Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Lunedì, 09 Dicembre 2019

L'on. De Giorgi chiede chiarimenti sul Freccia Rossa Taranto-Milano

Garanzie sia sull'incremento dei collegamenti fra Puglia e Roma con treni maggiormente efficaci e veloci, sia sulla sostituzione dei “Freccia Argento” con vagoni più confortevoli, più affidabili ed adeguati alle esigenze dei cittadini.

E' quanto emerso, in estrema sintesi, dall'audizione dell'amministratore delegato di Trenitalia Spa, Oronzo Iacono tenuta ieri mattina in Commissione Trasporti della Camera.
Proprio in riferimento alle iniziative che l'azienda intende intraprendere per il Meridione, il manager è stato sollecitato dai parlamentare del M5S Emanuele Scagliusi (capogruppo della stessa Commissione) e Rosalba De Giorgi a fornire chiarimenti sulla possibile soppressione per questioni economiche del “Freccia Rossa” Taranto-Milano, che parte dal capoluogo ionico alle 05.50.
In particolare, la deputata De Giorgi ha chiesto di capire come mai Taranto, ritenuta strategica a livello nazionale soprattutto dal punto di vista industriale, stia subendo da anni una sorta di “isolamento ferroviario” che sarebbe ulteriormente aggravato qualora il “Freccia Rossa” in questione dovesse veder modificata la sua stazione di partenza e di arrivo (diverrebbe quella di Metaponto). A giudizio della De Giorgi, si sarebbe di fronte ad una vera e propria penalizzazione che un territorio come quello tarantino non merita assolutamente di dover patire.
Nel replicare alla domanda e precisando che in questo caso Trenitalia è per adesso solo “spettatrice interessata”, l'ad Iacono ha sostenuto che “si è in attesa dell'esito della trattativa fra Regione Basilicata e Regione Puglia affinché ci sia la conferma anche per il prossimo anno del “Freccia Rossa” Taranto-Milano.”
“Stiamo aspettando – ha proseguito il manager di Trenitalia - che la Basilicata ci formalizzi la richiesta di sottoscrivere il contratto per la sola tratta Salerno-Metaponto-Taranto, che avverrà nel momento in cui le due Regioni condivideranno le risorse disponibili confermando di nuovo l'estensione del servizio da Metaponto a Taranto.”
Un chiarimento che però non ha soddisfatto completamente i due deputati del M5S e che, soprattutto, non risolve un problema che pare essere esclusivamente legato ad un accordo regionale il cui esito, al momento, nessuno è in grado di prevedere. In ogni caso, Scagliusi e De Giorgi auspicano che la Basilicata e la Puglia raggiungano prima possibile un'intesa sulla questione in modo di non penalizzare i cittadini di Taranto.

 

Published in Politica

Nello scorso 28 Novembre si è svolto il Consiglio Comunale a Carosino: nell’intento di non disattendere le promesse fatte alla cittadinanza, ed in virtù del principio della “politica partecipata”, l'Amministrazione Di Cillo ha voluto celebrare la prima di tante assise nelle sale superiori del Palazzo Ducale, autenticamente tenuta fuori dall’ordinaria sala consiliare del Comune.
In una straordinaria cornice storica, pregnante di arte e cultura, innanzi ad una notevole platea, molti sono stati i punti dell’ordine del giorno sviscerati in Consiglio, oltre a non mancare un aspro dibattito tra maggioranza e opposizione.
Ed in effetti proprio da quest’ultimo si è partiti, senza nessun esclusione di colpi. Anzitutto, sono intervenuti l’Assessore Greco e il Consigliere Roselli, accusati, nei giorni precedenti dall’opposizione, di mancare di qualsivoglia componente etica, intonando la discussione specificatamente riguardo la legittimità di alcuni atti relativi un affidamento lavori ad una ditta di proprietà del padre dell’Assessore Greco (la medesima ditta che sino ad ora ha sistematicamente collaborato con l’Ente), la quale, confortata da carte alla mano, ha dichiarato limpidamente di non ricoprire alcun incarico all’interno della stessa. L’intervento è stato seguito da una smentita del Delegato Roselli, rispetto ad un presunto illegittimo patrocinio concesso all’Associazione CarusTeatro APS, di cui il Delegato risulta esserne Direttore Artistico e non più Presidente, in quanto dimessosi anzitempo.
L’ultima parola, però, è rimasta al Primo Cittadino, secondo il quale principio cardine oramai cristallizzato della neo Amministrazione è quello di massima apertura e collaborazione con tutte le Associazioni e privati cittadini, finalizzate ad eventi culturali che verranno proposti, poiché la cultura, prescindendo dalle appartenenze politiche, non può che essere il volano di una intera comunità.
Disquisendo dei vari punti all’ordine del giorno, uno dei più significativi è stato senz’altro quello delle variazioni di bilancio, le cui delucidazioni sono state affrontate dall’Assessore preposto, Alessia Greco. Da tanto si è potuto notare come, progettualità a parte, la voce più allarmante riguardava la somma di circa duemila Euro, stanziati sotto la voce “rimborso spese di viaggio a consiglieri comunali”. Si tiene a precisare che la circostanza è pienamente legittima, confortata dal canovaccio legislativo: ciò, però, che preme evidenziare è che per il Comune di Carosino una singola assise consiliare non costa, in termini di gettoni di presenza, se non una cifra irrisoria che sfiora un centinaio d’Euro.
Con l’insediamento della nuova compagine amministrativa si sta ottemperando, però, alle spese di viaggio di uno dei consiglieri d’opposizione, capogruppo del movimento “Insieme per Carosino”, Paco Vinci, il quale prestando servizio a Torino è “costretto” a fare da spola.
Per carità, se da un lato ne è lodevole la costanza e l’impegno, dall’altro, sotto un profilo di mera opportunità, forse sarebbe stato il caso di vagliare un bilanciamento di interessi, tra quello del diritto del consigliere Vinci a presenziare in assise e quello, a nostro avviso, senz’altro più importante di tutelare gli interessi – nel caso di specie le casse comunali – di una comunità che conta poche migliaia di anime, ove la politica non è certamente fonte di reddito, bensì solo “volontariato” finalizzato all’ottimizzazione del bene condiviso.
Ad ogni buon conto, durante la discussione dell’ultimo punto all’ordine del giorno v’era, peraltro, l’adozione della variante urbanistica al P.R.G., per il progetto di ristrutturazione e adeguamento della struttura ex Pomovin, finalizzata all’ammodernamento in chiave di centro commerciale.
Sebbene questo sia stato un progetto fagocitato e avviato nella precedente legislatura capitanata dall’allora Sindaco Sapio, per una serie di motivi tra i quali la mancanza di alcuni pareri tecnici, non ha visto l’adozione e approvazione dello stesso all’epoca dei fatti. Pertanto, l’odierna maggioranza, trovatasi innanzi ad un progetto ormai intrapreso, ha dato solo seguito a quanto già ampiamente deciso, con una differenza da non sottovalutare rispetto al passato: si è data l’ultima parola ai commercianti – prima - e all’intera popolazione – dopo - di quanto si andava ad adottare, attraverso due incontri pubblici, tenutisi in tempo utile rispetto alla discussione del punto in questione.
È il caso di specificare che il Consiglio Comunale aveva solo l’onere di adottare o meno la variazione, senza la possibilità in questa fase di poter modificare alcunché. Sul punto, non solo il consigliere di minoranza Vinci, asseriva come non avesse avuto modo di visionare il progetto poiché gli atti non erano stati messi a sua disposizione negli uffici della Casa Comunale, nei giorni precedenti il Consiglio, il tutto prontamente sbugiardato dall’Assessore Sapio, dal Segretario Comunale dott.ssa Venuto e dal Sindaco Di Cillo, tesi supportate da un atto a doppia firma dell’ing. Alessandro Zito (Ingegnere Comunale) e della dott.ssa Eugenia Vinci (Responsabile Uff. Cultura, Personale e Affari Generali), i quali si erano premuniti di rispondere per le rime alla rimostranza protocollata poche ore prima del Consiglio Comunale stesso.
Ma rispetto al medesimo punto, la situazione più incresciosa si è verificata con l’unico consigliere d’opposizione presente in assise targato “Centro Sinistra Carosino”, Mina De Santis, peraltro ex Assessore nella precedente maggioranza, la quale combattendo fianco a fianco con gli altri componenti di minoranza, rivendicava anch’ella l’impossibilità di visionare la documentazione cartacea del progetto in questione.
Peraltro, la proposta del ritiro del punto all’ordine del giorno da parte della minoranza nella sua interezza è risultata quanto mai anacronistica e assolutamente non condivisibile poiché, intanto tutto il materiale a conforto della suddetta adozione era stato messo a disposizione delle parti più volte, tanto in forma cartacea quanto in forma multimediale, e poi perché è gravissimo che un componente della stessa giunta fautrice di tale progetto possa pubblicamente affermare di non aver conosciuto in tempo utile la variazione del piano commerciale sottoposta all’attenzione dell’assise poiché assente – probabilmente in modo spontaneo, leggendo tra le righe della dichiarazione fatta dalla stessa -.
Il Consiglio comunale si è concluso, dopo un corposo e puntuale intervento tecnico dell’Ingegner Zito sul caso di specie, con l’adozione di quanto calendarizzato.
Ancora una volta ha vinto la Democrazia e la sovranità popolare, le stesse che hanno portato la vita politico- amministrativa fuori dalle mura della Casa Comunale, tra i cittadini, quantunque solo cosi una Comunità può rendersi partecipe della gestione della cosa comune e farsi parte terza giudicante di chi a quel ruolo è preposto.

 

Published in Politica

Liliana Segre scrive agli studenti jonici di “Giovani in Volo.”: «Mai voltare la testa dall’altra parte!»

L’Indifferenza è la malattia della società moderna. L’Indifferenza verso gli altri che porta ad evitare il confronto e a chiudersi nel proprio microcosmo, quello che per i giovani è un mondo sempre più virtuale, racchiuso nei pochi pollici del display del proprio cellulare. 

Oltre l’Indifferenza: questo è il tema scelto per il primo incontro della XV edizione di ”Giovani in Volo.”, il progetto di promozione del volontariato tra gli studenti delle scuole superiori, promosso dal Centro Servizi Volontariato della provincia di Taranto.
L’evento ha visto la massiccia partecipazione di oltre 600 studenti e dei docenti delle undici scuole di Taranto e provincia che quest’anno hanno aderito a “Giovani in Volo.”, con un significativo aumento rispetto all’edizione precedente già molto partecipata.

Il primo incontro di “Giovani in Volo”, evento che tradizionalmente si tiene nell’aula magna del polo universitario di via Duomo, si è articolato in due giornate: giovedì 5 dicembre, Giornata internazionale del Volontariato, e sabato 6 dicembre.
Nella prima giornata ha portato i saluti del CSV Taranto la vicepresidente Maria Antonietta Brigida, consigliera nazionale CSVnet delegata all’Area giovani e volontariato, mentre nella giornata del 6 dicembre è stato Francesco Riondino, presidente del CSV Taranto, con il professor Riccardo Pagano, Direttore del Dipartimento Jonico in “Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo: società, ambiente, culture”.
Dopo l’introduzione di Camilla Lazzoni, Direttore del CSV Taranto, in seguito i ragazzi sono stati condotti da Tiziana Ferrittu, formatrice ed esperta di progettazione sociale che da tempo affianca il CSV Taranto in “Giovani in Volo.” e in altre attività di promozione del volontariato, in un viaggio di conoscenza del volontariato attraverso modalità generative e partecipative con l’uso di video e immagini, che li hanno portati a riflettere sul tema dell’ascolto, della responsabilità e, dunque, dell’indifferenza.
Momenti sottolineati dai fumettisti di Grafite, la prima e unica scuola triennale in Puglia pensata per disegnatori e creativi di tutte le età (www.grafitefumetto.it), che hanno accompagnato i lavori di entrambe le mattinate traducendo, grazie alla loro creatività e tecnica, gli importanti temi affrontati in immagini disegnate sul momento.

Il tema dell’indifferenza è stato approfondito anche attraverso l’esperienza e le parole della senatrice Liliana Segre che, impossibilitata ad accogliere l’invito del CSV Taranto a partecipare personalmente agli incontri, ha inviato un suo messaggio agli studenti coinvolti in “Giovani in Volo.”.
«Io so bene che cos’è l’indifferenza – ha scritto Liliana Segre ai nostri giovani – perché l’ho provata sulla mia pelle. Quando fummo tradotti in migliaia di ebrei dalle carceri di Milano per essere portati alla Stazione centrale dove saremmo partiti per il campo di sterminio nessuno fece niente. Decine di camion stracolmi di persone attraversarono una Milano silenziosa e livida nessuno si accorse di niente, nessuno capì, nessuno volle intervenire. Forse non tutti sapevano, ma molti sì, molti capirono e non fecero nulla. Contribuendo a mandare migliaia di loro simili al massacro»
«Continuate – ha concluso Liliana Segre – dunque la vostra attività di Volontariato! Continuate a prendervi cura delle persone, a preoccuparvi degli altri. Mai voltare la testa dall’altra parte».

Dopo questo primo incontro entra nel vivo il progetto “Giovani in Volo.” con la sua formula collaudata: in una prima fase le organizzazioni di volontariato e i volontari di altri enti del terzo settore portano la loro testimonianza nelle scuole, e poi gli studenti possono realizzare un’esperienza di volontariato presso una delle organizzazioni partecipanti al progetto, una occasione per fare davvero la differenza!
Le associazioni aderenti alla quindicesima edizione di “Giovani in Volo.” sono AVO Taranto, Federconsumatori, Amici di Manaus, Falanthra, LIBERA. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, Pro Natura Taranto, Ethra Accademia sociale e PANE e PC – L’Informatica per Tutti, Movimento Shalom; diverse altre stanno manifestando il loro interesse a prendere parte al progetto, qualcuna per la prima volta, una concreta testimonianza del forte desiderio del volontariato di incontro e di scambio con i giovani.
Hanno aderito alla XV edizione di “Giovani in Volo.” il Liceo delle Scienze Umane “Vittorino Da Feltre” di Taranto, l’I.I.S.S. “A. Righi” di Taranto, l’I.I.S.S. “A. Pacinotti” di Taranto, l’I.I.S.S. “Leonardo Da Vinci” di Martina Franca, il Liceo “De Sanctis – Galilei” di Manduria, l’I.I.S. “Principessa Maria Pia” di Taranto, l’I.I.S. Don Milani-Pertini di Grottaglie, l’I.I.S.S.S. “Liside” di Taranto, l’I.I.S.S. “Del Prete- Falcone” di Sava, l’IISS Liceo Artistico “V. Calò” di Grottaglie e il Liceo Statale “Archita” di Taranto.
Durante il primo incontro di “Giovani in Volo.”, infine, hanno supportato il CSV Taranto i volontari dell’associazione di protezione civile “Amici del soccorso Sandro Biagiotti”.

 

Published in Scuola&Istruzione

Fino al 15 gennaio 2020 un  ricco e interessante calendario di attività gratuite mette in rete cinque località della Puglia e restituisce un’idea di viaggio e di esperienza, di cui portare con sé un bellissimo ricordo. Visite guidate, laboratori e degustazioni tra borghi e aree naturalistiche.

Dopo il successo della proposta estiva, tornano le animazioni on-site con una speciale edizione natalizia. Fino al 15 gennaio 2020 gli Info-point turistici di Grottaglie, Locorotondo, Martina Franca, Monopoli e Ostuni propongono un ricco e interessante calendario di attività gratuite, all’interno del progetto di qualificazione e potenziamento degli Info-point aderenti alla rete regionale, di cui i relativi Comuni sono beneficiari. 

La programmazione unica, dal titolo “Eco di Puglia”, mette in rete più località e restituisce un’idea di viaggio e di esperienza. Consente al visitatore di conoscere il territorio pugliese nelle sue varie sfaccettature e di partecipare a più iniziative possibili, portando con sé un bellissimo ricordo.

Le attività sono coordinate da Sistema Museo, ente gestore affidatario degli Info-point, e includono visite guidate, laboratori, degustazioni tra borghi e aree naturalistiche, condotte da personale qualificato, coinvolgendo diversi operatori con azioni di co-marketing e mettendo in risalto le peculiarità di ogni luogo e le tipicità e tradizioni del territorio.
Tutti gli appuntamenti si svolgono nel pieno rispetto dell’ambiente, seguendo il principio dell’eco-sostenibilità, e contribuiscono a favorire la destagionalizzazione, coinvolgendo adulti e bambini, in uno dei periodi più magici dell’anno, il periodo delle festività natalizie.

Di seguito il calendario degli appuntamenti a cadenza settimanale:

- Ostuni “Tutti i gusti del Parco”: presentazione e degustazione dei prodotti agroalimentari del Parco delle Dune costiere - ogni sabato alle 11.
Prenotazione al link > http://pugliatolive.it/esperienza/?code=P3B0QC
- Martina Franca “Sei percorsi in cerca d’autore…con gusto”: itinerari turistico-letterari con degustazione di prodotti tipici enogastronomici - ogni sabato alle 17.
Prenotazione al link > http://pugliatolive.it/esperienza/?code=PGNBQ3
- Monopoli “Racconti dal mare”: visita guidata lungo il vecchio porto della città in compagnia di un pescatore alla scoperta dei vari metodi di pesca, di vecchi aneddoti legati al mare e delle tipiche imbarcazioni dette “vozz” (gozzo) - ogni domenica alle 10.30.
Prenotazione al link > http://pugliatolive.it/esperienza/?code=PBNKRY
- Grottaglie “Trek and Taste”: tour naturalistico in gravina e degustazione di prodotti tipici presso il Castello Episcopio - ogni domenica alle 15.
Prenotazione al link > http://pugliatolive.it/esperienza/?code=PFUMT4
- Locorotondo “A spasso nel tempo tra saperi e sapori”: percorso guidato con laboratorio di artigianato e/o del gusto - ogni domenica alle 17, giovedì 19 dicembre alle 9.30, lunedì 23 dicembre alle 16, giovedì 2 gennaio alle 9.30.
Prenotazione al link > http://pugliatolive.it/esperienza/?code=PE0J04

Per tutte le attività il luogo d’incontro e di riferimento è il relativo Info-point.
La partecipazione è gratuita ed è richiesta la prenotazione.
È possibile prenotare sul sito web www.pugliatolive.it; tel. +39 392 9191825 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per informazioni:

Grottaglie tel. +39 099 5623866
Locorotondo tel. +39 080 4312788
Martina Franca tel. +39 080 4116554
Monopoli tel. +39 080 4140264
Ostuni tel. +39 0831 339627

Le attività si inseriscono nell'ambito degli interventi a sostegno della qualificazione e del potenziamento degli Info-Point turistici dei Comuni che aderiscono alla Rete regionale - Annualità 2019 (P.O.R. Puglia FERS-FSE 2014/2020 - Azione 6.8).

Published in Ambiente

Grottaglie - Si è consolidato l’avvio dei lavori. Il Comitato Festeggiamenti Patronali di Grottaglie, e il Coordinamento “Alla Focra”, che si occupa della programmazione e della realizzazione della grande festa civile, hanno dato ufficialmente inizio all’organizzazione dei festeggiamenti e dei riti in onore del Santo Patrono di Grottaglie, San Ciro.
“Siamo pronti – ha dichiarato fermamente Gianbattista Mucci, presidente del Comitato – anche quest’anno San Ciro avrà la sua grande festa. Oltre alla rituale programmazione religiosa, si ripeterà, per il secondo anno consecutivo, il grande concerto al lato della pira commemorativa, la sera dell’accensione (il 30 gennaio), e il giorno successivo (il 31)”.
Si possono quindi iniziare a bloccare le date. Dopo il successo dello scorso anno, il Comitato Festeggiamenti, compie l’ennesimo passo avanti, verso una nuova generazione di devoti e volenterosi; verso nuove iniziative sociali e culturali che porteranno, durante tutto il periodo della festività, i cittadini, fedeli e pellegrini, a vivere al meglio, e sotto diversi aspetti, la tradizionale festa di San Ciro.
“Abbiamo già ottenuto l’appoggio e la totale fiducia di don Eligio, il nostro mentore spirituale e supervisore dei lavori – continua il Presidente – perché orgoglioso del risultato ottenuto lo scorso anno da questa nuova squadra formatasi con il Comitato. Abbiamo però costantemente bisogno di energie, oltre che legna per la Pira. Rinnoviamo, quindi, l’invito a tutta la cittadinanza, nel sostenere, facendo fronte comune, l’unico intento che tutti noi perseguiamo: la commemorazione del nostro santo Patrono alessandrino. Il Comitato è sempre pronto ad accogliere chi volesse dare una mano”.
Si preannuncia quindi un altro bel momento per Grottaglie. La festività di San Ciro è in continua ascesa, nello spirito della condivisone, di una visiona condivisa futura di turismo religioso, e senza mai dimenticare il suo patrimonio tradizionale. Il gruppo comunicazione “Alla Focra” divulgherà a breve altre notizie.

Published in Cronaca

“Bullismo e Ludopatia” è in tema della Tavola rotonda che la Cisl Taranto Brindisi ha organizzato per lunedì 9 dicembre p.v. con inizio alle ore 16.00, presso la Sala Monfredi Camera di Commercio, viale Virgilio n. 152 a Taranto.

I lavori saranno introdotti da una relazione dal segretario generale territoriale Antonio Castellucci, cui seguiranno gli interventi di: Don Antonio Panico Professore associato di Sociologia generale; Margherita Taddeo Coord. Gioco D’Azzardo Patologico GAP Dip. Dipendenze Asl/Ta – Comp. Osserv. Nazionale Min. della Salute – Referente scientifico GAP Regione Puglia; Daniela Fumarola Segretaria Generale CISL Puglia; Francesco Romeo Studioso dell’età evolutiva – Giudice onorario presso il Tribunale dei minorenni di Taranto; Giuseppe Bellassai Questore di Taranto; Alberto Fornasari Professore Uniba For. Psi. Com.
Andrea Cuccello, Segretario confederale nazionale CISL concluderà il dibattito che sarà moderato da Angelo Caputo, Giornalista.

Published in Cronaca

Presso l’Aula Magna “G. Russo” dell’Istituto Cabrini di Taranto è proseguito il Progetto “Lavoro e Discriminazione” Oggi come Ieri – Percorsi di Parità. Nel secondo incontro avutosi qualche giorno fa si sono affrontate le tematiche della violenza sulle donne e delle discriminazioni di genere, religiose, culturali, di orientamento sessuale.
Hanno preso parte al dibattito Emilia Zanframundo, avvocato del Centro Antiviolenza Donne “Sostegno donne” di Taranto sito in via Dante angolo via Cagliari presso il distretto unico Asl e Vito Raffaello Di Pierro, commissario della Polizia di Stato (Divisione anticrimine, Ufficio Minori e vittime vulnerabili) coadiuvato dal sovraintendente Nicola Lauria.
Tra i presenti Antonella Candito (Spi Cgil Taranto), l’avvocato Simona Spalluto, la professoressa Mariagiovanna Russo e alcune classi dell’istituto con i loro docenti.
L’intento è stato quello di far conoscere cosa la legislazione italiana prevede per difendersi da questi fenomeni che si stanno diffondendo a macchia d’olio sopratutto tra i più giovani e di presentare i lavori prodotti dalle classi relativi al primo incontro dove si è affrontato il tema del “Lavoro e Discriminazione”.
Mariagiovanna Russo, ha introdotto l’evento precisando che alle classi presenti “abbiamo affidato la realizzazione di alcuni percorsi: la 3°A Grafica ha lavorato sul lavoro minorile e su come può essere diversa la giornata tra un minorenne che non lavora ed uno che lavora, tenendo presente che fino ad una certa età c’è l’obbligo scolastico, la 5°B Audiovisivo su un questionario sulla differenza di possibilità e prospettive che una donna ha nel mondo del lavoro rispetto ad un uomo, la 5°A Aziendale su un questionario relativo alla violenza di genere. L’idea di questo questionario è quella di sottoporlo in forma anonima a tutti i circa settecento ragazzi dell’istituto, comprendendo anche le eventuali violenze nei confronti dei maschi, visto che oggi c’è una generazione femminile molto forte che può intimorire l’altro sesso”.
L’argomento interessa particolarmente, è un momento formativo per i ragazzi. La migliore forma di amore nei confronti di una donna è il rispetto, sempre e comunque, questo è il messaggio che il Cabrini lancia perché non ci sono vasi vuoti da riempire con delle nozioni ma persone che bisogna aiutare a farli diventare uomini e donne con la maiuscola, non ominicchi e donnette, ha osservato Mariagiovanna Russo.
Emilia Zanframundo ha spiegato le funzioni del centro antiviolenza. Quando una donna subisce maltrattamenti, violenza fisica, psicologica, economica da parte di un uomo, sia esso fidanzato, compagno, convivente, marito, spesso non sa a chi rivolgersi. Bisogna capire cos’è maltrattamento e violenza. Quella fisica è più palese, ma c’è anche quella meno evidente che è la violenza psicologica, più subdola, meno nascosta. È quella dove l’uomo cerca di irretire la personalità di una donna, con parole come “non vali nulla”,“sei una depressa”, o offese nella sfera sessuale, comunque considerazioni che vanno sempre a denigrare la personalità della donna per abbattere la sua libertà e inficiarla nel momento di discussione della coppia.
“Poi c’è un altro tipo di violenza che è quella economica. Noi abbiamo al Centro donne che si rivolgono quando il marito o il compagno non vuole elargire i soldi per il mantenimento dei figli, della casa, del ménage familiare e quindi incomincia ad offendere fino purtroppo ad arrivare alla violenza fisica o utilizzare la minaccia o l’uso delle armi”.
Il Centro ha l’obiettivo di ascoltare e sostenere concretamente le donne, vittime di violenza fisica, psicologica, economica e sessuale. I servizi offerti sono diversi: accoglienza, ascolto, orientamento ed accompagnamento; sostegno psicologico e sociale; consulenza legale, per il reinserimento sociolavorativo e di formazione; laboratori aperti al territorio e nelle scuole su autostima, assertività, destrutturazione degli stereotipi di genere, parità di genere.
Inoltre dal dicembre 2012 è presente sul territorio nazionale il Numero di Pubblica Utilità 1522 che fa capo all’ Associazione Nazionale Volontarie del Telefono Rosa onlus che è anche una rete di associazioni territoriali autonome. Questa si allarga e le funzioni si ampliano a seconda del caso da seguire. Un caso è diverso dall’altro e in quelli più gravi ci può essere la necessità di portare la donna in una casa rifugio, un luogo segreto dove possono venire accolti anche eventuali figli.
Il commissario Di Pierro ha ricordato che il Centro Anti Violenza, già rappresentato a Taranto dall’Associazione Alzaia, ha avuto un riconoscimento a livello regionale ed è costituito solo da donne. Anche nella sezione che lui dirige vi operano donne. C’è una stanza proprio per l’ascolto con un ambiente molto familiare rispetto alla struttura tipica di un ufficio di Polizia, visto che gli arredi, le pareti, gli oggetti sono qualcosa che devono mitigare e mettere a proprio agio.
Ma tutte le attività che possono seguire alla notizia del reato ha come suo presupposto una denuncia e la donna deve avere la forza di denunciare la situazione che patisce, nonostante la paura.
“Quindi il nostro atteggiamento non è quello di interrogare, di mettere alle strette, ma è finalizzato a far capire che la situazione va cambiata – ha continuato il commissario - cercando di ristabilire la serenità. Questo è il nostro compito da svolgere al meglio, affinché cresca la cultura del rispetto dei diritti umani, perché di questo si tratta. La presenza, il senso di sicurezza che noi possiamo dare, appagano e danno una gratificazione enorme con reciprocità. Facciamo il nostro lavoro senza pensare di avere riconoscimenti, ma l’apprezzamento morale che può esserci riempie tutto”.
E il suo messaggio è :“La dignità di ciascuno deve essere sempre al di sopra di tutto e gli uomini non devono fare violenza alle donne non perché come dice il motto le donne non si toccano nemmeno con un fiore, ma perché pensare di alzare una mano su una donna svilisce chi lo fa e ci si dovrebbe vergognare solo per il fatto di farlo”.

 

Published in Scuola&Istruzione

Mercoledì 11 dicembre alle 19:00, presso la sede in Via Campitelli n. 36, il Circolo Arci Grottaglie organizza la presentazione del libro "casa Arci". Presenti saranno anche Vito Saracino, autore del libro, e Davide Giove, presidente Arci Puglia.
"Un viaggio all'indietro nei meandri dell'associazionismo pugliese. Una storia dove si incrociano numerose vicende di numerose realtà dell'arcipelago della sinistra pugliese, prendendo le pieghe più differenti. Iniziative che hanno come filo conduttore l'esigenza e la forza di diventare comunità fondata sui valori aggregativi e sull'antifascismo. Una comunità che varia a seconda delle esigenze della cittadinanza e degli attori della cosiddetta "società civile" capaci di avvicinarsi ad esperienze politiche di rilievo, di essere artefici di iniziative forti a difesa del territorio e dell'ambiente, di diventare protagonisti attivi del cambiamento della propria realtà.
Questa è la breve descrizione dei contenuti presenti nel libro di Vito Saracino dal titolo "Casa Arci! Sessant'anni di associazionismo in Puglia".
Casa, perché il nostro circolo è per noi una seconda casa, nella quale vogliamo che vengano a "viverci" sempre più persone.
Per questo motivo abbiamo deciso quest anno di dedicare la nostra festa di tesseramento alla presentazione di questo libro che racchiude i temi che cerchiamo di portare avanti in tutte le nostre attività.
Apriamo, quindi, le porte della nostra casa a tutti coloro che vogliono conoscerla e farne parte, o che vogliono soltanto conoscere questo libro, o semplicemente passare delle ore liete insieme."
Arci Grottaglie.

Published in Cultura

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk