Giornale notizie news cronaca Grottaglie Taranto Puglia - Items filtered by date: Venerdì, 26 Gennaio 2018

Presso il SS. Annunziata l’équipe dell’Unità Operativa di Chirurgia, diretta dal Dott. Teodorico Iarussi, ha sottoposto ad intervento chirurgico laparoscopico una signora affetta da un tumore del pancreas. L’intervento, perfettamente riuscito, non ha avuto alcuna complicanza intra e post-operatoria ed è risultato risolutivo per quanto attiene la problematica oncologica.
Questa metodica ha permesso una immediata ripresa della normale vita quotidiana. La chirurgia laparoscopica è infatti una tecnica mini invasiva che permette una maggiore accuratezza chirurgica ma soprattutto un minore stress per il paziente, che non viene sottoposto all’apertura dell’addome, minore dolore post-operatorio e una precoce ripresa funzionale. La tecnica laparoscopica è ormai eseguita quotidianamente presso l’U.O. di Chirurgia di Taranto, migliorando nettamente la tollerabilità dei pazienti e al contempo riducendo sensibilmente la degenza ospedaliera.
Il Direttore Generale dell’ASL Taranto, avv. Stefano Rossi, si è complimentato con l’équipe chirurgica: “L’ottimo lavoro svolto dal team diretto dal dott. Iarussi conferma il Reparto di Chirurgia del SS. Annunziata come un’eccellenza di quest’Azienda, che dispone di personale altamente qualificato e di mezzi di avanguardia, consentendoci di fornire ai nostri utenti un servizio efficace e pienamente rispondente alla domanda di salute”.

 

Published in Sanità
Venerdì, 26 Gennaio 2018 17:37

Premiata l'atleta tarantina Gilda Gigante

Il 13 gennaio 2018 a Castrovillari presso la Casa Comunale, si è chiuso con la premiazione dell'atleta tarantina Gilda Gigante il campionato di montagna interegionale del sud della FIDAL .
Le premiazioni sono state effettuate per categoria d'età e per sezioni maschili e femminili, ad un ristretto numero di atleti è stato riconosciuta una targa e altri premi per aver effettuato almeno cinque delle tappe fissate nel campionato con l'obbligo di averne svolto almeno una per ogni regione coinvolta.
Il percorso del campionato si è svolto in sette tappe in tre differenti regioni Puglia Basilicata e Calabria, su percorsi impervi di montagna con dislivelli notevolmente impegnativi e su distanze che andavano dai 15 km ed oltre.
Porto Selvaggio
Chiaromonte
Gagliano Del Capo
San Severino Lucano
Castrovillari
Spezzano Altomonte
Ruvo Di Puglia
Il risultato è ottimo considerando che i percorsi della nostra cittadina non prevedono particolari pendenze per allenarsi e che quindi per effettuare questo tipo di gare l'atleta per allenarsi ha effettuato molte altre gare fuori provincia (tra cui un trail di circa 28 km con un dislivello di 1000 mt nell'alta murgia) propedeutiche ad affrontare un così impegnativo campionato che si è svolto partendo da maggio in mesi caldissimi come giugno luglio agosto e settembre e con la partecipazione di ristretti numeri di atleti che hanno dovuto cimentarsi non solo con salite ripidissime e percorsi boschivi molto aspri, ma anche con temperature impossibili.
Un ottimo risultato portato a casa per la nostra città che ha acquisito un sempre più elevato numero di appassionati della corsa che ormai affollano il lungomare della nostra città in tutte le ore, il trail è una specialità della corsa che abbina lo sport alla spettacolarità della natura paesaggisticamente più bella, all'abnegazione verso un modo di concepire lo sport come non solo un sistema per essere in salute e divertirsi, ma anche per respire un'aria particolarmente salubre e poter godere di panorami meravigliosi distanti poche centinaia di km dalla nostra città. Il risultato portato a casa porta lustro non solo all'atleta ma alla città che rappresenta nelle competizioni.

 

Published in Sport

Da sabato 27 gennaio 2018 sarà attivato il Servizio Ambulatoriale di Consulenza Pediatrica (SCAP), presso l’Ospedale Valle d’Itria di Martina Franca.SCAP

Grazie alla determinazione della Direzione Strategica della ASL si da piena attuazione a questo importante progetto della Giunta Regionale (adottato con deliberazione n. 129 del 7 febbraio 2017).
La necessità di questo Servizio nasce dall’analisi degli accessi al Pronto Soccorso e dei ricoveri nelle Divisioni di Pediatria: dai dati del Ministero della Sanità pubblicati il 31 ottobre 2017 si evince che in Italia negli ultimi anni si è riscontrato un sensibile aumento del ricorso al Pronto Soccorso con circa 50 milioni di accessi/anno, di cui il 10% sono bambini e concentrati soprattutto nei giorni prefestivi e festivi; nel 90 % dei casi l’accesso al PS è spontaneo, by-passando il filtro territoriale. Il 90% di questi accessi sono costituiti da codici bianchi e verdi (ovvero a bassa priorità), situazioni che possono essere gestite a livello ambulatoriale. Lo SCAP è un servizio che consente di garantire prestazioni ambulatoriali appropriate a favore dei piccoli pazienti non critici nelle giornate di sabato, domenica, nei prefestivi e festivi dalle ore 8 alle ore 20. Nei casi più gravi, i bambini saranno trasferiti e trattati presso le ordinarie strutture di emergenza. Diverso il caso dei piccoli pazienti trasportati dalle ambulanze del 118, evidentemente con priorità alta, che andranno direttamente al Pronto Soccorso.
Il servizio verrà svolto in ambienti dedicati e attigui alla strutture del Pronto Soccorso dell’Ospedale Valle d’Itria.
Tale Servizio non determinerà un aggravio di costi per il sistema sanitario regionale, in quanto le risorse necessarie rientrano nelle somme già previste dagli accordi integrativi per i pediatri ma non utilizzate.
Negli ospedali della ASL BAT, dove è stato avviato in via sperimentale negli anni scorsi, il servizio ha determinato un significativo miglioramento della gestione pediatrica nei Pronto Soccorso. Solo nel 2015, nei cinque ospedali in cui era attivo il progetto, ci sono stati oltre 20 mila accessi al servizio di consulenza ambulatoriale pediatrica. Solo alcune centinaia sono stati i casi che hanno reso necessario il trasferimento alle strutture di emergenza del Pronto Soccorso. Questo ha determinato una diminuzione dei ricoveri ospedalieri del 18% mentre gli accessi totali dei codici bianchi in Pronto Soccorso (nelle ore di funzionamento del servizio SCAP) sono stati quasi azzerati. La sede del SS. Annunziata di Taranto, operativa dal 16 settembre, oltre a riscontrare la piena soddisfazione dell’utenza, in soli 3 mesi e mezzo di attività, ha registrato un numero di accessi totale al 31 dicembre 2017 pari a 1179 (144 a settembre, 234 ad ottobre, 233 a novembre e 568 a dicembre). Un ringraziamento è doveroso per la fattiva collaborazione offerta dai Colleghi del Pronto Soccorso e della Pediatria, nonché della Direzione Medica del Presidio. Questo progetto è un segnale molto positivo per la sanità pugliese che, opportunamente, va nella direzione di definire servizi appropriati e più vicini al profilo, alle esigenze e alle aspettative dei pazienti e, contestualmente, di rendere più efficienti strutture e risorse pubbliche, alleggerendo il carico di lavoro e la pressione dei Pronto Soccorso ed integrando realmente Ospedale e Territorio.
Il progetto è coordinato dal dott. Vito Gregorio Colacicco per la ASL, dal dott. Mario Marranzini quale coordinatore dei pediatri di famiglia e dalla sig.ra Clotilde Greco, coordinatrice degli infermieri.

Published in Sanità

Aumenti contrattuali ma anche nuovi diritti individuali. Misure speciali per le donne vittime della violenza di genere.  (FP CGIL Nazionale): “Diamo valore a chi lavora per annullare la retorica del “fannullone”

Si torna dopo nove anni a discutere del rinnovo del contratto e lo si fa partendo dai lavoratori ma anche dal servizio da rendere all’utenza, annullando una volta per tutte la retorica del “fannullone” e premiando chi da valore a questo settore.
Parla così all’assemblea convocata questa mattina nella sala della Biblioteca Comunale Acclavio di Taranto il segretario nazionale della Funzione Pubblica CGIL , Florindo Olivieri.
Nell’assemblea FP CGIL, CISL FP e UILPa, hanno portato all’attenzione dei dipendenti civili di Ministeri, agenzie, enti pubblici non economici e ordini professionali, i punti cardine del contratto di lavoro che sta per essere rinnovato.
Dopo oltre 8 anni di blocco dei rinnovi contrattuali il nuovo CCNL consente di ripristinare la naturale periodicità temporale dei rinnovi contrattuali e dei processi negoziali – dicono in assemblea – e ci consente di tornare a parlare di una pubblica amministrazione efficace ed efficiente.
Abbiamo migliorato le retribuzioni per un valore totale a regime di 97 euro e abbiamo finalmente istituito la Commissione paritetica per il nuovo ordinamento professionale per riconoscere finalmente ruoli e mansioni realmente svolti da molti lavoratori – dice Olivieri – questo serve ai dipendenti ma serve anche al cittadino che potrà contare in una migliore pubblica amministrazione.
Retribuzioni ma anche diritti, con la novità più rilevante legata al fenomeno delle molestie nei confronti delle donne o in generale contro la violenza di genere.
Abbiamo migliorato tutta l’area dei diritti individuali di questi lavoratori – sottolinea Olivieri - ma soprattutto abbiamo istituto il permesso retribuito per 90 giorni lavorativi per le donne vittime di violenza di genere estendili per un altro mese in casi più gravi, fino al cambio di sede di fronte a situazioni non sanabili.

Published in Politica

Pubblicati gli atti delle conferenze tenute nella chiesa madre di Grottaglie a ricordo del III centenario della nascita

Il volume verrà presentato sabato 27 gennaio prossimo nell’ambito dei festeggiamenti per San Ciro

L’11 maggio 2017 si è concluso a Grottaglie il Terzo Centenario della morte di San Francesco de Geronimo (Grottaglie 17.12.1642 – Napoli 11.5.1716), nativo e Patrono della Città della Ceramica e compatrono della Diocesi di Taranto.

Un anno che ha consentito di ricordare, onorare e approfondire la figura, il messaggio e l’opera di un grande santo della Compagnia di Gesù e della Chiesa, attraverso varie iniziative. Tra queste si è segnalata la serie di conferenze tenute nella Collegiata Maria SS.ma Annunziata, volte appunto a riscoprire il Patrono principale di Grottaglie nella storia, nel culto e nella spiritualità.
Un percorso, in verità, auspicato nel messaggio inviato a tutta la diocesi, in occasione dell’apertura del Centenario, dall’arcivescovo di Taranto, Mons. Filippo Santoro. Parlando di un vero e proprio “evento di grazia”, il presule aggiungeva opportunamente che “in questa ricorrenza centenaria del figlio più illustre di Grottaglie siamo tutti chiamati a rendere onore e a riscoprire la figura e l'opera di uno “zelantissimo operaio della vigna del Signore” che ha lasciato una impronta indelebile nella storia della Chiesa e in particolare del Mezzogiorno d'Italia, a Napoli e in tutte le regioni dell'antico Regno”.
In questa prospettiva e tra diverse altre iniziative, si diede l’avvio nella Chiesa Collegiata grottagliese a un nutrito ciclo di conferenze organizzato dal Comitato per le celebrazioni centenarie.
Una serie di 11 serate culturali per riproporre particolarmente alle nuove generazioni, la figura e l’opera di un grande figlio di Grottaglie e del nostro Territorio. Un’iniziativa condotta grazie all’impulso dato dal parroco D. Eligio Grimaldi che ha ospitato con entusiasmo i vari appuntamenti coinvolgendo attivamente diversi enti, associazioni e singole personalità del mondo culturale.
Si sono così susseguiti gli incontri tenuti rispettivamente da Mons. Vincenzo Annicchiarico (San Francesco De Geronimo e la devozione alla Vergine), Rosario Quaranta (La devozione alla Madonna della Mutata a Grottaglie), Mons. Emanuele Ferro (San Cataldo, antico Patrono di Grottaglie), Silvano Trevisani (La Puglia “Ponte di Santità”), Francesco Occhibianco (Presentazione del volume sui Gesuiti a Grottaglie), Elio Francescone (La famiglia di Padre Francesco de Geronimo), Francesco Occhibianco (La vita e gli scritti di san Francesco de Geronimo), D. Francesco Castelli (Il processo diocesano per la canonizzazione di Francesco de Geronimo), Rosario Quaranta (Alvira. L’eroina del Vesuvio. Romanzo storico di A. J. O’Reilly), Vittorio De Marco (Francesco de Geronimo e le “periferie esistenziali”), Vincenza Musardo Talò (L’opera missionaria del gesuita Francesco de Geronimo nei monasteri femminili del regno di Napoli).
Al termine di questa significativa esperienza, sia il parroco della Collegiata, sia il dott. Ciro De Vincentis, Presidente della Pluriassociazione S. Francesco de Geronimo, tenuto conto che l’iniziativa aveva lasciato un segno che non poteva essere disperso e che i qualificati interventi offrivano un contributo importante alla conoscenza e alla comprensione della figura e dell’opera del grande Missionario gesuita, a ricordo del Terzo Centenario e per trasmettere alle nuove generazioni un attestato di amore verso il grande Santo, ritenevano più che opportuna la pubblicazione degli atti relativi.
La pronta disponibilità dei relatori ha consentito così di procedere alla pubblicazione degli Atti (220 pagine a colori), edita dalla ricordata Pluriassociazione e curata da Rosario Quaranta, appunto sotto il titolo: “Riscoprire s. Francesco de Geronimo S. J. Storia – Culto – Spiritualità”.
Nel volume sono state inserite a ricordo e a documentazione dell’evento tricentenario, altre testimonianze di momenti ed eventi vissuti, come il concorso per la realizzazione del Logo relativo; la realizzazione ed esposizione in luoghi simbolo della città delle gigantografie o “banner” del Santo; i concerti tenuti all’organo rinascimentale; il raduno dei Vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose di Grottaglie per celebrare insieme il Centenario del Santo… tutto attraverso un’essenziale testimonianza di significative immagini, foto, manifesti e resoconti della stampa.
L’appuntamento è per sabato 27 gennaio, alle ore 19.00 nella Chiesa Madre di Grottaglie.
Interverranno il parroco D. Eligio Grimaldi, il sindaco di Grottaglie avv. Ciro D’Alò, il dott. Ciro de Vincentis e il curatore del volume Rosario Quaranta. Nell’intermezzo musicale verranno eseguiti dal soprano Angela Kiss accompagnata all’organo dal prof. Cosimo Annicchiarico, il canto spirituale “Dio ti salvi, Regina” (scritto da S. Francesco de Geronimo) e “Domine Deus” (dal “Gloria” di Antonio Vivaldi). Le conclusioni sono affidate a Mons. Alessandro Greco, Vicario Generale dell’arcidiocesi di Taranto.

 

Published in Cultura

Da più di un anno sto cercando, tra l’onere di impegni professionali e famigliari, di portare avanti anche il cosiddetto praticantato di giornalismo, cioè lo scrivere articoli giornalistici possibilmente su qualsiasi tema, pubblicati su un vero giornale – no blog - con una certa frequenza e sicuramente con una buona dose di originalità considerato che il Direttore della testata giornalistica per cui scrivo – ORAQUADRA – è abbastanza attento alla qualità del contenuto degli articoli pubblicati altrimenti inderogabilmente li depenna!

Nei giorni scorsi leggendo qua e la sul web mi sono imbattuto in una situazione quasi grottesca, ovvero ho trovato su un periodico pubblicato anche on-line una serie di articoli scritti, credo da una probabile aspirante giornalista, che non sono altro che il comunicato stampa che i vari enti, organi, associazioni, ecc. inviano alle varie testate giornalistiche – anche ORAQUADRA li riceve – aggiunti di un misero e modestissimo paragrafo che dovrebbe, nel pensiero dell’autrice, dare una parvenza di stampo giornalistico e di originalità alla notizia/comunicato stampa.
Personalmente nel mondo giornalistico sono neanche l’ultima ruota del carro, ma, da quando scrivo per una testata giornalistica ho sempre cercato di esporre, riportare informazioni e/o notizie almeno rielaborate del mio pensiero oltre a scrivere di argomenti di opinione.
Evidentemente la forse futura giornalista non ha seguito un percorso minimo di formazione, per questo vivamente le consiglio di frequentare corsi accreditati anche on-line e i manuali da studiare consigliati dall’ Ordine dei Giornalisti.
Anche perché, la forse futura giornalista, non sa che ogni scritto, purché sia dotato di sufficiente originalità, è protetto dalla normativa sul diritto d'autore che prevede prima di tutto che siano tutelati i diritti morali dell'autore, attraverso la corretta attribuzione dell'opera, che avviene citando la fonte. In assenza di questa indicazione si è sempre nell'ipotesi di un illecito.
Quindi se riprendo e pubblico un comunicato stampa devo trattarlo come tale, firmarlo come tale e non a proprio mio nome altrimenti è possibile applicare l’articolo 70 della legge sul diritto d’autore che prevede il cosiddetto diritto di corta citazione. Devo comunque essere chiaro ed inequivocabile nel riprendere e citare le fonti.
Il giornalismo è lavoro intellettuale che sa raccogliere, rielaborare le informazioni e dare un senso alla realtà. E ricordo che il vero giornalista ci mette sempre il nome e la faccia fuggendo lontano dal copia&incolla tanto di moda!

Ciro Urselli
#impopolare

Published in Apertamente

L’Associazione Comunità Emmanuel di Taranto invita alla Conferenza stampa organizzata in occasione della visita che i rappresentanti delle istituzioni effettueranno alle ore 10.00 di lunedì prossimo, 29 gennaio, al Centro Diurno di Prima accoglienza della Comunità Emmanuel ubicato in via Pupino n.1 (cancello adiacenze Ospedale Militare) a Taranto.

Saranno presenti Simona Scarpati, Assessore Servizi Sociali del Comune di Taranto, Vincenza Ariano, dirigente Struttura Complessa SER.D del Dipartimento Dipendenze Patologiche ASL Taranto, e Maria Anna Carelli, responsabile Comunità Emmanuel di Taranto.

Nel corso della conferenza stampa sarà lanciato un importante invito alla collaborazione alle strutture che sul territorio si occupano di accoglienza degli immigrati.

La visita viene effettuata in occasione dell’ottavo anno di attività del Centro Diurno di prima accoglienza, un periodo nel corso del quale ha registrato migliaia di “contatti” di persone (i dati in dettaglio saranno resi noti nell’occasione), ai quali sono seguiti contatti con le istituzioni pubbliche e privati; tra queste uomini e donne che vivono il disagio della dipendenza da sostanze d’abuso, prevalentemente tossicodipendenti, ma anche persone con dipendenze di altro tipo, come quelle da alcol o da gioco, finanche quella da “gratta e vinci”.

Al Centro Diurno si presentano quotidianamente anche tante persone senza casa, i clochard, ed extracomunitari in difficoltà, uomini e donne che qui cercano di soddisfare le loro prime necessità e un po’ di calore umano ed un riparo dall’indifferenza che ogni giorno li circonda.

Published in Sociale&Associazioni

Eliminare i rifiuti organici creando compost, un humus concimato da cui nascerà nuova vita: in natura solo i lombrichi sono capaci di fare questo!

L’Associazione di volontariato “Beni Comuni” di Grottaglie continua a proporre una “best practice” sul territorio jonico con il progetto “Ecoimpattiamo”, una iniziativa vincitrice del concorso ‘Orizzonti solidali’ promosso dalla Fondazione Megamark, realizzato in collaborazione con i supermercati A&O, Dok, Famila e Iperfamila e con il patrocinio della Regione Puglia e del suo assessorato al Welfare.

È un progetto di educazione ambientale della cittadinanza con la promozione del principio del “rifiuto zero”, in particolare attraverso la pratica del lombricompostaggio, una tecnica innovativa che permette la trasformazione dei rifiuti in compost.

In pratica in una frazione di terreno, una piccola “isola verde”, si inseriscono lombrichi e rifiuti organici come bucce di frutta, residui di ortaggi, posa di caffè e quant’altro.

Nel tempo i lombrichi mangeranno i rifiuti espellendo i loro escrementi, tra i migliori fertilizzanti in natura, concimando così il terreno. In pratica con un processo tutto naturale si elimineranno i rifiuti, tra l’altro evitando così il loro conferimento in discarica, e si otterrà un eccezionale compost da utilizzare per la realizzazione di orti.

Il progetto “Ecoimpattiamo” interessa principalmente gli alunni delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado di tre comuni jonici: Grottaglie, Carosino e Fragagnano.

È un percorso che, attraverso i bambini, intende coinvolgere i genitori, gli anziani e i disabili: si parte, infatti, dalla raccolta del rifiuto organico in famiglia, per poi gestire un micro impianto di lombricompostaggio presso il plesso scolastico e, infine, arrivare alla produzione di compost da utilizzare nei piccoli orti realizzati nelle stesse scuole.

In tutte le fasi i bambini saranno protagonisti assoluti, adeguatamente supportati da disabili opportunamente format: le loro “isole verdi” scolastiche costituiranno veri e propri punti di aggregazione, di socialità e integrazione, di scambio di conoscenze, sia tra i bambini stessi che tra gli insegnanti, tra i genitori, i nonni e la cittadinanza coinvolta.

In questo modo i bambini avranno modo di vedere concretamente come si chiude il ciclo del rifiuto e come praticamente sia utile la pratica del differenziare in un’ottica di “economia circolare”.

Dopo il debutto a Grottaglie, nella mattinata di giovedì 25 gennaio sono iniziate le attività del progetto “Ecoimpattiamo” anche presso la Scuola primaria dell'Istituto Comprensivo Statale “Giuseppe Toniolo” di Fragagnano.

Erano presenti ad assistere all’evento la Dirigente Scolastica Alessandra Sirsi, il Sindaco di Fragagnano Giuseppe Fischietti, la referente del progetto dell’’Associazione “Beni Comuni” Emilia Blasi, e le progettiste Maria Teresa Marangi e Carmen Valente che curano “Ecompattiamo”.

Dapprima, con il coordinamento dell’esperta Giuseppina Ettorre, è stata tenuta una lezione in aula sui temi del compostaggio, della biologia dei lombrichi e del loro ruolo ecologico nella produzione di compost a partire dagli scarti alimentari.

Poi, complice una splendida giornata di sole, tutti si sono trasferiti all’aperto per sistemare il piccolo impianto di lombricompostaggio e l’attiguo orto utilizzando un aiuola della scuola: con l’assistenza “sul campo” di alcuni disabili del Centro Diurno EPASSS di Grottaglie, gli alunni hanno allestito il loro impianto di lombricompostaggio utilizzando i rifiuti organici portati da casa.

Nello svolgimento delle attività di “Ecompattiamo”, in particolare, un ruolo fondamentale viene svolto dagli utenti disabili psichici della Cooperativa Diogene che hanno già acquisito esperienza nella gestione di un piccolo impianto di lombricompostaggio, ubicato in un area comunale di Grottaglie recuperata al degrado, il cosiddetto Lo Jazzu”. In tal modo ci sarà una valorizzazione delle loro competenze con la trasmissione ai bambini.

L’associazione Beni Comuni ha particolari competenze nell’applicazione di tecniche agricole sostenibili consolidate durante lo svolgimento dei progetti “Cantiere Agricolo Sociale” e “Lavoro Agricolo Sociale”, due progetti elaborati e presentati dalle progettiste Maria Teresa Marangi e Carmen Valente che hanno curato con successo anche “Ecompattiamo”.

Per la realizzazione del progetto “Eco Impattiamo” l’Associazione Beni Comuni si avvarrà della collaborazione di un ampio partenariato comprendente Assessorato all’Ambiente del Comune di Grottaglie, Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Grottaglie, Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Grottaglie, Comune di Carosino, Cooperativa Diogene, Comune di Fragagnano, APS “Asset Network” e ASD “Podistica Grottaglie”.

Published in Ambiente

L’on. Ludovico Vico parteciperà domani, venerdì 26 gennaio, al corteo organizzata dai cittadini del quartiere Paolo VI per chiedere la riapertura del Pronto Soccorso dell’ospedale “Moscati”.

Ad un anno dalla chiusura del PS del “Moscati”, gli abitanti del quartiere (e non solo) “rivogliono il Pronto Soccorso al Moscati”.

Il corteo partirà alle 15:30 dalla piazzetta sotto il comune, punto di ritrovo dei partecipanti.

“L’ingiustificata chiusura dei PS del Moscati (Statte) e del San Marco (Grottaglie) e la centralizzazione sul SS Annunziata di tutte quelle attività che con il Piano di riordino sono state chiuse – ha detto l’on. Vico -, hanno determinato l’implosione dell’intero Presidio ospedaliero centrale (Poc) che dovrebbe servire circa 300mila abitanti. Per l’ennesima volta, mi vedo costretto a ribadir che si pone la necessità di una revisione del Piano di riordino ospedaliero”.

Published in Sanità

Oraquadra è un giornale on-line con autorizzazione del Tribunale di Taranto del 6 dicembre 2011, iscrizione registro dei giornali e periodici n.11/2011.

Oraquadra.info è ospitato sui server di Register.it Spa

Foro competente: Taranto

Editore e Direttore: Arcangela Chimenti D'Amicis alias Lilli D'Amicis

Legal Advisor: avv. Michela Tombolini

Web Master: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione per le sue funzionalità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. .

  Accetto i cookies da questo sito web.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk