Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Marzo 2019

Grottaglie, problemi solaio dell’edificio scolastico “Don Luigi Sturzo": emessa ordinanza di chiusura provvisoria dell’immobile

Il Sindaco, nell’interesse della comunità scolastica, ha emesso questa sera un’ordinanza di chiusura temporanea del plesso “Don Luigi Sturzo” per ragioni di sicurezza.

Il problema è stato rilevato dalla ditta incaricata dei lavori, avviati con procedura ordinaria a seguito di un piano di controllo e verifica dell’edilizia scolastica. In corso d’opera, la ditta ha rilevato una criticità strutturale di una porzione del solaio di un locale sito al primo piano dell’edificio che ha determinato una immediata sospensione dei lavori e la chiamata, da parte dello stesso Sindaco, ai Vigili del Fuoco.

Si sono constatate delle microfessure sui travetti del solaio che dovranno essere verificate sotto la guida di un tecnico qualificato.

Non conoscendo al momento l’entità degli interventi e non potendo escludere un possibile aggravarsi della problematica, in via precauzionale e nell’interesse della pubblica incolumità, è stata emessa ordinanza di chiusura temporanea dell’edificio.

Con ulteriore ordinanza, vengono sospese per cinque giorni tutte le attività scolastiche della scuola secondaria di primo grado “Don Luigi Sturzo” per pianificare il trasferimento delle classi in idonea struttura scolastica.

In accordo con la Dirigente Scolastica le prove invalsi delle classi 3^ si svolgeranno, seguendo il calendario già noto a studenti e genitori, all’interno dell’aula consiliare del Comune di Grottaglie.

Si ribadisce infine il divieto di accesso e transito alle persone non autorizzate all’interno dell’edificio e delle sue pertinenze.

 

Published in Cronaca

A febbraio scorso la Rappresentanza Sindacale Unitaria di Leonardo S.p.A. di Grottaglie ci ha scritto per sollecitare la risoluzione della problematica relativa alla carenza di trasporto pubblico da e per lo stabilimento.

Lo stabilimento conta, tra dipendenti Leonardo e aziende dell’indotto, circa 2000 occupati che si alternano su tre turni giornalieri 7 giorni su 7, che provengono prevalentemente dalle province di Taranto e Brindisi, con presenze anche nelle province di Lecce e Bari.

La RSU ha incontrato più volte le Società di Trasporto Pubblico, STP e CTP, a cui ha chiesto la modifica delle tratte esistenti, per assicurare il trasporto da e verso lo stabilimento.

In Regione questa problematica è stata affrontata in sede di Giunta, con l’impegno collegiale, a partire dal Presidente Emiliano, a trovare una soluzione. Sicchè il prossimo 4 aprile l’Assessore ai Trasporti Giannini ha convocato un apposito tavolo.

Nel ringraziare il collega Giannini per l’attenzione con cui sta affrontando la questione, voglio garantire ai lavoratori la mia partecipazione oltre al personale appoggio alla legittima richiesta.

Published in Politica

Venerdi 5 e Sabato 6 Aprile la CarusTeatro APS sarà in scena diretta da Davide Roselli presso il Teatro Comunale di Carosino, con lo spettacolo al debutto, dal titolo MINCHIA SIGNOR TENENTE. Spettacolo in atto unico scritto da Antonio Grosso per la Regia di Davide Roselli, Direttore Artistico del Teatro Festival 5° Premio Nazionale di Teatro Città di Carosino, nel quale sono inserite, fuori concorso queste due serate.

Dopo mesi di duro lavoro, finalmente il palcoscenico di Carosino verrà calpestato dai padroni di casa, con questo spettacolo che lo stesso regist, Davide Roselli, commenta “essere un testo in mio possesso da ormai tre anni e che è stato anche oggetto principale di passate rotture con il gruppo passato; ma il teatro è più forte dei personalismi e delle invidie, per questo ho lottato e cercato tanto in questi mesi affinchè questo testo potesse essere messo in scena; perché diverso dal solito teatro nostrano, diverso dalla solita banalità che gira intorno agli intrighi amorosi, diverso perché parla di vita, di storie vissute, di Italia, ed oggi più che mai sentivo forte il bisogno con il teatro di sentirci Nazione, Patria, paese, uniti”.

In una piccola caserma dei carabinieri in un posto X della Sicilia, alcuni militari provenienti da varie regioni italiane, vivono in modo tranquillo, sereno e spensierato il loro lavoro, fatto di furti, licenze e rapporti con i vari cittadini del paese. Il tutto viene interrotto dall’arrivo di un tenente, mandato dal comando generale, per operazioni riguardanti un noto mafioso di “cosa nostra” . Cinque carabinieri ed un tenente ligio al dovere, questa sembra la classica storia, dei buoni e del cattivo, ma qui non ci sono ne vincenti e ne vincitori qui c’è in gioco la nostra vita, fatta di accadimenti belli e brutti, seriosi e divertenti. – continua Roselli : “Minchia Signor Tenente” rappresenta quell’Italia che tante volte ci ha fatto soffrire, tante volte ci ha fatto divertire e tante volte ci ha reso fieri.”

In scena oltre a Davide Roselli ci saranno anche il suo braccio destro e collaboratrice Maria Rosaria Semeraro (già in passato al suo fianco in Non ti Conosco più e Liolà), e poi un cast di “nuove leve”: Simeone Litta, Piero Fedele, Giovanni Carrieri e Arianna Montagnolo (già nota in ambito teatrale); oltre loro ci saranno anche due giovanissimi debuttanti non ancora ventenni: Danilo Trani e Mel Mitchell. A coadiuvare lo spettacolo la Direzione di Scena di Teresa Picciarelli, la collaborazione di Teresa Gigantiello e la parte tecnica curata da Biagio Fornaro e Andrea Monteleone. Non mancate all’appuntamento presso il Teatro Comunale di Carosino, con botteghino alle ore 20.45 e sipario alle 21.00. Il costo del biglietto è di 5 €. X info: cell. 3917222559 – 3483420982.

Published in Spettacolo

Presentata la prima edizione del Festival che si terrà i prossimi 20, 21, 22 maggio al cinema teatro Orfeo

È il mare il denominatore comune di “Corto2Mari - Festival del Cortometraggio dei Mari della Città di Taranto”, promosso e organizzato dalla rete di scopo costituita dal Liceo Ginnasio Statale “Aristosseno” di Taranto (istituto capofila), dall’I.I.S.S. “Liside” di Taranto e dal Liceo Artistico “V. Calò” di Grottaglie (TA). Il progetto rientra tra gli assegnatari del finanziamento Miur - Mibact “Piano nazionale cinema per la scuola – Buone pratiche, Rassegne e Festival”.

L'iniziativa è stata presentata giorni fa nel corso di una conferenza stampa svoltasi nella sala Celestino V del Castello Aragonese di Taranto. Sono intervenuti il dirigente scolastico Salvatore Marzo, il direttore artistico del Festival Ezio Ricci, il Capitano Antonio Tasca del Comando Marittimo Sud MM. Il progetto nasce dal mondo della scuola con l'intento di valorizzare e promuovere un elemento identitario che abbraccia tre regioni: Puglia, Basilicata e Calabria. “Ci rivolgiamo agli studenti dell'Arco Ionico – spiega il prof. Salvatore Marzo, dirigente del liceo Aristosseno e responsabile del progetto – perchè questa non è solo un'area geografica bagnata dal Mar Ionio, ma una vera e propria macroregione con tratti comuni in campo sociale, economico, culturale e storico. Abbiamo coinvolto enti pubblici, associazioni, realtà imprenditoriali perchè intorno al mare può svilupparsi in maniera organica una vera e propria filiera culturale ed economica. Corto2Mari è un tassello di un mosaico più ampio per fare di Taranto, finalmente, una città di mare a tutti gli effetti, 365 giorni all'anno, mettendo in rete le realtà che operano e promuovono il mare, nelle sue molteplici forme. Nel logo del Festival abbiamo inserito la foto satellitare dell'astronauta Samantha Cristoforetti che ritrae la rada di Mar Grande ed i due seni del Mar Piccolo, un'immagine bellissima, diventata subito virale”.

Direttore artistico del Festival è Ezio Ricci, selezionato attraverso un bando pubblico. “Il linguaggio cinematografico e, in genere, audiovisivo – afferma il direttore Ricci – oggi appartiene ai giovani, molto di più che in passato. Si avverte, però, la necessità di offrire agli studenti gli strumenti necessari per decodificare e per utilizzare al meglio questa forma di arte e di comunicazione. A tal fine, come percorso di avvicinamento alla tre giorni finale di proiezioni e premiazioni in programma a maggio, realizzeremo nelle scuole protagoniste del progetto, incontri di approfondimento sulle tecniche e sulle regole della grammatica cinematografica”.

L'evento finale della prima edizione di “Corto2Mari” si terrà i prossimi 20, 21, 22 maggio. Tre giornate di proiezioni, spettacolo e premiazioni, aperte alle scuole (in mattinata) e alla cittadinanza (in pomeridiana) che si svolgeranno al Cinema Teatro Orfeo di Taranto. Il Festival del Cortometraggio dei Mari della Città di Taranto si avvale di importanti collaborazioni e patrocini: Comune di Taranto, Provincia di Taranto, MM - Comando Marittimo Sud, Museo Archeologico di Stato MarTa, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, Istituto di Ricerca sulle Acque IRSA - CNR Taranto, Jonian Dolphin Conservation, Comunità Ellenica Taranto Maria Callas, Snaporaz Film Production, Associazione Culturale Utόpia. Altre collaborazioni e patrocini sono in attesa di essere acquisiti.

Info e aggiornamenti sul Festival “Corto2Mari” sulle pagine social: Facebook, Instagram, Youtube. Un pool di docenti degli istituti che compongono la rete di scuole (Aristosseno, Liside e Calò), si occupa della parte grafica e video: Adamery Cavallo, Luigi Adessi, Cosimo Piro, Stefano Bianco, Mariela Oliva, Maria Zizzo.

REGOLAMENTO
Possono partecipare le scuole dell’Arco Ionico (Puglia, Basilicata e Calabria). Sono ammessi cortometraggi della durata massima di 20 minuti, sulla tutela e sulla valorizzazione del mare. Tre le sezioni previste: sezione scuole medie inferiori; sezione scuole medie superiori; sezione non competitiva “fuori/corto” per opere fuori concorso.

Le opere dovranno pervenire entro il 30 aprile 2019. Saranno esaminate da una Giuria composta da personalità del mondo del cinema, del giornalismo e della cultura, selezionata attraverso un bando pubblico, così composta: Ivan Saudelli, regista cinematografico (Presidente); Francesco Greco, musicista (componente); Vincenzo Carriero, giornalista (componente); Guido Gentile, critico cinematografico (componente); Gianclaudio Caretta, attore (componente).

Ai cortometraggi vincitori delle sezioni scuola media inferiore e superiore saranno assegnati premi rispettivamente di 1500 euro e di 2000 euro. Le opere classificate al secondo e terzo posto saranno premiate con manufatti ceramici della tradizione artigianale della Città di Grottaglie, creati dagli studenti del Liceo artistico “V. Calò”, sotto la guida di noti maestri ceramisti. Le opere fuori concorso della sezione “fuori/corto” saranno omaggiate con composizioni grafiche elaborate dagli studenti e dai docenti delle scuole organizzatrici del Festival.

Le proiezioni delle opere selezionate e la cerimonia di premiazione si svolgeranno nei giorni 20, 21, 22 maggio 2019, al cinema teatro Orfeo di Taranto. Ingresso gratuito. Il regolamento di “Corto2Mari” è scaricabile integralmente sul sito www.liceoaristosseno.it.

Published in Cultura

Si terrà a Palazzo di Città il giorno 1° aprile alle ore 10.00 la sottoscrizione del nuovo accordo di programma, di validità triennale, tra il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi Aldo Moro prof. Antonio Felice Uricchio ed il Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, per il finanziamento di spese finalizzate allo sviluppo della formazione e della ricerca nelle sedi universitarie ioniche, con la specifica previsione di istituzione del primo corso di laurea in medicina a Taranto.

Published in Scuola&Istruzione

Proseguono i controlli del personale del Commissariato Borgo finalizzati al contrasto del diffuso fenomeno dei furti di energia elettrica.
Nei giorni scorsi numerose sono state le ispezioni ad attività commerciali del centro cittadino, con particolare attenzione a quelle dove era stata registrata un anomalia tra i consumi di energia elettrica e l’attività svolta.
In particolare in un panificio del centro cittadino, i poliziotti sono entrati fingendosi clienti e inizialmente non hanno notato evidenti manomissioni o anomalie, tranne una piantina posto sopra il contatore. Particolare che li ha insospettiti.
La piantina contenuta in un vasetto di plastica aveva però un peso eccessivo rispetto alle modeste dimensioni, e così svuotato il piccolo vaso i poliziotti hanno recuperato, coperto dal terriccio, un magnete quadrato che consentiva la sottomisurazione dei consumi.
Con il successivo supporto del personale specializzato dell’ente erogatore di energia elettrica, si è potuta accertare l’anomalia dei consumi di gran lunga inferiori ai macchinari utilizzati ed alimentati da energia elettrica .
Il titolare del panificio è stato denunciato per furto di energia. L’ammontare del danno quantificato dai tecnici è di circa 76.000 euro.

Published in Cronaca

Se finora abbiamo taciuto per senso di responsabilità e per evitare di creare ulteriori distinguo in una città che già troppe fratture racconta, adesso davvero facciamo fatica a tacere.
Non riusciamo davvero a capire la motivazione scientifica di una scelta di questo tipo che crea, ovviamente, panico e allarmismi nella popolazione e nei genitori dei ragazzi.
Che senso ha tenere chiuse le scuole Deledda e De Carolis (per la cronaca oggetto di una roboante inaugurazione nel novembre del 2016 alla presenza del ministro dell'epoca Giannini, in seguito alla
bonifica condotta a gran voce dalla dr.ssa Corbelli e dall'amministrazione comunale di Taranto) fino alla conclusione dell'anno scolastico? I ragazzi che non andranno in quelle scuole non vivono forse le rimanenti ore della giornata nella stessa zona? Non è forse la stessa l'aria che si respira al mattino in quelle scuole e nel pomeriggio, la sera e la notte nelle case limitrofe dove i ragazzi abitano ? E non è forse la stessa l'aria che respirano i genitori?
Abbiamo il timore che talvolta il fare politico sia motivato più da scelte teatrali, mirate alla ricerca del consenso, che a scelte serie, che hanno un senso logico, che sono spiegate da ragioni scientifiche.
Non entro nel merito del livello di inquinamento derivante dalle collinette ecologiche. Potrei dire che nelle more dell'assenza dei risultati derivanti dalla caratterizzazione è impossibile dire se e quanto i rischi ambientali siano cresciuti e come essi poi motivino rischi alla salute dei cittadini. Ma ammesso e concesso che così sia, l'unico atteggiamento serio che il sindaco può assumere è la chiusura immediata dell'area a caldo. Si badi bene non l'annuncio della chiusura con frasi roboanti del tipo "Sono pronto a premere il grilletto" o amenità di questo tipo, ma la chiusura reale con un atto che egli può fare.
Nel frattempo, in conseguenza della chiusura delle scuole Deledda e De Carolis, com'è noto i ragazzi frequentano la scuola Vico al cui interno, a causa dell'elevato numero di presenze, sembrerebbero, da notizie che mi sono state riferite, di fatto ostruite le vie di fuga. Stia attento il sindaco a garantire in caso di pericolo le vie di fuga della scuola perchè non vorremmo che al danno si aggiungesse la beffa, o forse meglio alla beffa (di una scelta capotica e completamente inutile) si aggiungesse il danno.

Published in Politica

"Solidarietà all'amico Giampaolo Vietri, consigliere comunale e provinciale di Taranto, per il vile atto intimidatorio di cui è stato vittima".

Lo dichiara Francesca Franzoso consigliere regionale e commissario provinciale di Forza Italia a Taranto, a seguito delle scritte minacciose comparse sul portone di ingresso dello stabile in cui risiede del consigliere Vietri.
"Nel condannare il gesto ed esprimere la mia più profonda indignazione, auspico che le forze dell'ordine e le autorità competenti possano fare immediatamente luce sull'accaduto e individuare gli autori del gesto. Ogni tentativo di intimidazione, connesso come in questo caso all'attività politica di un cittadino, va stroncato con tempestività e fermezza" .

Published in Politica

Nel libro di Fiorentino la storia della Banda Centrale della Marina Militare

Una serata-concerto in cui verrà presentata la biografia del m° Manente, direttore della Banda centrale della Marina Militare, e in cui verranno eseguite alcune tra le più belle composizioni del repertorio tradizionale. Presenti anche i figli di Manente e l’autore del libro, Michele Fiorentino.

Interessante appuntamento mercoledì 3 aprile presso il Duomo di San Cataldo (con ingresso alle ore 19.00). Per l’occasione sarà presentata la biografia del Maestro Direttore della Banda Centrale della Marina Militare, Vittorio Manente, scritta da Michele Fiorentino ed edito da Mandese (Taranto).
Per la prima volta viene pubblicata la storia del celebre Corpo Musicale Militare dalla Regia Marina fino ad oggi. Il libro si apre con una prefazione scritta da Mons. Gino Romanazzi, parroco della Chiesa Santa Rita, che per molti anni è stato vicino all’uomo Manente.
L’Orchestra di Fiati Santa Cecilia di Taranto, diretta dal M° Giuseppe Gregucci, eseguirà le marce funebri composte dal Maestro, e altre celebri marce funebri, appartenenti al repertorio tarantino, trascritte e strumentate dallo stesso Manente. Sue sono composizioni quali Mater dolorosa (per la Venerabile Confraternita di Maria S.S. Addolorata e S. Domenico), Mestizie e Lento Funebre.
Per questo inscindibile legame del Maestro verso la città di Taranto e le sue antiche tradizioni i suoi figli, Eugenia e Giovanni, doneranno le composizioni a sua Eccellenza, l’Arcivescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro e alle Confraternite dell’Addolorata e del Carmine.
La manifestazione rappresenta quasi un’anteprima della Settimana Santa tarantina per il ricordo del Manente e per l’esecuzione delle marce funebri così care ai tarantini.
Appuntamento, quindi, a sabato 30 marzo!

 

Published in Cultura

Via libera definitivo da parte della Governo regionale al Piano Strategico per la Zona Economica Speciale Interregionale Ionica. 
Con la delibera approvata oggi, su mia proposta, dalla Giunta, infatti, si completa un lungo, complesso e articolato iter politico e amministrativo che si è sviluppato per diversi mesi e che ha visto un intenso e approfondito confronto tra le due Amministrazioni regionali coinvolte (Puglia e Basilicata) e l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio, con una intensa attività di concertazione con tutte le parti interessate – a partire dalle Organizzazioni datoriali e sindacali, e dalle Amministrazioni locali – che ha consentito di individuare con precisione, in modo coerente e condiviso, le potenzialità e l’attrattività delle singole aree ricomprese nella ZES e le relative priorità di sviluppo.
Molto positivo e proficuo è stato anche il costante confronto con il Governo nazionale e, in particolare, con il Ministro per il Sud, Barbara Lezzi, che ha fornito indicazioni e osservazioni puntuali e pertinenti che sono state completamente recepite nella versione finale del Piano Strategico, in modo da renderlo coerente con le direttive di carattere nazionale su questa materia.
Ora, con la trasmissione a Roma della Delibera (già approvata anche dalla Regione Basilicata), non manca che il provvedimento finale del Governo centrale per il raggiungimento di un obiettivo tanto atteso quale quello di rendere il territorio ionico, grazie alla ZES, più competitivo e più attrattivo, in modo da assicurare, attraverso un adeguato pacchetto di iniziative finalizzate a stimolare crescita industriale e innovazione del tessuto imprenditoriale, un adeguato sviluppo economico, sostenibile e duraturo, con positive ricadute anche e soprattutto in termini occupazionali.
Più nel dettaglio, l’estensione complessiva della ZES Ionica è pari a 2.579 ettari, di cui 1.518 ricadenti in Puglia, e i Comuni pugliesi interessati sono quelli di Taranto, Martina Franca, Massafra, Mottola, Statte, Carosino, Faggiano, Francavilla Fontana e Grottaglie, con il coinvolgimento, quali snodi logistici e strategici, del Porto di Taranto, dell’Aeroporto di Grottaglie e del Centro Intermodale di Francavilla Fontana.
Sono molto soddisfatto per questo straordinario risultato che ha rappresentato, sin dal mio insediamento quale Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia, un obiettivo da raggiungere nel miglior modo possibile dal momento che sono convinto che la ZES possa realmente rappresentare una straordinaria opportunità di sviluppo per il territorio.
Quel che vorrei evidenziare è che, come opportunamente rilevato all’interno del Piano approvato in via definitiva oggi, al di là delle agevolazioni fiscali rilevanti, delle semplificazioni amministrative e regolamentari, che renderanno più agevole per il tessuto imprenditoriale investire, e degli altri vantaggi molto concreti che l’istituzione della ZES potrà determinare nei territori interessati, la valenza strategica di questa operazione sta soprattutto nell’aver voluto costituire una preziosa opportunità per affrontare in maniera finalmente integrata le politiche regionali di sviluppo industriale, in un’ottica di sostenibilità economica, sociale e ambientale, e di crescita intelligente, all’interno di un quadro di opzioni strategiche condivise e di un migliore raccordo tra gli attori pubblici e privati del territorio. 
Ora starà ai vari operatori economici presenti sul territorio saper cogliere fino in fondo questa opportunità che, sono sicuro, rappresenterà un importante volano per lo sviluppo di tutta l’area ionica.
Ovviamente il nostro lavoro, su questo fronte, non si ferma qui dal momento che è in via di definizione anche il percorso finalizzato all’istituzione della seconda ZES Interregionale pugliese, quella Adriatica, da realizzare assieme alla Regione Molise.
Come Governo regionale continueremo ad operare nella direzione tracciata, nella convinzione di fornire al tessuto imprenditoriale della regione gli strumenti più adeguati per crescere e competere in un mercato globale sempre più complesso ma anche pieno di opportunità da saper cogliere con il giusto supporto delle istituzioni.
Un ringraziamento particolare al collega consigliere, ex assessore regionale allo Sviluppo Economico, Michele Mazzarano, per l’importante lavoro preliminare svolto per la Zes jonica. Un ringraziamento alla tecnostruttura regionale, a partire dal prof. Domenico Laforgia, capo dipartimento dello Sviluppo economico,alla dott.ssa Lisi, capo sezione, dal mese scorso in pensione e alla dott.ssa Zampano; ai tecnici dell’ARTI ed in particolare all’ing. Creanza, oltre ai tecnici esterni: prof. Aldo Berlinguer e il giovane prof. Francesco Scialpi. 
Un ringraziamento a  Sergio Prete e Fulvio Lino Di Blasio, presidente e direttore generale dell’Autorità portuale di Taranto per il prezioso contributo collaborativo.

Published in Politica
Pagina 1 di 22

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk