Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Venerdì, 03 Maggio 2019

Finalmente una positività. Stamane la firma dello Statuto del Comitato promotore presso il Palamazzola alla presenza di varie Autorità, tra le quali il presidente della Regione, il sindaco di Taranto, il commissario straordinario di Asset, il presidente del Coni. Andiamo a guardare qualche dettaglio del prestigioso evento. Intanto occorrono ben 60 impianti sportivi e poi occorrerà ragionare su infrastrutture, mobilità, grande ricettività, logistica. Saranno 15 giorni di giochi con centinaia di atleti provenienti da 26 Paesi, impegnati in varie discipline sportive. Migliaia di ospiti come accompagnatori. Tutto molto bello, tutto giusto, ma... stiamo parlando proprio di questa città? Non è per denigrare lo sforzo che la Regione sta sicuramente compiendo per dare al territorio jonico occasioni di rilancio socio-economico. Nascondere la polvere (ogni riferimento è casuale) sotto al tappeto resta un esercizio molto praticato sulle sponde spartane e gli interventi a spot, senza un reale e strategico filo conduttore, lasciano in genere il tempo che trovano. Stavolta sarà diverso? Qui si parla di "pianificazione strategica". Facciamo solo qualche considerazione. Le infrastrutture che assicurano la mobilità pronta e veloce dove stanno? Qualche nave da crociera al porto? Non serve per questi avvenimenti. L'alta velocità su binari? Che arrivi a Taranto non è in programma. Una infrastruttura su cui potremmo giocarci molto però ce l'abbiamo: l'aeroporto di Taranto Grottaglie. Quello c'è e con pista intercontinentale ed ottime attrezzature tecniche. Ma... non esiste traffico commerciale per passeggeri. La politica regionale vuole che resti chiuso: piattaforma industriale e "spazioporto". Magari ci manderanno una decina di turisti coi voli suborbitali. E allora, ci restano i pullman. Sicuramente un mezzo non proprio adatto per tutte le persone che verranno da lontano, soprattutto da oltremare! Ad un lettore attento non sarà sfuggito che però si prevede l'uso di una sessantina di impianti sportivi. Bene! Un quesito... Taranto quanti ne possiede? Molto pochi e alcuni, comunali, sono addirittura abbandonati alle ortiche (vedi Centro sportivo Magna Grecia).
Restano quindi molti dubbi. Per prima cosa, si sospetta sia già partita la campagna elettorale per le elezioni regionali. E la seconda cosa è che verranno ampiamente utilizzate strutture dei territori limitrofi, che gli scali aeroportuali saranno al solito quelli di Bari e di Brindisi, che la maggior parte di turisti e dei partecipanti, andranno a soggiornare fuori dalla provincia tarantina e laddove sarà più facile muoversi e raggiungere i campi di gara. E poi, in luoghi distanti da Taranto; dicono tutti che qua c'è puzza, polvere e diossina. Chè l'Ilva-AM è ancora aperta. E pure le discariche. Una toccata e fuga al Museo o al Castello, peraltro, è sempre possibile. Last but not least il problema dei finanziamenti. Risolto anche quello, si ricorrerà al magico Cis, la panacea di tutti i mali tarantini. Alla fine cosa importa se il maggior ritorno economico e promozionale lo avranno i soliti territori già attrezzati e senza fumi? Tarantini incontentabili! L'intera comunità "spartana" potrà sempre vantarsi di aver ospitato una prestigiosa edizione dei Giochi del Mediterraneo.

Published in Apertamente

A cura del Dipartimento di Salute Mentale Asl Taranto, in collaborazione con il “Teatro del Mare” e la “Cooperativa Seriana 2000”, si terrà martedì’ 7 maggio nel Teatro Fusco di Taranto, dalle 9 alle 17.30, la prima edizione del “Dionisie Festival – Tra scienza e teatro”.

Il progetto nasce da un'idea della regista Maria Elena Leone a seguito di una esperienza di formazione teatrale condotta presso il Centro Diurno "M. D’Enghien” di Taranto. La collaborazione continuativa tra il Dipartimento di Salute Mentale di Taranto, del Teatro del Mare e del suo direttore, Maria Nacci, ha incontrato consensi e stretto relazioni di scambio e di collaborazione con i Dipartimenti della Salute Mentale di Bologna e Modena.
Tutti i lavori portati in scena sono stati riconosciuti quali opere di elevata complessità e qualità artistica.
Ai saluti del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, del Direttore dell’Asl Taranto, Stefano Rossi del Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci e del Direttore del Dipartimento di Salute Mentale, Maria Nacci, seguiranno gli interventi del Direttore Amministrativo, Andrea Chiari e Sanitario, dott. Vito Gregorio Colacicco e di Barbara Seriola, Presidente della Cooperativa “Seriana 2000” seguirà l’incontro d’autore con la dott.ssa Cinzia Migani che tratterà di “Memorie di trasformazione-Storie di manicomio”.
Di formazione filosofica Migani ha collaborato dal 1988 al 2001 con l’istituzione “G.F. Minguzzi” di Bologna e coordinato il Progetto Regionale “Teatro e Salute Mentale”. Dal 2010 coordina “Volabo”, il Csv della provincia di Bologna.
Agli interventi delle autorità seguirà lo spettacolo teatrale “La resistenza degli ulivi” a cura di Teatro del Mare – Centro Diurno “M. D’Enghien” – Seriana 2000.
La giornata vedrà salire sul palco operatori della salute mentale e dell’arte che racconteranno le loro esperienze artistiche e terapeutiche. Seguiranno vari contributi artistici a cura delle strutture riabilitative del territorio.
Un Festival di Teatro, dunque, che abbina spettacoli, dibattiti, presentazione di libri, che crea un movimento di risonanza pubblica e allarga così lo spazio per il cambiamento al mondo della Scuola e dell'Università.
Un festival a Taranto è, quindi, una preziosa occasione di conoscenza, di studio e di ricerca, capace di riqualificare il nostro patrimonio storico-artistico, individuando spazi e luoghi, portatori di un contenuto d'arte, di cultura e pensiero. É un'occasione per ri-vedere e raccontare il nostro territorio, attivare luoghi che stimolino l'incontro e lo scambio di idee.

Published in Spettacolo

Cronaca di un fallimento annunciato

Domani, sabato 4 maggio 2019, alle ore 11:00 nei pressi dell’ospedale San Marco di Grottaglie, il Partito Democratico cittadino terrà una conferenza stampa per fare il punto sulla situazione dell’ex ospedale San Marco (ora stabilimento) a due anni dalla chiusura del Pronto Soccorso e dall’entrata in vigore del fallimentare piano di riordino ospedaliero, alla luce dell’incondivisibile gestione da parte dell’Asl di Taranto e dell’ingiustificata inerzia delle istituzioni locali.

Interverranno: il segretario del Pd di Grottaglie, Francesco Montedoro, altri componenti del Partito Democratico e i rappresentanti del Comitato cittadino per la difesa dell’Ospedale San Marco.

Published in Politica

Nel mese di novembre scorso il Governo, al termine di un apposito incontro a Palazzo Chigi, espresse parere favorevole rispetto alla candidatura della città per ospitare i Giochi del Mediterraneo. In quella occasione fu decisa la costituzione di un Comitato Promotore per Taranto 2025, al quale avrebbero partecipato tutti gli attori che potevano e volevano apportare un contributo.

Oggi ho preso parte a Taranto, insieme ad altre Autorità fra cui il Presidente Emiliano, il Sindaco Melucci, il Commissario straordinario dell’Asset (Agenzia regionale Strategica per lo Sviluppo Ecosostenibile del Territorio)Sannicandro, e al Presidente del CONI Puglia Giliberto, alla cerimonia per la firma dello Statuto del Comitato Promotore per la candidatura della città a ospitare la 20.ma edizione dei Giochi del Mediterraneo.

Insieme abbiamo espresso la volontà di investire su questa candidatura, che rappresenta un’occasione concreta ed importante per il rilancio e lo sviluppo di una città e di un territorio che ne hanno estremo bisogno.

Questo progetto rientra, assieme alla nomina di Grottaglie città europea dello sport 2020, tra le iniziative sostenute dalla Regione Puglia per la realizzazione di quel percorso di pianificazione strategica volto a favorire la diffusione delle discipline sportive come strumento educativo e formativo per i giovani.

Proveremo quindi a mettere a sistema tutte le risorse umane ed economiche che possono essere destinate a questo progetto, compresa una parte di quelle previste all'interno del Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) di Taranto.

L'evento richiede l'uso di 60 impianti sportivi, ma si dovrà ragionare, oltre che di impiantistica (come ad esempio la realizzazione di una piscina olimpionica), anche di infrastrutture, mobilità, logistica, ricettività, che sono temi fondamentali per il rilancio socio-economico del territorio.

Basta pensare che la città ospiterebbe per circa 15 giorni centinaia di atleti provenienti da 26 diversi Paesi. Infatti alla manifestazione sportiva, che viene organizzata ogni quattro anni sul modello delle Olimpiadi, partecipano le nazioni che si affacciano sul mare Mediterraneo, più alcune dell’area mediterranea prive di accesso diretto al mare, come la Macedonia e la Serbia.

Questo evento, con la rilevanza mediatica che avrà e con la forte aggregazione territoriale che ne deriverà, potrà contribuire a definire una nuova visione di sviluppo ecosostenibile della città e dell'intero territorio ionico.

Penso a questo evento come a uno strumento per promuovere la rinascita della città. Il volto di Taranto non può essere solo quello dell’ILVA; vanno recuperate e valorizzate le radici storiche di questa città della Magna Grecia, radici custodite nel museo archeologico, insieme a tante importanti testimonianze anche sportive, come per esempio la cosiddetta tomba dell’Atleta di Taranto.

 

Published in Politica

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e il Direttore Generale dell’Asl di Taranto, Stefano Rossi festeggeranno il ventennale della Legge 68/99 dando il benvenuto a 26 nuovi lavoratori che, al termine del processo di inserimento lavorativo mirato previsto dalla legge 68/99, sono stati assunti dall’Azienda Sanitaria Locale di Taranto. 

L’evento si svolgerà nell’Auditorium del Padiglione Vinci del SS. Annunziata, in via Bruno 1 a Taranto, venerdì 3 maggio alle ore 16.00.
Nell’Asl di Taranto l’obbligo sancito dalla legge 68/99, ha offerto, ad oggi, a più di 150 persone con disabilità la possibilità di inserirsi all’interno dell’azienda con un contratto di lavoro a tempo indeterminato nei profili di ausiliario, di commesso e di coadiutore amministrativo.
Tale obbligo ha veicolato il diritto al lavoro della persona con disabilità indirizzandolo in una opportunità di reclutamento di forza lavoro che tenesse conto delle necessità legate alla carenza di personale presente nelle varie strutture dell’azienda. Per favorire l’incontro fra il lavoratore e i servizi si è adottata una procedura di reclutamento che ha previsto uno studio dell’azienda e dei suoi vari ambienti oltre che della persona e che ha tenuto conto dell’analisi delle risorse che entrambi possono mettere in campo e delle reciproche compatibilità. Una visione ampia che nell’incontro con il diverso valuta e individua le risorse dell’altro, le potenzialità, le competenze, il curriculum e le richieste dell’ambiente e che consente di andare oltre i limiti della patologia e della diagnosi e delle paure e pregiudizi ad esse legati.
Le convenzioni fra la Asl, la Provincia e le aziende obbligate dalla legge 68/99, a tutt’oggi, rappresentano un valido strumento, come indica la legge, che favorisce l’incontro fra lavoratore e l’azienda e che ne modula la sua presenza all’interno attraverso percorsi di formazione ovvero percorsi di tirocinio personalizzati sull’esigenza del lavoratore e dell’ambiente di lavoro. Questa esperienza condotta sull’intero territorio della Provincia, consolidata negli anni e suffragata da anni di ricerca e studio, ha fatto sì che si utilizzasse quella stessa procedura di inserimento all’interno nei vari ambienti lavorativi della Asl. Quello che potrebbe rappresentare un adempimento burocratico nei fatti si è trasformato in una buona prassi espressione di una cultura diffusa che nella politica dell’inclusione mette al centro la persona come risorsa per l’azienda.
Oggi l’azienda ASL di Taranto ha al proprio interno molti lavoratori con disabilità contrattualizzati alla stregua di qualsiasi altro lavoratore, sottoposti agli stessi diritti e doveri degli altri e che si sono resi indispensabili per l’azienda.
Soddisfazione è stata espressa dal direttore generale dell’Asl di Taranto, avv. Stefano Rossi: “Grazie alla collaborazione di tutte le strutture che la compongono l’Azienda Sanitaria Locale ha potuto compiere il procedimento di collocamento mirato di oltre 150 unità, con ricadute importanti in termini di inclusione sociale e lavorativa di persone con fragilità residenti nel nostro territorio. Oggi possiamo affermare che l’inserimento lavorativo mirato per l’Asl Taranto è stata un’esperienza positiva, tanto per l’Azienda quanto per gli interessati e le loro famiglie. Quest’operazione ha dimostrato che anche un soggetto importante e complesso, quale una grande Azienda Sanitaria pubblica, può valorizzare le competenze di risorse umane che, pur essendo per qualche motivo “svantaggiate”, si inseriscono pienamente e offrono il loro utile contributo, al pari di tutti gli altri dipendenti, al conseguimento degli obiettivi istituzionali dell’ente, permettendo, al contempo, a tali persone di vivere una vita libera e dignitosa, e anche gratificante in ragione della consapevolezza che il loro contributo è fondamentale per il miglioramento del benessere della collettività”.

Published in Sanità

Il Consiglio comunale di Taranto approva il consuntivo 2018, grazie a chi la scorsa estate , ha preso le distanze dal sindaco Rinaldo Melulucci e dal Pd, per diversità di vedute e per il bene di Taranto e dei suoi cittadini e magari anche per salvaguardare le poltrone.

Così il coordinatore provinciale del Nuovo Psi il dott. Mario Dinoi.

I cittadini di Taranto devono ringraziare il consigliere Massimiliano Stellato del Gruppo Misto, o almeno si pensa così – continua Dinoi – il quale, ieri,non ha abbandonato l’aula durante il consiglio comunale salvando la maggioranza ferma a 16 consiglieri per l’assenza del sindaco Melucci.

Una prudenza politica, che non mi stupisce -continua Dinoi -sicuramente volta a riprendere quel filo spezzato con la maggioranza.

A prescindere dalle valide teorie del consigliere Stellato, sono convinto e ne sono convinti in tanti-conclude Dinoi - che questa amministrazione abbia tutti gli interessi di soddisfare e rafforzare il sistema di potere, espressione della vera antipolitica.

Published in Politica

Sedici professionisti si candidano al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Taranto indicando in Fedele Moretti il futuro Presidente

I giorni 16, 17 e 18 maggio si vota per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Taranto. 

Per l’occasione si è formato, in modo spontaneo, un gruppo di sedici avvocati comprendente consiglieri uscenti e new entries: Fedele Moretti, Antoniovito Altamura, Luca Andrisani, Romina Axo, Nicola Basile, Valerio Bassi, Antonio Casto, Giovanni Cigliola, Adriano De Franco, Francesca Fischetti, Giuseppe Macrì, Vincenzo Monteforte, Loredana Ruscigno, Vincenzo Sapia, Antonella Semeraro e Francesco Tacente.
Sono stati così riuniti in un’unica squadra componenti delle diverse liste che quattro anni fa si confrontarono, dando un segnale importante di coesione, a riprova del lavoro che si è svolto insieme nell’interesse dell’Avvocatura tarantina.
In piena trasparenza questi hanno indicato nella persona di Fedele Moretti quella più appropriata a ricoprire in futuro la carica di Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Taranto, una volontà manifestata sui social dall’hashtag #IostoconFedeleMoretti.
L’idea condivisa è quella di dare un ulteriore sviluppo all’attività del Consiglio, nel solco di quanto di buono, ed è tanto, è stato fatto nell’ultimo mandato sotto la presidenza Vincenzo Di Maggio, ad esempio in tema di formazione/aggiornamento, di gratuito patrocinio telematico e di mediazione.
L’intendimento dei sedici avvocati è quello di impegnare per il futuro ancor più l’Istituzione nell’azione politica in tema di previdenza, di reddito, di riforma del processo, valorizzando la Consulta delle Associazioni, lavorando per il rispetto dei parametri sui compensi e chiedendo l’osservazione del protocollo delle udienze.
Per ottenere questi risultati, è necessario avere in Consiglio una maggioranza che operi in serenità con trasparenza e competenza, utilizzando tutte le forze e le professionalità disponibili, in un lavoro di equipe organizzato e condiviso.
La parola serenità non è utilizzata a caso: negli ultimi mesi, infatti, si è assistito ad una escalation dei toni da parte di molti.
Gli avvocati che compongono questa squadra ritengono invece che questi debbano essere abbassati: l’immagine che si dà dell’Avvocatura ai cittadini, ai magistrati, al personale delle cancellerie, non può essere quella rissosa ed arrogante che taluni, in spregio al decoro ed alla dignità sempre invocati, oggi continuano a dispensare.
Si invitano quindi gli avvocati tarantini che condividono questi intendimenti e riflessioni, a sostenere questo progetto con il loro appoggio in occasione delle prossime votazioni.

Published in Cronaca
Venerdì, 03 Maggio 2019 14:58

Masseria Fruttirossi a TUTTOFOOD Milano

Dal 6 al 9 maggio prossimi Masseria Fruttirossi sarà a Milano per partecipare alla settima edizione di TUTTOFOOD (PAD 3 Stand P14), la manifestazione dedicata al sistema agroalimentare in programma a Fieramilano.

TUTTOFOOD è un hub internazionale che promuove il meglio del saper far italiano con top buyer provenienti da oltre 100 paesi di tutto il mondo, nonché favorisce l’interscambio con il mercato italiano, anche grazie alle sinergie con gli eventi che si terranno in contemporanea, come Fruit Innovation.

 

Nell’occasione Masseria Fruttirossi annuncerà la piena operatività del modernissimo stabilimento di Castellaneta Marina, in Puglia, ubicato direttamente tra le piantagioni dell’azienda, oltre 340 ettari di proprietà.

È una grande estensione su cui Masseria Fruttirossi coltiva frutti dalle proprietà benefiche e salutistiche, quali la melagrana – l’azienda pugliese è il principale produttore italiano con oltre 280 ettari dedicati ­–, la bacca di aronia, la bacca di goji e l’avocado.

Questo caratterizza Masseria Fruttirossi, azienda in grado di garantire ai buyers, e quindi ai consumatori, il controllo totale della filiera: da quando viene piantumata e coltivata la pianta fino alla raccolta dei superfrutti, nonché durante la loro lavorazione nello stabilimento, a poche ore dal raccolto, da dove poi usciranno i prodotti con il brand “Lome Super Fruit”.

A Masseria Fruttirossi, infatti, non si acquistano frutti o concentrati da terzi, ma si lavorano solo superfrutti di propria produzione!

 

A TUTTOFOOD Masseria Fruttirossi presenterà le spremute e i succhi di melagrana che, con il brand Lome Super Fruit, stanno riscuotendo un grande successo nei canali della grande distribuzione e in quelli horeca.

Lo stabilimento di Masseria Fruttirossi annovera, tra i suoi numerosi macchinari di ultima generazione, anche la Hiperbaric 420, una macchina HPP (High Pressure Processing) che utilizza elevate pressioni idrostatiche (6.000 bar) per eliminare a freddo la carica batterica dalle spremute; non dovendo impiegare le alte temperature tipiche della pastorizzazione, il trattamento HPP preserva le proprietà nutrizionali ed organolettiche delle spremute.

Masseria Fruttirossi è così in grado di offrire succhi e spremute trattati sia con la tradizionale pastorizzazione, sia con il processo a freddo HPP che garantisce una permanenza nella catena del freddo horeca per 60/70 giorni.

«Saloni specializzati come TUTTOFOOD – ha dichiarato il Sales Manager Dario De Lisi – costituiscono un’ottima occasione per far assaggiare ai buyers internazionali i nostri succhi e spremute 100% di melagrana, senza zuccheri e conservanti aggiunti, un prodotto tutto naturale; per noi è fondamentale poter fare testare agli esperti direttamente in fiera i nostri succhi, dando così loro la possibilità di verificare la enorme differenza, in termini di gusto e di proprietà salutistiche, rispetto ad altri prodotti derivati da concentrato e con l’aggiunta di aromi e conservanti, o di cui, soprattutto, non è possibile garantire la piena tracciabilità».

Published in Ambiente

Martedì 7 Maggio 2019, presso il Salone di Rappresentanza della Provincia di Taranto, si terrà un convegno dal titolo “Misure di tutela della persona: l’Amministratore di Sostegno”, organizzata dalla Cooperativa “Nuova Luce” e con l’ausilio della “Associazione Tutela e Sostegno - ATeS”.
L’evento, organizzato con la collaborazione dell’Ordine degli Avvocati di Taranto e la Fondazione Scuola Forense, è patrocinato dalla Provincia di Taranto e dai Comuni di Taranto e Statte.
La tutela della “salute” dell’individuo, compreso l’incremento delle abilità relazionali e delle autonome capacità di vita, costituiscono gli assi portanti dell’impegno sociale che la Cooperativa “Nuova Luce” ha deciso di assumere come prioritario ed imprescindibile. Nel corso dell’evento, che avrà inizio alle ore 09:00 e terminerà alle ore 17:30, si offrirà una panoramica delle varie misure che il nostro ordinamento giuridico prevede in sostegno di persone con disabilità o problematiche psicosociali. Verrà approfondita il ruolo dell’Amministratore di Sostegno come strumento e risorsa a supporto della persona fragile, esplorandone in particolare le principali potenzialità ed i confini di azione.


Pertanto, attraverso l’aiuto di alcuni tecnici del settore si affronteranno le seguenti tematiche:


• Interdizione;
• Amministrazione di Sostegno;
• Consenso Informato.


L’iniziativa è rivolta ad Avvocati, Amministratori di Sostegno, Assistenti Sociali, Psicologi, Educatori, Famiglie di pazienti con disabilità e a tutti coloro i quali si ritrovano interessati all’argomento.
Si prevede l’attribuzione di crediti formativi per la categoria degli avvocati e rilascio di attestato di partecipazione per gli uditori.

Published in Salute&Benessere

Nella giornata odierna il personale della Polizia Locale ha individuato l’autore di un sinistro stradale che si era successivamente dato alla fuga.

Lo scorso sabato sera tra via Leonida e via Japigia si è verificato un incidente tra una Panda e un motorino guidato da un minore che nell’impatto è rimasto a terra senza ricevere soccorso dal conducente dell’auto che si è poi dato alla fuga.

La polizia locale è subito intervenuta sul posto e ha consegnato il minore alle cure del 118 e ha cominciato un’attività di indagine tra le persone che avevano assistito al sinistro effettuando i dovuti rilievi anche grazie a pezzi della carrozzeria rimasti sulla strada che si sono poi rivelati utilili per rintracciare la panda e il proprietario.

Infatti nella mattinata odierna, il personale della P.L. impegnato in servizi di controllo del territorio nella zona di Tramontone, ha intercetto l’autovettura e identificato il proprietario che ha confermato il suo coinvolgimento ed è stato portato presso il Comando della Locale Polizia Locale. Del tutto si è stato informato il Magistrato di Turno, dott. Remo Epifani, il quale ha disposto il sequestro penale del mezzo, il ritiro della patente di guida a carico del conducente ed il deferimento dello stesso all’Autorità Giudiziara.

Published in Cronaca
Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk