IN PARTENZA: 14, 15 e 16 gennaio alla San Giovanni Bosco e al Manzoni di Massafra. Il 15 al Calò di Grottaglie


Al via questa settimana a Taranto e provincia i laboratori teatrali in quindici scuole nell’ambito del progetto “Gioco d’azzardo patologico” in attuazione dell’accordo di cooperazione tra Asl Taranto e Teatro Pubblico Pugliese, in collaborazione con le compagnie teatrali Crest di Taranto e Teatro delle Forche di Massafra.
Il progetto, finalizzato a sensibilizzare i ragazzi e gli adolescenti alla prevenzione dalle dipendenze da gioco d’azzardo patologico, si articolerà in una serie di interventi artistici a carattere laboratoriale e narrativo che si terranno da gennaio a marzo 2020 in 15 istituti di scuole secondarie di primo grado di Taranto e a Castellaneta, Grottaglie, Manduria, Martina Franca, Massafra, Mottola, Palagiano.
Prevenzione e contrasto del rischio di dipendenza da gioco nei laboratori avviati dal Crest che lavorerà sulla Fiaba con un Laboratorio intorno alle storie di Pinocchio, di Carlo Collodi e di Alice, di Lewis Carroll, finalizzati alla ideazione, costruzione e realizzazione di un “Serious game” . Le azioni si svolgeranno nelle scuole di Taranto: Cabrini, Aristosseno, Battaglini e Archimede (rispettivamente nei giorni 22 gennaio, e 5,12, 19 febbraio), e al Calò di Grottaglie e De Sactis di Manduria (15 gennaio e 29 gennaio).
Le due storie sono state scelte - si legge nella scheda di presentazione del progetto - “in quanto entrambi i protagonisti sviluppano percorsi scevri da valutazioni di rischio, anzi nella storia gli stessi protagonisti propendono e spesso scelgono il rischio; tuttavia vengono aiutati ad uscire dalle difficoltà dall’ aiutante magico: la fata turchina e Stregagatto”.
L’attività si svilupperà nell’arco di 15 incontri, di tre ore l’uno,  all’interno dei quali saranno svolti attività di: lettura creativa, giochi d’improvvisazione, costruzioni e manipolazione di materiali, attività di reinvenzione e drammatizzazione della storia narrata. Le storie narrate saranno: “Ludo Mannaro” di Giovanni Guarino e “That’s Impossible” di Christò Chiapparino, sul dramma delle dipendenze da gioco d’azzardo patologico.

L’attività condotta del Teatro delle Forche porta avanti due differenti percorsi di animazione e drammaturgia del gioco, ognuno relativo alle due fasce d’età coinvolte.
Il primo percorso interesserà classi di scuola secondaria di primo grado degli Istituti Comprensivi “San Giovanni Bosco”, “De Amicis - Manzoni” e “Giovanni Pascoli” (plesso “Niccolò Andria”) di Massafra, per un totale di 15 incontri, di tre ore ciascuno, e con il coinvolgimento di gruppi di una cinquantina di alunni di età compresa tra gli 11 e i 13 anni. Le attività con le scuole secondarie di primo grado porteranno alla costruzione di un dispositivo drammaturgico che fungerà da filo conduttore per la creazione di un “grande gioco” a tappe. Le tappe del percorso saranno costruite insieme ai ragazzi durante gli incontri specifici, nei quali, attraverso esercizi e improvvisazioni teatrali, si traccerà una mappa dei bisogni e dei desideri che soggiacciono al gioco; il lavoro con i ragazzi sarà condotto avendo come traccia in filigrana l’ Alice di Carroll: le situazioni e i personaggi non sono altro che metafore e allusioni ai pericoli che i ragazzi possono incontrare entrando, o solo  avvicinandosi al mondo del gioco e delle  scommesse. Ogni ragazzo, co-autore del dispositivo drammaturgico-gioco, sceglierà di compiere delle azioni pensando o non pensando alle conseguenze che queste avranno su se stesso e sugli altri. Proprio come il personaggio di Carroll.
Il secondo percorso riguarderà gruppi di studenti di età compresa tra i 14 e i 16 anni delle seguenti scuole secondarie di secondo grado della provincia di Taranto: I.I.S.S. “De Ruggieri” e I.I.S.S. “Mondelli – Amaldi” di Massafra, I.I.S.S. “Bellisario Sforza” di Palagiano, I.I.S.S. “Mauro Perrone” di Castellaneta, I.S.I.S.S. “Lentini – Einstein” di Mottola, I.I.S.S. “Leonardo da Vinci” di Martina Franca.
Sei interventi di teatro laboratorio, di quattro ore ciascuno, articolati in attività di riscrittura drammaturgica e improvvisazione che seguono tre macro-aree: il caso e la scelta individuale; nel cuore dei personaggi; il denaro.
I materiali di partenza per le giornate di lavoro saranno il romanzo contemporaneo “That’s (Im)possible” di Cristò Chiapparino, “Il giocatore” di Dostoevskij, “La pelle di Zigrino” di Balzac e “Il giuocatore” di Goldoni.

Iniziativa realizzata nell'ambito del Piano Nazionale “Cinema per la Scuola” promosso da MIUR e MIBAC

Il progetto “Ecografie del Cinema – Approcci non lineari alla cultura cinematografica”, la rassegna di workshop che suggerisce visioni alternative e non lineari dei film, guardandoli da un approccio diverso e più ampio, organizzato dall'ACSI Laboratorio Urbano Mediterraneo, è ricominciato dopo la pausa estiva, continuando a coinvolgere isitituti superiori di Taranto e provincia.

Dopo il successo di tutti gli appuntamenti, cominciati il 21 marzo scorso presso il Liceo artistico Calò di Grottaglie e dell'ultimo incontro, intitolato “Cinema & Storia”, a cura del critico cinematografico Domenico Palattella e dello storico Roberto Conte, la rassegna torna nuovamente presso l'I.I.S.S. De Ruggieri di Massafra, con il nono workshop in programma.

Il prossimo appuntamento fissato per giovedì 24 ottobre, alle ore 14.00, parlerà di “Cinema & Identità”, a cura di Simona De Bartolomeo, che mostrerà come con lo strumento cinema si possa approfondire un concetto molto vasto come quello dell'identità; il workshop vedrà anche l'intervento del sociologo Massimo Giusto.

Quella del 2019 è la 4a edizione del progetto “Ecografie del Cinema – Approcci non lineari alla cultura cinematografica”, che ormai da anni avvicina i ragazzi al mondo del cinema; il progetto ideato da Raffaello Castellano, Maddalena D'Amicis e Simona De Bartolomeo, responsabili del settore cultura dell'ACSI Taranto, risulta quest'anno vincitore del Bando “Cinema per la Scuola – Buone Pratiche, Rassegne e Festival”, nell’ambito del “Piano Nazionale del Cinema per la Scuola”, promosso dal MIUR e dal MiBAC, a confermare la validità e l'utilità dell'iniziativa.

Iniziativa realizzata nell'ambito del Piano Nazionale “Cinema per la Scuola” promosso da MIUR e MIBAC

Dopo il successo dei primi workshop di “Ecografie del Cinema – Approcci non lineari alla cultura cinematografica”, tenuti presso il Liceo De Ruggieri di Massafra e il Liceo artistico Calò di Grottaglie, la rassegna va avanti, facendo nuovamente tappa presso il Liceo massafrese, continuando a suggerire visioni alternative e non lineari dei film e indagando il linguaggio, gli strumenti e le tecniche del cinema, guardandoli da un approccio diverso e più ampio.

Il quarto appuntamento del progetto dell’ACSI Laboratorio Urbano Mediterraneo si svolgerà Martedì 30 aprile, alle ore 15:00, presso il Liceo De Ruggieri di Massafra, a cura del critico cinematografico Domenico Palattella, con l'intervento del giornalista Giovanni Matichecchia.

Argomento dell’incontro sarà “Cinema & Costume Italiano”, che racconterà i più importanti fenomeni di costume del nostro paese, utilizzando numerosi esempi presi dal cinema nostrano del passato e del presente.

La 4a edizione del progetto “Ecografie del Cinema – Approcci non lineari alla cultura cinematografica” risulta vincitrice del Bando “Cinema per la Scuola – Buone Pratiche, Rassegne e Festival”, nell’ambito del “Piano Nazionale del Cinema per la Scuola”, promosso dal MIUR e dal MiBAC.

Iniziativa realizzata nell'ambito del Piano Nazionale “Cinema per la Scuola” promosso da MIUR e MIBAC

 

Dopo il successo del primo incontro di “Ecografie del Cinema – Approcci non lineari alla cultura cinematografica”, dedicato al connubio “Cinema & Arte”, a cura di Raffaello Castellano con l’intervento del critico cinematografico Massimo Causo, continua la rassegna che vuole suggerire visioni alternative e non lineari dei film, indagando il linguaggio, gli strumenti e le tecniche del cinema. Particolarmente idoneo, appare, lo strumento audiovisivo per stimolare il dibattito su temi dell’attualità come l’arte, la cultura, la musica, lo sviluppo sostenibile, l’identità l’integrazione dei popoli e la storia ed il costume italiani, guardandoli da un approccio diverso e più ampio.

Il secondo appuntamento del progetto dell’ACSI Laboratorio Urbano Mediterraneo si svolgerà Venerdì 5 aprile, nel Liceo Artistico Calò di Grottaglie e tratterà del legame tra “Cinema & Sogno”, workshop a cura di Simona De Bartolomeo, con l'intervento dello psicologo Armando De Vincentiis.

La 4a edizione del progetto “Ecografie del Cinema – Approcci non lineari alla cultura cinematografica” risulta essere vincitrice del Bando “Cinema per la Scuola – Buone Pratiche, Rassegne e Festival”, nell’ambito del “Piano Nazionale del Cinema per la Scuola”, promosso dal MIUR e dal MiBAC.

 

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk