosi nel 1867 a Parigi dove fu insignito a 32 anni della Legion d’Onore, portando con sé il genio artistico e la bellezza della nostra terra. Celebriamo oggi questi dipinti, la storia e lo spirito del suo Autore, ponendoli alla portata di tutti consapevoli che l’attrattività e la conoscenza di un territorio non passano solo dai panorami, dall’incanto del mare, dalla buona cucina e dalla sua naturale capacità di ospitare, ma anche dal patrimonio culturale che una comunità sa far nascere e custodire: solo in tal modo il viaggio si trasforma in una intensa esperienza che ci lega in maniera forte con i luoghi e i valori che da essi promanano. Ci auguriamo che da questa lodevole iniziativa traggano ispirazione altre realtà - Comuni, Musei, Pinacoteche - che possano vedere in Aeroporti di Puglia la naturale e logica prosecuzione di quel percorso che incontra il favore e gli interessi di quanti sono inesorabilmente attratti da questa terra così bella, complessa e intrigante, mai banale, e piena di sorprese. Un particolare ringraziamento va indirizzato al Sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, per la sua sensibilità e disponibilità.”

L’assessore all’Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, Loredana Capone:

“Trasformare un non luogo in un luogo che suscita emozioni! È quello che abbiamo fatto all’aeroporto di Brindisi con la mostra sull’archeologia subacquea del Salento. Oggi replichiamo e rilanciamo all’Aeroporto di Bari! Aeroporti di Puglia e Comune di Barletta regalano ai viaggiatori che approderanno nei prossimi mesi in Puglia tre opere meravigliose di un grande artista pugliese: Giuseppe De Nittis! Perché la Puglia non è solo il paesaggio che vediamo, la Puglia è un’emozione. Siamo una regione che entra nel cuore di chi arriva, una regione che non si limita a parlare al visitatore ma parla alla persona. E lo fa attraverso la sua storia, e i suoi talenti. Grazie quindi alla grande squadra di Aeroporti di Puglia e grazie ai tanti sindaci che credono fortemente nelle loro realtà, nella bravura dei propri artisti e di tanti giovani che, giorno dopo giorno, si impegnano scegliendo di restare qui per costruire il futuro. A loro vogliamo dire che è questa la Puglia su cui stiamo investendo. Non più il sud che non produce ma un Sud che entra con tutto il suo talento nell’immaginario nazionale e internazionale”.

Il Vice Presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Vasile
“Quella di oggi è una tappa importante di un progetto più grande e ambizioso che rientra nelle strategie adottate da Aeroporti di Puglia. Un progetto che, grazie alla stretta collaborazione della Regione Puglia, mira a trasformare l’aeroporto in un luogo dove l’efficienza dei servizi e la ricchezza dell’offerta, camminino di pari passo con la valorizzazione della cultura e della tradizione della nostra regione. Un progetto che vogliamo estendere a tutti i Comuni, i musei, e, perché no, alle imprese. Ecco perché oggi siamo particolarmente orgogliosi di inaugurare questa mostra di De Nittis, artista pugliese che ha portato nel mondo la nostra Puglia. E’ doveroso ringraziare il Sindaco di Barletta e tutta la sua coraggiosa Amministrazione, la Sovrintendenza perché hanno reso possibile tutto ciò. Insieme, solo insieme, come ci piace ripetere, si possono raggiungere importanti successi. D’altronde abbiamo tutti lo stesso obiettivo: portare la Puglia, la sua bellezza, la sua storia e la sua cultura sempre più in alto.

Il Sindaco di Barletta, Cosimo Cannito
“Gli aeroporti sono luoghi affascinanti in cui si incrociano viaggiatori provenienti da tutto il mondo e quelli che atterrano qui a Bari ci onorano di scegliere la Puglia, terra ospitale e di grande bellezza, una bellezza di cui le opere di Giuseppe De Nittis sono una importante testimonianza. L’artista barlettano, viaggiatore e cittadino europeo ante litteram, esprime nei suoi dipinti, e in particolare in quelli qui esposti, tutto il calore della nostra terra, i suoi profumi e la luce del sole del Sud. Siamo lieti e orgogliosi di inaugurare questo percorso espositivo, che segna e delinea un modo nuovo e inedito di promuovere l’arte e la cultura che, sono certo, lascerà il segno”.

Published in Arte

È ripartita in questo mese di ottobre la rilevazione del Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni, strumento fondamentale per misurare le principali caratteristiche socio-economiche della popolazione dimorante abitualmente in Italia.
Il nuovo Censimento, a cadenza annuale e non più decennale, è stato inaugurato lo scorso ottobre ed ha registrato una forte partecipazione, con oltre il 92% di famiglie rispondenti. A differenza delle passate tornate censuarie, non coinvolge più tutte le famiglie nello stesso momento, ma solo un campione di esse. Ogni anno sono chiamate a partecipare circa un milione e quattrocentomila nuclei familiari, in oltre 2.8oo comuni. In questi giorni, l'Istat ha avviato la spedizione delle informative al campione di famiglie coinvolte che avranno tempo di rispondere al Censimento dal 7 ottobre al 20 dicembre. La partecipazione al Censimento è un obbligo di legge; pertanto, in caso di mancata risposta, sono previste sanzioni amministrative.
Il Prefetto Antonia Bellomo, nell'auspicare che anche i cittadini della provincia tarantina coinvolti nella rilevazione faranno la loro parte, evidenzia che l'Istat ha intrapreso una serie di iniziative per condividere non solo gli obiettivi e le modalità della nuova strategia censuaria, ma anche una comunicazione coerente, corretta e riconoscibile.
Al seguente indirizzo sono disponibili le informazioni della campagna 2019, che saranno implementate nel corso dell'operazione censuaria: https://censimentigiornodopogiorno.it/kit-di-comunicazione-censimenti-permanenti/

Published in Cronaca

Dopo la buona esperienza estiva, la grande lirica del Taranto Opera Festival torna a Taranto per la stagione invernale, in scena con quattro spettacoli al teatro Fusco. Nel foyer del teatro, recentemente inaugurato dopo i lavori di ristrutturazione, è stata presentata stagione invernale 2019-2020 del Taranto Opera Festival - L'emozione della lirica, promossa dall'associazione musicale Domenico Savino e dal Comune di Taranto, con il patrocinio della Regione Puglia ed in collaborazione con la Banca di Taranto. Alla conferenza stampa, in cui è stato illustrato il programma di appuntamenti dedicati all'opera lirica, hanno preso parte l'assessore comunale alla cultura Fabiano Marti, Pierpaolo de Padova e Paolo Cuccaro, referenti dell'Associazione musicale Domenico Savino ed il direttore artistico dell’intera rassegna Davide Dellisanti. 

Si comincia il 18 e 19 dicembre 2019, con il Rigoletto di Giuseppe Verdi (coro ed orchestra TarantOperaFestival, direttori Davide Dellisanti e Riccardo Serenelli, regia di Rosangela Giurgola, special guest i soprano Rasha Talaat (Il Cairo) ed Eriko Sumioshy (Giappone), premio alla carriera al tenore Vittorio Terranova. Si continua il 24 e 25 gennaio 2020, con Il Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini, coro ed orchestra TarantOperaFestival, direttore Mikhail Kirchhoff, regia Alberto Paloscia, special guest il baritono Domenico Colaianni. Il 26 e 27 febbraio, poi, saranno le date dedicate allo spettacolo “I tre tenori” - gran galà lirico. Il 13 e 14 marzo si concluderà con la Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni, coro ed orchestra TarantOperaFestival, direttori Davide Dellisanti e Stefano Romani e regia di Katia Ricciarelli.
Saranno tre le recite programmate per ogni opera: una pomeridiana (nella seconda giornata) con ingresso alle ore 15 e sipario alle ore 16 e due serali (in entrambe le giornate), con ingresso alle ore 20 e sipario alle ore 21. Sono state programmate, inoltre, alcune recite al mattino dedicate alle scuole, per portare bambini e ragazzi a teatro, con una formula originale che coinvolgerà i docenti e gli alunni all’interno dello spettacolo, per catturare l’attenzione dei piccoli studenti e far avvicinare loro all’opera lirica.
L’assessore comunale alla cultura Fabiano Marti ha spiegato che “c’è un grande impegno. Mi sembra che il progetto sia di altissimo valore qualitativo, con titoli molto conosciuti che potranno attirare tanta gente. La campagna abbonamenti è stata già avviata, sta andando molto bene, questo vuol dire che, come quest’estate, c’è grande voglia di lirica a Taranto, perché se ne è fatta sempre fino ad oggi troppo poca. Come amministrazione comunale non potevamo che essere accanto all’associazione Savino, mettendo a disposizione il teatro Fusco che - lo dimostrano questo ed altri progetti che stiamo presentando qui - è davvero diventato il centro culturale della città. Infine, abbiamo pensato al coinvolgimento delle scuole, perché, accanto al pubblico degli affezionati, credo si debba lavorare per costruire un pubblico nuovo in questa città, facendo leva sui ragazzi”. La lirica sarà raccontata loro dagli esperti e dai protagonisti, che si recheranno nelle scuole per stimolare gli stessi a recarsi a teatro.
“L’associazione musicale Domenico Savino di Taranto, nell’ottica di una continuità artistica e progettuale dedicata all’opera lirica, ha proposto un nuovo cartellone del Taranto Opera Festival, che vede la partecipazione di alcuni tra i nomi più noti del panorama lirico internazionale - dichiarano i referenti dell’associazione musicale Domenico Savino De Padova e Cuccaro -. Il progetto si arricchisce di nuovi contenuti riguardanti l’ avvicinamento e la formazione dei più giovani al mondo dell’opera e la collaborazione internazionale”. Sarà promosso, infatti, un protocollo d’intesa tra la Città di Taranto, la Corea del Sud e l’Università della Musica di Pechino. Il presidente dell’Istituto sudcoreano di cultura si recherà a Taranto per firmare il protocollo d’intesa che porterà diversi artisti asiatici nel capoluogo ionico, per perfezionare il loro percorso di formazione finalizzato alla partecipazione all’interno del cartellone artistico del Festival, creando così i presupposti per uno scambio culturale tra i due Paesi. Madrina del progetto di avvicinamento e formazione all’opera sarà Katia Ricciarelli che, “stregata dal calore che il pubblico del Festival le ha donato – spiegano gli organizzatori -, ha deciso di legarsi al nostro staff curando inoltre la regia di una delle opere che verranno proposte in cartellone”. Il progetto si caratterizza, infine, per la collaborazione con alcune grandi realtà musicali ed operistiche italiane, come il Teatro Goldoni di Livorno, l’accademia Beniamino Gigli di Recanati, il coro lirico di Lecce, l’orchestra sezione archi Oles di Lecce e l’istituto Paisiello di Taranto.
Per informazioni: associazione musicale Domenico Savino, via Cavour 24, Taranto, tel. 3392360993 oppure 3477242217; email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., sito internet: www.tarantoperafestival.it
Prenotazioni e biglietti: Teatro Fusco, via Ciro Giovinazzi 49, Taranto tel. 099.4581731.

Published in Spettacolo

OSTUNI (BR). Un importante appuntamento medico – scientifico di confronto, aggiornamento e formazione, articolato in due giorni, venerdì 11 (l’intera giornata a partire dalle 9) e sabato 12 ottobre (solo in mattinata) che, per il quarto anno consecutivo, si incontrano per discutere di malattie respiratorie e della loro incidenza sulla qualità di vita dei pazienti che ne sono affetti. 

“La pneumologia nella Città Bianca. Update in malattie respiratorie”: è questo il titolo del convegno in programma presso l’hotel Monte Sarago, che vedrà come responsabile scientifico il dottor Pietro Pierluigi Bracciale (direttore Uoc Pneumologia e Riabilitazione Respiratoria presso il presidio ospedaliero Ostuni – Asl Br) e come presidenti il professor Emilio Marangio e il dottor Giuseppe Valerio.
Tre sessioni di lavoro nella prima giornata e due nella seconda, per parlare di patologie ostruttive bronchiali, di pneumopatie interstiziali, di patologie infettive polmonari, di neoplasie del polmone, di insufficienza respiratoria, ma anche della personalizzazione del trattamento della Bpco (broncopneumopatia cronica ostruttiva), che può interagire con la scelta delle terapie e del device.
Una relazione sarà dedicata anche all’asma grave, di cui riferirà Pietro Schino, presidente regionale Sip, Società Italiana di Pneumologia. Parentesi dedicate anche all’approfondimento delle polmoniti comunitarie, del ruolo della radiologia secondo quelle che sono le linee guida, dell’ossigeno terapia e della pneumologia interventistica eco - guidata. Tra gli altri, interverrà anche Emmanuele Tupputi, coordinatore nazionale Sip.
“Obiettivo del congresso – fa sapere il dottor Bracciale - è quello di fare il punto sulle reali possibilità diagnostiche, terapeutiche, sulle possibilità applicative future in materia di malattie respiratorie per poter meglio comprendere l’insorgenza e il divenire delle malattie broncopolmonari e poter, di conseguenza, intervenire più precocemente e più efficacemente con iniziative sia di ordine preventivo che terapeutico”.
Una cinquantina, gli interventi, tra moderatori e relatori, che arrivano da ogni parte della Puglia, ma anche da: Catanzaro come Mario Sorgenti; da Siena come Piersante Sestini; da Piacenza (Cosimo Franco); da Parma (Angelo Casalini, Alfredo Antonio Chetta, Emilio Marangio, Dario Olivieri); da Napoli (Francesco De Blasio); da Brescia come Michela Bezzi e da Ancona come Stefano Gasparini.
Sabato 12 ci sarà anche una sessione unica dedicata a infermieri e fisioterapisti: referente scientifico il dottor Bracciale, presidente il dottor Vittorio Epifani. Sarà anche l’occasione per presentare l’Aiosp, Associazione italiana operatori sanitari in pneumologia.

Published in Sanità

“Ringrazio per l’ospitalità la trasmissione di Rai 3 andata in onda lo scorso lunedì sul tema delle scuole - fa sapere l’assessore alla pubblica istruzione Deborah Cinquepalmi - ma ho bisogno di fare alcune precisazioni che i tempi televisivi non mi hanno consentito di approfondire. La trasmissione ha scelto di raccontare la vicenda della sfortunata scuola Ungaretti del quartiere Paolo VI chiusa nel 2014 dalla Amministrazione Stefàno.

Ma già prima del 2014 quell’edificio non era più una scuola e gli alunni erano stati trasferiti nel plesso Falcone. Tutte informazioni note alla dirigente scolastica dell’istituto Falcone dove gli alunni della Ungaretti sono stati spostati. L’istituto Falcone oggi è una delle scuole più attive, dotata di laboratori ed attività all’avanguardia. E mi ha rammaricato sentire gli interventi della dirigente che additava questa amministrazione di colpe che non ha; rammarico  già manifestato privatamente alla preside. È molto facile dire che le scuole hanno bisogno di interventi di ristrutturazione e che ‘il Comune interviene dopo circa due mesi dalle segnalazioni’. Si punta il dito contro gli uffici tecnici senza comprenderne i meccanismi. Si manda una pec e si pretende un intervento immediato. Ma non esiste solo la scuola Falcone anche se effettivamente questa amministrazione e le precedenti hanno dato moltissime attenzioni a quella scuola.  Non vogliamo che si arrivi a parlare solo delle cose che vanno bene come fanno taluni che si concentrano solo sui lati positivi e non usano mezzi termini per parlare di eccellenza con riferimento a certificazioni come il “Cambridge” che nelle nostre scuole è la norma.
Ma deve essere chiaro che i nostri uffici tecnici ricevono decine di segnalazioni al giorno da tutti i plessi. Lavorano le segnalazioni e le graduano a seconda dell’urgenza. Non siamo una società privata, ogni intervento deve essere istruito, bisogna procedere secondo le norme, seguendo le procedure previste”.

“Le somme stanziate per l’edilizia scolastica da questa amministrazione - interviene l’assessore ai lavori pubblici Ubaldo Occhinegro - denotano la straordinaria attenzione che rivolgiamo al mondo della scuola ed  al benessere dei nostri ragazzi. E’ bene citare solo alcune cifre per comprendere l’immane lavoro degli uffici tecnici dei lavori pubblici nel reperimento delle risorse da vari filoni di finanziamento e nell’intervento immediato per assicurare il regolare svolgimento delle lezioni nei vari plessi. I Finanziamenti attualmente in itinere per l'edilizia scolastica al Comune di Taranto sono di varia natura: si è ottenuto un importante finanziamento dalla Regione Puglia - piano triennale di edilizia scolastica 2018/2020 che riguarda tre progetti di riqualificazione finalizzati all'adeguamento alle norme antincendio, impiantistiche e di abbattimento delle barriere architettoniche per un totale di €. 2.475.000 sulle scuole Viola, Pirandello e Battisti. Inoltre è in atto un finanziamento MIUR  per ulteriori interventi di adeguamento sismico della scuola Alfieri per € 700.000 a cui si aggiungono € 2.000.000 (mutuo a carico bilancio comunale) per un totale di € 2.700.000. Ancora, si è ottenuto un ulteriore finanziamento del MIUR per l’adeguamento antincendio di € 50.000 + € 110.000 di cofinanziamento a carico del bilancio Comunale (importo intervento totale € 160.000) per il progetto adeguamento per la scuola XXIV Circolo Sant.Egidio /Tramontone. In ultimo è stato ottenuto un contributo  MISE di € 210.000 (Decreto Crescita), per un importante intervento di adeguamento  antincendio per le scuole Carrieri e Lorenzini.
Oltre ai grandi progetti di adeguamento dei plessi scolastici vetusti e mai messi a norma, il comune promuove interventi di  manutenzione straordinaria con fondi di bilancio Comunale: a tutto agosto 2019 sono stati eseguiti lavori per € 438.000 su 15 edifici scolastici, su richiesta dei dirigenti. Attualmente sono in corso ulteriori interventi per € 1.238.453 (fondi di bilancio Comunale) di cui € 900.000 solo sulle scuole Rodari, Frascolla, Battisti e Vico, Deledda e De Carolis.
Sono inoltre in programma ulteriori due gare di appalto per la messa in sicurezza e adeguamento normativo per le scuole Colombo e Pirandello per un totale di € 735.000, finanziati con mutuo cassa Depositi e Prestiti già acquisito.
In conclusione questa amministrazione ha, negli scorsi anni, stanziato in bilancio comunale per l'edilizia scolastica € 1.120.000 nel 2018;  € 1.525.000 nel 2017.
Solo l’IC Pirandello ha ricevuto, negli scorsi anni, interventi per 1.100.000 e riceverà nell’immediato futuro ulteriori 860.000 – 100.000 euro”.

“Questi dati - prosegue l’assessore Cinquepalmi - sono solo una minima parte di tutti gli interventi che vengono eseguiti con cadenza giornaliera. Dalla manutenzione del verde, ai piccoli e grandi ripristini, alle migliorie che cerchiamo di apportare alle scuole.

Dobbiamo disabituarci a puntare il dito contro il “pubblico”. Ognuno di noi faccia la sua parte, senza piangersi addosso. Ne gioverà l’immagine della città che vuole rinascere e ha messo in moto una serie di interventi di grande respiro per economia, strutture, edifici storici e non.

Per quanto riguarda ciò che è rimasto dell’edificio che ospitava la Ungaretti, il comune metterà a bando la struttura e indicherà destinazione d’uso; al momento più di una le possibilità che stiamo valutando.

Riguardo alle scuole dei Tamburi si ribadisce, infine, che la zona della collinette ecologiche attigua agli edifici scolastici è stata messa in sicurezza (attività propedeutica alla bonifica) da Ilva in As su autorizzazione  della Procura della Repubblica e sotto la vigilanza degli organi di controllo”.

Published in Politica

Presto in aula testo di legge su riordino settore ittico

“Comprendiamo il sentimento di esasperazione che il comparto della pesca sta provando, anche alla luce di un disinteresse politico che è perdurato per anni comportando grosse problematiche soprattutto per decisioni comunitarie, ma le manifestazioni di protesta devono mantenere i giusti toni e mai degenerare, come avvenuto ieri a Bari da parte di una piccola minoranza.”

Così intervengono il deputato Gianpaolo Cassese e la deputata Francesca Galizia, componenti del M5S in Commissione Agricoltura, in merito alla sentita protesta dei pescatori pugliesi che si è svolta ieri a Bari in cui sono stati feriti due agenti delle forze dell’ordine.

“Sappiamo che gran parte delle richieste avanzate dal comparto dipendono dall’Unione Europea e dai suoi regolamenti, dunque agiremo con il massimo dell’impegno per portare le istanze dei nostri pescatori sui tavoli comunitari, ma ciò necessita, ovviamente, di tempi più lunghi. Sia chiaro che questo non può essere un alibi per disimpegnarci a livello nazionale. Abbiamo seminato molto in questi anni ed abbiamo in campo importanti iniziative che intendiamo potenziare” proseguono.

“Vogliamo ricordare che grazie agli emendamenti inseriti nel testo di conversione in legge del Decreto Emergenze Agricole dal neo-sottosegretario L’Abbate, allora deputato in Commissione Agricoltura, nei mesi scorsi siamo intervenuti sull’annoso problema del sistema delle sanzioni vessatorie e sproporzionate, fortemente contestate dalle marinerie, adeguando e commisurando in maniera proporzionale il valore tra il danno e la multa, ed abbiamo tenuto la barra ferma sul contrasto alla pesca illegale” aggiungono i deputati pugliesi.

“Un passaggio importante sarà quello del testo di legge sulla riforma ittica, sempre a prima firma L’Abbate, che a dicembre approderà in Aula. L’obiettivo di questa legge è dare una risposta organica e concreta al mondo della pesca, strategico per l'economia di molte aree del nostro Paese, puntando su semplificazione, tutela del reddito e competitività. Vogliamo rilanciare un settore produttivo anche attraverso la sostenibilità del lavoro e dei lavoratori e garantire ammortizzatori sociali che, attraverso una adeguata copertura, puntiamo a rendere stabili. Ovviamente la discussione parlamentare che accompagnerà l’iter fino alla sua approvazione – precisano - potrà essere l’occasione per inserire eventuali nuove richieste che ci arriveranno dal settore”.

“Investire su crescita, tutela dei redditi, sicurezza sul lavoro, modernizzazione e innovazione sono parole che stiamo provando a riempire di contenuti e concretezza anche per quanto riguarda il comparto ittico che potrà continuare a contare sulla nostra massima attenzione” concludono i due parlamentari.

Published in Politica

La Fondazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica ADI promuove ogni anno dal 2001, il 10 Ottobre, una giornata nazionale di sensibilizzazione nei confronti dell’Obesità denominata ‘Obesity Day’.
L’obiettivo è quello di orientare in modo corretto l’attenzione dei mass-media, dell’opinione pubblica e anche di chi opera in sanità, da una visione estetica ad una salutistica dell’Obesità.
Le finalità dell’Obesity Day sono: sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti dell’Obesità; far conoscere l’attività dei Servizi di Dietetica all’interno e all’esterno della struttura sanitaria di appartenenza; comunicare un messaggio forte sul ruolo dei servizi ai mass-media, opinione pubblica e management dell’Aziende Sanitarie attraverso la semplicità del messaggio, non trascurando la scientificità e la possibilità di approfondimenti mirati.
L'Obesity Day prevede l'apertura al pubblico dei centri (circa 200, fra strutture ospedaliere, cliniche e Asl) e la disponibilità gratuita degli esperti Adi che forniranno consigli su come prevenire e curare i problemi di peso. Anche Taranto ha risposto favorevolmente a tale iniziativa e organizzando per oggi 10 ottobre, dalle 10.30 alle 12.30 al Padiglione Vinci, piano rialzato, presso l'Ambulatorio di Endocrinologia, un incontro con le Dietiste che saranno a disposizione per valutazioni antropometriche (peso, altezza, indice di massa corporea) e consegna di un opuscolo con suggerimenti utili per effettuare correttamente una dieta.

 

Published in Sanità

In merito al doloroso evento verificatosi a Trieste che vede la Polizia di Stato  colpita al cuore, il coordinamento cittadino Fratelli d'Italia,  vuole esprimere  la vicinanza a tutte quelle persone che diuturnaménte si prodigano nel complicatissimo e pericoloso compito di assicurare la sicurezza del cittadino.
La nostra esternazione di cordoglio desideriamo esprimerla con un raduno e la deposizione di una corona di alloro al monumento in onore dei caduti. Esortiamo la presenza di quanti si sentono partecipi e vicini a questo dolore. "Inutile dire  - concludono in un pacato  e costernato comunicato - che saremmo onorati della vostra presenza"

 

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk