Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giugno 2019

"Uno dei compiti di chi ha cuore la democrazia è quello di preoccuparsi di liberare le parole dalla trappola della demagogia perché quando le parole perdono di significato, gli uomini perdono la libertà".
Gianrico Carofiglio, magistrato e scrittore di fama internazionale, nasconde gli occhi azzurri dietro un paio di occhiali da sole, per proteggerli dal baluginio di uno splendido tramonto i cui colori hanno accompagnato, venerdì sera al Molo Sant'Eligio, la serata conclusiva di "Quando la politica è bella", percorso di formazione alla politica sul tema "Le comunità" organizzato dal consigliere regionale Gianni Liviano in collaborazione con l'associazione "Le città che vogliamo".
"Se si vuole costruire bene comune - ha esordito Gianni Liviano nel presentare l'ospite - lo stare insieme deve essere un valore e non un limite. O si cammina insieme, avendo bene in mente un progetto di comunità, o non c'è prospettiva di futuro. Riconoscere la comunità quale luogo di incontro è una ricchezza che non va sperperata. Le diversità vanno accolte come ricchezza".
E in una comunità sana, le parole giocano un ruolo importante perché, se spese male, "diventano pistole cariche ". Che poi è stato il tema sul quale si è intrattenuto Gianrico Carofiglio.
"Le parole, in molti casi, hanno perso la loro funzione di strumento di comunicazione, per creare ponti, per generare cooperazione e sono diventate, troppo spesso, oggetti contundenti da scagliare contro l'avversario, senza alcun senso della responsabilità, soprattutto in certi ruoli, che sarebbe dovuta all'uso del linguaggio", ha esordito Carofiglio.
Perché il vero problema, ha sottolineato più volte l'autore di libri venduti in mezzo mondo, è quello "del deterioramento delle parole, della manomissione del loro significato" per cui, oggi, sarebbe opportuno recuperare "un'igiene linguistica delle parole" perché le parole " non sono neutrali, hanno gambe e possono essere pesanti come pietre".
Allora quale può essere lo scudo da opporre alla manomissione delle parole? La ricetta di Carofiglio è semplice: "la prima difesa per i cittadini, che vogliono essere cittadini e non sudditi, - spiega - è la consapevolezza. Cominciare a farsi delle domande, cominciare a non dare per scontato quello che sentono dire, immaginare che esista un altro modo di usare le parole, un altro modo in generale di fare politica nel senso di metodo e di etica della politica. Pensate - ha poi aggiunto Carofiglio - rivelata, evitarla, relativa sono tre dei ventuno anagrammi della locuzione la verità e sono sintesi filosofica della politica. Il compromesso buono è quello che si dichiara per cui, e queste sono le quattro regole tolteche che ruotano intorno al tema della verità, la tua parola sia impeccabile, non farne mai un fatto personale, non affidarti alle congetture, fai sempre del tuo meglio”.
Ma a volte anche i silenzi possono pesare più delle parole. "Il posto più caldo dell'inferno è destinato a quelli che in periodi di crisi morale se ne sono rimasti a casa propria. Che è un altro modo per dire che stare zitti non è una cosa neutra. Disinteressarsi della crisi morale, della crisi politica, della sofferenza altrui è un peccato. Per cui la coscienza da cittadini, è non la pigrizia dei sudditi è quello che fa la differenza fra una società realmente democratica e la situazione che noi stiamo vivendo ovvero un deterioramento della democrazia. È uno dei passaggi di questo deterioramento dipende proprio dal deterioramento della lingua".
Parte del problema del deterioramento delle parole e del linguaggio è rappresentato dai social anche se, ha sottolineato Carofiglio, "non bisogna fare l'errore di pensare che le notizie false siano state inventate dalla civiltà dei social. Esistevano anche prima anche, per certi aspetti, peggiori. Quello che oggi le rende più pericolose e la capacità di velocissima diffusione che hanno gli strumenti della rete".
Molto spesso, ha ribadito Carofiglio sollecitato dalle domande del consigliere Liviano, le nostre parole "sono spesso prive di significato. Ciò accade perché le abbiamo consumate, estenuate, svuotate con un uso eccessivo e soprattutto inconsapevole. Le parole, invece, servono a comunicare e raccontare storie. Ma anche a produrre trasformazioni e cambiare la realtà. Quando se ne fa un uso sciatto e inconsapevole o se ne manipolano deliberatamente i significati, l'effetto è il logoramento e la perdita di senso. Se questo accade, è necessario sottoporre le parole a una manutenzione attenta, ripristinare la loro forza originaria, renderle di nuovo aderenti alle cose. Più sono le parole che si conoscono, più ricca è la discussione politica e, con essa, la vita democratica".
Il sole ormai è in apnea, cullato dalle leggere onde che increspano il mare a ridosso del Sant'Eligio. Carofiglio saluta e firma libri mentre cala il sipario, per quest'anno, sul percorso di formazione politica che da marzo ad oggi ha visto alternarsi gli interventi del caporedattore de Il Mattino, Marco Esposito, di mons. Francesco Savino, vescovo di Cassano allo Jonio, di mons. Giovanni Ricchiuti, vescovo di Acquaviva, del magistrato Armando Spataro, delle sorelle Andra e Tatiana Bucci, testimoni della Shoah, e di Paolo Verri, direttore generale della Fondazione Matera2019.

 

Published in Cultura

Il Gruppo consiliare denuncia una pericolosa involuzione che umilia e discredita il Consiglio comunale, massima rappresentanza popolare della Città di Grottaglie.

Nel giro di pochi giorni assistiamo allibiti ad una pericolosa involuzione che umilia e discredita la rappresentanza popolare.

Si va dalla convocazione della Conferenza dei Capigruppo senza rispettare almeno le 24 ore dalla notifica (19 giugno) alla riconvocazione della stessa al giorno successivo. Ormai sta diventando una prassi quella di convocare il Consiglio comunale con argomenti diventati urgenti a causa dell’incapacità a gestire in tempo gli argomenti, ma conseguentemente non si concede il tempo necessario ai consiglieri di approfondire gli stessi. Si convoca il Consiglio comunale in ore improbabili per scoraggiare la partecipazione dei consiglieri e degli stessi cittadini che intendono seguirne i lavori (26 giugno) e non si inseriscono gli argomenti, urgenti, che poi diventano argomenti dell’ordine del giorno convocato dopo pochi giorni naturalmente in un giorno e in orario con le stesse criticabili modalità (sabato prossimo 29 giugno alle ore 12).
Neanche di fronte alle documentate rimostranze dell’opposizione, in sede della odierna Conferenza dei Capigruppo, c’è stato un minimo di apertura a proposte e ad argomentazioni di buon senso e di rispetto per la massima assise consiliare. L’opposizione, oltre ad evidenziare questo anomalo modo di procedere, nella sua proposta si è fatta carico comunque di affrontare solo i due argomenti effettivamente urgenti quali la surroga del consigliere comunale che subentra al dimissionario prof. Mimmo Annicchiarico e l’argomento relativo alla rottamazione delle cartelle esattoriali la cui scadenza è il prossimo 30 giugno. Gli altri argomenti si potevano discutere la prossima settimana in una successiva seduta del Consiglio comunale. In questo modo si sarebbe sanata la negligenza dell’amministrazione e degli uffici a non aver trattato in tempo l’argomento di sicuro interesse dei cittadini e allo stesso tempo metteva nelle condizioni i consiglieri di approfondire con il necessario tempo gli altri argomenti come la “Revisione e aggiornamento del Regolamento per la composizione ed il funzionamento della Commissione Locale per il Paesaggio” e la modifica al “Regolamento COSAP”.
Questa la proposta avanzata dal gruppo consiliare di “Articolo UNO”, condivisa dagli altri gruppi opposizione, che consentiva comunque di rispondere ad oggettive scadenze, ma allo stesso tempo metteva nelle condizioni di approfondire con il necessario tempo gli altri argomenti come la “Revisione e aggiornamento del Regolamento per la composizione ed il funzionamento della Commissione Locale per il Paesaggio” e la modifica al “Regolamento COSAP”.
La maggioranza ha risposto arrogantemente con un diniego ad una proposta di buon senso bocciandola forte dei numeri, ma con deboli argomentazioni.
Questa inutile esibizione di muscoli, favorita solo dai rapporti di forza, dimostra ancora una volta che lo sbandierato cambiamento nel modo di governare, la presunta trasparenza e coinvolgimento delle minoranze sono solo vuote affermazioni. La realtà è che una aggregazione composta da comitive di amici, intolleranti ad ogni forma di dissenso che sta provocando numerose dimissioni di consiglieri ed assessori, sta drammaticamente discreditando le istituzioni allontanandole dai cittadini.
Per quanto sopra esposto e in segno di vibrata protesta il Gruppo consiliare ”Articolo UNO” non parteciperà alla seduta del Consiglio comunale convocato per sabato 29 giugno.

Published in Politica

I poliziotti del Commissariato di Grottaglie hanno soccorso un giovanissimo ragazzo che era caduto all’interno di una gravina di circa 3 metri del Fullonese, alle spalle del presidio ospedaliero San Marco, dove i giovani del paese sono soliti farsi passeggiate. Il quindicenne era rimasto aggrappato ad una piccola sporgenza di roccia coperta solo da rovi, sopra una parete scoscesa alta circa sei metri.

A dare l’allarme un suo compagno, soccorso anche lui in precarie condizioni di equilibrio sul bordo della gravina, nel tentativo di aiutare l’amico.

Le operazioni di salvataggio, tentate attraverso una catena umana formata dai poliziotti intervenuti, sono state rese ancora più difficoltose a causa del buio e del terreno reso scivoloso a causa delle copiose piogge del giorno precedente. 

Solo il lavoro sinergico dei poliziotti e dei Vigili del Fuoco ha consentito ad un Vigile di mettere in salvo il ragazzo, impaurito ed ormai esausto, assicurandolo con una grossa fune.

Per lui e per il suo amico tanta paura e numerose escoriazioni su tutti gli arti. 

Dopo le cure del caso i due ragazzi sono stati riaffidati ai genitori presenti sul posto.

Published in Cronaca

Musillo (Idea Indipedente): “Vittoria di un metodo di lavoro. La politica faccia da massa critica per la comunità e torni a colloquiare con tutti”

La storia della nascita di un nuovo corso di laurea in Medicina per il distaccamento tarantino dell’Università di Taranto è certamente una notizia importante, ma ancora più importante è il risultato ottenuto dalla comunità ionica che in maniera coesa ha lavorato alla realizzazione di questo significativo traguardo.
Commenta così il leader di Idea Indipendente, Walter Musillo, la notizia che proprio in questi giorni tiene banco rispetto l’offerta formativa dell’Università di Bari rispetto al polo tarantino.
Credo che vada assegnato un merito straordinario al metodo perseguito da una serie di protagonisti territoriali e non – spiega Musillo – considerato che proprio lo scorso 25 febbraio in una sala gremitissima del Palazzo della Provincia, riuscimmo come movimento politico a mettere insieme una serie di attori che avrebbero potuto determinare l’esito di questa che solo qualche mese fa veniva considerata alla stregua di una scommessa.
Così mentre certi ambienti politici continuano ad attardarsi alla definizione di strategie di cartello, o ad appassionarsi alle nomine di potere, credo che questa lezione debba essere di monito a tutta la comunità, politica compresa – dice – che piuttosto che dividersi o isolarsi ha bisogno di fare squadra per l’ottenimento di obiettivi utili a tutta la comunità.
Serve un pressing straordinario ma anche un cambio di metodologia – continua l’esponente di Idea Indipendente – perché se riuscissimo a capitalizzare tutti questi interventi saremmo in grado di cambiare il volto della città nel giro dei prossimi 10 anni.
Il riferimento di Musillo è non solo al corso di laurea magistrale in Medicina e Chirurgia che dal prossimo anno sarà ospitato a Taranto ma ad una serie di interventi che hanno bisogno di creare massa critica a livello territoriale.
Abbiamo bisogno di inanellare gli interventi e metterli a sistema – continua Musillo – perché l’intervento straordinario ottenuto grazie all’interno della Regione Puglia e del Polo Universitario (il rettore Uricchio e il direttore della scuola di medicina Gesualdo – ndr), insieme agli interventi attualmente varati per il cantiere dell’Ospedale Moscati, ma anche la recente ufficializzazione, tramite il CIS, delle risorse per il tecnopolo ambientale nell’ex Palazzo Frisini, dicono che quell’indirizzo di eccellenza ha bisogno di interventi concreti, tempi celeri, ma anche indirizzi di politica comune realizzati con la condivisione di tutti e non solo della politica delle stanze istituzionali.
Come Idea Indipendente lavoreremo a questo – termina Walter Musillo – convinti come siamo che l’informazione socializzata, l’intervento di esperti e tecnici esperti, la voce del terzo settore e del volontariato civile, nonché delle parti sociali, e un colloquio sempre più aperto con la comunità possano migliorare la qualità degli interventi finanziati o finanziabili. C’è bisogno di tutti. A cominciare da ogni singolo cittadino e dai 60 giovani studenti che dall’anno prossimo studieranno e faranno ricerca qui.

 

Published in Politica

 Numeri eccellenti del 2018, caratterizzati dalle alte percentuali di crescita degli indicatori economici, dal valore della produzione, dai ricavi sino al traffico passeggeri.
• Risultato del 2018 evidenzia un utile di esercizio pari a Euro 3.772.702 (+54,2% rispetto al 2017). Complessivamente, il valore della produzione è di euro 99.800 mila euro, (+8,2% % rispetto al 2017).

Bari, 28 giugno 2019
L’Assemblea degli Azionisti di Aeroporti di Puglia ha approvato all’unanimità il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2018. All’Assemblea sono intervenuti, unitamente al Consiglio di Amministrazione e al Collegio Sindacale, i rappresentanti dei Soci Regione Puglia. Il presidente di Aeroporti di Puglia, nell’illustrare i dati di bilancio, ha dichiarato “Il bilancio 2018 rappresenta un vero e proprio spartiacque nella vita della società – dichiara il presidente Tiziano Onesti - . I numeri più che eccellenti del 2018, caratterizzati dalle importanti percentuali di crescita degli indicatori economici, dal valore della produzione, dai ricavi sino al traffico passeggeri, non solo testimoniano la solidità dei conti e lo stato di salute dell’azienda, ma anche la capacità di Aeroporti di Puglia di essere motore di sviluppo del territorio. Il bilancio del 2018 si inserisce, in continuità, in un percorso segnato da altri passaggi fondamentali per i prossimi progetti in cantiere della società, ossia: l’approvazione del Piano strategico al 2028 il finanziamento fino a 60milioni di euro concesso da un pool di banche per la realizzazione degli investimenti – infrastrutture e sviluppo rotte - previsto dallo stesso e l’adesione al programma Elite di Borsa Italiana”.
“La fotografia di una solidità che ha portato Aeroporti di Puglia a dotarsi di una propria autonomia finanziaria e a conquistare una grande fiducia del mercato in termini di credibilità, affidabilità e valore. Un successo che il Consiglio di Amministrazione, con i colleghi Antonio Vasile e Beatrice Lucarella, condivide con l’intera struttura della società - guidata dal direttore generale Marco Catamerò - autentico patrimonio di valori umani e competenze, che ha reso possibile realizzare un programma ambizioso all’insegna dello sviluppo sostenibile per la società, per il territorio, per la comunità pugliese e, più in generale del Paese”.

Per il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano “il processo di riorganizzazione di Aeroporti di Puglia intrapreso da qualche anno, sta portando frutti sia in termini di aumento di passeggeri sia di generale e il significativo miglioramento dei principali indici economici finanziari. Questo ci spinge ad aumentare i nostri sforzi per garantire ai cittadini pugliesi sempre più voli in condizioni di sempre maggiore efficienza” ./.

BILANCIO 2018 DI AEROPORTI DI PUGLIA.
DATI ECONOMICO - FINANZIARI

Il risultato del 2018 evidenzia un utile di esercizio pari a Euro 3.772.702 (+54,2% rispetto al 2017). Complessivamente, il valore della produzione è di euro 99,8 milioni di euro, (+8,2% % rispetto al 2017). I Ricavi delle vendite e delle prestazioni sono aumentati in funzione della crescita del traffico passeggeri, soprattutto di quello riferito a collegamenti internazionali, che ha prodotto positivi effetti anche per il settore extra-aviation. La differenza tra valore e costi della produzione è pari a quasi 8,23 milioni di euro, e beneficia della rigorosa politica di efficientamento della gestione e di miglioramento della produttività avviata dal Consiglio di Amministrazione nell’ottica del rafforzamento patrimoniale dell’azienda. Nel 2018 gli investimenti ammontano a oltre 11 milioni di euro. L’organizzazione conta 323 unità, al 31 dicembre 2018.

FATTI SALIENTI

In coerenza con le politiche di sviluppo del sistema aeroportuale nazionale e europeo, Aeroporti di Puglia ha continuato nella sua azione di miglioramento dei livelli di connettività aerea potenziando i collegamenti con gli aeroporti hub – attraverso i quali garantire l’integrazione delle destinazione servite dagli scali pugliesi - e lo sviluppo dei collegamenti “point to point” con le aree europee strategiche di interesse industriale, turistico e commerciale. Tra i collegamenti avviati nel 2018, si segnalano quelli da Bari per Mosca di S7, per Parigi di Air France, per Vienna di Wizzair e da Brindisi per Berlino di easyJet e Memmingen di Ryanair. Per l’aeroporto di Foggia, grazie anche agli indirizzi della Regione Puglia, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha verificato la sussistenza delle condizioni che ne configurano le attività quali servizi di interesse economico generale (SIEG) necessari allo sviluppo del territorio.
Con Atto di Indirizzo n. 250 del 9.5.2018, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha designato l’aeroporto di Grottaglie quale spazioporto destinato a voli commerciali suborbitali, alla luce delle caratteristiche delle infrastrutture e delle potenzialità di adeguamento delle stesse in tempi brevi, nonché per la loro corrispondenza ai criteri di selezione definiti dall’ENAC. Tale Atto di Indirizzo prevede che la gestione dello spazioporto sia disciplinata da specifica convenzione tra ENAC e AdP.
Si è consolidato il valore reputazionale di AdP con la conferma, da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, del rating di legalità massimo (“Tre Stelle”); a livello organizzativo, è stato messa a regime la nuova struttura organizzativa interna, con il contestuale rafforzamento dei presidi di controllo interno attraverso l’incarico di un dirigente per la funzione di Internal Auditing.
Ha poi trovato conferma l’eccellente collaborazione con le OO.SS. che ha favorito un sereno clima aziendale e il miglioramento della produttività della forza lavoro, anche grazie a criteri di incentivazione basati su obiettivi misurati da parametri condivisi e funzionali al costante miglioramento dei livelli di qualità del servizio all’utenza.

TRAFFICO PASSEGGERI 2018
Il 2018 è stato per gli aeroporti pugliesi un anno straordinario, segnato da risultati frutto dell’eccellente lavoro svolto sul piano del potenziamento dei collegamenti e della qualificazione della rete aeroportuale. Complessivamente, su Bari e Brindisi, i passeggeri in arrivo e partenza sono stati 7.493.156 – dato mai raggiunto - con un incremento del +7,2% rispetto al dato del 2017. Su base annua, il traffico di linea, tra Bari e Brindisi, è cresciuto del 7,4%; ancor più netto l’incremento per la linea internazionale che, con 2.652.686 passeggeri, ha segnato un + 18,2% rispetto al 2017. Record anche per Bari dove per la prima volta si è superata la soglia dei 5 milioni di passeggeri. Senza il verificarsi di fattori straordinari, come la chiusura temporanea della pista di Bari per consentire la realizzazione – in tempi record – dei lavori di adeguamento infrastrutturale, il risultato avrebbe assunto contorni ancora migliori. Tutto ciò a dimostrazione del ruolo centrale di Aeroporti di Puglia e della rete aeroportuale per lo sviluppo economico dell’intera area geografica del sud est del nostro Paese, capace di attrarre - nazionali e esteri - sul territorio, agevolando l’internazionalizzazione delle imprese e il rafforzamento delle politiche di incoming turistico.

 

Published in Accade in Puglia

Sarà inaugurata sabato 29 giugno 2019 alle ore 18:00 nell’Antico Convento dei Cappucini a Grottaglie la mostra “Diario Pubblico” dell’artista Gabriella Sacchi.


Nel 2018 l'artista Gabriella Sacchi ha partecipato alla mostra concorso della Città di Grottaglie "TERRA. Identità, luogo, materia." La vincita del secondo premio le ha dato l’opportunità di realizzare una personale, nella stessa città, nel 2019.
È così nata l’idea di portare il suo progetto Diario Pubblico anche a Grottaglie, fotografando alcune delle realtà ceramiche più significative di questo luogo.
Come Faenza e Saint Quentin la Poterie, la città di Grottaglie esprime il suo profondo legame con la ceramica attraverso le botteghe, le persone che progettano, creano e distribuiscono ceramica, gli esperti e le istituzioni che supportano questa antica arte.
Per questa ragione Grottaglie può essere considerata un museo vivente e il progetto Diario Pubblico contribuisce a sviluppare conoscenze sul patrimonio artigianale, artistico e di design e a stimolare un dibattito sulla necessità di reinventare i mestieri d’arte e gli oggetti.

Insieme a Diario Pubblico a Grottaglie l'artista espone altre opere che considera appunti del suo viaggio di ceramista. Per simboleggiare questo viaggio ha scelto la struttura dell’antico gioco infantile che si chiama “Gioco del mondo”.

La mostra sarà visitabile dal 29 giugno al 29 settembre presso l'ex Convento dei Cappuccini. Orario: dal lunedì al giovedì 10.00-14.00 / ven-sab-dom 10.00-14.00 e 18.00-21.00.

 

Published in Arte

Taranto - lunedì 1 luglio, alle ore 15.00, farà tappa, nel Castello Aragonese di Taranto, gestito dalla Marina Militare, il campione e inviato di “Striscia la notizia”, Vittorio Brumotti che con la sua bicicletta precorrerà il tratto da Matera a Taranto.


Partito da Milano il 18 giugno, chiuderà la sua avventura martedì 4 luglio a San Giovanni Rotondo (FG).
Brumotti, nel suo itinerario da Nord a Sud della Penisola, percorrerà un totale di 1600 km tra sport, arte, natura, ecologia e solidarietà; e soprattutto visiterà alcuni dei più affascinanti siti votati dagli italiani nelle nove edizioni finora concluse del censimento “I Luoghi del Cuore”, tra cui il Castello Aragonese di Taranto che quest’anno è riuscito a posizionarsi al 10° posto nella classifica nazionale (1° posto in Puglia) promossa dal FAI (Fondo Ambiente Italiano).


All’evento parteciperanno il Comandante Marittimo Sud, l’Ammiraglio di Divisione Salvatore Vitiello, l’Assessore alla cultura e allo sport di Taranto, dott. Fabiano MARTI, il rappresentante del FAI di Taranto che, per l’occasione, consegnerà la targa commemorativa per l’eccellente risultato conseguito nel Concorso “I Luoghi del Cuore” dal Castello Aragonese.

Published in Taranto&provincia

Un “invito alla bellezza”, per valorizzare la città vecchia di Taranto attraverso un omaggio destinato agli esercizi ricettivi. Un simbolo, rappresentato dal colore e dalla vivacità delle piante da fiore, donate per lanciare un messaggio di cura per il territorio.
L’organizzazione Made in Taranto, in collaborazione con la Bcc San Marzano, l’Ance, l’associazione Terra ed alcuni cittadini, rappresentati da Eleonora e Valentina Occhinegro, ha donato numerose piante da fiore al borgo antico di Taranto, individuando come destinatari bed and breakfast, alberghi e locali pubblici della città vecchia. Nella conferenza di presentazione, ospitata dall’albergo del Sole, sono intervenuti Gianluca Lomastro, presidente di Made in Taranto, il dottor Giancarlo Airò per la Bcc San Marzano, Antonio Santacroce per l’associazione Terra. Erano presenti, inoltre, alcuni titolari e rappresentanti dei bed and breakfast e degli esercizi pubblici coinvolti nel progetto e destinatari della donazione. Durante l’incontro, è stata anche effettuata la consegna di alcune delle piante da fiore.
L’idea, promossa da Made in Taranto e realizzata grazie al sostegno della Bcc San Marzano, che per prima ha creduto al progetto, è stata da subito sposata dall’associazione Terra, i cui referenti hanno individuato circa trenta attività ricettive e commerciali interessate ad adottare le piante per abbellire ingressi, vicoli o angoli di città, creando una mappa dei locali destinatari della donazione.
Durante la conferenza è stata infine presentata un’iniziativa di formazione gratuita destinata agli esercenti delle attività turistiche e ricettive, finalizzata a valorizzare le competenze nell’ambito del marketing turistico e dell’accoglienza: si tratta di un corso avanzato di marketing gratuito, al quale possono accedere i titolari e i gestori delle attività, facendone richiesta all’organizzazione Made in Taranto.
Gianluca Lomastro, presidente di Made in Taranto, ha spiegato che “è un invito alla bellezza, come accade in altre realtà non lontane da qui, per esempio a Locorotondo, Cisternino, Bari, con balconi fioriti e attività ricettive abbellite dai fiori. Possiamo farlo anche noi. E’ un inizio ed è anche un modo per fare marketing territoriale. Ciò di cui c’è bisogno, è l’inclinazione al bello, che passa attraverso i fiori ma anche attraverso la cura del proprio territorio. L’invito ai cittadini e alle strutture ricettive è di adottare queste piante e averne cura”.
Emanuele di Palma, direttore generale Bcc San Marzano, ha inviato il suo messaggio:
"Abbiamo sostenuto questa lodevole iniziativa con l’obiettivo di elevare l’attrattività del nostro centro storico e raccontare un territorio che merita attenzione. L’intento è sicuramente quello di promuovere i valori ambientali e la cultura del verde anche come strumento di marketing turistico. La banca da sempre è al servizio della comunità e questi piccoli interventi sono la dimostrazione di quanto sia utile fare rete per il bene del territorio. Sarà ovviamente importante la cura e la manutenzione dell’allestimento progettato. In questo senso il lavoro di squadra degli operatori del centro storico farà la differenza. Noi ci siamo e siamo vicini agli esercenti della città per offrire i nostri servizi e la nostra consulenza anche per progetti più ambiziosi".
Giancarlo Airò, delegato per la Bcc San Marzano ha aggiunto, durante l’incontro, che l’istituto è “sempre disponibile, nei confronti delle attività commerciali, per ogni iniziativa che intendano intraprendere, in termini di consulenza e delle altre proposte”. Intanto, “come banca locale, siamo molto presenti in questo tipo di iniziative che valorizzano il territorio. Crediamo allo sviluppo turistico della nostra città e siamo felici di poter essere utili e sostenere questo progetto”.
La rete delle attività è stata individuata dall’associazione Terra. “Si è effettuata una mappatura di tutti gli esercizi della filiera turistica e dell’accoglienza – ha dichiarato Antonio Santacroce -, per fare questo ‘dono’ in nome della bellezza. Pensiamo che ci sia bisogno di questi segnali, perché il settore, in controtendenza rispetto a tutto ciò che si sente, è in crescita a Taranto. Si lavora e si collabora bene, bisogna ora operare sul senso civico e sulla bellezza, è un passo verso questi obiettivi”.

Published in Cronaca

Partiti i festeggiamenti per la festa di San Pietro (28, 29 e 30 giugno), che quest’anno si svolgerà in concomitanza con la Festa del rione San Pietro. Una festa, quest’ultima, nata nel lontano 1979, curata da anni dal gruppo Motl la fnodd, sotto la presidenza di Maria Lattarulo e la direzione artistica di Pietro Palagiano. Ed è partita da quest’ultimo, in occasione del ventennale della festa del rione, l’idea di mettere insieme le due ricorrenze.
Così, ne è nato un comitato, che ha unito forze, idee e progettualità, “in uno spirito di piena comunione”, come ama dire don Graziano Marangi. A formarlo, oltre allo stesso Palagiano e a don Graziano quale presidente onorario, ci sono Vito Coletta, Mimmo De Pace, Angelo Ettorre, Giuseppe Greco, Angelo Mirizzi, Ernesto Nigro, Angelo Notaristefano, Cosimo Pelillo, Ciro Vacca e Damiano Zocco.
Tutte le iniziative sono state presentate l’altra sera, nella parrocchia di San Pietro. Presenti anche il sindaco Giampiero Barulli e il consigliere comunale Gianfranco Recchia, visto che la festa apre il cartellone estivo programmato dall’Amministrazione Comunale. Concordi Palagiano, Ettorre e De Pace nel dire che questa “non sarà una festa di rione, ma di paese in quanto prevede tutta una serie di iniziative che hanno portato al coinvolgimento di diverse associazioni e attori del territorio”.
L’occasione è servita per proiettare un video, che racconta i vent’anni di storia della Festa del rione, con i saluti di coloro che nel tempo hanno dato il loro contributo alla sua realizzazione. Spezzoni dedicati anche alla storia della parrocchia a cura dello storico locale Mimmo Rotolo.
“Correre è Salute”, presieduta da Marisa Ciquera, nella giornata del 28 giugno, si è resa artefice della prima passeggiata interparrocchiale: circa 5 chilometri, lungo il perimetro del paese, per un percorso aperto a tutti, adulti e bambini, corridori e non.
Il 29, dalle 21,15, serata musicale con il “Centro Studi Danza Royal Ballet” di Dalila Bochicchio e, a seguire, “Tammurriata Nera”, una cover di Grottaminarda (Avellino), che proporrà brani di Massimo Ranieri, Renzo Arbore, Renato Carosone e Teresa De Sio.
Il 30, alle 18 si svolgerà la 2^ edizione della Cavalcata Mottolese. In circa una trentina, tra cavalli e calessi, da Lama Di Rosa (in zona Boara) raggiungeranno il Chianchiarello dove alle 18 sarà celebrata una messa, per poi arrivare a Mottola e sfilare nei pressi del sagrato della parrocchia di San Pietro.
Dalle 21, al via una serata dedicata alla tradizione e al folklore, tra musica, danze popolari e stand enogastronomici. Prima l’esibizione della “Scuola C.A.Bal” di Domenica Carucci; poi, dopo il saluto delle autorità, sarà la volta del gruppo folk “La Murgia – Don Vito Palattella” di Noci e del gruppo folk “Motl la Fnodd”. La serata si chiuderà con l’estrazione dei premi della lotteria e uno spettacolo pirotecnico.

Published in Taranto&provincia

La Marina Militare e l’Amministrazione Comunale di Taranto, a seguito di una Convenzione stipulata l’anno scorso, rendono operativo lo stabilimento elioterapico dell’Isola di San Pietro, nel periodo 11 giugno - 8 settembre. Lo stabilimento, gestito da personale della Marina Militare, con alcuni servizi affidati a ditte private locali è in grado di ospitare fino a 1000 bagnanti. L’accesso è garantito non solo ai militari e ai loro familiari ma a tutti i cittadini e turisti, previo acquisto del biglietto presso gli uffici dell’AMAT oppure on-line sul sito internet e presso il Circolo Sottufficiali della M.M. ubicato presso la discesa L. Da Vinci (solo per il personale militare). Il biglietto da il diritto all’accesso alla spiaggia e al servizio di trasporto gestito dall’AMAT. I collegamenti, infatti, con la città di Taranto sono assicurati da un’idrovia con le motonavi Adria e Clodia. Ci sono sei corse giornaliere che assicurano il servizio di trasporto dalla città vecchia (Piazzale Democrate) e dalla Banchina Torpediniere (Rampa L. Da Vinci) all’isola di San Pietro. E a queste corse ne vengono aggiunte altre due straordinarie nel weekend e nei mesi di luglio e di agosto, queste due corse straordinarie partono già dal mercoledì, in totale otto corse al giorno. Molteplici i servizi disponibili per l’utenza, ci sono, infatti, circa 200 ombrelloni, cabine, un’area bar con tavoli e sedie, diverse attrezzature sportive: campo beach volley con vista mare, biliardini, ping pong, campo da bocce e due area pic-nic in altrettante pinete. Un tratto di mare veramente stupendo con acqua cristallina, un posto ideale per farsi il bagno e godere della natura.

Published in Cronaca
Pagina 1 di 24

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk