Oraquadra giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto - Items filtered by date: Venerdì, 04 Maggio 2018

Da dodici mesi siamo oggetto di una esasperante gogna mediatica da parte di alcuni organi di informazione. Una gogna fatta di attacchi personali, continui quanto del tutto infondati.

Abbiamo reagito, in modo esasperato, a tutela della Istituzione, delle persone che vi lavorano e dei cittadini, che hanno diritto a essere informati ma anche a non essere manipolati.

Ora è arrivato il momento di ristabilire un clima corretto.

Per questo, abusando della pazienza di Ordine e Assostampa, nel più breve tempo possibile, forniremo loro una sintesi significativa dei motivi che ci hanno condotto a una reazione drastica e non convenzionale.
Facendo appello alla fiducia che continuiamo a riporre nelle organizzazioni dei giornalisti attenderemo con pazienza che possano giudicare tutto quanto sta già accadendo, da circa un anno, sotto i loro occhi.

Ovviamente non continueremo a subire passivamente e tuteleremo, nelle opportune sedi, l’immagine e la serenità di lavoratori e amministratori.

Published in Cronaca

Disappunto della Conferenza dei Sindaci ionici per l'assenza di Emiliano. Si valuta di adire le vie legali avverso la delibera regionale del riordino ospedaliero.

La Conferenza dei Sindaci della Provincia di Taranto in seno ad Asl è tornata a riunirsi, come ampiamente programmato, nel pomeriggio odierno presso Palazzo di Città, per trattare delle annunciate e non condivise iniziative in tema di ppi e cogliere occasione di verificare lo stato di attuazione del piano di riordino generale.

Purtroppo, i Sindaci ionici hanno registrato l'assenza ingiustificata del Governatore Emiliano, che conserva anche specifica delega alla sanità, e ne hanno stigmatizzato la mancanza di rispetto nei confronti del territorio in un momento di forti tensioni provenienti dai cittadini.

Pur avendo ringraziato per l'adesione all'invito alcuni Consiglieri regionali e componenti tecniche di Asl, dei quali non si è mancato di raccogliere e verbalizzare significativi contributi, la Conferenza ha preferito, all'unanimità, aggiornare la seduta aperta a nuova prossima data, poiché si ritiene ormai imprescindibile il confronto con il massimo livello politico regionale.

Nel frattempo, la Conferenza ha dato unanime mandato al Presidente ed alla Rappresentanza di valutare ogni azione legale avverso la delibera regionale del 2016, istituente l'attuale organizzazione ospedaliera, che include una composizione delle piante organiche ritenuta ormai inaccettabile per le stesse peculiarità dell'area tarantina.

Published in Cronaca

Si è svolto quest’oggi un sopralluogo molto importante al Palazzo degli Uffici al quale hanno partecipato il Sindaco Melucci l’Assessore Di Paola, la Soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto Maria Piccareta ed il Presidente di Invimit Massimo Ferrarese.

Invimit, società interamente partecipata dal MEF avente quale obiettivo la valorizzazione delle opportunità di valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico, ha visionato il Palazzo degli Uffici per una prima verifica di fattibilità di un intervento per la sua riqualificazione e rifunzionalizzazione.

Il Sindaco Melucci ha sottolineato come l’obiettivo dell’amministrazione sia quello di lavorare con tutti i soggetti istituzionali coinvolti, quali Sopraintendenza e Provincia, affinchè si riesca a trovare il mix di funzioni pubbliche e private più iodoneo a consentire al bene di svolgere la duplice funzione di attrattore culturale e turistico e di spazio per l’insediamento di attività economiche.

L’Assessore Di Paola ha infine sottolineato che, così come avvenuto per il Piano interventi per la città vecchia, il lavorare in maniera concertata tra tutti i soggetti istituzionali su un intervento di questa portata assicura che sin dalla sua genesi vengano identificate le soluzioni più idonee a soddisfare tutti gli interessi in campo consentendo di pervenire in tempi rapidi a un progetto di cui è verificata ex ante la fattibilità tecnica, economica, urbanistica ed amministrativa.

Il presidente di Invimit Massimo Ferrarese ha confermato che la rifunzionalizzazione del Palazzo degli Uffici è un progetto che rientra pienamente nella tipologia di interventi realizzati da Invimit che ne ha già eseguiti in diversi altri ambiti urbani del centro nord e, riconoscendo la valenza di assoluto pregio storico nonché il valore strategico urbanistico del bene, ha confermato la volontà di avviare un percorso condiviso con tutti i soggetti istituzionali coinvolti per la realizzazione dell’intervento.

La Sopraintendente Piccareta ha infine sottolineato come l’ampiezza delle volumetrie disponibili fa si che le esigenze di conservazione delle testimonianze storiche presenti nel Palazzo, quale l’aula del vecchio tribunale ed il lebbrosario degli ebrei, non pregiudichi la possibilità dell’insediamento di attività economiche capaci di remunerare il capitale investito per la sua riqualificazione.

Published in Cronaca

“Il sostegno a distanza, fare Rete per realizzare un obiettivo comune”: questo è il titolo dell’incontro di presentazione dei corsi di formazione gratuiti di comunicazione sociale trasparente ed advocacy social & web marketing operativo.

La manifestazione si terrà, a partire dalle ore 16.30 di lunedì prossimo, 7 maggio, presso la Sala conferenze di Palazzo Pantaleo, in Vico Civico nel Centro storico di Taranto; l’incontro pubblico è promosso dal Movimento Shalom Onlus, insieme a ForumSad Onlus Onlus di Roma – Forum Permanente per il Sostegno a Distanza.

L'iniziativa rientra nel progetto nazionale “La Rete Globale del Sostegno a Distanza promuove cittadinanza attiva, partecipazione sociale e relazioni solidali” promosso da ForumSad e sostenuto dalla Fondazione con il Sud, in rete per la Puglia con il Movimento Shalom.

L'evento tarantino, gli incontri territoriali di ForumSad si sono già tenuti in Campania, Sicilia e Sardegna, è realizzato con il patrocinio del Centro Servizi Volontariato di Taranto e il patrocinio morale del Club per l’Unesco di Taranto.

La manifestazione intende presentare al territorio il progetto “La rete globale del sostegno a distanza promuove cittadinanza attiva, partecipazione sociale e relazioni solidali”, nonché le attività che sono state realizzate nelle scuole di Taranto: gli educatori del Movimento Shalom hanno già curato incontri nell’I.I.S.S. “Liside” e nell’Istituto Comprensivo “Salvemini” di Taranto, coinvolgendo e sensibilizzando 400 alunni tra primaria, secondaria e istruzione superiore.

Nell’occasione, inoltre, saranno illustrati i corsi di formazione gratuiti, aperti alle associazioni, su comunicazione sociale trasparente ed advocacy e social & web marketing operativo.

I lavori saranno moderati da Lucia Parente De Cataldis, Vice Presidente Nazionale del Movimento Shalom, che, dopo aver aperto l’incontro con il benvenuto, passerà ai saluti istituzionali portati da Simona Scarpati, Assessore al Welfare del Comune di Taranto, e da Francesco Riondino, Presidente Centro Servizi Volontariato Taranto.

Sono poi previsti gli interventi di Katia Centrone, Movimento Shalom - La Rete Globale del Sostegno a Distanza promuove cittadinanza attiva, partecipazione sociale e relazioni solidali”, di Annamaria Palmisano Associazione Tulime onlus sezione Brindisi, e di Carmen Galluzzo Motolese, Presidente Club per l'UNESCO di Taranto.

Sarà Anita Curatola, ForumSaD, a presentare i corsi di formazione; l’incontro si concluderà con il dibattito con i partecipanti.

Dal 2016 il Movimento Shalom Onlus ha aderito al progetto “La rete globale del sostegno a distanza promuove cittadinanza attiva, partecipazione sociale e relazioni solidali”, promosso da ForumSaD Onlus di Roma – Forum Permanente per il Sostegno a Distanza – in qualità di capofila, insieme ad altre 11 associazioni e finanziato da Fondazione con il Sud nell’ambito del bando per le reti nazionali di volontariato 2015.

Il progetto, volto a favorire la promozione di una rete di volontariato nelle regioni del meridione, intende realizzare la Rete Globale SAD (RGS), che includa e sviluppi interazioni fra i soggetti coinvolti nel Sostegno a distanza e accrescere l’impatto degli interventi di cittadinanza attiva, partecipazione sociale e relazioni solidali.

Published in Sociale&Associazioni

L’ALTRO “VOLTO” DELLA BUONA SCUOLA: DALL’INCLUSIONE… ALL’ESCLUSIONE!

C’era una volta…la buona scuola, quella in cui la Dirigenza scolastica ascoltava le istanze dei genitori degli alunni circa i disagi vissuti quotidianamente in classe dai loro figli per la presenza anche di un singolo elemento fortemente “disturbante”, e si sforzava di trovare adeguate soluzioni in grado di tutelare tanto lo studente “difficile” quanto il nutrito resto del gruppo di studenti, al fine di non arrivare a compromettere il benessere psico-fisico e il rendimento scolastico di nessuno. Una maniera educata, logica e trasparente per collaborare e risolvere i problemi, lavorare in un opportuno clima di serenità e, perchè no, far quadrare i “conti”, tenendosi stretti gli studenti iscritti. Accade oggi, invece, che la scuola è diventata una “corrida” con tanto di…dilettanti allo sbaraglio al comando, e che alcuni Dirigenti scolastici, sbandierando il proprio potere decisionale su ogni questione per effetto della legge “La Buona Scuola”, improvvisandosi paladini dell'inclusione scolastica a tutti i costi, arrivino a trincerarsi dietro di essa e a costruire un muro nei confronti di quei genitori educati, moderati e comprensivi – le cui richieste vengono totalmente ignorate – che nel frattempo soffrono i malesseri manifestati dai figli per una situazione spinta “da qualcuno” ben oltre un livello esagerato di sopportazione. Dunque, se la scuola non volta pagina e non risponde, mostrando noncuranza e ingratitudine verso chi paga l’iscrizione e contribuisce a mantenere in vita posti di lavoro, proteggendosi con l’alibi dell’inclusione, per la quale, evidentemente, non è adeguatamente attrezzata, il risultato è la perdita degli studenti, inevitabilmente. La regia di questa operazione fallimentare, che fra l’altro svilisce gli sforzi dei docenti e disattende il patto di corresponsabilità sottoscritto fra scuola e genitori, è certamente attribuibile all’inadeguatezza e alla scarsa capacità gestionale dell’azienda-scuola del team dei Dirigenti. Eppure, la scuola è da sempre, insieme alla famiglia, l’istituzione deputata alla formazione dei cittadini di domani; a scuola, gli alunni dovrebbero imparare soprattutto ad avere rispetto per se stessi e per gli altri, a conoscere e difendere i propri diritti (fra i quali quello all’istruzione e al benessere psico-fisico) e a rispettare le regole, tutti allo stesso modo. Ma quando un’aula scolastica si trasforma da luogo sereno di apprendimento a ring, dove gli studenti sono costretti a sopportare i comportamenti dell’elemento “disturbante”, quando la scuola rimane inerte di fronte a tanto malessere e disagio e dimostra di voler prendere sotto la sua ala solo quell’alunno che dice di non poter allontanare, allora si innescano dinamiche relazionali diverse con i vertici, che inducono le famiglie ad uscire una volta per tutte da quell’ambiente melmoso, e chiedere ospitalità altrove per far terminare serenamente il ciclo di studi ai propri figli. Dal canto loro, i ragazzi, avviliti e smarriti nel "buco nero" nel quale sono inconsapevolmente finiti, perdono fiducia in loro stessi e vengono privati della possibilità di costruire quell’autostima che proprio durante l’adolescenza dovrebbero maturare ed accrescere per affrontare la vita con sicurezza e realizzare i loro sogni; invece, sono indotti a disegnare la propria identità in funzione di quegli insegnamenti distorti che hanno ricevuto durante questa delicatissima fase di crescita, ovvero “taci e sopporta”. Inaccettabile. Da qui la scelta paradossale dei genitori, messi con le spalle al muro: l’esclusione del proprio figlio da una scuola che si dichiara inclusiva! Se la scuola impone soltanto e non va incontro alle famiglie, se persino gli organi superiori alla stessa scuola sostengono che “va tutto bene”, allora i genitori traditi da questo sistema per niente limpido, sono costretti a voltare pagina e compiere una scelta dolorosa per il bene dei propri figli, ovvero interrompere quel percorso scolastico scelto insieme con entusiasmo, sgretolato e svilito dall’inerzia e dall’atteggiamento ostile dell’istituzione. E allora, via verso un’altra scuola, tutta un’altra musica, tutta un’altra storia. Con tutto ciò che comporta. E’ così che, come diciamo nel titolo, la scuola che si vanta di essere “inclusiva”, ma senza gli strumenti per esserlo davvero, diventa luogo di esclusione. E discriminazione. Bene, “il nulla osta è servito”. Chi vince? Nessuno. Chi perde? Probabilmente chi ci rimette davvero, anche in termini di immagine, è proprio la scuola.

Published in Cronaca

Hanno preso  il via, mercoledì 2 maggio, gli interventi di manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi cittadini.

Gli interventi cominceranno da Via Madonna di Pompei, in quanto il tratto compreso tra viale Gramsci e via Machiavelli è malmesso, oltre ad essere stato oggetto di molteplici segnalazioni legate ai disagi vissuti dai tanti pedoni che quotidianamente lo attraversano.

Nella prima fase è previsto l’abbattimento dei pini e successivamente il rifacimento del marciapiede e del tratto stradale. Per permettere l’esecuzione in sicurezza dell’abbattimento degli alberi è stata emessa un’ordinanza di divieto di sosta e senso unico alternato dal 2 al 7 maggio dalle ore 07:00 alle ore 17:00 in Via Madonna di Pompei nel tratto compreso tra viale Gramsci e via Machiavelli.

Le operazioni di abbattimento dei pini riguarderanno nei giorni successivi anche via Trentino e la zona 167 bis.

Published in Politica

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: dr. Ciro Urselli

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk