In occasione della Settimana Santa il Comune di Taranto, il Club per l’UNESCO di Taranto e l’Associazione culturale “Marco Motolese” presentano “Processo a Gesù”; l’iniziativa si terrà, alle ore 18.00 di venerdì 23 marzo 2018, a Taranto nel Salone degli Specchi di Palazzo di Città.

Due relatori di eccezione spessore analizzeranno le vicende dell'arresto, del processo e della condanna a morte di Gesù Cristo secondo quanto raccontato nei Vangeli canonici: di taglio estremamente giuridico sarà la relazione del giudice Antonio Morelli, mentre sarà di taglio teologico la relazione di Monsignor Alessandro Greco, Vicario dell’Arcidiocesi di Taranto.

Sono previsti, inoltre, gli interventi del Sindaco di Taranto, Dottor Rinaldo Melucci, e della Presidente del Club per l’UNESCO di Taranto e dell’Associazione culturale “Marco Motolese”, Professoressa Carmen Galluzzo Motolese.

Nel corso della serata ci saranno un intermezzo musicale del violista Mario Filippo Calvelli e la lettura di un brano del Vangelo di Giovanni da parte della Professoressa Giusy Imperiale.

Una cerimonia estremamente emozionante quella della consegna della borsa di studio Marco Motolese giunta alla XXIII edizione. L’iniziativa organizzata dall’Associazione Marco Motolese, dal Club per l’UNESCO di Taranto con la collaborazione del Liceo Aristosseno ha riscosso un grande interesse in termini di partecipazione da parte delle massime autorità civili, militari e religiose.

Ha consegnato la borsa di studio S.E. il Prefetto di Taranto dott. Donato Cafagna alla presenza dell’Ammiraglio Vitiello Comandante Comando marittimo Sud, del Comandante provinciale dei Carabinieri Col. Andrea Intermite, del Vice questore vicario dott. Angelo Tedeschi ed altre autorità civili e religiose. In una società che ogni giorno ci mostra la parte peggiore dell’animo umano il percorso di noi tutti si illumina quando viene premiata la bontà, l’amore per lo studio e la solidarietà verso colui che è in difficoltà. “La commissione giudicatrice, ci dice Massimiliano Motolese che ha presenziato con il Dirigente scolastico, alcuni insegnanti ed i Rappresentanti di classe, ha ricevuto ben 11 relazioni dalle diverse classi quinte dell’Aristosseno necessarie per stabilire chi dovesse ottenere la borsa di studio Marco Motolese.

Relazioni che mettono in evidenza giovani studenti che posseggono capacità scolastiche ma soprattutto doti morali e sentimenti profondi di solidarietà ed amicizia verso i compagni, doti che possedeva mio fratello Marco”. Tra gli 11 alunni presentati dai compagni di classe si è deciso di premiare Chiara Armento. Queste le motivazioni; “… La classe V° F ritiene che Chiara Armento sia meritevole di ottenere la borsa di studio Marco Motolese poiché ha dimostrato sempre disponibilità verso tutti i compagni …. Nonostante i suoi problemi personali e familiari: il suo papà vive lontano dalla famiglia per motivi di lavoro,… la separazione dai suoi genitori costretti a trasferirsi al nord ed a lasciare dai nonni la propria figliola ….Chiara è riuscita a superare la dolorosa separazione e a trovare nello studio e nella scuola una ragione per non abbattersi …. Chiara è un esempio da seguire di qualità morali, capacità di ascolto senza mai giudicare nessuno …” Tema della manifestazione i 70 anni della costituzione italiana. Sono stati, infatti, letti brani tratti dalla Costituzione e considerazioni sul tema. Esecuzione del brano musicale di Gaber la libertà. Coordinamento affidato, nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro, alla dott.ssa Ines Donatelli, prof. Massimo Pulpito (classe 3M del suddetto liceo) e come di consueto alla prof.ssa Giusy Imperiale. L’importanza della Costituzione Italiana e dei suoi valori e principi fondamentali la ritroviamo nelle parole di Calamandrei, lette dall’alunna Laura Belmonte che disse “L’art.34 dice:” I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi”. Eh! E se non hanno i mezzi? Allora nella nostra costituzione c’è un articolo che è il più importante di tutta la costituzione, il più impegnativo per noi che siamo al declinare, ma soprattutto per voi giovani che avete l’avvenire davanti a voi. Dice così: ”E’ compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. Quindi voi giovani alla Costituzione dovete dare il vostro spirito, la vostra gioventù, farla vivere, sentirla come vostra; metterci dentro il vostro senso civico, la coscienza civica; rendersi conto (questa è una delle gioie della vita), rendersi conto che nessuno di noi nel mondo non è solo, non è solo che siamo in più, che siamo parte, parte di un tutto, un tutto nei limiti dell’Italia e del mondo” e nelle parole del Prefetto Cafagna che ha identificato la Costituzione come la carta d’identità della Repubblica, una miniera di pietre preziose. Necessita riscoprire la coesione, ha detto S.E. per rimuovere gli squilibri sociali e i ragazzi sono coloro che con lo studio legato alle conseguenti competenze acquisite, possono darci la fiducia di un grande futuro. L’occasione dell’otto marzo, giorno dedicato alle donne ha spinto S.E. a ricordare le 21 donne (comuniste, democristiane e socialiste) che hanno contribuito a dare al nostro paese una delle più belle Costituzioni. S.E. Monsignor Santoro ha fatto sentire la sua vicinanza all’iniziativa attraverso le parole espresse da Don Carmine Agrusta. Il Dirigente scolastico S. Marzo nel suo intervento ha evidenziato il lavoro che il Liceo svolge per la crescita dei ragazzi, ha ringraziato Edmondo, Carmen e Massimiliano Motolese e tutte le autorità presenti. La manifestazione si è conclusa con un coro unanime del nostro Inno nazionale.

Venerdì 22 dicembre, alle ore 18,00 nel salone della Biblioteca Marco Motolese, in via Lisippo n.8 al quartiere Tamburi, come ogni dicembre torna la manifestazione organizzata dall’Associazione Marco Motolese e dal Club per l’UNESCO di Taranto “Quartieri in Festa”.

La manifestazione è nata durante il Progetto ReVES e se ne tenta la sostenibilità. Patrocinata dal Comune di Taranto vede insieme l’Istituto Comprensivo Vico – Deledda – De Carolis, la Biblioteca Marco Motolese, il Club per l’UNESCO di Taranto e l’Auser Tamburi. Insieme a celebrare la Giornata internazionale della Solidarietà.

Istituita dall’ONU nel 2005, con l’intento di sensibilizzare la società nei confronti di chi vive una vita più disagiata, la Giornata internazionale della Solidarietà umana che si celebra il 20 Dicembre di ogni anno, ricorda alla comunità internazionale che l’atteggiamento più naturale, insito nell’uomo, non è quello dell’odio, della discriminazione e dell’indifferenza nei confronti di chi non riesce a emanciparsi e a vivere dignitosamente, ma quello della collaborazione, del sostegno, senza tornaconto personale.

Sono questi i valori che l’Associazione Marco Motolese ed il Club UNESCO di Taranto vogliono dare ai bimbi, genitori e nonni con la collaborazione degli insegnanti e dell’associazione AUSER Tamburi.

Porgeranno i saluti dell’Amministrazione Comunale l’Assessore alla Cultura Franco Sebastio e l’Assessore ai Servizi Sociali Simona Scarpati.

La Presidente del Club per l’UNESCO di Taranto Carmen Galluzzo Motolese relazionerà sul tema: “La Giornata internazionale della Solidarietà”. La solidarietà, infatti, è identificata come uno dei valori fondamentali e universali da dare ai nostri ragazzi e non solo.

Musica, canti, balli e letture natalizi drammatizzate dei bimbi, genitori e nonni. Il tutto grazie alle insegnanti Maria Grazia e Rita Cavo e Donatella Zingarello.

Ospite d’Onore la Violinista Simona Putignano che eseguirà brani di musica classica e moderna. Seguirà la premiazione dei bambini del quartiere tamburi che hanno frequentato maggiormente la Biblioteca Marco Motolese e letto più libri in questo anno 2017.

A fine serata la COTRACOOP, che dal 1966 realizza olio Extra vergine di oliva nella dieta mediterranea e nella cosmetica, fornirà attraverso i suoi collaboratori Informazioni e degustazioni.

Comunicato stampa

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk