Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Venerdì, 20 Settembre 2019

Prenderanno il via martedì 24 settembre gli interventi per la riqualificazione di piazza Verdi e si concluderanno indicativamente nel mese di gennaio. Un lasso di tempo durante il quale l’area sarà interdetta al transito dei pedoni per questioni di sicurezza e, come stabilisce l’ordinanza, alla sosta veicolare dal civico n. 19 di via Pacinotti sino all’intersezione con via Leoncavallo, ad eccezione della sosta disabili negli spazi consentiti.

Questi lavori sono urgenti e non più prorogabili visto che la piazza, interessata da lavori di ristrutturazione negli anni 90, non è mai più stata oggetto di manutenzione ed attualmente si presenta in uno stato di profondo degrado, dovuto soprattutto al sollevamento della pavimentazione esistente a causa delle superficiali radici degli alberi. Non meno importante, la piazza necessita di una riorganizzazione degli spazi pedonali e a verde che al momento non permettono ai cittadini di viverla appieno.

I lavori, inoltre, considerata la zona ad alta prevalenza commerciale, garantiranno l’ampliamento dei posteggi, l’incremento significativo delle aree di sosta riservate ai diversamente abili, l’ubicazione di apposite aree dedicate allo stazionamento delle donne incinta e alla ricarica dei veicoli elettrici.

Il progetto si fonda sulla riqualificazione del verde esistente, rimodellandolo e rompendo la “rigidità” attuale dell’area. Inoltre, all’interno degli spazi verdi è prevista una nuova area giochi e uno spazio recintato di sgambettamento cani.

Desideriamo riconsegnare alla città un grande spazio verde nel cuore del centro cittadino. La bellezza non può essere un elemento secondario, ma un aspetto strettamente legato al benessere dei cittadini. Riteniamo che questa riqualificazione, così come le tante comprese nel progetto di Rigenerazione Urbana, che partiranno nei prossimi mesi, renderanno Grottaglie un posto migliore in cui vivere per adulti ma soprattutto per bambini e bambine.

I lavori saranno eseguiti dall’impresa Ferrarese Costruzioni Srl sotto la direzione dei lavori dell’arch. Roberto D’Elia.

Published in Cronaca

Ho partecipato stamattina in Fiera del Levante, ad un’interessante convegno sulla transizione energetica, problematica di grande urgenza, che occorre affrontare con impegno e con i dovuti strumenti normativi.

Partendo dalla legge recentemente approvata dal Consiglio regionale della Puglia su proposta del collega Enzo Colonna, che ha permesso alla Puglia di essere la prima Regione ad aver legiferato sulla materia, per poi passare alla proposta di legge di iniziativa popolare, ringraziando il Sen. Buccarella del Gruppo Misto, presente al tavolo, possiamo dire che i tempi sono maturi.

La legge regionale pugliese prevede l’erogazione di contributi per chi investe sull’energia pulita, che rappresenta la vera scommessa perché la transizione si realizzi.

Il futuro della produzione di energia è l’idrogeno, sia per le imprese che per la mobilità.

Occorre cominciare a pensare alla creazione di centrali a idrogeno nella nostra regione; a questo scopo garantiamo la dispinobilità per incontrare anche a breve imprese del settore, per affrontare con loro i problemi pet la fattibilità di impianti che auspichiamo possono insediarsi nella nostra regione, pieno rispetto delle leggi nazionali e regionali.

Da anni ormai la Puglia è all’avanguardia per energie rinnovabili, ma se riuscissimo a creare grandi centrali a idrogeno, la Puglia sarebbe la prima Regione a realizzare sviluppo fondato sull’innovazione e sull’energia completamente pulita, libera finalmente da ogni fonte fossile.

Occorre lavorare in tale direzione, anche perché l’abbandono delle fonti fossili si impone con sempre maggiore urgenza, in considerazione dei mutamenti climatici che si riscontrano un po’ ovunque nel mondo. E si tratta di mutamenti che non coinvolgono soltanto i luoghi dove si manifestano con virulenza (penso ai tornados così frequenti sulle coste americane dell’Atlantico o sulle coste dei Paesi del sud-est asiatico), ma anche ormai i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, e anche l’Italia.

È appena il caso di aggiungere che una delle cause scatenanti del fenomeno immigratorio è proprio la desertificazione che avanza in Continenti enormi, come l’Africa.

Ho dato atto, quindi, agli organizzatori e a tutti i presenti della gratitudine del mio Assessorato per questa iniziativa, che certamente darà buoni frutti.

Published in Politica


 Ho partecipato questa mattina in Fiera al forum internazionale organizzato da Regione Puglia, Polis Avvocati, Deloitte Legal, Puglia Sviluppo e Fondazione Farefuturo  su "La Blue Economy nel Mediterraneo – Opportunità di sviluppo e cooperazione".
 
Il forum ha costituito un'importante occasione di confronto sulle strategie per lo sviluppo sostenibile dell'economia del mare e sul potenziale derivante dalla "Blue Growth" per i territori.
 
Al centro delle riflessioni e delle proposte, il Mar Mediterraneo, cuore degli scambi economici tra i Paesi che vi si affacciano, in un nuovo contesto di sviluppo sostenibile. Sostenibilità che diventa la base anche di una nuova visione del fare impresa nei processi di internazionalizzazione e al tempo stesso promuove la collaborazione tra ricerca, industria e politiche del settore.

Sebbene il Mar Mediterraneo sia delimitato da oltre 20 Paesi, gran parte di esso si trova al di fuori delle giurisdizioni nazionali. La cooperazione è quindi essenziale per gestire le attività marittime, proteggere l'ambiente marino e il patrimonio marittimo, prevenire e combattere l'inquinamento, migliorare la sicurezza in mare, promuovere la crescita blu e la creazione di posti di lavoro.
 
Ciò, perchè la Blue Economy è l’economia che parte dal mare, ma non si esaurisce nel mare e con il mare. Questo modello di sviluppo si estende a tutte le filiere produttive, dall’agroindustria, al manifatturiero, all’archeologia marina e al turismo.  
 
A proposito di turismo, in una regione come la Puglia, caratterizzata da una costa lunghissima (865 Km) e da un turismo in forte espansione, la nautica da diporto può essere un importante volano di sviluppo economico. Nata migliaia di anni fa con la costruzione di imbarcazioni per la pesca, la nautica pugliese oggi è promotrice di ricerca e innovazione, un settore nel quale maestri d’ascia convivono con imprese all’avanguardia che esportano in tutto il mondo.
 
Oggi le principali specializzazioni riguardano cabinati, semicabinati ed open, barche da diporto e da pesca di alta qualità, allestimenti per interni, arredi in legno e in vetroresina, vele da regata e da crociera e vele one design con materiali di prima qualità e un’elevata accuratezza nelle fasi di assemblaggio e finitura, motori, sistemi di condizionamento e servizi di assistenza.
 
Ho anche ricordato che la Legge di stabilità regionale 2019 (BURP n. 165 del 31 dicembre 2018) ha previsto un contributo straordinario per la costituzione del Polo formativo di eccellenza per la Blue Economy, la nautica e la marineria a Taranto (art. 71), nonché una dotazione finanziaria al fine di sostenere un processo di trasformazione del tessuto socio-economico della città di Taranto attraverso iniziative finalizzate alla valorizzazione del potenziale di sviluppo e delle risorse locali, mediante la promozione e l’integrazione di filiere produttive legate alla Blue Economy per la realizzazione di una fiera del mare nella Città di Taranto (art. 109).
 
La Blue Economy prevede la rigenerazione e la restaurazione delle risorse marine e terrestri, attraverso una nuova sensibilità economica, sociale, ambientale e culturale.
Anche con questo scopo sono nate e si stanno costituendo le ZES (Zone Economiche Speciali) alle quali è stata dedicata ampia parte della discussione. Esse, infatti, oltre a presentare vantaggi sia in termini fiscali che di semplificazione amministrativa, costituiscono un’occasione per un ulteriore salto di qualità. 
Le ZES, infatti, non vanno intese come “zone franche” in cui rilassare prescrizioni, obblighi e controlli e rendere possibili investimenti ad alto impatto ambientale che altrove non sarebbero possibili, ma anzi come un laboratorio in cui promuovere e sperimentare nuovi modelli di produzione, basati sul paradigma dell’economia circolare, sui principi della riduzione dell’utilizzo delle risorse naturali, del riciclo e del riutilizzo di scarti e sottoprodotti.
 

Published in Politica

Fenomeno ormai allarmante, chiesto un nuovo incontro al Prefetto di Bari. Analoghi episodi anche in Capitanata, in agro di Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri

"I furti nelle masserie e le rapine, nelle contrade dei comuni della Murgia Barese e del comune di Altamura in particolare, si intensificano in maniera assai preoccupante e consistente. Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto continue segnalazioni di agricoltori che, nottetempo, sono stati derubati di mezzi tecnici di produzione, macchine ed attrezzature, e siamo stati informati di rapine subite da parte di persone anziane, residenti nelle campagne, mentre erano intente nelle loro faccende domestiche". A lanciare l'allarme è il presidente provinciale CIA Levante Felice Ardito che esprime preoccupazione per l'escalation di episodi criminali registrati in provincia di Bari. CIA Levante ha scritto nuovamente al Prefetto Marilisa Magno per evidenziare i dati del fenomeno, avvalorati dalle numerose segnalazioni raccolte, e sollecitare, nell'ambito delle attività di coordinamento delle forze di polizia, un rafforzamento dei controlli. "Nelle campagne è emergenza sicurezza. Abbiamo chiesto, ancora una volta, maggiore attenzione e il potenziamento del presidio delle zone rurali - aggiunge Felice Ardito - La situazione è critica e peggiora ogni giorno di più in tutta la provincia. Nella nota inoltrata all'Ufficio Territoriale del Governo sollecitiamo un incontro anche per affrontare gli altri temi che attengono alle difficoltà delle imprese agricole a fare reddito, a cominciare dalla concorrenza sleale che subiscono a causa delle produzioni importate con costi molto più bassi. Prodotti che arrivano sulle nostre tavole e che non rispettano la dignità del lavoro delle persone, che invece le imprese agricole del nostro territorio si impegnano a rispettare anche in presenza di norme asfissianti o addirittura inapplicabili".
All'ordine del giorno c'è anche l'imminente campagna della raccolta delle olive. "Quest’anno, dopo la disastrosa annata 2018, segnata come noto da una gelata che ha generato danni per oltre il 70%, la produzione si presenta di buona qualità e di discreta quantità e i nostri agricoltori sono preoccupati per il rischio dei furti di olive dalla pianta - afferma il direttore provinciale CIA Levante Giuseppe Creanza - Gli olivicoltori non possono essere lasciati soli a presidiare come un fortino i loro terreni, fino a perdere il sonno. Non possiamo permetterci assolutamente di vanificare gli sforzi di quest'annata per tutelare le produzioni. In concomitanza con l'avvio della raccolta chiediamo di intensificare le attività di controllo del territorio".
Analoghi episodi si registrano nella provincia di Foggia, in particolare in agro di Ascoli Satriano e Castelluccio dei Sauri, con una serie di furti ai mezzi agricoli. Il fenomeno non si attenua, nonostante le copiose denunce. "Continueremo a chiedere di intensificare i controlli e garantire la massima sicurezza nelle aree rurali. Mercoledì si è congedato dal Comando provinciale dei Carabinieri il colonnello Marco Aquilio con il quale avevamo attivato un'ottima interlocuzione. Lo ringraziamo per il lavoro svolto e per la disponibilità dimostrata - affermano congiuntamente il presidente e il direttore provinciale CIA Capitanata Michele Ferrandino e Nicola Cantatore - e attendiamo di incontrare il suo successore, il colonnello Nicola Lorenzon, per illustrare le criticità del territorio e avviare una proficua collaborazione".

Published in Cronaca

Un grande evento avrà luogo il 22 settembre alle 19 presso il Teatro Comunale Fusco, che ospiterà il Concerto della Banda Musicale dell’Aeronautica Militare diretta dal Maestro Colonnello Patrizio Esposito.

L’importante evento, organizzata dal Comune di Taranto e della Scuola Volontari dell’Aeronautica Militare (SVAM), è nato con l’obiettivo di consolidare i rapporti tra le istituzioni e il territorio, una serata all’insegna di musica e cultura alla quale, assieme alla cittadinanza, parteciperanno le maggiori autorità locali.
Nell’occasione, un prestigioso organico, composto da 60 orchestrali professionisti che normalmente si esibiscono in tournée internazionali e presso i maggiori teatri nazionali, proporrà un ricco programma eseguendo alcune partiture del repertorio classico bandistico degli autori Bach, Dukas, Goodman, Morricone, Gershwin e Marquez.

La Banda dell’A.M., che nella sua storia ha avuto come padrino d'eccezione il famosissimo compositore Pietro Mascagni, è stata costituita nel 1937 ed è la più giovane tra le formazioni musicali delle Forze Armate italiane.

L’ingresso alla manifestazione sarà gratuito. Gli interessati potranno ritirare gli inviti, da giovedì mattina alle 10, presso il botteghino del Teatro Fusco fino ad esaurimento posti.

“Quando  il Comandante della SVAM Gianluca Capasso ci ha proposto questo grande evento, il Sindaco ed io lo abbiamo accolto immediatamente con grande entusiasmo” - ha dichiarato l’assessore alla cultura e sport Fabiano Marti - “perché l’inconsueta  presenza sul nostro territorio del  prestigioso complesso orchestrale dell'Aeronautica Militare rappresenta un'occasione unica
per offrire ai tarantini un evento di altissima rilevanza internazionale. Finalmente abbiamo un Teatro Comunale, location perfetta per eventi di questo tipo. Sarà un grande concerto.”

Published in Spettacolo

Sabato 21 settembre 2019, dalle ore 08,30 alle 13,30, si svolgerà presso l’ Ospedale San Pio da Pietrelcina di Castellaneta la prima edizione del “Forum della Prevenzione”
L’evento, organizzato dalla direzione medica e amministrativa del nosocomio, mira a diffondere la cultura della prevenzione, a promuovere le condizioni per un contatto più frequente ed efficace tra il cittadino e la sanità così da indirizzarlo successivamente e, in maniera più appropriata, verso strutture che possano assicurare prestazioni di maggiore complessità e intensità di cura.
Il programma della giornata prevede alle 8.30 l’apertura di stand in cui i cittadini avranno la possibilità di incontrare gli specialisti di varie branche, operatori dei dipartimenti territoriali e ospedalieri e rappresentanti di associazioni ed enti al fine di ottenere informazioni di carattere generale e di acquisire materiale finalizzato alla diffusione della cultura della prevenzione e all’educazione sanitaria.
Alle 10 si terrà la Santa Messa presieduta da S.E. Rev.ma Mons. Claudio Maniago, Vescovo della Diocesi di Castellaneta. Seguirà poi “Danzando la vita”, uno spettacolo di danza in cui pazienti oncologiche del “Progetto Palma” intratterranno gli ospiti del forum.

Published in Sanità

“I nostri maestri ci avvertivano: un bambino non è un piccolo uomo, e anche le patologie sono diverse”. Il dott. Valerio Cecinati, da un anno primario di Pediatria e Oncologia Pediatrica al “SS., Annunziata”, è anche da pochi mesi socio del R.C. Taranto Magna Grecia. Qui ha tenuto una conferenza sul delicato settore sanitario che dirige, ed è partito proprio con l’appena ricordato insegnamento fondamentale.
La serata è iniziata con una presentazione da parte del presidente del sodalizio, l’ing. Angelo Maggio, che ha anche annunciato con orgoglio l’imminente ingresso nel Club, come soci onorari, del Prefetto della provincia di Taranto, dott.ssa Antonia Bellomo e del Questore dott. Giuseppe Bellassai.
Tornando al relatore della serata, il dott. Cecinati ha raccontato del non facile compito di trattare una materia drammatica come i tumori con i bambini e con l’angoscia dei loro genitori, ma è stato anche – nei limiti del possibile - positivo, guardando ai grandi progressi della scienza e ai miglioramenti dei reparti: tutti quelli di oncologia, in Italia, sono in rete fra loro. Proprio Cecinati ha potuto creare il primo piccolo reparto operatorio da cinque posti letto, col ricavato della campagna promossa dall’indimenticata Nadia Toffa. Anche il Rotary Taranto Magna Grecia ha effettuato un service donando materiale diagnostico.
I dati, secchi e impietosi: ogni anno, in Italia si ammalano di tumori duemila bambini, e la leucemia costituisce un terzo dei casi. Ottimismo: i tumori in età pediatrica sono estremamente rari, al di là di certe dicerie; le guarigioni dalle leucemie erano meno del 30 per cento negli anni Settanta, per diventare più dell’80 per cento ai giorni nostri. Le guarigioni sono testimoniate da 30mila adulti italiani che sono stati bambini con tumore, ma sono diventati adulti e sono ben vivi.
E i tumori a Taranto? “Abbiamo un incremento, ma non è un’epidemia – ha detto il dott. Cecinati – perché a Taranto abbiamo 25 casi annuali a fronte di una media nazionale di 15-20”. La differenza c’è, ma è pur sempre di alcune unità.
Di positivo, ancora, sono due argomenti trattati dal nostro primario che ha due specializzazioni: pediatria e oncologia pediatrica. Il primo è che prima il medico e gli infermieri erano soli, mentre oggi accanto al bambino ammalato e alla sua famiglia c’è anche tutto un vortice di psicologi, assistenti sociali, medici clown, ecc.; il secondo è che il protocollo operativo è ormai uguale in tutti i centri italiani aderenti all’Associazione Italiana Ematologia Oncologica Pediatrica.
La conferenza si è conclusa con numerose domande e col plauso dei presenti.

Published in Sanità

Ieri, 19settembre, presso la caserma “Brigadiere Lorenzo Greco M.A.V.M.” di Taranto, alla presenza del Comandante Regionale Puglia della Guardia di Finanza – Generale di Divisione Vito Augelli, degli Ufficiali, di militari appartenenti ai Reparti della provincia e di una rappresentanza dell’Associazione Nazionale Finanzieri in congedo, si è svolta la cerimonia di avvicendamento al vertice del Comando Provinciale tra il Col.t.ISSMI Massimo Dell’Anna ed il Col. Gianfranco Lucignano, destinato alla sede di Teramo come Comandante Provinciale.

Il col. Lucignano, dopo quattro anni intensi trascorsi nella provincia tarantina, ha espresso parole di sentito ringraziamento a tutti i finanzieri del Comando Provinciale per l’intensa attività svolta in tutti i settori istituzionali, a tutela della legalità economico-finanziaria.

Il colonnello Massimo Dell’Anna, Ufficiale della Guardia di Finanza titolato dell’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI), è originario di Nardò (Lecce), è coniugato ed ha quattro figli.

Dopo aver frequentato l’Accademia del Corpo, ha comandato la Tenenza di San Candido in Alto Adige ed il Nucleo di Polizia Tributaria di Belluno.

A seguire, dopo un lungo periodo trascorso al Nucleo di Polizia Tributaria di Milano, ha frequentato nel 2011 il 13^ Corso dell’Istituto Superiore di Stato Maggiore Interforze (ISSMI) a Roma. Al termine dello stesso è stato Comandante del Nucleo di Polizia Tributaria di Treviso per cinque anni.

Giunge a Taranto dopo aver ricoperto il ruolo di Comandante Provinciale di Lecco per tre anni.

Laureato in Giurisprudenza ed in Scienze della Sicurezza Economico Finanziaria, ha conseguito il Master in “Diritto Tributario dell’Impresa” presso l’Università Commerciale Bocconi di Milano ed il Master in “Studi Internazionali Strategico-Militari” presso il Centro Alti Studi Difesa a Roma.

Al termine della cerimonia, il Comandante Regionale, Generale di Divisione Vito Augelli, dopo aver ringraziato il Col. Gianfranco Lucignano per la proficua attività svolta in provincia, ha rivolto al Colonnello Dell’Anna un augurio di buon lavoro nel nuovo incarico con l’auspicio di ulteriori successi nell’interesse del Corpo e del Paese.

 

Published in Cronaca

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk