Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Venerdì, 29 Marzo 2019

L’arch. Cosimo De Roma, e l’avv. Salvatore Fuggiano rispettivamente coordinatore cittadino di Grottaglie e Presidente provinciale del Movimento Idea, criticano la relazione del governatore Emiliano, intervenuto alla presentazione del Piano Strategico 2019 – 2028, elaborato da Aeroporti di Puglia riguardante la programmazione e le linee guida di sviluppo della rete aeroportuale regionale.
Infatti, continua De Roma, il presidente ha parlato degli aspetti generali della pianificazione strategica, ed ha perfino paragonato il piano strategico di sviluppo ad un grande piano di battaglia criticando implicitamente il suo predecessore che non ha mai applicato la vecchia legge regionale di pianificazione strategica, e volendo così attribuirsi il merito dei piani strategici presentati da Adp e Aqp riguardo rispettivamente allo sviluppe aeroportuale e al ciclo dell’acqua.
Fuggiano fa rilevare che il Presidente, parlando anche di rating e di eventuali future quotazioni in borsa della società pubblica, non ha, invece, detto quasi nulla sull’aeroporto di Taranto-Grottaglie di cui si prevede, come per quello di Foggia, lo sviluppo soltanto a fronte dell’eventuale interesse di vettori che dovrebbero trovare stimolo nei miseri finanziamenti della società pubblica Adp e dalle effettive esigenze di utilizzo da parte dei cittadini e ciò dovrebbe avvenire nonostante si sappia che l’attuale capacità ricettiva degli aeroporti di Puglia dispongono delle potenzialità utili a soddisfare l’ulteriore domanda almeno per i prossimi 10 anni.
Insomma nulla rispetto ad un piano dettagliato per lo sviluppo civile e industriale dell’aeroporto Taranto-Grottaglie che serve per non soggiacere all’elevata criticità di accesso agli aeroporti di Brindisi e Bari, posti entrambi lungo l’Adriatico, che non consentono l’utilizzo da parte delle popolazioni residenti ad ovest di Taranto fino a Ginosa, ed oltre.

Published in Politica

Si è svolta questa mattina alle 10,00 nell’aula consigliare del Comune di Grottaglie, la conferenza stampa del cdx sulla mancata risposta all’invito per un incontro rivolto al Presidente Emiliano, al Direttore generale della ASL dr. Rossi ed al Sindaco di Grottaglie avv. D’Alò, lo scorso 8 febbraio per confrontarsi sullo stato di avanzamento della delibera regionale, riguardante il San Marco, e la certezza dei tempi di realizzazione della stessa e le somme impegnate.
Alla conferenza stampa hanno preso parte Ciro Marseglia, Energie per l’Italia, Michele Santoro, Conservatori e Riformisti, Giovanni Patronella, Lega Sud Ausonia, Orazio Antonazzo, Fratelli d’Italia.
Ciro Marseglia, ha evidenziato lo sgarbo istituzionale fatto alla Città dai tre referenti istituzionali Presidente della Regione Puglia, direttore Generale della ASL e Sindaco di Grottaglie.
Sgarbo che non ha trovato giustificazione nemmeno in una risposta di diniego alla richiesta di incontro.
La sanità tarantina al collasso, che vede Grottaglie ed il territorio limitrofo tra i più penalizzati, hanno visto la chiusura del nosocomio senza l’avvio dei svizi del territorio sostitutivi. Con l’arroganza di sottrarsi anche ad un incontro in cui dare contezza degli impegni e certezza della realizzazione degli stessi.
Michele Santoro, ha evidenziato la volontà di affrontare la questione sanitaria oltre le appartenenze partitiche, che all’inizio ha visto partecipe anche il PD, che si è ingiustificamente defilato, il bene comune dovrebbe superare le barriere ideologiche. Ed ha annunciato che la conferenza stampa sarà propedeutica ad azioni concrete sul tema salute.
Orazio Antonazzo, ha evidenziato l’assenza delle istituzioni cittadine nella battaglia per la salute a Grottaglie, in totale asservimento alle decisioni prese altrove.
Giovanni Patronella, ha posto in evidenza che la chiusura del San Marco ha reso più difficile l’azione degli altri ospedali limitrofi, ormai al collasso.
La conferenza stampa di oggi è stato solo il primo atto dell’azione in difesa della salute dei cittadini, che le forze politiche presenti metteranno in atto al fianco delle associazioni del territorio.

 

Published in Politica

Cgil Cisl Uil, dopo una lunga fase di contestazioni sindacali di livello territoriale e regionale ad un Piano di Riordino Ospedaliero che ha visto penalizzata la comunità ionica e dopo la denuncia di un’attuazione del medesimo Piano in modalità pressoché unilaterale, insieme con le rispettive Federazioni che compongono il Coordinamento Politiche Sociali, avevano sollecitato alla ASL/TA una verifica congiunta, con particolare riferimento all’attuale livello di offerta sanitaria ospedaliera e territoriale, alle Liste di attesa ed alla Rete dell’Emergenza Urgenza,
Detto confronto è proseguito nei giorni scorsi con la Direzione Generale della stessa ASL/TA e con i Direttori sanitari degli ospedali SS. Annunziata-Moscati, San Pio di Castellaneta, Valle d’Itria di Martina Franca e Giannuzzi di Manduria.
Dalla ASL/TA sono stati fornite informazioni e dati sulla distribuzione dei posti letto e sulla presenza riqualificata di reparti e specializzazioni sanitarie, che sarebbero in grado di assicurare all’interno dei suddetti presidi ospedalieri, i Livelli Essenziali di Assistenza con possibilità dignitose di diagnosi, cura e riabilitazione.
Cgil Cisl Uil nel prendere atto delle informazioni ricevute ma riservandosi un esame più approfondito dei dati forniti, hanno ribadito la propria attenzione e le proprie richieste rispetto al completamento della Pneumologia con i nuovi 30 posti letto negli Ospedali SS. Annunziata- Moscati (20) e Giannuzzi di Manduria (10), da aggiungere a quelli già presenti in alcune Cliniche private.
Altrettanta attenzione ed impegno, in relazione alla particolare situazione ambientale di Taranto, esse hanno chiesto alla ASL/TA per quanto attiene alla evoluzione della Oncologia e della Oncoematologia pediatrica, insieme alle strutture per la Prevenzione (Dipartimento e Centro Salute e Ambiente).
Inoltre, rispetto alla carenza di personale medico ed infermieristico nei presidi sanitari e denunciata dalla stessa ASL/TA, le OO.SS. nel chiedere il massimo sforzo perché siano attrezzati i reparti, hanno manifestato preoccupazione e dichiarato il proprio impegno a sostenere anche nel confronto sindacale con la Regione e all’occorrenza nei confronti del Governo, l’esigenza impellente dell’adeguamento degli Organici.
Sempre rispetto alla situazione Ospedaliera le OO.SS. stanno chiedendo alla Direzione della ASL/TA e per essa alla Regione di avere le necessarie certezze sulla concreta realizzazione del nuovo Ospedale San Cataldo a Taranto, sicuramente necessario per migliorare l’attuale situazione ospedaliera del capoluogo.
Nell’ultimo incontro con la ASL/TA essendosi avviato anche il confronto e la verifica sulla realizzazione dei Presidi Territoriali di Assistenza (PTA) previsti dalla Regione in questa prima fase a Massafra, Mottola e Grottaglie, Cgil, Cisl, Uil hanno chiesto di allargare tale verifica alle modalità con cui si attrezzano, in termini di Assistenza territoriale, anche quei Distretti socio sanitari nei quali al momento non vengono realizzati i PTA.
La verifica è comunque iniziata con l’esame della riconversione dell’Ospedale San Marco di Grottaglie in Presidio Post Acuzie (PPA), in sostanza in un PTA che oltre a servire come gli altri il suo territorio, ha la missione particolare di assistenza e riabilitazione dei soggetti fragili a partire dagli anziani.
Anche qui la ASL/TA ha fornito informazioni e dati che sono stati confrontati con quanto previsto dall’apposita Delibera regionale, che impegnano la stessa ad assicurare un’assistenza territoriale con servizi che vanno dalle cure domiciliari, alle strutture di degenza e di riabilitazione, possibilità di Day Service medico e chirurgico, Centro Prelievi, Centro dialisi, diagnostica per immagini e TAC; soprattutto servizi Ambulatoriali specialistici che si aggiungono ai Consultori e agli Ambulatori di Pulsano, San Marzano di San Giuseppe e San Giorgio Jonico, quest’ultimo in fase di riqualificazione in una nuova sede.
Cgil Cisl Uil riservandosi di verificare a livello locale la reale efficacia di quanto la ASL/TA sta realizzando, hanno chiesto alla stessa di aprire un confronto anche con i Medici di famiglia allo scopo di realizzare, nel PPA di Grottaglie come negli altri PTA, l’Ospedale di Comunità o comunque quelle Aggregazioni Funzionali Territoriali (AFT), previste dalla Regione, per qualificare ulteriormente e strutturalmente l’Assistenza Primaria e la Continuità Assistenziale (ex Guardia medica).
Nel prosieguo del confronto Cgil, Cisl, Uil oltre a completare la verifica sugli altri Presidi territoriali e sulla presenza al loro interno delle postazioni dell’Emergenza Urgenza, riproporranno una opportuna verifica sulla possibilità di abbattere i tempi delle Liste di attesa che ad oggi, ancora, presentano notevoli criticità.

Published in Sanità

Registriamo con favore la comunione d’intenti che in questo momento Comune e Provincia di Taranto dimostrano di avere nei confronti dell’annosa questione riferita al Piano di Sviluppo e utilizzazione dell’Aeroporto “Arlotta” di Grottaglie. L’opera frutto anche di Piani di investimento regionali ed europei e attualmente “asservita” esclusivamente alla logica di espansione di alcune, seppur apprezzabili, realtà industriali del territorio, chiediamo venga ufficialmente sottratta alla regola del SIN di Taranto, sviluppando parte dello sviluppo integrato che da tempo auspichiamo per il nostro modello di sviluppo.

Così in una nota le organizzazioni di categoria UNSIC, Confartigianato, CNA, Upalap e Confesercenti di Taranto che riprendono con una nota stampa anche le recenti dichiarazioni del sindaco del comune capoluogo, Rinaldo Melucci.
La tanto auspicata diversificazione economico-produttiva del territorio provinciale non si semina a parole – commentano i referenti provinciali – ma si coltiva con interventi mirati che nel corso di questi ultimi anni in realtà sono stati semplicemente evocati e mai realizzati, lasciando a Taranto l’unica vocazione consentitale: ovvero quella industriale.
Il potenziale di integrazione dei modelli economici è invece una occasione che da tempo perseguiamo – dicono – convinti come siamo che sul traffico aereo da e per lo scalo grottagliese in questi anni si siano levate fin troppe cortine di fumo e di documenti strategici inutili.
Le associazioni di categoria poi partono all’affondo.
Continuiamo a considerare poco chiare le dinamiche che hanno determinato in questi ultimi anni la devoluzione di contributi regionali per vettori veicolati verso gli scali di Bari e Brindisi – continuano le sigle – e per tale ragione sarà opportuno anche su questo fronte avviare un tavolo di consultazione con la Regione Puglia, circa la destinazione di fondi non solo riferibili al traffico aereo, ma anche all’infrastrutturazione viaria anche eco-sostenibile (vie del mare e ciclovie), a cui il settore del commercio e dell’artigiano, oltre a quello del turismo, guarda con particolare attenzione.

 

Published in Cronaca sindacale

L’associazione politica culturale “Carosino Adesso”, ha presentato domenica scorsa, il suo candidato sindaco alle Elezioni Amministrative di Carosino, che si terranno il prossimo 26 maggio: Onofrio Di Cillo.

Nel suggestivo scenario della corte del castello D’Ayala Valva, la cittadinanza ha testimoniato il sostegno ad un Di Cillo emozionato, che attorniato da amici e collaboratori, ha ricevuto le attestazioni di stima anche di Giovanni Gugliotti, Presidente della Provincia di Taranto e di Massimiliano Stellato, Consigliere del Comune di Taranto. “Sono qui per Onofrio – ha dichiarato Gugliotti nel suo saluto – per l’uomo, al quale sono legato da sincera stima e amicizia, per fargli gli auguri in questo percorso di campagna elettorale che sta per iniziare e per incoraggiarlo a continuare con quella coerenza e quella determinazione, che lo hanno caratterizzato, sempre, in questi anni della sua vita politica e amministrativa.” Figura autorevole del panorama politico-amministrativo di Carosino, Onofrio Di Cillo è stato impegnato, negli ultimi cinque anni da consigliere della minoranza, in una costante azione di opposizione indefessa, costruttiva, solerte, basata su un’idea di presenza effettiva in sede amministrativa, per farsi portavoce di tutte le istanza dei concittadini.

Onofrio Di Cillo, sostenuto dal suo gruppo “Carosino Adesso”, ha preso le distanze da una politica di palazzo, chiusa ed ostinata, disgiunta dalla gente, lontana dalla strada. La cittadinanza, nella visione del candidato sindaco Di Cillo, deve essere protagonista della vita amministrativa, insieme agli amministratori, che elegge per governare in maniera ottimale, con attenzione, sensibilità e trasparenza. Con il suo programma, Di Cillo si erge a sostegno di una nuova visione progettuale, che prende atto delle problematiche esistenti, sviluppa strategie di problem solving, censisce bisogni e fragilità, istituisce piani di incremento, rilancia e incentiva potenzialità e risorse territoriali, si adopera concretamente per migliorare la qualità della vita.

Tra i tanti punti del corposo programma, che sarà ampiamente descritto nel corso dei prossimi appuntamenti, in cui verranno anche presentati i protagonisti in lista con Di Cillo, molto spazio viene dato al concetto di partecipazione, di squadra, di collaborazione. Il team di “Carosino Adesso” crede nel suo progetto, si mette in discussione, si interroga, si confronta, si propone, si apre all’ascolto. Quando si parla di azioni amministrative nessuno deve sentirsi escluso. “Carosino è un città da far ripartire –ha dichiarato Onofrio Di Cillo – che necessita di un’economia di promozione, che sappia mettere a sistema amministrazione, associazioni, imprenditori, settori produttivi, istruzione, cittadinanza, politiche sociali, risorse del proprio territorio e delle zone limitrofe. C’è la volontà di costruire non per mestiere o per ambizione personale per il benessere dell’intera comunità, con la consapevolezza, l’onestà, l’entusiasmo e la responsabilità, che Carosino merita.” “Carosino Adesso” candida Onofrio Di Cillo alla carica di Sindaco del Comune di Carosino, per una città di tutti, in cui non deve esistere chiusura, in cui il buio dell’arroganza, cede il passo ad una scelta di stile che apre le porte alla gente, alla luce della scelta condivisa.


Published in Amministrative 2019

Anche quest'anno la città di Taranto è stata inserita tra le sei tappe italiane della mostra itinerante, composta di 37 pannelli espositivi, La razza nemica. La propaganda antisemita nazista e fascista “grazie - ha spiegato il consigliere regionale Gianni Liviano nel corso della conferenza stampa di questa mattina - al grande successo dell'anno scorso quando la mostra fu visitata da migliaia di persone e vide il coinvolgimento di alcuni istituti superiori di secondo grado della città oltre alla collaborazione dell'Ufficio scolastico provinciale e del Comitato qualità della vita questi ultimi due nuovamente partner dell'edizione di quest’anno insieme all'associazione Le città che vogliamo”.
La mostra, finanziata dall’ UNAR, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali (organo del Dipartimento per le pari opportunità presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri), sarà visitabile dall'1 al 16 aprile e gode del patrocinio morale dei Comuni di Crispiano, Faggiano, San Giorgio Jonico, Statte nonchè degli istituti “Belisario-Sforza” di Ginosa-Palagiano-Palagianello e “Leonardo da Vinci” di Monteiasi-Montemesola.
L'appuntamento di quest’anno si arricchisce, ha spiegato Liviano fautore dell'importante iniziativa, della partecipazione dei Comuni di San Giorgio Jonico, Faggiano, Palagiano, Crispiano, Statte e Montemesola che hanno chiesto di poter ospitare la mostra itinerante. “Una richiesta - ha sottolineato il consigliere regionale tarantino - che è stata subito accolta favorevolmente da noi che dai responsabili della Fondazione Museo della Shoah dal momento che uno degli scopi principali dell'iniziativa è quello di provare a lanciare un importante messaggio alle nuove generazioni che di quanto accaduto hanno conoscenza soltanto attraverso i libri di storia. Non ci può essere storia se non si guarda al futuro. La memoria ha un senso solo se ha il coraggio e l’audacia di guardare al futuro per questo è importante che siano i giovani a interessarsi a queste importanti dinamiche”.
A Taranto la mostra sarà ospitata nel chiostro dell'Istituto musicale Paisiello e potrà essere visitata i giorni 10 (a partire dalle ore 16, subito dopo la cerimonia di inaugurazione alla quale oltre alle autorità interverranno il prof. Amedeo Osti Guerrazzi e il prof. Marco Caviglia della Fondazione Museo della Shoah), 11 e 12 dalle ore 9 alle ore 19.
Ospiti di riguardo della mostra saranno Andra e Tatiana Bucci, le due sorelle di origine ebraica superstiti dell’Olocausto, testimoni attive della Shoah italiana e autrici di memorie sulla loro esperienza a Auschwitz. “Le sorelle Bucci, insieme alla dott.ssa Micaela Felicioni della Fondazione Museo della Shoah - ha reso noto Liviano - la sera di giovedì 11 aprile parteciperanno ad una iniziativa pubblica che si terrà alle ore 18.30 nel Salone di rappresentanza della Provincia mentre il giorno dopo, la mattina del 12, incontreranno gli studenti di Taranto, nella sala riunioni del Dipartimento jonico di Studi giuridici, e quelli di Statte nella scuola Leonardo da Vinci”.
Per quanto riguarda gli altri appuntamenti, la mostra sarà a San Giorgio Jonico l'1 e 2 aprile (9/12.30-16/19.30) nella sede dell'associazione culturale “Lino Agnini” in piazza San Giorgio; a Faggiano il 3 e 4 aprile (9/14-15-19) nella sala consiliare del Comune; a Palagiano il 5 e 6 aprile (9/14-15/19) all'interno dell'Istituto Belisario-Sforza; a Crispiano il 7 e 8 aprile (domenica 7 dalle ore 9 alle 13 nella sala consiliare del Comune; lunedì 8 dalle ore 9/13-16/18 nell'istituto comprensivo “Francesco Severi”); a Statte il 13 e 14 aprile (10/12-17.30/20) all'Arcitenda in via Piave; a Montemesola il 15 e 16 aprile (9/14-16.30/19) nella scuola secondaria “G. Pascoli”.
Alla conferenza stampa sono intervenuti il prof. Raffaele Spada in rappresentanza del prof. Antonio d'Itollo, dirigente USR Puglia Ufficio VII Taranto, e il prof. Carmine Carlucci del Comitato qualità della vita i quali hanno sottolineato la valenza dell'iniziativa sottolineando come i genocidi siano in agguato e non vanno sottovalutati per cui ricordare il passato può contribuire a far sì che simili periodi restino confinati nelle pagine dei libri di storia.
Il percorso espositivo si snoda su un duplice piano narrativo: da una parte viene offerto uno sguardo sull’evoluzione dell’antisemitismo in Europa all’inizio del ‘900, in particolare sulla fase finale caratterizzata da motivazioni genetiche e biologiche e non più solo teologiche, socio-economiche e culturali e, dall’altra, viene raccontato il ruolo della propaganda nazista e fascista che ha caratterizzato la cosiddetta società di massa, grazie alla nascita e alla diffusione di “nuovi” media come la radio, il cinema e successivamente la televisione.
L’esposizione si chiude con un’analisi sulle conseguenze che la propaganda ha avuto sulla sorte degli ebrei d’Europa, dalle misure persecutorie, con l’emanazione delle Leggi di Norimberga (1935) e l’istituzione dei ghetti, che sancirono l’isolamento degli ebrei dal resto della popolazione, per arrivare alle deportazioni e allo sterminio fisico nei campi di morte.

Published in Cultura

Il Gal Magna Grecia organizza un incontro tecnico informativo per contrastare la diffusione del batterio Xylella fastidiosa sul territorio, chiamando due tecnici di comprovata esperienza per fare il punto su questa emergenza fitosanitaria, sia dal punto di vista degli agricoltori, sia da quello dei vivaisti.
Alle ore 17.30 di martedì 2 aprile si terrà, presso il Frantoio Oleario della Società Cooperativa Agricola Acli, in via Taranto n.3/B a Crispiano, il pubblico incontro “Emergenza fitosanitaria Xylella fastidiosa”.
L’iniziativa, che gode del patrocinio del CONAF (Consiglio Nazionale dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali), è organizzata dal Gal Magna Grecia in collaborazione con l’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Taranto, l’AJPROL Società Cooperativa Agricola dei Produttori Olivicoli e il Frantoio Oleario Società Coop. Agricola Acli.
I lavori saranno introdotti e moderati da Ciro Maranò, direttore tecnico Gal Magna Grecia, e si apriranno con i saluti istituzionali di Luca Lopomo, Sindaco di Crispiano, Francesco Andrioli, Sindaco di Statte, Pietro Lanzo Dione, presidente AJPROL, Gianrocco De Marinis, presidente Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della Provincia di Taranto, e Franco Serio, consigliere AJPROL.
L’incontro entrerà poi nel vivo con gli interventi dei due relatori: Pierfederico La Notte, ricercatore CNR Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante di Bari, su “Xylella fastidiosa: situazione attuale, informazione, contenimento e prevenzione”, e Gianluca Buemi, Dottore Agronomo e consigliere CONAF, su “Il vivaismo nelle zone delimitate: stato dell’arte e prospettive future”.
Gli interventi conclusivi saranno di Gianpaolo Cassese, componente Commissione Agricoltura Camera dei Deputati, e di Luca Lazzàro, presidente Confagricoltura Puglia e presidente Gal Magna Grecia.
Presentando l’iniziativa Luca Lazzàro ha spiegato che «abbiamo organizzato questo incontro perché riteniamo che l’informazione sia fondamentale per contrastare l’avanzata della Xylella fastidiosa, una emergenza che minaccia il futuro delle nostre aziende agricole, il lavoro di migliaia di persone, lo sviluppo di un intero territorio. Ora è compito della politica dare risposte in tempi brevi a questa autentica tragedia, rimasta inascoltata per troppo tempo».

 

Published in Cronaca

A seguito della conferenza stampa il gruppo consiliare alla Provincia di Taranto del Partito Democratico ha presentato una interrogazione urgente per conoscere gli atti amministrativi che il Presidente della Provincia di Taranto dott. Gugliotti intende intraprendere.
A parere del Partito Democratico, infatti, ci sono tutti i presupposti per annullare in via di autotutela gli atti di autorizzazione posti in essere da chi è stato investito dalle ultime vicende giudiziarie.
Emanuele Di Todaro, Consigliere provinciale del PD ha affermato: "Chiediamo senza indugio al Presidente di farci conoscere i suoi intendimenti. Sono ormai passate due settimane dai primi risvolti della inchiesta T-rex senza che il Presidente della Provincia abbia posto in essere alcun atto. La questione ci preoccupa molto e chiediamo trasparenza e chiarezza per rispetto delle comunità coinvolte dalle autorizzazioni in questione."
Inoltre, il Segretario provinciale Giampiero Mancarelli ha dichiarato: "È ormai improcrastinabile porre in essere gli atti di annullamento in via di autotutela delle autorizzazioni firmate dal dirigente coinvolto nella inchiesta T Rex. Il silenzio che ormai pervade da due settimane la Provincia di Taranto comincia a diventare inquietante. Ci aspettiamo parole chiare e nette dal massimo rappresentante della Provincia. Da più parti amministratori, associazioni e singoli cittadini chiedono una azione di buon senso. Non rispondere e rimanere inerti non è più consentito per nessuna ragione. Attendiamo un riscontro immediato a questa sollecitazione riservandoci come Partito di iniziare una mobilitazione nelle comunità coinvolte."

Published in Politica

La viabilità urbana, in Grottaglie è ormai ai minimi termini.

Non già per il normale deterioramento delle strade, ma per l'abuso che si compie sulle strade e a causa della mancata sorveglianza da parte degli amministratori. Infatti, la causa della indecenza delle strade è proprio da ricercarsi nei lavori sulle strade, in massima parte dall'AQP spa, ma non solo, che non provvede al ripristino dello stato quo ante.
Parteciperanno, tra gli altri, il dottor Caragnano, presidente dell'associazione ed il Presidente provinciale di Fratelli d'Italia, avv. Pilolli.
Di tutto questo si parlerà nel corso della conferenza stampa indetta per domani  sabato, 30 marzo p.v., alle ore 11,00, nel piazzale antistante la Bottega Cosimo Vestita in Grottaglie, alla via Crispi.

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk