Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Lunedì, 02 Luglio 2018

L’estate a Leporano fa breccia nel cuore degli amanti della musica italiana: il 22 agosto arrivano, infatti, Nico Di Palo e Gianni Belleno dei “New Trolls”, storico gruppo rock progressivo italiano. Una lunga carriera e tanti successi li hanno resi una delle band più conosciute in Italia, che hanno fatto la storia degli anni ‘70. Saranno proprio loro ad animare piazza Immacolata con un concerto gratuito, pronto a convogliare tantissimi fans. Il progetto, che prende il nome di “of New Trolls”, è partito quest’anno. Si tratta di un appuntamento imperdibile- tra i tanti del ricco cartellone dell’amministrazione comunale- presentato nel corso di una conferenza stampa.

“Come ogni anno- ha detto il sindaco Angelo D’Abramo- vale il nostro invito e cioè R…estate a Leporano. Abbiamo messo a punto una serie di iniziative gratuite per animare la stagione estiva, che guardano tanto ai turisti quanto ai residenti”.

Variegata anche la scelta delle location: dal Castello Muscettola alla centralissima piazza Immacolata, passando per la Batteria Cattaneo fino a Luogovivo, l’area mercatale, Saturo e la zona dell’ex Vital Gandoli, con la convinzione da parte del Comune di valorizzare molteplici luoghi, dal paese alla litoranea.

“Ancora una volta- ha sottolineato l’assessore allo spettacolo e comunicazione istituzionale Iolanda Lotta- dobbiamo ringraziare la vitalità delle associazioni del territorio. Noi, come amministrazione, siamo sempre pronti a lavorare in sinergia con loro”.

L’enogastronomia sarà protagonista con le sagre dell’orecchietta, della salsiccia e della bombetta, la Notte di Dionisio, il Pizza village Sotto le stelle e la festa del goloso, mentre la musica con concerti popolari e tribute band (da Pino Daniele ai Litfiba, passando per i Depeche Mode). E poi teatro e presentazioni di libri, il corteo storico Vivi il Medioevo, lo spettacolo Donna dei Due Mari e Premio eccellenza donna, il Premio Internazionale Satyrion per l’archeologia e la finale di Miss Progress International con ambasciatrici in arrivo da tutto il mondo. Questi sono solo alcuni degli eventi che, sino a settembre, animeranno Leporano.

IL CALENDARIO. Il mese di luglio (giorni 5 e 6) si apre con il contest “Make Your Band” (ore 21:30 Piazza Immacolata) dell’Accademia Francisco Tàrrega e del Centro Musicale Multimediale. Il 6 e 7 (ore 19:00 Batteria Cattaneo) motoraduno a cura del Moto Club Old Fox, il 6 (ore 20:30 piazzetta via Dante) spettacolo “Amarcord Karaoke Sotto le Stelle”, a cura dell’associazione Musicale M&R Music Live, il 7 (ore 20:30, atrio Castello Muscettola) teatro con “L’opera del mendicante equilibrista” a cura del gruppo MuDi Putignano e Pro Loco. Dal 7 luglio e sino al 26 agosto dalle 20 la litoranea salentina (zona ex Vital Gandoli) si anima con il “Pizza Village Sotto le Stelle”: food, giochi, esposizioni a cura di Progest.

L’atrio del Castello il 13 alle ore 20:30 ospita la presentazione del libro “Stile Bergoglio Effetto Francesco” di Fabio Zavattaro, dialogano con l’autore Mons. Pasquale Morelli e Nicla Pastore; il giorno seguente alla stessa ora lo spettacolo “Ubu re”, a cura del gruppo MuDi Leporano e Pro Loco. Dal 19 al 22 (alle 18:00 nell’area mercatale) va in scena la “Festa del goloso e non solo” a cura dell’associazione Culturale NovApulia, Il 27 (ore 20:30, Castello Muscettola) presentazione del libro “I Carnefici” di Pino Aprile. Dialoga con l’autore Walter Baldacconi, direttore di Studio 100, modera Nicla Pastore. Il 28

spazio ai sapori con “La Sagra della Salsiccia” organizzata dall’associazione Il Castello e ospitata a partire dalle 20:30 nell’area mercatale Il 29 (ore 20:30 atrio Castello) varietà comico- musicale: Napolincanto presenta Luciano Capurro in “Signori attenti alle donne”.

Anche il mese di agosto è pronto a riservare grandi sorprese. Dal 3 al 5, nell’ambito della festa patronale in onore di S. Emidio a cura del comitato festeggiamenti, in programma il concerto degli Audio 2, il tour di Ciccio Riccio e concerti bandistici. Il 6 (ore 20:30 via extramurale) evento eno-culturale “La notte di Dionisio” a cura di cantine De Quarto; dal 9 all’11 (ore 17: 00 Castello Muscettola) l’associazione “Il Castello” presenta il corteo storico “Vivi il Medioevo”. Dall’11 al 19 nella Batteria Cattaneo “Leporano Marina in Fiera” a cura di APS Città di Brindisi in collaborazione con associazione Rivivi la Batteria Cattaneo. Domenica 12 (20:30 in Piazza Immacolata) concerto di pizzica e canti popolari a cura dell’Associazione Culturale musicale “Scazzicapieti” e degustazione di prodotti tipici a cura con l’associazione “L’Arcobaleno”. Giovedì 16 (dalle 21.00 area mercatale) la gustosissima Sagra dell’orecchietta, organizzata dall’associazione “Il Castello”. Sabato 18 (ore 21.00 in piazza Immacolata) il tributo a Pino Daniele con “Mo Basta”. Domenica 19 (ore 21:00 nel piazzale Chiesa Gandoli) di scena i festeggiamenti della Madonna delle Grazie con il gruppo musicale Revival Italiano. Nella stessa giornata (ore 21:00 batteria Cattaneo) tribute band dei Depeche Mode. Lunedì 20 (ore 19.00, piazza Immacolata) arriva “La corrida del mare – dilettanti allo sbaraglio”. Sempre piazza Immacolata, poi, ospiterà eventi sino al 31 agosto, a partire dalle 20:30. Eccoli: spettacolo teatrale “A nonne aspette ‘a cecògne” a cura dell’associazione “Diego Maturano” (21 agosto); concerto “of New Trolls” (22 agosto); spettacolo “Tre San Giuseppe e una Madonna” a cura della compagnia teatrale “La Rotaia” (23); Litfiba RockBand a cura dell’associazione Tribù (24); festa della bombetta a cura dell’associazione Macellai e intrattenimento con musica popolare dei Castrum Sound (25); moda e spettacolo con “Donna dei Due Mari” XI edizione e Premio eccellenza donna, con la direzione artistica dell’ASD New Ballet (26); spettacolo “Casa arzilla” a cura dell’associazione “Teatro novo Taranto” (27); spettacolo “No scte’ posctu pi’te” della Compagnia teatrale Amici del Vernacolo.

Infine, a settembre, il concerto sulla Grande Guerra (giorno 1, su iniziativa dell’associazione Musica e Arte Aulos); la XIX edizione del Premio internazionale Satyrion per l’archeologia e vernissage a cura della Pro loco (il 7); spettacolo benefico “… e sarà felicità” dell’associazione “Teatro novo Taranto” (giorno 8, atrio Castello); infine il 28 (ore 20:30 al Castello) la Finale mondiale di Miss Progress International – donne per il progresso con progetti dedicati a salute, ambiente e diritti umani.

Published in Spettacolo
Lunedì, 02 Luglio 2018 16:42

Concerto Tukrè a Crispiano

Il gruppo composto da musicisti pugliesi e africani in scena giovedì sera per la rassegna Scariche Sonore promossa da Symposium Arte.

Entra nel vivo a Crispiano la rassegna musicale Scariche Sonore organizzata dall'associazione Symposium Arte. Giovedì 5 luglio in piazza San Francesco avrà luogo il concerto dei Tukrè. Start ore 21.30. Si tratta di un progetto di ricerca e di dialogo musicale fra Salento e Centro Africa che porta sulla stessa scena due musicisti africani (Meissa Ndiaje dal Senegal e Somie Murigu dal Kenia) e cinque musicisti salentini (Claudio Prima, Morris Pellizzari, Emanuele Coluccia, Marco Puzzello e Giuseppe Spedicato) in un repertorio totalmente inedito.

Il concerto è gratuito. Per info e prenotazioni tavoli: 099.4005927.

TUKRÈ
Tutti i colori, ma anche Tu crei. Ritrovarsi in pelli di colore diverso a parlare spesso la stessa lingua, imprecisa, svogliata, che cerca la musica, il ritmo per farsi comprendere. Dialetto salentino, wolof, inglese. Danzano su tamburi e strumenti tradizionali, elettrificati a fare cortocircuito fra due tradizioni che la modernità si è preso il gusto di far incontrare. Tukrè.

Tukrè è il nome di una delle principali etnie dell’Africa centrale nota anche come Toucouleur, contrazione francese che significa “di tutti i colori”. In questo progetto, infatti, la tradizione africana incontra le sonorità occidentali in un repertorio totalmente inedito. I testi, scritti prevalentemente in dialetto salentino, raccontano di una serie di legami possibili fra due culture apparentemente lontane fra loro, ma che molto spesso oggi, per scelta o per necessità, si trovano a convivere. Ritmiche che portano alla trance e suoni tradizionali elettrificati creano un ambiente avvolgente che incita alla partecipazione e alla danza. Il suono della band è ricercato e originale e contiene il seme di un nuovo tempo musicale, lontano da ogni idea di confine, geografico e di genere.

Line-up:
Meissa Ndiaje – Djembè
Somie Murigu – Percussioni

Claudio Prima – Organetto e voce
Morris Pellizzari – Chitarre, kamale ngonì, voce
Emanuele Coluccia – Sax
Marco Puzzello – Tromba
Giuseppe Spedicato – Basso elettrico

I musicisti hanno alle spalle numerosi progetti di contaminazione (BandAdriatica, Adria, Giovane Orchestra del Salento, Tabulè, Orchestra della Notte della Taranta) e condividono lo stesso spirito di ricerca delle possibilità di dialogo fra musiche diverse. Il proposito comune di scrivere nuova musica e nuovi testi che possano esprimere al meglio l’esperienza straordinaria della reciproca conoscenza e del reciproco scambio ha motivato i musicisti ad avventurarsi in questo progetto, sostenuti da la Fabbrica dei Gesti, contenitore multidisciplinare che ne ha favorito l’incontro e all’interno delle cui virulenze interculturali ha iniziato a formarsi.

Published in Spettacolo

La Fondazione Francesca Rava NPH Italia Onlus sta organizzando anche per il 2018 “In farmacia per i bambini” il progetto umanitario rivolto ai bambini che si celebra su tutto il territorio nazionale ‪il 20 novembre‬ in occasione delle Giornata mondiale per l’infanzia.

L’iniziativa giunge quest’anno alla sesta edizione ed è sostenuta dalla collaborazione di Federfarma.

‪Domani mattina alle 12.00 l’Assessore al welfare Simona Scarpati, su delega del Sindaco, incontrerà a Palazzo di Città la responsabile del progetto, Elisabetta Strada, la responsabile per la Puglia, Paola Vivaldi e la referente, Rossana Leccese, che illustreranno nel dettaglio il progetto.‬

“Abbiamo apprezzato le finalità della proposta progettuale- commenta l’assessore Scarpati. Lo scopo dell’incontro sarà la definizione delle azioni per la promozione e la sensibilizzazione della raccolta benefica di farmaci da banco a uso pediatrico e di prodotti baby care presso tutte le farmacie del territorio. Pertanto, ci rivolgeremo non solo alle farmacia alle quali si chiederà il più ampio coinvolgimento ma anche ai cittadini”.

“La nostra Fondazione- spiega Rossana Leccese -aiuta l'infanzia in condizione di disagio e sostiene bambini orfani abbandonati e in povertà sanitaria in Italia e nel nostro ospedale pediatrico N.P.H Saint Damien di Haiti. Nelle farmacie aderenti organizzeremo una giornata di sensibilizzazione sui diritti dei bambini e una raccolta di farmaci e prodotti per l’infanzia. A ogni farmacia verrà abbinato un ente che si incaricherà anche del ritiro dei prodotti dalle farmacie nei giorni immediatamente successivi all’iniziativa. Dai primi contatti abbiamo appezzato la sensibilità dell’assessore e siamo convinti che a Taranto sarà un successo conoscendo il notorio senso di generosità della comunità tarantina”.

Published in Cronaca

Al fine di richiamare l’attenzione delle Istituzioni nei confronti del progetto di ristrutturazione di E-distribuzione (Gruppo Enel), che comporterebbe forti criticità per la qualità del servizio elettrico ed energetico, settore da sempre strategico per l’economia del territorio, le segreterie sindacali Flaei Cisl, Filctem Cgil, Uiltec Uil di Puglia hanno inviato di recente una nota al Presidente della Regione ed ai Sindaci di Taranto, Brindisi, Mola di Bari, Acquaviva delle Fonti, Barletta, Vico del Gargano, Manduria e Tricase.


“Tali problematiche andrebbero ad aggiungersi a quelle derivate dalle precedenti ristrutturazioni organizzative già penalizzanti degli ultimi dieci anni e nonostante il Gruppo Enel abbia la competenza su un territorio, come ad esempio la Zona di Taranto e provincia che però decide oggi di cassare come punto di riferimento, nonostante la presenza di una popolazione di circa 580 mila abitanti, di 342 mila clienti-utenti e di 13.108 km di linee elettriche, tra quelle di bassa tensione e altre di media tensione” osserva Gianfranco Solazzo, Coordinatore territoriale e segretario regionale Flaei Cisl.
A questo si aggiunge, annota ancora Solazzo “un accorpamento delle unità operative di Castellaneta - Martina Franca, già unificate in precedenza e Manduria, lasciando immaginare cosa significherebbe per il personale operativo garantire il servizio elettrico e gli spostamenti per gli interventi di reperibilità e per il ripristino immediato a causa di guasti sulle stesse linee elettriche, su un territorio di 10.483 km2.”
Come Flaei “ci sentiamo di contestare tale decisione di Enel, non solo per gli effetti sui consumatori dei servizi elettrici - conclude il segretario - ma anche per i lavoratori gravati, ormai sovente, da carichi di lavoro insopportabili, che si ripercuotono sulla loro salute e sicurezza e sull’impossibilità di poter conciliare tempi di vita e di lavoro.
Anche Antonio Castellucci, segretario generale Cisl Taranto Brindisi sollecita, a fronte di tale progetto di riorganizzazione “un’attenzione di tutte le Istituzioni locali, Comunali, Regionali e Nazionali, al fine di salvaguardare un settore strategico per lo sviluppo di questa area pugliese, scongiurando la decisione aziendale che risulterebbe, a nostro avviso, penalizzante per l’intero settore elettrico ed un vero e proprio indebolimento, visti gli investimenti che insistono, ad esempio, per il Cis, per l’area portuale, per il programma Tempa Rossa, ecc., interventi, che hanno necessità di un servizio elettrico garantito ed efficiente.”
Infine Solazzo e Castellucci parlano di “un di più di responsabilità nell’azione di tutela dei lavoratori, anche in virtù del recente, importante risultato ottenuto nelle elezioni per la rappresentanza sindacale negli organismi del Fondo pensione complementare della categoria, Fopen, che ha visto appunto la Flaei Cisl rappresentare il 57% degli iscritti in Enel a Taranto, fiducia riconosciuta alla nostra Organizzazione per aver dimostrato sempre serietà, competenza e coerenza.”

Published in Cronaca

Il Piano esecutivo di gestione è stato deliberato in coerenza con i documenti di programmazione dell’Ente, in particolare, con il bilancio di previsione e con il documento unico di programmazione già approvati in Consiglio Comunale.

 

In tale contesto, il piano degli obiettivi, predisposto in collaborazione con le Direzioni comunali, traduce e declina gli indirizzi strategici dell'Ente in obiettivi operativi gestionali, contestualmente all’assegnazione delle risorse ai centri di responsabilità amministrativa, fornendo congiuntamente un sistema di indicatori per la misurazione e la valutazione delle prestazioni dell’amministrazione comunale.

Il medesimo documento assume, pertanto, una duplice valenza: 1) interna, traducendo le principali finalità dell’amministrazione in azioni concrete, da perseguirsi presso le direzioni e con l’obiettivo, altresì, di implementare i livelli di efficienza, efficacia e trasparenza dell’azione amministrativa; 2) esterna, declinando contestualmente in termini operativi, facilmente ‘misurabili’ dai cittadini, l’attività dell’amministrazione, anche al fine di agevolare un sistema di rendicontazione verso l’esterno.

Con l’approvazione del PEG, alle direzioni comunali sono, pertanto, assegnate risorse finanziarie e risorse umane per lo svolgimento delle attività connesse alle funzioni dell’ente ed agli obiettivi stabiliti dall’amministrazione in modo organico e coerente alla più complessiva programmazione annuale e pluriennale.
In parallelo, ed al fine di rafforzare le strutture comunali, le competenti direzioni stanno completando, nel rispetto delle tempistiche previste nel piano assunzionale 2018, le procedure di mobilità finalizzate in particolare all’assunzione di 3 istruttori amministrativi, 3 istruttori tecnico amministrativi, istruttori informatico amministrativi, un istruttore direttivo informatico amministrativo, un
istruttore direttivo economico finanziario amministrativo. A valle di dette procedure, in caso di esito negativo rispetto ad una o più posizioni, si procederà attraverso le ordinarie procedure concorsuali.

Sono, inoltre, in corso di svolgimento le procedure di acquisizione a tempo determinato di 20 unità per il progetto PON inclusione, interamente finanziate da fondi ministeriali assegnati a questo Ente.

La Giunta Comunale ha inoltre deliberato l’avvio delle procedure di mobilità cui seguirà, in caso di esito infruttuoso delle stesse, lo scorrimento della relativa graduatoria concorsuale pubblica per potenziare l’organico dell’ente di ulteriori 4 unità a tempo indeterminato part-time per 18 ore settimanali con profilo professionale di istruttore economico finanziario amministrativo.

Imminente l’immissione di alcune unità presso il Comando di Polizia Municipale, per cui sono in corso di ultimazione i relativi procedimenti concorsuali.

Tali assunzioni costituiscono un punto di partenza concreto per rispondere alla grave carenza di personale di cui, ormai da diversi anni, soffre l’Ente e le relative direzioni comunali.

Infine, in materia di trattamento economico accessorio del personale è stata predisposta proposta di deliberazione della Giunta Comunale, la cui approvazione, subordinata al parere dei revisori dei conti, costituirà presupposto per attivare le procedure, da condividere con le rappresentanze sindacali, finalizzate allo sblocco di economie e risparmi derivanti anche da piani di razionalizzazione della spesa di annualità precedenti.

"Ad un anno dall'inizio del mandato - commenta soddisfatto il Sindaco Melucci - siamo entusiasti di aver colto efficacemente una gran parte degli obiettivi che avevamo posto nel programma di governo intorno alle vicende della macchina amministrativa, e questo senza cedere mai alle profezie nefaste di certe forze politiche e di un certo modo anacronistico di fare sindacato. Da persone serie quali siamo, sapevamo bene che per rinnovare la nostra pianta organica, tornare legittimamente a gratificare i nostri dipendenti e migliorare l'offerta complessiva ai cittadini, dovevamo prima rimuovere gli ostacoli del dissesto economico, dei datati rilievi del Mef, del riordino della macrostruttura, dell'adesione del Gruppo Comune alla riforma Madia, e così via. Ora guardiamo con fiducia ai prossimi mesi, fatti finalmente delle prime soddisfazione, i primi concorsi e persino la riorganizzazione dei luoghi di lavoro comunali. Avanti spediti, questa volta Taranto cambia davvero."

Published in Politica

L'amministrazione Melucci ha messo in moto una significativa opera di interventi lungo il litorale che vede l’installazione di due passerelle sul viale del tramonto, una sul viale Jonio (adiacenze "pamunto sabbione"), due sull'isola amministrativa in località Torretta ed altre due passerelle in località lido azzurro.

"La cura e l'attenzione al mondo della disabilità - commenta l'assessore al welfare Simona Scarpati - caratterizza l'amministrazione Melucci sin dall'inizio del suo mandato. Questa tipologia di interventi, fortemente voluti dal Sindaco, rendono la nostra città all'avanguardia anche per quanto riguarda il superamento delle barriere architettoniche per la balneazione. Si tratta di un primo importante passo che denota decisamente una inversione di tendenza rispetto al passato. Un lavoro cominciato mesi fa in sinergia con la direzione Patrimonio sotto la guida dell’assessore Viggiano che si è impegnata personalmente per le riuscita dell’opera”.

La città di Taranto, quindi, dimostra come la sensibilità a livello istituzionale verso le persone disabili si concretizza sia a livello sociale sia a livello prettamente pratico per quanto attiene ai problemi di mobilità.

A tutto questo deve aggiungersi il lavoro che l'amministrazione sta compiendo nel settore dei lavori pubblici per la predisposizione e l'implementazione del Piano per l'eliminazione delle barriere architettoniche.

Published in Cronaca

Con la presa d’atto dei progetti esecutivi da parte della Giunta guidata da Rinaldo Melucci, il Comune di Taranto ha di fatto dato il via libera all’inizio dei lavori per la realizzazione degli impianti di ventilazione e per la sistemazione delle aree esterne di cinque plessi scolastici del rione Tamburi.

Si tratta di azioni predisposte dalla struttura operativa diretta da Vera Corbelli, Commissario Straordinario per gli interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto, che necessitavano di questo passaggio amministrativo per poter vedere la luce.

Dopo i lavori di riqualificazione e adeguamento tecnico-impiantistico già effettuati, quindi, i plessi “Vico”, “De Carolis”, “Deledda”, “Giusti” e “Gabelli” riceveranno cure ulteriori per consentire agli alunni di poterli frequentare in condizioni di totale sicurezza. Per entrambi gli interventi, il Commissario Straordinario ha impegnato complessivamente circa 4,7 milioni di euro, così suddivisi: 3.430.793,78 euro per gli impianti di ventilazione meccanica e 1.322.201.16 euro per la sistemazione degli spazi esterni.

Gli impianti di ventilazione artificiale e filtraggio dell’aria, quindi, sono la risposta alle esigenze manifestate al Comune dal Dipartimento di Prevenzione dell’Asl di Taranto già tre anni fa. Nonostante il miglioramento rilevato dalle centraline ARPA, infatti, i parametri relativi alla qualità dell’aria del quartiere Tamburi sono ancora superiori a quelli raccomandati dall’OMS per evitare conseguenze per l’uomo.

«La struttura comunale, ricevute quelle indicazioni – ha spiegato il sindaco Melucci – ha messo in moto la procedura che, negli ultimi mesi, ha ricevuto l’accelerazione necessaria affinché potesse definirsi. È un ulteriore passo per migliorare la qualità della vita degli studenti del quartiere Tamburi, obiettivo che rivendichiamo in virtù delle scelte compiute dal nostro insediamento. La realizzazione di questi impianti, infatti, consentirà anche di rivedere ulteriormente le prescrizioni imposte dai “wind days”».

Gli interventi di riqualificazione degli esterni, invece, risponderanno a un’esigenza differente e altrettanto importante.

«Aree verdi, pertinenze e camminamenti dei cinque plessi – ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Motolese – saranno sistemati per offrire agli studenti luoghi accoglienti, gradevoli, fruibili in totale sicurezza. Questo intervento è una parte importante del più ampio processo di ristoro avviato nel quartiere dove le scuole non sono solo presidi didattici, ma simboli di un riscatto che merita l’intera comunità».

Published in Cronaca

Le spese per l’accoglienza dei migranti irregolari in Italia saliranno nel 2018 a 5 miliardi di euro. A riportare la stima è l'ultimo Documento Programmatico di Bilancio. Gli stranieri irregolari ammontano a quasi 500 mila persone. Di cui, al momento, non è dato sapere il loro destino: non vi è un programma di rimpatrio, né di ridistribuzione tra i vari paesi UE né, tantomeno, di integrazione lavorativa. Un Capitolo a parte riguarda gli stranieri in Italia, con quasi 6 milioni di persone, di cui 5 milioni di immigrati residenti, 400 mila regolari non residenti e circa 200 mila richiedenti asilo. Rappresentano circa il 10% della popolazione. Secondo l'Osservatorio sulle Migrazioni il nostro paese è lontano dall'esser considerato un Eldorado. Tutt'altro. Lo studio evidenzia che "italiani e stranieri hanno livelli di occupazione simili (65 per cento e 64 per cento) anche se dal 2009 al 2017 il tasso di occupazione degli autoctoni è cresciuto di 1,5 punti percentuali, mentre quello degli immigrati è diminuito di 4 punti"... "in media nel 2017, i redditi netti mensili degli immigrati sono inferiori del 26 per cento rispetto a quelli degli italiani, il divario salariale persiste anche a parità di occupazione"... "due anni dopo il loro arrivo gli immigrati guadagnano in media il 12 per cento in meno rispetto a nativi simili impiegati nella stessa occupazione, il divario rimane ancora al 9 per cento anche dopo vent'anni".
In merito agli sbarchi via mare, i cui numeri li ho indicati nella prima parte del mio commento, penso di essere stato abbastanza chiaro. Senza programmazione non si va da nessuna parte. La causa principale della migrazione proveniente dalle rotte africane è prettamente di natura economica e, questa, purtroppo, entra in conflitto con problemi al momento irrisolti, per citarne alcuni: l’offerta di lavoro che è di gran lunga inferiore alla domanda, la congiuntura economica ancora in corso, le imprese italiane che da tempo delocalizzano erodendo notevole quantità di lavoro e la manovalanza a basso costo che in molti casi è sinonimo di sfruttamento. Il tema come vede è complesso ed implica aspetti diversi tra loro.
Vi è anche da dire che i nostri partner europei ci hanno messo del loro, isolando l'Italia lasciandola al proprio destino. Non dimentichiamo che Francia, Austria, Ungheria, Croazia, Danimarca e Svezia hanno reintrodotto il controllo alle frontiere e che L’Unione Europea recentemente ha sbloccato il secondo fondo del valore di 3 miliardi di euro destinati alla Turchia per la gestione dei rifugiati siriani diretti in Europa ( principalmente in Germania). Gli italiani sono “geneticamente” antirazzisti, non vi è motivo di dubitare il contrario con buona pace di tutti, ma cominciano a richiedere delle risposte concrete. L’accordo raggiunto nel Consiglio Europeo dei 28 capi di Stato e di governo basato sul criterio della volontarietà su centri di protezione, rimpatri e ricollocamenti è un punto di partenza, da solo però insufficiente qualora non fosse possibile dar seguito ad accordi ed impegni formali tra i vari Paesi. (foto repertorio internet)

 

Published in Cronaca

È il nome del progetto educativo portato avanti dalla Crap Epasss Grottaglie, una struttura con funzioni terapeutico riabilitative nell’anno 2018 e nasce dall’esigenza di un gesto d’amore verso se stessi, avendo cura di sé. Tale progetto è stato rivolto ad alcuni ospiti della Crap Epasss Grottaglie (sia uomini che donne), che stanno perseguendo un percorso terapeutico riabilitativo e la prima forma di cura passa dall’attenzione per il proprio corpo.

PREMESSA
Molto di ciò che siamo come persone deriva dal corpo “strumento” di conoscenza della realtà. Essere estroversi, vivaci, allegri, tristi, depressi, rinchiusi in se stessi, avere fiducia in sé e negli altri sono tutti modi di essere e di agire che ci derivano dall’avere un corpo fatto in un certo modo o dalla percezione che abbiamo del nostro corpo. Quando su un corpo intervengono i limiti oggettivi come i deficit, la persona può avere meno fiducia in se stessa o essere demotivata, o provare un senso di rifiuto per il proprio corpo percepito come non bello perché non simile ai corpi degli altri. Non dimentichiamo, inoltre, che il corpo della persona con disabilità, viene solitamente visto nella sua disabilità e non nella sua interezza. Spesso l’intervento sul corpo è mirato alla “cura” del deficit o della compromissione psichica, in termini sanitari-riabilitativi, tralasciando un’idea di cura del sé che aiuti la persona a “stare bene” in primis con se stessa e poi con l’altro. Prendersi cura della propria dimensione esterna è necessario e funzionale al nostro adattamento nella realtà in cui viviamo e non rappresenta uno step da tralasciare. E’ infatti dallo sguardo dell’altro che riceviamo uno specchio di noi stessi. Se frequentiamo una persona con disabilità rischiamo di vedere solo la sua fragilità, la dipendenza e non il suo essere uomo o donna, ed è questa immagine parziale che trasferiamo nella persona con deficit ed è questa immagine mentale che sedimenta la nostra cultura.
Il progetto non nasce con lo scopo di omologare le persone con disabilità all’ideale di bellezza proposto dai mass media, ma con quello di aiutare i destinatari del progetto a vedere la parte migliore di sé.
Il progetto promuove la ricerca del sé attraverso l’analisi della personale unicità, puntando ad educare al rispetto dell’altro, partendo dal superamento delle proprie differenze e debolezze, come percorso per superare le difficoltà relazionali

Il progetto è stato articolato secondo lezioni quindicinali tecniche teoriche e pratiche svolte da un’hair stylist Giusy Zangaro presso la Crap che si è dimostrata estremamente sensibile ed interessata a questa speciale collaborazione ed ha provveduto gradualmente a conoscere gli ospiti, valutare insieme alla psicologa e agli operatori della Crap, l’approccio ideale da utilizzare con ognuno, la percezione del loro corpo, partendo dalla valorizzazione di quelli che sono emersi, come difetti personali definiti da ognuno, rendendoli dei punti di forza al fine di sentirsi unici ed inimitalibi. Sono stati svelati e spiegati i “trucchi del mestiere” per un corretto shampoo, impiego opportuno dei prodotti, corretta scelta del taglio e colore dei capelli, secondo la morfo struttura del viso, piccoli accorgimenti fai da te per poter avere padronanza degli strumenti che quotidianamente si hanno a disposizione in casa, con dimostrazioni in video modeling e sulla persona.
L’hair stylist si è occupata di trasferire le conoscenze tecnologiche utili per la valorizzazione della fisicità attraverso l’analisi delle caratteristiche personali di ciascuno, indice di unicità valoriale assoluta. Grazie alla mediazione della psicologa e degli operatori della crap, vi è stato il monitoraggio costante della risonanza emotiva di tali interventi sugli ospiti, con l’obiettivo finale di guardarsi allo specchio ed imparare a riconoscersi nel riflesso del proprio corpo.

All’interno del laboratorio è stata avviata la costruzione ludico-educativa di outfit che rispondono a ciò che “fa stare bene” con se stessi, propedeutico per stare bene con gli altri.
L’evento finale di tale percorso, dove gli ospiti saranno protagonisti, sarà un evento aperto al pubblico realizzato sul terrazzo della struttura dove saranno “modelli per un giorno” giovedi 5 luglio 2018 ore 20.00 ed ancora una volta una struttura riabilitativa apre le porte al territorio, perché solo attraverso la conoscenza ed il contatto diretto si può superare lo stigma.
Alla serata prenderà parte l’Associazione Cìosa, sempre partecipe agli eventi Epasss; vi sarà la preziosa collaborazione di Leo Ligorio Fashion Design e Nee Make up Milano; la serata sarà allietata dalla buona musica del chitarrista grottagliese Michele Santoro e per finire con un piccolo apericena a cura degli ospiti della Crap.

Published in Sociale&Associazioni

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk