«Su Taranto nessuna vertenza si affronta e si chiude senza che il territorio sia preventivamente ascoltato e coinvolto. Il rinvio del Tavolo Istituzionale Permanente non è un segnale positivo».

 Il Presidente della Camera di commercio di Taranto Luigi Sportelli, il Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, il Presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti, il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio Sergio Prete hanno scritto al Presidente del Consiglio dei Ministri, richiedendo un incontro urgente di aggiornamento sul “Cantiere Taranto” e sulla vicenda Ilva.

«L’esito dell’incontro fra Arcelor Mittal e Organizzazioni Sindacali svoltosi alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico lo scorso mercoledì desta nelle Istituzioni scriventi grave preoccupazione, soprattutto con riguardo al numero sconcertante di esuberi ipotizzato dall’Azienda. Naturalmente è interesse dei sottoscritti che la vicenda volga a positiva soluzione, ma è necessario evidenziare con la massima chiarezza che il vero negoziato non è ancora iniziato. Il futuro di Taranto - hanno sottolineato nella nota trasmessa al termine di una riunione svoltasi presso la Cittadella delle imprese - non è limitato alla drammatica vertenza industriale. Essa è parte di una vertenza molto più ampia e complessa che non si può affrontare, né certamente chiudere senza che il nostro territorio sia prima ascoltato e coinvolto, così come più volte i sottoscritti hanno chiesto».

I rappresentanti delle quattro Istituzioni che il 19 novembre hanno sottoscritto l’Intesa “Un nuovo modello di sviluppo” stanno proseguendo sulla strada della concertazione locale, lavorando su proposte unitarie di impulso e supporto al Governo: «La riunione del Tavolo Istituzionale Permanente per l’Area di Taranto convocato per il 18 dicembre avrebbe rappresentato l’occasione per avviare un confronto sui temi dello sviluppo. Il suo rinvio al 17 gennaio non è un segnale positivo».

Da qui la richiesta di un incontro con il Presidente Conte entro il prossimo martedì 10 dicembre: «Gli orientamenti dell’azione governativa, con riguardo tanto alla questione Ilva, quanto al cosiddetto “Cantiere Taranto” devono essere preventivamente resi noti affinché la discussione possa essere simmetrica ed equilibrata».

Non possiamo che esprimere soddisfazione per la convocazione del 18 dicembre del tavolo istituzionale di sviluppo in maniera permanente.
È stato raggiunto un primo importante obiettivo, reso possibile grazie al lavoro di pressione posto in essere dal Partito Democratico a tutti i livelli oltre che dal Comune di Taranto.
Infatti, nei giorni scorsi la presenza di Maurizio Martina e successivamente del Segretario Nicola Zingaretti, nonché l'incontro della delegazione del PD ionico con il Presidente dei senatori PD Marcucci hanno avuto come denominatore comune la necessità che le risorse presenti nel Cis, oltre un miliardo di euro, fossero effettivamente spese.
Va precisato, infatti, che nell'anno del governo giallo verde questo strumento si è riunito una sola volta ripercorrendo il solido lavoro fatto dall'allora Ministro De Vincenti, ma senza avanzare dal punto di vista sostanziale.
Oggi è arrivata la decisione condivisa di attivare un tavolo permanente per Taranto, che potrà essere la risposta giusta alle necessità della nostra comunità ionica.
Inoltre, le maggiori risorse per l'Arsenale, la nuova linfa per il Marta, l'efficientamento della caratterizzazione della Città Vecchia sono alcune delle ulteriori direttrici che andranno implementate.
Finalmente, si riparte con maggior vigore per Taranto e per la sua provincia.
Noi saremo al fianco del Comune e di rutti gli attori che sapranno cogliere al meglio le opportunità di questo strumento messo in campo dai Governi Renzi e Gentiloni ed oggi finalmente fatto proprio dal Governo Conte 2.

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk