Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giovedì, 17 Ottobre 2019

Tra il 10 e l' 11 Ottobre, a seguito di diversi confronti tra la parte datoriale e sindacale, si sono concretizzate le nuove stabilizzazioni a seguito dell’accordo di Clausola Sociale per cambio di appalto per la commessa Enel Mercato Libero, che ha previsto il passaggio di tutta la forza lavoro da Teleperformance Taranto alle nuove aziende System House - System Data Center che opereranno in maniera sinergica come ormai da prassi consolidata sul territorio nazionale.

Per il componente della Segreteria FISTel CISL Puglia e Coordinatore nazionale Fistel Cisl Teleperformance Gianfranco Laporta "si è trattato di un passaggio delicato che ha dato vita anche a momenti di tensione che il sindacato ha gestito garantendo le migliori condizioni possibili, mantenendo saldo il perimetro dei diritti acquisiti negli anni dagli ex lavoratori Teleperformance (per alcuni di essi restano delle problematiche con l'ormai ex azienda che affronteremo insieme) come il mantenimento dell’Articolo 18, gli scatti di livello, anzianità di servizio, il monte ore individuale, oltre che alla stabilizzazione contrattuale a tempo indeterminato diretto con System House - System Data Center di tutti i somministrati in staff leasing impiegati sulla commessa (oltre 100 lavoratori). Inoltre come FISTel CISL stiamo consegnando ai nostri colleghi una nuova struttura sindacale che in questi giorni ha già dimostrato di essere all'altezza di affrontare nel migliore dei modi questa nuova sfida".

Rispetto al tema delle assunzioni di tanti giovani, il Coordinatore comunicazione e giovani FISTel CISL Puglia e RSU Teleperformance Giancarlo Caracciolo ha evidenziato la plurifunzionalità di tale operazione: "garantendo oltre cento contratti a tempo indeterminato ad un bacino di persone dalla "bassa" età media, si da vita a qualcosa a cui questa città ha smesso di essere abituata. Oltre 100 lavoratrici e lavoratori stanno acquisendo finalmente una stabilità lavorativa, al sud e in particolare in una città come Taranto che troppo spesso fa partire ragazzi e adulti, e in un settore come quello dei Contact Center appartenente al mondo TLC, basato quindi sulla green economy, un modello di sviluppo che non può più essere considerato il futuro ma deve essere considerato il presente per il tessuto lavorativo di questo territorio".

Published in Cronaca sindacale

L’attività si inserisce nel programma di promozione del Consorzio di Tutela. Dodici i giornalisti internazionali provenienti da ogni parte del mondo dal 21 al 24 ottobre

Arrivano da ogni parte del mondo – Brasile, Germania, Stati uniti, Canada, Corea del Sud, Cina e Giappone - che, dal 21 al 24 ottobre, approderanno nel territorio del Primitivo di Manduria.

La stampa, accuratamente invitata da Gambero Rosso International, per tre giorni avrà modo di acquisire un mix di nozioni tra storia, tradizione e gusto e farsi ambasciatori dell’autenticità del Primitivo di Manduria che negli ultimi anni ha puntato sempre di più su qualità, innovazione e tradizione. I giornalisti avranno l’opportunità di scoprire il territorio della doc con un percorso tra terra e mare per degustarne la variegata produzione enologica a Denominazione di origine. Un’attenzione particolare sarà rivolta anche alla enogastronomia con laboratori di cucina, alle bellezze paesaggistiche e architettoniche e alle ricchezze artigianali.

Il programma, che prevede la visita in alcune aziende, si concentrerà anche su degustazioni tecniche e seminari ad hoc. Insomma un vero e proprio un tour esperienziale con un focus sulle nuove tecnologie ecosostenibili e a tutela della biodiversità.

“L’attività di incoming rientra nel programma di promozione del Consorzio di Tutela. – afferma il presidente Mauro di Maggio - Per far capire cosa si cela davvero dietro la nostra doc, è importante sapersi raccontare e promuoversi con metodo e competitività. La comunicazione gioca infatti un ruolo strategico per consolidare la cultura del made in Italy nel mondo, soprattutto in settori chiave per il nostro Paese come quello vitivinicolo, dove l’Italia riveste ruoli di primo piano”.

 

Published in Cronaca

Avviata una collaborazione forte per contribuire a ristabilire le corrette regole di mercato per le nostre imprese del commercio e dell’artigianato

I vertici di Confartigianato, presenti il Presidente Provinciale Domenico D’Amico ed il Segretario Fabio Paolillo, hanno incontrato presso la Questura di Taranto il Questore dott. Giuseppe Bellassai.
È stata l’occasione – dichiara il Presidente D’Amico - per consegnare al Dott. Bellassai uno dei nostri riconoscimenti più preziosi, la targa dell’ORGOGLIO ARTIGIANO, per il grande impegno che sta profondendo ed i risultati eccellenti già raggiunti nell’esercizio delle funzioni di Questore. La sua azione ha contributo, in questi mesi, a rafforzare il sentimento di fiducia e di sicurezza dei cittadini, delle imprese, della comunità tutta nei confronti delle Istituzioni.
Stiamo seguendo con particolare attenzione e soddisfazione – prosegue D’Amico – l’impegno delle Forze dell’Ordine e della Questura nel ristabilire l’ordine pubblico e le corrette regole di mercato nel nostro territorio.
Da sempre, Confartigianato ritiene estremamente importante collaborare con chi, lavorando in maniera professionale e con passione, contribuisce a tenere alto il valore delle Istituzioni, svolgendo un servizio fondamentale per tutta la collettività, per l’ordine e la sicurezza della popolazione.
Il quadro delle criticità con cui devono fare i conti gli artigiani e gli imprenditori in provincia di Taranto è piuttosto ampio. La crisi è forte, soprattutto in settori specifici come il commercio, l’autotrasporto, l’edilizia e l’impiantistica. Quest’ultime, in particolare, oltre alle difficoltà della recessione, hanno fatto e devono fare i conti con un numero crescente di “visite” ai cantieri, oggetto di furti. Non è più possibile lasciar nulla d’incustodito, nemmeno per la pausa pranzo. Attrezzature e strumenti in particolare, se non vengono chiusi per bene (i ladri ormai entrano ovunque), sono destinati a sparire con danni che, sommati a fine anno, comportano perdite non banali per le nostre imprese.
Ci piace evidenziare – continua D’Amico - l’ottimo lavoro profuso in questi ultime settimane dalla Polizia Stradale in tema di contrasto all’esercizio abusivo dell’attività di autoriparatore, problema assai sentito dagli operatori regolari, che sono costretti a lavorare in un mercato fuori controllo. Il Questore Bellassai ci ha dato la massima attenzione e disponibilità e quindi siamo certi che proseguirà l’impegno della Polizia di Stato nel contrasto a tutte le forme di abusivismo. Per questo, Confartigianato non solo è al fianco della Questura ma è pronta a svolgere un ruolo di coordinamento delle segnalazioni da verificare prontamente. Analoghi problemi si hanno, altresì, in altri settori importanti come, ad esempio, quello dell’estetica, dell’acconciatura, dell’impiantistica e dell’edilizia.
Abbiamo quindi ritenuto utile e necessario unire le sinergie – commenta il Segretario Paolillo - iniziando percorsi di collaborazione con specifici incontri con gli imprenditori in tema di sicurezza e la creazione di meccanismi agibili per la segnalazione di situazioni anomale.
Il nostro è un territorio operoso, con tante piccole imprese che mantengono anche la coesione sociale, imprese che magari possono svolgere un ruolo di sentinella della legalità.
Inoltre abbiamo convenuto di promuovere a breve un evento, vedremo di farlo in Camera di Commercio, nel corso del quale il Questore di Taranto illustrerà ai rappresentanti delle categorie economiche la situazione attuale nella nostra provincia, le criticità riscontrate, le misure adottate ed i presidi posti in essere da parte delle forze dell’ordine per la tutela dei cittadini ed imprese, i consigli specifici da trasferire alle aziende, per aiutare gli imprenditori a porre in essere interventi atti a salvaguardarli dai possibili rischi che possono nuocere alla loro sicurezza.

Published in Cronaca

Inaugurata stamane  la Fiera del mare a Taranto, è stato tagliato il nastro alla presenza del Sindaco Melucci, del Presidente della Provincia, Gugliotti, e dei colleghi consiglieri regionali Gianni Liviano e Giuseppe Turco, oltre al sottoscritto.

A distanza di 73 anni, Taranto recupera la tradizione storica della Fiera, la cui prima edizione fu inaugurata il 14 agosto del 1946 dall’allora Presidente della Repubblica, Enrico De Nicola, e che oggi si propone di restituire alla nostra città il ruolo di capitale del Mediterraneo.

La Fiera si svolge al Molo Sant’Eligio ed è organizzata e sostenuta dalla Regione Puglia, con il patrocinio del Comune di Taranto. L’area espositiva ospiterà convegni dedicati allo sviluppo sostenibile del territorio, passando per lo sviluppo costiero. Vi saranno, inoltre, stand espositivi legati alla nautica, all’accessoristica di settore, al mondo del mare e dei motori, allo sport, gastronomici.

Il calendario di eventi prevede anche l’elaborazione di un’idea di sviluppo di politiche di innovazione nel settore della salute, finalizzate a tutelare, nel tempo, appunto il bene salute a vantaggio dell'individuo e nell'interesse della collettività.

La prima sessione, programmata nella mattinata di domani, è dedicata alla nautica italiana e al suo sviluppo anche in ambito internazionale. La seconda sessione, che si svolge nel pomeriggio di domani, tratta dell’innovazione nel campo della Blue Economy, per la valorizzazione del territorio e delle sue risorse.

A sua volta, la giornata del 19 ottobre sarà focalizzata nella promozione della filiera di valore che il Programma Regionale “Apulian Life Style: per una lunga vita felice” genera nella prospettiva di promuovere un consumo consapevole di alimenti tipici e salubri, come il pesce e in genere i prodotti ittici.

Agli stakeholder del settore e anche ad una comunità di funzionari internazionali provenienti da 11 Paesi del Mediterraneo saranno presentate le azioni per un’itticoltura di qualità e gli impegni per uno sviluppo sostenibile dell’area tarantina. Sappiamo tutti che uno dei più diffusi rifiuti presenti sui fondali e lungo le coste dei mari sono le calze in plastica (reti da cozze) utilizzate nelle attività di mitilicoltura e in genere gli attrezzi derivanti dall’attività di pesca.

Questa tipologia di rifiuti può essere molto dannosa per l’ecosistema e avere delle ripercussioni sulla salute, poiché la plastica si degrada in frammenti che entrano nella catena alimentare. È necessaria una campagna di sensibilizzazione rivolta agli imprenditori ittici per continuare con la bonifica dei fondali prevedendo la trasformazione e il riutilizzo delle calze in plastica scarto della mitilicoltura, realizzando appositi centri di raccolta; occorre anche individuare nuove tecnologie e materiali innovativi per sostituire le reti in polipropilene, nell’ottica dell’economia circolare.

Tornare capitale del bacino del Mediterraneo, a cui guardare come esempio di sostenibilità, è l’obiettivo della Città e del territorio. Taranto non deve e non può identificarsi con il grande stabilimento siderurgico, ma è pronta a valorizzare le sue risorse paesaggistiche, turistiche e di economia sana.

Published in Politica

"Con l'inaugurazione di questa mattina abbiamo riportato a Taranto un evento storico che fa recuperare una tradizione che permette di traguardare prospettive di diversificazione economica”.
Così il consigliere regionale Gianni Liviano subito dopo il taglio del nastro inaugurale della Fiera del Mare che si terrà dal 17 al 20 ottobre (ore 10/18} negli spazi del Molo Sant’Eligio, in città vecchia.
"Vogliamo proporre - ha aggiunto il consigliere regionale tarantino - una visione che promuova e sostenga, il necessario cambiamento delle direttrici di sviluppo della città e del territorio circostante, restituendo alla comunità, cittadini e operatori economici, la dimensione del futuro, della salute, della sostenibilità ambientale, del valore culturale, dell’innovazione e dello sviluppo delle risorse e dei fattori competitivi locali. Mare, ambiente, narrazione della comunità e innovazione: questi gli architravi sui quali costruire un'offerta formativa completa, di eccellenza e competitiva in grado di far registrare alla città un salto di qualità. In quest'ottica si inquadra la realizzazione di questo progetto. È, indubbiamente, in primo tassello di una rete più ampia che va costruita e condivisa silla strada dello smarcamento della monocultura dell'acciaio. Abbiamo bisogno di restituire alla città il senso di comunità e, soprattutto - conclude Liviano - di porre un freno all'esodo dei nostri ragazzi che lasciano la città per proseguire gli studi in altre realtà. E questo possiamo ottenerlo soltanto ampliando, come del resto sta avvenendo, l'offerta formativa".

Published in Politica
Giovedì, 17 Ottobre 2019 15:07

Ecco la “Fiera del Mare”

Inaugurata l’importante manifestazione con obiettivo la Valorizzazione della Risorsa Mare. Per quattro giorni, con ingresso gratuito, al Molo Sant’Eligio una esposizione con 50 stand dedicati al mare, alla enogastronomia e alle Istituzioni. Questa mattina il presidente del Molo Sant'Eligio ha offerto una pregiata degustazione del Primitivo dell'Ammiraglio della Cantina Oreste Tombolini, degustazione molto apprezzata dagli illustri ospiti. Domani si ripete con un altro pregiato  brindisi dedicato agli ospiti dell'International Forum “Blue economy: volano per lo sviluppo competitivo del territorio”, con il vino di punta Brandisio 2012.

 

 La risorsa MARE in tutte le sue declinazioni, come asset fondamentale per disegnare un nuovo modello di sviluppo economico di Taranto e del suo territorio, capace di superare la monoculturale industriale degli ultimi sessant’anni.

Questo è stato il leit motiv delle dichiarazioni dei tanti rappresentanti istituzionali e autorità che, accolti da Antonio Melpignano, Presidente del Molo Sant’Eligio, sono intervenuti all’inaugurazione della “Fiera del Mare”, svoltasi questa mattina (giovedì 17 ottobre) al Molo Sant’Eligio di Taranto, nel cuore del Centro storico del capoluogo jonico.
L’evento è organizzato e sostenuto dalla Regione Puglia e da PugliaPromozione con il patrocinio del Comune di Taranto.
È stato Cosimo Borraccino, Assessore regionale allo Sviluppo economico che ha fortemente voluto che la manifestazione si tenesse nel capoluogo jonico, a tagliare il nastro inaugurando così la Fiera del Mare; in seguito don Emanuele Ferro, portavoce della Curia e Parroco della Basilica Duomo San Cataldo, ha impartito la benedizione.

All’inaugurazione sono intervenuti Giuseppe Bellassai, Questore di Taranto, il Colonnello Luca Steffensen, Comandante Provinciale Carabinieri, e il Colonnello Massimo Dell’Anna, Comandante provinciale della Guardia di Finanza.
Oltre all’Onorevole Ubaldo Pagano, erano presenti il Consigliere regionale Gianni Liviano che, con un suo emendamento nella Legge di bilancio 2019, ha contribuito significativamente alla realizzazione della manifestazione, il Consigliere regionale Giuseppe Turco, il Presidente della Provincia e Sindaco di Castellaneta Giovanni Gugliotti, il Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e l’Assessore comunale Gianni Cataldino, e i Sindaci di Crispiano Luca Lopomo, di Maruggio Alfredo Longo, di Torricella Michele Schifone e di Faggiano Antonio Cardea.
Sono intervenuti Giuseppe Danese, Presidente Distretto Produttivo pugliese della nautica da diporto, Antonio Marinaro, Presidente Confindustria Taranto, Paolo Campagna, Presidente ANCE Taranto, e il sindacalista UIL Aldo Pugliese.

Fino a domenica 20 ottobre al Molo Sant’Eligio sarà aperta al pubblico (l’ingresso è gratuito, sabato e domenica fino alle ore 20.00) una grande area espositiva con 50 postazioni: 24 stand sono di aziende del settore nautico, compresi sport e accessoristica, mentre due saranno dedicati ai motori nautici e 9 ai produttori e commercianti di imbarcazioni.
Particolarmente ricca è l’offerta dell’area food & beverage in chiave pugliese, con 10 stand che presenteranno le eccellenze enogastronomiche del “Made in Puglia”. L’area istituzionale comprende 4 stand delle Forze Armate e delle Forze dell’Ordine e, inoltre, uno stand del Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MarTA.

Saranno quattro giornate di eventi, laboratori, cultura e convegni dedicati alla blue economy e alla sostenibilità ambientale, con forum dedicati allo “sviluppo competitivo del territorio”, passando per lo “sviluppo costiero”.
Tra i numerosi appuntamenti si segnala (DOMANI venerdì 18 ottobre, inizio 9.30) l’International Forum “Blue economy: volano per lo sviluppo competitivo del territorio”, un grande evento organizzato dalla Sezione Internazionalizzazione della Regione Puglia, con il supporto di Puglia Sviluppo, ed in collaborazione con Il Distretto Pugliese della Nautica da diporto.
Un Forum Internazionale dedicato al tema della Blue Economy che intende costituire un’importante occasione di confronto e dibattito sulla economia del mare come il volano per lo sviluppo del territorio, a partire da quello di Taranto, e sul potenziale derivante dalla corretta ed innovativa gestione delle risorse del mare, grazie all’intervento di esperti del settore nonché rappresentanti del mondo politico ed imprenditoriale, impegnati nel vasto campo della Blue Economy.
Il Forum prevede la presenza dei rappresentanti di Istituzioni legate alla Blue Economy a livello nazionale e regionale, associazioni ed istituti di ricerca attive nel settore, dei distretti produttivi, delle PMI italiane operanti nei settori della nautica da diporto, del turismo marittimo, e negli altri comparti del settore nonché di alcuni rappresentanti dei Paesi europei che presenteranno le proprie esperienze legate alla Blue Economy.
Dopo i saluti istituzionali i lavori si svilupperanno per l’intera giornata in due sezioni: la mattina “La nautica italiana: traiettorie di sviluppo internazionale” e il pomeriggio “Innovazione nel campo della blue economy per la valorizzazione del territorio. Best practices ed esperienze a confronto”. Le conclusioni saranno di Cosimo Borraccino, Assessore regionale allo Sviluppo economico.

International Forum

“Blue economy: volano per lo sviluppo competitivo del territorio”

09.30

Registrazione dei partecipanti

10.00
Apertura dei lavori
Introduce
Giuseppe Pastore Dirigente Sezione Internazionalizzazione Regione Puglia

Saluti istituzionali
Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia
Cosimo Borraccino, Assessore allo Sviluppo Economico, Regione Puglia
Rinaldo Melucci, Sindaco di Taranto
Giovanni Gugliotti, Presidente della Provincia di Taranto
Giovanni Liviano D’Arcangelo, Consigliere Regione Puglia
Salvatore Vitiello, Ammiraglio Comandante del Comando Marittimo Sud della Marina Militare
Luigi Sportelli, Presidente della Camera di Commercio di Taranto
Fedele Moretti, Presidente, Ordine degli Avvocati di Taranto
Antonio Melpignano, Presidente, Consorzio Mari di Taranto

10.45
I Sessione - La nautica italiana: traiettorie di sviluppo internazionale

Introduce e modera
Roberta Caragnano, ATINER - CEMA – International Black Sea University

Intervengono

Giuseppe Danese, Presidente, Distretto Produttivo pugliese della Nautica da Diporto
Il Distretto Pugliese della Nautica da diporto tra internazionalizzazione, innovazione e potenzialità del turismo nautico e nuove figure professionali

Renato Marconi, Presidente, Marinedì: Lo sviluppo di una rete portuale mediterranea di Marina interconnessi e con standard di qualità
Sergio Prete, Presidente Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio: Il sistema portuale al centro dello sviluppo economico regionale
Matteo Italo Ratti, Presidente, Consorzio Marine della Toscana:  SMART MARINAS Innovazione tecnologica ed internazionalizzazione dell’offerta delle infrastrutture portuali turistiche

15.00
II SessioneInnovazione nel campo della blue economy per la valorizzazione del territorio. Best practices ed esperienze a confronto

Introduce e modera
Stefano Piraino, Università del Salento

Intervengono
Giuseppina Antonaci, Presidente, Fondazione ITS Iota Sviluppo Puglia:  Le sinergie tra porto e territorio in una logica di sviluppo della destinazione turistica e nell'ottica dell 'Alta Formazione specialistica
Silvio Busico, Presidente, Fondazione ITS per la Logistica: Internazionalizzazione e logistica 4.0: le buone pratiche per rafforzare la competitività della filiera blu
Antonio Errico, Presidente, Associazione Magna Grecia Mare : Porto Museo di Tricase - investiamo in cultura e natura nel Mediterraneo – Ecomuseo di Venere
Giovanni Fanelli, Ricercatore, Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di ricerca sulle acque (CNR-IRSA): Produzioni marine: innovazioni per un’economia locale ecosostenibile
Antonella Leone, Ricercatrice, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di scienze delle produzioni alimentari (CNR-ISPA)
Stefano Piraino, Presidente Consiglio Didattico di Biologia, Dipartimento di Scienze Tecnologie Biologiche ed Ambientali, Università del Salento: Le meduse del Mediterraneo: problema ambientale o risorsa alimentare?
Antonella Petrocelli, Ricercatrice, Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di ricerca sulle acque (CNR-IRSA): Biorimediazione nel Mar Grande di Taranto: il progetto REMEDIA-LIFE+

18.00
Conclusioni
Cosimo Borraccino, Assessore allo Sviluppo Economico, Regione Puglia

Published in Cronaca

Con il lancio di NEF Ethical Global Trends SDG, un fondo azionario globale che va ad arricchire la gamma etica di NEF costituita da un fondo obbligazionario e due bilanciati con profili di rischio differenziati, Cassa Centrale porta a quattro i prodotti della linea “Ethical”, che raccoglie ad oggi 600 milioni di Euro (su un ammontare complessivo del fondo di 3,6 miliardidi Euro).

Bari – Si è svolta nei giorni scorsi a Bari, presso l’Hotel Parco dei Principi, la sesta tappa del Roadshow di presentazione del nuovo fondo azionario globale, poi conclusosi il 16 ottobre a Roma, dopo aver toccato tutte le altre sedi territoriali del Gruppo Cassa Centrale. L’offerta di finanza etica – attualmente composta da un fondo obbligazionario (NEF Ethical Total Return Bond) e da due bilanciati (EthicalBalanced Conservative e EthicalBalancedDynamic) – si arricchisce con uno strumento finanziario innovativo: NEF Ethical Global Trends SDG.
“Non è casuale la scelta del claim associato al fondo – afferma Enrico Salvetta, Vice Direttore Generale Vicario di Cassa Centrale Banca e Direttore dell’Area Finanza – «Investire nel futuro che vorremmo». Il futuro del pianeta e la sostenibilità del nostro agire sono temi strettamente connessi, e rappresentano le sfide più importanti che tutti dobbiamo porci l’obiettivo di superare negli anni a venire. Le Banche di Credito Cooperativo hanno l’etica nel dna da sempre e il fatto di trasporre questo modo di essere sia facendo crescere in modo sostenibile l’economia dei nostri territori, sia ponendo l’eticità come principio alla base del nostro modo di investire, è solo una conseguenza della nostra natura”.
Il nuovo comparto – gestito in delega dalla società di asset management britannica Niche AM – prevede la selezione di aziende che sappiano cogliere i trend innovativi e conformi ai criteri ESG (Environment, Social e Governance). L’obiettivo è favorire la crescita del capitale a lungo termine, investendo principalmente in società quotate nelle borse mondiali, con l’acquisto di azioni emesse da aziende con profili ESG di alta qualità, che contribuiscono al contempo al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) definiti dall’ONU.
“I trend in cui sono coinvolte le società selezionate sono diversi e tutti vitali – afferma Massimo Baggiani, gestore del fondo – energie rinnovabili, smaltimento dei rifiuti, eliminazione di plastica e cemento, riciclo dell’acciaio, lotta contro i tumori, alimentazione responsabile, miglioramento delle condizioni degli anziani, sostenibilità delle città, mobilità elettrica, nuovi strumenti inclusivi di educazione, miglioramento della comunicazione, trasparenza nell’informazione e molti altri. È su questi cambiamenti che, assieme a NEAM, abbiamo deciso di improntare lo stile di gestione del fondo, affiancandolo ad un rigido approccio fondamentale e value per l’analisi e la selezione delle società e a una strutturazione del prodotto chiara, trasparente e leggibile per l’investitore”.
Con il collocamento del nuovo fondo, il Gruppo Cassa Centrale contribuirà al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile concordati dall'Organizzazione delle Nazioni Unite nell’Agenda 2030,il grande piano d’azione firmato dai governi dei 193 paesi membri che mira a risolvere un’ampia gamma di problemi riguardanti lo sviluppo economico e sociale del mondo nei prossimi 10 anni.
Il Gruppo Cassa Centrale si posiziona al settimo posto su scala nazionale per collocazione di prodotti finanziari in questo comparto. Le strategie etiche di NEF capitalizzano oggi 600 milioni di Euro (su un totale complessivo del fondo di 3,6 miliardi di Euro) e hanno l’ambizione di diventare sempre più centrali nell’ambito dell’attività di collocamento delle Banche del Gruppo, coerentemente con i principi che governano la mutualità del credito cooperativo.
Grazie alla crescita delle masse nella finanza etica, la società di gestione NEAM non contribuisce soltanto al buon esito dell’Agenda 2030;finanzia anche alcuni progetti di carattere solidaristico a livello nazionale ed internazionale:Il primo – storico – è il sostegno ad una cooperativa che opera sul lago di Garda e che gestisce una barca a vela adattata per poter ospitare persone disabili. Il secondo – su scala internazionale – riguarda la partnership con Save the Children, ormai al quarto anno. Per il 2019 il supporto sarà dedicato a un'iniziativa con la quale la ONG si prefigge di contrastare i fattori che favoriscono la povertà minorile nonché di prevenire la povertà educativa nei contesti di particolare vulnerabilità.

 

Published in Cronaca

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk