Onesti: “Scommettere sull’Aeroporto del Salento è stata una scelta vincente”

Bari - “Stiamo giocando un campionato guardando dritti alla meta e non dimenticando mai che siamo una squadra”. Così il Presidente di Aeroporti di Puglia Tiziano Onesti, commenta i dati relativi al traffico passeggeri di Bari e Brindisi. Dati che confermano una crescita costante degli aeroporti pugliesi.

A luglio i passeggeri in arrivo e in partenza dal Karol Wojtyla e dall’Aeroporto del Salento sono stati 899.143, in crescita del +10,8% rispetto allo scorso anno. Particolarmente positivo il traffico di linea internazionale che con 404.688 passeggeri registra un incremento del 22,35% rispetto al 2018. In dettaglio i passeggeri di linea internazionale sono stati 305.468 su Bari (+22,75%) e 99.220 (+21,15%) su Brindisi.

“E’ evidente – prosegue Onesti – che la ‘scommessa Brindisi’ è stata vincente. L’aeroporto del Salento, infatti, continua a crescere. Sono i numeri a confermarlo sia sul traffico nazionale che internazionale. Questa è la dimostrazione che quando si investe in termini di risorse e di progetti, i risultati non tardano ad arrivare”.

Da gennaio a luglio 2019 tra Bari e Brindisi sono stati registrati 4.603.691 passeggeri – in arrivo e partenza – in crescita del +10,8% rispetto al 2018. Ottimi risultati per la linea nazionale con 2.824.003 passeggeri (+5,93%) e per la linea internazionale che con 1.711.822 passeggeri segna un +20,73% rispetto ai primi sette mesi dello scorso anno. Nei primi sette mesi dell’anno in corso, i passeggeri su Bari sono stati 3.095.771 (+12,55%) e 1.507.920 (+7,39%) quelli su Brindisi, 391.570 dei quali riferiti ai voli di linea internazionale (+22,46%).

“E’ un momento molto positivo per la maggior parte degli aeroporti italiani – conclude il numero uno di AdP - lo conferma il trend di crescita del traffico sull’Italia, registrato già nel primo trimestre dell’anno, con incrementi superiori a quelli degli altri paesi europei. Siamo perciò particolarmente soddisfatti che anche Aeroporti di Puglia stia dando un contributo alla crescita di un settore che tanto incide sull’economia del nostro Paese”.

Ottimo andamento per la linea internazionale.

Bari – Aeroporti di Puglia comunica che nel mese di maggio, i passeggeri in arrivo e in partenza dagli aeroporti di Bari e Brindisi sono stati 745mila, in crescita del +12,6% rispetto a maggio del 2018. In particolare si segnala l’incremento del 24% delle linea internazionale, determinato dal +22,2% (221mila passeggeri) di Bari e dal +30% (70mila passeggeri) di Brindisi.

Il consuntivo dei primi cinque mesi dei passeggeri – in arrivo e partenza – su Bari e Brindisi è di 2,9milioni, in crescita del +10,5% rispetto allo stesso periodo del 2018. La linea nazionale, con 1,89 milioni di passeggeri, registra un incremento del 6,7%, mentre la linea internazionale fa registrare +19,3%. Relativamente ai singoli scali, nei primi cinque mesi, i passeggeri su Bari sono stati 1,98 milioni ( +13,8%) e 916mila (+4%) quelli su Brindisi, 210mila dei quali riferiti a voli di linea internazionale (+21,2%).

“Il dato del mese di maggio e dei primi cinque mesi, consolida il trend positivo sin qui evidenziato e caratterizzato dal continuo riscontro positivo degli indici, specie di quelli riferiti al traffico internazionale” dichiara Tiziano Onesti Presidente di Aeroporti di Puglia.
“A tale risultato contribuisce l’avvio di nuovi collegamenti già partiti all’inizio della summer e ai quali, ben presto, se ne aggiungeranno altri. Va sottolineato anche il positivo andamento in questa prima parte dell’anno della linea nazionale, il tutto nel solco del piano strategico approvato dal CdA. Ancora una volta i nostri aeroporti si confermano sempre più supporto fondamentale per la crescita del territorio, grazie anche al lavoro congiunto con le Agenzie di sviluppo della Regione Puglia.”

 

 “Best in Europe 2019”, la classifica pubblicata da Lonely Planet segnala Bari tra le prime 10 destinazioni europee da non perdere.

Per “Best in Europe 2019”, la classifica pubblicata da Lonely Planet che segnala le prime 10 destinazioni europee da non perdere, Bari è la quinta migliore meta dell’estate 2019. Il capoluogo pugliese, infatti, viene indicato tra le destinazioni che possono rappresentare una scoperta per viaggiatori alla ricerca di novità e luoghi speciali.

Commentando l’importante riconoscimento, Tiziano Onesti, presidente di Aeroporti di Puglia, ha sottolineato il ruolo degli aeroporti pugliesi quale asset strategico per le politiche di sviluppo turistico.

“In questi ultimi anni, la rete aeroportuale pugliese - maggiormente lo scalo di Bari - ha registrato una crescita del traffico, in particolare quello internazionale, di assoluto valore. L’intensa attività di promozione della Puglia, sui principali mercati ha permesso altresì, di creare e consolidare un network ampio di collegamenti che copre tutte le principali destinazioni nazionali e internazionali. Un mix di opportunità garantito da collegamenti “point to point”, o attraverso gli hub europei, che hanno fatto della nostra regione un brand turistico riconosciuto su scala globale”.
“Migliorare l’accessibilità aerea e potenziare le politiche attrattive - ha concluso il presidente Tiziano Onesti - è essenziale e strategico per stimolare la crescita del territorio e lo sviluppo del traffico leisure. Non a caso, il Piano strategico 2019-2028 di Aeroporti di Puglia tiene conto delle dinamiche e previsioni di crescita del traffico, ridisegna le strategie di sviluppo verso ulteriori mercati con grandi potenzialità, per garantire nuove opportunità di business e per potenziare la brand awareness del marchio "Puglia" in un contesto di qualità delle infrastrutture e dei servizi prestati, attrazione verso i passeggeri e interesse dei vettori“.

Tiziano Onesti, Presidente Aeroporti di Puglia: “con il Piano Strategico consegniamo alla nostra comunità, alle nostre imprese, al territorio un documento di programmazione che proietta la rete aeroportuale pugliese in una dimensione di crescita e sviluppo”.

Bari - Aeroporti di Puglia ha presentato stamani il proprio Piano Strategico 2019 – 2028, un documento di programmazione che definisce le linee guida della crescita di tutta la rete aeroportuale regionale. Alla presentazione sono intervenuti i Sindaci di Bari, Brindisi, Foggia e Monteiasi, i rappresentanti delle Istituzioni regionali, dell'Aviazione Civile, delle Autorità Militari, delle Università e delle Imprese, nonché dei più importanti stakeholder del territorio che gravita sulla rete aeroportuale pugliese.

L’incontro, moderato dal prof. Mauro Romano, Ordinario di Economia aziendale, ha visto gli interventi del Direttore Generale di Aeroporti di Puglia, Marco Catamerò, dell’Assessore regionale al Turismo, dell’Assessore regionale allo Sviluppo economico e del Direttore Sviluppo Gestioni Aeroporti di ENAC, Giuseppina Lacriola. Il Presidente di Aeroporti di Puglia, prof. Tiziano Onesti e Fabrizio Carippo di Steer hanno illustrato i contenuti del Piano Strategico, mentre le conclusioni sull’intensa giornata di lavori sono state tratte dal Presidente della Regione Puglia.

Per Tiziano Onesti, Presidente di Aeroporti di Puglia “con il Piano Strategico presentato oggi, consegniamo alla nostra comunità, alle nostre imprese, al territorio un documento di programmazione di fondamentale importanza, che proietta la rete aeroportuale pugliese in una dimensione di crescita e sviluppo. Con il Piano Strategico la rete aeroportuale pugliese, che per gli eccellenti livelli delle proprie infrastrutture, per il network di destinazioni e per l’attenzione ai valori della responsabilità sociale d’impresa rappresenta un modello di riferimento a livello nazionale quale azienda moderna e dinamica, si dota di uno strumento che consentirà di migliorare le proprie performance sia operative, sia finanziarie. Il Piano Strategico è un modello flessibile che, muovendo dall’analisi dei “mercati obiettivo” e delle potenzialità del mercato aereo in generale, rappresenta lo strumento finalizzato a ridisegnare le strategie di sviluppo in grado di garantire ulteriori margini di crescita. In questa prospettiva l’obiettivo è quello di accrescere l’attrattività di Aeroporti di Puglia e di valorizzare il brand “Puglia” in un contesto fatto di qualità delle infrastrutture, attrazione dei passeggeri e interesse dei vettori, finalizzato a sviluppare traffico e contribuire, attraverso una maggiore connettività, a favorire l’ internazionalizzazione delle nostre imprese e i processi di innovazione”.

Il Presidente della Regione Puglia ha dichiarato: “Questa è una giornata chiave perché questo è il luogo del concetto stesso di pianificazione strategica, una scienza basata sulla futurologia: si studia il futuro per predisporre organizzazioni, attrezzature e investimenti utili. Se tu prevedi di avere molti turisti, costruirai strutture turistiche e investirai nella formazione del personale che vi lavorerà. Se pensi che i turisti verranno per ragioni culturali, si curerà la manutenzione dei siti culturali e il restauro dei monumenti. Se pensi che verranno per il mare, si punterà sulla tutela e la pulizia del mare. Un piano strategico è quindi un grande piano di battaglia che deve durare vent’anni e che va aggiornato volta per volta. La Puglia aveva una legge sulla pianificazione strategica, molto vecchia, ma che non è mai stata applicata. La Puglia è andata avanti finora a tentoni. Adesso Adp e Aqp hanno presentato i loro piani strategici: per pianificare una regione c’è bisogno del ciclo dell’acqua, ci vogliono i voli, i porti, così tutti questi punti saranno montati in una proposta per i pugliesi e i mercati internazionali per capire dove investire in Puglia non a caso, ma in funzione di una visione collettiva. Abbiamo fatto un lavoro talmente importante che Aeroporti di Puglia adesso ha un rating, cioè una stabilità finanziaria che le consente, se deve fare un investimento su un vettore per attirarlo nella fase di spin off, di farlo in autonomia senza chiedere soldi all’azionista. Un soggetto come questo, pubblico, potrebbe decidere anche di quotarsi in borsa, una strada che è una cosa ben diversa da una privatizzazione.

Ci sono molte società pubbliche che sono quotate in borsa. Qui è stato fatto un lavoro tale di bonifica delle incongruità – e ne aveva molte, comprese gli stipendi troppo alti di molti dirigenti – che può dare la possibilità della quotazione in borsa. Significa che si possono comprare le azioni emesse: non è una privatizzazione, ma una quotazione popolare. Questo potrebbe essere, ma non è ancora una cosa stabilita. È un’ipotesi: sono dell’idea che le società pubbliche, quando sono molto ben gestite come questa, debbano concorrere sul mercato finanziario, sulle banche, sulla borsa, per finanziarsi sul mercato, senza chiedere soldi a Pantalone, cioè ai cittadini che non devono ripianare sistematicamente ogni svarione che dovesse essere fatto da una società. Per quanto riguarda l’aeroporto di Foggia, se ci sono vettori interessati a qualunque tipo di volo, di linea o charter per il turismo del Gargano, è possibile che Aeroporti di Puglia stimoli questo processo attraverso finanziamenti o sostegni che verranno assicurati non con il sistema che paga Pantalone. Se la città più a nord della Puglia non ha bisogno di voli, lo vedremo subito, perché il vettore che istituirà il volo o che studierà l’istituzione capirà se i foggiani utilizzano l’aereo da Foggia, che avrà una pista lunga per i voli passeggeri. La stessa cosa vale per Grottaglie”.

Il piano, oltre a definire nuovi modelli di business per la società di gestione della rete aeroportuale pugliese, ridisegna le direttrici di espansione verso quei mercati che possono assumere un ruolo di primo piano per l’ulteriore sviluppo di tutta l’area sud est del nostro Paese. Nei prossimi 10 anni il traffico previsto sugli scali pugliesi dovrebbe attestarsi a circa 11 milioni di passeggeri, consentendo un utilizzo ottimale della capacità ricettiva delle infrastrutture aeroportuali pugliesi che già dispongono delle potenzialità necessarie a soddisfare l’ulteriore domanda. In particolare le linee di sviluppo, individuate in uno scenario di breve, lungo e medio termine, si pongono i seguenti obiettivi:

• diversificazione dell’offerta del trasporto aereo, attraverso l’incremento del numero e della tipologia dei vettori al fine di diluire l’attuale market share;
• incremento del traffico point to point su destinazioni e hub europei e intercontinentali (nord Europa, Paesi dell’Est, Nord America, Far East);
• linee guida di sviluppo degli scali di Foggia e Grottaglie;
• sviluppo strategia miglioramento risultati attività non aeronautiche;
• miglioramento accessibilità della rete aeroportuale, anche attraverso il potenziamento dell’offerta intermodale su ferro e gomma

AEROPORTI DI PUGLIA e CITS (China International Travel Service) hanno sottoscritto un Memorandum d’intesa per lo sviluppo di progetti di cooperazione in ambito culturale, turistico e commerciale

Bari - Aeroporti di Puglia comunica che oggi il Presidente Tiziano Onesti ha sottoscritto con CITS (China International Travel Service) un Memorandum d’intesa che delinea le linee guida per l’implementazione del progetto “Italia Top Destination” proteso alla diffusione e alla promozione della destinazione “Italia” sul mercato cinese, nell’ottica di un turismo di qualità.

Nell’ambito dello stesso, Aeroporti di Puglia e CITS si sono impegnate a dare ulteriore efficacia ai contenuti del Memorandum, oltre che ai singoli accordi con Regioni, Enti, Operatori e Associazioni interessate, attraverso lo sviluppo della promozione e del marketing idoneo a comunicare la “destinazione Puglia” sul mercato cinese. Tutto ciò al fine di incentivare i flussi turistici verso la nostra regione, ponendo in essere tutte le attività necessarie al conseguimento di questi obiettivi per la promozione della Puglia orientata all’integrazione dei grandi nodi logistici, con gli attrattori culturali, turistici e culturali del territorio, in coerenza con il Piano Attuativo 2015–2019 del Piano Regionale dei Trasporti e con il Piano Strategico Regionale del Turismo “Puglia365”.

“Con la firma di questo accordo – ha dichiarato Tiziano Onesti, Presidente di Aeroporti di Puglia – si determinano i presupposti per la creazione di nuove iniziative di sviluppo verso le aree del Far East, su mercati che, in termini di popolazione e di specificità dei servizi richiesti, rappresentano una importante opportunità per l’economia e l’industria turistica pugliesi. Adeguate dotazioni infrastrutturali e livelli elevati di assistenza alla clientela, insieme alle politiche di incremento dei flussi incoming, di destagionalizzazione dell’offerta e di affermazione del brand “Puglia” nel mondo, perseguite con lungimiranza dalla Regione Puglia e dalle principali agenzie di sviluppo, stanno accompagnando con vigore l’interesse, sempre più ampio, che la Puglia sta riscuotendo a livello globale quale top destination”.

Con il Memorandum, Aeroporti di Puglia e CITS hanno confermato l’esistenza di un reciproco interesse a ulteriori sviluppi del progetto “Italia Top Destination”, anche attraverso il possibile avvio di una rotta di linea intercontinentale e diretta Shanghai-Bari-Shanghai che soddisfi le possibili aperture di nuove destinazioni turistiche in Italia, oltre che lo sviluppo di rapporti commerciali diretti tra la Cina e la Puglia a supporto delle politiche di internazionalizzazione e di attrazione degli investimenti. CITS, Tour Operator di Stato della Repubblica Popolare Cinese, è il più prestigioso brand di turismo del Paese che, come Tour Operator, serve più di 20 milioni di turisti in entrata, 30 milioni in uscita - oltre al turismo domestico della Cina -, collaborando stabilmente con più di 1.400 fornitori di servizi turistici in più di 100 Paesi. Inoltre, è tra i primi fornitori di Business Travel Service in Cina oltre che GSA di numerose compagnie aree straniere operanti nella Repubblica Popolare Cinese.

“La sottoscrizione di questo accordo – ha sottolineato Aldo Patruno, Direttore del Dipartimento Turismo e Cultura, intervenendo in rappresentanza di Regione Puglia – è tanto più rilevante in quanto non riferito esclusivamente ad aspetti trasportistici e commerciali, ma fondato su un processo culturale di reciproca conoscenza avviato da tempo tra il popolo cinese e quello pugliese. Il Memorandum tra Aeroporti di Puglia e CITS interviene, infatti, ad esito dei primi interessanti risultati prodotti da un analogo accordo sottoscritto nel luglio 2018 tra Pugliapromozione e lo stesso CITS che ha determinato, in pochi mesi, un incremento dell’incoming cinese in Puglia pari a un +18%. Conseguendo, peraltro, l’obiettivo di qualificare il turismo cinese non più secondo le logiche del “mordi e fuggi”, ma in termini di qualità, autenticità ed esperienzialità. Si tratta della conferma che, quando gli accordi sono stipulati su solide basi culturali, i risultati, anche economici, arrivano e sono strutturali”

 

 Su base annua +19% per la linea internazionale.


Bari – “Il quadro che emerge dalla lettura dei dati di ottobre, un mese solitamente meno performante sul fronte turistico, è emblematico delle ottime performance dei nostri aeroporti. Emerge, soprattutto, come in armonia con le politiche attrattive poste in essere dalla Regione, il costante impegno di Aeroporti di Puglia finalizzato alla crescita dei collegamenti, specie internazionali, stia incidendo in maniera positiva sul processo di destagionalizzazione dell’offerta che, a mio avviso, può rappresentare la nuova sfida a cui è chiamata l’industria del turismo pugliese.”

Questo il commento del Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti, ai dati del traffico passeggeri registrati ad ottobre scorso negli aeroporti di Bari e Brindisi.

Nello scorso mese di ottobre, infatti, i passeggeri in arrivo e partenza nei due aeroporti sono stati poco più di 695mila, il +12,8% rispetto allo stesso mese del 2017. Di questi, 253mila circa sono stati i passeggeri di linea internazionale (+20,8%) e 431mila (+8,4%) quelli di linea nazionale. Se la crescita del traffico internazionale si è attestata su valori in linea con l’andamento sin qui registrato, il dato di ottobre evidenzia, altresì, l’ottimo andamento della linea nazionale che registra un sensibile miglioramento rispetto ai mesi scorsi, in particolare per l’aeroporto del Salento di Brindisi che, con 160mila passeggeri circa, ha registrato un incremento del 10,4%.

Su base annua, su Bari e Brindisi, i passeggeri in arrivo e partenza sono stati oltre 6,43 milioni, in crescita del +7,1% rispetto ai 6 milioni dello stesso periodo del 2017. Anche in questo caso di particolare interesse il dato riferito alla linea internazionale che, con 550mila passeggeri su Brindisi e 1,8milioni circa su Bari, cresce rispettivamente del 20,4% e del 18,6%.

 

Pubblicato l'avviso per l'allestimento, in regime di sponsorizzazione dell'Exsecutive Longe  dell'Aeroporto di Bari

Bari – Aeroporti di Puglia S.p.A. comunica che  è stato pubblicato un avviso pubblico finalizzato all’acquisizione di manifestazione d’interesse per la realizzazione, in regime di sponsorizzazione, dell’allestimento di una executive lounge presso l’Aeroporto Internazionale “Karol Wojtyla” di Bari.

L’avviso pubblico è rivolto a aziende con qualificata esperienza nel settore della produzione e commercio di arredi fissi e di imbottiti e nel settore della progettazione e realizzazione di allestimenti. L’area destinata a executive lounge, di circa 200 mq, si trova nell’area imbarchi dell’aeroporto di Bari.

 Il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti ha auspicato che le imprese, soprattutto quelle del territorio, vogliano cogliere le evidenti opportunità offerte da questa iniziativa di marketing culturale e business. “Mettiamo a disposizione una formidabile vetrina internazionale – ha dichiarato il Presidente Tiziano Onesti – che consentirà alle aziende di promuovere i livelli di eccellenza raggiunti nel settore della progettazione e della loro produzione. Anche attraverso iniziative di questo genere, Aeroporti di Puglia intende essere al fianco del mondo delle imprese e di quanti concorrono, ciascuno nel proprio ambito, alla crescita dell’economia regionale”.

 

Incremento del +18,8% per la linea internazionale.


Bari, 9 ottobre 2018 – Nel periodo gennaio – settembre di quest’anno i passeggeri in arrivo e partenza sugli aeroporti di Bari e Brindisi sono stati oltre 5,7 milioni, il +6,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. La linea internazionale, con circa 2,1 milioni di passeggeri, cresce del +18,8%, mentre il dato riferito alla linea nazionale, +0,7%, è sostanzialmente stabile. Al conseguimento di questo risultato ha certamente contribuito l’ottimo andamento del mese di settembre che ha registrato un incremento del traffico passeggeri dell’11% su Bari e del 10,1% su Brindisi.
Va evidenziato, altresì, l’eccellente risultato della linea internazionale che a settembre, rispettivamente con 232mila e 79mila passeggeri, si attesta al +23,4% su Bari e al +25,4% su Brindisi. Complessivamente sui due scali, nello scorso mese, il totale, tra arrivi e partenze, è stato di poco più di 770mila passeggeri (+10,7%).

“L’eccellente risultato ottenuto è motivo di legittima soddisfazione” ha dichiarato il Presidente di Aeroporti di Puglia Tiziano Onesti. “La significativa crescita registrata dalla componente internazionale di linea è legata a doppio filo alla nostra costante azione di sviluppo del network delle destinazioni e di accentuata accessibilità dai grandi mercati fonte per l’industria turistica pugliese. I nostri scali – ha quindi concluso il Presidente Onesti – contribuiscono in maniera sempre più decisa all’affermazione della Puglia come destinazione di successo per il turismo internazionale”

 

Tiziano Onesti (foto), Presidente Aeroporti di Puglia: “il nuovo volo conferma la centralità dell’aeroporto del Salento nell’ambito delle politiche attrattive regionali”

Bari – Dal prossimo 21 aprile 2019 la compagnia , che per la prima volta volerà su un aeroporto pugliese, avvierà un nuovo collegamento da Brindisi per Parigi Orly. Il volo sarà operato ogni mercoledì e domenica con un B737NG.

“L’annuncio del nuovo volo su Parigi Orly, che segue di pochi giorni quello relativo al collegamento su Rotterdam, conferma la centralità dell’aeroporto del Salento di Brindisi nell’ambito delle politiche attrattive attuate dalla Regione Puglia sul fronte dell’incoming internazionale” ha dichiarato il Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti .
”Con questi nuovi voli, Aeroporti di Puglia rafforza il programma di espansione del network internazionale che punta a migliorare, anche con l’arrivo di nuovi vettori, le connessioni con bacini turistici strategici, in questo caso da un’area che, dopo la Germania, rappresenta il secondo mercato internazionale per la Puglia. Siamo certi che l’avvio del nuovo collegamento sarà accolto con grande soddisfazione dagli operatori pugliesi che, grazie all’eccellente accessibilità aerea, possono già lavorare con grande fiducia alla programmazione della prossima stagione turistica”.

Da  Aprile 2019 due frequenze settimanali di Transavia. Per Tiziano Onesti, Presidente Aeroporti di Puglia: “il nuovo volo migliora l’offerta complessiva dell’aeroporto del Salento”

Dal prossimo 1° aprile 2019 la compagnia Transavia avvierà un nuovo collegamento con Rotterdam. Il volo, attivo sino al 28 ottobre, sarà operato ogni mercoledì e sabato con un B737-700 da 149 posti.

Particolare soddisfazione per l’annuncio del collegamento è stata espressa dal Presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti per il quale ”il volo su Rotterdam rappresenta una novità assoluta per la Puglia sia come destinazione, in quanto, in precedenza, non vi erano collegamenti con la città olandese, sia perché, per la prima volta, Transavia opererà sull’aeroporto di Brindisi. Grazie a questo volo, che oltre a migliorare l’offerta complessiva dello scalo facilita l’incoming da un mercato turistico in forte espansione, la Puglia si collega a una città che è sede del più importante porto europeo.
Una rete capillare di destinazioni e la crescita, per numero e importanza, dei vettori presenti sui nostri aeroporti, costituiscono le condizioni ideali per soddisfare la crescente domanda di trasporto, anche riferita a diversi segmenti di traffico, e per migliorare l’accessibilità alla nostra regione”.

 

Pagina 1 di 2

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk