Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Giovedì, 19 Settembre 2019
Giovedì, 19 Settembre 2019 17:05

Andiamo a Teatro: La “Casavola “ raddoppia…

Quest’anno si raddoppia. Due le rassegne proposte dall’associazione “A. Casavola” con la direzione artistica di Renato Forte presentate nel Salone degli Specchi di Palazzo di Città alla presenza dell’assessore allo Spettacolo del Comune di Taranto, Fabiano Marti, e dello stesso Forte che per la stagione 2019-2020 sarà impegnato su due fronti con due cartelloni diversi, per offrire al pubblico un ventaglio ancora più variegato.

“La Casavola e Renato Forte hanno sempre fatto uscire le persone da casa grazie alle scelte mirate, agli spettacoli di altissimo livello, ai grandi nomi portati a Taranto” ha detto in conferenza stampa l’assessore Marti, “cartelloni che, con quello messo a punto e portato al rinnovato teatro Tarentum, meritano l’attenzione dell’amministrazione comunale che quest’anno, per la prima volta sarà vicina fattivamente a chi le organizza. I tarantini e non solo quest’anno avranno una grande offerta, potranno scegliere dove andare e cosa vedere. Sono lieto che nel circuito degli spettacoli è stato inserito anche il Tarentum, un vero gioiellino”.

“Il mio più grande desiderio? Vedere più giovani a teatro” ha affermato Renato Forte che da circa trent’anni organizza rassegne teatrali di altissimo livello e da oltre quaranta fa attivamente teatro. “Mi rivolgo alle scuole, dove secondo me bisognerebbe insegnare agli studenti l’amore per il teatro, palestra di vita. Quest’anno, di concerto con l’assessore Marti, e dunque con l’amministrazione comunale di Taranto abbiamo voluto porre una attenzione particolare ai giovani, agli over 65, ai meno abbienti e portatori di handicap che potranno usufruire di agevolazioni particolari. Anche quest’anno abbiamo voluto offrire un cadeau al nostro pubblico, un omaggio a Bino Gargano con “Ci nò se ‘uaste no’ s’aggiuste”, inoltre il Premio alla carriera intitolato a Gino Bramieri, ed offerto come di consueto dal sindaco di Taranto, quest’anno sarà conferito a Peppe Barra e gli sarà consegnato in occasione della sua venuta nella città bimare con lo spettacolo ‘I Cavalli di Monsignor Perrelli’. Inoltre sia per la stagione di teatro leggero che per quella di cabaret abbiamo voluto ulteriormente abbassare i prezzi di abbonamenti e di biglietti nell’ottica che abbiamo sempre perseguito e cioè portare a teatro tutti”.

La oramai tradizionale Stagione di Teatro leggero giunge alla 28esima edizione e si svolgerà dal 9 novembre al 27 marzo al Teatro Orfeo, con nove appuntamenti in calendario e, la novità di quest’anno, l’altra rassegna tutta dedicata alla risata con i comici più noti provenienti da Zelig, Colorado e Made in Sud che si svolgerà invece al Teatro Tarentum dal 27 ottobre al 26 aprile con 8 appuntamenti, tutti di domenica con inizio alle ore 19,00. L’abbonamento per l’intera rassegna al Tarentum costa 100 euro, costo del biglietto posto unico numerato €13,00. Info e prevendita al Box Office in via Nitti 106/A angolo via Oberdan, telefono 099.4540763. Orari di apertura dalle ore 9,30 alle ore 13,00 e dalle ore 17,30 alle ore 20,00. La sera degli spettacoli la vendita dei biglietti d’ingresso verrà effettuata a partire dalle ore 19,00 al botteghino del Teatro in via Regina Elena 122. Questo il calendario de “Il Cabaret al Tarentum”: domenica 27 ottobre Flavio Oreglio
domenica 17 novembre Tommy Terrafino
domenica 15 dicembre Renato Ciardo
domenica 26 gennaio Alberto Patrucco
domenica 16 febbraio Tino Fimiani
domenica 22 marzo Dino Paradiso
domenica 5 aprile Nando Timoteo
domenica 26 aprile Carmine Faraco
All’Orfeo invece la 28° edizione della Stagione del Teatro Leggero 2019-2020 che vede in calendario artisti di alto livello e di sicuro successo. Si inizia sabato 9 novembre con Raoul Bova e Rocio Munez Morales in “Love letters”
Martedì 26 novembre Rimbamband “The very best of”
Giovedì 12 dicembre Nancy Brilli “A che servono gli uomini?”
Giovedì 9 gennaio Serena Autieri “Rosso Napoletano”
Venerdì 7 febbraio un cadau della compagnia di Taranto “A. Casavola” con la commedia “Ci nò se ‘uaste no’ s’aggiuste” di Bino Gargano
Martedì 18 febbraio Roberta Lanfranchi, Samuela Sardo, Rossella Brescia, Tosca D’Aquino in “Belle ripiene” una gustosa commedia dimagrante
Giovedì 27 febbraio Carlo Buccirosso “La rottamazione di un italiano perbene”
Lunedì 16 marzo Peppe Barra in “Monsignore”
Martedì 27 marzo il Balletto di Milano in “Le mille e una notte” di Sheherazade
Tutti gli spettacoli avranno inizio alle ore 21,00. Info e abbonamenti in vendita al Box Office, telefono 099.4540763. I sottoscrittori di questi abbonamenti (stagione di Teatro leggero) avranno la possibilità di sottoscrivere l’abbonamento alla stagione di cabaret pagandolo solo 74 euro, due biglietti per il primo spettacolo sono gratuiti.

Published in Spettacolo

Presieduta dal Prefetto di Taranto Antonia Bellomo si è svolta oggi presso questo Palazzo del Governo una riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica dedicata alle strategie di prevenzione, vigilanza e controllo della provincia ionica, con particolare riguardo ai Comuni di Castellaneta e Ginosa, zone nelle quali si sono registrati, nel periodo estivo, episodi di furti in abitazione.
Presenti all'incontro il Questore Bellassai, i Comandanti provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza Steffensen e Lucignano ed il subentrante Dell'Anna, nonché i Sindaci di Castellaneta e Ginosa.
Durante la riunione sono stati esaminati i dati sull'andamento complessivo dei reati in quelle aree, nonché sul numero dei furti e delle denunce registrate, e sono state analizzate compiutamente le modalità e le circostanze con cui sono stati commessi. Il Prefetto ha disposto che, da parte delle Forze di Polizia, si prosegua nella consolidata attenzione verso quelle aree già oggetto di significativi e costanti interventi di vigilanza e controllo del territorio assicurati in maniera coordinata e pianificata.
Il Prefetto ha invitato i Sindaci ad adottare tutti gli interventi strutturali idonei a rafforzare la percezione di sicurezza da parte dei cittadini. A tal proposito, il Sindaco di Ginosa Parisi ha riferito di aver in corso procedure per l'assunzione di agenti di Polizia locale, nonché progetti di manutenzione e implementazione della pubblica illuminazione; per quanto attiene invece Castellaneta, il Sindaco Gugliotti ha evidenziato che sono sa ti assunti durante l'estate 5 agenti di Poliziamunicipale a tempo determinato e di aver in corso il progetto di sostituzione dell'impianto di pubblica illuminazione.
Nel suddetto periodo estivo, a Castellaneta Marina è stata attivata una Stazione stagionale di Carabinieri con una notevole implementazione di militari dell'Arma. Inoltre ha ribadito il Prefetto, ai fini di un efficace controllo del territorio, che è, ulteriormente, determinante la collaborazione dei cittadini che possono tempestivamente segnalare ogni situazione anomala o sospetta oltre che contribuire, anche con misure di difesa passiva, all'innalzamento complessivo del livello di sicurezza del proprio territorio.

Published in Cronaca

Nuove iniziative di buona accoglienza ed integrazione rivolte ai minori stranieri non accompagnati durante la loro permanenza nelle strutture della provincia tarantina sono state analizzate, in Prefettura, dal Tavolo di dialogo e coordinamento istituzionale presieduto dal Prefetto Antonia Bellomo, al quale hanno partecipato il Presidente Bambina Santella e il Procuratore Antonella Montanaro del Tribunale per i Minorenni di Taranto, i rappresentanti della Questura, del Comune di Taranto, dell'ASL, dell'Ufficio scolastico regionale ed il referente per il progetto dell'Autorità Garante per l'Infanzia e l'Adolescenza.
In particolare, il locale Tribunale per i minori si è reso promotore dell'attivazione dello Sportello di informazione e sensibilizzazione per promuovere la funzione dei tutori volontari che potranno svolgere un supporto specifico per la protezione dei tanti ragazzi e ragazze che da soli arrivano nel nostro Paese.
Inoltre, l'ASL di Taranto ha attuato il progetto F.A.R.I., formare, assistere, riabilitare, inserire, che prevede, oltre il ricorso alla mediazione linguistica, azioni mirate a tutela della salute dei richiedenti e titolari di protezione internazionale presenti nel territorio in condizioni di vulnerabilità.
Nel corso dell'incontro sono state oggetto di esame la verifica degli interventi di tutela e di gestione delle attività di assistenza ed integrazione sociale dei minori stranieri e le buone pratiche, attuate nel territorio ionico, che riguardano sia le giovani donne straniere che l'ingresso nel mondo occupazionale, attraverso borse di lavoro e tirocini formativi.

Published in Cronaca

Martina Franca (TA): I militari della locale Stazione Carabinieri Forestale e del Reparto Carabinieri Biodiversità di Martina Franca, congiuntamente al personale del Servizio Veterinario dell’ASL di Martina F. hanno proceduto a porre sotto sequestro n. 02 equidi detenuti in condizioni incompatibili con la propria natura denunciando l’allevatore per maltrattamento di animali. 

Una volta in azienda, i militari si sono trovati dinanzi ad una scena di efferata crudeltà in danno dei due asini, i quali presentavano le zampe anteriori e posteriori impastoiate con catene collegate al capo, che impedivano sia la normale deambulazione che la possibilità di adagiarsi al suolo per riposare. Le catene avevano lacerato gli arti ed il capo degli equidi provocando profonde ferite infette ed infestate da parassiti, che ad ogni minimo movimento causavano grandi sofferenze ai due sfortunati animali. Sono state necessarie diverse ore per liberare gli asini dalle catene che ormai erano penetrate nella pelle degli stessi. Per porre fine a tale grave situazione, gli asini sono stati sequestrati e sottratti al proprietario mediante affidamento presso un allevamento dove saranno curati e custoditi adeguatamente. Oltre ad accertare violazioni di natura penale, i militari hanno rilevato che i due asini erano sprovvisti di microchip identificativo e che la struttura dove erano ricoverati, fatiscente ed abusiva, non risultava registrata ed autorizzata per la detenzione degli stessi, come previsto dalle vigenti normative in materia di anagrafe equina e sanità animale.
Il detentore è stato deferito all’Autorità Giudiziaria, ai sensi dell’articolo 544 ter del Codice Penale (Maltrattamento di animali), in quanto senza alcuna necessità cagionava lesioni agli animali, sottoponendoli a sevizie e comportamenti inammissibili per le loro caratteristiche etologiche, inoltre sono state elevate sanzioni amministrative pari a circa 10.000 euro per assenza delle relative autorizzazioni sanitarie.
L’accertamento delle condizioni di benessere degli animali è una attività che trova impegnati con costanza e professionalità i Carabinieri Forestali, finalizzata a contrastare i delitti in danno degli animali.

Published in Cronaca

A tavola in piazza per riscoprire storia e cultura

Gusti, oggetti, abitudini, persino un profumo, possono riportarci indietro nel tempo e farci riscoprire parte della nostra storia. Lo scoprì Proust con la teoria delle famose “madeleine” nel suo romanzo di formazione “Alla ricerca del tempo perduto”, ma per Statte giovanissimo comune della provincia di Taranto, ad un anno dal venticinquennale della sua autonomia, il passato è una sorta di architrave dove ricostruire parte della propria identità.

Così per il secondo anno consecutivo, venti gruppi di stattesi, riuniti in associazioni e enti ludici, culturali e ricreativi, si ritroveranno in Piazza (biopiazza di Statte), sabato 21 settembre a partire dalle 19.30 per l’edizione 2019 di “Statte a tavola…cu’ nnu’” (Stai a tavola con noi – ndr): una cena di comunità, ma anche un concorso gastronomico che come le “madeleine” è in grado di raccontare attraverso gli usi e i consumi eno-gastronomici del passato, una parte di tradizione e patrimonio culturale.
L’iniziativa per il secondo anno consecutivo è realizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Statte, in collaborazione con il Distretto urbano per il Commercio, la Pro Loco e l’Arci territoriali.
L’anno scorso, all’esordio di questo progetto, pensammo ad un evento che fosse in grado di tenere insieme tradizione, cultura, ma anche identità territoriale, e principi come la filiera corta o la stagionalità, particolarmente cari ad un Comune come il nostro che in questi anni sta cercando di far riemergere la sua anima green – dice Deborah Artuso, assessore alla cultura della cittadina.
Cultura gastronomica ma non solo. Nell’ambito dell’allestimento in Biopiazza, sabato sera andrà in scena anche un percorso della memoria che ha preso spunto da una fortunata mostra fotografica allestita dal comune in occasione delle celebrazioni dei 25 anni di autonomia comunale.
I tavoli faranno rivivere anche con la mise en place, i costumi e le atmosfere tutto il 900 di una parte del territorio che prima di essere ex borgata o area satellite della grande città, fu – spiega la Artuso – anche grande centro culturale, agricolo e luogo di vacanza e beatitudine per molte famiglie blasonate che animarono le antiche masserie della zona.
Costruire identità e orgoglio di appartenenza contribuendo anche alla rinascita di un territorio. E’ questo anche il motivo ispiratore di una campagna intitolata “Statte Su – Il futuro prende quota” che sarà presentata in questa occasione.

Gastronomia, storia del costume ma non solo.
Abbiamo allestito anche uno spazio per i cittadini che non parteciperanno al concorso gastronomico, ma che potranno vivere la convivialità del momento grazie al contributo di alcune band locali – precisa la Artuso.
Ma uno degli appuntamenti più attesi riguarda il cameo di danza che Roberta Di Laura, etoile internazionale dedicherà alla città che da anni la ospita.
La ballerina professionista, insegnante e coreografa, nonché membro del Consiglio Internazionale della Danza di Parigi (UNESCO) e ambasciatrice della “Universum Academy Switzerland” di Lugano, sarà infatti l’ospite d’onore della serata.

La serata sarà presentata e coordinata dalla giornalista Maristella Bagiolini.

Published in Cronaca

Nella mattinata odierna si è sviluppato un incendio all'interno di un impianto di autodemolizione e rottamazione di veicoli fuori uso, sito in via Machiavelli 107, nel Rione Tamburi di questo Capoluogo. Sul luogo sono presenti, i Vigili del Fuoco, i tecnici di ARPA Puglia e le Forze dell'Ordine. Le attività di spegnimento sono in atto e la situazione è sotto controllo. (foto: Gazzetta del Mezzogiorno)
Acquisite le valutazioni dei tecnici dell'ARPA, si raccomanda ai cittadini residenti nelle aree limitrofe sottovento rispetto al luogo dell'incendio, di tenere chiuse le finestre fino a che la colonna di fumo resterà attiva, evitando di respirare i fumi dispersi in aria.

Published in Cronaca

Svelata la grossa sorpresa all’interno della ventottesima rassegna Ico OMG in programma al teatro Orfeo. Due grandi pianisti, repertorio infinito, cifra improvvisativa sconfinata, uniti da “divertentismo” e guizzo ironico. Da non perdere.
Stefano Bollani e Hyung-Ki Joo, due grandi pianisti di statura internazionale per uno spettacolo straordinario, unico, venerdì 29 maggio 2020, Stagione orchestrale 2019/2020 in collaborazione con il Comune di Taranto, partner istituzionali Regione Puglia e MiBAC, Ministero per i Beni e le Attività culturali. Nella recente conferenza stampa di presentazione svoltasi a Palazzo di Città, alla presenza dell’assessore Fabiano Marti, il direttore artistico dell’Orchestra della Magna Grecia, Piero Romano, aveva fatto cenno a una ulteriore sorpresa all’interno della ventottesima Stagione. Ecco, dunque, svelati i nomi: Bollani e Joo, due fra gli artisti più “corteggiati” del panorama musicale internazionale.
Due artisti che si “spiegano” da soli. La tecnica elevata dei due pianisti non si discute. Per loro “parlano” le centinaia di concerti in tutto il mondo. I due spaziano con disinvoltura da un genere all’altro sempre con risultati straordinari. Valore aggiunto negli spettacoli di Bollani e Hyung-Ki Joo: la cifra ironica, il sano divertimento applicato a pop, rock, jazz e classica. Dunque, due grandi artisti per un appuntamento che ha tutti i crismi dell’eccezionalità. E bene ha fatto l’Orchestra a portarsi “a casa”, al teatro Orfeo, una coppia di musicisti di grande richiamo.
Stefano Bollani, noto al grande pubblico per concerti jazz con grandi della musica internazionale e per le numerose trasmissioni televisive e radiofoniche, di cui è spesso autore, inizia a studiare pianoforte all’età di sei anni ed esordisce professionalmente a quindici. Dopo il diploma di conservatorio e una breve esperienza nel mondo del pop (Raf e Jovanotti, fra gli altri), suona alla Town Hall di New York, il Barbican di Londra, la Scala di Milano, la Salle Pleyel di Parigi.
Centinaia i concerti con Enrico Rava (tredici album). Collabora con Richard Galliano, Bill Frisell, Gato Barbieri, Sol Gabetta, Phil Woods, Lee Konitz, Pat Metheny e Chick Corea. E’ il secondo musicista, dopo Antonio Carlos Jobim, a suonare un piano a coda in una favela. In ambito classico si esibisce come solista con orchestre sinfoniche al fianco di direttori come Zubin Mehta, Kristjan Järvi, Daniel Harding, Antonio Pappano e Riccardo Chailly. Con quest’ultimo incide “Rhapsody in Blue” e “Concerto in Fa” di Gershwin (Disco di platino, 70.000 copie vendute).
A teatro collabora con Claudio Bisio, Maurizio Crozza, Giuseppe Battiston, Marco Baliani, la Banda Osiris e Lella Costa. In tv è ospite di Arbore in “Meno siamo meglio stiamo” (Raiuno) e ideatore, autore e conduttore di “Sostiene Bollani” (Raitre) e “L’importante è avere un piano” (Raiuno), improvvisazioni e musica dal vivo.
Hyung-Ki Joo, acclamato come “uno degli esseri umani dotati di più grande talento”, pianista e compositore anglo–coreano, ha conquistato il grande pubblico di ogni angolo del mondo. Billy Joel lo scelse per gli arrangiamenti e l’incisione dei brani di musica classica per l’album “Fantasies and Delusions”, per mesi nella classifica di Billboard per diciotto settimane.
Nato in Inghilterra da genitori sudcoreani, ha conseguito i diplomi di laurea e master alla Manhattan School of Music. Come solista si è esibito con la London Philharmonic, la Royal Philharmonic, Seoul Philharmonic, KBS e la Warsaw Symphonia.
È uno dei membri fondatori del trio pianistico Dimension. Suoi partner di musica da camera sono stati Lidia Baich, Michael Collins, Gervase de Peyer, Martin Frost, Nobuko Imai, Monika Leskovar, Janine Jansen, Mischa Maisky, Julian Rachlin e Radovan Vlatkovich. Insieme con il violinista Aleksey Igudesman, Hyung-ki Joo ha travolto il mondo con spettacoli straordinari, combinando la musica classica con la cultura popolare e dando vita a spettacoli comici seguendo le impronte di artisti come Victor Borge e Dudley Moore.

Published in Spettacolo

In questi giorni è iniziato un processo osmotico di conoscenza tra la comunità ucraina e la comunità tarantina, un nuovo rapporto basato sul rispetto delle rispettive culture che hanno moltissimi punti in comune, due territori che in questo periodo stanno disegnando un nuovo modello di sviluppo economico proiettandosi con rinnovato ottimismo nel futuro.

Questo è il più importante risultato conseguito dal Country Workshop organizzato a Taranto, sotto l’alto patrocinio dell’Ambasciata di Ucraina in Italia, dalla Camera di Commercio e Industria Italia Ucraina e dal Consorzio Mari di Taranto, anche grazie al sostegno di Sistea, CFA Group Invest Holding e Mon Reve Resort.
L’importante manifestazione è stata patrocinata da A.N.C.I., Comune di Taranto, Città Metropolitana di Napoli, UIL Taranto e Ordine degli Architetti di Taranto.
Scopo ultimo del Country Workshop di Taranto, l’organizzazione dell’evento è stata curata dell’Architetto Terenzio Lomartire del Consorzio Mari di Taranto, è stato creare accordi di partenariato e di collaborazione internazionale tra Istituzioni, aziende e professionisti ucraini e quelli del territorio tarantino.
Il successo si deve all’innovativa formula di questo Country Workshop, con un confronto che si è sviluppato tra i numerosi partecipanti su più livelli: quello istituzionale, quello aziendale e quello professionale.
Per l’occasione, infatti, a Taranto è giunta una nutrita delegazione ufficiale ucraina che, guidata da Kostiantyn Gura, Viceministro per l’Energia della Ucraina, e da Viktor Hamotskyi Console Generale dell'Ucraina a Napoli, era formata da rappresentanti istituzionali, tra questi anche Sindaci di città ucraine, imprenditori e rappresentati del mondo professionale.
La presenza di una così ampia e qualificata delegazione a Taranto, una novità per il nostro Paese, ha rappresentato una tangibile e concreta dimostrazione della volontà dell’Ucraina di instaurare un rapporto di collaborazione con il territorio tarantino.
La prima giornata del Country Workshop (martedì 17 settembre), tenutasi al Castello Aragonese e nella Sala consiliare della Provincia di Taranto, condotta dal giornalista Walter Baldacconi, direttore di Studio100TV, è servita principalmente a sviluppare un confronto costruttivo tra i partecipanti sulle reali possibilità di costruire un percorso condiviso che, partendo dall’innovazione e dalla competizione, sia in grado di far coniugare la sostenibilità degli interventi con l’investimento sul territorio.
Una prima giornata i cui lavori hanno permesso così ai partecipanti di conoscersi meglio entrando in sintonia, confrontandosi su tematiche di grande rilevanza, come il rispetto dei territori con la salvaguardia del mare e dell’ambiente.
Di taglio più “operativo” la seconda giornata (mercoledì 18 settembre) in cui, nell’elegante cornice del Mon Reve Resort, si sono tenuti numerosi incontri B2B per sviluppare concretamente le partnership; sono stati così organizzati tavoli tematici con rappresentanti istituzionali e stakeholder dii vari settori: dall’energia al mondo professionale, dalla cultura alle professioni.
Nella seconda giornata del Country workshop si sono confrontati con gli ospiti ucraini, tra gli altri, Antonio Melpignano, presidente Consorzio Mari di Taranto, Riccardo Ferretti e Rosario Sersa, rispettivamente presidente e vicepresidente della Camera di Commercio e Industria Italia Ucraina, Vittorio Tomaselli, presidente di Sistea del Consorzio Mediterraneo, il segretario UIL Taranto Giancarlo Turi, Luca Lopomo, Sindaco di Crispiano, il consigliere nazionale ANCI e consigliere comunale Gianni Azzaro, Massimo Prontera, Presidente Ordine degli Architetti di Taranto, Antoniovito Altamura, Vicepresidente Ordine Avvocati Taranto, e Francesco Iovino, Vice Sindaco della Città Metropolitana di Napoli.
Nell’occasione sono stati sottoscritti numerosi accordi di partenariato e MoU (Memorandum Of Understanding) tra i partecipanti, un risultato che ha confermando il successo dell’innovativa formula di questo Country workshop.
Solo per citare un settore, il vicepresidente dell’Ordine degli Avvocati di Taranto, Antoniovito Altamura, ha avuto la possibilità di dialogare qui nel capoluogo jonico con Yarash Zoya, il Presidente UAA, in pratica il CNF ucraino, ovvero la massima espressione dell’avvocatura ucraina, sottoscrivendo anche con lei un accordo di collaborazione che porterà a un gemellaggio!
Sono stati due giorni in cui si è realizzato uno scambio osmotico tra l’Ucraina e il nostro territorio, due giornate in cui due “culture”, molto più simili di quanto si possa immaginare, hanno iniziato a conoscersi e ad apprezzarsi, instaurando un rapporto basato sul “rispetto”, autentico valore aggiunto in grado di cementare le numerose partnership avviate in questi giorni.
Ora la comunità tarantina dovrà “ricambiare” la visita recandosi in Ucraina, per poter conoscere ancora meglio la cultura di questo straordinario Paese che, con un incredibile tasso di crescita del PIL, a breve dovrebbe aderire all’Unione Europa.

Published in Cronaca
Giovedì, 19 Settembre 2019 07:33

APERTAMENTE. Rispetto! di Cosimo Lombardi

Io rispetto quei militanti del PD in questo loro delicato e travagliato momento politico.
Ho  vissuto nel 1976 un passaggio analogo ed ho dovuto scegliere.
Una parte importante del mio partito, della mia vita, il MSI lasciò la casa comune per fondare Democrazia Nazionale. Tra di essi i miei "padri" politici: Luca Giannotte e Clemente Manco.
Al congresso provinciale di Mottola del MSI l'avv. Giannotte non venne. Aveva scelto per il nuovo partito. Io ci andai, delegato della sezione di Grottaglie, con altri, e venimmo guardati con sospetto. Sapeva, l'allora segretario provinciale Salvatore Fallone, quanto fosse importante l'avvocato Giannotte per noi. Ma noi avevamo scelto di non lasciare casa nostra e quando qualche poveretto si permise di apistrofare gli scissionisti con l'epiteto di "traditori" noi, missini tra missini, ci ribellammo.
Ci mancò poco per la rissa.
Eravamo al Ranch Hotel di Mottola, lo ricordo bene.
Uscii in un atrio e piansi, piansi tirando pugni al muro.
Era doloroso dover scegliere ma bisognava scegliere, ed io scelsi senza mutare l'ammirazione per Luca Giannotte e Clemente Manco e tanti altri maestri che tentavano una strada diversa dal MSI, sempre nello stesso campo. A destra.
Ecco perché rispetto e chiedo rispetto per i militanti del PD.
Io ci sono passato.

Published in Apertamente

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk