Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Sabato, 09 Marzo 2019

Alle ore 16:30, lunedì 11 marzo, si svolgerà il Consiglio comunale che vedrà, in apertura, la surroga di un consigliere comunale, com'è noto  Aurelio detto Franco Galiandro (classe 1966), si è dimesso da Consigliere comunale per motivi personali, a lui subentrerà Noemi Siliberto, classe 1983, prima dei non eletti nella lista di SEL con 48 voti.

All'Ordine del Giorno 6 punti, tre interrogazioni, la prima del Consigliere Cosimo Annicchiarico sul regolamento del cerimoniale comunale. La seconda interrogazione avrà come oggetto il Calvario, l'altorilievo in ceramica  della nicchia di largo Maria Immacolata, ormai smontato da  tre   anni e in attesa di essere ricollocato, a chiedere chiarimenti sarà il Consigliere Michele Santoro. Sempre lo stesso Santoro sarà l'interrogante sull'argomento inerente i Condono edilizio. Per quanto riguarda gli altri e tre punti dell'OdG, la numero 4 è un'interpellanza, presentata dal Consigliere Michele Santoro che chiede chiarimenti in merito al valore delle aree edificabili. Punto caldo il punto 5 in cui l'Assise comunale sarà chiamata a votare sulla richiesta di convocazione di un Consiglio comunale monotematico dedicato all'IMU ingiusta che il Comitato CRITIC  ha portato alla ribalta, perché ormai allo stremo della sopportazione per i valori alti dell'IMU su aree che non sono edificabili ma che vengono tassate come se lo fossero. L'ultimo punto, il sesto, è dedicato a una mozione in cui si chiede a che punto è la redazione del Piano del Traffico, affidato al D.I.C.Ar dipartimento di scienze dell'ingegneria civile e dell'architettura, mozione presentata dal Gruppo consiliare Articolo Uno  MDP.

Published in Politica

Un inno alla forza e al coraggio delle donne di oggi

Ginosa - La nuova collezione della stilista Carmen Clemente ha calcato le passerelle milanesi con un vero e proprio inno alla forza e al coraggio delle donne: insomma una guerriera che sa affascinare con la sua capacità di lottare e superare gli ostacoli.

«Io penso che la moda debba rispecchiare la realtà sociale che stiamo vivendo in modo da veicolare messaggi attuali e concreti – ha sottolineato la stilista – La mia collezione evidenzia proprio il coraggio delle donne che si fanno strada in una società sempre più complessa e articolata».

La collezione di Carmen Clemente racconta una femminilità vestita con gonne in chiffon, tacchi vertiginosi e stivaletti con le borchie, oltre a bustini in pelle che esaltano la fisicità della donna rendendola una vera e propria scultura fashion.

Dietro il successo trentennale della carriera di Carmen, ora c'è anche il talento di Dalila Recchia, direttore creativo di grande spessore professionale che ha fornito un contributo decisivo alla riuscita della sfilata.

A corollario della sfilata la partnership di Carmen Clemente Couture con “Made in carcere”, brand che riscatta il lavoro delle donne detenute che confezionano accessori utilizzando materiali di recupero grazie alla collaborazione con la fondatrice del marchio Luciana Delledonne.

Una sfilata di moda al buio, dunque, per sperimentare l'effetto fashion sui cinque sensi umani: quella di giovedì scorso presso l'Hotel Magna Pars Suites di Milano è stata una presentazione davvero originale delle collezioni ‘donna autunno-inverno 2019/2020’.

La quinta edizione di questo evento moda organizzato da Mad Mood, uno dei format più audaci e particolari ideato da Marianna Miceli, ha avuto grandi ospiti fra il pubblico come la ex top model Valeria Mazza e le influencer Francesca De Andrè, Pamela Camassa e Cecilia Capriotti.

La sfilata ha presentato il ‘lifestyle’ internazionale raccontando territori e culture provenienti da tutto il mondo attraverso la moda e le collezioni di stilisti internazionali, dal Marocco all'Arabia Saudita, dall'India alla Russia, senza dimenticare lo stile italiano che è stato immancabilmente protagonista.

Cinque sensi, ospiti vip, emozioni e partnership internazionali sono state dunque il motore di un evento moda unico nel suo genere: pubblico al buio, sensi e moda internazionale in piena luce per la Milano Fashion Week con Carmen Clemente.

Published in Spettacolo

In Commissione sanità è stata modificata la legge “Contrasto alla diffusione”, presentata dal consigliere regionale Mimmo Santorsola.

Con le modifiche approvate, da apportare alla legge regionale vigente in materia, si vuole disincentivare la pubblicità dei vari giochi che sono reperibili in bar, tabaccherie ed esercizi commerciali ed incentivare gli esercizi che decidano di rimuovere gli apparecchi e le macchinette dai loro locali.
Diversi gli emendamenti a firma di Santorsola.
Le nuove autorizzazioni all’esercizio non vengono concesse nel caso di ubicazioni in un raggio inferiore a 250 metri, misurati per la distanza pedonale più breve, da istituti scolastici di secondo grado, dalle Università e dalle biblioteche pubbliche. L’autorizzazione è concessa per cinque anni e può essere chiesto il rinnovo dopo la scadenza. La rideterminazione della distanza permette di: bilanciare il complessivo dimensionamento dell’offerta di gioco e la distribuzione sul territorio dei punti di vendita che risulti sostenibile sotto il profilo dell’impatto sociale; evitare il formarsi di ampie aree nelle quali detta offerta sia totalmente assente o eccessivamente concentrata.
A partire dal 1 gennaio 2020, non sarà consentita l’installazione e/o la presenza di apparecchi per il gioco negli esercizi di dimensione inferiore ai 20 mq di superficie calpestabile aventi attività principale diversa dalla gestione, commercializzazione e/o somministrazione di giochi, comunque denominati, che prevedano vincite in denaro. Negli esercizi con superficie calpestabile tra i 20 e i 50 mq, non è consentita l’installazione di più di due apparecchi; negli esercizi di dimensione superiore a 50 mq il numero degli apparecchi può aumentare di una unità per ogni 25 metri quadrati ulteriori di superficie, fino a un massimo di 6 apparecchi.
È consentito esporre negli esercizi commerciali biglietti o tagliandi di lotterie nazionali ad estrazione istantanea, comunque denominati, esclusivamente in appositi e delimitati spazi che non superino il 30% della superficie espositiva totale.
I gestori e tutto il personale di centri scommesse e spazi per il gioco con vincita in denaro saranno tenuti a frequentare corsi di formazione vertenti sulla normativa vigente in materia di gioco lecito e sulla prevenzione e riduzione della ludopatia.
La Regione promuoverà accordi con gli enti di esercizio del trasporto pubblico locale e regionale, finalizzati a limitare sui mezzi la concessione di spazi pubblicitari relativi al gioco.
È prevista anche la stipula da parte della Giunta regionale di una convenzione con le forze dell’ordine, i concessionari di giochi e scommesse e le Asl pugliesi, finalizzata ad attivare uno specifico programma comune di azioni e di interventi nel campo della prevenzione, vigilanza e contrasto alle violazioni delle norme regionali e nazionali in materia di gioco d’azzardo.
“Non ho alcuna intenzione di sciorinare numeri e fatti che tutti conosciamo e che ci hanno dato una reale dimensione del problema – ha commentato Santorsola. Ritengo, però, necessario che in assenza di una normativa nazionale il Consiglio regionale metta in campo misure per il contrasto al gioco d’azzardo patologico. Lo ha fatto con la legge 43 del 2013 la cui attuazione è stata rinviata sulla base di oggettive difficoltà, del malcontento generato tra i gestori e del rischio di perdita di occupazione da parte di migliaia di addetti al lavoro. Con questa proposta di modifica della legge 43 e con gli emendamenti che tengono conto degli atti della conferenza unificata, delle richieste dei gestori e della necessità di non ‘ghettizzare’ il gioco d’azzardo, potremmo provare a potenziare le misure di contrasto alla patologia, a dare dignità ai giocatori non patologici, a tutelare i legittimi interessi dei gestori andando, comunque, nella direzione di ridurre in maniera consistente l’offerta di gioco sul territorio pugliese”.

Published in Politica

La sottoscrizione congiunta del Sindaco di Taranto e di diverse Associazioni tarantine di un unico documento per sostenere le ragioni della comunità ionica rappresenta un fatto storico.


Straordinario esempio di unità che può davvero diventare la marcia in più che questo territorio può esibire.
In tutto questo non vi è traccia alcuna dei diversi ministri dell'attuale governo. Costa rimane silente e, soprattutto, la Ministra della salute Grillo non si adopera per chiarire i termini attuali dei report dell'Istituto Superiore della Sanità.
La Grillo dovrebbe vergognarsi della sua assoluta indifferenza rispetto alle certezze che Taranto chiede di conoscere.

Published in Politica

Nell’incontro che si è tenuto stamattina a Palazzo di Città tra il Sindaco, l’assessore Francesca Viggiano e una delegazione cittadina si è convenuto di tracciare la strada che porterà alla costruzione di un percorso condiviso di provvedimenti ed atti finalizzati ad una sempre maggior tutela della salute della cittadinanza come ad esempio: attivazione dell’Osservatorio sulla Salute, Viias, costituzione di un tavolo permanente di confronto, costituzione al Tar del Lazio nel giudizio di impugnazione del DPCM e la redazione di una Valutazione del danno sanitario.

Qualora dalle risultanze delle valutazioni richieste dai cittadini ricevuti e recepite dall’amministrazione dovesse emergere il perpetrarsi del rischio sanitario, il Sindaco si è impegnato a proseguire nella salvaguardia dei diritti dei cittadini attraverso ulteriori provvedimenti utili, senza alcuna preclusione, che confermino la comune volontà politica di tutela della salute.

Tra i citati provvedimenti, in ossequio al principio di massima precauzione, non si esclude l’eventualità di assumere provvedimenti di fermo degli impianti.

Comunicato sottoscritto da: 

Rinaldo Melucci
Francesca Viggiano
Rossana Sangineto – Piano Taranto
Leonardo La Porta
Sibilla Stefano
Chiara De Michele
Mattia Vanessa

 

Published in Politica

La compagnia aumenta l’offerta per i passeggeri in viaggio tra la Puglia  e il Regno Unito


Bari – Aeroporti di Puglia comunica che easyJet arricchisce l’offerta dall’aeroporto di Bari connettendo lo scalo barese con Manchester. La rotta è già in vendita sul sito easyJet.com, sull’app mobile e sui canali GDS e sarà operativa durante la stagione estiva 2019.

Con il nuovo volo verso Manchester – disponibile con frequenza bisettimanali (mercoledì e sabato) – aumenta l’offerta da/per il Regno Unito e salgono a 6 le destinazioni, nazionali e internazionali, collegate con l’aeroporto di Bari. Quindi da Bari a Manchester dal 17.8.19 al 26.10.19 Mercoledì e Sabato

“L’annuncio del nuovo volo per Manchester, -  ha commentato Tiziano Onesti, Presidente di Aeroporti di Puglia - che segue di pochi giorni quello per Nantes, non solo è un chiaro segnale dell’attenzione di easyJet alle potenzialità della rete aeroportuale pugliese e di tutta l’area sud est del Paese, ma rappresenta anche un riconoscimento ad Aeroporti di Puglia quale gestore capace di favorire condizioni di operatività in grado di fidelizzare vettori di primissimo piano. Il collegamento su Manchester, importante novità per lo scalo barese, assicura una copertura ancor più ampia e capillare del mercato del Regno Unito, il terzo in ordine di importanza, per arrivi e presenze, per l’industria turistica pugliese. Questo collegamento nasce su ottimi presupposti commerciali dal momento che, oltre al già evidenziato valore per l’incoming, potrà essere accolto con favore da coloro che vorranno conoscere una delle più importanti città del Regno Unito, ricca di musei, poli culturali e scientifici di grande prestigio; in primis la sua università che è una delle più grandi del Regno Unito e dalla quale sono usciti moltissimi premi Nobel”.

Published in Cronaca

Il Segretario generale territoriale Fai Cisl Taranto Brindisi, Antonio La Fortuna manifesta “condivisione per le iniziative anche di mobilitazione poste in essere a fronte del fenomeno pressoché decennale della Xylella che, segnatamente nei territori di Brindisi, Taranto e Lecce ha determinato un complessivo impatto negativo sul settore Agricolo.”

Occorre “proseguire in piena concordia ed unità nel porre in essere forme di lotta – aggiunge La Fortuna - scongiurando spaccature e distinguo che rischiano di indebolire il movimento generale di protesta, oltreché il consenso delle comunità coinvolte e di far perdere di vista tanto la qualità delle rivendicazioni, quanto le vere controparti istituzionali cui da tempo sollecitiamo ad assumere decisioni consequenziali.”
In particolare, conclude il segretario sindacale “il mondo del lavoro dipendente, altrettanto interessato nell’impatto negativo del fenomeno Xylella, al pari di migliaia Aziende, oltre a richiamare la Regione Puglia e l’Assessorato all’Agricoltura alle proprie responsabilità istituzionali, rilancia la richiesta al Ministero del Lavoro, che sia modificata la L.n. 247/07 sulle calamità naturali, per ottenere legittimi benefici in materia di ammortizzatori sociali e di conferma, senza penalizzazioni, dei rispettivi profili contributivi.”

 

Published in Cronaca

Il 13 marzo 2019 alle ore 11:00, presso il Tribunale per i minorenni di Taranto, si terrà la conferenza stampa di presentazione della "Guida alle segnalazioni in ambito scolastico - Indicazioni pratiche per l 'integrazione degli interventi di prevenzione della dispersione e del disagio scolastico ".


Tale documento nasce dall' incontro e dal confronto, nell'ambito dei " tavoli partecipativi" convocati dalla Procura della Repubblica e dal Tribunale dei Minorenni, tra più punti di vista sul disagio sociale: quello del Tribunale, della Procura della Repubblica, della Scuola, dei Servizi Sociali. Da un primo confronto ha avuto inizio una serie di incontri di partecipazione condotti tra il mese di Marzo 2017 e il mese di Marzo 2018, da cui è scaturito un protocollo di intesa, siglato il 12 marzo 2018, con la proposta di elaborare delle linee-guida, oggetto della presentazione, da diffondere a una platea più ampia di operatori scolastici.
Alla conferenza interverranno il Presidente del Tribunale dei minorenni, dott.ssa Bombina Santella, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Taranto, dott.ssa Pina Montanaro, il Direttore Generale dell ' Ufficio Scolastico Regionale Puglia, dott.ssa Anna Cammalleri, il Dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale di Taranto, dott. Antonio d'!tollo.

Published in Scuola&Istruzione

L’Amministrazione comunale, in collaborazione con diversi enti ed associazioni, per il secondo anno consecutivo, ha organizzato un calendario di eventi, da sabato 9 marzo e fino a domenica 7 aprile 2019, per celebrare la Giornata Internazionale della Donna.

“Oltre l’8 Marzo”, infatti, toccheranno molti temi al femminile, quali la conciliazione dei tempi di vita e lavoro, approfondimenti sul tema della salute al femminile, della parità di genere e del problema della violenza sulle donne, accanto ad iniziative di riflessione sull’evoluzione e crescita sociale e culturale della donna.

Primo appuntamento sabato 9 marzo alle ore 18 nella Chiesa di San Michele Arcangelo con la Santa Messa in ricordo delle donne vittime di violenza. La cronaca nera, ci racconta, quasi ogni giorno di casi di stalking, minacce, percosse e violenze che portano alla morte. Episodi che, purtroppo, accadono in Italia, in Europa, nel Mondo.

Giovedì 14 marzo alle ore 16, la Pinacoteca Comunale, in continuità con il tema della violenza, ospiterà, infatti, l’incontro “Questo non è Amore”. Partendo dal progetto, ideato e promosso dalla Direzione centrale anticrimine del Dipartimento della pubblica sicurezza, la Polizia di Stato con il questore di Brindisi, Maurizio Masciopinto e l’equipe del Camper contro la violenza di genere, che opera nell’ambito della campagna nazionale, spiegheranno, analizzeranno e descriveranno i rischi, indicando, inoltre, i comportamenti da adottare nelle situazioni-limite. La psicologa e psicoterapeuta Isabella D'Attoma descriverà i processi di formazione delle reazioni violente contro l’altro genere, e le loro radici molto spesso familiari. Il M° Stefano Scianaro, parlerà delle tecniche di autodifesa e concluderà la manifestazione il gruppo teatrale Aleph di San Vito dei Normanni.
E’ possibile valorizzare le risorse femminili nel lavoro e contemporaneamente tutelare il benessere della famiglia? Il mondo dell’impresa è ancora oggi un "terreno minato" per le donne che desiderano essere mogli e madri? Quali strade si possono percorrere per incoraggiare una nuova cultura imprenditoriale? A questi ed altri interrogativi cercherà di dare una risposta il convegno “Donne, famiglia e lavoro”, che si terrà martedì 18 marzo, alle 17.30, presso la Pinacoteca Comunale. All’incontro parteciperanno Sonia Rubini, Direttrice del CNA di Brindisi, Beatrice Lucarella, imprenditrice e delegata per la Puglia della Fondazione “Marisa Bellisario” e don Domenico Carenza, parroco della Chiesa Maria SS Assunta di Ceglie Messapica.
Si prosegue venerdì 29 marzo, alle ore 17.30 presso l’Oratorio Parrocchiale con l’incontro “La salute delle Donne”, sulle tematiche della prevenzione e della salute psicologica delle donne. L’idea di questo incontro nasce dalla consapevolezza che la prevenzione rappresenti la risorsa più efficace per prendersi cura di sé , volersi bene e salvaguardare la propria salute. Interverranno il Dott. Stefano Termite, Direttore del Servizio di Igiene e Sanità e Coordinatore del Centro Screening della ASL di Brindisi, la Psicologa Antonella Aportone, il Dott. Antonio Proto, Medico di base, la Presidente della BrinAIL, Carla Sergio e l’Infermiera Maria Chirico del Dipartimento prevenzione e centro vaccinazioni di San Michele Salentino.
Racconta le tragiche storie di otto donne, ognuna delle quali celano un sentimento di rivalsa e rinascita, il libro “Come frammenti di stelle” di Antonella Tamiano che sarà presentato sabato 30 marzo, alle ore 18 nella Pinacoteca Comunale. Otto vicende femminili ambientate nel Salento, che raccontano periodi particolari delle vite delle protagoniste, momenti ardui, duri in cui il presente si distacca dal futuro sfocandone i contorni. Una maternità che non si concretizza, la prigione di una dipendenza che distrugge gli affetti, l’incubo del cancro che annienta ogni prospettiva del futuro, la disabilità di un famigliare ancora troppo spesso considerato un tabù. Dialogherà con l’autrice, Tiziana Barletta, Assessore alla Cultura.
Metterà in risalto l’evoluzione della donna dal punto di vista della moda e dei suoi cambiamenti sociali e culturali, la mostra “Auto&Moda” che si svolgerà domenica 31 marzo a partire dalle ore 18 in Piazza Marconi. Alla tradizionale sfilata di auto e moto d’epoca per le vie della città, si affiancherà l’evento di sicuro fascino per celebrare le donne del passato con una carrellata di abiti dagli anni ’40 fino agli anni ’80, accompagnati dalle storie di costume, società, cultura che hanno rappresentato il cambiamento femminile.

L’appuntamento finale che chiuderà questo mese di eventi è previsto per domenica 7 aprile, a partire dalle ore 9.30, quando in Piazza Marconi, Amministrazione, Associazione Runners San Michele e Associazione LILT Brindisi daranno vita alla “Camminata Rosa”, una passeggiata per le vie principali di San Michele Salentino con l’obiettivo di sensibilizzare tutti sull’importanza della prevenzione del cancro al seno e per far conoscere il lavoro dei volontari. L’esercito rosa, composto da donne, uomini e bambini, avrà la possibilità di donare un obolo volontario ai responsabili provinciali della LILT che saranno presenti sul posto, ricevendo in cambio i gadget simbolo della battaglia rosa.
“Non solo l’8 marzo, quindi, ma un mese ricco di appuntamenti e di spunti di riflessione per tutta la città di San Michele e non solo che, anche quest’anno, vuole mostrarsi sensibile al tema della condizione della donna ed in prima linea per difenderne i diritti – dichiara il Sindaco Giovanni Allegrini. La Consigliera Comunale Angela Martucci, con delega alle Pari Opportunità, promotrice del calendario, è stata supportata fattivamente dall’Amministrazione Comunale che ha lavorato in queste settimane per dare vita a un cartellone di altissimo livello in cui vengono affrontati temi seri, in cui c’è spazio per il dialogo ed il confronto, così da sensibilizzare e informare la cittadinanza sulle politiche ed opportunità loro riservate. Si parlerà dell’universo femminile nelle sue varie sfaccettature, lo faranno le donne, per le donne, restando fedeli a un percorso che sin dall’inizio della nostra esperienza amministrativa abbiamo portato avanti con convinzione”.

Published in Sociale&Associazioni

Lo stop idrico arriva con la delibera del Consorzio di Bonifica Terre d’Apulia Rubino e De Padova, CIA Due Mari: “Intervengano Regione Puglia e Comuni”

TARANTO – Niente acqua. Per i tanti agricoltori e allevatori del Tarantino le cui aziende sono poste nel territorio di pertinenza del Consorzio di Bonifica Terre d’Apulia, l’approvvigionamento idrico d’ora in poi rappresenterà un problema in più, con rilevanti costi aggiuntivi. Con una specifica delibera, il commissario del Consorzio Terre d’Apulia, infatti, ha stabilito che aziende zootecniche e imprese agricole non potranno più utilizzare l’acqua dell’acquedotto rurale per uso potabile.
La questione riguarda anche le province di Bari e Bat, oltre un’ampia zona della provincia di Taranto.
“E’ una questione molto seria”, ha dichiarato Pietro De Padova, presidente provinciale di CIA Due Mari (Taranto-Brindisi). “Come CIA Agricoltori Italiani, chiediamo sia alla Regione Puglia che ai Comuni sul cui territorio ricadono gli effetti della delibera di intervenire subito, affrontare il problema, e dare risposta alle preoccupazioni di allevatori e agricoltori”. La CIA ha già denunciato gli effetti nefasti della delibera in questione per quanto riguarda le province di Bari e della Bat. Le conseguenze negative non tarderanno a farsi sentire anche in provincia di Taranto. “La risorsa idrica dell’acquedotto rurale gestito dal Consorzio Terre d’Apulia è preziosa per l’abbeveraggio dei capi di bestiame e per il mantenimento dell’igiene e del benessere animale”, ha aggiunto Vito Rubino, direttore provinciale di CIA Due Mari. “Non potere utilizzare quell’acqua, significa non solo un incremento dei costi, ma anche problemi aggiuntivi sull’organizzazione del ciclo produttivo”, ha spiegato Rubino.
Sullo sfondo, resta il grande nodo irrisolto dei consorzi commissariati, strutture che continuano a produrre soltanto costi per i contribuenti, senza corrispondere servizi al territorio e all’agricoltura, anzi rappresentando, come in questo caso, un ulteriore problema per il comparto primario pugliese già danneggiato dagli effetti di una crisi di redditività senza precedenti. “Noi vogliamo che i Consorzi funzionino”, ha detto il presidente provinciale di CIA Due Mari, Pietro De Padova. “Se un Consorzio di Bonifica nega ad allevatori e agricoltori la possibilità di utilizzare la risorsa idrica, allora vuol dire che non funziona bene, che non svolge il proprio ruolo come dovrebbe”. “Chiediamo ai comuni e alla Regione Puglia di porre rimedio subito, per non aggravare la situazione di un comparto, quello zootecnico, già fortemente provato da costi sempre in aumento, prezzi delle produzioni non remunerativi e burocrazia asfissiante. Nel frattempo il consorzio di Bonifica continua a chiedere soldi alle aziende agricole senza fornire servizi e dare benefici", hanno concluso De Padova e Rubino.

 

Published in Cronaca

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk