Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Lunedì, 13 Maggio 2019

Mimmo Erario nato a San Marzano il 17 luglio 1965, costretto purtroppo sulla sedia a rotelle fin dalla nascita. Da piccolo è stato sempre legato ai colori neroazzurri, seguendo tutte le varie epoche fin dai tempi di Altobelli, Bergomi, Ronaldo, Zamorano, Recoba, Zanetti e ora Icardi. Oltre al problema della sedia a rotelle, Mimmo negli ultimi anni ha subito un grave lutto familiare, la perdita del fratello più piccolo Francesco. La sua forza è stata la famiglia e l'Inter, colori che ama alla follia. Mimmo non appena ha appreso la notizia che il Capitano della storica Triplete Javier Zanetti arrivava in Puglia si è subito prodigato per incontrarlo di persona. L'incontro c'è stato l'altra sera a Monteiasi, grazie ai ragazzi del Club "E.Cambiasso". Il Capitano Zanetti ha abbracciato Mimmo insieme alla maglia numero 4, tutta la sala ha applaudito il bel gesto, realizzando così il sogno della vita. Mimmo è rientrato a San Marzano con una gioia immensa. A volte lo sport crea legami unici, riuscendo per alcuni attimi a farci dimenticare i problemi della vita. Zanetti è ritenuto per gli Interisti il capitano dei capitani, uno dei giocatori più forti al mondo. Javier è impegnato da molti anni nel sociale, aiutando bambini non tanto fortunati. Questa è una bella pagina di sport ma anche di vita.

Published in Cronaca

Il presidente Emiliano non può far finta di niente!

“Ma i messaggi di allerta meteo che la Protezione civile della Regione Puglia invia, li manda anche all’assessore all’Agricoltura, Leo Di Gioia? Perché se li ricevesse oggi dovrebbe stare in giro per la Puglia a fare una prima conta dei danni del maltempo che, nella giornata di ieri, ha colpito in modo particolare il Tarantino (Ginosa, Mottola e Castellaneta Marina, Palagiano, Palagianello, Massafra, la Valle d’Itria), invece, di stare a fare campagna elettorale come candidato al Comune di Foggia e come sponsor della Lega alle Europee. Il tutto mentre chicchi di grandine grandi quanto acini d’uva e bombe d’acqua ha danneggiato gli ortaggi, gli agrumi, i vigneti, secondo la CIA ci sarebbero centinaia di miglia di euro, danni che si aggiungono a danni e per i quali i nostri agricoltori non hanno ancora ricevuto ristoro, penso all’alluvione di Ginosa di sei anni fa! O di altri casi pugliesi dove la Regione ha presentato in ritardo la dichiarazione di stato di calamità…

“Il mio appello è quindi al presidente Michele Emiliano: nella drammatica situazione in cui versa l’Agricoltura pugliese, e in modo particolare quella tarantina, non possiamo avere un Assessore non a mezzo servizio, ma a nessun servizio! E’ vergognoso e irrispettoso nei confronti degli agricoltori e dei pugliesi”

 

Published in Politica

Al ristorante del Canneto Beach, di via Argentina 200 a Leporano (Taranto), sulla costa della litoranea salentina, c’è un evento speciale per venerdì 24 maggio.
Si tratta di una cena a quattro mani con due grandi chef, Salvatore Carlucci e Davide Degiovanni.
Una cena senza menù, una improvvisazione gastronomica di alta cucina, una estemporanea culinaria tra due grandi artisti dei fornelli, che lascerà spazio alle abilità creative dei due grandi chef, il padrone di casa Salvatore Carlucci e l’ospite Davide Degiovanni, Executive Chef dello Union Street Cafè di Gordon Ramsey di Londra.
Davide ha iniziato la sua carriera culinaria come chef presso la Picasso Room, premiata con stelle Michelin. Ha lavorato in altri due ristoranti con stelle Michelin il Ristorante Semplice e Locanda Locatelli - prima di unirsi a Gordon Ramsay è stato Head Chef per la riapertura del ristorante Amaranto al Five Star Hotel a cinque stelle a Mayfair.
Salvatore Carlucci, Chef del ristorante sede dell’evento, mette al centro della sua cucina la materia prima locale con ispirazioni lontane e inedite. È di base in Puglia, ma partecipa a tantissimi eventi in giro per il mondo, valorizzando i vini con alcuni piatti appositamente creati. Giocava con la cucina in plastica già da sei anni e a 11 anni praticava i primi passi nelle cucine dei ristoranti di parenti.
Tra i vari riconoscimenti da lui ottenuti si annoverano due premi come chef emergente a livello nazionale, uno a livello regionale ed un premio come miglior ristorante di Puglia.
La vista del mare renderà il tutto ancora più prezioso, in un angolo di paradiso nell’azzurro del mare Ionio.
Avvolto da un panorama dalla bellezza “assordante”, dove il bianco delle ville è marchio e privilegio di questo caratteristico fazzoletto naturale pugliese, Canneto Beach nasce nel 1966 e alla tradizione affianca l'innovazione di una struttura capace di offrire ai suoi clienti una serie di servizi, alcuni dei quali attivi tutto l'anno.
Chiunque vi metta piede, vive un'esperienza totalizzante, in oltre 35mila metri quadrati di estensione. Canneto Beach si sviluppa su due livelli, comunicanti tra loro.
Il prato, d'un verde carico, incornicia due piscine nell'area superiore e la spiaggia bianchissima attrezzata presente al piano inferiore.
Tornando alle prelibatezze gastronomiche, vi sarà un percorso di degustazioni di mare e di terra, in una competizione che valorizzerà il genio creativo di due grandi professionisti unitamente a tecnica, esperienza, ed ingredienti di prima qualità provenienti dal territorio.
Siamo in Puglia, una striscia di terra sospesa tra due mari, lo Ionio e l’Adriatico. Un’area di contrade e paesaggi incantevoli nella provincia di Taranto, dove vigne e ulivi fioriscono fianco a fianco su un manto di terra rossa, con un clima estremo, tra l’arsura, la brina, venti di scirocco e tramontana.
Ma non solo i vini, ma anche gli oli, e tutti gli altri prodotti di questa terra e di questo mare, concorreranno nel gioco degli chef che utilizzeranno la migliore materia prima, possibile, cercando di superare le più ambiziose aspettative nell’esperienza degustativa.
La cena si concluderà con un dessert del pastry chef Mario Raffo, ciliegina sulla torta è proprio il caso di dire.
I posti disponibili sono limitati, strettamente riservati a chi ama ed apprezza l’arte culinaria, ed interpreta la cucina come spazio di sperimentazione, al servizio del piacere del palato.
Per prenotazioni contattare lo 0995332037.

Published in Cronaca

È puntuale il documento presentato martedì scorso 7 maggio da CGIL, CISL e UIL Taranto nel corso dell’audizione tenuta al Senato sul tema dell’area di crisi complessa della provincia ionica.

Un articolato piano di interventi che sanciti da un decreto del 2012 ancora oggi stentano a trovare conferme programmatiche e operatività sul territorio.

Eppure nel documento dei sindacati, dopo la cronistoria degli ultimi anni della crisi industriale di Taranto, ad attrarre l’attenzione sono proprio i dati occupazionali che dovrebbero consigliare urgenza.

Il tasso di disoccupazione della provincia di Taranto dal 2008 al 2018 è salito da poco più del 10 % al 16,7, così come cresce il ricorso alla Cassa Integrazione che nel primo trimestre 2019 registra il ragguardevole dato del 751,8% (268.898 le ore di CIG del 2018, 5.541.892 nel primo trimestre 2019 – ndr).

Per questa ragioni la CGIL, rimarcando la necessità di dare seguito a questo strumento, organizza un incontro specifico alla presenza delle categorie che più di altre vivono la crisi sulla loro pelle: industria e appalto.

L’appuntamento è previsto martedì 14 maggio a partire dalle 15.00 nella sala conferenze della CGIL in via Dionisio, 20 a Taranto.

All’incontro con gli RSA, RSU e RLS del territorio parteciperanno il segretario della CGIL di Taranto, Paolo Peluso, il segretario regionale, Pino Gesmundo e il componente della segreteria nazionale della CGIL, Emilio Miceli.

Published in Cronaca sindacale

Danni a vigneti, uliveti, ortaggi e alberi da frutto. La CIA: “Un altro duro colpo all’agricoltura”

Taranto - Grandinate, raffiche di vento, pioggia torrenziale: ieri, domenica 12 maggio, la Puglia è stata duramente colpita dal maltempo. Particolarmente bersagliate le zone di Ginosa, Mottola e Castellaneta Marina, ma anche la Valle d’Itria, colpita anche Martina Franca.
«I danni sono ingenti nel Tarantino, dove la grandine ha intaccato angurie, vigneti e melograni nell’area di Ginosa e Castellaneta – ha dichiarato Vito Rubino, direttore provinciale di CIA Due Mari (Taranto-Brindisi)».
«A Palagiano sono stati colpiti agrumeti e uliveti – ha aggiunto Pietro De Padova, presidente provinciale di CIA Due Mari.
«Per la conta dei danni, servirà attendere ancora qualche ora, ma anche stavolta purtroppo si prefigurano danni per centinaia di migliaia di euro» – ha spiegato il direttore di CIA Levante, Giuseppe Creanza.
«In provincia di Taranto la grandine e le piogge torrenziali si sono abbattute su orti e frutteti ma anche, e pesantemente, sugli alberi di ulivo – ha aggiunto Felice Ardito, presidente provinciale di CIA Levante – In alcuni casi, soprattutto a Castellaneta, la grandine ha avuto un impatto tanto violento da rendere inutile la protezione dei teli in plastica posti a difesa dei vigneti. Per ciliege, albicocche, mandorli, alberi da frutto in genere e anche ortaggi, la grandinata di ieri arriva come l’ennesima “bomba” su una stagione già drammatica per gli agricoltori. Particolare impressione destano le immagini dei vigneti che appaiono come “mitragliati” da raffiche di grandine così violente da distruggere tutto; danni anche a Palagianello, a Palagiano per una fascia di oltre 10 chilometri lungo l’arco jonico e fino alla Basilicata. Tutte le colture sono state colpite: agrumi, ulivo, ortaggi a pieno campo e fruttiferi. Sono state danneggiate anche le colture protette con reti, teli e tunnel».
Fino a tutta la giornata di lunedì, con alcuni fenomeni previsti anche nelle prime ore di martedì, la Protezione Civile ha diramato un avviso di allerta gialle per rischio idrogeologico, temporali e vento forte in tutta la Puglia.

Published in Cronaca

Nella giornata del 9 Maggio è stato approvato il rendiconto della gestione 2018 che, ancora una volta e confermando il trend avviato dal 2016, evidenzia una solidità di bilancio in pieno rispetto dei rigorosi patti di stabilità ma che è costretto a far fronte ai continui tagli agli enti locali che il governo applica.
Le innumerevoli opere che riguardano lo sport e quindi tutte le operazioni di ristrutturazione degli impianti sportivi, gradualmente riconsegnati alla cittadinanza e alle associazioni sportive, sono la dimostrazione di come la programmazione e l’attuazione del programma politico continua in maniera capillare e programmatica, per far trovare Grottaglie pronta all’appuntamento del 2020.
Un capitolo importante è dedicato anche al turismo che ha visto un sensibile incremento delle presenze, di turisti italiani e stranieri, sinonimo un idoneo e attento lavoro svolto a individuare nuove risorse da finanziare come quelle per i Press tours, già alla terza edizione, e affiancati anche dalla costante presenza dello stand istituzionale all’interno delle fiere nazionali di promozione turistica e enogastronomiche; e per quest’estate sono previste piacevoli soprese come il Mondial tornianti che esalterà quella che a Grottaglie è una vera e propria arte: la ceramica e la sua lavorazione al tornio.
Siamo pienamenti soddisfatti e orgogliosi di un bilancio solido e con i conti in ordine che evidenza un abbattimento di circa 3.5 milioni di euro di indebitamento rispetto al 2016, nonostante l’assenza delle royalties della discarica e i vincoli sempre più stringenti dovuti al fondo di dubbia esigibilità che il governo centrale ha aumentato. L’ente ha saputo far fronte alle necessità con le idee e tramite l’accurata ricerca di bandi di finanziamento vinti.
La seduta consiliare ha approvato inoltre le definizioni uniformi relative al Regolamento Edilizio Tipo ( RET ), adottato dalla Regione con deliberazione di giunta regionale N. 2250 del 22/12/2017, volte a dettare le linee guida per tecnici e per gli uffici dell’ente comunale in materia di istruttoria per i progetti depositati, in attesa dell’approvazione definitiva dell’intero regolamento aggiornato alle nuove disposizioni normative.
Grottaglie quindi è tra le prime città della Regione Puglia ad avviare questo percorso, al quale seguiranno altre sedute della seconda commissione con le quali si darà completa approvazione al regolamento edilizio, inoltre vi saranno alcuni incontri tecnici-pubblici in cui l’oggetto di discussione partecipata sarà appunto il predetto, durante i quali si spiegherà bene la normativa e come essa si applica.
La città finalmente inizia ad avere una struttura amministrativa consolidata e al passo con le nuove norme in ambito edilizio.

 

Published in Politica
Lunedì, 13 Maggio 2019 09:45

Un successo il PrevenTOUR a Taranto

È partito da Taranto (sabato 11 maggio) il PrevenTour, l’iniziativa nazionale itinerante che, portando la prevenzione direttamente tra la gente nelle piazze, sensibilizza i cittadini sulla necessità di effettuare periodicamente controlli e screening sanitari. Questa terza edizione del PrevenTour si avvale, tra gli altri, del patrocino morale dell’Istituto Superiore di Sanità di Roma.

Complice una giornata di sole, già dalle prime ore della mattinata tantissimi cittadini hanno preso d’assalto il “villaggio della prevenzione sanitaria” allestito nella centralissima via Mignogna.

Da un lato è stata allestita una confortevole tendopoli con le postazioni del “Centro Analisi E4”, della Croce Rossa Italiana, di Otosalus e della Nuova Ortopedia Itala, dall’altro c’erano il camper per audiometria di Maico-Taranto acustica e la Advanced Mobile Clinic di GVM Care & Research, una clinica mobile dotata di tre ambulatori medici, di una sala diagnostica isolata, di defibrillatori, e di una pedana per disabili.

Per una intera giornata i cittadini hanno ricevuto materiale informativo e hanno potuto, senza alcuna prenotazione, sottoporsi gratuitamente a controlli e screening medici: nelle diverse postazioni sono stati effettuati così circa 170 controlli glicemici, esami audiometrici e controlli posturali con scansione plantare, mentre nella clinica mobile di GVM Care & Research i medici del D’Amore Hospital hanno visitato oltre 120 pazienti eseguendo ecografie a seno e tiroide, visite di Gastroenterologia, Nutrizione clinica e Prevenzione Cardiovascolare.

Tra gli altri è stato a disposizione dei cittadini anche il Dottor Gaetano Ressa, specialista urologo della ASL di Taranto, nonché membro del consiglio direttivo della SIUT (Società Italiana di Urologia Territoriale) che ha patrocinato il PrevenTour.

 

Carmine Frigiola, Dottore specialista in otorinolaringoiatria, è entusiasta di questa giornata trascorsa tra la gente con tanti medici, volontari e assistenti sanitari e parasanitari.

«Oggi grazie al PrevenTour – ha detto Carmine Frigiola – abbiamo realizzato tantissime audiometrie a persone che non si erano mai sottoposte a questo esame, rilevando in alcuni casi ipoacusie in stato iniziale, ma anche alcuni abbassamenti dell’udito importanti. Soprattutto nei pazienti anziani è importante intervenire mediante protesi acustiche il cui uso contribuisce a limitare fenomeni di demenza senile».

Il Preventour, infatti, non intende sostituirsi alla Sanità pubblica, ma solo affiancarla nella sensibilizzazione: i medici non effettuano diagnosi e, nel caso vengano rilevate patologie, consegnano al cittadino gli esiti dei controlli invitandolo a informare il medico di famiglia.

Entusiasta del PrevenTour anche il Dottor Pietro Fedele, medico specialista in chirurgia generale e senologia del D’Amore Hospital di Taranto: «questo è il significato più autentico della parola prevenzione: riuscire a far comprendere ai cittadini quanto sia importante effettuare controlli sanitari periodici, non porsi il problema solo quando i sintomi di una patologia siano ormai evidenti».

 

Oltre che dal sostegno della Banca di Credito Cooperativo di San Marzano di San Giuseppe, nel capoluogo jonico PrevenTour 2019 è stato reso possibile da GMV Group, MAICO Taranto, Otosalus, Taranto Acustica, Nuova Ortopedia Italiana e “Centro Analisi E4”, importanti aziende che, oltre a sostenere la manifestazione, hanno messo a disposizione la professionalità di proprio personale sanitario e parasanitario.

 

A Taranto PrevenTour 2019 si è avvalso del patrocinio di Consiglio Regionale Puglia, Provincia di Taranto, Comune di Taranto, Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Taranto, Ordine dei Farmacisti della Provincia di Taranto, Federazione nazionale Ordini TSRM-PSTRP, Sezione Sanità Privata Confindustria Taranto e Associazione Nazionale Audioprotesisti (FIA ANA ANAP).

È stato organizzato a Taranto in collaborazione con Apmar (Associazione nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare) Onlus, Croce Rossa Italiana, NutriProf (Federazione Nutrizionisti Professionali) e FIADDA (Famiglie Italiane Associate per la Difesa dei Diritti delle persone Audiolese).

Il comitato scientifico della tappa tarantina del PrevenTour 2019 è stato diretto dal professor Giancarlo Logroscino, Ordinario di Neurologia dell’Università di Bari e Direttore del Centro Malattie Neurodegenerative e Invecchiamento cerebrale UNIBA presso Pia Fondazione di culto religioso “Card. G. Panico” di Tricase.

 Nella clinica mobile del GMV Group era disponibile solo una minima parte delle capacità sanitarie di eccellenza del D’Amore Hospital di Taranto, struttura con una media annuale di 400 interventi di chirurgia senologica specializzata nella diagnosi e nella cura della patologia del seno, è dotata di Mammografo con tomosintesi, in grado di evidenziare anche lesioni neoplastiche millimetriche.

A D’Amore Hospital, trattano con grandi risultati, le patologie della tiroide tramite la Termoablazione Laser percutanea, tecnica mininvasiva alternativa alla chirurgia che con un “ago” speciale inserito nella pelle brucia per ridurre o in alcuni casi per demolire in poco più di 10 minuti una lesione benigna della tiroide senza lasciare cicatrici.

Leggendo i dati Agenas, D’Amore Hospital è il primo centro in provincia di Taranto per volume di interventi alla tiroide e secondo a livello regionale in questo ambito chirurgico.

 

Published in Sanità

Anche quest’anno è tutto pronto per la quarta edizione del “Cammino della Memoria, della Verità e della Giustizia” inserito negli ambiti del Memorial Day, un evento che il Sap organizza dall’anno successivo alle stragi di Capaci e Via D’Amelio. Il Cammino della Memoria, della Verità e della Giustizia parte ogni anno da San Pietro a Roma dove i pellegrini, dopo la Santa Messa, si avviano a piedi per oltre 400 km, arrivando in Puglia a Monte Sant’Angelo, sede del Santuario di San Michele Arcangelo, protettore della Polizia di Stato. Il tutto in un percorso di silenzio, riflessione e ricordo di chi ha sacrificato la propria vita per i bene del Paese e della collettività.

Contemporaneamente ai pellegrini, gruppi di ciclisti chiamati “Staffette della Memoria”, partono in sella alla propria bici da ogni parte d’Italia, incrociando i camminatori a Monte Sant’Angelo.
Le Staffette della Memoria arriveranno anche a Taranto, sede della segreteria provinciale del Sap guidata dal segretario provinciale Arnaldo Di Michele, martedì 14 maggio, dove alle ore 9.30 si concentreranno presso la stele dedicata ai caduti della Polizia di Stato presso la caserma D’oria, sede del XV Reparto Mobile per una breve sosta di riflessione e confronto per commemorare le vittime del dovere. Interverranno il Vicario del Questore dr. Semeraro Gennaro, il Cappellano Don Santo Guarino e il Dirigente del Reparto Mobile di Taranto, dr. Giuseppe Caramia.
Successivamente partendo alla volta di Ostuni, le staffette faranno tappa presso i commissariati di Grottaglie alle ore 11.00, e Martina Franca alle ore 13.00. Anche qui si terrà una cerimonia commemorativa.
Quest’anno ogni tappa del cammino è dedicata ad una vittima del dovere. La settima tappa dell’11 maggio, è stata dedicata al Carabiniere Angelo Spagnulo, di Monteiasi, morto a 25 anni durante una rapina avvenuta nel settembre del 2005.
Per noi del Sap è dalla memoria che nascono e rinascono ogni giorno, la Verità e la Giustizia.

 

Published in Cronaca

È una “anticipazione” della Biennale della Prossimità a cui è ancor possibile iscriversi fino a mercoledì 15 maggio

Ci siamo: la settimana prossima – dal 16 al 19 maggio – a Taranto si terrà la Biennale della Prossimità 2019, la manifestazione nazionale che vedrà giungere nel capoluogo jonico operatori ed esperti per condividere le loro esperienze di prossimità: dai gruppi di acquisto ai comitati di cittadini che si prendono cura del territorio, dalle esperienze di co-housing ai supermercati solidali.
Questa, infatti, non sarà una “vetrina” in cui promuovere le proprie attività, ma vuole essere un momento di confronto con workshop, corner tematici, giochi e racconti di esperienze.
Il programma è online sul sito http://prossimita.net/, dove – fino a mercoledì 15 maggio – è ancora possibile iscriversi alla Biennale della Prossimità, sia i singoli cittadini, sia gli enti che così assicureranno la possibilità di accesso ai propri associati, volontari o operatori.
Nel programma sono comunque previsti numerosi eventi a ingresso libero e gratuito.
Epicentro della Biennale della Prossimità 2019 sarà la Città Vecchia di Taranto che, per quattro giorni, sarà vissuta e “respirata” dalle centinaia di persone che arriveranno per partecipare e condividere il programma della manifestazione.

Intanto in questi giorni la Città vecchia di Taranto sta già vivendo una “anticipazione” della Biennale di Prossimità con il Go Deep Game, un gioco creato e sviluppato da 8 organizzazioni internazionali con lo scopo di supportare in un modo divertente, agile e allo stesso tempo profondo, le potenzialità di trasformazione e cambiamento presenti all'interno dei gruppi e delle comunità.
Dopo i primi due giorni nella settimana scorsa, il Go Deep della Biennale della Prossimità proseguirà da lunedì 13 a giovedì 16 maggio, e poi il 4 e il 5 giugno, tutti i pomeriggi dalle ore 15.00 alle ore 20.00 presso l’aula magna della Scuola “Galilei” sul Lungomare Vittorio Emanuele II, la Ringhiera.
Sono invitati a giocare al Go Deep tutti i cittadini e le cittadine residenti in Città Vecchia, le associazioni che operano nel quartiere e chiunque fosse interessato.
Il Go Deep della Biennale della Prossimità è condotto dagli esperti facilitatori di ComunitAzione di Ceglie Messapica; la partecipazione – libera e gratuita – è aperta agli abitanti della Città Vecchia e a tutti coloro che vogliono compiere questo viaggio emozionante, una sfida nel profondo di ognuno di noi, ma soprattutto molto divertente!
Per avere maggiori informazioni su Go Deep contattare Giulio (3393089345), mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e sul sito http://www.comunitazione.com/portfolio-articoli/go-deep/

Published in Sociale&Associazioni

Evento conclusivo di “Taranto Legge”, la rete di scuole costituita dai licei Aristosseno, Archita, Ferraris-Q.Ennio, dagli istituti Maria Pia e Pitagora. L'appuntamento è per lunedì 13 maggio 2019, alle 10, al Teatro Fusco di Taranto. “Parlare alla Luna”, questo il titolo della manifestazione che chiude un'interessante serie di incontri con scrittori emergenti e firme già note del panorama italiano.

Il titolo prende spunto dal cinquantesimo anniversario dello storico (e per alcuni controverso), atterraggio sulla Luna di Apollo 11 che ricorre quest'anno. Ma è l'occasione per parlare delle sfide dell'uomo, delle sue ambizioni, delle velleità, della dignità della persona e del rispetto del prossimo.

“Taranto Legge” si avvale del patrocinio del Comune di Taranto. L'intento è favorire la lettura condivisa, il confronto, la conoscenza degli autori. Un percorso virtuoso accompagnato e sostenuto dalle docenti coinvolte nel progetto. I veri protagonisti, però, sono gli studenti con le loro letture, la musica, gli interventi.

La giornata sarà condotta dai giornalisti Angelo Di Leo e Michele Tursi; in teatro interverranno Michele Casella e Carlotta Susca, due degli autori del libro “Le parole sono importanti”. In collegamento, invece, la testimonianza del giornalista e scrittore Paolo Borrometi, siciliano, autore di “Un morto ogni tanto”, sotto scorta da anni per le sue denunce antimafia. E poi ci saranno la musica dal vivo dei Mind the Pop, una band tutta di studenti, le canzoni del coro dell'Archita, l'entusiasmo dei ragazzi delle scuole tarantine.

 

Published in Scuola&Istruzione

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk