Presso l’Aula Magna “G. Russo” dell’Istituto Cabrini di Taranto è proseguito il Progetto “Lavoro e Discriminazione” Oggi come Ieri – Percorsi di Parità. Nel secondo incontro avutosi qualche giorno fa si sono affrontate le tematiche della violenza sulle donne e delle discriminazioni di genere, religiose, culturali, di orientamento sessuale.
Hanno preso parte al dibattito Emilia Zanframundo, avvocato del Centro Antiviolenza Donne “Sostegno donne” di Taranto sito in via Dante angolo via Cagliari presso il distretto unico Asl e Vito Raffaello Di Pierro, commissario della Polizia di Stato (Divisione anticrimine, Ufficio Minori e vittime vulnerabili) coadiuvato dal sovraintendente Nicola Lauria.
Tra i presenti Antonella Candito (Spi Cgil Taranto), l’avvocato Simona Spalluto, la professoressa Mariagiovanna Russo e alcune classi dell’istituto con i loro docenti.
L’intento è stato quello di far conoscere cosa la legislazione italiana prevede per difendersi da questi fenomeni che si stanno diffondendo a macchia d’olio sopratutto tra i più giovani e di presentare i lavori prodotti dalle classi relativi al primo incontro dove si è affrontato il tema del “Lavoro e Discriminazione”.
Mariagiovanna Russo, ha introdotto l’evento precisando che alle classi presenti “abbiamo affidato la realizzazione di alcuni percorsi: la 3°A Grafica ha lavorato sul lavoro minorile e su come può essere diversa la giornata tra un minorenne che non lavora ed uno che lavora, tenendo presente che fino ad una certa età c’è l’obbligo scolastico, la 5°B Audiovisivo su un questionario sulla differenza di possibilità e prospettive che una donna ha nel mondo del lavoro rispetto ad un uomo, la 5°A Aziendale su un questionario relativo alla violenza di genere. L’idea di questo questionario è quella di sottoporlo in forma anonima a tutti i circa settecento ragazzi dell’istituto, comprendendo anche le eventuali violenze nei confronti dei maschi, visto che oggi c’è una generazione femminile molto forte che può intimorire l’altro sesso”.
L’argomento interessa particolarmente, è un momento formativo per i ragazzi. La migliore forma di amore nei confronti di una donna è il rispetto, sempre e comunque, questo è il messaggio che il Cabrini lancia perché non ci sono vasi vuoti da riempire con delle nozioni ma persone che bisogna aiutare a farli diventare uomini e donne con la maiuscola, non ominicchi e donnette, ha osservato Mariagiovanna Russo.
Emilia Zanframundo ha spiegato le funzioni del centro antiviolenza. Quando una donna subisce maltrattamenti, violenza fisica, psicologica, economica da parte di un uomo, sia esso fidanzato, compagno, convivente, marito, spesso non sa a chi rivolgersi. Bisogna capire cos’è maltrattamento e violenza. Quella fisica è più palese, ma c’è anche quella meno evidente che è la violenza psicologica, più subdola, meno nascosta. È quella dove l’uomo cerca di irretire la personalità di una donna, con parole come “non vali nulla”,“sei una depressa”, o offese nella sfera sessuale, comunque considerazioni che vanno sempre a denigrare la personalità della donna per abbattere la sua libertà e inficiarla nel momento di discussione della coppia.
“Poi c’è un altro tipo di violenza che è quella economica. Noi abbiamo al Centro donne che si rivolgono quando il marito o il compagno non vuole elargire i soldi per il mantenimento dei figli, della casa, del ménage familiare e quindi incomincia ad offendere fino purtroppo ad arrivare alla violenza fisica o utilizzare la minaccia o l’uso delle armi”.
Il Centro ha l’obiettivo di ascoltare e sostenere concretamente le donne, vittime di violenza fisica, psicologica, economica e sessuale. I servizi offerti sono diversi: accoglienza, ascolto, orientamento ed accompagnamento; sostegno psicologico e sociale; consulenza legale, per il reinserimento sociolavorativo e di formazione; laboratori aperti al territorio e nelle scuole su autostima, assertività, destrutturazione degli stereotipi di genere, parità di genere.
Inoltre dal dicembre 2012 è presente sul territorio nazionale il Numero di Pubblica Utilità 1522 che fa capo all’ Associazione Nazionale Volontarie del Telefono Rosa onlus che è anche una rete di associazioni territoriali autonome. Questa si allarga e le funzioni si ampliano a seconda del caso da seguire. Un caso è diverso dall’altro e in quelli più gravi ci può essere la necessità di portare la donna in una casa rifugio, un luogo segreto dove possono venire accolti anche eventuali figli.
Il commissario Di Pierro ha ricordato che il Centro Anti Violenza, già rappresentato a Taranto dall’Associazione Alzaia, ha avuto un riconoscimento a livello regionale ed è costituito solo da donne. Anche nella sezione che lui dirige vi operano donne. C’è una stanza proprio per l’ascolto con un ambiente molto familiare rispetto alla struttura tipica di un ufficio di Polizia, visto che gli arredi, le pareti, gli oggetti sono qualcosa che devono mitigare e mettere a proprio agio.
Ma tutte le attività che possono seguire alla notizia del reato ha come suo presupposto una denuncia e la donna deve avere la forza di denunciare la situazione che patisce, nonostante la paura.
“Quindi il nostro atteggiamento non è quello di interrogare, di mettere alle strette, ma è finalizzato a far capire che la situazione va cambiata – ha continuato il commissario - cercando di ristabilire la serenità. Questo è il nostro compito da svolgere al meglio, affinché cresca la cultura del rispetto dei diritti umani, perché di questo si tratta. La presenza, il senso di sicurezza che noi possiamo dare, appagano e danno una gratificazione enorme con reciprocità. Facciamo il nostro lavoro senza pensare di avere riconoscimenti, ma l’apprezzamento morale che può esserci riempie tutto”.
E il suo messaggio è :“La dignità di ciascuno deve essere sempre al di sopra di tutto e gli uomini non devono fare violenza alle donne non perché come dice il motto le donne non si toccano nemmeno con un fiore, ma perché pensare di alzare una mano su una donna svilisce chi lo fa e ci si dovrebbe vergognare solo per il fatto di farlo”.

 

PALAGIANO (TA). Un incontro organizzato, l’altra sera al The Factory, dallo Sprar Siproimi Koinè per parlare della violenza contro le donne. 

Allo stesso tavolo, in quanto invitati, il Centro Antiviolenza “Rompiamo il silenzio” con Rossana Perazzo, il Comune con il consigliere comunale Michela Maniglia e il circolo ArciSvegliarci di Palagiano con il suo presidente Angela Surico, peraltro coordinatrice dello stesso Sprar
Alla Perazzo il compito di commentare il video realizzato dal Centro Dafne Codice Rosa con la Regione Campania. Diverse le reazioni suscitare: brividi, commozione, ma anche rabbia.
Lei, una moglie innamorata sino alla fine, che non accetta le violenze subìte dal marito tanto da ignorare la verità e cioè che quei pugni, quei calci, quelle percosse, quei lividi, quel braccio rotto, quelle labbra tumefatte sono i segni della violenza più efferata di un uomo che la considera solo un oggetto; non sono affatto forme di amore che lei pure riesce ogni volta a giustificare sino a quando non avrà più voce per parlare e un cuore che batte: quell’uomo, che pure lei ha sempre giustificato, le toglie la vita per sempre.
Di qui, poi, un’analisi di quella che è la situazione delle donne nel mondo, partendo dal rapporto 2019 Human Rigts Watch, illustrato dalla Surico.
In Siria esistono ancora i matrimoni forzati e precoci, l’aborto non è una scelta. La coordinatrice del locale Sprar Siproimi ha ricordato come in Afghanistan persista l'impunità consolidata per gli autori di violenze contro le donne. Di contro, continuano a finire in carcere donne e ragazze per "reati morali" che includono lo scappare di casa e il commettere o tentare di commettere “zina”(sesso al di fuori del matrimonio).
Negli stati di Kachin e Shan settentrionale, al confine con la Cina, i trafficanti offrono lavoro in Cina a donne e ragazze vulnerabili. Quindi, le vendono alle famiglie cinesi che lottano per trovare spose per i loro figli. Una volta acquistate, vengono generalmente rinchiuse in una stanza e violentate ripetutamente, con l'obiettivo di metterle incinte.
E, ancora, la Surico ha voluto ricordare come “in Sudan le violazioni del codice di abbigliamento e altri crimini di scelta personale delle donne sono punibili con umiliazione e frustate, laddove in Libia addirittura la legge non criminalizza la violenza domestica”.
“Le donne - così come rimarcato dalla Maniglia e dalla Durante - non sono un oggetto da manipolare, ma hanno un cuore e un’autonomia decisionale. Hanno diritti e non perché sono donne, ma perché sono semplicemente esseri umani”.
Infine l’invito della Surico alle donne vittime di violenza a parlare, ad aprirsi, a denunciare con forza per trasformarsi nell’araba fenice, l’uccello di fuoco che rinasce dalle proprie ceneri.

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Editore: SocialMedia APS

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: d.ssa Valentina D'Amuri & FVproductions

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk