PALAGIANELLO – Sport, divertimento, ma anche cibo a chilometro zero per la tappa palagianellese del Corripuglia 2019, tenutasi nei giorni scorsi. Un modo per conciliare sport e sana alimentazione per un corretto stile di vita. 

Coldiretti Taranto e Campagna Amica, nella centralissima piazza Giovanni Paolo II, ove si è tenuto l’evento sportivo, hanno allestito una decina di stand per la vendita diretta dei prodotti a chilometro zero. Un angolo dedicato all’agri panino per la degustazioni di panini farciti con prodotti locali: formaggi e salumi tipici artigianali.
E, ancora, preparazione e degustazioni di piatti locali ovviamente con ingredienti rigorosamente a chilometro zero, come lo è stata l’ortofrutta messa sui banchi, il succo di melagrana fresca, pressata a freddo, macedonie, latte di mandorla, biscotti a latte d’asina, messi in vetrina con piantine aromatiche e cosmetici realizzati con latte d’asina.
“Abbiamo voluto lanciare un messaggio – ha spiegato Pierpaolo Martano, responsabile di Campagna Amica per Taranto e Brindisi – e cioè: ‘Pensa globale, ma mangia locale’. Un modo per inculcare uno stile di vita sostenibile, basato sul consumo di prodotti provenienti dal proprio territorio, che non hanno percorso elevate distanze per raggiungere la nostra tavola”.
I prodotti che solitamente troviamo nei grandi supermercati, subiscono numerosi passaggi di lavorazione e percorrono diversi chilometri prima di essere acquistati. Vengono lavorati, confezionati, passano attraverso intermediari, trasportatori e altri soggetti, prima di essere immessi nel circuito della grande distribuzione organizzata. Tutto ciò costituisce un ulteriori costo che influisce inevitabilmente sul prezzo finale del prodotto, ma, soprattutto, sulla sua qualità.
“I prodotti del nostro territorio sono più genuini, di stagione e costano anche meno – commenta Alfonso Cavallo, presidente Coldiretti Taranto -. Le caratteristiche organolettiche sono mantenute integre in prodotti colti a maturazione e venduti nel giro di poco tempo. Acquistare, poi, prodotti direttamente dai contadini significa riscoprire il valore della stagionalità”.
Di qui, come spiega il direttore Coldiretti Taranto, Aldo Raffaele De Sario, “l’impegno di Coldiretti e Campagna Amica nel cercare di riabituare la gente: al consumo dei prodotti della nostra terra e di stagione; a non accettare ciò che viene propinato dalle grandi catene di distribuzione; a leggere attentamente la provenienza dei prodotti e preferire, quando è possibile, l’acquisto diretto dal produttore. Dal produttore al consumatore la distanza è uguale a zero e la genuinità e la qualità del prodotto è garantita al cento per cento”.

Il deputato L’Abbate replica all’allarme lanciato da Coldiretti: “In Salento verrà ripensata l’intera olivicoltura con un piano di rilancio finanziato già da ben 370 milioni di euro stanziati dal ministro per il Sud Barbara Lezzi”

Dimenticati per anni, i frantoiani pugliesi hanno potuto finalmente contare su provvedimenti che permetteranno loro di far fronte alle devastanti ondate emergenziali che ne hanno fatto crollare la produttività. La combinazione tra l’avanzata della Xylella fastidiosa e le gelate straordinarie a cavallo tra febbraio e marzo 2018, infatti, hanno messo in ginocchio l’olivicoltura della Puglia, compromettendo numerose imprese molitrici. Con il Decreto Emergenze Agricole si è provveduto al reperire risorse per ben 8 milioni di euro a valere sul Fondo per lo sviluppo e la coesione come contributo in conto capitale al fine di favorire la ripresa produttiva, dopo il crollo del 90% dell’ultima campagna olearia nelle zone colpite dalla gelata. Ciò ha provocato le polemiche da parte della Coldiretti che ha lamentato l’assenza di provvedimenti per i frantoi operanti nel Salento dove insistono ben 491 strutture di trasformazione: 251 in provincia di Lecce, 143 a Brindisi e 97 a Taranto. “A distanza di 5 anni da quando la Xylella ha iniziato a dilagare – ha dichiarato il presidente regionale Coldiretti, Savino Muraglia – risultano ancora esclusi del tutto i frantoi cooperativi, aziendali e industriali attualmente al collasso se non già parzialmente inattivi”. Una affermazione smentita dal deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, esponente M5S della Commissione Agricoltura della Camera e relatore dell’Indagine Conoscitiva condotta a Montecitorio.

“Comprendo perfettamente il grido di dolore di una categoria completamente dimenticata dalla politica nazionale e regionale, imprenditori e agricoltori vittime del bradipismo se non addirittura immobilismo dei Governi Renzi e Gentiloni e dell’ondivago Michele Emiliano a livello regionale – dichiara Giuseppe L’Abbate (M5S) – Siamo alla guida del Paese da neppure un anno e siamo riusciti a dare quelle risposte che il comparto olivicolo pugliese attendeva da anni, mettendo in campo con un impegno costante tutta una serie di risorse che hanno visto protagonista il ministro per il Sud, la salentina Barbara Lezzi, e il ministro delle Politiche agricole Gian Marco Centinaio. Siamo chiamati ad avere una visione a lungo termine, assente nell’olivicoltura italiana da almeno 20 anni ma, al contempo, dobbiamo dare risposte immediate. Così abbiamo fatto anche con il Decreto Emergenze Agricole – prosegue il parlamentare 5 Stelle – che interviene su quei frantoi che hanno subito l’eccezionale ondata di maltempo a cavallo tra febbraio e marzo 2018 che ha drammaticamente ridotto i quantitativi di olive da molire sino al 90% e costringendoli a chiusure anticipate addirittura ad inizio novembre. Nello stesso provvedimento andiamo a normare l’utilizzo di ben 300 milioni di euro per il rilancio dell’intera olivicoltura salentina a valere sul Fondo di sviluppo e coesione per gli anni 2020-2021 che si sommano ai 70 milioni di euro già stanziati dalla ministro Lezzi: questi fondi – spiega L’Abbate (M5S) – saranno utilizzati anche per i frantoi che ricadono all’interno dell’area infetta colpita da Xylella fastidiosa. Mi auguro che politica e mondo produttivo continuino a lavorare fianco a fianco come è accaduto durante la conversione in legge di quest’ultimo decreto. L’agricoltura non deve essere terreno di scontro o di battaglie di parte ma deve saper coinvolgere tutti con un’unica comunione di intenti. Auspico, pertanto, - conclude il deputato 5 Stelle – che alle polemiche, talvolta sinceramente strumentali, si preferiscano i suggerimenti e gli sproni a far sempre meglio, senza colori o bandiere. Ad iniziare dal piano olivicolo nazionale sempre più necessario e su cui è al lavoro il sottosegretario Alessandra Pesce: si tratta di uno strumento fondamentale per il rilancio dell’olivicoltura italiana, abbondantemente surclassata dalla Spagna che ne ha redatti, finanziati ed eseguiti 5 nel precedente ventennio”.

 

 

I termini e le modalità per presentare la domanda
 
Taranto - L‘ente bilaterale agricolo Faila Ebat della provincia di Taranto comunica che in questi giorni ha erogato risorse a 1231 lavoratori agricoli relative all’integrazione dell’indennità di malattia o infortunio relative all’anno 2017, per un ammontare complessivo pari a circa 163.000 euro.
“I lavoratori agricoli che abbiano prestato attività lavorativa alle dipendenze di aziende agricole, con sede di lavoro in provincia di Taranto, hanno ricevuto un’indennità integrativa di malattia o di infortunio, nel rispetto delle norme previste dal contratto provinciale del lavoro della provincia di Taranto”, ha spiegato Vito Rubino, presidente dell’ente bilaterale agricolo Faila Ebat.
“Tale indennità, pari a 5 euro al giorno, viene corrisposta esclusivamente a quei lavoratori per i quali sia stata regolarmente versata la relativa contribuzione dei datori di lavoro, in conformità a quanto previsto dal Contratto Provinciale di Lavoro di Taranto”, ha aggiunto Rubino.
Per ottenere l’indennità integrativa, i lavoratori interessati hanno presentato apposita domanda all’Ente Bilaterale Agricolo. La domanda deve contenere, pena la nullità, l’indicazione del periodo lavorativo, i dati dell’azienda presso cui ha la persona ha lavorato, la documentazione dell’ente competente INPS o INAIL comprovante il periodo di malattia o di infortunio, con il relativo cedolino di liquidazione delle giornate indennizzate, nonché il documento di riconoscimento e il codice fiscale, oltre l’attestazione bancaria per il codice iban; la domanda deve essere presentata entro il 30 giugno di ogni anno.
I lavoratori interessati possono presentare la domanda tramite le Organizzazioni o i Patronati di appartenenza o per raccomandata all’indirizzo: Faila Ebat – P.le Bestat, 5 – 74121 Taranto, oppure tramite pec Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
Il Faila Ebat è stato costituito nel rispetto dell’art. 8 del vigente Contratto Collettivo Nazionale e in base all’art. 9 del vigente Contratto Provinciale Lavoratori Agricoli è composto dalle organizzazioni di categoria datoriali CIA, COLDIRETTI, CONFAGRICOLTURA e dalle organizzazioni sindacali FAI CISL, FLAI CGIL e UILA UIL.

ROMA – “Molto positivo l’esito dell’incontro sulla emergenza Xylella che si è svolto ieri presso la Prefettura di Lecce tra la ministra del sud Barbara Lezzi, gli agricoltori ed altri soggetti rappresentativi delle istituzioni locali. La ministra non solo ha annunciato l’erogazione di 300 milioni per il prossimo biennio, risorse che non saranno dirottate sul piano olivicolo nazionale, né andranno alla ricerca, per la quale saranno previste specifici fondi, ma verranno utilizzate solo per i territori colpiti dalla Xylella. Si tratta di una somma mai stanziata prima nonostante l'emergenza permanga ormai da anni.” Questo il commento del deputato Gianpaolo Cassese riguardo la riunione convocata lunedì scorso da Barbara Lezzi, che ha rivolto l’invito ai Sindaci dei Comuni della Provincia di Lecce, Agea, Ismea, CREA AA Bari, Coldiretti e Agrinsieme, per raccogliere tutte le istanze in vista della fase emendativa del decreto che a breve sarà pubblicato e che passerà alle Camere per i dovuti passaggi parlamentari.

“La ministra ha anche raccolto dai suoi interlocutori suggerimenti e richieste che troveranno una traduzione concreta. Vorrei far notare che si tratta di una attenzione al problema e di una pratica all’ascolto da parte di una esponente del Governo a cui i cittadini non erano abituati. Così come non erano abituati ad impegni tempestivi. Le richieste avanzate dagli agricoltori infatti sono state accolte favorevolmente, da quella di realizzare interventi di semplificazione per l'eradicazione e il reimpianto degli ulivi, a quella di prevedere uno specifico piano per la Puglia valutando, se necessario, anche l’istituzione di una specifica figura commissariale, che già il presidente Conte non ha escluso” prosegue il deputato.
“Anche il Presidente del Consiglio, in perfetta sintonia con Barbara Lezzi, nei giorni scorsi ha preso un impegno esplicito riguardo il grave problema della Xylella, assicurando che verrà avanzata una richiesta di ulteriori risorse all'UE e che nel piano per la Puglia verranno previste misure di sostegno per produttori e braccianti" afferma Cassese e conclude: “Non posso che ritenermi soddisfatto per il lavoro di squadra che l’Esecutivo sta portando avanti attraverso misure concrete per rilanciare finalmente il settore agricolo pugliese.”

Farina, lievito e acqua….e poi “Mani in pasta”, l’iniziativa organizzata da “Campagna amica” per sabato 16 dicembre 2017 in Piazza Garibaldi nell’ambito della programmazione de "il Natale Tarantino".

Alle ore 17 e alle ore 19 partiranno i laboratori per i bambini che toccheranno, lavorarono e impasteranno gli ingredienti del pane, messi a disposizione da un’azienda agricole e artigianale facente parte di Coldiretti Taranto.

“E’ un percorso esperienziale- spiega il direttore di Coldiretti Taranto, Aldo Raffaele De Sario- attraverso il quale si intende avvicinare i bambini ai prodotti semplici e genuini dalla natura, qual è appunto il pane. Spiegheremo la farina e la sua derivazione, il processo di lievitazione e la panificazione Faremo conoscere la filiera corta, dal produttore al consumatore finale senza intermediazioni, le produzioni a “km 0”, l’etica delle lavorazioni e il rispetto per le materie prime, valorizzando la genuinità dei prodotti e le nostre coltivazioni. Sono questi i principi fondanti di “Campagna Amica”, il progetto di valorizzazione del vero “made in Italy” promosso da Coldiretti attraverso il quale si intende promuovere prodotti e produttori locali e valorizzare la bontà dei prodotti, la condivisione dei principi, il valore sociale.”

L’assessore allo sviluppo economico Valentina Tilgher, spiega: “Abbiamo accolto questa iniziativa che si inserisce nella programmazione degli eventi natalizi organizzati dall’Amministrazione comunale, avendo cura di rivolgerci ai più piccoli per educarli alla salute, all’alimentazione sana e sostenibile. Vogliamo accrescere nei bambini la cultura della produzione genuina e semplice e il contatto con gli elementi della nostra terra. Saranno loro i consumatori del futuro e devono formare un patrimonio di conoscenze e di esperienza che possa consentire di fare sempre la scelta migliore e più sana.”

La partecipazione all’iniziativa è libera e gratuita e si svolgerà presso lo stand “ Campagna amica”. In programma anche altre iniziative sempre inserite nel calendario de "Il Natale Tarantino": il 22 dicembre, il ciclo delle api e la bacheca del miele; il 29 dicembre sarà la volta del latte. In piazza, nei pressi dello stand sarà portata una mucca e verrà spiegato ai bambini la produzione e la trasformazione del latte fino alla produzione del formaggio che sarà realizzato nel corso del laboratorio.

Comunicato stampa - Comune di Taranto

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , d.ssa Valentina D'Amuri

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk