Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Mercoledì, 03 Aprile 2019

Grottaglie - Doveva essere un pomeriggio all'aperto, dedicato alla raccolta degli asparagi selvatici, insieme a due amici. A un certo punto, erano circa le ore 18:00,  un pensionato grottagliese si è sentito male accusando un forte dolore al torace, in poco tempo ha perso i sensi. Immediatamente allertato il 118 che è arrivato con un medico a bordo, purtroppo hanno potuto constatarne  la morte dell'uomo, pensionato maresciallo della Marina Militare, si tratta di Luigi Mario Iannella, anni 64, sul posto, in prossimità della discarica la Torre di Caprarica, sono giunti anche i carabinieri, ancora li in attesa dell'eventuale arrivo del magistrato di turno e del medico legale, e quindi spostare il defunto. Sul posto è arrivato anche il figlio del probabile infartuato.

Published in Cronaca
Mercoledì, 03 Aprile 2019 18:08

Autismo: arrivano le borse di cura

Progetto di solidarietà tra Centro autismo, Confraternita del Carmine e Rotaract. 

L’autismo incontra la solidarietà. In occasione della giornata internazionale, Taranto promuove un progetto destinato a chi è affetto da questo disturbo. Saranno coinvolte alcune famiglie che non hanno i mezzi economici per ottenere una terapia qualificata. Tutto questo grazie alla sinergia tra Centro autismo e disabilità correlate ABC Centro ABA, Arciconfraternita del Carmine di Taranto e Distretto Rotaract 2010 Puglia e Basilicata. Con proprie risorse, hanno pensato di avviare delle vere e proprie ‘borse di cura’, destinate ai nuclei familiari in difficoltà che, in questo modo, potranno ottenere una terapia qualificata. L’invito è ovviamente ad altre realtà imprenditoriali o del volontariato ad aderire a questa iniziativa, in modo da poterla ampliare ad un numero maggiore di persone.
«Molto spesso- spiega il promotore Simon Izzo - i genitori non possono permettersi un percorso di questo tipo, lungo e costoso, nonostante la scienza dell’analisi comportamentale applicata ABA sia ormai riconosciuta come prima scelta per soggetti affetti da autismo. Da qui l’idea di finanziare gratuitamente una formazione della durata di un anno, in cui saranno le stesse famiglie ad apprendere delle nozioni di base, ma altamente specifiche, da poter utilizzare nel quotidiano con i propri figli».
Un’idea nata quasi per caso, che mette insieme realtà che- a vario titolo- si occupano di assistenzialismo e operano nel sociale. Tante le iniziative che, ogni anno, si svolgono in tutto il mondo a inizio aprile, nella consapevolezza che la sindrome continua a crescere in modo preoccupante. Spesso i parenti si sentono soli e non sanno come gestire chi è affetto da complicazioni dello spettro autistico. Chi opera sul territorio prova a fare qualcosa di concreto, sapendo che questa disabilità è molto complessa ma ancora poco conosciuta. 

Published in Sanità

Sono iniziate ieri le riprese del programma "Linea Verde Life" in onda tutti i sabati su RAI1 e campione di ascolti. 

A Taranto sono arrivati, capitanati dal capostruttura Angelo Mellone, i conduttori Marcello Masi e Chiara Giallonardo che gireranno per tutta la settimana fra il centro storico di Taranto e la provincia (da Grottaglie a Castellaneta) la puntata che andrà in onda sabato 20 aprile e che rivelerà le eccellenze del territorio, mostrando un lato inedito e sorprendente di Taranto e della sua provincia.
Questa mattina le riprese saranno effettuate nel centro storico, sul lungomare di Taranto e al Castello Aragonese. Nel pomeriggio proseguiranno invece a Grottaglie. La troupe di Linea Verde resterà a girare in città fino a venerdì.

Published in Cronaca

Un forte avvenimento meteorico che, provocando la mancanza di energia elettrica, determinò il blocco generale degli impianti della Raffineria ENI di Taranto con conseguente coinvolgimento dei gas in torcia. Ad ogni modo, nonostante in città l'aria risultò irrespirabile, non si trattò di un incidente rilevante. Ma non solo. Secondo i dati dell'Ispra, i fenomeni inquinanti risultarono inferiori ai valori limiti stabiliti dall'AIA.

È quanto riferito questa mattina dal Sottosegretario per l'Ambiente e la tutela del territorio e del mare, Salvatore Micillo, in risposta all'interrogazione presentata lo scorso settembre dall'on. Rosalba De Giorgi allo scopo di ottenere chiarimenti sia sulle cause sia sulla natura delle emissioni odorigene causate dall'ENI nel luglio e nell'agosto di un anno fa. Un duplice episodio che destò non poche preoccupazioni nella cittadinanza del capoluogo ionico, da decenni alle prese con un'emergenza sanitaria che non conosce soluzione di continuità.
Preoccupazioni che però sono parse ridimensionate alla luce delle risposte del rappresentante del Dicastero il quale nel suo intervento ha anche evidenziato che a seguito delle prime analisi “il Ministero dell'Ambiente con nota del 4 ottobre 2018 ha disposto un'ispezione straordinaria da parte dell'Ispra al fine di effettuare specifici accertamenti. Nel corso dell'ispezione, l'Istituto ha verificato le cause dell'evento sopra riportate accertando che l'azione messa in atto dal gestore e i dati registrati risultano conformi alle prescrizioni fissate nell'AIA prendendo, altresì, atto delle misure individuate dal gestore per migliorare l'affidabilità elettrica della Raffineria indicando le ulteriori azioni da intraprendere al fine di evitare il ripetersi di eventi, seppur da considerare remoti, come quello verificatosi il 21 agosto.”
Detto che l'Ispra ha riferito che l'evento preso in esame è da classificarsi con la nuova denominazione NaTech (Natural Technological) in quanto è dovuto a fenomeni naturali in aree geografiche caratterizzate dalla presenza di stabilimenti industriali a rischio di incidenti rilevanti, il Sottosegretario Micillo ha segnalato che “in relazione alla tipologia dell'evento NaTech sono in corso studi e ricerche per limitare gli impatti ambientali. La valutazione su siffatta tipologia di rischio, anche se remota, comporterà l'aggiornamento di tutti i relativi rapporti di sicurezza non solo per l'impianto ENI in argomento, ma anche per tutti gli impianti soggetti al decreto legislativo n. 105/2015.”
Preso atto della risposta del Ministero, l'on. De Giorgi ha replicato ricordando che Taranto è e resta al centro di un'emergenza sanitaria che, causata dai deleteri effetti della produzione industriale, lascia esposti a rischi gravissimi tutti i cittadini, senza distinzione di età. “Da decenni tutto questo viene sopportato da una città alla quale è stato negato quel “diritto alla salute” contemplato dall'articolo 32 della Costituzione. Un diritto troppo spesso ignorato e calpestato. Nel capoluogo ionico – ha dichiarato la deputata - quasi ogni giorno si è costretti a registrare il ricovero in ospedale di persone affette da neoplasie o il decesso di chi non riesce a vincere la sua battaglia contro il male. Fra le vittime dei fumi e dei veleni sprigionati dagli impianti della “grande industria” figurano soprattutto bambini, tantissimi bambini”. In chiusura del suo intervento l'on. De Giorgi ha sostenuto di essere a conoscenza del fatto che il Governo sta lavorando per garantire che episodi come quello registratosi la scorsa estate all'ENI debbano rimanere solo spiacevoli ricordi. “So che il Governo sta predisponendo le basi – ha continuato la portavoce del M5S - affinché a Taranto il diritto alla salute trovi nuovamente... cittadinanza. So che il Governo ha assunto questo impegno dimostrando di voler mantenere alta l'attenzione sulla città ionica. Inutile girarci intorno, siamo di fronte ad una “strage” che porta lutti e disperazione. Siamo di fronte ad una “strage” a cui non dobbiamo rassegnarci. Tutto questo deve finire. Il prima possibile. E' quanto si chiede per Taranto e per i tarantini.”

Published in Politica

Ampliamento del Museo MarTa, riqualificazione e decoro del centro storico, valorizzazione degli ipogei, una nuova sede per l'Archivio di Stato. Sono solo alcune delle opere che potranno contare sulle risorse stanziate dal Ministero per il Sud nell'ambito del progetto “Cultura e Turismo”, lo stesso che ha assegnato alla città di Taranto 90 milioni di euro per consentire il recupero e la successiva rivalutazione delle aree di interesse culturale che insistono nella parte più suggestiva ed antica del capoluogo ionico.

È quanto annunciano in una nota congiunta i parlamentari ionici del MoVimento 5 Stelle, De Giorgi, Ermellino, Cassese, Vianello e Turco, che dopo un lavoro durato mesi e basatosi soprattutto su incontri, studi di fattibilità e sopralluoghi hanno ottenuto l'impegno del Governo per la realizzazione di iniziative capaci di far ripartire davvero la “città dei due mari”.
Un primo, importante passaggio per la formalizzazione di quella che potrà rivelarsi una vera e propria svolta a livello socio-economico per Taranto si è registrata nella giornata del 2 aprile, quando a Roma, negli uffici del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, si è riunito il Tavolo Tecnico Istituzionale proprio allo scopo di dare vita ad idee e programmi in grado di determinare il rilancio di Taranto. All'incontro (a cui ne seguiranno altri nei prossimi giorni) sono stati presenti il ministro Bonisoli, il capo di Gabinetto Tiziana Coccoluto e la segretaria regionale della Puglia Eugenia Vantaggiato, mentre per il Ministero per il Sud, che di fatto stanzia le risorse, ha partecipato il vicecapo dell'ufficio legislativo dello stesso Dicastero, Fabiana D’Onghia.
Durante l'incontro (al quale hanno preso parte anche il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e rappresentanti della Provincia, della Regione e della Prefettura) numerosi sono stati gli argomenti oggetto di discussione, come l'istituzione di nuovi uffici ed il ripopolamento del centro, attraverso l'apertura di botteghe artigianali ed eventuali alloggi da destinare a studenti del Polo universitario.
La riunione è risultata molto proficua e quanto emerso è che il progetto che riguarda Taranto è quello più avanzato rispetto agli altri avviati nell'ambito dello stesso Tavolo per altre città.
I parlamentari del M5S tengono a precisare che non è stato semplice ottenere questo risultato, ma quanto si sta registrando negli ultimi giorni non fa altro che confermare l'impegno del Governo nei confronti di Taranto, così come avevano già evidenziato gli stessi portavoce in più di un'occasione ribadendo che per la città dei due mari sono in via di attuazione progetti capaci di garantirle uno sviluppo economico svincolato da quello industriale.

 

Published in Politica

Taranto - “La sinergia tra enti locali ed Università degli studi di Bari da cui scaturisce la convenzione per l’attivazione del corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia in lingua inglese è un segnale positivo del rinnovato interesse verso il mondo della cultura e della ricerca”. Lo afferma il senatore del Movimento 5 Stelle, Mario Turco.

“Per questo – prosegue il parlamentare – stamattina ho voluto partecipare alla sottoscrizione dell’accordo presso il Comune di Taranto. Si tratta di un primo, seppur importante, passo nel percorso di rafforzamento del polo universitario di Taranto che auspico e mi impegno a favorire attraverso la mia attività istituzionale. Da mesi i parlamentari tarantini stanno lavorando in stretta sinergia con il viceministro Lorenzo Fioramonti e con i vertici istituzionali dell’Università di Bari per la creazione di un Dipartimento interuniversitario jonico che possa crescere, in termini di punti organico e di offerta formativa, in stretta connessione peraltro con il Tecnopolo del Mediterraneo, di prossima istituzione”.
“Auspico inoltre – conclude il senatore Turco – che l’Università “Aldo Moro” riconosca alla città di Taranto il suo giusto peso, assegnando al Polo Ionico un numero cospicuo di ricercatori universitari di tipo B, previsti dall’attuale governo. Ricordo che sono 75 i ricercatori che il Piano straordinario 2019 ha assegnato all’Ateneo barese e al Politecnico, utilizzando le risorse stanziate nell’ultima Legge di Bilancio. Taranto ha bisogno di attrarre risorse e trattenere il suo capitale umano per crescere e sostenere il suo processo di riconversione economica”.

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk