Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giovedì, 18 Aprile 2019

. La rassegna è in programma in largo Leonardo Lorusso. Alla sua quarta edizione nel capoluogo pugliese, Gnam! si ripropone dopo il successo del maggio e dell'ottobre 2018.
Gnam! Festival europeo del cibo di strada Bari, 26-29 aprile 2019
La rassegna, patrocinata dal Comune di Bari, comprende il meglio del panorama nazionale e internazionale, con cibo e preparazioni di qualità elevata ed espositori pluripremiati. L'eccellenza dello street food, con un'accurata selezione di tutti gli espositori, troverà spazio nelle giornate dal 26 al 29 aprile, in largo Leonardo Lorusso. In quattro giorni, i visitatori potranno seguire i percorsi del gusto e assaporare nuove scoperte tra gli stand, ricchi di tipicità culinarie. La manifestazione, che ha iniziato nel 2014 il suo tour di sapori in giro per l’Italia, dopo Roma e Milano ha scelto Bari per continuare a proporre il meglio dello street food italiano e internazionale. L’evento, che lo scorso anno si è caratterizzato, nel capoluogo pugliese, con una doppia edizione, si propone di valorizzare la conoscenza delle tradizioni alimentari come elementi culturali ed etnici, puntando sulla genuinità dei prodotti agro-alimentari tipici regionali. Agli ospiti, sarà offerta la possibilità di degustare e scoprire prodotti tipici regionali introvabili e i piatti internazionali più famosi, in vere e proprie isole gastronomiche, nelle quali osservare dal vivo la preparazione delle ricette più golose e ascoltare il racconto dei produttori.
Un'altra novità riguarda, infine, il pubblico giovanile. Gli organizzatori vogliono che Gnam! sia un momento di festa e di aggregazione soprattutto per i giovani universitari. "Per questo - spiegano nella presentazione di quest'edizione barese -, abbiamo deciso di riservare loro uno sconto del 30 per cento sull’acquisto della birra. Allo stesso tempo, però, aderendo alla campagna 'bevi responsabilmente', regaleremo, simbolicamente, una bibita al guidatore della comitiva (colui che, per mettersi alla guida, si asterrà dal bere), ad ogni tre birre acquistate".
L’area Italia
Nel panorama degli stand italiani ci saranno, in questa edizione, importanti novità.
Dalla Campania, giunge la gustosa e ricca mozzarella di bufala. Tra i formaggi, inoltre, sarà possibile assaporare il caciocavallo 'impiccato', pronto a sciogliersi lentamente, grazie al calore del fuoco, sul pane tradizionale. Non mancheranno i dolci tipici della pasticceria napoletana, dal babà in varie declinazioni alla pastiera, alla sfogliatella e alla aragostina croccanti.
La Basilicata sarà rappresentata dalla sua focaccia tipica, la 'strazzata'. E' una focaccia rustica, originaria della zona di Avigliano. Il nome deriva dal gesto di romperla con le mani. All'interno dell'impasto è aggiunto il pepe nero, dopo essere stato rigorosamente macinato, oppure il lardo (secondo un'altra variante della ricetta). L'impasto finale è fatto riposare fino ad una completa lievitazione naturale e, dopo aver effettuato un buco al centro, è cotto nel forno a legna. La strazzata è farcita, generalmente, con provolone e prosciutto crudo, ma anche con frittata e peperoni, porchetta, mortadella o creme dolci.
Dalla Sicilia arrivano le famose arancine, i cannoli, preparati con la ricotta fresca, e i tipici dolci di pasta di mandorle.
Eccellenza pugliese sono, infine, le bombette della Valle d’Itria. Tra Alberobello e Martina Franca, gli antichi fornelli dei macellai, a tarda sera, si trasformavano in osterie, dove nella brace profumata di legno d’ulivo si cuoceva questo involtino di carne, con all’interno un formaggio canestrato tipico di quest’area. Sempre dalla Puglia, ci saranno i cuoppi di fritti di mare, dal pescato dell’Adriatico, i panzerotti e la stracciata.
L'area internazionale
Visitare Gnam! Festival Internazionale del Cibo di Strada significa anche fare un suggestivo viaggio nelle altre culture gastronomiche. La novità dell'area internazionale, per questa edizione, è il Bbq americano. Il miglior barbecue degli Stati Uniti giunge tra gli stand di Gnam!. Si assaggeranno i più buoni tagli di carne, marinati con una miscela di spezie segrete e cotti con il legno giusto, per conferire il gusto del vero bbq. Nell’isola internazionale, inoltre, saranno presenti specialità messicane, come tacos e burritos; dalla Spagna arriveranno, invece, paella e tapas, cotte in due gigantesche padelle e innaffiate di sangria o tinto de verano. Si continua tra le spade infilzate di carni per l’asado argentino, con un nuovo stand tipico, che propone l'antica cottura in verticale; dal Venezuela, si potranno assaggiare i churros e le arepas. Infine, ritornano, a grande richiesta, le specialità greche, con le ricette originali di moussaka, gyros pita e souvlaki.
Gnam! ha un livello della selezione molto elevato sul prodotto tipico, perché, alla base, c’è una scelta altrettanto severa per la partecipazione. Ogni espositore si avvale di prodotti a chilometro zero del proprio territorio. La manifestazione comprende una proposta molto vasta di cibo di strada (tanti sono i piatti anche per vegani e vegetariani), adatta a tutti i gusti e tutte le tasche. Ogni ricetta risponde a rigorose regole di lavorazione, igiene e freschezza.

Gnam! Festival Europeo del Cibo di Strada
Bari, 26-29 aprile 2019 - ingresso gratuito
orari: 26 aprile, dalle ore 18 alle ore 24
27 e 28 aprile, dalle ore 11 alle ore 24
29 aprile, dalle ore 18 alle ore 24

Published in Cronaca

Il conto alla rovescia è cominciato. Per due giorni Taranto sarà la capitale dell’odontoiatria. Procede a ritmi serrati l’organizzazione del primo Congresso Internazionale di Odontoiatria della Magna Grecia, che si svolgerà nel capoluogo jonico il 3 e 4 maggio. L’evento formativo è organizzato dall’Associazione O.C. Continuing Education Courses con il patrocinio del Comune di Taranto, dell’Ordine dei Medici di Taranto, dell’Associazione Italiana Odontoiatri e della SIOI Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale e assicurerà il conseguimento di crediti ECM.

Al centro delle giornate di studio ci saranno i “Moderni orientamenti diagnostici e terapeutici in odontoiatria e utilizzo delle nuove tecnologie 3D”. Il congresso si svolgerà presso il Centro Eventi Educativi presso l’Aula “Giovanni Paolo II” in Piazza Santa Rita e affronterà, con un approccio globale, i temi dell’Odontoiatria moderna con particolare riguardo a implantologia, ortodonzia, protesi ed estetica. Una attenzione specifica sarà dedicata alle nuove sfide imposte dalle strumentazioni diagnostiche e dalle tecnologie digitali 3D e 4D di ultima generazione: una finestra aperta verso la medicina del terzo millennio e la necessità di confrontarsi in modo costruttivo e proficuo con le terapie tradizionali.

«Le tecnologie – sottolinea il presidente del Comitato Scientifico, dott. Andrea Masciandaro – avanzano sempre più velocemente e portano con sé autentiche rivoluzioni, richiedendo un aggiornamento costante e continuo. L’obiettivo del congresso è quello di evidenziare lo stato dell’arte della professione odontoiatrica con strumentazioni ormai accreditate ma non ancora completamente acquisite. Relatori di fama nazionale ed internazionale ci aiuteranno a comprendere meglio questi passaggi epocali». L’Associazione Orthodontic Clinic ha puntato su Taranto, la città in cui svolge le proprie principali attività. «E’ una scommessa in termini di promozione culturale del territorio – prosegue Masciandaro - . E’ un modo per esaltare le bellezze della città dei Due Mari, spesso ingiustamente disconosciute».

Tantissimi i nomi illustri, che hanno assicurato la propria partecipazione all’evento: a partire dal presidente del congresso prof. Giuseppe Marzo. Tarantino, 57 anni, è professore di prima fascia dell’Università degli Studi dell’Aquila e direttore della Scuola di Specializzazione in Ortognatodonzia dello stesso ateneo.

Non mancherà un aspetto benefico: una parte del ricavato della “due giorni” di studi sarà destinato ad una casa famiglia e ad istituzioni similari.

Le iscrizioni sono ancora aperte. Fino al 28 aprile sarà possibile accedere ai costi agevolati. Per informazioni ed iscrizioni gli interessati possono rivolgersi alla signora Luisa Vitiello (tel. 335-5619628, mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

 

Published in Sociale&Associazioni

"Alle ore 10:30, nel Quartiere delle Ceramiche presso la Bottega Vestita, in  Via Crispi n. 67-69, sarà ospite di Fratelli d’Italia Grottaglie, Caio Giulio Cesare Mussolini, che  ha accolto  con entusiasmo - scrive Orazio Antonazzo, seg. Cittadino di Fratelli d'Italia - l’invito rivoltogli dal nostro direttivo, in qualità di candidato alle #elezionieuropee2019 per il partito di Giorgia Meloni.

Caio Giulio Cesare con  un curriculum d’eccelenza,  lo vede protagonista di una carriera professionale di tutto rispetto,  oltre ad avere molteplici punti di connessione con la nostra città: due Lauree, Comandante della Marina prima e manager di Finmeccanica S.p.A. - oggi Leonardo S.p.A.- poi."

Oltre al candidato, interverranno l' avv. Miale Ciro Francesco e Orazio Antonazzo segretario cittadino del circolo Bppe Alfano che aprirà la campagna elettorale europea indicando i nomi dei candidati.

Ringraziamo per la collaborazione Andrea Piepoli presidente regionale e tutti i ragazzi di Gioventù Nazionale ancora un pensiero va a Roberta Salerno coordinatrice della segreteria del candidato ospite.

Published in Europee 2019

Quando l’attività amministrativa arricchisce la comunità locale nonché i propri uffici, fornendo strumenti migliori ed utili ai fini dell’attuazione di progetti o come nel caso odierno, delle definizioni uniformi stabilite dallo schema di regolamento edilizio, vuol dire che si concretizzano sempre più, le buone pratiche politiche di questa amministrazione. Questo il commento dei gruppi consiliari Sud in Movimento e Rigenerazione soddisfatti dell’operato che questa l’amministrazione D’Alò con impegno e dedizione sta svolgendo.

Per questa amministrazione un obiettivo come i tanti in questi tre anni di mandato, raggiunto grazie soprattutto ad un processo partecipato al quale hanno preso parte gli ordini professionali e cittadini.
Parliamo di definizioni uniformi relative ai parametri urbanistici ed edilizi, approvato con deliberazione di giunta regionale N. 2250 del 22/12/2017, volte a dettare le linee guida per tecnici e per gli uffici dell’ente comunale in materia di istruttoria per i progetto depositati, in attesa dell’approvazione definitiva dell’intero regolamento aggiornato alle nuove disposizioni normative.

Seguiranno altre sedute della seconda commissione con le quali si darà completa approvazione al regolamento edilizio, ed inoltre vi saranno alcuni incontri tecnici-pubblici in cui l’oggetto di discussione partecipata sarà appunto il predetto, riguardanti norme e tecniche di attuazione del piano regolatore, che disciplinano l’edilizia.

Ieri pomeriggio inoltre i consiglieri, componenti della seconda commissione ( Assetto del territorio e lavori pubblici), si sono riuniti per nominare il nuovo Presidente in sostituzione del dimissionario Aurelio Galiandro. Ciro Petrarulo è il nuovo Presidente della seconda commissione consiliare al quale i gruppi Sud in Movimento e RiGenerazione rivolgono l'augurio di buon lavoro.

Published in Politica

È stato pubblicato in questi giorni da parte dell’Ufficio servizi sociali dal Comune di Grottaglie l’avviso per la manifestazione di interesse rivolto a medici odontoiatri del territorio disponibili a erogare cure odontoiatriche a prezzi agevolati per cittadini grottagliesi in condizioni economiche e sociali fragili.

Le domande presentate saranno utili a stilare un apposito elenco di professionisti con i quali l’Amministrazione comunale stipulerà una convenzione in cui si condivideranno le tipologie e i costi degli interventi previsti. La documentazione è consultabile sul sito istituzionale del Comune e l’elenco dei medici odontoiatri è sempre aggiornabile.

Il progetto ha preso avvio da una serie di riunioni tenute a partire dallo scorso anno con i medici odontoiatri del territorio comunale nelle quali è emersa una generale situazione di grande difficoltà per le famiglie a far fronte alle spese relative alle cure odontoiatriche, a cui moltissimi professionisti già rispondono con estrema sensibilità e disponibilità.

Da qui, la condivisa volontà di andare incontro a queste difficoltà, individuando gli interventi medici più frequenti che, a prezzi agevolati, sarebbero utili a prevenire patologie dentarie più gravi con ulteriore aggravio economico per le famiglie.

I cittadini che potranno usufruire di queste agevolazioni sono coloro che hanno un valore ISEE inferiore a 7500 €, i cittadini che sono attualmente esenti dal pagamento di ticket sanitari per motivi anagrafici, per patologie croniche e invalidanti, le persone inabili al lavoro con indice ISEE non superiore a 10.000 €
e i titolari di social card.

Una volta elaborata la lista dei medici odontoiatri aderenti al progetto, i cittadini interessati potranno recarsi presso l'Ufficio dei Servizi sociali dove, accertati i requisiti, riceveranno una certificazione da presentare presso gli studi medici convenzionati e usufruire delle cure dentarie necessarie, corrispondendo costi inferiori rispetto ai tariffari degli studi stessi.

L’ascolto dei dottori e delle dottoresse che hanno preso parte agli incontri è stato determinante per condividere un obiettivo comune: agevolare le famiglie in difficoltà e diffondere una cultura fondata sulla prevenzione e sul benessere. E per questo ringrazio chi ha voluto e potuto essere presente. Inoltre, ci preme sottolineare che questa convenzione non sostituisce né vuole contrapporsi alle cure garantite dal Sistema Sanitario Nazionale che eroga servizi di qualità, ma diventa integrativa laddove i tempi richiesti siano più brevi e dunque più rispondenti alle esigenze dei pazienti.

Published in Sanità
Giovedì, 18 Aprile 2019 18:53

I sette violini del Barone Pantaleo

di e con Giovanni Guarino, accompagnamento musicale a cura di Francesco Greco.
Il Barone Giuseppe Pantaleo, giovane rampollo della nobile famiglia tarantina, possedeva ben sette violini, opera dei maggiori liutai del ‘600 e del ‘700: Stradivari, Gagliani padre e figlio, Amati.
Nel 1906 decise di vendere i sette violini, forse per rimpinguare le sue casse messe a dura prova da feste e…donne.
Ebbe così inizio una trattativa che durò addirittura 30 anni e che lo vide impegnato con tanti e diversi personaggi. Solo nel 1936 il Barone vendette finalmente quattro dei suoi violini.
Dei restanti tre si sono perse le tracce e agli eredi è giunta solo una vecchia custodia appartenuta ad uno di quei preziosi strumenti.
Dalle vicende del Barone, amante delle belle donne e che tanto volle e poco strinse, deriva un tipico detto tarantino:
“U’ barone Pantaleo cchine d’or e de cammise sce affini’ cu ‘le ciancianelle appise” ovvero “Il Barone Pantaleo ricco d’oro e di camicie rimase in mutande”.

Published in Spettacolo

Cinque spettacoli con replica, a Palazzo di Città, Castello Aragonese (due rappresentazioni), ex Caserma Rossarol ed ex Convento di Sant’Antonio. Gli eventi in programma: “sand art” (manipolazione dei granelli di sabbia), violoncello e voce, coro e orchestra, opere d’arte animate e danza.

Causa motivi organizzativi, lo spettacolo “Live picture: Beauty” sarà rappresentato al Castello Aragonese (in un primo tempo previsto al MuDì). Di seguito il comunicato stampa con orari e location aggiornate. Ci scusiamo per il disagio causato da motivi non dipendenti dalla nostra volontà.

Tessere d’Arte, nel Borgo e nell’Isola a Taranto, giovedì 18 e venerdì 19 aprile. Due spettacoli giornalieri, il primo alle 20.00, il secondo alle 21.30. Chiostro del Palazzo di Città, ex Caserma Rossarol, Castello Aragonese, Chiostro ex Convento di Sant’Antonio le location individuate per ciascuna delle rappresentazioni in programma: cinque spettacoli, diversi fra loro, tutti con temi all’interno del “Mysterium Festival 2019”, la rassegna di Fede, Arte, Cultura, Musica, Storia e Tradizione promossa dal Comitato scientifico presieduto da Donato Fusillo, responsabile Adriana Chirico, patrocinato dall’Arcidiocesi di Taranto in collaborazione con Comune di Taranto, Orchestra della Magna Grecia, Mibac, Regione Puglia e le Corti di Taras.

“Redemption” è il titolo con il quale nel Chiostro di Palazzo di Città, andrà in scena la magia della “sand art”, quella particolare tecnica illustrativa che si attua attraverso la manipolazione dei granelli di sabbia in condizione di controluce, su un piano luminoso. Protagonista, Massimo Ottoni. Musiche al vibrafono eseguite da Ilaria Paolicelli.

“Novilunio”, con Redi Hasa al violoncello e Maria Mazzotta al canto, invece, sarà il programma musicale ospitato nell’ex Caserma Rossarol (oggi sede universitaria) in via Duomo. “Novilunio” è il titolo del secondo album di Hasa e Mazzotta: violoncello, albanese lui, voce e salentina lei. Dal 2010, insieme, reinventano le tradizioni musicali delle loro terre di origine. Talenti complementari che traggono ispirazione l’uno dall’altro nella perfetta fusione tra il suono sontuoso, lirico e introspettivo del violoncellista che Ludovico Einaudi vuole sempre con sé.

Due saranno, invece, gli spettacoli in programma al Castello Aragonese: il “Requiem di Fauré” per coro e orchestra al Castello Aragonese: Agnese Funari (soprano), Leonardo Galeazzi (baritono), Pasquale Veleno (direttore), Coro della Virgola, Orchestra della Magna Grecia. In contemporanea, sempre al Castello Aragonese: “Live Picture: Beauty”, opere d’arte animate da Rino Stefano Tagliaferro. Infine, Chiostro ex Convento Sant’Antonio: “Erodiade I”. Elisa Barucchieri si esibirà con la Compagnia di danza Resextensa. Da non perdere.

 

Mysterium Festival patrocinato da: Arcidiocesi di Taranto in collaborazione con Comune di Taranto, Orchestra della Magna Grecia, Mibac, Regione Puglia e le Corti di Taras.

Published in Arte

Nessun voto contrario per il provvedimento sulle emergenze agricole che ora passa all’esame del Senato. La soddisfazione dei deputati pugliesi Giuseppe L’Abbate e Gianpaolo Cassese (M5S)
Con 275 voti favorevoli, 125 astenuti e zero contrari nella serata di mercoledì 17 aprile l’Aula di Montecitorio ha approvato il Decreto Emergenze Agricole che contiene le misure di sostegno a diversi comparti del primo settore.
 
“Le misure contenute in questo provvedimento, che passa ora all’esame del Senato – commentano i deputati pugliesi Giuseppe L’Abbate e Gianpaolo Cassese, componenti M5S della Commissione Agricoltura alla Camera – contribuirà a rilanciare finalmente i diversi ambiti del mondo agricolo in forte difficoltà. Parliamo di aziende italiane, eccellenze del nostro Paese che oggi sosteniamo con investimenti importanti: ad iniziare dal settore lattiero-caseario ovicaprino dopo la cosiddetta crisi del latte che ha visto vibranti proteste degli allevatori in Sardegna e il settore olivicolo pugliese martoriato dalle eccezionali gelate a cavallo tra febbraio e marzo 2018 e l’avanzata del temibile batterio da quarantena Xylella fastidiosa”.
 
L’impegno economico messo in campo dal Governo Conte è importante e cerca di coprire i più svariati settori. “Dopo aver già stanziato 100 milioni di cui 30 per il 2018 e 70 per il 2019 – proseguono Cassese e L’Abbate – il ministro per il Sud Barbara Lezzi ha previsto lo stanziamento di ben 300 milioni di euro per il Piano straordinario per rilanciare l’agricoltura in Puglia, in particolare per il settore olivicolo nella zona infetta da Xylella fastidiosa. Per il contrasto al batterio sono previste semplificazioni burocratiche, obblighi per l'eradicazione delle piante infette, deroghe mirate per la tutela degli ulivi monumentali e sanzioni per chi non rispetta le norme a tutela di ambiente, reddito, agricoltura e paesaggio della nostra terra”.
 
Per le imprese agricole della Regione Puglia che hanno subito danni dalle gelate che si sono verificate dal 26 febbraio al 1° marzo 2018 e che non hanno sottoscritto polizze assicurative agevolate a copertura di tali rischi, sono previsti indennizzi grazie alle risorse contenute nel Fondo di solidarietà nazionale, la cui dotazione è incrementata di 20 milioni di euro per il 2019.
 
“Con 8 milioni per il 2019 supportiamo i frantoi e le cooperative di trasformazione pugliesi che hanno subito danni dalle gelate nello stesso periodo – proseguono i due deputati 5 Stelle – mentre i loro colleghi salentini potranno contare sui 300 milioni previsti dal Fondo di Solidarietà e Coesione. Stanziamo inoltre 5 milioni di euro per fronteggiare gli interessi sui mutui delle imprese olivicole. Per il comparto del latte ovicaprino, poi, abbiamo stanziato 10 milioni di euro per la qualità e la competitività del comparto e incrementato il Fondo indigenti di 14 milioni di euro con cui acquistare formaggi DOP fabbricati esclusivamente con latte di pecora. Ma, soprattutto, finalmente si punta sulla registrazione nel SIAN (Sistema informativo agricolo nazionale) di tutti i quantitativi di latte prodotto e importato per avere la certezza che non ci siano speculazioni sul prezzo o casi di prodotti fatti con latte estero e spacciati per italiani”.
 
Dal provvedimento sono interessati anche altri comparti come quello agrumicolo (5 milioni di euro per fronteggiare gli interessi sui mutui dopo i 10 già stanziati in precedenza per il fondo nazionale del settore), il suinicolo, la vicenda blue tongue, si pone fine alla questione del recupero del prelievo supplementare relativo alle quote latte nonché alle pratiche sleali nei contratti di filiera. “Un altro importante risultato – concludono Giuseppe L’Abbate e Gianpaolo Cassese – è poi quello della revisione del sistema sanzionatorio per il comparto ittico: i pescatori, infatti, lamentavano da anni il recepimento troppo vessatorio voluto dai Governi precedenti dei regolamenti comunitari. Oggi, finalmente, assicuriamo un corretto bilanciamento tra precetto e sanzione per il contrasto alla pesca illegale”.

Published in Politica

Bicchieri di carta in Aula consiliare e borracce al posto delle bottigliette d’acqua: il Consiglio regionale della Puglia mette al bando la plastica monouso. È l’impegno assunto dal presidente Mario Loizzo, in apertura del forum “No alla plastica”, nella nuova sede in via Gentile a Bari, secondo appuntamento dell’iniziativa plastic free lanciata dall’Associazione culturale “L’Isola che non c’è” di Latiano, presidente e fondatore il giornalista Franco Giuliano.
Quella contro la plastica, che invade sempre più l’ambiente, è una campagna ecologica che sta crescendo rapidamente (solo un mese fa il primo incontro, a Brindisi, il 22 marzo) e vuole estendersi dalla Puglia alle altre regioni, al Mediterraneo e all’Europa.
Sono ambizioni grandi, quanto il problema che il pianeta deve affrontare. È un tema “assolutamente cruciale”: per il presidente Loizzo “occorre spendere tutte le energie per sottrarre i nostri territori e i nostri mari alla condanna di dover convivere per sempre con la plastica”.
Per degradare un contenitore occorrono cinquemila anni, mille per un banale sacchetto. E la classica bottiglietta in pvc si riduce col tempo in granuli praticamente indistruttibili. Guerra dichiarata perciò, alla plastica e “all’inciviltà di chi deturpa le strade di campagna abbandonando rifiuti di ogni genere, a danno dei cittadini che rispettano le regole e l’ambiente”, ha fatto presente il presidente Loizzo.
L’impegno quotidiano della Regione Puglia, le misure assunte, le strategie per fare argine agli agenti inquinanti e le iniziative per educare e sensibilizzare nelle scuole, sono stati illustrati dagli assessori Gianni Stea (ambiente), Alfonsino Pisicchio (assetto del territorio) - presente anche Mino Borraccino (sviluppo economico) - e dal direttore del Dipartimento ecologia Barbara Valenzano. La Puglia può fare da battistrada, hanno detto, da apripista in tutta Italia e nel Mediterraneo.
Il presidente della Scuola di Medicina del Policlinico, Loreto Gesualdo, ha portato l’adesione dei rettori dell’Ateneo e del Politecnico baresi ed ha messo in risalto i danni arrecati dalla plastica alla salute umana, insistendo sull’esigenza di adottare comportamenti virtuosi che riducano l’impatto sull’ambiente.
A nome dei tanti testimonial che hanno “messo la faccia” sul manifesto #noallaplastica, l’ex presidente del Consiglio regionale Onofrio Introna si è detto “felice e orgoglioso dei risultati della Regione”. Il Consiglio è stato accanto a “L’isola che non c’è” in tutte le campagne, tanto più in questa battaglia di civiltà contro la plastica. Non c’è tempo da perdere, visto l’esempio dei sette anni di ritardi sulla xylella che avanza. I Comuni si affrettino a dichiarare i propri territori “zona a plastica zero”.
Ambasciatore della campagna e sostenitore da sempre delle iniziative dell’Associazione latianese, Al Bano Carrisi ha chiesto di passare dalle parole ai fatti. “Oltre al dire il passo importante è il fare”, ha detto il cantante di Cellino San Marco, “abbasso la plastica, uniamoci tutti contro questo rifiuto che assedia le piazze e le strade, per colpa della stupidità di qualcuno”.
In conclusione, ha incontrato il consenso del mondo universitario e della Regione, col sì del presidente Loizzo, l’appello di Franco Giuliano a promuovere entro settembre a Bari “una sorta di G20 ‘NO alla plastica’, per avviare una strategia di formazione ed educazione delle Università del bacino mediterraneo, da estendere alla politica dei rispettivi Paesi”.
Appuntamento per tutti al prossimo forum in Albania e poi si si andrà a Sarajevo.

Published in Politica

Come avvocato che opera da oltre 25 anni nel Foro di Taranto, condivido con gli oltre tremila colleghi della provincia ionica, i tanti disagi di una sede del tribunale ormai inadeguata rispetto al volume di utenza, soprattutto in riferimento alla carenza di servizi, parcheggi per primi. Come è noto, inoltre, soffriamo tutti, cittadini compresi, la presenza di tre sedi diverse, quella di via Marche, la sede dei Giudici di Pace e quella della Corte d’ Appello, allocata al quartiere Paolo VI. In questo contesto emerge per la sua positività la presenza da qualche anno di un montascale nella sede di via Temenide dei Giudici di Pace. Un necessario presidio messo a disposizione di colleghi e cittadini. Ora occorre un ulteriore sforzo: realizzare nelle immediate vicinanze uno o due stalli riservati a persone con disabilità. Mi rivolgo agli Organi di informazione affinché tale richiesta giunga con forza a chi debba provvedere, certo di rappresentare le istanze di tutta la categoria forense e dei cittadini che con difficoltà si recano negli uffici di via Temenide.



Published in Cronaca
Pagina 1 di 3

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk